Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 30 utenti online: 1 Registrato, 0 Nascosti e 29 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

mauro piffero

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 737 il Dom Feb 24, 2019 6:06 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: POOH

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1974 - PER TE QUALCOSA ANCORA/E VORREI (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 10, 2019 12:49 pm

1. TITOLO:
 
1974 - PER TE QUALCOSA ANCORA/E VORREI
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: CBS 2837 # Data pubblicazione: Novembre 1974 # Matrici: CI 2837-1N/CI 2837-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 5 Novembre / Fotografie di Piero Togni / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Come ormai consuetudine il mese di settembre è per i Pooh quello con l'appuntamento per luscita di un nuovo album. Come già riferito in altra scheda nel 1974 non ci sarà un album di inediti, ma verrà pubblicata la prima di una lunghissima serie di raccolte riferite al periodo CBS-CGD. In concomitanza dell'uscita del 33 giri, viene comunque pubblicato un singolo contenente due splendidi inediti che troveranno spazio nella raccolta I Pooh 1971-1974. Come gli stessi Pooh hanno raccontato il brano viene scritto nel magazzino dell'Hotel Roncobilaccio sull'Autostrada del Sole, luogo nel quale a volte i Pooh si radunavano per lavorare.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione servizio "JUKE BOX" vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
PER TE QUALCOSA ANCORA

 
      Lato B:
E VORREI

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamento e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Casa tua mi piace
sa di calda pace spesa in due
un anno in più sul viso non hai.
Tu di me mi chiedi
sono qui, mi vedi, dimmi tu
mi trovi un po' cambiato? Non so.
Ti ringrazio del pensiero
non credevo che
fosse giusto rivederci
l'hai fatto tu per me
so che lui conosce
bene chi sia io
prima che ritorni
scusa, ma andrò via.
Vedo che i capelli adesso
non li tagli più
in quel modo strano in cui tu
mai sembravi tu
dolce e più serena
è la voce tua
vedo tutto intorno
nuova fantasia.
Te lo ricordi com'eri allora
come non parlavi
fra gli entusiasmi della mia mente
solo mi lasciavi.
Ora ne parli della tua vita
della vostra intesa
in questo mondo che ti appartiene
quanto sei più bella
adesso.
Quanto amore dal tuo sonno
lui svegliò per sé
ciò che sempre inutilmente
io chiedevo a te
sai che cosa scopro
d'improvviso io
non ho mai pensato
di sbagliarmi io.
Prima che vada per la mia strada
dimmi, si, che in fondo
ha avuto un senso nei nuovi giorni
anche un po' il mio mondo.
Fammi pensare che potrei darti
qualche cosa ancora
fammi pensare di aver paura
che lui possa rientrare
adesso...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamento e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Siamo già sulla porta
un breve addio nel giardino
e lo so io quel che sento
ma non potrei provarci più
l'ho detto già discorso chiuso da parte mia.
E vorrei trascinarti
nel buio là come sempre
dove lo sai tante volte
abbandonai la rabbia mia
ma cara mia stasera questo non si farà.
Pensa che adesso vorrei far l'amore
qui una volta, due volte, poi dirti
no non ci riesco a lasciarti e vorrei
vorrei che a sbagliare di più fossi stato io
sempre io.
È cosi, inutilmente
illuderei nuovamente la mente mia
come sempre, meglio per me
salvarmi qui, adesso che riesco a guardarti come sei.
Non ti dirò che vorrei
e Dio sa se è vero che ancora
vorrei far l'amore
qui una volta, due volte stasera
no, mi conosco e lo so
ciò che infine poi io vorrei.
(ripete ad libitum)
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1975 - NINNA NANNA/E' BELLO RIAVERTI (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 10, 2019 3:00 pm

1. TITOLO:
 
1975 - NINNA NANNA/E' BELLO RIAVERTI
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: CBS 3536 # Data pubblicazione: Settembre 1975 # Matrici: CI 3536-1N/CI 3536-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 5 Novembre / Fotografie di Piero Togni / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Come ormai consuetudine il mese di settembre è per i Pooh quello con l'appuntamento per luscita di un nuovo album. Come già riferito in altra scheda nel 1974 non ci sarà un album di inediti, ma verrà pubblicata la prima di una lunghissima serie di raccolte riferite al periodo CBS-CGD. In concomitanza dell'uscita del 33 giri, viene comunque pubblicato un singolo contenente due splendidi inediti che troveranno spazio nella raccolta I Pooh 1971-1974. Come gli stessi Pooh hanno raccontato il brano viene scritto nel magazzino dell'Hotel Roncobilaccio sull'Autostrada del Sole, luogo nel quale a volte i Pooh si radunavano per lavorare.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione servizio "JUKE BOX" vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
NINNA NANNA

 
      Lato B:
E' BELLO RIAVERTI

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamento e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Apro gli occhi
e osservo lei
lieve sonno
e vita che
si libera
nell'anima

Taci e guarda
mente mia
voglio amore
e amore sia
nel sonno suo
lieve e
silenziosa
canta in lei
la preghiera
limpida
"Abbracciami
proteggimi"

Risvegliarla
io potrei
dare voce
a tanta poesia
ma è tardi e lei
sogna
già
 
Fonte: QUI
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamento e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Tu non lo sai come si sta
Nell'infinita attesa
Dietro una porta chiusa
Tra oggetti che guardano te.
Ci dormi su ci bevi su
Vivi cosi per dire
E non ne sai uscire
Ma andare via come si fa.
Qui non c'era molto senza te
Io ho fatto del mio meglio ma
Ci si può smarrire
Tra le cose care
Inventate in due.
Quando vorrai si spiegherà
Che avvenne quella sera
Non l'ho capito ancora
Ma è hello sai riaverti qui.
Qui nel petto e nella mente mia
C'era amore e non è andato via
E lo puoi sentire
Dentro me tremare.
Qui ti prego non giochiamo più
Qui con gli occhi e nuove stelle tu
Porti luce ancora
Dove più non c'era.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Apr 10, 2019 11:15 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1975 - UN PO' DEL NOSTRO TEMPO MIGLIORE (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 10, 2019 4:38 pm

1. TITOLO:
 
1975 - UN PO' DEL NOSTRO TEMPO MIGLIORE
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: S 69118 # Data pubblicazione: Marzo 1975 # Matrici: CI 69118 1-L/CI 69118 2-L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 5 Marzo / Distribuito da Messàggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Un po' del nostro tempo migliore pubblicato nel marzo 1975, è il settimo disco dei Pooh.

Il disco
Musicato da Roby Facchinetti e Dodi Battaglia, propone melodie meno orecchiabili e immediate degli album precedenti, segno che i quattro cercano una strada più impegnata. Gli arrangiamenti complessi portano ad una strumentazione tipica del rock progressivo, affidata a Roby Facchinetti, che arricchisce il proprio "angolo tastiere" con mellotron, clavinet, minimoog, clavicembalo e celesta. Il disco, uno dei più curati del gruppo, è considerato da molti fan come l'apice della carriera artistica dei Pooh.

In radio passano Eleonora mia madre (in versione ridotta), brano interpretato da Red e Roby e primo testo scritto da Stefano D'Orazio, e la strumentale Mediterraneo.

Il disco si apre con lo strumentale Preludio di sapore classicheggiante, a dimostrazione delle aspirazioni del disco.

Orient Express è frutto dei continui viaggi in giro per il mondo del paroliere Valerio Negrini, Il tempo, una donna, la città è il pezzo più corposo del disco, una canzone di oltre dieci minuti. Racconta la lunga avventura di un sogno ed è suddiviso in più segmenti musicali, cantati a turno da Roby, Dodi e Red, per lasciar poi spazio a una lunga coda orchestrale (il brano è stato riproposto a seguito della grande richiesta dei fans nei tour Dove comincia il sole e Opera seconda, poiché non era mai stato più eseguito dal vivo dal 1975).

Con la pubblicazione di questo disco cominciano i dissapori col produttore Giancarlo Lucariello, che vorrebbe imporre ai Pooh uno stile a loro giudizio troppo tradizionalista e lontano da quel pop contaminato che li avrebbe caratterizzati negli anni a venire.

La prima stampa in vinile ha busta interna beige con angoli smussati.
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
   
 
   
 
    
 
Versione Musicassetta
 

 

 
 
Versione Stereo8
 
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 PRELUDIO
  • A2 CREDO
  • A3 UNA STORIA CHE FA RIDERE
  • A4 OCEANO
  • A5 FANTASIA
  • A6 MEDITERRANEO


  • B1 ELEONORA, MIA MADRE
  • B2 1986
  • B3 ORIENT EXPRESS
  • B4 IL TEMPO UNA DONNA LA CITTA'
 
Lato A: 1
PRELUDIO

 
      Lato B: 1
ELEONORA, MIA MADRE

 
     

Autori: Facchinetti
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autori: Facchinetti, Battaglia
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Tra le cose vecchie quel vestito lungo dei vent'anni tuoi
come allora bello coi merletti non più bianchi per l'età

Donna tu, mia madre, scopro per la
prima volta
io a spiarti
dalla porta
tra le vecchie
cose tue

L'emozione cade nei pensieri della stanca tua realtà
chiaro quel ricordo si fa strada tra la fantasia e l'età

Sul tuo viso stanco
un sorriso spento
è quel che resta
di una vita
mai vissuta
sempre attesa
troppo ormai

La tua antica delusione
tra le prime rughe appare già
sciogli i tuoi capelli lunghi
come mai
cosi bella non ti ho vista mai?

Eri già mia madre troppo presto e solo per fatalità
con nemmeno il tempo che ci vuole ad imparare a far l'amore

Donna mai ma senza
mai rimpianti
la rinuncia
del tuo tempo
la tua unica
ragione
sempre io

Come posso adesso
risvegliarti
dal dolore
dei ricordi
dalla nostalgia
dei giorni
persi ormai
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
CREDO

 
      Lato B: 2
1966

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Credo
negli anni che ci aspettano
nell'esaltante idea
di te
di me
io credo

Credo
che ai limiti più limpidi
del mondo arriverò
con chi
mi fu
vicina
nel
silenzio mio
di prima

C'era forse amore e finalmente là mi abbandonai
non saprei se c'era o no
forse allora solo in te

Poi l'abbraccio della dolce e nuova sicurezza tua
quand'ero inesistente ormai
e grazie a te mi risvegliai

Credo
da bimbo mi insegnarono
a non pensare mai
perché
si vive
bene

Credo
pensieri e idee rinascono
di tutto ho voglia io
ormai
il tempo
è mio
sono io
che esisto
e credo

Per difendere la nostra intesa contro un mondo che
respinge una come te
c'è forza ed anche rabbia in me

Tutti quanti sono grandi nella loro dignità
son giusti forse più di noi
ma voglio amore e tu ne hai
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Devo stare attento e so perché
rivisitando col pensiero gli anni miei fin qui
da un po' di tempo io
mi difendo, segno è
che al mio mondo
nuove ombre dà l'età

Ripercorro a volte certe vie
di nuovi eroi riveste i suoi silenzi la città
e io non ci credo più
seguo forse
solo ormai
l'esperienza
quanti dubbi ho
però
ho una casa
sono un uomo
fra la gente
quanti amici miei
si sono arresi
già vicini
fino a ieri
in cadute
e in risvegli ormai
sono stranieri

Piccola donna, dieci anni di meno
con la tua rabbia orgogliosa nel seno
mentre mi scarti e mi dici "sei fuori"
credi che i tuoi siano giorni migliori

Questa sera hai detto che verrai
e nella mia esperienza sono certo che verrai
ma so per altro che
ti nascondi
qui da me
non mi senti
solo il corpo tuo
mi dai

Sei nemica
mi rinneghi
qui mi segui
nel tuo mondo no
sono nessuno

Dalla tua parte
come una sfida
mi viene amore
ed anche se non vuoi
è proprio amore

Ti sei mai chiesta
chi inventava
questo tuo mondo
nel sessantasei?
Chi aprì la strada?

Guardami adesso
senza paura
odiami solo
se un giorno tu vedrai
che io mi arrendo
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
UNA STORIA CHE FA RIDERE

 
      Lato B: 3
ORIENT EXPRESS

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Via di qui
per favore, via
non saprei
controllarmi più
caro amico
guarda, ascoltami
fa che tu
fa che lei
non vi veda più

Pensa un po'
lo sapevo già
e cosi
non mi importa più
molti errori
avete fatto a voi
lei lo so
che cos'è
m'hai stupito tu

Se potessi scriverla è una storia che fa ridere
c'è un ragazzo strano senza sangue nelle vene
ha un amico solo e quello sono io
che chissà perché gli vuole bene

Questo amico ha fatto molte cose sempre in vita sua
molte cose giuste, molte no, fra queste una
Ha una certa donna, quella lì
e ha creduto in lei come a nessuna

L'altro no
non sorride mai
forse sa
che ha un suo fascino
l'indifesa sua
solitudine

Tutti lì
intorno a lui
a proteggerlo

E ogni giorno io, l'amico sempre pieno di allegria
spargo intorno a lui il sapore buono della vita
e l'esempio primo della vita è lei
lei che adesso è li che trema e sta piangendo

Si, perché è magia che piace tanto nelle favole
il ragazzo fragile un bel giorno s'è svegliato
e nel modo in fondo più perfetto, sì
ciò che non sopporto è questa scena adesso

Via di qui
per favore, via
aprirò
le finestre e poi
se mi viene
io ne riderò

Via di qui
via di qui
per favore, via
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Polvere
il vento nella valle scivola
finestre semiaperte stridono
sui muri silenzioso il sole
giace

Vastità
di strade sconosciute ai passi miei
che suonano indiscreti come chi
violasse un mondo mai trovato
prima

Si avvicina lentamente a me
resta in ombra il viso per un po'
è una donna e sembra sia
pur presente e viva
un'immagine sospesa nel tempo
nata alla mente
prima che agli occhi miei

È un ritratto della fantasia
chiedo dove sono e lei chi sia
lei risponde "Vieni e poi
tu potrai vedere
ciò che il vento e il sole sanno da sempre
ciò che spiegarti
forse neanch'io saprei"

Lentamente
io la seguo, ho gli occhi su di lei
sto cercando
di sentire veri i passi miei
quanto prima lieve e poi via via
sempre più presente scopro intorno
da rumori e voci la città
prima spenta
riemergente e viva intorno a me
anche se oltre noi nessuno c'è
anche se oltre noi nessuno c'è

Voci di uomini in allegria
parlano forte di non so chi
vantano nel vino ognuno con vivaci accenti
come il mondo sfiderebbe
chi non fosse nato vinto
ma nella città si stenta
e si aspetta chi sa che

Chi ha del coraggio nel mondo va
voce di donna di stanca età
come una preghiera triste a chi si appresta al viaggio
“Quando tornerai, lo sento
figlio, io sarò nel vento
possa il mondo risparmiarti
per colei che in mente hai”

E solitario un canto di fanciulla in una stanza vuota
dietro una finestra chiusa in pianto si tramuta
fra pareti nude che il silenzio consumò
e la mente incerta a cosa esiste e cosa no

Poi la sconosciuta a un tratto il viso mi rivela
ne riscopro i tratti dolci gli occhi d'acqua pura
trasparente contro il sole l'abito di lei
ricomposta immagine di voci udite già

Non violata dall'iniquo tempo
sola e viva dove vive ormai
fredda l'eco di remote ombre
cui sottrarla solo io potrei
prendo le sue mani e breve e intenso è il suo respiro

Tace il vento sulle pietre bianche
anche il sole sembra attento a noi
cade il velo che l'attesa antica
forte e fragile le ricamò

Cade giù da un muro un sasso rotola e si ferma
L'aria si chiude al silenzio e poi
s'alza la polvere intorno a noi
io chiudo gli occhi li riapro e...
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
OCEANO

 
      Lato B: 4
IL TEMPO UNA DONNA LA CITTA'

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Dietro di me
terre di uomini
sopra di me
mondi di nuvole

Infinito e vento ormai
dentro gli occhi affondano
nella vela tesa io
voglio solo esistere

Nelle città
devi nasconderti
finché l'età
pian piano porti via
consumati sogni che
troppo sole chiedono
ma i vent'anni e l'anima
li ho tenuti stretti io

È il regalo più importante
al figlio che mi dona lei
nuove stelle e spiagge bianche
e orizzonti solo miei

Che mai dirà
lei quando in casa mia
gente verrà
per farle dire se
sono un pazzo o se l'idea
di quest'avventura mia
io l'avevo in mente già
nei tranquilli giorni là?

Terra non c'è
ombre nel sole mai
l'immensità
voci sommerse ha

L'alba esausta e lucida
non riscalda l'anima
ma il cammino tracciano
ali bianche e rapide

In quel punto c'è il mio mondo
la mia gente, tu ci sei
ora esisto fino in fondo
lo vedrai negli occhi miei
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:

 
Fonte: QUI
 
Lato A: 5
FANTASIA

 
      Lato A: 6
MEDITERRANEO

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Fantasia
legna sulla fiamma e ci si scalda un po'
vedrai
sopra l'acqua il vento argento scioglierà
per te
Sul tuo corpo bianco l'ombra mia
sarà
fra un attimo carezza e fuoco e tu
vedrai
con gli occhi semichiusi ciò che c'è
e non c'è
la danza della fiamma al vento e
su te
e intorno a te e dentro te la libertà

Fantasia
le stanze della notte in quest'isola mia
però
han breve il fuoco e rapido il risveglio e
direi
che sul tuo viso l'alba rende a te
di già
la scialba ed immutabile realtà
e tu
con triste tenerezza intorno a noi
vedrai
il mare nell'acquario e il fuoco spento
ormai
la stanza di un ragazzo e non sorriderai
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Battaglia, Battagila
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Strumentale
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1975 - FORSE ANCORA POESIA (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 10, 2019 6:08 pm

1. TITOLO:
 
1975 - FORSE ANCORA POESIA
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: S 69212 # Data pubblicazione: Ottobre 1975 # Matrici: CI 69212-1L / CI 69212-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrice: 31 Ottobre / Copertina apribile a libretto. Foto: Piero Togni / Realizzazione grafica: Luciano Tallarini / Distribuito da Messaggerie Musicali – Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Forse ancora poesia è l'ottavo album del gruppo italiano dei Pooh, pubblicato nel 1975 dalla casa discografica CBS.

Il disco
Esce nel mese di ottobre 1975, poco più di sei mesi di distanza dall'album precedente Un po' del nostro tempo migliore, nel tentativo di compensare le deludenti vendite di quest'ultimo. Si otterrà però il risultato contrario, dato che il nuovo album venderà poco più della raccolta 1971-1974 (la quale, come di consueto nei mercati di allora, come antologia non aveva spopolato dal punto di vista commerciale).

La mancanza di un risultato commerciale soddisfacente acuisce così la discordia fra i Pooh e il produttore Giancarlo Lucariello.

Si tratta dell'unico album dei Pooh in cui ad ogni canzone compare la voce di Dodi, mentre manca l'apporto solistico di Red. Gli arrangiamenti restano il più delle volte essenziali, spesso accompagnati da chitarra e pianoforte. Il gruppo vuole infatti ridimensionare la presenza dell'orchestra, soprattutto dopo i primi spettacoli effettuati con luci, effetti tecnici e migliaia di fans. I Pooh vogliono farsi apprezzare come musicisti e percorrere strade nuove.

Giancarlo Lucariello, nella sua veste di produttore artistico, vede invece il successo del gruppo nelle sonorità soffuse di archi e fiati. Fino ad un certo punto, i Pooh riescono nel loro intento dato che, forse per la fretta, una mezza dozzina di pezzi resta del tutto o in buona parte priva di arrangiamenti orchestrali. I pezzi più famosi dell'album, al contrario, vengono letteralmente immersi nelle sonorità classicheggianti dell'orchestra di Gianfranco Monaldi, come all'epoca dell'album Alessandra.

È dunque un disco che risente di alcuni compromessi: ad esempio, Roby e Valerio rinunciano a pubblicare alcune canzoni (fra le quali Linda, che diventerà il singolo di lancio del Lp successivo).

Wild track viene cantata in inglese, col suo stile country è una delle innovazioni maggiori nel disco, ed è anche l'unico brano che i Pooh non abbiano direttamente concepito in lingua italiana.

Per promuovere il disco esce il singolo Ninna nanna/È bello riaverti con quest'ultimo pezzo non pubblicato nell'album, che però resta solo alle soglie della hit parade. Fra i più famosi pezzi del disco si possono ricordare Cara bellissima, Quel tanto in più e Un posto sulla strada, un brano che Roby Facchinetti ha spesso utilizzato per scaldare la voce prima dei concerti.

Di particolare interesse anche i due pezzi strumentali, Quinta stagione e Forse ancora poesia.

Corri corri narra la storia di un futuro padre in viaggio per raggiungere frettolosamente la compagna nel momento del parto ed infatti nel 1975 Dodi ha avuto la figlia Sara. Nel brano Rock'n'roll canta anche Valerio Negrini.

La prima stampa del vinile ha busta interna verde con angoli smussati
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 

 
 
Versione Musicassetta
 
      
 
 
Versione Stereo8
 
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 CORRI CORRI
  • A2 NINNA NANNA
  • A3 WILD TRACK
  • A4 QUEL TANTO IN PIU'
  • A5 QUINTA STAGIONE


  • B1 CARA BELLISSIMA
  • B2 PETER JR.
  • B3 UN POSTO SULLA STRADA
  • B4 ROCK 'N' ROLL
  • B5 FORSE ANCORA POESIA
 
Lato A: 1
CORRI CORRI

 
      Lato B: 1
CARA BELLISSIMA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Corri
corri
sfugge la montagna e si distende innanzi a te
la strada
bianca
sopra una pianura di silenzio
Muore la notte
nasce il primo figlio tuo

Corri
vento contro il vento
la tua donna vuole averti insieme in quel momento
ferma
la tua mente inquieta
nella più esaltante e lunga ora mai vissuta
Guarda
è l'alba

Corri
corri
gli occhi attenti sul mattino chiaro accendi e poi
presto, più presto
è vicina la città

Corri
vento contro il vento
la tua donna vuole averti insieme in quel momento

Corri
vento contro il vento
la tua donna vuole averti insieme in quel momento

Corri
corri
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Ho venduto al mondo
le mie belle idee
ed ho fatto bene
come vedi mi conviene

Per due frasi giuste
dentro una poesia
ti concedi tutta
con amore, quale amore?

Cara bellissima e ancora
di più
cos'altro dire di te
potrei?
Comunque tu sia
ti meriti un'altra poesia

Cara bellissima e ancora
di più
cos'altro fare per te
potrei?
Spiegarti dovrei
che neanche i miei sguardi sono miei

Quando cambia il vento
so cambiare anch'io
poi mi siedo e invento
tanto amore
lo so fare

Cara bellissima e ancora
di più
guarda, è lo stesso anche adesso
qui
per breve che sia
è bello che tu sia stata mia

Cara bellissima e ancora
di più
cos'altro dirti di me
potrei?
Chiunque tu sia
non voglio vederti andare via
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
NINNA NANNA

 
      Lato B: 2
PETER JR.

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Apro gli occhi
e osservo lei
lieve sonno
e vita che
si libera
nell'anima

Taci e guarda
mente mia
voglio amore
e amore sia
nel sonno suo
lieve e
silenziosa
canta in lei
la preghiera
limpida
"Abbracciami
proteggimi"

Risvegliarla
io potrei
dare voce
a tanta poesia
ma è tardi e lei
sogna
già
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, D'Orazio
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Come mai noi stasera qui
tu che stai sempre per i fatti tuoi
è da un po' che so chi sei
ma non ci speravo più

Dietro all'indifferenza tua
anche tu ne avevi voglia come me
una cosa da non fare
ma una volta che cos'è?

Fino a un'ora fa
sconosciuti e poi
a un tratto qui solo noi
di certo lui non lo sa

Ma che fretta c'è?
non pensarci più
e spogliati, vieni qui
mi piace se fai così

Già ti chiama, ma che vorrà?
Lascia stare, vedrai, si stancherà
è già quì, è venuto su
Cosa c'è? Non parli più

Ma che capirà?
Non ne ha l'età
Gli scrupoli che ti fai
inutili sono sai

Lui non pensa a noi
lui fa i giochi suoi
ho avuto anch'io la sua età
d'amore lui che ne sa?

Gli scrupoli che ti fai
Ma che capirà?
inutili sono sai

Ho avuto anch'io la sua età
Non ne ha l'età
d'amore lui che ne sa?

Gli scrupoli che ti fai
Lui non pensa a noi
inutili sono sai

Ho avuto anch'io la sua età
Lui fa i giochi suoi
d'amore lui che ne sa?
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
WILD TRACK

 
      Lato B: 3
UN POSTO SULLA STRADA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Note: "WILD TRACK" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Let's break down the carousel
keep ridin' alone
you sparkling world champions
beware of the sun

Dusty rags may suit me better
your boats don't need a flag
I jump on my wrong trains
and wave you goodbye

My friends are all over
there's no need to hide
are climbing grass pillows
with colour glassed eyes

I've got a monkey
named Jenny McGee
she makes out her whisky
from coconut trees

There's a crash
in half the highway
a jet plane landed wrong
some busy godfather
was hurring for lunch

People come they shoot and scream
the truck man is in jail
my monkey takes pictures
she knows where's the blame

The night gently shelters
weak is the door
on the next ship to India
there's one person more

The clean lazy lady
has buned all her dreams
and makes up too slowly
she's not good for me

With ivory branches
I play lion skin drums
l'm a lucky musician
I love all my songs
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi


 
Testo:
La bambina bionda di città
guarda l'orizzonte e sogna l'Africa
sulla torre bianca
è immobile ad aspettare
che il rovente sole tocchi il mare

Gente sta parlando attorno a me
rosso il vino forte di montagna è
ho accettato un canto
e un pane che sa di vento
dicono "Ragazzo, non c'è altro"
diventano ombre
tra i miei occhi ed il tramonto
mi dispiace, se ne stanno andando

Nella scia delle stelle
una donna sta correndo
l'amore ha scelto proprio questa notte

Dentro il buio si accende
ed un brivido sorprende
il viso e scende forte sulla pelle

L'uomo non ricorda la sua età
ma il racconto nasce e scorre semplice
fuori dal silenzio
la storia infinita e breve
le sue labbra han sciolto come neve

Cent'anni di mondo
in un sogno bambino
e lo sguardo intanto va lontano

Nella scia delle stelle
la bambina e il vecchio stanco
la donna e sempre anch'io stiamo vagando
per sognare un momento
presso un fiume o in una stanza
un posto sulla strada stiam cercando
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
QUEL TANTO IN PIU'

 
      Lato B: 4
ROCK 'N' ROLL

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Breve è il sorriso di questa mia donna
un po' semplice
quando la sera le torno vicino
e le parlo un po'

(Cerca di farsi più bella per te
sopra un giornale ha rubato un'idea)

Alla finestra guardando giù in strada
sognando sta
raggi di sole, fingendosi al mare
sul viso ha

(Dille "Stasera mi piaci di più"
portala fuori, da soli voi due)

Vorrei
spiegare a lei
cos'è per me
e poi vorrei
riuscire a dare a lei
tanto amore in più
Ma poi
non ci riesco mai

(Dalle un sorriso nuovo)
vorrei però
(Basta una tua dolcezza in più)
la vita, sai
ti toglie tante idee
tanta forza ma
venga qualcuno a dirmi
"Eccoti il mondo: voglio in cambio lei!"
L'uomo che sempre è rimasto nell'ombra
ora lo vedrai

(Apri le labbra a parole che sai
ama e difendi i tuoi giorni con lei)


hai ragione tu
ho una voce in più
vedrai, vedrai
mi sento in alto, sai
non ho paura ormai

Sai
che hai ragione tu
(Sciogli le idee nel vento)
ho una voce in più
(Prendi per mano il tempo e lei)
vedrai, vedrai
mi sento in alto e poi
non ho paura ormai
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Improvvisamente
vento nella mente
senso ad un'età
che non contava proprio niente

Sempre sorridenti
dietro gli strumenti
nuovi strani eroi
li accettammo in fretta noi

Musica di rabbia
come lampi nella nebbia
pazzi finché vuoi
ma vivi più di noi

Nasce un'avventura
a chi è grande fa paura
dai vent'anni in su
nessuno esista più

Corre breve il tempo
brividi nel mondo
quella loro età
pensa ad altro già da un po'

Quel paese grande
che hai sognato tante volte
canta strano ormai
e non lo segui più

E da un giorno all'altro
stai viaggiando controvento
molto è andato via
il passato è una poesia
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 5
QUINTA STAGIONE

 
      Lato B: 5
FORSE ANCORA POESIA

 
     

Autori: Facchinetti
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autori: Facchinetti
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Strumentale
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 10:20 am, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1976 - LINDA/DONNA DAVVERO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 10, 2019 11:28 pm

1. TITOLO:
 
1976 - LINDA/DONNA DAVVERO
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: CBS 4520 # Data pubblicazione: Settembre 1976 # Matrici: CI 4520-1N/CI 4520-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 21 Luglio / Lato A: canzone partecipante alla manifestazione canora estiva "Festivalbar" / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano / Formazione: Dodi Battaglia - chitarre; Red Canzian - basso; Stefano D'Orazio - batteria; Roby Facchinetti - tastiere
 
 
2. RECENSIONE:
 
Poohlover del 1976 è il primo album che i Pooh si autoproducono, dopo aver divorziato artisticamente da Giancarlo Lucariello che aveva curato tutti i loro lavori dal momento del loro ingresso in CBS. Dal 33 giri viene estratto su singolo Linda che in realtà avrebbe dovuto trovare posto fra le tracce del precedente album Forse ancora poesia, cosa che però non avvenne per la ferma opposizione di Giancarlo Lucariello. Evidentemente i Pooh avevano ragioni da vendere a puntare su questo pezzo, visto che Linda conquisterà prepotentemente il vertice della hit parade, cosa questa che quasi mai era riuscita ai Pooh negli anni immediatamente precedenti all'uscita di Poohlover. Ottimo è anche il pezzo inciso sul secondo lato del singolo.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
LINDA

 
      Lato B:
DONNA DAVVERO

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamento e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Linda
acqua di sorgente
Linda
calda ed innocente
ho una donna in mente e non sei tu

Linda
sole dentro gli occhi
Linda
prima che ti tocchi
prima che succeda tutto ascolta

Linda
ho un dubbio in mente io
chi è che non ne ha?
Però
fa che non possa io
rubarti la tua prima volta
pensando a un'altra

Dimmi
se mai potrei guardarti
all'alba quando tu
qui
distesa accanto a me
mi chiederesti
all'improvviso
cos'ho deciso

Linda
stemma sorridente
Linda
io non ho che niente
prima che succeda questo a noi

Linda
fa che il sogno non ci
prenda
che il mattino non
sorprenda il mio silenzio addosso a te

Dimmi
che cos'avresti dentro
uscendo poi di qui?
Tu
che cos'avresti in più?
Un gesto consumato a caso
e un discorso chiuso

Linda
stemma sorridente
Linda
io non ho che niente
prima che succeda questo a noi

Linda
fa che il sogno non ci
prenda
che il mattino non
sorprenda il mio silenzio addosso a te

Linda
stemma sorridente
Linda...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamento e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Così
Niente più parole
Tu m'hai detto sì
Ma non farmi male
Sei lì
Fiore da raccogliere
Bambina che non vuol più giocare.
Sei tu
Che in un gesto solo
Hai voluto me
Fra il tuo corpo e il cielo
L'età
Infinita e fragile
Da un attimo si è lanciata in volo.
E tu e tu mi riconosci già
In un sogno fatto mille volte ormai.
Donna davvero
Senza respiro
Senza innocenza hai vinto tu.
E se
Anche troppo presto
Ti risveglierai
Fra l'amore e il resto
Potrai
Anche alzarti e andare via
La parte mia era solo questa.
E poi se poi mi riconoscerai
In un certo sguardo a me sorriderai.
Donna davvero
Senza respiro
Senza innocenza hai vinto tu.
Donna davvero
Senza respiro
Senza innocenza hai vinto tu.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1976 - POOHLOVER (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 11:23 am

1. TITOLO:
 
1976 - POOHLOVER
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: S 86015 # Data pubblicazione: Luglio 1976 # Matrici: CI 86015-1L / CI 86015-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrice: 21 Luglio / Distribuito da Messaggerie Musicali – Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Poohlover è un album del gruppo italiano Pooh, pubblicato il 21 luglio 1976 dalla CBS.

È il primo disco autoprodotto dal gruppo dopo il sodalizio sciolto con il produttore Giancarlo Lucariello.

Il disco
Poohlover marca una svolta in senso musicale rispetto agli album precedenti. Gli arrangiamenti diventano in effetti più ricchi e spumeggianti mettendo in evidenza le abilità dei componenti del gruppo (soprattutto le tastiere di Facchinetti e gli assoli di chitarra di Battaglia, ad esempio nei brani Il primo giorno di libertà o Uno straniero venuto dal tempo), nonostante si continui ad utilizzare in quasi tutti i pezzi una sezione d'archi come accompagnamento. Un'altra innovazione dell'album sono i testi dei brani, che in genere non parlano più d'amore, come imposto precedentemente da Lucariello, ma di argomenti più sociali come la prostituzione (Tra la stazione e le stelle), l'omosessualità (Pierre), gli zingari (Gitano) o i detenuti (Il primo giorno di libertà). Fanno inoltre ritorno i brani ispirati a storia, miti, leggende o di ispirazione fiabesca-fantastica (come Storia di una lacrima o Padre del fuoco, padre del tuono, padre del nulla), presenti sporadicamente nell'album Parsifal, ma in genere osteggiati da Lucariello. Nel disco compare la voce solista di Stefano D'Orazio, per la prima volta dal suo ingresso nel gruppo, che canta la strofa iniziale di Fare, sfare, dire, indovinare; nei precedenti dischi non aveva parti soliste ma cantava nelle parti corali, utilizzando spesso il falsetto nell'armonizzazione a quattro voci dei brani. Con questo brano, inoltre, i Pooh sperimentano la prima canzone interpretata a quattro voci alternate, cosa che verrà ripresa cinque anni dopo con Buona fortuna, diventando da allora un punto fisso nei loro album.

Poohlover contiene anche un singolo, Linda (unico brano dell'album con un testo che parla d'amore). Il pezzo avrebbe dovuto essere incluso nell'album Forse ancora poesia, ma il suo inserimento era stato vietato da una tenace opposizione di Giancarlo Lucariello. Il brano arriva ai vertici delle classifiche (cosa che non accadeva da tre anni), infatti con Poohlover i Pooh tornano al successo ponendo quindi fine ad un periodo di transizione in cui i loro dischi avevano venduto meno rispetto all'inizio degli anni settanta.

Fu il paroliere Valerio Negrini a suggerire il titolo dell'album. La copertina, a differenza di quella degli altri LP, non era apribile; era questa una misura di risparmio decisa della casa di discografica, con la quale i Pooh si erano trovati per la prima volta a contrattare da soli: in precedenza era stato invece Lucariello a negoziare a nome dei Pooh, ottenendo in genere buone condizioni per il gruppo; è chiaro del resto che dal punto di vista della casa discografica, giocava un ruolo non indifferente il fatto che nel periodo precedente la popolarità dei Pooh era temporaneamente calata
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 

 
   
 
   
 
 
Versione Musicassetta
 
      
 
 
Versione Stereo8
 
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 IL PRIMO GIORNO DI LIBERTA'
  • A2 GITANO
  • A3 PIERRE
  • A4 FARE, SFARE, DIRE INDOVINARE
  • A5 UNO STRANIERO VENUTO DAL TEMPO


  • B1 STORIA DI UNA LACRIMA
  • B2 LINDA
  • B3 TRA LA STAZIONE E LE STELLE
  • B4 IO SONO IL VENTO E QUEL GIORNO ERO LA'
  • B5 PADRE DEL FUOCO, PADRE DEL TUONO, PADRE DEL NULLA
 
Lato A: 1
IL PRIMO GIORNO DI LIBERTA'

 
      Lato B: 1
STORIA DI UNA LACRIMA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Mentre riconosco il sole della mia città
io respiro il primo giorno mio di libertà
sul tuo viso in un istante
conto indietro la mia età
peccato che sia
già spesa a metà

Trema il tuo silenzio dolce fra le mani mie
amo confrontare te con le mie fantasie
che han difeso la mia mente
fino ad un minuto fa
dal sonno che poi più sogni non ha

Dolcemente, serenamente
bevo l'acqua alla tua sorgente
io ti leggo dentro e ti viaggio dentro e anche se laggiù
l'aria entrava a stento
io sulla pelle sentivo il vento tuo

Dolcemente, serenamente
s'asciuga il tempo sulla mia fronte
tu che mi conosci lo sai che non mi nasconderò
gli occhi non li abbasso
non devo niente al mondo adesso io

Batte il sole sulla strada e ci riscalda già
io respiro il primo giorno mio di libertà
guardo in faccia la mia vita
e di meglio non vorrei
adesso che tu davvero ci sei

Dolcemente serenamente
s'asciuga il tempo sulla mia fronte
tu che mi conosci lo sai che non mi nasconderò
gli occhi non li abbasso
non devo niente al mondo adesso io
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, D'Orazio
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Da una bimba e un pianto nacque lei
piena di paura e ingenuità
trasparente agli occhi si affacciò
dalle chiare ciglia venne giù
e brillando scese
lungo quel bel viso
poi volò col vento su nel cielo

Alta sopra al mondo navigò
vide le stagioni da lassù
ma la vita in fretta la cambiò
ora trasparente non è più
niente più ricordi
niente amore dentro
fuori dal suo tempo e fuori
dalla sua età nel cielo lassù
quante volte il vento
le cantava accanto
lei non l'ascoltava, lei volava

Sola nel sole e più in alto
come se non ci fosse che lei
Lei, sempre lei, lei soltanto
ad un passo dai sogni suoi
Sfida la luna e le stelle
niente al mondo la fermerà

Ma una nuvola buia la rapì
mille gocce strette accanto a lei
ora il suo coraggio non ce più
come pioggia sta scendendo giù
cadde sopra un fiore
aspettò il sereno
ora verso il cielo più volare
non può, finisce così
lentamente muore
più non sfugge al sole
non l'aiuta il vento resta sola

Sola nemica del sole
la sua storia finisce qui
grida lontane parole
ma non c'è chi la salverà
Sola, più sola di sempre
non è un sogno, non si sveglierà
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
GITANO

 
      Lato B: 2
LINDA

 
     

Autori: Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Io sono qui
non ho più il passaporto
la gente mia
mi ha dichiarato perso
e il mio violino l'han spezzato già

Questa città
non canta intorno al fuoco
ma sguardi ha
che vedono nel buio
e lo straniero ha gli occhi di una spia

Voglio entrare
posso farcela a pagare e poi
so imparare
la mia lingua non la parlo più
camminavo sulla fune ed ho coraggio, sì
dite cosa devo fare ed io mi fermo qui

E dormire
nelle case senza ruote e poi
respirare
le stagioni e il fumo insieme a voi
far l'amore soffocando mentre corre via
la sirena lungo il ponte della ferrovia

Io sono qui
i fuochi sono spenti
i troppi sì
son sabbia sotto i denti
e sono un'ombra dietro a un vetro ormai

Voglio uscire
voglio polvere e chitarre io
per dormire
voglio tende colorate io
voglio sole, grida e vino da cadere giù
voglio ruote sulla strada e non fermarmi più
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Linda
acqua di sorgente
Linda
calda ed innocente
ho una donna in mente e non sei tu

Linda
sole dentro gli occhi
Linda
prima che ti tocchi
prima che succeda tutto ascolta

Linda
ho un dubbio in mente io
chi è che non ne ha?
Però
fa che non possa io
rubarti la tua prima volta
pensando a un'altra

Dimmi
se mai potrei guardarti
all'alba quando tu
qui
distesa accanto a me
mi chiederesti
all'improvviso
cos'ho deciso

Linda
stemma sorridente
Linda
io non ho che niente
prima che succeda questo a noi

Linda
fa che il sogno non ci
prenda
che il mattino non
sorprenda il mio silenzio addosso a te

Dimmi
che cos'avresti dentro
uscendo poi di qui?
Tu
che cos'avresti in più?
Un gesto consumato a caso
e un discorso chiuso

Linda
stemma sorridente
Linda
io non ho che niente
prima che succeda questo a noi

Linda
fa che il sogno non ci
prenda
che il mattino non
sorprenda il mio silenzio addosso a te

Linda
stemma sorridente
Linda...
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
PIERRE

 
      Lato B: 3
TRA LA STAZIONE E LE STELLE

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Penso a te
nei tempi della scuola con noi
sottile, pallido e un po' perso
tu già da noi cosi diverso
triste

Penso a te
ricordo, si rideva tra noi
di quel tuo sguardo di bambina
di quella tua dolcezza strana
triste

Pierre, ti ho rivisto questa sera e tu
tu abbassi gli occhi
ti nascondi e poi
te ne vai

Scusami
se ti ho riconosciuto però
sotto il trucco gli occhi sono i tuoi
non ti arrendi a un corpo che non vuoi
senti...

Pierre, sono grande ed ho capito, sai?
Io ti rispetto
resta quel che sei
tu che puoi

Pierre, sono grande ed ho capito, sai?
Io ti rispetto
resta quel che sei
tu che puoi
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Scende la notte e ti siedi
davanti allo specchio vestita a metà
sciogli i capelli e prepari
con cura il sorriso

Scivola lenta sul ponte
la grigia corrente di macchine e va
tutti un milione di piani
al disotto del cielo

Batte il suo tempo la vita
fra odori di cibo
e le carte nei bar

Comincia il giorno per te
attrice senza allegria
piccola donna senza età
ti aspetta questa città
poi quando l'alba verrà
nessuno ti conosce più

Fra la stazione e le stelle
nascondi quel poco che resta di te
ma il viale è pieno di sguardi
ed il cielo è lontano
Cadono i dadi ed hai perso
un mattino diverso non nasce per te

Comincia un giorno di più
ombra nell'ombra sei tu
lucciola che non vola più
ti aspetta questa città
poi quando il sole verrà
nessuno ti conosce più
dall'alba in poi
per tutti noi
tu non ci sei
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
FARE, SFARE, DIRE INDOVINARE

 
      Lato B: 4
IO SONO IL VENTO E QUEL GIORNO ERO LA'

 
     

Autori: Facchinetti, Battaglia, D'Orazio
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Se leggessi nel futuro
Ve lo giuro
Qualche cosa inventerei.
Fossi bello è un po' discusso
Starei spesso
Sulle pagine di STOP.
Se per sbaglio fossi santo
Un miracolo ogni tanto
Per salvare i fatti miei lo farei.
Se credessi alla morale
Bene o male
Bello dentro io sarei.
Fossi re fossi potente
La mia gente
Con promesse incanterei.
Ma se fossi convincente
Io farei sicuramente
Caroselli del Cynar.
Fare, sfare, dire, indovinare
C'è chi spera e c'è chi sa aspettare
Chi dei sogni senza non sa fare
E chi invece sa.
Fossi forte ed incosciente
Come niente
Farei nero Cassius Clay.
Se credessi all'innocenza
Con urgenza
Loredana sposerei.
Fossi in fondo come sono
Non sarei niente di buono
Ma farei finta di sì.
Fare, sfare, dire, indovinare
C'è chi spera e c'è chi sa aspettare
Chi dei sogni senza non sa fare
E chi invece sa.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Se leggessi nel futuro
Ve lo giuro
Qualche cosa inventerei.
Fossi bello è un po' discusso
Starei spesso
Sulle pagine di STOP.
Se per sbaglio fossi santo
Un miracolo ogni tanto
Per salvare i fatti miei lo farei.
Se credessi alla morale
Bene o male
Bello dentro io sarei.
Fossi re fossi potente
La mia gente
Con promesse incanterei.
Ma se fossi convincente
Io farei sicuramente
Caroselli del Cynar.
Fare, sfare, dire, indovinare
C'è chi spera e c'è chi sa aspettare
Chi dei sogni senza non sa fare
E chi invece sa.
Fossi forte ed incosciente
Come niente
Farei nero Cassius Clay.
Se credessi all'innocenza
Con urgenza
Loredana sposerei.
Fossi in fondo come sono
Non sarei niente di buono
Ma farei finta di sì.
Fare, sfare, dire, indovinare
C'è chi spera e c'è chi sa aspettare
Chi dei sogni senza non sa fare
E chi invece sa.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
UNO STRANEIRO VENUTO DAL TEMPO

 
      Lato B: 5
PADRE DEL FUOCO, PADRE DEL TUONO, PADRE DEL NULLA

 
     

Autori: Facchinetti, Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Dimmi chi sei
Io non lo so
Sei già stato qui?
Che posto è?
Vieni dall'est?
Che stella è?
La memoria è piena d'ombra ormai

Quanti anni hai?
Mille dei tuoi
Quante armi hai?
Non so cos'è
Che cosa vuoi?
Sapere se
li hai già visti gli altri come me

L'uomo guarda il fuoco e guarda il mare
versa il vino e ha smesso di parlare
son venuti in tanti a domandare
troppi ormai

Ma la notte è calda, immensa e chiara
indica le stelle il vecchio ancora
poi mi guarda in viso e dice: "Era
come noi"
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Alza la fiamma agli dei
mostra alla notte chi sei
tu non sapevi, tu sai
padre del fuoco sarai
nulla eri tu
tutto sei tu

Vinto il leone sarà
davanti a te fuggirà
ma una compagna hai già tu
cresce il suo ventre di più
e tu sarai
padre di noi

Lance scintillano e pietra non è
l'uomo ha creato il suo re
e i figli dei figli dei figli che avrà
faranno templi e città
sui figli degli altri cadrà
la notte che sogni non ha
su chi grida "No, questo è mio!"
si abbatte la spada di Dio

Le navi e i cavalli han tracciato la via
ai canti di guerra e poesia
le torri di Creta e di Roma son là
spazzate dal tempo che va
e il tempo ha l'uomo con sé
che padre del tuono già è
e il vento è già rosso però
l'uomo non dice di no

Brucia la notte perché
l'aria più alta non è
tu non sapevi, tu sai
padre del nulla sarai
tutto eri tu
niente sei più
 
Fonte: QUI
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1977 - CI PENSI?/MEZZANOTTE A MAGGIO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 12:13 pm

1. TITOLO:
 
1977 - CI PENSI?/MEZZANOTTE A MAGGIO
 
# Etichetta: VIP # Catalogo: VIP 4917 # Data pubblicazione: Gennaio 1977 # Matrici: VIP 4917-1N/VIP 4917-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 14 Gennaio / Inciso sotto pseudonimo "Mediterraneo System" / Distribuito da CBS Sugar - Milano / Formazione: Dodi Battaglia - chitarre; Red Canzian - basso; Stefano D'Orazio - batteria; Roby Facchinetti - tastiere
 
 
2. RECENSIONE:
 
Ci pensi?/Mezzanotte a maggio e un disco iciso da:

I POOH sotto pseudonimo "I Mediterraneo System " nel 1977
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
CI PENSI?

 
      Lato B:
MEZZANOTTE A MAGGIO

 
   

Autori: Robymiro, Zurbo

 
Testo:
Le strade dell'estate, le fragole rubate
Ci pensi ?
E quei tuoi occhi strani, stai fermo con le mani,
Ci pensi ?
E poi le guance accese, paure per un mese
Ci pensi ?
E mille scuse buone, per stare ancora insieme,
Ci pensi ?
Strani ed incantati giorni con il sole dentro,
Sembrano infiniti adesso, e non verranno mai piu',mai piu'.
Apri gli occhi e guarda quanto siamo belli adesso
Questa eta' che sfida il mondo, non l'avremo mai piu'
Mai piu'.
Con poco piu' da dirci, e il tempo per spiarsi,
Ci pensi ?
Stancarci piano piano, di quello che noi siamo,
Ci pensi ?
E il sogno ci abbandona, e il tempo ci avvelena,
Ci pensi ?
E fai l'amore ancora, per far venire sera,
Ci pensi ?
La stanza col divano, le foto sul camino,
Ci pensi ?
Non dici sei cambiato, ma so che l'hai notato,
Ci pensi ?
E un giorno per errore, studiando le parole,
Ci pensi ?
Voler ricominciare, e ritrovarsi a dire,
Ci pensi ?
Strani ed incantati giorni con il sole dentro...............
 
Fonte: QUI
     
Autori: Robymiro, Zurbo

 
Testo:
Diciott'anni a maggio hai atteso tanto
Non ti basta l'aria ti aspetta il vento,
Mezzanotte a maggio son li seduti
Stan dicendo al mondo che li hai traditi.
Anni fa la tua lettera in cucina
Vado via son grande non ne posso piu'
Non basto' la tua rabbia da bambina
Sei ancora li.
Non basto' far fuori l'innocenza
Tanto poi loro no, non l'han saputo mai
Non basto' la tua rabbia in piazza,e in una stanza
Sei ancora li.
Diciott'anni a maggio, quaderno bianco
Diario di ogni giorno con il prezzo a fianco
Mezzanotte a maggio la vita ha fretta
Ti si avvolge attorno e diventa stretta
Mangerai in silenzio in mezzo a loro
Li vedrai recitarsi addosso ancora un po'
Guarderai le valigie pronte sulla porta
Pronte per te
Diciott'anni a maggio da adesso basta
Non potranno piu' camminarti in testa
Mezzanotte a maggio si parte a zero
Fuori e ' un altro mondo chissa' se e' vero.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1977 - RISVEGLIO/LA GABBIA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 1:30 pm

1. TITOLO:
 
1977 - RISVEGLIO/LA GABBIA
 
# Etichetta: CBS # Catalogo: CBS 5155 # Data pubblicazione: Marzo 1976 # Matrici: CI CBS 5155-1N/CI CBS 5155-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 23 Marzo / Tratto dallo sceneggiato televisivo "La Gabbia" / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano / Formazione: Dodi Battaglia - chitarre; Red Canzian - basso; Stefano D'Orazio - batteria; Roby Facchinetti - tastiere
 
 
2. RECENSIONE:
 
Tutte e due le incisioni di questo 45 giri fanno parte della colonna sonora dello sceneggiato televisivo La gabbia che si avvale della regia di Carlo Tuzii. In tutti e due i brani (che sono esclusivamente strumentali e come riferiscono gli stessi Pooh) la band effettua sperimentazioni con l'utilizzo di strumentazioni particolari. I Pooh si trovano a proprio agio in brani esclusivamente strumentali e torneranno spesso a cimentarsi in tali composizioni. Risveglio sarà l'ultimo disco del gruppo ad essere pubblicato su etichetta CBS, prima della scissione fra l'etichetta americana ed il gruppo Sugar.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
RISVEGLIO

 
      Lato B:
LA GABBIA

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Arrangiamento: R. Facchnetti, S. D'Orazio, D. Battaglia, R. Canzian
 
Testo:
Strumentale
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Arrangiamento: R. Facchnetti, S. D'Orazio, D. Battaglia, R. Canzian
 
Testo:
Strumentale
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1977 - DAMMI SOLO UN MINUTO/CHE NE FAI DI TE (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 2:28 pm

1. TITOLO:
 
1977 - DAMMI SOLO UN MINUTO/CHE NE FAI DI TE
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10007 # Data pubblicazione: Settembre 1977 # Matrici: 2 c 10007-1N/2 c 10007-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 28 Settembre / Collaborazione musicale di Franco Monaldi
 
 
2. RECENSIONE:
 
In quegli anni in Italia stava nascendo un fenomeno destinato a cambiare profondamente il modo di ascoltare musica, infatti furono proprio gli anni 76/77 che videro sorgere le prime radio locali che allora si chiamavano libere, in opposizione al monopolio RAI che fino ad allora esisteva. I Pooh, come sempre attenti a tutto, incisero nell'album Rotolando Respirando, dal quale è tratto questo singolo, la splendida In diretta nel vento che pienamente centrava le atmosfere che si vivevano in radio in quel periodo e che ho avuto la fortuna di vivere. Per quanto riguarda Dammi solo un minuto che era il 45 giri che faceva da traino all'album, bisogna dire che il pezzo è assolutamente valido e capace di rinnovarsi completamente diversi anni dopo, grazie alla particolarissima reinterpretazione dei Gemelli Diversi. Per la cronaca questo è il primo disco dei Pooh inciso su CGD dopo la scissione del gruppo Sugar con la CBS, a seguito della quale alcuni artisti del gruppo (come ad es. Marcella Bella) iniziarono ad incidere per la CBS, mentre altri rimasero in seno al gruppo Sugar come fecero i Pooh.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione servizio "JUKE BOX" vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
DAMMI SOLO UN MINUTO

 
      Lato B:
CHE NE FAI DI TE

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini

 
Testo:
Lo so
so tutto, non parlare più
lo so che forse è meglio
ma crederci non voglio
non c'ero preparato
ci vuole fiato a dirti

Addio
c'è fumo e odore caldo quì
di dolci e di caffè
ognuno pensa a sé
è il giorno più normale
ma io sto male, male

Dammi solo un minuto
un soffio di fiato
un attimo ancora
stare insieme è finito
abbiamo capito
ma dirselo è dura
è stato un bel tempo il mio tempo
con te

Dammi solo un minuto
un soffio di fiato
un attimo ancora
noi tranquilli e lontani
ognuno per sé
piangeremo domani
ma che coraggio che hai
come fai?

E poi
guardo in fondo cosa sei
un fuoco presto spento
se tira un po' di vento
un gioco senza impegno
ma lasci il segno tu

Dammi solo un minuto
un soffio di fiato
un attimo ancora
stare insieme è finito
abbiamo capito
ma dirselo è dura
svegliati, svegliami dai
come fai?

Ma è vero
che sta tremando il tuo respiro?
Ma sì che è proprio vero

Come mai
i tuoi occhi ora stanno piangendo?
Dimmi che
era un sogno e ci stiamo svegliando

Come mai
i tuoi occhi ora stanno piangendo?
Dimmi che
era un sogno e ci stiamo svegliando...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Stefano D'Orazio, Camillo "Roby" Facchinetti

 
Testo:
Freddo non fa
ma da te
forse nevica di già

La tua città
troppo al nord
non t'aiuta a ricordare

Qui invece resta
tutto al posto suo
solo il tempo passa
ed ho ancora addosso
il calore
delle sere
quando c'eri tu

E mi resta il segno
troppo in fondo
di un amore
speso per metà

Michelle
Michelle...

Bene non va
però va
manca un po' di fantasia

La notte poi
su di te
mi si affollano le idee

Che ne fai dei giorni?
Che ne fai di te?
Dimmi quando torni
qui la voglia resta
non mi basto
sei lontana
mille notti fa
e fa notte presto
e il tempo è troppo
per pensare
a non pensare a te

Michelle
Michelle...
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:37 pm, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1977 - ROTOLANDO RESPIRANDO (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 3:56 pm

1. TITOLO:
 
1977 - ROTOLANDO RESPIRANDO
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20012 # Data pubblicazione: Ottobre 1977 # Matrici: CGD 20012 1-N/CGD 20012 2-N # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data Matrici 28 Settembre / Stampa: Reparto Tipografico CBS Sugar / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Rotolando respirando è il decimo disco dei Pooh, uscito nell'autunno 1977.

Il disco
Inizialmente il disco sarebbe stato concepito come concept-album metropolitano, ispirato dal neonato movimento punk che prendeva piede anche in Italia, ma dopo le prime due canzoni la penna di Valerio Negrini pare non sia riuscita a incastrare perfettamente tutti i testi, e così l'autore dei testi sarebbe stato costretto a modificare l'idea.

Tende a riprendere le tematiche amorose un po' trascurate nel precedente album, Poohlover: in genere i soggetti quotidiani della vita di città, preponderanti in Poohlover, vengono integrati in storie d'amore e fungono nelle canzoni da sfondo sociale: È così che ricompaiono temi urbani come la nascita delle radio libere (Sara nel sole, In diretta nel vento), il pendolarismo ed il barbonismo (Sara nel sole), l'anonimato delle metropolitane cittadine (Bella) oppure i paesaggi periferici ed autostradali (Rotolando respirando).

Viene ridotto al contempo il contributo dell'orchestra sinfonica, presente oramai solo in un paio di brani.

Il disco viene mixato due volte, perché nella prima sessione i Pooh si resero conto di aver sbagliato gli arrangiamenti e dovettero rifare il tutto con onerosi turni in sala d'incisione.
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
   
 
Versione Musicassetta
 

 
   
Versione Stereo8
 
 
   
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 SARA NEL SOLE
  • A2 BELLA
  • A3 IN DIRETTA NEL VENTO
  • A4 CHE NE FAI DI TE
  • A5 ROTOLANDO RESPIRANDO


  • B1 PER UNA DONNA
  • B2 IL SUO TEMPO E NOI
  • B3 UNA DOMENICA DA BUTTARE
  • B4 DAMMI SOLO UN MINUTO
  • B5 ANCORA TRA UN ANNO
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Button.png?t=n.b

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Button
 
Lato A: 1
SARA NEL SOLE

 
      Lato B: 1
PER UNA DONNA

 
     

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Sara da sei mesi va in città
la mattina presto prende il treno
e fra i libri, il diario e il finestrino
nasce il sole forte del mattino

E si affanna la gente nei bar
mentre il cielo è sereno
Sara ha in corpo la rabbia e l'età
per amare Milano

Sara ha quindici anni e dietro lei
scorre un vecchio film in bianco e nero
né provincia né periferia
tutto un mondo da buttare via

E la scuola non vale di più
meglio starsene in giro
la stazione ha i suoi treni dal sud
Sara è un frutto maturo

Sara respira
dall'asfalto al cielo è primavera
e nessuno se n'è accorto ancora

Sara nel sole
col sorriso scalda le parole
di un ragazzo pallido e gentile

Il ragazzo graffia la città
da una radio libera del centro
per un suo linguaggio un po' speciale
già due volte gli hanno fatto male

La stazione è la casa di chi
non ha niente da fare
e un amore comincia così
non parlando d'amore

Sara respira
dai cortili ai tetti è primavera
quest'incontro è un sogno e un'avventura

Sara s'è accesa
e un coraggio strano l'ha sorpresa
la sua pelle ha voglia di qualcosa
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Per una donna che dà l'amore
si scende anche in fondo al mare
poi si conquista il tramonto rosso
per metterle il sole addosso

Per una donna si piange forte
il giorno che lei
si stanca e riparte
dimmi
dimmi perché?

Per una donna si inventa il fuoco
per farla scaldare un poco
per una donna si va a rubare
per farla meravigliare

Con te però è più facile
più giusto, più mio
e tutto più vero

Spero
spero
di farcela così
per favore, sì

Tu
sei qualcosa in più
tu calda ed eccitata
dolce e spettinata
se mi hai capito adesso
fammi essere me stesso

Per te che sembri piccola
ma piccola poi non sei
non faccio guerre, non sfido il vento
e basta il mio sentimento

Abbiamo imparato a leggere
nel fondo del nostro silenzio apparente

Dimmi
dimmi
non è meglio così?
Per favore sì
c'è
più felicità
la vita è un'avventura
ma tu vai sicura
tu
che ti sei capita
tu ne uscirai pulita

Per una donna si parla piano
lei dorme, non la svegliamo
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
BELLA

 
      Lato B: 2
IL SUO TEMPO E NOI

 
     

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Bella
oggi c'è il sole e tu sei bella
il tuo sorriso non affonda
tra le faccende della gente
che indifferente intorno a noi
si muove

Bella
la gente è triste e tu sei bella
tutta la noia è lì che balla
dentro le facce allineate
alle fermate dei metrò
ma tu sei bella

C'è sulla città un'esplosione di nuvole
c'è profumo fra il fumo e le fabbriche
è strano
c'è che insieme a te passa la voglia di piangere
e poi la nebbia è già andata a nascondersi
dentro l'acqua la terra e i fanali di stop
delle macchine in fila sui viali

Senti
già ti conosco da due ore
farai l'amore o perdo tempo
o invece è tutto un po' diverso
e tempo perso non sarà
insieme a te

C'è su casa mia un'impressione di luce in più
sulle finestre è d'argento la polvere
dentro il sole che sa di energia trasparente
e tu insisti a esser sempre più bella

Bella
la scala è buia e tu sei bella
la stanza è nuda e invece tu
sei bella
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Red Canzian, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Non è cosi
che dicevo io
lo credevo meglio
aspettare un figlio
io volevo dividere
ogni giorno con te
ma tu vuoi solo proteggerlo

Bagni la tua mente
solo in acqua azzurra
il bambino è l'erba
e tu sei la terra
non dovrei più toccarti io

E chi l'ha detto mai?
Tu sei ancora bellissima
Lui rischierà, nascerà
farà il grande salto da sé
e poi tutto il resto, lo sai
gli deve arrivare da noi

Lui ha tempo, il tuo tempo ancora non è
Ne abbiamo un po' meno io e te

Parla con la gente
non parlare da sola
Lui da dentro sente
ogni tua parola

Strappa in mille coriandoli
i giornali se vuoi
ma il mondo resta difficile

Lui vincerà, nascerà
vorrà tutto il mondo per sé
che specie di mondo gli dai
se un fiore nell'acqua tu sei?

Lui ha tempo, il suo tempo ancora non è
ne abbiamo un po' meno io e te
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
IN DIRETTA NEL VENTO

 
      Lato B: 3
UNA DOMENUCA DA BUTTARE

 
     

Autori: Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Vivo
mi piace la notte e ci vivo
con le mie sigarette
e il piatto che gira
e dietro i vetri la città

Strano
il microfono è come un bambino
gli parlo e non so
se dorme o mi ascolta
la luce è sciolta nel caffè

E ogni notte così, questa radio è il mio mondo
coi dischi, i giornali e gli scontrini del bar
Senti senti, il telefono ancora
è la solita signora, oh no!

Ed invece sei tu
ma senti che sorpresa!
Due giorni e due notti per dimenticarti
metto un disco per te, poi vattene a dormire
no, scusa, aspetta, dimmi dove sei...

Dimmi
stasera sei in casa da sola
o parli nascosta
fra coperte e cuscino?
La radio è lì vicino a te?

E addosso cos'hai?
Voglio saperti tutta
ti voglio sentire come stando lì
senti senti, volevi pensarci
E allora ci hai pensato o no?

Metto un disco per te
e fra pensieri e suono
mi torna la voglia di due giorni fa
Parla ancora con me
l'antenna è un'ombra bruna
contro la luna e sopra la città

L'alba dietro le case si scalda
e questo momento
in diretta nel vento
lo voglio dedicare a te
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Bene
come sono contento
non c'è un filo di vento
il frigo s'è spento
e l'acqua vien giù
già fusa
in rigagnoli rosa
s'è disfatto il gelato
il vino è finito
col caldo che fa

Le strade
le ha vuotate l'estate
dorme il cane contento
lì sul pavimento
sta meglio di me
e tace
ogni oggetto di casa
non funziona più niente
se manca corrente
e oggi di più
manchi tu
Dove sei?

Scende
una rabbia tranquilla
dal soffitto che adesso
pian piano è più basso
sopra di me
e suona
l'orologio in cucina
pomeriggio bruciato
da un sole sfacciato
che arriva anche qui
qui da me

E mi viene la voglia
di venirti a cercare
l'ascensore insiste a non salire
e mi passa la voglia
ce la faccio lo stesso
a aggiustare i pezzi di me stesso
Dove sei?

Sento
i vicini di casa
fa rumore l'amore
si danno da fare
si sente da qui
La gente
qualche volta ne ha voglia
nelle ore più strane
Domenica infame
senza di te!

E mi viene la voglia
di morire qui adesso
ma non saprei mai se ti ho commosso
E mi passa la voglia
e mi passa l'amore
resta solo un po’ di dispiacere
Dove sei?
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 5
ROTOLANDO RESPIRANDO

 
      Lato B: 5
ANCORA TRA UN ANNO

 
     

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Il sole è prossimo ormai
il vento corre con me

Tanti piani sopra il mondo
lei sta bene dove sta
cosa c'entro io con quella gente e con lei?

L'autostrada scorre via
voglio andare a casa mia
cosa c'entro io con quella donna non so

Rotolando verso il mondo
respirando l'aria è mia
già in periferia della mia grande città
Con il vestito aperto e le labbra chiuse
io l'ho guardata e vista per quel che è

Quand'era notte
dentro quella stanza
di cose ne ho fatte
posso farne senza

Il sole è prossimo ormai
faccio la gara con lui
vento in faccia e la strada parla con me

E il sole sfonda
l'orizzonte intero
è come una fionda
che colpisce il cielo

E l'aria fischia
tra i capelli e il vuoto
nel sangue che picchia
dalla pelle al fiato
e il nuovo giorno è già nato
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
La scena si chiude
andiamo
su strade diverse da voi
la luna è fuggita dal cielo
volando vedremo dov'è

E il tempo ci chiude
fra i sogni e le strade
di altre città
fra l'alba e la notte
le storie mai dette
ci aspettano già

La scena si chiude
andiamo
vicino o lontano, chissà?
Ben poco ci resta in mano
vi diamo il meglio di noi

I fuochi saranno
riaccesi fra un anno
ma adesso per voi
disciolta nell'aria
fra voci e memoria
la musica è qui
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1978 - CERCAMI/GIORNO PER GIORNO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 8:34 pm

1. TITOLO:
 
1978 - CERCAMI/GIORNO PER GIORNO
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10095 # Data pubblicazione: Maggio 1978 # Matrici: 2c 10095-1N/2c 10095-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 28 Aprile / Collaborazione musicale di Gianfranco Monaldi / Registrato e mixato presso gli Studi Stone Castle di Carimate / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Nel maggio del 1978 esce sul mercato discografico il nuovo 45 giri dei Pooh recante i brani Cercami e Giorno per giorno. Si dice che il gruppo non era concordemente unanime nello scegliere quale dovesse essere il brano principale del singolo e solo dopo una discussione si scelse la più solare Cercami, rispetto alla più crepuscolare Giorno per giorno che non troverà nemmeno spazio sul prossimo album in uscita: il bellissimo Boomerang. Per la prima volta la CGD stampa un disco dei Pooh con etichetta personalizzata.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
         
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
CERCAMI

 
      Lato B:
GIORNO PER GIORNO

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini

 
Testo:
Cercami
io sono nel mondo degli uomini
Cercami
nei mari che non traversammo mai
nel vento del primo mattino
Cercami
nel sole che scoppia di rondini
sul fiume che porta lontano
Cercami
nel mondo che vive più in là di noi

Vorrei farti un ritratto e stamparlo gigante
e la tua fantasia raccontarla alla gente
ma è nascosto agli sguardi
questo amore perfetto
quattro muri e un letto
non diventa più amore ma sopravvivenza
del tuo dolce silenzio non so fare senza
ma facciamo qualcosa
si può anche morire
stando qui a sognare

Cercami
io sono nel mondo degli uomini
Cercami
nei mari che non traversammo mai
nel sonno dell'erba di sera
Cercami
nei fuochi d'estate sugli argini
ai margini della pianura
Cercami
negli altri che piangono e ridono

Io ti voglio incontrare sulle strade del mondo
voglio fare un respiro e riempirmi di vento
ci dobbiamo svegliare
e guardare di fuori
noi non siamo soli

Cercami
negli uomini in mare che sognano
un pesce gigante e un'amante
Cercami
nell'alba fra il cielo e le fabbriche
nel traffico senza parole
Cercami
nei mari che non traversammo mai
e dopo parliamo di noi
Cercami
io sono nel mondo degli uomini
Na, na, na
Na, na, na, na, na, na, na…
 
Fonte: QUI
     
Autori: Stefano D'Orazio, Camillo "Roby" Facchinetti

 
Testo:
giorno per giorno
ho imparato ad
avere pazienza
sulla mia coscienza
e’ cresciuta
gia’ l’erba
e ogni giorno mi sveglio
che tutto va meglio
giorno per giorno
seguo il vento aspettando
la sera
e non faccio paura
e non faccio
domande
in poche parole
sono un uomo normale
giorno per giorno
ho imparato
la vita a memoria
come un libro di storia
dei tempi di scuola
e di mio non ci lascio
una sola parola
giorno per giorno
ho imparato il mio bene
e il mio male
un minuto di sole
mi basta a scaldarmi
con quale diritto
tu vieni a svegliarmi
passo per passo
riaprendo finestre gia’ chiuse
precipiti dentro di me
che cosa ti aspetti
questo io dico sapendo
che stavo cadendo e che
l’ultima spiaggia del mondo
che valga la pena sei tu
giorno per giorno
sta riuscendo a
toccarmi nel cuore
a toccarmi nel corpo
e ad avere risposto
inventiamo altre ore
se il tempo non basta
giorno per giorno
sto imparando a
combattere ancora
a puntare i miei occhi
negli occhi del mondo
a esser dentro le cose
che stanno cambiando
giorno per giorno
ogni prossimo giorno
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:36 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1978 - BOOMERANG (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 11, 2019 11:39 pm

1. TITOLO:
 
1978 - BOOMERANG
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20077 # Data pubblicazione: Aprile 1978 # Matrici: 2C 20077-1L / 2C 20077-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrice: 28 Aprile / Distribuito da Messaggerie Musicali – Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Boomerang è l'undicesimo album in studio del gruppo musicale italiano Pooh, pubblicato il 24 aprile 1978 dalla CGD.

Il disco
Anticipato dall'uscita del singolo Cercami/Giorno per giorno, è un album più ritmato che nel passato e denota una ricerca curata negli arrangiamenti, dove a spadroneggiare sono le chitarre di Dodi Battaglia e i suoni del sintetizzatore Polymoog di Roby Facchinetti. Viene esclusa dal disco la facciata B del 45 giri, Giorno per giorno che inizialmente doveva essere il brano guida dell'album, ma che poi fu sostituita proprio dalla più orecchiabile Cercami.

Episodi significativi dell'album sono l'ironica ed autobiografica Pronto, buongiorno è la sveglia; Classe '58 che parla delle esperienze di solitudine dei giovani militari di leva; Ci penserò domani, musicata da Dodi Battaglia e cantata da Roby Facchinetti, il ritratto di una donna che torna dal suo ex per raccontargli di un amore finito e che poi, dopo avergli ricordato che con lui era stata bene, se ne torna in giro per il mondo. In La città degli altri si tratta il fenomeno del pendolarismo, mentre La leggenda di Mautoa, con le parole di Stefano D'Orazio, racconta una storia di sapore mitico-leggendario: Mautoa è un aborigeno d'Australia la cui salvezza è legata al boomerang, l'arma portatrice di speranza che ritorna dal cacciatore anche quando egli non raccoglie il frutto dei suoi sforzi (discorso riportato all'interno della copertina apribile dell'LP). In Quaderno di Donna Valerio Negrini riprende le atmosfere delle manifestazioni del movimento femminista degli anni '70. Uno dei brani più ricchi di pathos rimane comunque Il ragazzo del cielo, con le sue atmosfere rarefatte nella prima parte, cantata da Red Canzian. Si tratta di un pezzo che ricorda l'epica trasvolata oceanica di Charles Lindbergh dall'America alla Francia; il pezzo narra la nota vicenda nella forma fiabesca di un dialogo tra la luna e il pilota.

Dopo il singolo Cercami, Boomerang è il primo album a presentare in copertina il nuovo logo "Pooh", che a parte poche eccezioni rimarrà lo stesso per tutta la successiva carriera dei Pooh
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione Musicassetta
 
      
 
      
 
 
Versione Stereo8
 
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 LA CITTA' DEGLI ALTRI
  • A2 CI PENSERO' DOMANI
  • A3 PRONTO BUONGIORNO E' LA SVEGLIA
  • A4 CERCAMI
  • A5 LA LEGGENDA DI MATOUA


  • B1 AIR INDIA
  • B2 QUADERNO DI DONNA
  • B3 INCREDIBILMENTE GIU'
  • B4 CLASSE '58
  • B5 IL RAGAZZO DEL CIELO (Lindbergh)
 
Lato A: 1
LA CITTA' DEGLI ALTRI

 
      Lato B: 1
AIR INDIA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Il primo pane caldo del mattino
l'inchiostro del giornale sulla mano
un caffè di fretta
e una sigaretta
il treno non aspetta

La notte sbianca e il buio si colora
le case han gli occhi gialli nell'aurora
la città degli altri
suona il suo richiamo
e conta attenta quanti siamo

Non so
se un po' più su dei tetti c'è Dio
se c'è
è tanto che non passa di qui
sta lassù
non sa che in queste strade
il cielo non si vede

Il giorno è una moneta appena spesa
il treno sfonda l'aria verso casa
la città degli altri
la città di rabbia
scompare in fretta nella nebbia

Non so
se sopra il mio paese c'è Dio
se c'è
l'incontrerò stasera al bar
gli dirò
bevendo insieme al banco
"Signore, sono stanco!"
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Battaglia, Negrini

 
Testo:
Profumi d'oriente, souvenir
di frontiera
un soffio imponente, schizza via
la pianura,
trecento caffè e la luna
sulle ali
di mattino alle tre siamo tutti
molto soli

Ho voglia di bere, siamo già
sui deserti
la hostess indiana dice "yes"
s'allontana
somiglia un po' a te nel disegno
del sorriso
mi torna di te un bisogno
silenzioso

Penso a te
all'imbarco in piedi là
diecimila miglia fa
neanche un vero addio
perché l'uomo
di dogana
ti allontana

Penso a te
con la mia fotografia
e la tua malinconia
come dentro a un film
nella folla
colorata
sei sparita

La spina del sole graffia già
l'orizzonte
trecento persone sveglierà
lentamente
si truccano un po' le signore
spettinate
si allineano già fra le nubi
le autostrade

Penso a te
mentre grigia di foschia
la città di casa mia
scorre sotto a noi
dietro al vetro
"Comandante
torna indietro!"

Penso a te
fra valigie e nostalgia
passaporti e polizia
mi nasconderei
ma all'uscita
c'è qualcuno
che saluta
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
CI PENSERO' DOMANI

 
      Lato B: 2
QUADERNO DI DONNA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Lei entrò
sulle scale e qualcuno guardò
i suoi strani vestiti
appoggiò
le spalle alla porta dicendo "Con lui
ci siamo lasciati!"

Osservai
due occhi segnati e il viso
bagnato dalla pioggia
"Non so"
mi disse "non so come uscirne fuori
non lo so..."

La guardai
ed ebbi un momento di pena perché
sembrava smarrita
"Io vorrei"
mi disse "vorrei che non fosse così
ma è proprio finita!"

Disse poi
ritrovando un sorriso a stento
"Comunque l'ho voluta
lo sai, le strade per farmi del male
non le sbaglio mai"

Poi mi raccontò
la storia che io sapevo già
dall'ultima volta si sentiva
che era più sola, più cattiva

Si calmò
guardandosi intorno e parlammo di me, bevendo più volte
si sdraiò
in mezzo ai cuscini e mi disse "Con te
ero io la più forte"

Disse poi inseguendo un pensiero "È vero
con te io stavo bene
e se io fossi una donna che torna
è qui che tornerei"

Poi cenammo qui
le chiesi "Domani cosa fai?"
La pioggia batteva sui balconi
rispose "Ci penserò domani!"

Mi svegliai
la mattina e sentii la sua voce di là
parlava in inglese
la guardai, aveva il telefono in mano e il caffè
e non mi sorprese

Accettai il breve sorriso e il viso
di una che non resta
"Se puoi"
mi disse, "se puoi, non cambiare mai da come sei!"

Poi se ne andò via
nel modo che io sapevo già
passava un tassì, lo prese al volo
"Abbi cura di te" pensai da solo
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
È un po’
che non ti vedo più
credevo fossi via
va meglio o no con lui?
Gli hai dato il suo bambino?
Di giorno chi lo tiene?
Coi soldi state bene?
E l'università?
Rinunci o ce la fai?
Io mi ricordo una piazza di donne e il mio rischio
di essere maschio e gridavi "Io vivo!
Non sono un oggetto!", raccontala adesso
la libera scelta che scelta non è!
Però
ti sei difesa bene
tu sei ancora tu
Io ti rispetto, tu hai fatto di tutto
resiste fino all'ultimo
Stretta dal tempo che batte nel petto
la tua spavalderia
l'orgoglio di una tigre
su quelle spalle magre
la strada è questa ormai
vai avanti ce la fai
Io mi ricordo la piazza di Maggio, "Sei pazza!"
ti dissi fra i pezzi di carta rimossi
dal vento e girata di spalle finisti
"Mi spiace, ragazzo, il pazzo sei tu!…"
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
PRONTO BUONGIORNO E' LA SVEGLIA

 
      Lato B: 3
INCREDIBILMENTE GIU'

 
     

Autori: Facchinetti, D'Orazio

 
Testo:
Pronto, buongiorno è la sveglia
ma di muoversi manca la voglia
colazione per modo di dire
tutto in fretta bisogna partire
ci aspetta già un'altra città

L'auto ci attende pulita
e la conta decide chi guida
voglio stare seduto davanti
che i chilometri oggi son tanti
facciamo il pieno e poi via

Mangia la strada il motore
e la radio riempie le ore
uno legge, uno dorme, uno fuma
ed intanto s'è fatta già l'una
fermiamoci, c'è l'autogrill

Pranzo speciale alla lista
e un autografo per il barista
ventimila compresa la frutta
un minuto per il caffè
si parte

Sull'autostrada del Sole
come sempre finisce che piove
vai più piano che c'è la stradale
se ci ferma facciamo qui
Natale

"Io questi qui li conosco"
al casello ci chiedono un disco
"Dove siete stasera a suonare?
Se non pago vi vengo a sentire!
Ma siete più belli in T.V."

Eccoci quasi arrivati
ci guardiamo sui muri incollati
e sbagliamo la strada e chiediamo
e poi regolarmente ci
perdiamo

Gente davanti al teatro
sarà meglio passare da dietro
preoccupato qualcuno ci aspetta
"Si comincia fra poco
fate in fretta!"
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Mi sentivo incredibilmente giù
te ne andavi improvvisamente tu
e non c'era assolutamente più
niente al mondo da fare
così
mi trovai
coi vecchi amici a far mattina
a festeggiare la fortuna
che non mi tormentavi più
e poi
su di te
mi raccontarono di tutto
che me l'avevan sempre detto
che io non ragionavo più

E mentendo incredibilmente io
dissi forte "Da oggi sono mio
mi appartengo, mi amo, abbasso lei
non la voglio vedere mai più!"

Li lasciai
che era già quasi fuori il sole
dissero tutti "Meno male
che adesso non ci muore più
per lei"

Mentre io
io stavo già come mi vedi
così col cuore sotto i piedi
pronto a non farcela già
più

Li lasciai
che era già quasi fuori il sole
dissero tutti "Meno male
che adesso non ci muore più
per lei"

Mentre io
io stavo già come mi vedi
così col cuore sotto i piedi
pronto a non farcela già
più

Mentre io
io stavo già come mi vedi
così col cuore sotto i piedi
pronto a non farcela già
più

Mentre io…
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
CERCAMI

 
      Lato B: 4
CALSSE '58

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Cercami
io sono nel mondo degli uomini
Cercami
nei mari che non traversammo mai
nel vento del primo mattino
Cercami
nel sole che scoppia di rondini
sul fiume che porta lontano
Cercami
nel mondo che vive più in là di noi

Vorrei farti un ritratto e stamparlo gigante
e la tua fantasia raccontarla alla gente
ma è nascosto agli sguardi
questo amore perfetto
quattro muri e un letto
non diventa più amore ma sopravvivenza
del tuo dolce silenzio non so fare senza
ma facciamo qualcosa
si può anche morire
stando qui a sognare

Cercami
io sono nel mondo degli uomini
Cercami
nei mari che non traversammo mai
nel sonno dell'erba di sera
Cercami
nei fuochi d'estate sugli argini
ai margini della pianura
Cercami
negli altri che piangono e ridono

Io ti voglio incontrare sulle strade del mondo
voglio fare un respiro e riempirmi di vento
ci dobbiamo svegliare
e guardare di fuori
noi non siamo soli

Cercami
negli uomini in mare che sognano
un pesce gigante e un'amante
Cercami
nell'alba fra il cielo e le fabbriche
nel traffico senza parole
Cercami
nei mari che non traversammo mai
e dopo parliamo di noi
Cercami
io sono nel mondo degli uomini
Na, na, na
Na, na, na, na, na, na, na…
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Un biglietto del tram
mille lire di film
e così
se ne va
la tua libera uscita
il tuo colpo di vita in città
se ne va

Sotto la luna le donne tra i fuochi di gomme di periferia
al tuo sguardo di gatto sperduto
han sorriso e han risposto "Ragazzo, fa presto!"
e ora torni a dormire con gli altri
col cuore per terra aspettando la guerra

Soldato d'Italia
che guardi la notte
in silenzio dai vetri del tram
Una birra, un juke box
la Domenica Sport
e così
se ne va
anche il giorno di festa
e l'angoscia è rimasta con te
più che mai

Tutta la gente lì intorno alla fine del giorno ha il suo letto di casa
mentre tu butti un anno di vita appoggiato a un fucile
di guardia a un cortile
La tua casa ha i balconi sul mare, c'è odore di viole nei giorni di sole
Un cespuglio di luci si specchia nel porto stasera
che è giorno di fiera

Soldato d'Italia
che ascolti il "Silenzio"
parlando a una fotografia
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
LA LEGGENDA DI MAUTOA

 
      Lato B: 5
IL RAGAZZO DEL CIELO (Lindbergh)

 
     

Autori: Facchinetti, D'Orazio

 
Testo:
Era solo e la sua storia alla luna raccontò,
l'eco ancora non dormiva e la voce gli rubò
la bagnò nel fiume
che la rese chiara
e dal cielo al monte
limpida risuonò
limpida risuonò

E sentendo quella voce dall'eco trasformata
gli si accese la speranza che lei fosse ritornata
gridò forte "Vieni!"
"Vieni!" sentì dire
Per la prima volta
solo non era più
solo non era più

Ogni notte, mille notti dal monte la chiamò
e di lei solo la voce non gli bastava più
la cercò lontano
scese fino al mare
l'eco senza cuore
non gli rispose mai più
non gli rispose mai più
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Canzian, Negrini

 
Testo:
E
la luna silenziosa
fu
stupita, fu curiosa
"Ma tu chi sei?
Perché tu sai
volare?"
Così parlò
la luna
all'aviatore

"Sai
quant'è lontano il mondo?
Sai
quant'è profondo il mare?"
Rispose lui
"Io devo
attraversare
aiutami
non farmi
addormentare"

Sull'Oceano Atlantico
la notizia passò
dalle Azzorre all'Africa
ogni nave svegliò
"Il ragazzo del cielo
è arrivato a metà
del suo viaggio da solo
forse ce la farà!"

La luna all'orizzonte
bagnò di luce
bianca la fronte stanca dell'uomo
finché a levante apparve il mattino

E nell'aria gelida
finalmente scoppiò
un'aurora magica
che la notte incendiò
e si accese il mare
sulla Porta dell'Est
poi l'Europa nel sole
dietro al porto di Brest

Non c'era più la luna
ma dove in quel momento
era notte c'è chi sorpreso
vide la luna fare un sorriso.
 
Fonte: QUI
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1978 - FANTASTIC FLY/ODISSEY (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 10:28 am

1. TITOLO:
 
1978 - FANTASTIC FLY/ODISSEY
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10140 # Data pubblicazione: Dicembre 1978 # Matrici: 2c 10140-1N/2c 10140-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 11 Dicembre / Tema della serie televisiva "Racconti Fantastici" / Collaborazione musicale di Pinuccio Pirazzoli / Registrato e mixato presso gli Studi Stone Castle di Carimate / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
I Pooh tornano ad occuparsi della colonna sonora di uno sceneggiato televisivo. Questa volta si tratta di una serie televisiva intitolata Racconti fantastici di Daniele Danza e Biagio Proietti, liberamente ispirata ad alcuni racconti del noto scrittore horror Edgard Allan Poe. Anche in questo caso come nel precedente episodio riguardante lo sceneggiato TV La gabbia siamo di fronte a brani esclusivamente strumentali.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione speciale servizio "JUKE BOX" vietata la vendita al puibblico
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
FANTASTIC FLY

 
      Lato B:
ODISSEY

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Pinuccio Pirazzoli
 
Testo:
Strumentale
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Pinuccio Pirazzoli
 
Testo:
Strumentale
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:34 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1979 - IO SONO VIVO/SEI TUA, SEI MIA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 2:06 pm

1. TITOLO:
 
1979 - IO SONO VIVO/SEI TUA, SEI MIA
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10180 # Data pubblicazione: Maggio 1979 # Matrici: 2c 10180-1N/2c 10180-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 16 Maggio / Assistenza musicale: Franco Monaldi / Registrato negli Studi Stone's Castle di Carimate (Milano) / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Primo dei due singoli dei Pooh che usciranno nel 1979, Io sono vivo ha il compito di accompagnare l'estate degli italiani di quell'anno e di anticipare l'album Viva che vedrà la luce, come spesso accade quando si parla di 33 giri dei Pooh, nel successivo mese di settembre. Il brano è esplosivo e ricco di vitalità (e non poteva essere altrimenti visto il titolo!) con un testo disinibito che all'inizio lascia qualche perplessità in Roby Facchinetti, superata - però - dall'opera di convinzione degli altri componenti della band. Anche questa volta il brano che occupa la facciata b) del 45 giri non verrà incluso nel nuovo album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
>
 
   
 
   
 
 
Versione promozionale, vietata la vendita al puibblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IO SONO VIVO

 
      Lato B:
SEI TUA, SEI MIA

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Pinuccio Pirazzoli
 
Testo:
Quando il vento della notte
lascia il posto all'aria chiara
molto mondo dorme ancora
io sono vivo

Quando il sole del mattino
fruga i tetti piano piano
pettinando la città
io sono vivo

Quando al buio ci si vede
quando la mia donna ride
quando la mia donna gode
io sono vivo

L'inverno va nei pesci a primavera
il mio segno è un corpo che respira

Io correrò
mi trasformerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
Stammi vicino volando con me, cadendo con me
con la luna dipinta che spunta alle spalle del mondo

Navigherò
mi trascinerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
stammi vicino volando con me
cadendo con me
nel tramonto d'arancia che accende la guancia del mondo

Quando il sole si distende
prepotente sulla strada
la mia mente è forte e nuda
io sono vivo

Quando un passo di violenza
lacera a metà un sorriso
non nascondo il viso mio
io sono vivo

Quando tra dolcezza e voglia
ogni cosa ti assomiglia
il mio sangue si risveglia
io sono vivo

L'inverno va nei pesci a primavera
il mio segno è un corpo che respira

Io correrò
mi trasformerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
Stammi vicino volando con me, cadendo con me
con la luna dipinta che spunta alle spalle del mondo

Navigherò
mi trascinerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
stammi vicino volando con me
cadendo con me
nel tramonto d'arancia che accende la guancia del mondo

Stammi vicino volando con me
cadendo con me.
Stammi vicino volando con me
cadendo con me...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Pinuccio Pirazzoli
 
Testo:
Ah, ah, ah, ah...
Noi siamo qui, evidenza e fantasia
Un respiro diverso nel mondo.
Fiori d'aria siamo noi, due satelliti d'argento
Due falchi protesi nel vento,
Canterò, graffierò, ruberò, mi venderò
Per scaldare, salvare qualcosa che vale
Per te per me.
Di fuoco, terra e d'aria siamo noi
Non puoi fermare questa forza che vola
Già da sola.
Sei tua, sei mia,
Accettati, proteggiti, sei tua, sei mia,
Bastardo od innocente che sia
Questo amore.
Ah, ah, ah, ah...
Noi siamo qui cancellati ed infiniti
Soffiati lontani dal mondo
Quando adesso arriverà
Scivolando addosso a noi
Il bisogno di uscire dal sogno,
Canterò, graffierò. ruberò, mi venderò
Per scaldare. salvare qualcosa che vale
Per te per me.
Di fuoco, terra e d'aria siamo noi
Non puoi fermare questa forza che vola
Già da sola.
Sei tua, sei mia,
Accettati, proteggiti, sei tua, sei mia,
Bastardo od innocente che sia
Questo amore.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:32 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1979 - VIVA (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 3:38 pm

1. TITOLO:
 
1979 - VIVA
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20162 # Data pubblicazione: Luglio 1979 # Matrici: 2C 20172-1L / 2C 20172-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrice: 9 Luglio / Distribuito da Messaggerie Musicali – Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Viva è il dodicesimo album del complesso musicale italiano dei Pooh, pubblicato nel 1979 dalla casa discografica CGD. Uscito verso la fine dell'estate, seguiva il singolo Io sono vivo.

Rispetto all'album precedente, Viva non presenta grandi differenze nei suoni, che vengono spesso da sintetizzatore e chitarra elettrica. Il disco si distingue soprattutto per un suo maggior dinamismo vitale. Il riferimento alla vita traspare già in diversi titoli dell'album ed è confermato dall'energia del fulmine che squarcia il cielo in copertina. La voglia di vivere esplode nel singolo, Io sono vivo, si ritrova nel brano omonimo strumentale rockeggiante (Viva) e traspare chiaramente anche nei testi di Tutto adesso e Rubiamo un'isola, alternandosi comunque alle atmosfere più soffuse di alcuni pezzi delicati (Una donna normale, Così ti vorrei). Con il brano autobiografico In concerto, in particolare, i Pooh ricordano la sensazione di solitudine che può comportare il loro mestiere di musicisti.

Alcuni coretti del disco (Notte a sorpresa) ricordano quelli dei Bee Gees, il complesso che a quel tempo esercitava il maggior influsso a livello mondiale.

Susanna e basta è dedicata al merlo indiano che aveva Red Canzian all'epoca. Contiene arrangiamenti spogli ed acustici fatta eccezione per l'introduzione fatta da un particolare effetto di chitarra elettrica.

Il brano L'ultima notte di caccia, anch'esso spumeggiante di vitalità, racconta la leggenda di un indiano d'America che viene ucciso in seguito ad un agguato tesogli da una donna bianca che gli mostra un certo interesse a sfondo sessuale, ma non fa che attirarlo in una trappola dove trova i suoi assassini. Chiude il disco il brano omonimo strumentale, che inizia senza soluzione di continuità con il precedente, con i sintetizzatori di Roby Facchinetti.

L'album costituisce uno dei maggiori successi di vendite dei Pooh (circa mezzo milione di copie).
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
   
 
   
 
 
Versione Musicassetta
 
      
 
      
 
 
Versione Stereo8
 
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 IO SONO VIVO
  • A2 NOTTE A SORPRESA
  • A3 UNA DONNA NORMALE
  • A4 TUTTO ADESSO
  • A5 ... IN CONCERTO


  • B1 RUBIAMO UN'ISOLA
  • B2 COSI' TI VORRE
  • B3 SUSANNA E BASTA
  • B4 L'ULTIMA NOTTE DI CACCIA (Powha l'indiano)
  • B5 VIVA
 
Lato A: 1
IO SONO VIVO

 
      Lato B: 1
RUBIAMO UN'ISOLA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Quando il vento della notte
lascia il posto all'aria chiara
molto mondo dorme ancora
io sono vivo

Quando il sole del mattino
fruga i tetti piano piano
pettinando la città
io sono vivo

Quando al buio ci si vede
quando la mia donna ride
quando la mia donna gode
io sono vivo

L'inverno va nei pesci a primavera
il mio segno è un corpo che respira

Io correrò
mi trasformerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
Stammi vicino volando con me, cadendo con me
con la luna dipinta che spunta alle spalle del mondo

Navigherò
mi trascinerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
stammi vicino volando con me
cadendo con me
nel tramonto d'arancia che accende la guancia del mondo

Quando il sole si distende
prepotente sulla strada
la mia mente è forte e nuda
io sono vivo

Quando un passo di violenza
lacera a metà un sorriso
non nascondo il viso mio
io sono vivo

Quando tra dolcezza e voglia
ogni cosa ti assomiglia
il mio sangue si risveglia
io sono vivo

L'inverno va nei pesci a primavera
il mio segno è un corpo che respira

Io correrò
mi trasformerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
Stammi vicino volando con me, cadendo con me
con la luna dipinta che spunta alle spalle del mondo

Navigherò
mi trascinerò
una goccia, un torrente, l'oceano sarò
stammi vicino volando con me
cadendo con me
nel tramonto d'arancia che accende la guancia del mondo

Stammi vicino volando con me
cadendo con me.
Stammi vicino volando con me
cadendo con me...
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, D'Orazio

 
Testo:
Portami via con te
rubiamo insieme un'isola
voglio dai piedi all'anima
sentirmi ancora mio

Apro le vele mie
verso orizzonti facili
ma il mare è sempre piccolo
visto dalla città

Prima che sia ieri
questo mio cantare
io mi inventerò
ali per volare

Come un pescatore
vivo e so di sale
voglio e non vorrei
sogno e mi risveglio
sempre sul mio scoglio

Portami via con te
con l'acqua nelle scarpe ma
col sole dentro l'anima
e un po' di tempo in più

Portami via con te
rubiamo insieme un'isola
voglio dai piedi all'anima
sentirmi ancora mio

Basta un po' di noia
a tagliarti il fiato
quando l'entusiasmo
muore appena nato

Io ti invidio forte
nel tuo strano andare
sei come ti vuoi
anche senza vento
riesci a navigare

Domani partirai
ultimo giorno utile
per cominciare a vivere
se vengo via da qui

Portami via con te
rubiamo insieme un'isola
voglio dai piedi all'anima
sentirmi ancora mio
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
NOTTE A SORPRESA

 
      Lato B: 2
COSI' TI VORREI

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Prendo la strada del centro
stasera non rientro da te
ormai
Lingua di menta fra i denti
pensieri distanti da te
ormai

È dissetante gustarsi la gente
tranquillamente così

Respirerò
tutta l'aria che c'è
notte a sorpresa lontano da casa
mi prende e mi dà
questa grande città
come una donna mi tenta
e diventa qua e là
malinconia
poesia
e fantasia

Piazza spazzata dal vento
io sono contento di me
perché
vivo, mi basto, mi spendo
nel mondo anche senza di te
ormai

Luna sorride fra nuvole rade
traccia le strade per me

Respirerò
tutta l'aria che c'è
notte a sorpresa lontano da casa
mi prende e mi dà
questa grande città
come una donna mi tenta
e diventa qua e là
malinconia
poesia
e fantasia

Qua e là
malinconia
poesia
e fantasia...
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, D'Orazio

 
Testo:
Eri così, così ti vorrei
troppo straniera la tua città
per non sentirti troppo lontana
se ti penso

La pioggia bagna quello che può
scorre sui vetri, poi se ne va
ma quando cade sopra la neve
lascia il segno

Un sorriso appena
a tutto il resto pensi tu
parli la mia lingua
dopo un po' ne so di più
e la notte corre
e di noia non ce n'è
la mattina dopo
respiravo
come te

Eri così, così ti vorrei
dai miei pensieri non te ne vai
ti sei aggrappata alla mia pelle
forte forte

Il vento soffia dal cielo in poi
spaventa vele e marinai
chi sa volare non si sorprende
non si arrende

Storia già decisa
la tua casa e io con te
leggere il futuro
nella tazza del caffè

L'innocenza appesa
coi vestiti
ed eri viva
è passato un anno
e ti sento
sempre mia

Eri così, così ti vorrei
e le certezze di un anno fa
restano chiare anche se i giorni
fanno tempo

Il vento soffia dal cielo in poi
spaventa vele e marinai
chi sa volare non si sorprende
non s'arrende
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
UNA DONNA NORMALE

 
      Lato B: 3
SUSANNA E BASTA

 
     

Autori: Battaglia, Negrini

 
Testo:
Era tardi e la gente tornava
il quartiere fuori ansimava rumori
di ragazzi in moto su pezzi di prato
e bambini in gioco e le cene sul fuoco
e nello strano sole dell'ora legale
dicevo "Sei una donna speciale per me!"
Le radio suonavano
Piano piano

L'aria di giugno si fece più viola
spogliava il sogno ogni nuova parola
disse "Questo, senti è un gioco perdente"
toccai fra i denti un dolore impotente
le finestre di fronte sbattevano al vento
pensai soltanto "Che ne facciamo di noi?"
E le radio suonavano

Taglia il tempo come falce
sembri forte e ti travolge
lei chinò la voce e disse "Mi dispiace
è una storia senza testa
è un bel sogno che non basta
sai da solo quel che c'era e quel che resta"

Dissi piano "Dammi una mano
eravamo in tanti, non c'è più nessuno
e vado avanti solo in un rovo di gente
in mezzo alla vita a sognare per niente"
Le finestre di fronte, occhi nel sole
lei disse "Sono una donna normale ormai"
Le radio suonavano

Taglia il tempo come falce
sembri forte e ti travolge
separò gli sguardi e disse "È troppo tardi
prima è stato quel che è stato
e sarà da ricordare
ma le storie vere non le puoi cambiare"

Dissi piano "Dammi una mano
a sentirmi ancora come eravamo"
Disse "Io non posso farci più niente"
Bruciava rosso il cielo a ponente
e fu del tutto sera e qualcuno tornava
tornava presto, e il resto fu andare via
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Canzian, Negrini

 
Testo:
Io la guardo e poi
le chiedo "Tornerai?"
Susanna appanna il vetro
e scrive "Aspetta"

Qualche volta già
lei fece il nido qui
Susanna se va via
non torna in fretta

Io non parlo più
è tutto déjà-vù
Susanna, un altro viaggio
un'altra attesa

Io non sarò mai
randagio come lei
Susanna se va via
non chiede scusa

Si sente in volo
si sente in corsa
semplicemente né per bene
né diversa
Susanna e basta
cattiva o buona
è una persona

Lei dipingerà
ritratti dentro i bar
sarà una gatta al sole
una straniera

C'è chi la vedrà
sorridere tra sé
passando a piedi un posto
di frontiera

Si sente in volo
si sente in corsa
senza biglietto di ritorno
nella borsa
se fa del male
non lo fa apposta
Susanna e basta
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
TUTTO ADESSO

 
      Lato B: 4
L'ULTIMA NOTTE DI CACCIA (Powha l'indiano)

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Sono stanco di essere buono e perciò
vado all'inferno
sono stanco di vivere in stato di shock
giorno per giorno
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso

Sono stanco di essere stanco perciò
fatemi strada
sono stanco di facce che dicono "No
stattene in coda!"
Da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso

Adesso, adesso
e togliersi via
le mani da addosso
la vita è la mia
che prenda o che dia
di più

Sono stanco di prendere il mondo com'è
non si respira
sono stanco di chiudermi dentro perché
non ho paura
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso

Adesso adesso
e togliersi via
le mani da addosso
la vita è la mia
che prenda o che dia
di più.

Sono stanco di farmi rispondere "No!"
È una prigione!
Sono stanco di essere buono perciò
fate attenzione
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini

 
Testo:
Batte il suo tempo sempre esatto
il forte tamburo del petto
cuore di guerra sempre attento
cuore di quercia nel vento

Luna di maggio brucia il legno
per una donna ed un sogno
biondi capelli, stretti fianchi
per una donna dei bianchi

Occhi di donnola, bocca di fragola
pelle di nuvola, freccia che penetra
Luna di maggio e gialla falce
grido d'amore dell'alce

Ombre di carri nella sera
fuochi di gente straniera
Fiamme che ballano, occhi di cenere
resta invisibile, l'attimo giusto verrà

Lei ha detto che verrà
e lingua di serpente lei non ha
nei suo corpo tiepido
la sete del tuo sesso scioglierà

Per altre notti ancora
il frutto si aprirà
il lupo di frontiera nutrirà

Stan giocando gli uomini
la bocca all'acquavite e gli occhi a lei
si sentono invincibili
non sanno che li guardi e che ci sei

La luna le sue spalle
d'argento vestirà
l'amante del ribelle lei sarà

Notte di corsa senza fiato
notte di volpe in agguato
batte coraggio nella pelle
fra l'agrifoglio e le stelle

Porta la donna tua dentro la terra tua
dentro la gente tua, dentro la storia tua

Fuochi nel campo tutti spenti
mordi l'attesa tra i denti
vengono passi sul sentiero
mordi tra i denti il respiro

Quella è la donna tua, quella è la forza tua
gli uomini pallidi non la vedranno mai più

Lei ha detto che verrà
e lingua di serpente lei non ha
sul tuo corpo d'albero
la seta del suo sesso scioglierà

L'aurora le sue spalle
di rosso vestirà
l'amante del ribelle lei sarà

Ultima luna del tuo viaggio
cuore di puma selvaggio
vengono passi sul sentiero
un lampo di luce uno sparo

Occhi di donnola, bocca di fragola
pelle di nuvola, freddo che penetra
Batte il suo tempo strano e stretto
il forte tamburo del petto

Cielo pesante come roccia
l'ultima notte di caccia
luna che scivola dietro una nuvola
fiato di polvere senza capire perché
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
IN CONCERTO

 
      Lato B: 5
VIVA

 
     

Autori: Facchinetti, D'Orazio

 
Testo:
È uno strano lavoro
queste luci invadenti
questi occhi curiosi
che ci studiano attenti
quest'attesa già accesa
che si tocca e la senti
non conosci nessuno
ti salutano in tanti, sì
ma tu qui davanti
ma tu cosa pensi
che ci dia
questa vita di più
quando tutti andate via?
Qualche storia in più
qualche sbaglio in più

La valigia già chiusa
per la prossima scena
non rimane mai niente
tante mani e nessuna
non rimane mai niente
solo prendere e andare
e di questo alla gente
non ne posso parlare ma
se tu sai guardare
più in là dove noi
torniamo noi
una storia vedrai
quella vera che non sai
ne parliamo se vuoi
ne parliamo se vuoi
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti

 
Testo:
Strumantale
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1979 - NOTTE A SORPRESA/TUTTO ADESSO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 5:08 pm

1. TITOLO:
 
1979 - NOTTE A SORPRESA/TUTTO ADESSO
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10230 # Data pubblicazione: Novembre 1979 # Matrici: 2c 10230-1N/2c 10230-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 16 Novembre / Lato A: Sigla della trasmissione tv "Domenica In" (Lino Procacci, 1979) / Collaborazione musicale di Gian Franco Monaldi / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Non c'è ombra di dubbio: anche se il successo dei Pooh è praticamente eterno, la produzione maggiormente apprezzata e ricordata è quella distribuita fra gli anni '70 e gli '80. In questo periodo tutti i loro dischi sono sinonimo di primo posto in hit parade ed alla cosa (ovviamente) non si sottrae nemmeno il 33 giri Viva dal quale viene estratto anche questo singolo e che lo precede di un mese nei negozi di dischi. Da notare che (come riportato in cover) il brano Notte a sorpresa viene utilizzato anche come sigla dell'edizione 1979 di Domenica in.. Inoltre, per la prima volta dopo Parsifal, da uno stesso album vengono estratti due 45 giri.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
NOTTE A SORPRESA

 
      Lato B:
TUTTO ADESSO

 
   

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Prendo la strada del centro
stasera non rientro da te
ormai
Lingua di menta fra i denti
pensieri distanti da te
ormai

È dissetante gustarsi la gente
tranquillamente così

Respirerò
tutta l'aria che c'è
notte a sorpresa lontano da casa
mi prende e mi dà
questa grande città
come una donna mi tenta
e diventa qua e là
malinconia
poesia
e fantasia

Piazza spazzata dal vento
io sono contento di me
perché
vivo, mi basto, mi spendo
nel mondo anche senza di te
ormai

Luna sorride fra nuvole rade
traccia le strade per me

Respirerò
tutta l'aria che c'è
notte a sorpresa lontano da casa
mi prende e mi dà
questa grande città
come una donna mi tenta
e diventa qua e là
malinconia
poesia
e fantasia

Qua e là
malinconia
poesia
e fantasia...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Sono stanco di essere buono e perciò
vado all'inferno
sono stanco di vivere in stato di shock
giorno per giorno
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso

Sono stanco di essere stanco perciò
fatemi strada
sono stanco di facce che dicono "No
stattene in coda!"
Da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso

Adesso, adesso
e togliersi via
le mani da addosso
la vita è la mia
che prenda o che dia
di più

Sono stanco di prendere il mondo com'è
non si respira
sono stanco di chiudermi dentro perché
non ho paura
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso

Adesso adesso
e togliersi via
le mani da addosso
la vita è la mia
che prenda o che dia
di più.

Sono stanco di farmi rispondere "No!"
È una prigione!
Sono stanco di essere buono perciò
fate attenzione
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:26 pm, modificato 3 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1980 - CANTERO' PER TE/STAGIONE DI VENTO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 6:44 pm

1. TITOLO:
 
1980 - CANTERO' PER TE/STAGIONE DI VENTO
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10271 # Data pubblicazione: Aprile 1980 # Matrici: 2c 10271-1N/2c 10271-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 14 Aprile / Collaborazione musicale di Gianfranco Monaldi / Copertina di Mario Convertino / Registrato e mixato presso gli Studi Stone Castle, Carimate (CO), da Ezio De Rosa / Distribuito da CGD Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
I Pooh iniziano il nuovo decennio, esattamente come avevano terminato il precedente. Infatti anche nel 1980 il mese di maggio vede nei negozi un nuovo singolo dei Pooh destinato ad essere gettonatissimo nei juke-box di quell'estate ed uno dei più venduti di quell'anno. Il 1980, in realtà si era aperto per i Pooh con l'album Hurricane che conteneva alcuni grandi successi della band reinterpretati in lingua inglese, ma come consuetudine si dovrà attendere l'ultima parte dell'anno per il nuovo album Stop nel quale troveranno posto, questa volta, tutti e due i brani del 45 giri.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
CANTERO' PER TE

 
      Lato B:
STAGIONE DI VENTO

 
   

Autori: Donato "Dodi" Battaglia, Valerio Negrini
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Stella di giorno, frutto d'inverno
io canterò per te
se ti senti un aliante che cade
strade d'aria avrai da me

Segretamente sopra la gente
io canterò per te
per fermarti nel viso il sorriso
che ora c'è

E canterò per te
forse hai bisogno solo di un sogno
ma io canterò per te

Tu sei
la bruciante fantasia
la corrente che porta via
confusione in mente, folla e follia

Tu sei
fra la gente che non è
e io canterò per te in faccia al mondo

Viola di Marte, sempre più forte
io canterò per te
come onda che viaggia alla spiaggia
le mie braccia avrai da me

Con i tuoi occhi quasi mi tocchi
io canterò per te
per averti domani nel mondo
via con me

E canterò per te
forse hai bisogno solo di un sogno
ma io canterò per te

Tu sei
la bruciante fantasia
la corrente che porta via
confusione in mente, folla e follia

Tu sei
fra la gente che non è
e io canterò per te in faccia al mondo

Non si può sbagliare, sei
l'altra parte del sole
sono pronto a farmi male con te

E via
dalla gente che non è
e io canterò per te in faccia al mondo.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Tempo per un caffè
piove addosso, che maggio è?
In viaggio per la città
paesaggio di faccia al bar

È peggio per chi sta solo
ho il vantaggio che aspetto lei.

E rido per fatti miei
sono spiccioli di poesia
passano i passi miei
su biglietti buttati via

La mia mente è un congegno a tempo
se io sogno mi sveglierà

Finalmente sta
per tornarmi lei
pagherei la cena al mondo
ma la gente sta
negli ombrelli e va
si confonde col tramonto

È stagione di vento
e adesso direi che è tempo di lei
ma se passa il momento
persona che va, un'altra verrà
è questione di tempo

Sbocciano qua e là
conigliette di piano bar
spuntano dai tassì
eccitante aspettare qui

La mia mente è un congegno a tempo
se io sogno mi sveglierà

Finalmente sto
aspettando lei
con lo sguardo attento al mondo
Non mi chiuderò
non mi spegnerò
al ritardo di un momento

È stagione di vento
e forse direi che è tempo di me
quando passa il momento
persona che va, un'altra verrà
è questione di tempo
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:23 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1980 - HURRICANE (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 9:16 pm

1. TITOLO:
 
1980 - HURRICANE
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20210 # Data pubblicazione: Marzo 1980 # Matrici: 2C 20210-1L / 2C 20210-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrice: 24 Marzo / Distribuito da Messaggerie Musicali – Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Hurricane ('Uragano') è il tredicesimo disco dei Pooh uscito nel 1980.

I Pooh decidono di cantare in inglese alcuni dei loro pezzi estratti dai Lp che vanno dal 1976 al 1978 avvalendosi di Teddy Randazzo (1935-2003), produttore italo-americano che in precedenza aveva collaborato, tra gli altri, con Frank Sinatra.

Dal punto di vista musicale, ai brani vengono aggiunti qua e là dei nuovi fraseggi e sonorità decorative (con l'aggiunta, in quasi tutti i brani, dell'orchestra sinfonica). Si tratta spesso di abbellimenti che in genere non verranno ripresi nelle successive esecuzioni dei pezzi. Se musicalmente l'album viene caricato di nuovi elementi, vale il discorso inverso per i testi, che si presentano in genere semplificati e sempre rivisti in chiave di prevedibili canzoni d'amore, tanto che il senso originale di alcuni pezzi (Pierre) viene semplicemente stravolto.

Dato che in precedenza si era del tutto rinunciato a ripubblicare la versione inglese di Linda, le canzoni finiscono per esser tratte, per la maggior parte, dall'album Rotolando respirando.

Il disco esce per il mercato internazionale nel 1979; secondo alcune fonti l'Italia non sarebbe stata prevista alcuna uscita della raccolta; altri indicano invece l'Italia come principale mercato obiettivo, fermo restando un certo interesse nei confronti del mercato giapponese; pare comunque che alla fine sia stato proprio quello italiano il mercato di maggiore diffusione per il disco.

Decisamente concepito per l'estero (Giappone) era il brano Love attack; si tratta di quasi nove minuti ispirati alla disco music che Teddy Randazzo aveva fatto suonare ai Pooh per promuovere il disco sul mercato nipponico. Il pezzo ripete parecchie volte testo e melodia di una stessa, brevissima strofa, intervallato da un assolo di basso, uno di tastiere ed uno di chitarra elettrica, per andare avanti nello stesso modo fino al finale, ottenuto in maniera originale combinando il sintetizzatore agli archi dell'orchestra; il gruppo decide di eliminare la canzone dalla versione italiana disco poiché ritenuta poco adatta al mercato Italiano.
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
Versione Musicassetta
 
      
 
      
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 HURRICANE (Rotolando respirando)
  • A2 I DEDICATE MY LOVE TO YOU (In diretta nel vento)
  • A3 FLOW (Ci penserò domani)
  • A4 A MILLION MILE FROM NOWHERE (La città degli altri)


  • B1 FADE AWAY (Pierre)
  • B2 CARE (Per una donna)
  • B3 GIVE ME ONLY THIS MOMENT (Dammi solo un minuto)
  • B4 READY, GET UP AND GOOD MORNING (Pronto, buongiorno è la sveglia)
  • B5 YOUR LOVE (Che ne fai di te)
 
Lato A: 1
HURRICANE (Rotolando respirando)

 
      Lato B: 1
FADE AWAY (Pierre)

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini, Randazzo
 
Note: "HURRICANE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Hurricane blown my way
Thunder ands lightning and clouds
There's no turning back
From all the wind and the rain.
Winds of change are comin' through
Ever since I looked at you
I knew then and there
That I was lost in your storm
We were meant to come together
Like a raging hurricane
Can you feel the force
Of love about to explode.
Caught in a storm of love and it's no illusion
It's got me hypnotized and it won't let go
It's getting closer
And I can't holdon now
Here comes the cyclone
And it's much too strong now.
It feels so good to be high
Soaring away in the wind
Love take me somewhere
Where I can be free again.
Here it comes to take me
And it won't be long now
The winds of freedom
Hear them scream and rage now
It's getting closer
And I can't hold on now
Here comes the cyclone
And it's much too strong now.
Hurricane blown in to mine
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini, Randazzo
 
Note: "FADE AWAY" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Fade away
Illusion in my mind please be gone
You're just a shadow of the past now
A vision of what couldn't last now leave me.
Fade away
And vanish from my dreams every night
Why does you memory still come stealing
Leaving this lonely empty feeling in me.
I near you calling in my reverie
Why do you still remain here
Haunting me endlessly.
Fade away
And let my life begin once again
Our love belongs to yesterdays now
Leave soft and vanish in the haze now quickly.
I see you smiling from a distant place
And as I reach to touch
I watch your face fade away.
I see you smiling from a distant place
And as I reach to touch
I watch your face fade away.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
I DEDICATE MY LOVE TO YOU (In diretta nel vento)

 
      Lato B: 2
CARE (Per una donna)

 
     

Autori: Battaglia, Negrini, Randazzo
 
Note: "I DEDICATE MY LOVE TO YOU" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Changing
My life's taking on a new meaning
I'm learning to flow with
The games that once bound me
And I'm beginning to be free.
Loving
Is never the wanting or needing
And loving yourself is
The key to all being
I'm just beginning to be me.
And though I walk through the night
In the shadow of darkness
It's starting to turn into a pale shade of light.
Getting brighter with each moment of living
And I thing it's gonna be all right.
If it wasn't for you I never would have made it
I'm grateful to you for giving me the key
If it wasn't for you I never would have faced it
I dedicate my love to you only you.
Giving
Is a magical reason for living
And you gave me moments
That I ever will treasure
No matter where and come what may.
And though I walk through the night
In the shadow of darkness
I know deep inside it's gonna be all right.
Getting higher with each breath I'm breathing
And I'm beginning to see the light.
But if there wasn't you I never would have made it
I'm grateful to you for giving me the key
If it wasn't for you I would have just forsaken it
I would have faked it if it wasn't for you.
Closer
Than any dream can imagine
From this very moment
To the end of forever
I dedicate my love to you.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini, Randazzo
 
Note: "CARE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Care for a woman that cares for you
And she'll never go astray
Care for the woman who shares your life
With kindness and warmth everyday
Care for your woman and open wide
Say all the things you're feeling inside you
Tell her tell her you care.
Stand by a woman who's lost her way
And she'll always be in sight
Stand by the woman when she's in darkness
And you'll be her guiding light
Stand by your woman when she needs you there
And tell her you want her you need her and love her.
Tell her tell her
And make her really feel
That your love is real
Do and she'll give to you
Just take the time to know her
Do your best to show her
Care if you care about her
You'll never be without her.
There was a woman who gave herself
No matter what price it cost her
There was a woman for me alone
But I didn't care and I lost her
If you have a woman then hold her dear
Just reach out and touch her whenever she's near you.
Tell her tell her
The little things you feel
That your love is real
Do and she'll give to you
Just take the time to know her
Do your best to show her
Care if you care about her
You'll never be without her.
There was a woman for me alone
Now she's gone and I care.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
FLOW (Ci penserò domani)

 
      Lato B: 3
GIVE ME ONLY THIS MOMENT (Dammi solo un minuto)

 
     

Autori: Battaglia, Negrini, Randazzo
 
Note: "FLOW" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
There you go
All of your feelings are starting to show
And there I go
I'm feelin' the heartache again' 'cause I know
I'm unable to fight it
Here they come
My eyes can't hold on to the teardrops
Falling down like rain
Don't now
I swear I don't know how to leave you
Girl I just don't know.
Look at me
Just look with your heart for a moment and see
I really to love you
What to say
I can't seem to find any words left to say
Except that I love you
You and i
Somehow I just never imagined
We would ever part
But now
There's no way for you to deny it
I know it's in your heart.
Flow just let it go
And do all the things you feel inside
What else can I say
It's meant to be
I gave you my best
At least I tried.
Go away
Before I go crazy and beg you to stay
A little bit longer
Let it be
What good would it do anyway I can see
The hurt would be stronger
Fare the well
And remember no matter what happens
That I will always love you
And then
You change your mind and you need me
I'll take you back again.
Flow just let it go
And do all the things you feel inside
What else can I say
It's meant to be
I gave you my best
At least I tried.
Go away
Before I go crazy and beg you to stay
A little bit longer
Let it be
What good would it do anyway I can see
The hurt would be stronger
Fare the well
And remember no matter what happens
That I will always love you
And then
You change your mind and you need me
I'll take you back again.
Flow just let it go
And do all the things you feel inside
What else can I say
It's meant to be
I gave you my best
At least I tried.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini, Randazzo
 
Note: "GIVE ME ONLY THIS MOMENT" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
I know you never had to speak a word
I know the way you feel inside you
And tho' you try to hide it
There is no need denying
You know it's meant to be girl.
You see you're like the other side of me
We both know where it's going
No use to turn away
You know I'm gonna love you
It's just a breath away now.
Give me only this moment lost in your magic
To last me for ever
Let me burn in the fire and feel the desire
That rages inside you
Let's be reborn in this moment right now.
Give me only this moment lost in your magic
To last forever
Let me burn in the fire and feel the desire
That rages inside you
And we'll be reborn for the moment right now.
And then I'll watch you slowly slip away
And I won't turn to follow
For us there's no tomorrow
But we can have this moment
To last our whole life through girl.
Give me only this moment lost in your magic
To last forever
Let me burn in the fire and feel the desire
That rages inside you
Let's be reborn in this moment right now.
I know you never had to speak a word
I know the you inside you.
Love me now for this moment that we have together
Love me now for this moment must last forever.
Love me now for this moment that we have together
Love me now for this moment must last forever.
Love me now for this moment that we have together
Love me now for this moment must last forever.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
A MILLION MILE FROM NOWHERE (La città degli altri)

 
      Lato B: 4
READY, GET UP AND GOOD MORNING (Pronto, buongiorno è la sveglia)

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
 
Note: "A MILLION MILE FROM NOWHERE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Each day I get up early in the morning
Make some breakeasy and I read the papers
Have a cup of coffee myself together
The train won't wait forever.
Another day to make another dollar
A lot of day dreams till I reach the station
Swallowed by the city in a sea of faces
Just scurrying to different places.
I know somebody I'll pack my things and I'll go
Somehow I'm gonna find a way to be free
You and me we'll find ourselves an island
A million miles from nowhere.
Every day I dream the same old story
And every time I do the day seems longer
Swallowed by the city in a sea of faces
Just scurrying to different places.
I know someday I'll pack my thing and I'll go
Somehow in gonna find a way to be free
You and me well find ourselves an island
A million miles from newhere.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
 
Note: "READY, GET UP AND GOOD MORNING" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Ready get up and good morning
Take a lock at a day of forever
World I'm giving you more than fair warning
That I'm getting my motion together
And I'm coming through here I go.
Joggin' at five for an hour
And at six do some deep meditation
Gonna have a good breakfast at seven
And by eight I'll be down at the station
I'll be at the office at nine.
Writing some words and some music
Turn the radio on and just listen
Get a winner idea and don't lose it
'Cause from this moment on I'm insistin'
On writing a hit song a day.
Life is a song for song writers
I'm a writer of song's and I love it
Just in making it all come together
Is the boy of my life with none above it
Lunch break at noon and I'm ready
To write on with a some new inspiration
And work on till I get it completed
Then I pack up my things head for the station.
Back on the train for some dreamin'
I get home by a quarter to seven
Make a date for some dinner and groovin'
Then get rack into bed 'bout eleven
A little TV and to sleep.
Ready get up and good morning
Take a lock at a day of forever
World I'm giving you more than fair warning
That I'm getting my motion together
And I'm coming through here I go.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 5
YOUR LOVE (Che ne fai di te)

 

Autori: Facchinetti, D'Orazio, Randazzo
 
Note: "YOUR LOVE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
Testo:
Caught in the web of a spell
That goes on and on and on
Lost in a dream ever more
Flowing from a magic wand

I like these changes inside of me
I've touched your magic
And I can't believe it
What I'm feeling
All I want is you to hold me tight

And I dream about it
Every morning
Through the evening
Every day and night
Your love
Your love

Sailing along on a sea
Made of rainbows through the sky
Drifting away to a love
Always near and never far

And each new moment is better than the last
Forever flowing
And I can't believe it
How I'm feeling
All I want to do is hold you tight

And I dream about it every morning
Every evening every day and night
Your love
Your love

Your love
Your love
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1980 - STOP (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 12, 2019 10:48 pm

1. TITOLO:
 
1980 - STOP
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20225 # Data pubblicazione: Novembre 1980 # Matrici: CGD 20225 1-N/CGD 20225 2-N # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data Matrici 26 Novembre / Stampa: Reparto Tipografico CBS Sugar / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Stop è il quattordicesimo album dei Pooh pubblicato nel 1980; ne sottolinea il volto rock.

Il disco
La scelta rockeggiante degli arrangiamenti è già evidente nel singolo uscito in precedenza, Canterò per te, la cui musica è composta da Dodi Battaglia (fatto insolito per un singolo dei Pooh).

La copertina del disco, disegnata in un vistoso giallo, riproduce i Pooh in una scena metropolitana sommersa dai grattacieli. Sono occupati nel tentativo utopico di fermare il tempo, rappresentato nel disegno da un metronomo. Questo elemento decorativo venne utilizzato nella scenografia dei concerti successivi all'uscita del disco.

L'album riporta quasi fotograficamente, delle scene per lo più di carattere urbano e dal testo di sapore quasi sempre romantico (Vienna, Stagione di vento, Quasi città, Aria di mezzanotte). Per la prima volta, Red partecipa alla stesura musicale di due brani nello stesso disco. Completamente in opposizione agli altri brani, tutti rockeggianti, si trova la malinconica canzone Ali per guardare, occhi per volare: posto alla fine della prima facciata del disco, il brano è realizzato quasi senza percussioni; prevede invece il ritorno dell'orchestra di Gianfranco Monaldi, che tanto aveva contribuito al successo dei Pooh nella prima metà degli anni settanta.

Come di consueto in questo periodo discografico dei Pooh, completa l'album un brano di soggetto storico-leggendario: viene descritta la spietata colonizzazione del Sudamerica da parte dei Conquistadores nel XVI secolo. La canzone narra l'episodio dell'uccisione di un Inca; pare raccolga le impressioni di Valerio Negrini raccolta durante un viaggio in Perù.
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
Versione Musicassetta
 

 
   
 

I Pooh in un'immagine del 1980

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 CARO ME STESSO MIO
  • A2 STAGIONE DI VENTO
  • A3 ARIA DI MEZZANOTTE
  • A4 VIENNA
  • A5 ALI PER GUARDARE, OCCHI PER VOLARE


  • B1 CANTERO' PER TE
  • B2 ARIA DI MEZZANOTTE
  • B3 QUASI CITTA'
  • B4 GATTO DI STRADA
  • B5 INCA
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Button.png?t=n.b

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Button
 
Lato A: 1
CARO ME STESSO MIO

 
      Lato B: 2
ARIA DI MEZZANOTTE

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Tutto mi sembra imperfetto, contatto non c'è
Faccio una doccia, la faccia allo specchio com'è?
Non mi somigli più, davvero
caro me stesso mio
Cosa è successo? Adesso ci penso io

Telefoniamo a una certa persona che sai
e recitiamo la scena che ho fretta di lei
tempo mezz'ora e di corsa
nostra signora è qui
gli altri problemi vanno a domani

Voglio tempo io, voglio aria
qui ce l'hanno con me
ma io sto attento
e a difendermi come posso
ci so fare da Dio
caro me stesso mio

Scatta un riflesso, il mio sguardo si sveglia di già
come un diamante che spacca lo specchio a metà
E ci vediamo già più chiaro
caro me stesso mio
tutti i problemi vanno a domani

Voglio tempo io, voglio aria
qui ce l'hanno con me
ma io sto attento
e a difendermi come posso
ci so fare da Dio
caro me stesso mio

E a difendermi come posso
ci so fare da Dio
caro me stesso mio
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinatti, Canzian, D'orazio
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Era cresciuta in fretta più
di qualche stagione fa
sognava a testa bassa
tra i respiri della città
"Vorrei
vorrei
chissà cosa mai vorrei..."
pregava spegnendo la luce

Lui era nato al porto
ma non era partito mai
sempre col fiato corto
rimandava il domani a poi
"Di lei
di lei
diceva non morirei..."
ma poi non ci dormiva la notte

Notte improvvisa, domenica spesa tra novità
Ridono insieme, s'è arresa l'attesa, sarà chissà?
Ed eccoli qui
giocando a sognare
a dirsi promesse
a darsi parole
a farsi l'amore

Aria di mezzanotte
fra un minuto è già lunedì
l'alba ha le scarpe rotte
ma tra poco sarà già qui
Vedrai
vedrai
accendono la città
e spengono insieme la notte

Notte che passa, ma resta la festa finché sarà
forse per gioco, per sempre, per poco sarà, chissà?
E restano qui
a darsi parole
le barche alla corda
aspettano il sole
e un giorno migliore

E restano qui
a darsi parole
le barche alla corda
aspettano il sole
e un giorno migliore.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
NUMERO UNO

 
      Lato B: 3
QUASI CITTA'

 
     

Autori: Facchinetti, D'Orazio
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Tu, grande artista,
sempre a galla, un po' equilibrista
numero uno
dopo te non ce n'è per nessuno

Hai talento da spendere
tasche grandi, pazienza corta
e pochi però

E appena nato
la tua culla già sembra un teatro
da dove ti inventi
per l'attenta platea di parenti

Mangi pane e genialità
istrione per vocazione
ed eccoti qua

Venditi, venditi subito
prima che la fortuna si svaluti
Vai che adesso il gioco tocca a te
tira su finché ce n'è

Tu di gran moda
vai a ruba dal palco alla strada
chissà se per sbaglio
con i tuoi riflettori al guinzaglio

Faccia sempre probabile
occhio buono della domenica
aria da re

Venditi venditi subito
prima che la fortuna si svaluti
Vai che adesso il gioco tocca a te
tira su fin che ce n'è.
sei bella
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Che malinconia
provincia di fabbriche e motel
campagna del nord di quasi città
di treni che passano

Che malinconia
pensavi "Mi sto buttando via
la grande città che sonno non ha
mi aspetta per vivere"

Dietro gli occhiali da sole
l'uomo disse "Bella
vieni qui
io posso farti volare
farti diventare
ciò che vuoi"

Che malinconia
Milano che cerca compagnia
lui disse "Tu sei da fotografia
sei quella che aspettano"

Caso di sospetta simpatia
due armi sapienti gli occhi suoi
American Bar di periferia
un mondo di uomini

Sguardi, sorrisi, parole
vino freddo in gola
libertà
sabato sera speciale
quel che vuole prende
la città

Che malinconia
Milano che cerca compagnia
la breve allegria si sbriciola già
sei solo un giocattolo

Scale senza luna casa sua
ti accorgi che sai come sarà
vuoi dire di no, andartene via
ma i muri si muovono

Che malinconia
buttare le spalle in un tassì
e uscire dal film nell'alba che spia
di treni che partono

Viaggio di lentissima agonia
stazione - prigione - nostalgia
di quasi città, che sia come sia
finestra da chiudere
per provare a non sognare più.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
VIENNA

 
      Lato B: 4
GATTO DI STRADA

 
     

Autori: Battaglia, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Donna sul ponte alla Porta dell'Est
passa un filo di nuvole sugli occhiali di lei

Vienna leggera, catturami un'altra volta
con i miei nodi da sciogliere
fra le mani di lei

Aria d'argento soffia dall'Ungheria
come un serpente domestico il Danubio va via

Vienna pastello, cancellami la frontiera
con tutti i voli che partono
e ogni treno che va

Fari di sole fragile
occhi di smalto blu
e il passaporto pesa sempre più

Giugno dai muri tiepidi dietro le labbra di lei
mentre mi prende e mi risponde e mi pretende qui

Donna alle spalle alla Porta del Sud
ed un riflesso che scivola fra le ciglia di lei

Vienna, sospesa nel sogno di luna nuova
è una ferita fra gli alberi
l'autostrada che va

Sorsi di buio limpido
bagnano gli occhi miei
ma non so mai fermarmi, come mai?

Vienna di legno e fragole
resta nel sogno con lei
c'è un orizzonte troppo presente che mi pretende già

Vienna per niente
per andarsene
come al solito.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Canzian, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Punto il dito nel cuore
dell'Europa
sono qui

Dorme al sole il motore
risvegliare
non si può

Nel mezzogiorno giallo di grano io
mi sdraio all'ombra dell'ombra mia

Punto i gomiti al cuore
della terra,
sono qui

Fresche spine di birra
nelle vene
penso a me

Completamente gatto di strada che
dovunque vada resiste e
conquista un posto per sé

E viaggia insieme a me la tempesta
che spettina i pensieri in testa a chi
pretende di cercarmi
dentro
di sapere il centro mio

Perché non siete qui tutte quante
a spingere il mio carro che non va
in mezzo a questo niente
strano
da deserto indiano?
Qui vi vorrei

Pianto gli occhi nel cuore
del silenzio
penso a chi
mi dovrebbe aspettare
non si muore
non per me
completamente gatto selvaggio che
se vale il viaggio si muove e
ti trova e arriva da te

E viaggia insieme a me la mia pelle
che accende le tue stelle, se ne hai
se non ho fatto in tempo
oggi
domani mi vedrai
perché non basti tu nella mente
a spingere il mio carro che non va
in mezzo a questo niente
strano
da deserto indiano
non ce la fai.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 5
ALI PER GUARDARE, OCCHI PER VOLARE

 
      Lato B: 5
INCA

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Svegliai
tra i pensieri il sogno
entrai
nell'idea di te
fermai
fra le labbra il tempo
contai
una luna in più

Non c'è
primavera al mondo
se tu
non ti ascolti dentro
la mia luna è piena
cosa fai lontana?

Passò
sulla fiamma il vento
svegliò
molte stelle in più

Se avrai
ali per guardare
se avrai
occhi per volare
per confini aperti
non dimenticarti
di me
di me.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Disse il soldato al suo re
"Nuovo mondo tu avrai
dammi tempo e vedrai"

L'indio il coltello puntò
sulle stelle a ponente e le navi contò
poi disse "Oltre il mare c'è il niente
chi viene dal niente nemico non è"

Dentro la città dai muri d'oro
ai soldati il fiato si fermò
sopra l'innocenza del giaguaro
l'aquila cristiana si gettò

L'indio il coltello puntò
contro il sole, "Tu farmi del male non puoi!"
Abbassò le braccia ai fianchi e disse "Fermati!
Mille volte puoi colpirmi e non cadrei!"

Una strana meraviglia prese gli uomini
il bandito di Castiglia chiese a lui
"Tu paura non hai
ti fai gioco di noi
il tuo trucco qual'è?"

Notte di fortezza e fiamme d'oro
disse l'Inca "Uccidimi e vedrai
vedrai con quei tuoi occhi di sparviero
il sole aprire ancora gli occhi miei!

L'alba tra un po' spezzerà
le tue armi, tu farmi del male non puoi!"
Ma quel sogno fu silenzio e cadde fragile
ed il cuore di smeraldo si fermò
poi le spalle della notte si incendiarono
e quel sole il Re del sole non svegliò

Le navi il soldato riempì
e con l'oro partì
col permesso di Dio.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1981 - CHI FERMERA' LA MUSICA/BANDA NEL VENTO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 10:14 am

1. TITOLO:
 
1981 - CHI FERMERA' LA MUSICA/BANDA NEL VENTO
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10334 # Data pubblicazione: Aprile 1981 # Matrici: 2c 10334-1N/2c 10334-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 21 Aprile / Collaborazione musicale di Gian Franco Monaldi / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
I mitici anni '70 sono alle spalle, ma per i Pooh la musica non cambia. Sono sempre ai vertici delle classifiche. E così nel 1981 sfornano questo 45 giri nel quale loro stessi dicono che la musica non si può fermare e con la musica non si fermeranno nemmeno i Pooh, che diverranno uno dei gruppi più longevi e con la formazione in assoluto meno modificata, della nostra musica leggera. Sul retro Banda nel vento che continua un po' il tema autobiografico di Pronto buongiorno è la sveglia e che proseguirà nella successiva Anni senza fiato. Il singolo anticipa di qualche mese l'uscita dell'album Buona fortuna ed è accompagnato da un simpaticissimo vedeoclip nel quale i Pooh nonostante alcuni problemi occorsi durante il viaggio riescono comunque a suonare nel posto prestabilito a testimonianza che in quegli anni proprio niente e nessuno poteva fermare la musica dei Pooh.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
CHI FERMERA' LA MUSICA

 
      Lato B:
BANDA NEL VENTO

 
   

Autori: Facchinetti, Negrini
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Ora si respira hai travolto
la mia barriera una polveriera!
Quante donne che sei stasera
tastiera che suoni per le mie mani
luna a cui mando i miei aeroplani
stai cambiando i suoni alla mia musica.

Buona primavera per chi vola
non c'è frontiera bevo per chi è
bravo a mangiarsi la vita vivo
per quelli che vanno in amore
spesso per te che mi cambi colore
addosso per me stesso
cambio pelle e stelle io.

Chi fermerà la musica
l'aria diventa elettrica
e un uomo non si addomestica
le corde mi suonano forte
la molle è carica.

Chi fermerà la musica
quelli che non si sbagliano
quelli che non si svegliano
stanno nei porti a tagliarsi le vele
tu parti nel sole con me.

Ero barricato nel mio spazio come
un bandito brava mi hai colpito
ti ringrazio non hai sbagliato.

Mi hai dato contatto alla mia maniera
sospetto che stai per costarmi cara
l'aria è troppo chiara per nascondersi.

Chi fermerà la musica
l'aria diventa elettrica
e un uomo non si addomestica
le corde mi suonano forte

Chi fermerà la musica
quelli che non si sbagliano
quelli che non si svegliano
stanno nei porti a tagliarsi le vele
tu parti nel sole con me.

Buona primavera per chi vola non
c'è frontiera ora si respira
quante donne che sei stasera.
Chi fermerà la musica.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Facchinetti, Negrini
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Era quasi estate quasi troppo tempo fa
l'affitto era un biglietto d'autostrada
vada come vada deve andare a modo mio
era sotto carica
la macchina della musica
quasi estate qualche estate fa.

Nel vento di duecento mesi fa
questa banda è scesa in pista
appesa a quattro lune di passaggio
notti di viaggio, gatti da battaglia
tamburi rotti per l'Italia
e tenere carica
la macchina della musica
con un amore a testa ogni città.

Vorrei, vorrei riavvolgere il nastro un po’
per chi non sa di quel nostro tempo là
per me, per noi, per te che non viaggi più
con me, con noi
nel coro ci sei anche tu.

Letti da poco, poker da mille lire, dormire mai
Bari-Torino, espresso del Levante
alta corrente addosso la prima volta di hit parade
gente a tenere carica la macchina della musica
tante persone a testa ogni città.

Vorrei, vorrei riavvolgere il nastro un po’
per chi non sa di quel nostro tempo là
per me, per noi, per te che non viaggi più
con me, con noi
nel coro ci sei anche tu.

L'aria è rimasta giusta addosso a noi
questa banda è ancora in pista
basta tenere carica la macchina della musica
e ritrovarsi amica, ogni città.

E vorrei, riavvolgere il nastro un po’
per chi non sa di quel nostro tempo là
per me, per noi, per te che non viaggi più
con me, con noi
nel coro ci sei anche tu.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:17 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1981 - BUONA FORTUNA (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 3:51 pm

1. TITOLO:
 
1981 - BUONA FORTUNA
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20264 # Data pubblicazione: Giugno 1981 # Matrici: 2c 20264-1L/2c 20264-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 12 Giugno / Collaborazione musicale di Franco Monaldi / Copertina apribile a libretto con all'interno i crediti e fotografie dei quattro Pooh - Busta interna con i testi delle canzoni (vedi link "Altre immagini") - Copertina di Mario Convertino - Disegni di Jolanda La Nero - Fotografie di Angelo D'Eligio / Registrato da Briam Humpries nello studio Idea Recording di Milano / Distribuito da CGD Messaggerie Musicali - Milano / Formazione: Dodi Battaglia - chitarre, voce; Red Canzian - basso, voce; Stefano D'Orazio - batteria, percussioni, voce, gong, flauto, armonica; Roby Facchinetti - pianoforte, piano elettrico Fender Rhodes, tastiere, voce
 
 
2. RECENSIONE:
 
Buona fortuna è un album del gruppo italiano dei Pooh, pubblicato il 20 giugno 1981. Risulta essere uno dei dischi più venduti del gruppo, piazzandosi al 5º posto della Hit parade annuale. È rimasto in testa alle classifiche per 9 settimane consecutive.

Il disco
L'album dei quindici anni di attività del gruppo segna anche qualche importante novità dal punto di vista sonoro. Infatti, come ingegnere del suono viene chiamato Brian Humphries che in precedenza aveva lavorato con i Pink Floyd. Il suo apporto si farà sentire fino ad un certo punto.

La copertina riporta i simboli della fortuna, coccinella e quadrifoglio, su sfondo bianco.

Due canzoni di Stefano vengono utilizzate per un singolo (Buona fortuna/Lascia che sia). Con il brano omonimo, che apre la prima facciata, i Pooh tornano a cantare un brano a quattro voci alternate, su richiesta di D'Orazio, e da questo album diventerà un punto fisso nei loro album. Con Banda nel vento il gruppo celebra il quindicennale della fondazione. In Gente della sera Negrini descrive la varia umanità che si può incontrare in una notte feriale alla stazione di Milano Centrale. Il lato B si apre con Fuori stagione, brano rock con una ritmica sincopata che dà il "la" alla malinconica Dove sto domani, caratterizzata dal basso fretless di Canzian: in questo brano si narra la continuazione amichevole del rapporto tra una donna ed un uomo anche dopo la fine dell'amore. Segue il brano Replay, su una musica di Canzian, per il quale Negrini scrive un testo pregno di sensazioni della sua gioventù e di quella del bassista. Il brano più noto è Chi fermerà la musica, utilizzato come singolo principale del 1981.

Nel complesso questo LP mostra, insieme a ...Stop, il volto più rock del complesso.
 
Fonte: QUI

 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione Musicassetta
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Button.png?t=n.b

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Button
 
Lato B: 1
FUORI STAGIONE

 
      Lato B: 2
DOVE STO DOMANI

 
     

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Malinconia di mezza stagione, dammi ragione, come si fa.
Come si fa a sedersi in un ristorante da soli in questa città
come una sentinella con zero idee
guardo chi va e chi viene, non mi voglio per niente bene.

Ora mi faccio dare coraggio dalla signora bionda del bar,
tra le bottiglie multicolori l'aria di molti amori ce l'ha;
mette nel conto un mezzo sorriso in più,
pesca nei suoi pensieri, si ricorda con chi ero ieri.

E invece io non voglio pensarci più,
fuori stagione in lista non ci sei più,
metto le cose in fila che eran cadute un pò,
quella che mi consola la troverò.

La mia stazione giusta chissà qual è,
fuori stagione costa pensare a te,
meglio tenersi in tasca
quello che ancora c'è
mangio dell'uva fresca finché ce n'è.

Gusti di vino forte si parte in fretta a parlarsi addosso così,
l'occhio mi fa da spia che le cose dentro non stanno proprio così,
è un gatto con molte code la vita mia,
basta tirarne una e poi che fosse la volta buona.

Tanto sbagliare tutto o sbagliare no
fuori stagione troppo io non ci sto
notte di mezza luna, fammi lo sconto tu,
fuori stagione non ci sto dentro più.

Tanto sbagliare tutto o sbagliare no
fuori stagione troppo io non ci sto
notte di mezza luna fammi lo sconto tu
fuori stagione non ci sto dentro più.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Terrò la bocca chiusa, cambia la luna e sono in più
non c'è che da decidersi che non funziona più
farò una grossa spesa e ricomincerò.

Sarò di un'altra casa, cambio telefono e città
gli amici da dividerci, sarà una novità
la mia valigia pesa ma tutto non ci sta.

Prendo soltanto la mia vita con me
cambiano posto i giorni miei
col resto fanne ciò che vuoi.

E se domani mi cercassero qui
non dire a tutti: non lo so
tu lo sai bene dove sto
domani.

Farò i miei viaggi ancora con la compagnia che tu sai
da solo non so vivere e non ne ha colpa lei
ma tu comunque sia non ti buttare via.

Prendo soltanto la mia vita con me
sappiamo tutti e due perché
prenditi tempo e pensa a te.

Io questa cosa lo so sempre dov'è
anche se il conto è chiuso ormai
dimmi ogni tanto cosa fai.

Prendo soltanto la mia vita con me
cambiano segno i giorni miei
ma se hai bisogno tu lo sai che
da questa casa puoi fidarti di me
strade diverse da oggi in poi
ma dimmi sempre come stai.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
COMPLEANNO DI MAGGIO

 
      Lato B: 3
REPLAY

 
     

Autori: Donato "Dodi" Battaglia, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Buonanotte domenica di campagna e malvasia
metto un filo di musica per la nostra fantasia
l'autostrada stasera quanti occhi che ha
l'aria è fresca e leggera e ci sveglierà.

C'è l'Italia sonnambula che ci porta via con sé
buonanotte alla nuvola e alla luna che non c'è,
quattro ore di viaggio alla nostra città
compleanno di maggio non mi cambia l'età.

Mezzanotte tra un attimo sento forte il sapore di te
voglio farti un amore che ti parli di me
mi fai voglia di esistere è una bella fortuna lo sai
la città più vicina viene a letto con noi.

Mezzanotte di fragole, poesia di un motel
sta piovendo su Modena, c'è bisogno qui di te
si riparte domani, stiamo bene con noi
buonanotte autotreni che non dormono mai.

Mi fai voglia di esistere buonanotte al profumo che sei
batte l'acqua sui vetri, buonanotte anche a lei
io nascevo un minuto fa, posso nascere ancora se vuoi
ma se il sonno ci sfiora buonanotte anche a noi.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Bruno Canzian, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Un replay, prova a immaginarmi senza dire una parola,
dammi pochi soldi come ai tempi della scuola;
treno e sigarette la domenica mattina diciassette anni e tanta musica che suona.

Fermami, sto per ritrovarmi quando stavo ancora solo,
quando le mie donne le vestivo con il cielo;
caldo di ragazza dentro un cinema che fuma
quando si piangeva per non ridere alla luna.

Vorrei passare il segno con te
con cinquemila gradi di voglia
in un torrente di sole.

Vorrei lasciare il segno di me
sui muri di una notte d'estate
scrivendo "gente volate".

Un replay: sono in una piazza nella neve ad aspettare
con le chiavi in tasca per un letto di due ore
con le mie poesie piegate a lettera d'amore
piene di politica e di nuvole leggere.

Vorrei passare il segno con te
riavere la paura di un figlio
farci arrestare e sognare.

Ma c'è stagione a tutto si sa,
il tempo è un batterista che tira,
piedi per terra che è ora.

E c'è stagione a tutto si sa
il tempo è un batterista che tira
piedi per terra che è ora.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 5
GENTE DELLA SERA

 
      Lato B: 4
FOTOGRAFIE

 
     

Autori: Camillo "Roby" Facchinetti, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Notte di Luglio feriale, Milano centrale
un caldo di Dio.
Persone in stazione a dormire, a rubare, a fumare
a cambiare città
qui c'è di tutto, è il casello del mondo si sa.

Gente della sera, chi l'ha detto che fate paura
sarabanda di folletti e bambole
siamo tutti innocenti a quest'ora.

Gente della sera, sconosciuto mi siedo e respiro
benvenuto ad un pensiero insolito
a quest'ora si è soli davvero.

Da un vetro bucato del cielo è caduta la luna,
la tengo per me;
su pattini portafortuna rincorro una strana
dolcezza perché,
sui primi scalini dell'alba violenza non c'è.

Gente della sera, siamo tutti qualcosa e qualcuno
solitudini a colori in maschera
alle porte di un altro mattino.

Gente della sera, chi l'ha detto che fate paura
io rispetto i gatti che sorridono
nella notte curiosa e leggera.

Senza guardarmi alle spalle in piedi sul mondo
mi fido e mi va
compriamo un giornale e vediamo il mondo che fa.

Gente della sera, chi l'ha detto che fate paura.
Gente della sera, siamo tutti qualcosa e qualcuno.
Gente della sera. siamo tutti innocenti a quest'ora.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Donato "Dodi" Battaglia, Valerio Negrini
Arrangiamenti e Direzione: Franco Monaldi
 
Testo:
Fotografie:
trasparenze di fuori città, torri spagnole
le chitarre e le birre in collina, l'eclissi di sole.

Fotografie
io e te vagabondi nel porto di Barcellona
su di giri di prima mattina, navigando l'estate del sud.

Nelle fotografie, malinconie, colpi di sole
donne, pugni e poesie
mentre qui
tutto il vino va via non si sa come
la tua donna e la mia ridono insieme
han già deciso che han chiuso i confini
e i nostri treni non partono più.

Fotografie:
una piazza di un posto dell'est con le bandiere
una tazza di grappa di more, senza amori né fretta né idee.

Basta fotografie, piccole spie pericolose
un bicchiere di più
torni tu
batti i pugni e vedrai
chi siamo ancora
c'è un biglietto per noi
per l'avventura
sulla corriera colori che vola
chi la perde non parte mai più.

Quante pagine ha la libertà
non lo sappiamo
quante volte dirai:
mi fermo qui
quanto vento ci sta dentro una vela
non parliamo di noi alla moviola
finito il vino facciamo che è tardi
non facciamo i bastardi perché:
la tua luna e la mia fanno canzone
la tua donna e la mia sono persone
guidando piano portiamole a casa
e poi chiediamo anche scusa vedrai
tutto è meglio così, meglio così
basta malinconie, fotografie.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 3:55 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1981 - BUONA FORTUNA/LASCIA CHE SIA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 3:52 pm

1. TITOLO:
 
1981 - BUONA FORTUNA/LASCIA CHE SIA
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10366 # Data pubblicazione: Novembre 1981 # Matrici: 2c 10366-1N/2c 10366-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 16 Novembre / Lato A: sigla della trasmissione televisiva "Discoring" / Collaborazione musicale di Gian Franco Monaldi / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
A poco più di un mese dall'uscita dell'album Buona fortuna, esce sul mercato il nuovo 45 giri dei Pooh che reca incisi la title track del 33 giri ed un altro brano che trova spazio nel long playing. In realtà non si comprende bene l'uscita di questo nuovo singolo, tuttavia l'operazione avrà comunque un riscontro commerciale visto che sia il 33 che il 45 giri avranno ottimi livelli di vendita. Si dice che il brano sia dedicato a Stefano D'Orazio.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
BUONA FORTUNA

 
      Lato B:
LASCIA CHE SIA

 
   

Autori: Stefano D'Orazio, Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Si chiama Buona Fortuna e va
come può
col futuro a metà.
È della Vergine
e si sa
le menate che ha.
Faccia da Rock
vive la vita no-stop.

Ha le sue gatte che
oramai
sa pelare da sé.
Compra l'America
e la dà via
per un dollaro in più.
Ci beve su
e fa l'amore da sé.

Naviga la città
ma non si bagna mai se gli piove addosso.
E la fa facile
tiene in finestra l'erba di California,
respira e sogna
domani va da sé.

Butta via le sue idee
come se quasi andassero fuori moda.
Ti dirà unica
ma s'è portato a letto anche la fortuna
Buona Fortuna
domani va da sé.
Buona Fortuna a te.

Razza difficile
cambia idea
se gli scappa così.
Giorni a colori poi
spenderà
se gli parli di te.
Fa quel che vuoi
per un sorriso di più.

Punterà su di te
gioca la vita tutta in una partita.
Ma non sa perdere
ha sempre un asso addosso, una scusa buona
e tanta fortuna
sempre vicino a sé.

Ti darà mille idee
per inventarti storie da raccontare.
Dice che partirà
in una notte accesa da tanta luna.
Buona Fortuna
domani va da sé.
Buona Fortuna a te.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Stefano D'Orazio, Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Lascia che sia
questa notte vuole compagnia.
Carnevale se ne va
stiamo insieme amica mia.

Lascia che sia
se ti aspettano sarai un'idea
vesti il tuo sorriso e stai
respirando un po' di noi, e

Canta
facciamo finta che il tempo non conta
spendimi accanto stanotte soltanto
è tempo di noi.

Solo
batto le ali, ma il cielo è lontano
non volo più.

Domani poi
mascherarti di malinconia
torneremo ai nostri mari
senza troppa fantasia, ma

Canta
facciamo finta che il tempo non conta
spegni la luce ti voglio guardare
lascia che sia.

Canta
buona è la notte lasciamola fare
è tempo di noi.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:16 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1982 - NON SIAMO IN PERICOLO/ANNI SENZA FIATO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 5:44 pm

1. TITOLO:
 
1982 - NON SIAMO IN PERICOLO/ANNI SENZA FIATO
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 10435 # Data pubblicazione: Ottobre 1982 # Matrici: 2c 10435-1N/2c 10435-2N # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 20 Ottobre / Collaborazione musicale di Gianfranco Monaldi / Registrato da Maurizio Biancani / Etichetta personalizzata (vedi link "Altre immagini") - Fotografie di Angelo D'Eligio - Copertina dello Studio Chatè Rebel / Distribuito da CGD Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Il 1982 non vedrà per i Pooh alcun nuovo album di inediti, ma si aprirà con un ottimo live intitolato Palasport nel quale sono inclusi acluni grandissimi successi della band e due inediti: Canzone per l'inverno che trova spazio solo su di un 45 giri per juke-box e Siamo tutti come noi. Questa volta, quindi, è il singolo ad uscire quasi a fine anno. Un inno all'ottimismo che trascina ed avvince che parte subito sparato con il ritornello e che proietta il 45 giri ai vertici della hit parade. Bella anche la nuova canzone autobiografica che trova spazio nel secondo lato del disco.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
NON SIAMO IN PERICOLO

 
      Lato B:
ANNI SENZA FIATO

 
   

Autori: Stefano D'Orazio, Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Se il mondo assomiglia a te
Non siamo in pericolo
Può nascere ancora
L'imprevista primavera.
Se il mondo assomiglia a te
Si può ancora ridere
Piantare del grano, far bambini se vogliamo
Non siamo in pericolo.
Stiamo aspettando la fine del mondo
Ma attenti che è solo un film
Volami in braccio e ti prendo
E mi salvo la vita soltanto
In aria insieme a te.
Fuori la testa che tutto si aggiusta
Se il mondo assomiglia a te
Che non hai mezze parole
Che ci metti un minuto a capire
Da che parte sta
La sincerità.
Se il mondo assomiglia a te
Non siamo in pericolo
C'è ancora benzina da bruciare
Per sognare.
Se il mondo assomiglia a te
Riallaccio il telefono
Mi lascio toccare
Derubare si può fare
Non siamo in pericolo.
Stiamo stringendo le viti del mondo
Chissà se funziona o no
C'è della gente al confine
È l'Europa innocente
Che viene al sole insieme a noi.
Fuori la testa che tutto si aggiusta
Se il mondo assomiglia a te
Torniamo a vivere in centro
Ci saranno più luci di notte
E meno polizia
In periferia.
Se il mondo, se il mondo assomiglia a te
Non siamo in pericolo
Può nascere ancora
L'imprevista primavera.
Se il mondo assomiglia a te
Si può ancora ridere
Piantare del grano, far bambini se vogliamo
Non siamo in pericolo.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Stefano D'Orazio, Camillo "Roby" Facchinetti
Collaboratore musicale: Franco Monaldi
 
Testo:
Io non dormo quasi mai
Ma ho fatto un sogno che
Mi ha messo in allegria
C'è la nostra batteria
Che va da sola ed io
Mi siedo in mezzo a voi
Stare qui è un'emozione ma
È un'astronave che
Non scende a terra mai
Anche se
Vorrei sbarcare un po'
Sono anni senza fiato
E non si può
Vorrei parlare anch'io
Che nel settantatré
Sognavo come voi
Poi la macchina parti
E adesso sono qui
Ma qui che posto è
Un hotel un'autostrada e poi
Due ore di energia
E questa faccia mia
Non lo so
Se mi assomigli ormai
Questi anni senza fiato
Sono i miei
Amore come stai
Che anniversario è
Non mi ricordo mai
Qui si vive dentro a un film
Ma ci ho pensato su
A quello che tu sei
Non direi che non funziona più
Aiutami anche tu
A non buttarci via
Tu lo sai com'è la vita mia
Sono anni senza fiato
E vanno via
Qui tra queste luci io
Ripenso a casa mia
Di tanto tempo fa
C'è in me
Di quella gente mia
L'accento forte che
Non si cancella mai
Non ho più
Quel pianoforte ma
Chi mi conosce sa
Che il mio suono è quello là.
Canterò più forte che si può
Sono anni senza fiato e io ne ho.
E tanti auguri a voi
Di non risparmiare mai
Di non barare mai
Che città dopo città
Nessuno strappi via
La nostra fantasia
Sotto a noi
Il mondo cambia e va
Ed è diverso già
Da due minuti fa
Basterà capire il ritmo e poi
Sono anni senza fiato
Finché vuoi.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1983 - HAPPY CHRISTMAS (War Is Over) (S.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 7:58 pm

1. TITOLO:

1983 - HAPPY CHRISTMAS (War Is Over)
 
# Etichetta: Warner Bros Music Italy # Catalogo: Senza Numero # Data pubblicazione: Ottobre 1983 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 33½ 5", RPM (3,5 cm.) # Facciate: 1
 
Note: Distribuito da CGD Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Questo singolo venne stampato in 300 copie, pensato unicamente come dono natalizio per amici e discografici. I diritti per la pubblicazione erano stati ottenuti da Yoko Ono quando il gruppo la conobbe durante un viaggio a New York nella primavera del 1982. La incontrarono davanti al Dakota House in modo fortuito; con lei scattarono una foto in un giardino poco distante, Strawberry Fields
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato B:
HAPPY CHRISTMAS (War Is Over)

 

Autori: Lennon, Ono
 
Note: "HAPPY CHRISTMAS" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
Testo:
So this is christmas
and what have you done
another year over
and a new one just begun
and so this is christmas
i hope you have fun
the near and the dear one
the old and the young.
A very Merry Christmas
and a happy New Year
let's hope it's a good one
without any fear.
And, so this is christmas
for weak and for strong
for rich and the poor ones
the world is so wrong
and so happy christmas
for black and for white
for yellow and red ones
let's stop all the fight.
A very Merry Christmas
and a happy New Year
let's hope it's a good one
without any fear.
And, so this is christmas
and what have we done
another year over
and a new one just begun
and, so happy christmas
we hope you have fun
the near and the dear one
the old and the young.
A very Merry Christmas
and a happy New Year
let's hope it's a good one
without any fear.
War is over, If you want it
war is over now
War is over, If you want it
war is over now
War is over, If you want it
war is over now
War is over, If you want it
war is over now
War is over, If you want it
war is over now.
 
Fonte: QUI
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty POOH: 1983 - TROPICO DEL NORD (L.P. 33½ GIRI)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 13, 2019 11:36 pm

1. TITOLO:
 
1983 - TROPICO DEL NORD
 
# Etichetta: CGD # Catalogo: CGD 20373 # Data pubblicazione: Settembre 1983 # Matrici: 2C 20373-1L / 2C 20373-2L # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrice: 16 Settembre / Distribuito da Messaggerie Musicali – Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Tropico del nord è il sedicesimo album dei Pooh, caratterizzato dalla particolarità di essere stato registrato alle isole Antille. Apre infatti un ciclo in cui il gruppo si reca in luoghi esotici per realizzare gli album, pur rimanendo generalmente estraneo a possibili influssi musicali dei paesi di registrazione.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
   
 
Versione Musicassetta
 

 
      
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 CARA SCONOSCIUTA
  • A2 COSA DICI DI ME
  • A3 LETTERA DA BERLINO EST
  • A4 GANDI SPERANZE
  • A5 COLAZIONE A NEW YORK (Bonus Track)


  • B1 PASSAPORTO PER LE STELLE
  • B2 SOLO VOCI
  • B3 MEZZANOTTE PER TE
  • B4 E' VERO
  • B5 TROPICO DEL NORD
 
Lato A: 1
CARA SCONOSCITA

 
      Lato B: 1
PASSAPORTO PER LE STELLE

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
 
Testo:
Mangia distratta più in fretta che può,
la camicetta è da stringere un po'.
Questa gravissima pioggia perché?
Dio fa che smetta o il concerto non c'è.

Pensa a un amore partito a metà
che fa il soldato in un'altra città
e si commuove ascoltando un long playing
c'è una canzone che parla di lei.

Lei con in mano un sorriso,
la penna e uno sguardo indifeso,
all'uscita di dietro del sogno,
nella notte affollata di giugno.

Cara sconosciuta sgualcita e innamorata
mentre le luci si spengono.

Lei nella luna stasera,
lei che domani lavora,
lei che sei tante e nessuna
mentre stanno smontando la scena.

Cara sconosciuta con un bacio sulle dita
e gli occhi curiosi che brillano.
Carica di musica tu fai fotografie.
Pensi ad altre lettere ad altre poesie.

Stringi il tuo diario a colori
un po' più prezioso di ieri.
Poi nella fila dei fari
chiedi un passaggio e scompari.
Auguri.

Batte i tamburi l'estate
nelle città abbandonate,
nuove canzoni alla radio,
facce di sole allo stadio.

Cara sconosciuta, più bella e colorata
peccato che il viaggio continua.

Mettono la musica negli autotreni e via,
vengono degli uomini che fanno pulizia
di mezzi biglietti e bicchieri
di un tuo mezzo dolore di ieri
che dalle guance è caduto giù
e questa canzone nuovissima
l'hai scritta tu.

Punta la sveglia si spoglia e sta lì,
chissà se è sciocco sognare così:
son cose che non succedono mai,
ma quel sorriso era solo per lei.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
 
Testo:
Era un ragazzo di campagna
venne un agente e disse: è meglio se
vieni via con me.

Dentro la casa del governo
vide in persona il presidente che
volle bere con lui.

Poi venne gente con gli occhiali
e macchine viste mai
eran dottori e generali
qualcuno disse a lui
"Dio ti aiuti, cowboy".

Era una ragazza di campagna
agli uomini in divisa domandò:
torno a casa o no?
Poi nella luce del tramonto
il vento del deserto la frustò,
il presidente parlò:
per uno sbaglio e un tradimento
siamo alla guerra ormai
due passaporti per le stelle
li ho firmati io.
Dio vi aiuti, addio.

Trattenendo i muscoli la macchina tremò,
poi saltò il coperchio e addosso al cielo si scagliò
un minuto immenso e via
come in una sinfonia.

Sguardi che si toccano e si chiedono chi sei
forse lui parlò per primo o forse prima lei,
mentre il cielo andava via
più veloce del pensiero.

Era un bellissimo universo
presero terra di traverso ma
tutto bene all right.

C'erano rocce e vegetali
i fiumi gli animali e un cielo che
sulla terra non c'è.

C'era respiro ed abbondanza
l'alba del mondo e poi
una fortissima presenza
che li attraversò.
Benvenuti a voi.

Benvenuti sulla spiaggia della nuova età
cuccioli di un mondo che si è cancellato già
non guardate indietro mai,
non dimenticate mai.

Fate nuovi amori fate nuove geografie
senza cattedrali, generali e nostalgie
senza più bandiere mai
e che questo sole sia con voi.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 2
COSA DICI DI ME

 
      Lato B: 2
SOLO VOCI

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
 
Testo:
Se mi sveglio e voglio te
dimmi cosa dici di me
che vedo che hai sonno ma
non ti lascio stare.

Quando siamo in compagnia
dimmi cosa dici di me
che bevo per gioco e poi
faccio confusione.

Dimmi la tua prima impressione
di questa intimità, con me come si sta?
Quando non so dove sei
dimmi cosa dici di me
all'amica, al dottore, a lui
al tuo ex amore.

Quella notte sola in hotel
dimmi cosa hai detto di me;
quando ho pianto davanti a te
ti è sembrato strano?
Metti che ci fosse un bambino,
ti piacerebbe se
assomigliasse in qualche cosa a me.

Che non so ballare
né pregare ma per te
mi faccio attraversare,
siamo in due intelligenti
sani e un po’ violenti,
c'è pigrizia e fantasia;

c'è da darsi in faccia l'amore,
c'è da star soli un po’
poi riabbracciare te
che sei la pulizia
di questa sorridente vita mia.

Mentre bevi il tuo caffè
dimmi cosa pensi di me,
che m'inciampo per strada e poi
voglio il deltaplano.

Dietro quel sorriso tu
cosa stai per dire di me,
che ho parole e parole ma
resto sempre uguale.

Tutti i giorni è un giorno speciale,
è un compleanno che
ti chiedo di passare insieme a me.

Che non so ballare
né pregare ma per te
mi faccio attraversare,
siamo in due, c'è da viaggiare
c'è da cucinare
c'è da spendere e sognare,
respirare, telefonare
c'è da tornare qui
per riabbracciare te
che sei la pulizia
di questa sorridente vita mia.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Battaglia, Negrini
 
Testo:
Grazie per le mie città
appassionate, esagerate, ma
col nido comodo di casa mia
e gli aeroporti per andare via, se vuoi.

Grazie per la nostra età,
per questi anni di velocità,
per i satelliti e gli amori che
son quelli di un milione d'anni fa e poi...

Grazie per le donne libere
compagne colorate e scomode
e per questa nostra musica
per chi mi lascia respirare e ridere
e piangere e vivere a modo mio.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 3
LETTERA DA BERLINO EST

 
      Lato B: 3
MEZZANOTTE PER TE

 
     

Autori: Facchinetti, Canzian, D'Orazio
 
Testo:
Sabato sera normale a Berlino est
e c'è di bello che è maggio e non piove più
la radio in F.M. della parte di là batte musica O.K.

È più di un po' che non scrivo più lettere
ma va da sé che domani, è domenica
e altre novità qui da noi sono che quel voglio non c'è.

Questo cielo in cielo non l'ho scelto io
e nemmeno questa mia città
e non so se in fondo me la merito
ma di certo non la cambierei.

E se vivo forte fa un rumore il tempo mio
che non sento il tempo dove va
e la voglia mia di mare e vele
non riesce a farmi male
ma cresce insieme a me.

Sabato notte speciale a Berlino est,
se vai di sopra ad un tetto a guardare in là
s'accende una città fatta apposta per noi che restiamo di qua.

Vista da qui sembrerà quasi America
e lancerà verso noi i suoi tentacoli
e forte sentirai respirare le sue cento bocche su e giù.

Ma non fanno giorno mille lucciole
e non sei contento neanche tu
certo basta un muro per dividerci
ma non è cantando che va giù.

E che il giorno pende ogni giorno dal suo cielo,
l'hanno detto troppo tempo fa.
E la voglia di poter gridare
non riesce a farmi male
ma cresce insieme a me.

Quasi domenica ormai a Berlino est
la primavera è arrivata perfino qui
e il sole in casa mia passaporto non ha ed entra ed esce da sé.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
 
Testo:
Mezzanotte per te che lavori al giornale,
un pensiero e un caffè correggendo parole,
mezzanotte per te dieci piani più in alto
della strada di un sabato sera normale.

Le tue figlie a ballare
la tua periferia
le vacanze finite né bene né male.

Mezzanotte per te con la penna sul mondo
e il tuo libro che sta piano piano nascendo,
mezzanotte per te e la tua barca sul lago
e l'autunno che sta piano piano arrivando.

E tuo padre in campagna più robusto di te
che sorride alle donne alla vigna alle stelle.

E sfogliando i pensieri
come fosse il giornale di ieri,
chiudi gli occhi ed è sera
in un'altra città.

Primavera di Praga
le terrazze di musica slava
e la radio gridava
ogni ora di più.

E l'alba sui tram fermati per strada
i carri al confine dell'est
le braccia di lei, il foglio di via
e l'ultimo aereo che va via.

Mezzanotte per te, che volevi capire
che hai disfatto valigie e passato frontiere,
mezzanotte per te e la tua donna segreta
che da quasi due anni ti invade la vita,
la tua dieta, il tuo cuore
la tua democrazia
la tua voglia stanotte di andartene via.

Come ai tempi migliori
fuori dove l'Europa non c'è,
cacciatore di storie e di fotografie.

Come ai tempi dei tempi
a Saigon primavera di lampi,
con i contrabbandieri
e i soldati nei bar.

L'attesa in hotel, le malinconie
i dati e i telefoni chiusi,
poi l'alba in città il foglio di via
e l'ultimo aereo che va via.

Mezzanotte per te, la finestra si chiude
sopra un sogno imprevisto e le solite strade,
mezzanotte per te con l'inchiostro sul dito
che hai fumato un po' troppo e hai bisogno di fiato.
 
Fonte: QUI
 
Lato A: 4
GANDI SPERANZE

 
      Lato B: 4
E' VERO

 
     

Autori: Facchinetti, Negrini
 
Testo:
È finita la domenica
e le moto si allontanano
l'Appennino è spettinato
senza più neve fuori.

Sotto un trucco rock romantico
la bambina ha detto il primo addio
e il futuro è dietro i vetri,
sa di cioccolata
e di freddo che va via, va via, via, va via.

Grandi speranze alle fermate al mattino
con le guance arrossate dai sogni di mezz'ora fa,
col foglio rosa in tasca per il destino
che promette dai televisori e dai muri in città.

Grandi speranze di vacanze straniere
per le piccole azzurre ragazze alle casse dei bar
e che qualcuno, mentre sta per pagare,
riconosca la donna che ha sempre sognato di più.

Con le mani in tasca fra gli spiccioli
penso alle mie storie che continuano,
mentre il vento spara in alto i passeri
e speriamo tutti che non piova più.

Sopra certe isole
la speranza ha reti e muscoli;
ti dico a modo mio
che cosa spero io:
che nella mia vita affollatissima
ci sia sempre modo di raggiungerti;
al lavoro, al cinema o tra gli alberi
e comunque in tempo per non perderti.

Grandi speranze sul livello del mare
coi traghetti, le feste di piazza e i sapori del sud
quando le donne vanno a farsi guardare
e si spara nel centro per farsi la fotografia.

Grandi speranze sotto un pezzo di luna
per qualcuno che aspetta qualcuna
per tutti, per me…
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, Negrini
 
Testo:
È vero che le porte del cielo
sono dure da aprire
e i sogni non bastano.

Non è vero che ti devi ammazzare
per comprare la luna
sta benissimo dove sta.

Puoi guardarla dall'autostrada
da una barca o dal letto in casa tua
se l'estate gentile
si porta la pioggia via da qui.

È vero che si vive una volta
che i bambini han ragione
più spesso degli uomini.

Non è vero che i ragazzi son strani
tra nervi e maglioni
c'è moltissima fantasia.

C'è una musica che consola
qualche moto a miscela e qualche dio
la domenica che
sta attento se c'è la polizia.

Forse è vero e forse no
che la vita sfonda e manda via l'amore
ma non è mai vero che
basta separarsi per dimenticarsi se

quando stiamo lontani un giorno
perde subito colpi il mondo mio
torna subito qui
rompiscatole grande amore mio.

È vero che star male fa male
che in Italia c'è il sole
ma le case non bastano.

Non è vero che le donne normali
van tenute per mano
tu mi aiuti fortissimo.

Io ti voglio portare fuori
dove il cielo è abbondante e buono e dio
è un signore gentile
che ha una casa sul mare per noi due.

Forse è vero e forse sì
che non fa mai bene stare troppo insieme
ma non è mai vero che
quando non c'è più l'amore c'è la libertà.

È verissimo il tempo spara
ma c'è un tempo che se lo butti via
non lo trovi mai più
non parlare e commuoviti anche tu.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: Bonus Track
COLAZIONE A NEW YORK

 
      Lato B: 5
TROPICO DEL NORD

 
     

Autori: Canzian, Negrini
 
Testo:
Oggi mi festeggio un anno in più
mi organizzo un giorno tutto mio
perfetto.

Qualche lira in tasca io ce l'ho
anche se
non ho fatto l'università
io canto.

Per la strada mi conoscono
fuori dalla mia città
c'è chi si innamora con la mia musica.

Il ragazzo di provincia ormai
parla americano e poi
ho una donna fantastica
e gli anni dell'allegria con me.

E faccio colazione a New York
io che sono nato fuori città
fra tradizioni, gatti e juke-box
fra biciclette fabbriche e sport.

Ho un visto per volare
questa è vita mia
ma lontano in un soffio di vento
la mia gente sta pensando che
questa America è il posto più strano e lontano che c'è.

Oggi mi fa bene un anno in più
chiamo la ragazza col caffè, c'è il sole
siamo di una razza che non sa
quasi mai
rinunciare a un bel sorriso che
ti vuole.

Grattacieli come alberi
statua della libertà
libero come il mio taxi grandissimo.

Il ragazzo di provincia ormai
non si fa più male ma
prendo in mano il telefono
e par lo moltissimo perché:

io faccio colazione a New York
che fa da centro e periferia
da confusione e malinconia
da far l'amore e andarsene via.

Ho un visto per volare
questa è vita mia
e lontano in un soffio di vento
la mia gente chiude gli occhi e poi
c'è la luna a due punte e mi sento importante.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Facchinetti, D'Orazio
 
Testo:
Vanno via
Domani vanno via
i cento giorni magici sul tropico del nord.

Vanno via
le piogge all'improvviso
e il sole che ti brucia perfino se non c'è.

Telefoni roventi,
a casa come va
ma domani...

Vanno via
gli amici cioccolato
campioni di biliardo e di tranquillità.

Vanno via
le reti alle finestre
il cane che fa festa, ma non parla l'italiano.

La barca che va piano
le storie di magia
stanno andando via.

Vanno via
i canti della gente
a un Dio che non si sente ma che certamente c'è.

Vanno via
Dorina e le sue mele
piangeva quando le ha detto ricordatevi di me.

La strada contromano
la spiaggia coi falò
da domani...

Vanno via,
ma un po' di azzurro resta
sui vetri dell'airone che ci strappa da quaggiù.

La musica imbrigliata
nel tropico del nord
viene via con noi.
 
Fonte: QUI
 
 
POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3732
Punti : 3732
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 2 Empty Re: POOH - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Torna in alto


Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: POOH

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum