Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________

_____________________



___________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks

_____________________

< ho la sclerosi multipla >


Condividiamo tutto sulla malattia

____________________________



________________________


________________________


________________________


________________________

Chi è online?
In totale ci sono 48 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 48 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 1890 il Dom Nov 03, 2019 11:13 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV)

Andare in basso

CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV) Empty CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV)

Messaggio  settenote il Dom Dic 05, 2010 9:54 am



1. TITOLO:
 
CANDY CANDY
 
TITOLO ITALIANO: "Candy Candy" / "Dolce Candy"
TITOLO ORIGINALE: "Candy Candy"
PRODUZIONE: Igarashi Yumiko/Mizuki Kyoko/Toei Animation, 1976
TRASMESSO IN ITALIA: reti locali, dal 2 marzo 1980; Canale 5, dal 1981; Italia 1, dal 1982 (dal 1989 con il titolo "Dolce Candy" e nuova sigla); Euro TV, 1986; Rete 4, dal 1987
NUMERO EPISODI: 115
DURATA EPISODIO: 24 minuti
SCENEGGIATURA: Shunichi Yukimuro
MUSICHE: Takeo Watanabe
SIGLA: "Candy Candy", cantata dai Rocking Horse - dal 1989: "Dolce Candy", cantata da Cristina D'Avena.
 
 
2. GENERALITA'
 
Candy Candy è un romanzo della scrittrice giapponese Kyoko Mizuki, da cui è stato tratto un manga nel 1975 di Yumiko Igarashi e, successivamente, una serie anime prodotta dalla Toei Animation nel 1976, che narra le vicende della piccola orfanella Candy (Candice White) dall'infanzia alla maturità sullo sfondo della Prima guerra mondiale ed ambientate tra gli Stati Uniti e l'Inghilterra.
Candy Candy arriva in Italia inizialmente come anime e viene considerata come la prima soap opera animata per teenager.
La serie viene doppiata dalla CITIEMME su dialoghi adattati da Stefania Froia, e trasmessa per la prima volta il 3 marzo 1980 su Quinta Rete e su numerose altre tv locali, con la sigla italiana cantata dai Rocking Horse. Durante gli anni ottanta la serie verrà più volte replicata anche su circuiti e reti nazionali: Euro TV nel 1986, Rete 4 nel 1987 e Italia 1 nel 1988. Nel 1989 e nel 1994 viene ritrasmessa su Canale 5, e di nuovo su Italia 1 definitivamente nel 1997, ma con il titolo Dolce Candy e una nuova sigla cantata da Cristina D'Avena,[2] la cui base musicale sarà poi utilizzata anche in Spagna e in Francia per l'anime Ciao, Sabrina.
Al cinema tra il 1989 e il 1990 sono stati proiettati due film di montaggio di Candy Candy, realizzati con vari spezzoni degli episodi della serie.
In realtà l'anime arrivò in 2 riprese, perchè probabilmente al momento dell'acquisto del primo blocco di episodi, la serie era ancora in corso in Giappone. E infatti anche gli album di figurine, popolarissimi in quel periodo, furono ben 2, prendendo in considerazione le due tranches di episodi.
 
 
La fortuna volle che la serie tv di Candy venisse adattata nel momento d'oro degli anime in Italia, e che fosse utilizzato uno dei migliori cast di doppiatori in circolazione in quel periodo, cast che ha lavorato a numerose altre opere arrivate in quegli anni (basti pensare a Lady Oscar, Lulù, o Spank), tutte caratterizzate da un doppiaggio buonissimo.
Per doppiare la bionda protagonista fu infatti scelta la bravissima Laura Boccanera, chi infatti meglio della specialista del pianto avrebbe potuto interpretare le avventure della sfortunata orfanella? E accanto a lei troviamo nomi illustri come Massimo Rossi (spesso suo partner in altri anime, qui nei panni di Terruce), Susanna Fassetta (Annie), Cinzia de Carolis (nel doppio ruolo di Patty e Flanny), Marco Guadagno (Antony), Riccardo Rossi (Neal), Laura Lenghi (Elisa), Fabio Boccanera (Stear), e numerosissimi altri.
Neal e ElisaI più attenti avranno notato un paio di nomi "strani" tra i personaggi... ebbene, per una serie di errori di adattamento (o forse furono voluti, chi può saperlo?), alcuni nomi vennero modificati.
Terruce divenne così Terence (c'è da dire che nel manga viene chiamato quasi sempre Terry), Reine-sensei diventò Suor Maria, Elisa si trasformò in Iriza [che come nome rende meglio la perfidia del personaggio e la famiglia Ardley (o Audrey, secondo alcune fonti di pensiero) divenne la più pronunciabile Andrew.
Si tratta comunque di cambiamenti innocui [e preferisco crederli involontari], anche perchè d'altro canto l'adattamento dei dialoghi sembra ottimo soprattutto se paragonato agli obbrobri che ci propinano adesso: si parlava tranquillamente di morte, il sangue (anche se poco) si vedeva, e ricordo perfettamente che in una puntata si faceva cenno a malattie quali la peritonite, cosa che ora sarebbe assolutamente impensabile.
 
Il doppiaggio giapponese non è da meno di quello italiano. Candy era infatti doppiata da una doppiatrice molto famosa qualche anno fa (non so se doppi ancora), Minori Matsushima, che ha dato la voce a Fiorellino, a Lucy May, e a Ayumi Himekawa di "Glass no kamen".
Annie era interpretata dalla famosissima Mami Koyama, interprete anche di Miki in "City Hunter", Shaina di "Saint Seiya", Arale, Minky Momo e tantissimi altri. Patty invece aveva la voce di Chiyoko Kawashima (Mayu in "Captain Harlock", Setsuna/Pluto in "Sailormoon", Venusia in "Goldrake").
Dall'altro lato, i tre bellocci della serie, ovvero Antony, Albert e Terruce erano interpretati ripettivamente da Kazuhiko Inoue (Joe/009 in "Cyborg 009", Nitta in "Touch", Gilbert in "Akage no Anne"), Makio Inoue (Captain Harlock, Goemon in "Lupin III", Ryu il ragazzo delle caverne) e Kei Tomiyama (che ha interpretato personaggi del calibro di Tiger Mask, Actarus in "Goldrake", Takaya Todoroki in "Grand Prix" e Tochiro in "Captain Harlock").
Dal punto di vista della trama, seppur riprendendone le parti essenziali, l'anime si discosta in più parti dal manga, inserendo anche alcune vicende autoconclusive (come quella che vede Candy lavorare come infermiera in una miniera), create con lo scopo di allungare la serie tv, ma che contribuiscono a renderla meno interessante rispetto alla controparte cartacea. Alcune piccole differenze si hanno anche nella caratterizzazione dei personaggi, vediamo ad esempio i capelli di Annie diventare castani da biondi che erano nel manga, ma soprattutto si ha l'introduzione di Clean, l'orsetto lavatore compagno di avventure di Candy, assente nel manga.
Albert La differenza più rilevante consiste comunque nel finale, che nella versione animata è stato misteriosamente lasciato aperto, lasciando intuire un possibile riavvicinamento tra Candy e Terry, mentre nel manga i due si lasciano definitivamente e la bionda infermiera si accaparra il bell'Albert.
Il character design dei personaggi ad opera di Mitsuo Shindoo, è piuttosto gradevole (è lo stesso di Lalabel, ed è stato capo-animatore in Lulù, dove il chara era però di Michi Himeno), e anche le animazioni sono di buon livello considerando l'anno di produzione.
La regia è di Hiroshi Shidara (che ha lavorato, tra gli altri, anche in Lalabel e Lulù), mentre le musiche sono state composte da Takeo Watanabe, autore molto in voga in giappone (si è occupato anche della colonna sonora di Georgie, Sandybelle, Heidi, Bia, Cutey Honey, ecc... tanto per citarne alcuni).
Mentre nel 1992 è uscito un cd contenente le canzoni più belle, non ho notizie su album che raccolgano le splendide musiche che fanno da sfondo alle avventure di Candy.
 
La serie molto amata in tutto il mondo non è più stata riproposta in tv dal 1997 a causa di controversie legali fra i detentori dei diritti che portò anche a non dare un finale al racconto; recentemente sono però stati proposti su dvd ,a cura di "Stormovie" ,le due riduzioni cinematografiche degli anni '80: "Candy Candy,il film " e " Candy e Terence", in quest'ultimo fra l'altro, dato che di fatto la storia risultava incompleta, grazie ad un espediente di montaggio e di doppiaggio, si faceva coronare il sogno d'amore di Candy con l'amato Terence.
La prima sigla, con le sequenze ispirate alla versione giapponese, era eseguita dai Rocking Horse, mentre negli anni '90 venne realizzata una nuova sigla interpretata da Cristina D'Avena, dal titolo " Dolce Candy ", usato anche per la serie.
 
 
3. LA STORIA
 
L'infanzia
La storia inizia con l'abbandono di due orfanelle, Candy ed Annie, presso l'orfanotrofio religioso Casa di Pony, retto da Miss Pony e da Suor Maria. A farle compagnia, l'animale domestico più improbabile, un procione di nome Klin.
Quando Annie verrà adottata dalla ricca famiglia Brighton, Candy resterà all'orfanotrofio sentendosi sola e ferita, fino al giorno in cui, sulla collina dove era solita ritirarsi nei momenti di maggiore tristezza, incontra un giovane dai capelli biondi vestito con un kilt scozzese, che la consola suonando per lei la cornamusa che porta con sé. Prova di questo incredibile incontro sarà per Candy la spilla a forma di aquila con sopra una lettera "A" che il giovane, da lei soprannominato il Principe della Collina, ha perso danzando. Di lì a poco anche lei sarà quindi adottata da una potente famiglia aristocratica, i Legan. Candy si troverà così in un ambiente del tutto nuovo per lei. I modi sofisticati e le convenzioni della sua nuova famiglia (ma soprattutto dei due viziati figli dei Legan, Iriza e Neal) mal si addicono al carattere spontaneo e vivace della ragazza che viene infine costretta a fare la cameriera e a dormire nelle stalle.

La famiglia d'adozione: gli Andrew
Attraverso i Legan, Candy entra in contatto con la famiglia Andrew, della quale riconosce lo stemma, lo stesso della spilla caduta al Principe della Collina. Il capofamiglia, il misterioso zio William, è totalmente assente ed in sua vece è l'arcigna ed anziana zia Elroy a prendere le decisioni importanti. Candy fa amicizia con i nipoti della donna: Archie, un vero damerino, suo fratello Stear, un inventore pasticcione, e soprattutto il loro cugino Anthony, incredibilmente somigliante a quel Principe della Collina incontrato anni prima. Tra Candy e Anthony nasce un sentimento molto forte, tanto che quando i Legan decidono di mandare Candy in Messico il ragazzo e i suoi cugini fanno di tutto per impedirlo, fino a convincere la propria famiglia ad adottarla e farne una Andrew. È in questo periodo che Candy conosce anche Albert, un giovane vagabondo che vive in un rifugio nella foresta circondato dagli animali. Le cose sembrano andare per il meglio ma durante una battuta di caccia alla volpe Anthony muore cadendo da cavallo. Distrutta dal dolore Candy torna alla Casa di Pony per ritrovare la serenità perduta.

Londra e il collegio
È lì che un emissario dello zio William la raggiunge per inviarla a Londra a studiare in un esclusivo collegio religioso dove sono stati già mandati Archie e Stear.
Durante la traversata in piroscafo Candy incontra un ragazzo che in un primo momento scambia per Anthony e che la prende in giro senza dirle il suo vero nome.
Alla Royal St. Paul School la ragazza ritrova la sua vecchia amica Annie (che si innamorerà di Archie) e fa amicizia con Patty, una ragazza saggia ed occhialuta, futura fidanzata di Stear.
Nel collegio Candy si innamora di Terence Granchester, proprio quel giovane che la ragazza aveva incontrato durante il viaggio e che si rivela essere un aristocratico angloamericano, spavaldo ed anticonformista, ma capace di un amore profondo verso Candy. La storia d'amore tra i due giovani è travagliata e sofferta, anche perché osteggiata da vari personaggi come Iriza Legan che con i suoi sotterfugi riesce a far espellere Candy dalla scuola.
Candy decide quindi di lasciare Londra, come ha già fatto Terence e, tornata negli Stati Uniti, di fronte al dramma della guerra incombente comprende qual è la sua missione nella vita: diventare un'infermiera. Così, grazie anche all'aiuto di Miss Pony, si iscrive presso la Scuola per Infermiere retta da Miss Mary Jane.

Candy infermiera
Mentre gli Stati Uniti entrano nella Grande Guerra, Candy si trasferisce a Chicago per lavorare presso il principale ospedale della città, il Santa Johanna. Qui ritrova l'amico Albert, il quale, partito volontario per il fronte europeo, è stato ferito in combattimento ed ora soffre di amnesia. Per curarlo meglio Candy decide di andare a vivere con lui.
Sembra che finalmente le cose stiano iniziando ad andare per il verso giusto per la ragazza, che riceve anche un invito dall'amato Terence per la prima di Romeo e Giulietta. Emozionata Candy si reca dunque a New York, dove però l'attende una dolorosa notizia. Durante le prove per lo spettacolo Susanna Marlowe, una giovane collega di Terence perdutamente innamorata di lui, per salvarlo dalla caduta di un riflettore ha perso una gamba, spezzando così la sua carriera.
Il già forte senso di colpa di Terence è alimentato anche dal profondo rancore della madre della ragazza, la quale pretende che egli le resti accanto per tutta la vita.
Consapevole della storia fra Candy e Terence, Susanna decide di togliersi la vita, per non essere la causa dell'infelicità di colui che ama ma Candy, che ha capito le sue intenzioni, riesce a convincerla ad abbandonare il suo proposito. Col cuore spezzato la "signorina tutte-lentiggini" (soprannome affibbiatole da Terence ai tempi del collegio) decide dunque di lasciare Terence e di ritornare a Chicago.
Nel frattempo Stear parte come pilota volontario per andare a combattere nei cieli d'Europa, dove di lì a poco morirà tragicamente.

Epilogo
I guai però non sono finiti. Infatti, Neal si innamora di Candy e la perfida Irisa furiosa per l'accaduto, la fa cacciare da tutti gli ospedali della città con l'aiuto dell'influenza economica della madre. La ragazza decide allora di aiutare un vecchio dottore nella gestione di una piccola clinica di periferia.
Una sera, però, la sua vita viene nuovamente sconvolta: Albert, che nel frattempo ha segretamente ritrovato la memoria, è partito. Dai giornali apprende inoltre che Terence, sopraffatto dal dolore, ha abbandonato Susanna ed il teatro.
Albert incontra Terence completamente ubriaco in un bar e lo porta a vedere Candy che, nonostante tutti i guai, continua a lottare contro le avversità. Grazie a questo incontro, che resterà segreto, Terence decide allora di riprendere in mano la sua vita e di tornare dall'altra donna che per lui sta terribilmente soffrendo, Susanna.
Candy apprende intanto che la famiglia Legan sta organizzando il suo matrimonio con Neal per volere dello zio William. Furiosa, riesce a rintracciarlo e, quando finalmente lo incontra, scopre con sommo stupore che questi in realtà è Albert, William Albert Andrew, il buon amico che l'ha sempre aiutata. I due chiariscono ogni cosa e il progetto forzato di matrimonio viene annullato.
Il finale vede una gioiosa festa alla Casa di Pony, dove tutto è cominciato ormai venti anni prima.
Annie leggendo un giornale riferisce a Candy dell'imminente divorzio tra Terence e Susanna. Allontanatasi poi dalla festa, Candy, passeggiando sulla amata collina di Pony, sente nuovamente il suono di una cornamusa: voltandosi con sorpresa incontra nuovamente quel "principe" che non ha mai dimenticato e che altri non è che il suo benefattore, lo Zio William Albert.

Curiosità
Il 45 giri prodotto dalla Fonit Cetra con le sigle della seconda serie, Atlas Ufo Robot e Actarus, superò il milione di copie vendute.
La serie ebbe successo anche in Francia e nel mondo arabo, soprattutto in Egitto e Arabia Saudita. In Italia sono stati realizzati tre adattamenti cinematografici non autorizzati della serie televisiva; il secondo film, Goldrake l'invincibile, contiene l'episodio 71 non trasmesso nella edizione TV.
 
Fonte: QUI Fonte: QUI
 
 
4. PERSONAGGI
 
CANDY CANDY -
Personaggio cult degli anni '80. Il fascino della ragazzina bionda è tuttora insuperato. Si contano alcune decine di imitazioni, e grossolani tentativi di ricalcarne i lineamenti, senza alcun successo. Questa orfanella dal cuore puro e dai sentimenti genuini fece piangere, commuovere, sospirare, sorridere, sognare, il pubblico di tutta Europa. Nel bel Paese, che più da vicino ci riguarda, venne amata da subito, complici le sue caratteristiche "diverse".
Purezza di spirito e fiducia ad oltranza: questa vivace adolescente di primo novecento è incapace di malizia, di pensieri cattivi sul prossimo, persino la menzogna sulle sue labbra diventa una specie di malcelata verità. La genuinità delle sue azioni va oltre la cattiveria dei personaggi che incontra: rapitori, alcolisti, grezzi minatori, marinai senza scrupoli, persino gli assassini passano sotto il filtro ottimistico del suo sguardo. Candy apre una porta nell'animo di ognuno e fa arrivare la luce della speranza dove c'era solo il buio della disperazione. Lo spettatore rimane spiazzato dallo spirito combattivo ma non violento, tenace ma mai intrattabile, dignitoso ma mai altezzoso.
La sfida alle avversità: questa ragazzina, più della sua giovane "cuginetta" Georgie vive tutte le avversità che una vita apparentemente crudele le presenta davanti. Si comincia da subito: abbandonata davanti ad un orfanotrofio, durante una nevicata in un freddo mese invernale (dicembre?). Chi ha visto la serie conosce il resto, inutile rievocare una vicenda che tutti, più o meno, conoscono. La resistenza nelle avversità è uno tra i temi principali della serie, ne rappresenta il filone portante, forse più dell'abbagliante ma meno significativo sfondo romantico.
Gli amori: per quanto inviso al pubblico maschile incline alla strategia e al combattimento, il tema sentimentale prende una fetta non irrilevante del personaggio. Candy è l'ideale di giovane pura e sognatrice: a 5 anni conosce il "suo principe", si trasferisce dai Legan per conoscerlo meglio. Accetta ogni diabolico piano contro di lei per amore: si vede che i sospiri della lontananza affettiva pesano più della malizia dei fratellini frustrati dalla vuota vita da nobili. Ma nemmeno il suo sentimento verso l'uomo che ama le regala momenti particolarmente fortunati: Anthony si spegne precocemente e il successivo amante Terence finisce nelle spire dei conflitti psicologici, in un dramma shakespeariano più vissuto che recitato sul palco. Rimane la sola consolazione di sapere che il fantomatico zio William e quell'Albert tanto caro, ma (ahilei) considerato più un fratellone che un vero amante.
Rimane altro? Sì l'affetto degli inseparabili amici: Arcy, che si è accorto quasi per errore che Annie è innamorata di lui e tutti i fratellini di Casa Pony. Mica poco. Più di tutti rimangono i fans e la memoria di lei, difficilmente cancellabile. Ogni sbianchetto è risultato inefficace e sono passati 27 anni..
 
ANNIE BRIGHTON -
Amica del cuore, nata (o meglio "trovata") lo stesso giorno e cresciuta assieme a lei per dieci anni. Timida e riservata, viene adottata da due nobili coniugi. Malgrado le separazioni anche lunghe, quella di Annie rimane per tutta la serie l'amicizia più importante per Candy.
Caratterialmente il suo personaggio è un po' il contraltare della protagonista: benché le ragazze siano accomunate da un'inesauribile bontà d'animo, tanto Candy è dinamica, estroversa, indipendente, talvolta ribelle, quanto Annie è timida, malinconica, conformista, insicura.
Tende regolarmente a cercare l'appoggio degli altri: di Candy stessa, della famiglia d'adozione ed infine di Archie, con cui finirà per sposarsi. Soltanto verso la fine della serie dimostra di essere maturata e pronta ad affrontare la vita seriamente: recatasi a Grey Town assieme al fidanzato, entrambi si rimboccano le maniche provvedendo alla cucina ed alla ristorazione degli operai.
 
ANTHONY BROWN ANDREW -
Ragazzo di nobili origini, cugino di Archie e Stear; Candy s'innamora di lui anche per la somiglianza con il "principe della collina" (è infatti il nipote del vero "principe", che si rivelerà essere Albert, in quanto figlio della sorella di quest'ultimo)
La sua passione è la coltivazione delle rose. Come Candy, appare un personaggio totalmente positivo, ma al contrario di lei, la sua condizione di ragazzo agiato lo rende poco esperto del mondo che lo circonda, anche se non disdegna di partecipare ad eventi non propriamente aristocratici (come le scazzottate con Tom, l'aiuto che dà a quest'ultimo nel consegnare il latte ai clienti o il Rodeo dei cowboys, dove riesce anche a vincere).
È comunque aperto e desideroso di provare le reali esperienze della vita (si scontra spesso con la zia Elroy sull'argomento), ma non ne avrà purtroppo il tempo: muore infatti cadendo da cavallo, durante una battuta di caccia alla volpe..
 
TERENCE GRANCHESTER -
Ragazzo dal carattere impetuoso, ma anche gentile; appassionato di teatro, ne farà il suo lavoro. Il primo incontro con la protagonista avviene sulla nave che dagli Stati Uniti conduce entrambi in Inghilterra. Si ritrovano studenti presso la medesima scuola e da quel momento il loro rapporto sarà in continua evoluzione. Conia per lei il soprannome Signorina (che poi cambierà anche in Tarzan e Scimmietta) tutte-lentiggini.
Terence è uno spirito libero, intollerante della grettezza mentale paterna, delle regole, dell'ipocrisia, dei soprusi e delle prepotenze. Alterna modi affettuosi a comportamenti decisamente più bruschi, ma sarà proprio grazie alla sua irruenza che farà capire a Candy la necessità di pensare al proprio futuro lasciandosi alle spalle il ricordo, dolce ed allo stesso tempo doloroso, del suo caro Anthony. A metà della serie la ragazza s'innamorerà (ricambiata) perdutamente di lui; le loro strade si separeranno e s'incrocieranno di nuovo: in alcune occasioni si troveranno ad un passo l'una dall'altro, a volte riuscendo a vedersi (anche se solo per un fugace istante), altre invece no.
Quando infine ce la faranno ad incontrarsi, nonostante il forte sentimento che lega entrambi, dovranno lasciarsi a causa della tragedia che colpirà Susanna Marlowe ed indirettamente lo stesso Terence. Accortosi però di non poter fare a meno dell'amata, il giovane attore abbandona ogni cosa e si ritrova girovago a Chicago: in preda ai fumi dell'alcool, s'imbatte in Albert che lo fa rinsavire adoperando anche le maniere forti e lo conduce nei pressi della Clinica Felice, dove nel frattempo Candy ha trovato lavoro. Egli la vede da lontano, ma decide di non incontrarla e di far invece ritorno alla compagnia teatrale (lasciando quindi un finale "aperto" alla loro storia).
 
 
La famiglia Andrew (Ardlay)
 
ARCHIBALD CORNWELL -
Non è un genietto come il fratellino.
E' un fermo patriota, lo dimostrano i suoi scontri con Terence che non le risparmia al Nuovo Continente.
Anche se non si vede, è perdutamente innamorato della piccola Candy, che però lo vive come un prezioso amico.
Quando si accorge che non c'è proprio nulla da fare, si accorge che Annie lo desidera da tempo: un tempo si diceva "meglio tardi che mai".
 
 
 
 
ALISTEAR (Stearn) CORNWELL -
Il genietto di casa Andrew. Ne inventa di tutti i colori e qualche volta le azzecca.
La sua prima invenzione (in ordine di comparsa, ovvio) è un'automobile: unico difetto, parte da sola. Per essere nei primi del novecento non è male, ci spiegherà come ha fatto: nessuno ci è mai riuscito.
Tra le sue trovate abbiamo un pallone aerostatico che recapita lettere alla casa sbagliata; una macchina della verità che in realtà è una torcia; un aeroplano che inaugura per festeggiare l'amichetta Candy diplomata e che esplode dopo che i due si sono salvati.
Non si salva lui, però, quando parte volontario per la Francia. Il suo aereo vola, ma il nemico fa sul serio. Rimane di lui un carillon, dalla melodia incredibilmente delicata ed inquietante al tempo stesso.
Candy la regala a Patty, chissà se saprà davvero risollevarla.
 
ZIA ELROY -
Inizia male la più anziana appartenente degli Andrew, finisce peggio.
Annega nella sua stessa nobiltà ottusa e miope.
La sua ferrea tradizione si infrange contro la vivacità dei nipotini di casa.
Non aveva calcolato l'adozione da parte del nipote William Albert e la sua vita si sconvolge. Gli eventi la travolgono, non sa far fronte alle novità dei tempi e soccombe.
Alla fine pone la classica "ciliegina" sulla torta ormai salata della sua famiglia: avalla un matrimonio-farsa, cadendo nella trappola nemmeno troppo ben costruita dei Legan. Ci vuole Albert William Andrew a riportare decenza e buon senso.
 
 
 
WILLIAM ALBERT ANDREW -
giovane vagabondo eccentrico e grande amante degli animali, amico di Candy, è in realtà colui che veglierà su di lei da vicino e da lontano e influenzerà di più la vita della sua protetta. Ad un certo punto si reca in Africa, per lavorare come medico e veterinario: in seguito ad un incidente, perde la memoria e viene ricoverato presso l'ospedale Santa Joanna. Candy, dopo essersene presa cura nel periodo di degenza, decide di affittare un appartamento ed andare a vivere con lui per aiutarlo a guarire dall'amnesia. La vera identità dell'uomo (è il suo benefattore, colui che l'ha adottata) viene rivelata solo nell'ultimo episodio. Il tanto nominato "zio" William, nonché "principe della collina", è lui. Nell'episodio 37, quando Candy si reca a Londra per procurare una medicina a Terence rimasto ferito, dichiara di avere vent'anni. Considerando che in quel momento la ragazza frequentava la Royal St.Paul School e non aveva ancora festeggiato il quindicesimo compleanno (cosa che accade nel successivo mese di maggio, in prossimità dell'omonima Festa dei Fiori della scuola), è facile arguire che la differenza d'età fra i due è di 6 anni.
 
 
La famiglia Legan (Lagan)
 
SIG.RA LEGAN -
Cominciano le note dolenti, prima o poi dovevano arrivare.
Questa signora, povera nobile piena di denari, rappresenta l'emblema della nobiltà in totale decadimento morale.
Il lato economico poco conta.
La sua miseria interiore arriva al punto da dover adottare la piccola Candy pur di procurare alla figlia un giocattolo umano su cui rifarsi per colmare il vuoto e l'aridità che caratterizza i nobili della serie. Incapace di educare, complice della perfidia della figlia, succube della stessa tela che tesse contro la malcapitata ragazzina adottata, questa donna è l'immagine speculare e malvagia della madre comune di cui sopra (Miss Pony).
 
SIG: LEGAN (Mr. Lagan): padre di Neal e Iriza. Direttore di banca a Chicago presso la rete di istituti di credito appartenenti alla famiglia Andrew, è l'unico membro della famiglia che rispetta Candy, ma tende a non prendere posizioni ed è spesso assente.
IRIZA LEGAN -
Parlando di anti-eroi, la Igarashi probabilmente a lei si ispira disegnando la Elisa di casa Dangering.
Questa inguaribile anti-Candy, è tanto soffocata dal suo oceanico complesso di inferiorità, che vive pensando costantemente a come procurarle guai.
Sembra tuttavia essere la più profonda ammiratrice dell'orfanella che perseguita: le piacciono gli uomini di cui Candy si innamora, frequenta la stessa scuola, assiste agli stessi spettacoli..una vera predilezione. Attenzione a maltrattare troppo questo odioso personaggio: se non ci fosse, la serie diventerebbe davvero noiosa. L'episodio "La diabolica trappola di Iriza" rappresenta l'apice della sua perfida genialità.
Solo un genuino anarchico come Terence poteva arrivare al gesto tanto plateale quanto atteso, per salutarla nel migliore nei modi.
 
NEIL LEGAN -
Fratellino più piccolo dei Legan.
Non è solo il più piccolo, è proprio piccolo interiormente.
Supera quasi la sorella per la mediocrità della sua natura, meschino, irriconoscente, ipocrita, debole.
Purtroppo sono finiti gli aggettivi. Riesce a servirsi di quattro compagni per circondare la malcapitata Candy e malmenarla. Peccato per lui che intervenga il paladino dei deboli, Terence, a rimettere giustizia al mondo. Nemmeno i suoi sentimenti hanno la parvenza della genuinità: l'ultimo diabolico piano di matrimonio con Candy fallisce grazie all'intervento dell'altro benefattore Zio William.
 
 
Adulti
 
MISS PONY -
Questa tenera madre dal cuore grande quanto l'orfanotrofio che gestisce diventa il simbolo della sensibilità e della lealtà.
Niente la può far disperare, nemmeno le acrobazie da maschiaccio di Candy, nemmeno quelle la turbano: servono per crescere e maturare.
Ma la nostra "madre comune" non è affatto imperturbabile, proprio no. Si commuove quando la Casa di Pony perde qualche figlioletto per strada, adottato o travolto dalle tragedie (càpitano) della vita.
C'è da disperarsi a perdere una mammina del genere: ne sa qualcosa Candy quando trova una croce burlona sulla collina della sua infanzia che reca il nome dell'anziana direttrice: sono lacrime a fontana, quelle straordinariamente vere di Laura Boccanera. Insuperabile.
 
 
 
SUOR MARIA -
La prima (e sola) religiosa della serie.
Già, purtroppo solo lei si salva dalla terribile epidemia delle convenienze e delle scelte ragionate e pilotate dalla politica dell'egoismo più o meno imperante.
La Suora dal volto delicato e generoso, che pur di allietare l'infanzia dei suoi figlioletti (di fede, s'intende), concede strappi alle regole e chiude più di un occhio sulla rigidità dei comandi della collega.
Chi mai ha desiderato una spiritualità più libera di questa. Invidiabile.
 
 
SUOR GREY -
Mancava una nota nella melodia stonata dei religiosi della serie. L'anti-Suor Maria per antonomasia.
L'abito che porta contraddice lo spirito che dovrebbe accompagnarlo. Emblema di religiosità ipocrita e farisaica, Suor Grey riceve musica per le sue orecchie da Terence (e chi senno?).
In una scena da incorniciare per dialoghi e scenografie, il rampollo di casa Granchester le spiattella tutte le ipocrisie di una religiosità rimasta vittima dell'errata prospettiva ecclesiastica.
Non che la piccola orfanella di Casa Pony gliele risparmi: quando vieta di ospitare la tartaruga Evelyn, dopo aver rifiutato Clean, la ragazza proprio non ne può più, poco importano le punizioni. Vale più la regola fine a se stessa della finalità del precetto stesso? Intollerabile. L'evangelizzazione della Sorella non funziona. Preferisce essere evangelizzata dai sussidi del duca di Granchester e sacrificare alla ragion comune la malcapitata orfanella.
Terence non tollera l'ipocrisia e si auto-infligge la stessa punizione che è toccata alla donna che ama. Come dargli torto.
 
MISS MARY JANE -
Esordisce con uno stratagemma che pochi avrebbero pensato: altro che esami di maturità..si direbbe un esame di umanità.
La futura infermiera accetta e supera brillantemente. Poi sfoggia ampie qualità sul campo. La direttrice apprezza e condivide ma la ribattezza Sbadatella.
Male non le sta. Rimane un personaggio essenzilmente positivo, tenace, austero ma umano, inflessibile ma umana.
Meriterebbe una promozione, ma è già direttrice, di più non si può.
 
 
 
 
Ragazzi
 
FLANNY HAMILTON -
Rientra di diritto tra i personaggi della serie l'Iceberg dell'Ospedale Saint-Joseph.
Non tanto e non solo per il suo fare distante e austero (ci ricorda Oscar, non a caso la voce è di Cinzia De Carolis), quanto per il suo eroico spirito umanitario.
Un personaggio complesso e affascinante al tempo stesso: non si sa quale fine gli riservi la sceneggiatura, che per pensare agli intrighi di cuore della protagonista si "dimentica" dell'infermiera più valida ed efficente della Marry Jane.
A noi poco interessa della dimenticanza. Flanny è una professionista in gamba, una ragazza solo apparentemente gelida. Proprio una Oscar uscita temporaneamente dalla sua serie.
 
PATTY -
Ultima componente della compagnia della nostra beniamina.
Inizialmente si schiera tra le diffidenti, poi la nonna Marta la convince che si sbaglia.
Candy è proprio speciale.
Anche lei merita una statuetta d'oro per la sfortuna: si innamora del ragazzo che morirà in guerra. Lei l'aveva avvisato, ma lui non sente ragioni e parte, dando l'addio (lo sapeva già, che genietto..) alla sua Candy.
Le rimane solo il carillon, regalo dell'amica del cuore.
 
PRINCIPE DELLA COLLINA DI PONY -
È il misterioso ragazzo, vestito con abiti scozzesi e cornamusa, conosciuto sulla collina di Pony in un giorno di pioggia, incontrato per caso dopo un pianto disperato causato dall'addio epistolare, inviatole dalla sua amica Annie.
È lui l'autore della fatidica frase "sei più carina quando ridi che quando piangi".
All'epoca dell'incontro lei (nel manga) ha solo sei anni. Lui perderà il medaglione che Candy troverà e custodirà sempre come un tesoro, il suo ricordo non l'abbandonerà mai e le sarà di conforto nei momenti più difficili.
È il primo grande amore di Candy, sicuramente idealizzato dai sogni di bambina ma che nonostane tutto l'accompagnerà per il resto della vita, ma è anche quello che a soli 12 anni, cioè 6 anni dopo il primo incontro, la spingerà ad allontanarsi dall'amatissimo orfanotrofio per mettersi sulle sue tracce, accettando di essere adottata dai Legan che usano, poichè anche loro fanno parte della famiglia Andrew, lo stesso stemma riportato sul medaglione.
Inutile dire che a casa Legan più che il principe troverà guai, infatti non saprà più niente di lui se non alla fine del racconto stesso, molti anni dopo, quando lo stesso principe di nuovo sulla collina di Pony, le svelerà la propria identità.
 
 
Animali
 
CLEAN -
Finalmente si può tirare un sano e meritato sospiro di sollievo dopo tante disavventure e sgradevoli personaggi.
Il fedele amico di Candy è un procione che, a ben vedere, ha le sembianze fedeli alla sua specie, ma i comportamenti molto vicini a quelli di un ottimo cane di compagnia.
Ascolta alla lettera le indicazioni della padroncina, la difende dai malintenzionati, fa da guida agli amici disorientati.
Ma non è il caso di star lì a sottilizzare: una bestiola che guasterebbe avere al proprio fianco quando si è soli e, maragi, in difficoltà.
 
 
 
5. LINK ESTERNI:
 
settenote
settenote

Messaggi : 234
Punti : 405
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Torna in alto Andare in basso

CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV) Empty ROCKINH HORSE: 1980 - CANDY CANDI/LUCY (45 giri)

Messaggio  settenote il Mer Ago 07, 2019 7:22 pm

 
 
1. TITOLO:
 
1980 - CANDY CANDY/LUCY
 
# Etichetta: RCA Original Cast # Catalogo: BB 6427 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: JKAS 35381/JKAS 35382 # Genere:
Children's # Tipo audio: Stereo # Supporto: vinile 45 giri # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Records Factory, Italy
 
 
2. COVER:
 
   

   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
CANDY CANDY

 
   Lato B:
LUCY

 
   

Testo: Lucio Macchiarella
Musica: Brandon Michael Fraser e Bruno Fulvio Tibaldi (Kobra)
 
Testo:
Candy è poesia
Candy Candy è l'armonia
Candy è la magia
Candy Candy è simpatia

È zucchero filato
è curiosità
è un mondo di pensieri in libertà
È un fiore delicato
è felicità
che a spasso col suo gatto se ne va

Candy oh Candy

nella vita sola non sei
anche nella neve più bianca, più alta che mai
Candy oh Candy
che sorrisi grandi che fai
che sapore dolce, che occhi puliti che hai

Candy è fantasia
se racconta una bugia
Candy è l'allegria
che ci tiene compagnia

È un sogno colorato
è l'ingenuità
è un desiderio che si avvererà
È un cucciolo smarrito nell'immensità
nel bosco e tra le case di città

Candy oh Candy

nella vita sola non sei
anche nella neve più bianca, più alta che mai

Candy oh Candy

che sorrisi grandi che fai
che sapore dolce, che occhi puliti che hai

Candy oh Candy

nella vita sola non sei
anche nella neve più bianca, più alta che mai

Candy oh Candy

che sorrisi grandi che fai
che sapore dolce, che occhi puliti che hai...
 
Fonte: QUI
   
Musica: E. Senesi Producer, Mario Vicari
Testo: L. Macchiarella, S. Senesi
 
Testo:
Lucy darling – Lady Lucy darling
Lucy darling – Lady Lucy darling

Lucy la svampita matta per la vita
che comunque vada sempre bene va
Lucy che s’imbroglia – Lucy che si sbaglia
e non trova più la testa
Lucy crede nelle favole – dice la verità
Lucy vive tra le nuvole
senza problemi – senza talismani
per tirarsi fuori dai guai

Lucy darling – Lady Lucy darling
Lucy è l’aria tutta profumata
Lucy darling – Lady Lucy darling
Lucy è matta matta per la vita

Lucy confusione – Lucy l’emozione
è la tenerezza dell’ingenuità
Lucy divertente – Lucy rilassante
non ti fa pensare a niente
Lucy tenera terribile voglia di novità
Lucy super adorabile
è l’ottimista – quella che ci casca
ma per vinta non si da’ mai

Lucy darling – Lady Lucy darling
Lucy è l’aria tutta profumata
Lucy darling – Lady Lucy darling
Lucy è matta matta per la vita

Lucy crede nelle favole – dice la verità
Lucy vive tra le nuvole
senza problemi – senza talismani
per tirarsi fuori dai guai

Lucy travolgente – Lucy sorridente
va controcorrente per curiosità
Lucy l’avventura – Lucy testa dura
non conosce la paura
Lucy…
 
Fonte: QUI
 
CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV) Videos10


Ultima modifica di settenote il Gio Ago 08, 2019 10:16 am, modificato 1 volta
settenote
settenote

Messaggi : 234
Punti : 405
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Torna in alto Andare in basso

CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV) Empty CRISTINA D'AVENA: 1989 DOLCE CANDY/TEODORO E L'INVENZIONE CHE NON VA (45 giri)

Messaggio  settenote il Mer Ago 07, 2019 7:46 pm

1. TITOLO:
 
1989 DOLCE CANDY/TEODORO E L'INVENZIONE CHE NON VA
 
# Etichetta: FIVEA # Catalogo: FM 13246 # Data pubblicazione: 1989 # Matrici: FM 13246 A/FM 13246 B # Genere:
Children's # Tipo audio: Stereo # Supporto: vinile 45 giri # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER:
 
   

   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
DOLCE CANDY

 
   Lato B:
TEODORO E L'INVENZIONE CHE NON VA

 
   

Alinvest - N. Carucci
 
Testo:
Un sorriso che non si spegne mai
dolce Candy a tutti porterai
la serenità della verità
dolce Candy ti accompagnerà
è tua amica la semplicità
che ogni porta sempre ti aprirà Candy

Ti comporti con generosità
anche nelle avversità
Candy la felicità vedrai ritornerà
con te per sempre resterà

Dolce Candy candido fiore Dolce Candy
col buonumore ovunque arriverai
Dolce Candy apri il tuo cuore Dolce Candy
col buonumore tutto riuscirà

Un sorriso che non si spegne mai
dolce Candy a tutti porterai
che spontaneità c'è negli occhi tuoi
dolce Candy resta qui con noi
è tua amica la sincerità
che ogni porta sempre ti aprirà Candy

Dolce Candy candido fiore
Dolce Candy col buonumore ovunque arriverai
Dolce Candy apri il tuo cuore
Dolce Candy candido fiore
dolce Candy vieni qua, o mia dolce Candy

Dolce Candy apri il tuo cuore
Dolce Candy col buonumore in tutto riuscirai.
 
Fonte: QUI
   
Alinvest - Draghi
 
Testo:
eodoro per padrone
hai un inventore sempre in mezzo ai guai
ed ogni sua invenzione
PUBBLICITÀ

non so perché ma non funziona mai.
È proprio un pasticcione
e in questo ti somiglia molto sai,
fa tanta confusione
con lui vedrai che ti divertirai.
Teodoro per padrone
hai un inventore sempre in mezzo ai guai
però è un simpaticone
e vi volete tanto bene ormai.
Qualunque decisione
voi la pigliate insieme e tu lo sai
e tutto va benone
ma poi vi ritrovate in mezzo ai guai.
Dai Teodoro,
forza inventa assieme al professore.
Dai Teodoro,
tutti i giorni c'è una novità.
Dai Teodoro,
su lavora sempre con fervore.
Dai Teodoro,
anche se ogni volta poi si sa
l'invenzione non va.
Teodoro per padrone
hai un inventore sempre in mezzo ai guai,
se fa una previsione
la sbaglia di sicuro e tu lo sai.
È proprio un pasticcione
e in questo ti somiglia molto ormai,
ed ogni sua invenzione
non so perché ma non funziona mai.
Dai Teodoro,
forza inventa assieme al professore.
Dai Teodoro,
tutti i giorni c'è una novità.
Dai Teodoro,
su lavora sempre con fervore.
Dai Teodoro,
tutti i giorni c'è una novità.
Teodoro per padrone
hai un inventore sempre in mezzo ai guai
ed ogni sua invenzione
non so perché ma non funziona mai.
Dai Teodoro,
forza inventa assieme al professore.
Dai Teodoro,
tutti i giorni c'è una novità.
Dai Teodoro,
su lavora sempre con fervore.
Dai Teodoro,
anche se ogni volta poi si sa l'invenzione non va!
 
Fonte: QUI
 
CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV) Videos10
settenote
settenote

Messaggi : 234
Punti : 405
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Torna in alto Andare in basso

CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV) Empty Re: CANDY CANDY - 1980 (Trama, Personaggi, Sigla TV)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum