Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________

_____________________



___________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks

_____________________

< ho la sclerosi multipla >


Condividiamo tutto sulla malattia

____________________________



________________________


________________________


________________________

Chi è online?
In totale ci sono 68 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 68 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 1304 il Ven Lug 26, 2019 9:50 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

HEIDI - 1978

Andare in basso

HEIDI - 1978 Empty HEIDI - 1978

Messaggio  settenote il Lun Mag 23, 2011 11:31 pm

 
 
HEIDI

  • TITOLO ITALIANO: "Heidi"
  • TITOLO ORIGINALE: "Alps No Shoujo Haiji"
  • PRODUZIONE: Taurus Film/Zuiyo/Nippon Animation, 1974
  • TRASMESSO IN ITALIA: RaiUno, dal 7 febbraio al 6 giugno 1978; RaiDue, RaiTre (repliche); Italia 1 (repliche, 1983, e dal 18 maggio 2004); Cinquestelle (repliche, primi anni 1990); Boing (repliche, dal 31 ottobre 2005); DeA Kids (repliche, dal 1° ottobre 2008); Hiro (repliche, dall'ottobre 2009)
  • NUMERO EPISODI: 52
  • DURATA EPISODIO: 25 minuti
  • REGIA: Isao Takahata

 
1.GENERALITA':

Heidi (アルプスの少女ハイジ Arupusu no shōjo Haiji?, lett. "Heidi, la ragazza delle Alpi"), basato sull'omonimo romanzo per ragazzi scritto nel 1880 dall'autrice svizzera Johanna Spyri, è una serie animata prodotta nel 1974 dallo studio di animazione giapponese Zuiyo Eizo (da cui più tardi nacque la Nippon Animation), diretta da Isao Takahata e disegnata da Hayao Miyazaki.

La serie di Heidi è considerata precorritrice del filone del World Masterpiece Theater, che inizierà nel successivo anno 1975, poiché ne presenta già le tre caratteristiche fondamentali: essere tratta da un libro occidentale, raccontare la vita quotidiana, e essere prodotta dalla Nippon Animation.
 
Fonte: QUI
 
 
2. RECENSIONE:
 
Heidi ("Alps no Shojo Heidi" nell'originale giapponese) è una serie a cartoni animati che venne trasmessa su RAIUNO nel gennaio del 1978 e visto il suo enorme successo, praticamente diede il via alla grande ondata di cartoni animati giapponesi che vennero trasmessi nel nostro Paese, negli anni successivi. E' in assoluto il primo Shojo trasmesso in Italia, cioè quei cartoni animati giapponesi destinati alle bambine e ragazzine, dopo Heidi arrivarono Candy Candy, Remì , l'ape Magà e tanti altri. Heidi rappresentò un vero e proprio fenomeno per quegli anni, merito della qualità delle animazioni, dei paesaggi, degli sfondi, ma soprattutto della stessa Heidi dalla quale trasparivano buoni sentimenti e positività: candore, tenerezza, amicizia, libertà, amore per la natura, genuinità, ecc... tanto che ancora oggi viene presa come un punto di riferimento come emblema di chi vive una vita sana a contatto con la natura in mezzo ai monti.
Non a caso Heidi veniva rappresentata come una bambina dalle guance rosse che sembrava il ritratto della salute.
A rendere ancor più famoso questo personaggio è stata la famosissima sigla cantata da Elisabetta Viviani che a sorpresa balzò nella Top 10 dei 45 giri più venduti in Italia.
Il cartone animato fu realizzato dalla Taurus Film e dalla Toei animation a partire dal 1974 e fra il cast degli animatori troviamo anche nomi di spicco come il grandissimo Hayao Miyazaki (vedi Conan il ragazzo del futuro, Lupin III, La città incantata ) e Isao Takata (vedi Anna dai capelli rossi e Una tomba per le lucciole).
 
Fonte: QUI
 
 
3. TRAMA:
 
Il cartone animato di Heidi, tratto dal romanzo della scrittrice svizzera Johanna Spyri è stato suddiviso in ben 52 episodi.
E' una bambina svizzera del paesino di Mayenfeld, che è rimasta orfana sia del padre che della madre, per questo sua zia Dete, dopo che la piccola visse insieme a lei sino all'età di cinque anni, decise di darla in affidamento al nonno che abitava solitario in una baita di montagna.
Zia Date non poteva più occuparsi di Heidi in quanto aveva trovato un lavoro a Francoforte e il nonno rappresentava il parente stretto che avesse la piccola orfanella.
Durante il cammino che la porterà alla baita del nonno, Heidi conosce il pastorello Peter e fa amicizia con le sue caprette, insieme si sfideranno in una gara di velocità fra i verdi prati.
Arrivati alla baita Heidi è inizialmente sorpresa e incuriosita dell'atteggiamento del nonno, molto taciturno e scontroso, un uomo che ha scelto di vivere lontano dalla gente e che adesso si trovava ad avere la responsabilità di quella bambina.
Ma ben presto il nonno si affezionò a sua nipote Heidi, merito della sua simpatia ed innocenza e un po'alla volta le fece conoscere il fascino della vita di montagna fatta di arrampicate sui monti, di corse sui prati, di formaggio saporito, di mungitura delle capre, di amicizia con gli animali del bosco ecc...; il nonno di Heidi possedeva anche un enorme San Bernardo taciturno quanto il padrone, che si chiamava Nebbia del quale Heidi aveva inizialmente un certo timore.
Heidi passava anche delle bellissime nottate dormendo in soffitta, nel suo comodissimo letto di paglia e dalla finestrella della baita, poteva osservare anche un magnifico cielo stellato.
La vita di montagna restituì a Heidi quella felicità che le era stata negata in tenera età e anche se il nonno non potésostituire l'affetto di un padre e una madre, Heidi da bambina infelice quale era, divenne ben presto una bambina piena di voglia di vivere e giocosità. Heidi e Peter divennero amici inseparabili che si divertivano con tutti i regali che la natura gli offriva, come la neve, la primavera, le corse sui prati ecc...
Ma a rovinare questa vita idilliaca ci pensa la zia Dete, che la porta via dal nonno e la manda a studiare a Francoforte per fare la dama di compagnia a Clara, una ricca e invalida bambina che vive insieme al papà e a una severissima istitutrice: la signora Rottenmeier. Nonostante Heidi fece amicizia con Clara, con il passare dei giorni divenne sempre più triste, perchè si sentiva chiusa in una gabbia, aveva una grande nostalgia per il nonno, Peter, le caprette, la baita e la motagna. Inoltre l'arcigna severità della signora Rottenmeier, che la vedeva come una piccola selvaggia, la faceva sentire umiliata e confusa.
Heidi però trasmette entusiasmo e voglia di vivere a Clara, che rimane affascinata dai suoi racconti e dalle descrizioni della vita alla baita. Una scena che sintetizza il tema del racconto è quella in cui Heidi, molto ingenuamente, apre la gabbia all'uccellino di Clara e lo fa volare libero.
Quel gesto contribuisce a trasmettere a Clara una grande voglia di vivere e anche di reagire alla sua malattia per conoscere il mondo.
Intanto la signora Rottenmeier sopporta sempre meno Heidi e la goccia che fa traboccare il vaso è quando scopre che Heidi si aggira la notte per la casa perché soffre di sonnambulismo.
Il padre di Clara capisce che luogo adatto per Heidi sono i monti, pertanto la fa ritornare dal nonno. Tuttavia l'amicizia con Clara non finisce li e le due bambine continuano a scriversi.
Clara si sente molto triste a causa della partenza di Heidi, pertanto l'estate stessa decide di andarla a trovare alla baita. Grazie all'aria di montagna, alla vita spensierata e all'amicizia di Heidi e Peter, Clara reagisce positivamente alla sua malattia e un giorno, terrorizzata da una mucca che si dirigeva verso di lei, si alzò in piedi da sola, vincendo quindi la sua paralisi.
Quando il padre e la signora Rottenmeier la raggiunsero rimasero sbalorditi per i progressi compiuti dalla bambina.
 
Font: QUI
 
 
4. PERSONAGGI:
 
Personaggi principali

HEIDI
- Chi sia lo sanno tutti, anche se non tutti ricordano che il suo nome vero è Adelaide. Poco importa se la mamma aveva lo stesso nome, tanto lei preferisce essere chiamata come noi la conosciamo.
Destino strano il suo: viene consegnata al nonno quasi fosse un peso per la zia, che deve lavorare, e si trasforma nel più bel regalo mai fatto al paese intero. Dove cammina, la bimba lascia il segno della freschezza e dell'ottimismo. Viene adottata dalla natura stessa che la circonda, quindi nessuna meraviglia se i suoi amici sono gli abeti che parlano, il piccolo uccellino Cip caduto dal suo nido e allevato fin quando l'inverno non lo porta a sud, Fiocco di neve, Bianchina e Diana, le caprette a lei affezionate e poi lui, Nebbia, il San Bernardo più grosso e innocuo che la Tv abbia mai conosciuto.
Peccato che un giorno la zia Deith, che scompare e riappare all'orizzonte come fosse un gelido temporale autunnale, torni in campagna per riprendersi la piccola. Il vecchio si oppone, ma i tribunali le darebbero ragione: la zia batte il nonno, nelle cause d'affidamento. Allora si parte per Francoforte. Lì c'è tutto, proprio tutto, tranne la natura. Casa Seseman sembra una gabbia, non ha finestre, niente prati, niente caprette. L'unica consolazione è la giovane Clara, inferma per cause naturali. Con lei le cose funzionano, ma il problema è la sua istruttrice: signorina Rottermeier. Tutto impossibile, tutto vietato, a parte sognare, quello non si può impedire. Quando però i sogni cominciano a diventare pericolosi e a far camminare la piccola di notte, allora c'è da allarmarsi. Il medico non ha cure contro la nostalgia, quella non si cura con il denaro, ma con un bel ritorno tra le mura (pardon), tra le montagne domestiche.
Era ora! Verrebbe da dire, qualcuno ha un po' di sale in "zucca". La piccola pastorella rinasce e riesce anche a portarsi dietro regali per tutti. Il più grande lo consegnerà all'amica Clara, a fine serie. Merita un 10 e lode.
 
IL VECCHIO DELL'ALPE
- Il vecchio ha una pessima carta d'identità in paese: gli affibiano tutti i nomignoli immaginabili. Taciturno con tutti, tranne che con i bambini, burbero con gli abitanti del paesino, schivo ai rapporti umani e religiosi: si direbbe l'ultima persona adatta a prendersi cura della piccola nipote. Ma, come sempre, le apparenze ingannano. C'è chi crede addirittura che possa lasciare a digiuno la bimba. La zia Deitn viene a lungo criticata per la scelta fatta nel primo episodio, invece è l'unica cosa buona fatta in tutta la serie.
In poche settimane diventa il nonno più bravo del mondo, insegna ad Heidi come funziona la montagna, mungitura compresa. Si rifiuta di mandarla a scuola: l'unico libro che conta è la natura, l'unica vera istruzione è la vita vissuta. Il parroco lo invita a rientrare nel gregge dei fedeli, ma lui preferisce quelli di pecore, che seguono l'istinto naturale, non quello dell'abito talare. Miscredente e ateo? Nemmeno a parlarne. Il vecchio è un medico senza studi: l'unica medicina che conosce è la vicinanza verso chi gli chiede aiuto. La vera cura la prescrive lui alla giovane Clara: aria pura e fiucia in se stessa. Che altro serve? Niente. Infatti la ragazza si alza e cammina. I miracoli della vita all'aperto.
 
PETER
- Il Generale delle pecore, così lo ribattezza il vecchio. Non ha tutti i torti: al suo fischio, rigorosamente con le dita, le bestiole lo seguono: lo conoscono e lui conosce bene loro. La sua preoccupazione principale è mangiare. Be', non siamo cattivi. Il suo pensiero fisso è l'amichetta del cuore, ma al secondo posto c'è la sua insaziabile fame. Per generosità fà concorrenza seria alla sua pastorella preferita. Non si fa pregare per caricarsi a spalla Clara, portandola su è giù per sentieri. Accetta di fare da guida turistica per la signorina Rottermeier, portandole bagaglio e caricandosi anche i suoi rimproveri: quelli pesano più della valigia. Infatti il giovane pastorello continua a chiamarla zia, ma non si può dare simili confidenze ad una nobile abitante di Francoforte. Pur avendo 12 anni suonati ad inizio serie, lascia ogni decisione alla sua Heidi che si limita a proteggere e dalla quale è protetto pià di una volta.
 
ZIA DEITH
- Nessuna cattiveria verso il personaggio più prezioso della serie. Compare due volte nella serie: due volte arriva, due volte sposta la nipotina. In tutti e due i casi riesce a movimentare la serie. Pochi ci riescono.
Nel primo episodio ha già deciso di lasciare la bimba al nonno, quasi avesse con sé un rifiuto da smaltire. Dopo aver insultato a dovere il vecchio "orso", gli lascia la creatura che a stento riesce a comprendere gli eventi.
Ricompare dopo 17 episodi contati: sale dal "vecchio" e chiede la restituzione della nipote. Qualcosa da dire? E' figlia della sorella, la seconda madre, o no? Il "vecchio" dissente, conosce la piccola. Ricorre alle maniere forti pur di averla. Alla fine l'ha vinta. Promette una veloce gita "istruttiva" a Francoforte, giusto il tempo di prendere i panini bianchi per la nonna cieca di Peter. Heidi crede di poter tornare in serata: che ne sa dove sia questo sconosciuto paese?
Non finisce qui. La nostalgìa per le montagne si fa sentire e Heidi deve far ritorno in Svizzera. Ma la zia non esiste più per riportarla a casa. Per fortuna non le concedono le ferie: chissà dove avrebbe portato la nipotina.. A farlo ci pensa Sebastiano, maggiordomo di casa Seseman. Brav'uomo. Nel resto della serie, la donna sparisce: quasi un trucco di un prestigiatore. Meglio, molto meglio così.
 
CLARA SESEMAN
- All'epoca divenne famosa per il suo sfortunato handicap. Ma il suo handicap vero sembra la vita che conduce. Sua compagna di viaggi (in tutti i sensi) è la sedia a rotelle. Sua schiavitù e sua protezione al tempo stesso. Le comodità e gli agi di cui gode, diventano parte della sua malattia, fino a diventare alibi per non guarire.
La medicina non può nulla per lei. Dipende cosa si intende per "medicina". La nonna Seseman spiega al "vecchio" che nessun medico ha dato speranze di guarigione, ma nessuno si è accorto che l'unica medicina che serve alla fanciulla è la convinzione di guarire. Persino il buon medico di famiglia si è definito "asino" quando il "vecchio" ha firmato la ricetta migliore per farla guarire.
Clara rinasce due volte. La prima quando conosce Heidi, la seconda quando conosce l'autonomia di movimenti. La montagna non basterebbe, ci vogliono le cure degli amici: ci vuole la libertà di muoversi senza divieti e senza campi minati. Solo quando lo intuisce le gambe si sbloccano e la sedia a rotelle resta oggetto d'antiquariato.
 
LA SIGNORA ROTTERMEIER
- Un'altra da non trattare troppo male. Il nonno ha già detto che "prova una gran pena per lei". Vediamo perché tanta pena.
La signora "misericordia" (il nomignolo che le appioppa Peter) non riesce proprio a sorridere, l'ottimismo non è il suo forte (per essere eufemistici). La sua parola d'rdine è "disciplina", la sua vita è fatta di schemi e di orari rigidi e prederminati, quasi un orologio svizzero, pardon, tedesco. Non si accorge nemmeno che il metodo che segue, diventato fine e non più mezzo, si trasforma nell'arma per l'autodistruzione. Pur di istruirla, chiude la "figlioletta" Clara in una enorme prigione d'oro.
L'arrivo di Heidi scoonvolge la sua vita: la bimba è l'opposto dei suoi schemi mentali. La bimba propone l'orologio della natura al posto di quello a muro; preferisce imparare dai sogni più che dai libri; cerca l'acqua sorgiva a quella del rubinetto domestico. Eh no, lo scontro è frontale: una tra le due deve lasciare il terreno di battaglia. Heidi ritorna in "patria", la Rottermeier ha perso la guerra.
Poi il trasferimento in montagna, per le vacanze di Clara e qui il secondo scontro: il "vecchio dell'alpe" certo non se le risparmia. Due sistemi a confronto: natura o vita in città? La serie sceglie senza dare appelli. Roba d'altri tempi.
 
IL SIGNOR SESEMAN
- Non esiste il genitore perfetto, così insegnano gli psicologi. Sarà. Questo bravo padre è assorbito quasi interamente dal lavoro, gli rimane poco tempo per stare con la figlia infortunata. Non è tutta colpa sua. Non gli rimane che affidare alla signorina "misericordia" l'educazione della fanciulla che è rimasta (manco a dirsi) senza mamma in tenera età. Il denaro non gli manca, ne ha più di tutti a Francoforte. Eppure alla piccola Clara manca qualcosa che nemmeno il denaro riesce a procurarle: una compagnia. Serve una dama che pensi a farla divertire. Ecco allora arrivare la piccola montanara, che potrebbe fare al caso suo.
Dopo averla conosciuta, il buon Seseman le si affeziona come fosse la seconda figlioletta. Altro che le bambole chiuse nel cassetto: questa bimba riesce lì dove le altre hanno fallito. Non è di pezza, ha un cuore vero. E che cuore.
Quando però si ammala, di nostalgia, lui non esita a farla riaccompagnare alla baita. Poi dicono che i nobili sono insensibili: lui è un'eccezione. Promette di far partire la figlia per la montagna e le promesse si mantengono: non sa che la medicina per guarire Clara non si prende col cucchiaio.
Un'estate in vacanza alla baita e la montagna fa il miracolo: la figlia cammina, da sola, senza aiuti. C'è da commuoversi, lui si commuove. Ora si è convinto che il denaro può molto, ma non tutto.
 
NONNA SESEMAN
- In una serie piena di "nonni", questa è la più esplosiva di tutti. Riesce dove la Rottermeier fallisce. I divieti con lei cadono, si respira la dove manca ossigeno, si gioca quando si dovrebbe studiare.
"Adotta" Heidi come nipotina, visto che di nonne la piccola non ne ha. E' la sola in grado di capirne la sofferenza, la nostalgia, i pensieri nascosti. Ma la Rottermeier è in agguato. Gli scontri sono all'ordine del giorno, non c'è rimedio che tenga contro l'indisciplina della nonnina. Il primo atto si consuma a casa Seseman, il secondo si tiene alla baita del "vecchio".
Quando va via dalla montagna, promette di ritornarvi solo quando la nipotina camminerà. Così avviene.
 
 
NEBBIA
- Manca solo lui. Il San Bernardo più grosso che la serie conosca. Passa la sua giornata dormendo, si nutre di lumache, abbaia poche volte, ma quando lo fa ha ragione per farlo. Per saperne di più si consiglia la visione integrale della serie.
Nebbia non si racconta, si osserva. Sembra sonnolento e assente, ma quando c'è bisogno di lui, è sul posto prima degli altri. Affronta tutte le difficoltà per salvare chi gli viene affidato e salva la vita dei bambini quasi fosse il loro protettore.
Cosa chiedere di più ad una cane? Fortuna che l'hanno messo sulla copertina del 45 giri, altrimenti col nome che ha si sarebbe faticato a ricordarlo.
 
 
FIOCCO DI NEVE
- È la capretta preferita di Heidi. Appartiene ad un signore del paese, ma Heidi le vuole bene e se ne prende cura come se fosse la sua. Il suo proprietario vuole venderla, in quanto non si decide a crescere, ma sarà proprio Heidi a farlo desistere dal proposito prendendo con Peter ed il nonno le erbe migliori per farle fare del buon latte. Al suo ritorno dalla città è diventata mamma, partorendo una capretta, che si chiama Fiocchina.
 
Fonte: QUI
 
 
 
 
Altri personaggi
 
* Nonna di Peter: viene chiamata nonna anche da Heidi, è cieca. Passa la maggior parte del suo tempo a filare la lana. Tratterà Heidi come una seconda nipote.

* Brigida: è la mamma di Peter. Vive in una casa alquanto malandata appena fuori paese insieme a sua madre e Peter.

* Sebastiano: è uno dei due servi di casa Seseman assieme a Tinette. È un uomo buono e gentile, sempre con il sorriso pronto. Conosce bene ogni angolo di casa Seseman e sarà lui a riaccompagnare Heidi a casa dal nonno (dove ritornerà una seconda volta, in occasione della visita di Clara in montagna).

* Tinette: è la cuoca e cameriera in casa Seseman. Teme la signorina Rottenmeier e sembra che Heidi non le vada molto a genio.

* Giovanni: è il cocchiere dei Seseman, vuole bene a Heidi, ed è molto amico di Sebastiano.

* Dottor Classen: è il medico curante di Clara Seseman fin dalla sua nascita. Conosce per la prima volta Heidi mentre passeggia per la città, bevendo una tazza di acqua di una fontana. Sarà lui a scoprire che Heidi soffre di nostalgia per le sue montagne, riportandola a casa dal suo nonno. Ricomparirà nuovamente in occasione del sopralluogo della baita del nonno di Heidi in montagna. Lui e il nonno sperano che un giorno Clara possa camminare.

* Maestro di Clara: È il maestro privato di Clara, e cerca di insegnare a Heidi l'alfabeto, rimanendo stupito quando sente che Heidi sa leggere, con il libro che le ha regalato la nonna di Clara. A differenza della signora Rottenmeier, lui non è molto severo ed è anche più comprensivo, come quando interrompe la sua lezione e dà il permesso a Clara di aprire il cesto dei gatti. Tuttavia spesso Clara e soprattutto Heidi si annoiano durante le sue lezioni.
 
Font: QUI
 
 
5. VIDEO SIGLA:
 
1978 - HEIDI/DANIEL E BEBEL
 
# Etichetta: RCA ORIGINAL CAST # Catalogo: BB 6151 # Data pubblicazione: 1978 # Matrici: HKAS 34094/HKAS 34095 # Genere: Children's # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 45 giri # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da Edizioni RCA
 
Fonte: QUI
 
 
6. COVER:
 
   

   
 
 
7. TRACK LIST
 
Lato A:
HEIDI

 
   Lato B:
DANIEL E BEBEL

 
   

Autori: Christian Bruhn, Franco Migliacci, Andreas Wagner, Wolfgang Weinzierl
Testo:
Holaila, Holaila,

Heidi, Heidi, il tuo nido e' sui monti
Heidi, Heidi, eri triste laggiù in città
acci-picchia, qui c'e' un mondo fantastico
Heidi, Heidi, candido come te

Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi
Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi
Ho-la-lai-di, Lai-di, Lai-di, Lai-di, Ha-ho

Heidi, Heidi, tenera piccola con un cuore così

gli amici di montagna, Mu Mu, Cip Cip, Be Be
ti dicon non partire
ti spiegano il perché

saresti un pesciolino che dall'acqua se ne va
un uccellino in gabbia che di noia morirà

Heidi, Heidi, ti sorridono i monti
Heidi, Heidi, le caprette ti fanno ciao

Neve, bianca sembra latte di nuvola
Heidi, Heidi, tutto appartiene a te

Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi
Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi, Holalaidi
Ho-la-lai-di, Lai-di, Lai-di, Lai-di, Ha-ho

Heidi, Heidi, tenera piccola con un cuore così
 
Fonte: QUI
   
Autori: Claudio Mattone, Franco Migliacci Arrangiatori: Maurizio Fabrizio
Testo:
Il testo è momentaneamente non disponibile in rete.
Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
HEIDI - 1978 Videos10
settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum