Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________

_____________________



___________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks

_____________________

< ho la sclerosi multipla >


Condividiamo tutto sulla malattia

____________________________



________________________


________________________


________________________

Chi è online?
In totale ci sono 86 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 86 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 1304 il Ven Lug 26, 2019 9:50 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI

Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI

Messaggio  settenote il Mar Gen 29, 2019 11:26 pm


Dopo un anno di trepidante attesa, torna il Festival di Sanremo.
L’edizione 2019 della manifestazione in onore della musica italiana, diretta per il secondo anno consecutivo da Claudio Baglioni, è in programma dal 5 al 9 febbraio.
L’evento viene trasmesso in diretta dal teatro Ariston su Rai 1, in prima serata.

Ad affiancare Baglioni sul palco ci sono Claudio Bisio e Virginia Raffaele.

Il Festival di Sanremo, che arriva quest’anno all’edizione numero 69, è di gran lunga l’evento musicale più importante del nostro Paese; ma è anche uno dei più chiacchierati: milioni e milioni di spettatori rimangono letteralmente incollati davanti agli schermi per godersi le canzoni in gara, discutere sui look di ospiti e conduttori, confrontarsi sulle speranze dei singoli artisti in chiave radiofonica.

Notizie (e immancabili polemiche) che si inseguono nella settimana sanremese e si protraggono per giorni e giorni, contribuendo a rendere il Festival uno degli appuntamenti più amati dalle famiglie italiane.

ANTEFATTI:

Prima di passare a tutti i dati (tecnici, cantanti, canzoni, etc...), facciamo una carrellata degli eventi che hanno portato a questa edizione:

14 Giugno 2018 - Claudio Baglioni concede il bis: è lui il direttore artistico di Sanremo 2019.
Sanremo 2019, Claudio Baglioni direttore artistico: secondo festival consecutivo per Baglioni che festeggia i suoi primi 50 anni di carriera con un tour autunnale e si prepara a selezionare i cantanti del 69° Festival della Canzone Italiana.

Fonte: QUI
28 Giugno 2018 - Il 69° Festival di Sanremo andrà in onda da martedì 5 a sabato 9 febbraio.
La presentazione dei Palinsesti Rai per la prossima stagione tv ha svelato l'arcano e ha svelato che la 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana andrà in onda dal 5 al 9 Febbraio 2019.
Anche il prossimo anno, quindi, il Festival andrà in scena nella prima settimana di febbraio: Sanremo 2018 si è svolto, infatti, dal 6 al 10 febbraio. Si confermano, inoltre, le 5 serate in diretta su Rai 1, mai messe davvero in dubbio, con la direzione artistica e la conduzione di Claudio Baglioni. Come lo scorso anno, quindi, Baglioni sarà il 'comandante' del Festival, unendo alla scelta dei brani anche la conduzione della serate.

Fonte: QUI
28 Giugno 2018 - Non solo direttore artistico, ma anche conduttore: Claudio Baglioni si prepara a un bis 'completo' per Sanremo 2019.
Come a Sanremo 2018, quindi, Claudio Baglioni condurrà il Festival, ma non si sa con chi, né come. Non ci saranno - almeno non se ne parla per ora - Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, che tanto bene hanno fatto lo scorso anno. Chi verrà dopo di loro e si prenderà il loro camerino?

Fonte: QUI
12 Luglio 2018 - Cambia il regolamento? Categoria unica per giovani e big. L'Ariston dirà addio alle Nuove Proposte?

Fonte: QUI
24 Luglio - Le novità: unica categoria all'Ariston, contest per giovani a dicembre su Rai1. Cambia il regolamento della kermesse canora, ecco il nuovo meccanismo. Non ci saranno più Big né Nuove Proposte, ma un'unica categoria in gara, alla quale saranno ammessi i due vincitori di un nuovo contest per 24 artisti under 36 che si terrà nella settimana dal 17 al 21 dicembre. Sanremo Giovani si articolerà in due prime serate e quattro pre-serali, in onda, a dicembre, su Rai1.

Fonte: QUI
27 Luglio 2018 - Pubblicato il regolamento di Sanremo Giovani 2018.
Sanremo Giovani 2018 ha il suo regolamento ufficiale: non ci sono ancora le date della gara per le 'Nuove Proposte', che quest'anno non calcheranno il palco dell'Ariston a Febbraio, ma avranno un contest dedicato. I primi due classificati parteciperanno a Sanremo 2019 tra i Big.

Fonte: QUI
13 Agosto 2018 - Claudio Baglioni: "Ecco perché ho raddoppiato il mio Festival". In esclusiva per Tv Sorrisi e Canzoni, l'artista ha spiegato in che modo sarà strutturata la gara di quest'anno, illustrando in particolar modo le dinamiche del torneo che coinvolge i Giovani.

Fonte: QUI
17 Ottobre 2018 - Sanremo giovani con Pippo Baudo e Fabio Rovazzi. L'idea che si sta facendo strada in queste ore è di affidare la conduzione di Sanremo giovani ad una coppia assolutamente inedita in questo ruolo, ma che abbiamo già avuto modo di vedere insieme in televisione. Il primo è uno che di Sanremo se ne intende e moltissimo, avendolo condotto e governato per tantissimo tempo e stiamo parlando del grande Pippo Baudo.
Il secondo è uno dei personaggi più popolari oggi in Italia, nato sul web e poi esploso prepotentemente nel mondo della canzone ma anche nel mondo del cinema è Fabio Rovazzi, che quindi farebbe coppia sul palco del Casinò di Sanremo per queste due serate dicembrine di Sanremo giovani.

Fonte: QUI
12 Novembre 2018 - Sanremo Giovani 2019: Pippo Baudo e Fabio Rovazzi conduttori, è ufficiale. Luca Barbarossa, invece, al timone dei quattro appuntamenti di presentazione degli artisti finalisti, in onda dal 17 al 20 dicembre alle 17.45 sempre su Rai1.

Fonte: QUI
21 Novembre 2018 - Il programma delle 5 serate: la scaletta sera per sera.
Sanremo 2019 prende forma: vediamo il programma sera per sera della 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana.

Fonte: QUI
24 Novembre 2018 - Pippo Baudo e Fabio Rovazzi nel primo spot per Sanremo Giovani 2018, in onda su Rai 1 il 20 e 21 dicembre.


Fonte: QUI
26 Novembre 2018 - Indiscrezioni sul possibile cast televisivo del Festival di Sanremo 2019. Claudio Bisio potrebbe essere il conduttore del Festival di Sanremo 2019, in programma il prossimo febbraio su Rai1. A scriverlo è il sito TvZoom, secondo il quale l'attore e giuriato di Italia’s Got Talent su Tv8 "dovrebbe prendere il posto di Pierfrancesco Favino, l’anno scorso autentica rivelazione sul palco dell’Ariston".
Al fianco di Bisio, reduce dal non indimenticabile Saturday Night Live sempre su Tv8, dovrebbero esserci Claudio Baglioni, direttore artistico della kermesse per il secondo anno consecutivo, e una figura femminile al momento misteriosa. Suggestioni spingerebbero a pensare all'ipotesi che si possa ricostituire per l'occasione la coppia che Bisio ha formato per alcuni anni a Zelig con Vanessa Incontrada.

Fonte: QUI
27 Novembre 2018 - Un Festival da ridere con Virginia Raffaele e Claudio Bisio.

Fonte: QUI
27 Novembre 2018 - Sanremo Giovani 2018 si avvicina: i 24 finalisti annunciati da Claudio Baglioni in una puntata speciale di Radio 2 Social Club.



Fonte: QUI
10 Dicembre 2018 - Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino ospiti della prima serata per il passaggio di consegne. Secondo quanto rivelato da DavideMaggio.it, i due salirebbero sul palco per la consegna del testimone ai nuovi conduttore della kermesse.

Fonte: QUI
17 Dicembre 2018 - Primo dei quattro appuntamenti per conoscere i finalisti di Sanremo Giovani 2018: conduce Luca Barbarossa.
L'ennesimo tentativo di appassionare e scaldare il pubblico... con un tiepido risultato.

Fonte: QUI
18 Dicembre 2018 - Ecco Sanremo Giovani, seconda puntata.

Fonte: QUI
19 Dicembre 2018 - Sanremo Giovani 2018, cantanti e canzoni sera per sera
Due gruppi da 12, un solo vincitore per serata: vediamo come sono divisi i finalisti di Sanremo Giovani 2018.


Fonte: QUI
21 Dicembre 2018 - I cantanti che parteciperanno all'edizione 2019 del Festival di Sanremo.
Durante le due serate di Sanremo Giovani, la manifestazione musicale condotta da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi durante la quale 24 giovani artisti si sono giocati due posti al prossimo Festival di Sanremo, sono stati annunciati i 24 Big che si esibiranno sul palco del Teatro Ariston, dal 5 al 9 febbraio 2019.



Fonte: QUI
21 Dicembre 2018/size] - Einar a Sanremo 2019: è il primo vincitore di Sanremo Giovani.



[size=11]Fonte: QUI
22 Dicembre 2018 - Mahmood a Sanremo 2019: è il vincitore della seconda serata di Sanremo Giovani.
Mahmood in gara al Festival di Sanremo 2019 In passato, ha partecipato a X Factor.
L'artista italo-egiziano è riuscito a strappare il pass per la 69esima edizione della kermesse sanremese grazie alla vittoria ottenuta al termine della seconda serata di Sanremo Giovani 2018.

Fonte: QUI
6 Gennaio 2019 - Beppe Vessicchio non ci sarà: "Vedo il Festival da casa"
Il maestro d'orchestra, assente anche nell'edizione del 2017, tornò l'anno scorso sul palco per Elio e Mario Biondi.

Fonte: QUI
9 Gennaio 2018 - Conferenza stampa: ufficiali Bisio e Raffaele.
Sanremo 2019, conferenza del 9 gennaio in diretta: ufficializzati i conduttori.



Fonte: QUI
9 Gennaio 2019 - Matteo Salvini contro Claudio Baglioni: "Canta che ti passa, lascia che chi di dovere si occupi di immigrazione".
Matteo Salvini ha replicato alle dichiarazioni odierne di Claudio Baglioni.

Fonte: QUI
23 Gennaio 2019 - Biglietti esauriti: Teatro Ariston già sold-out.
Dove comprare i biglietti per il Festival di Sanremo 2019? Ormai da nessuna parte: l'Ariston è già sold-out.

Fonte: QUI
28 Gennaio 2019 - Premio alla Carriera a Pino Daniele (e Peppino di Capri ci resta male...)
Tutti i premi del Festival di Sanremo 2019.

Fonte: QUI
28 Gennaio 2019 - La marcia di avvicinamento alla 69ma edizione del festival passa per gli spot pubblicitari.





Fonte: QUI
29 Gennaio 2019 - La scenografia di Francesca Montinaro.
Al Teatro Ariston si allestisce la scenografia del 69° Festival della Canzone Italiana.

Fonte: QUI
29 Gennaio 2019 - Fonti Rai contro le accuse di conflitto di interessi: "Baglioni è garanzia di trasparenza".
L'azienda replica alle insinuazioni di Striscia La Notizia e alla proposta di interrogazione parlamentare del senatore Paragone.

Fonte: QUI
settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty Re: FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI

Messaggio  settenote il Mer Gen 30, 2019 11:13 pm



Festival di Sanremo 2019

Edizione: LXIX (69)
Periodo: 5-9 febbraio 2019
Sede: Teatro Ariston di Sanremo
Direttore artistico: Claudio Baglioni
Presentatore: Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele
Trasmissione TV Rai 1 - Trasmissione radio Rai Radio 2 - Trasmissione web RaiPlay - RaiPlay Radio
Partecipanti: 24

Il sessantanovesimo Festival di Sanremo si svolgerà al Teatro Ariston di Sanremo dal 5 al 9 febbraio 2019 e sarà condotto per il secondo anno consecutivo da Claudio Baglioni, che ne è anche il direttore artistico, affiancato da Claudio Bisio e Virginia Raffaele (già co-conduttrice dell'edizione 2016).

La regia sarà curata da Duccio Forzano, mentre la scenografia sarà realizzata da Francesca Montinaro, che aveva già realizzato anche quella dell'edizione 2013.
La direzione musicale sarà affidata per il secondo anno consecutivo a Geoff Westley.

La competizione vedrà concorrere ad un unico premio 24 cantanti, dei quali 22 sono artisti di chiara fama e 2 provengono da Sanremo Giovani 2018; questi ultimi presenteranno un brano inedito, diverso da quello con il quale hanno vinto la suddetta competizione, a differenza di quanto accadeva negli anni precedenti in cui i prescelti partecipavano al Festival in una sezione a loro dedicata.

Il vincitore del Festival sarà anche il rappresentante dell'Italia all'Eurovision Song Contest 2019, salvo rinuncia.

Partecipanti
I due artisti vincitori di Sanremo Giovani 2018 che hanno acquisito il diritto di partecipare al Festival sono stati annunciati il 20 e il 21 dicembre 2018, in diretta su Rai 1.
Durante la stessa trasmissione sono stati annunciati anche i nomi dei ventidue campioni selezionati per la finale, undici ogni sera.
Interprete Ultime partecipazioni al Festival
Achille Lauro Esordiente
Anna Tatangelo 2015
Arisa 2016
Boomdabash Esordienti
Daniele Silvestri 2013
Einar Esordiente
Enrico Nigiotti 2015 (tra le Nuove Proposte)
Ex-Otago Esordienti
Francesco Renga 2014
Federica Carta e Shade Esordienti
Ghemon Esordiente
Il Volo 2015
Irama 2016 (tra le Nuove Proposte)
Loredana Bertè 2012
Mahmood 2016 (tra le Nuove Proposte)
Motta Esordiente
Negrita 2003
Nek 2015
Nino D'Angelo e Livio Cori 2010 ed Esordiente
Paola Turci 2017
Patty Pravo con Briga 2016 ed Esordiente
Simone Cristicchi 2013
Ultimo 2018 (tra le Nuove Proposte)
Zen Circus Esordienti

Canzoni
Artista Brano Autori
Achille Lauro Rolls Royce L. De Marinis, D. Petrella, D. Deizi, D. Mungai e E. Manozzi
Anna Tatangelo Le nostre anime di notte L. Vizzini
Arisa Mi sento bene A. Flora, M. Buzzanca, L. Vizzini e R. Pippa
Boomdabash Per un milione F. Abbate, Cheope, R. Pagliarulo, A. Cisternino, A. Merli e F. Clemente
Daniele Silvestri Argento vivo D. Silvestri, T. Iurcich, F. Rondanini e M. Agnelli
Einar Parole nuove A. Maiello, E. Palmosi e N. Marotta
Enrico Nigiotti Nonno Hollywood E. Nigiotti
Ex-Otago Solo una canzone M. Carucci, S. Bertuccini, O. Martellacci, F. Bacci e R. Bouchabla
Federica Carta e Shade Senza farlo apposta J. Ettorre, G. Roggia e Shade
Francesco Renga Aspetto che torni Bungaro, F. Renga, C. Chiodo, Rakele e G. Runco
Ghemon Rose viola G. L. Picariello e S. Tognini
Il Volo Musica che resta A. Carozza, E. Munda, G. Nannini, P. Mammaro e P. Romitelli
Irama La ragazza col cuore di latta G. Colonnelli, A. Debernardi, F. M. Fanti e G. Nenna
Loredana Bertè Cosa ti aspetti da me G. Curreri, G. Pulli e P. Romitelli
Motta Dov'è l'Italia F. Motta
Mahmood Soldi C. Charles, Dardust, A. Mahmoud
Negrita I ragazzi stanno bene P. Bruni, C. Petricich, E. Salvi, F. Barbacci, G. Ridolfo Gagliano e L. Cilembrini
Nek Mi farò trovare pronto F. Neviani, L. Chiaravalli e P. Antonacci
Nino D'Angelo e Livio Cori Un'altra luce N. D'Angelo, L. Cori, M. Dagani, F. Fogliano e M. M. G. Fracchiolla
Paola Turci L'ultimo ostacolo S. Marletta, E. Roberts, L. Chiaravalli e P. Turci
Patty Pravo con Briga Un po' come la vita S. Vallarino, M. Rettani, D. Calvetti, M. Bellegrandi e L. Leonori
Simone Cristicchi Abbi cura di me S. Cristicchi, N. Brunialti e G. Ortenzi
Ultimo I tuoi particolari N. Moriconi
Zen Circus L'amore è una dittatura A. Appino, G. P. Cuccuru e M. Schiavelli

Serate
Prima serata
Nella prima serata si esibiranno tutti i 24 artisti con il loro brano in gara.

Seconda serata
Nella seconda serata si esibiranno 12 dei 24 artisti in gara.

Terza serata
Durante la terza serata si esibiranno i restanti 12 artisti.

Quarta serata
La quarta serata sarà dedicata ai duetti. Ogni artista presenterà per l'occasione una versione rivisitata del proprio brano in gara accompagnato da un artista ospite.

Achille Lauro con Morgan
Anna Tatangelo con Syria
Arisa con Tony Hadley e i Kataklò
Boomdabash con Rocco Hunt
Daniele Silvestri con Manuel Agnelli
Einar con Biondo
Enrico Nigiotti con Paolo Jannacci
Ex-Otago con Jack Savoretti
Shade e Federica Carta con Cristina D'Avena
Francesco Renga con Bungaro ed Eleonora Abbagnato
Ghemon con Diodato e i Calibro 35
Il Volo con Alessandro Quarta
Irama con Noemi e Caterina Guzzanti
Loredana Bertè con Irene Grandi
Mahmood con Guè Pequeno
Motta con Nada
Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci
Nek con Neri Marcorè
Nino D'Angelo e Livio Cori con i Sottotono
Paola Turci con Giuseppe Fiorello
Patty Pravo e Briga con Giovanni Caccamo
Simone Cristicchi con Ermal Meta
Ultimo con Fabrizio Moro
Zen Circus con Brunori Sas

Serata finale
Nel corso della serata finale si riesibiranno tutti i 24 artisti con le proprie canzoni in gara. Al termine di questa, verrà decretata la canzone vincitrice del Festival.

Scenografia
La scenografia di quest'edizione, disegnata per la seconda volta da Francesca Montinaro, è stata concepita ispirandosi al concetto di armonia.
La struttura si sviluppa, infatti, con un fondale costituito da diverse colonne luminose che nel loro insieme formano idealmente un'onda. Al posto della tradizionale scalinata, che comunque sarà presente in un'altra veste, vi è una sorta di trampolino. L'orchestra, infine, è situata in una buca posizionata dietro il palcoscenico.

PrimaFestival
Anche per il 2019 è previsto il PrimaFestival, trasmissione incentrata su indiscrezioni sulle canzoni in gara, sugli artisti e sugli ospiti del Festival[10]. Andrà in onda dal 25 gennaio al 9 febbraio 2019 con la conduzione di Simone Montedoro e Anna Ferzetti.

DopoFestival
Anche per il 2019 è previsto il DopoFestival, trasmissione di commenti e approfondimento. Il programma, in quest'edizione con il titolo Dopofestival - The Dark Side of Sanremo, sarà condotto dall'attore e regista Rocco Papaleo con Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto e andrà in onda in diretta dal Teatro del Casinò di Sanremo.

Esclusi
L'organizzazione tradizionalmente non comunica i nomi degli artisti della sezione Campioni che avevano inoltrato domanda ma non sono stati selezionati per le serate finali.
Secondo alcune fonti e dichiarazioni degli stessi cantanti tra gli esclusi vi sarebbero:
Bianca Atzei (con una canzone scritta da Gianluca Grignani)
Pierdavide Carone con i Dear Jack, Dolcenera, Lorenzo Fragola, Carmen Ferreri, Lisa, Of New Trolls ed Enrico Papi con Orietta Berti.

Fonte: QUI
settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI (1a serata)

Messaggio  settenote il Mer Feb 06, 2019 11:27 am



La prima serata di Sanremo 2019

Sanremo 2019, un disastro autoriale
La buona notizia è che la prima serata della 69esima edizione del Festival di Sanremo, domani mattina, registrerà ottimi ascolti all'Auditel, come oramai capita da quattro edizioni a questa parte.
La brutta notizia è la pessima piega a livello autoriale che la kermesse sanremese ha dimostrato di aver preso con questa prima serata andata in onda su Rai 1 che potrebbe anche far presagire il peggio (noi, ovviamente, non gufiamo per il solo gusto di farlo...) per quanto concerne le restanti quattro serate.

La prima serata dell'edizione 2019 del Festival di Sanremo si è rivelata un disastro autoriale, senza se e senza ma.
Non si tratta di prendere posizioni radicali o enfatizzare i toni giusto per dare colore alle opinioni.
"Disastro" è la parola, purtroppo, giusta e adatta a ciò a cui abbiamo assistito stasera.
Non ha funzionato nulla e l'insufficienza di idee e accorgimenti può essere riassunta in tanti episodi chiave che fotografano alla perfezione l'esiguo livello dello spettacolo offerto dalla prima serata del Festival.

Il primo episodio riguarda la primadonna del Festival, una Virginia Raffaele che, stasera, semplicemente, non è stata Virginia Raffaele.
La comica e imitatrice romana, rimasta nell'immaginario collettivo sanremese grazie alle sue riuscitissime performance che caratterizzarono il 66esimo Festival di Sanremo, è stata ingabbiata in un ruolo essenzialmente non suo, quello della conduttrice pura.
Solo una domanda. Perché?
Perché svigorire il talento di una fuoriclasse come Virginia Raffaele, impiegandola fuori ruolo praticamente per tutta la durata della prima serata?
Perché non lasciare Virginia Raffaele agire liberamente nella sua zona di comfort e costringerla ad essere funzionale e ironica a tutti i costi durante spazi nei quali è difficile esserlo (la battuta infelice sui Casamonica, per la quale verrà sicuramente e ingiustamente messa in croce nei prossimi giorni, è stata la triste conseguenza di tutto ciò)...
Sono domande retoriche.

Il secondo punto riguarda il monologo, che già definire monologo è una lusinga, con il quale Claudio Bisio si è esibito a metà serata.
Bisio, sostanzialmente, anche lui in veste di conduttore a tutti gli effetti, ha giocato sulle polemiche antecedenti il Festival che hanno coinvolto il direttore artistico sia per quanto riguarda le sue dichiarazioni sull'immigrazione che, implicitamente, per le polemiche legate ai suoi presunti conflitti di interesse.
Fermo restando che ignorare le sopraccitate polemiche sarebbe stata la decisione più saggia al fine di non fare un favore ai propri "nemici", volendoci soffermare sulla parte artistica dell'intera operazione e non più sul discutibile fine, tutto si è rivelato più raffazzonato che mai, con un Baglioni, uscito sul palco a cantare Io sono qui, quasi per metterci una pezza.
Sostanzialmente, se non si fosse tenuta la famosa conferenza stampa di dicembre scorso, questo monologo non ci sarebbe stato e allora è spontaneo e lecito chiedersi: se Baglioni non avesse proferito le proprie posizioni sui migranti, con cosa si sarebbe esibito Claudio Bisio?
Le polemiche legate all'evento come fonte di idee per l'evento: ciò, artisticamente, è accettabile?
No.
O perlomeno, puoi permetterti di rispondere tra le righe ma durante una prima serata, devi offrire il meglio e non pensare ad una "riabilitazione" non necessaria, con tanto di drammatico appello ai media e solita e sfiancante stigmatizzazione degli haters (MA BASTA!).

Il disastro autoriale sanremese è riuscito a depotenziare perfino un concentrato di talento cristallino come Pierfrancesco Favino, reduce dalle ottime performance dell'anno scorso, ridotto a dover fare la prima gag partorita dalla mente degli autori per ufficializzare un passaggio di consegne, anche questo, francamente, non fondamentale.
Per non parlare di tutte le trovate legate al mondo dei social che puzzano di ultima spiaggia (e siamo solo alla prima serata!): la dab, i vegani, la parodia de La famiglia Addams...
E l'angosciante battuta "S'è fatta una Cetra!", proferita più volte durante l'omaggio al Quartetto Cetra, che ha chiuso il drammatico cerchio della serata.

A posteriori, scappa da dire che le battute sui Casamonica sono state le più divertenti della serata in quanto le più spontanee...

E Claudio Baglioni?
Il cantautore e direttore artistico ricopre il medesimo ruolo della scorsa edizione ma, considerando la struttura labile dello show di quest'anno, alla fine, ne esce indebolito anche lui.
E il "Via" che ha dato il via allo show ha rimarcato la vena autoreferenziale del Festival di Sanremo, soprattutto dopo aver assistito al successivo e precitato monologo di Bisio.
In poche parole, quella di Baglioni è un'assenza che più "presente" non si può.

Per ora, quindi, Sanremo 2019 è poco più di un varietà ordinario, di quelli che vanno in onda in un periodo dell'anno qualunque, privo dello spessore intrinseco tipico dell'evento televisivo.

E' un Festival ordinario.

Ma anche questo sarebbe un complimento.
Fonte: QUI

settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI (2a serata)

Messaggio  settenote il Gio Feb 07, 2019 10:42 am



Sanremo 2019, seconda serata: le canzoni e lo spettacolo migliorano

La seconda serata di Festival di Sanremo 2019 somiglia al fortunato formato dell’edizione 2018: più spazio a Baglioni, che canta le sue canzoni (apertura con “Noi no”), duetta con gli ospiti e fa qualche siparietto autoironico. I due conduttori sono sembrati decisamente più sciolti, con la Raffaele che torna a giocare a fare le sue imitazioni.
Insomma: un Festival riscritto, rispetto alla prima serata, che era sembrata non solo lunga ma anche poco scorrevole nella parte spettacolare, al di là delle canzoni. Questa sera i cantanti in gara erano solo 12 - gli altri domani - e questo ha favorito lo show: belli gli intermezzi con Mannoia e Mengoni e divertente la gah in cui Baglioni canta i suoi brani punteggiati dalle pernacchie assieme a Claudio Bisio.

Alle 23 e 45, tutte le canzoni in gara sono già passate, e la serata si va a chiudere con un lungo blocco dedicato a Baudo, ad un duetto con Cocciante (che gela con lo sguardo Baglioni quando sbaglia l'entrata di "Margherita") e allo spettacolo.
Peccato solo per Pio e Amedeo, messi a commentare “Questo piccolo grande amore” - che sacrilegio...- e a fare battute qualunquiste; una caduta di stile, una volgarità di cui non c’era bisogno.

Detto questo: alcune note sulle canzoni al secondo passaggio.
  • Achille Lauro - "Rolls Royce” Il giro di chitarra ricorda “1979” degli Smashing Pumpkins (non bestemmiate…). In sala stampa siamo circondati da gente che urla “Rolls Royce, Rolls Royce!”. Talmente cazzona che fa il giro e funziona ad ogni ascolto di più.
  • Arisa - "Mi sento bene”: sbaglia l’attacco di una strofa, e riprende la canzone come se nulla fosse, con la faccia contenta. Un(a) cantante normale sarebbe andato/a in panico, ma lei è di un altro pianeta, e si diverte. Bravissima, e canzone “leggera” nel senso buono del termine.
  • Einar - "Parole nuove": La percezione è la stessa, al secondo ascolto: una canzone d’amore enfatica nell’arrangiamento, non particolarmente originale.
  • Il Volo - "Musica che resta”: anche qua, al secondo ascolto la percezione della canzone non cambia. Arriva dritta dove deve arrivare, è fatta per tirare giù l’Ariston, e ci riesce.
  • Nek - "Mi farò trovare pronto”: pure questa sera Nek è nella prima parte della serata, e non è un caso; una canzone bella carica, interpretata con convinzione, e dal suono pieno: cresce ad ogni ascolto.
  • Daniele Silvestri - "Argento vivo”. E’ tutto perfetto: l’idea, la scrittura di Silvestri, il rap di rancore, la batteria di Rondanini, la messa in scena, la regia. Chapeau.
  • Ex-Otago - "Solo una canzone”: meglio, al secondo ascolto, la melodia funziona, e l’orchestra sostiene il tutto. Buon pop intimista.
  • Ghemon - "Rose viola”: la canzone che cresce di più ad ogni passaggio: melodica, raffinata, moderna nei suoni. E' uno dei migliori in giro, e non vediamo l’ora di sentire la versione rielaborata con Diodato e Calibro 35, venerdì sera.
  • Loredana Berté - "Cosa ti aspetti da me”: Si prende una standing ovation dal pubblico dell’Ariston, e la sala stampa applaude. Non è solo per la carriera, è perché questa canzone è pura Berté, rabbiosa e sfrontata.
  • Paola Turci - "L'ultimo ostacolo”: ancora più sciolta e padrona della scena. Al primo ascolto, nella versione di studio, non ci aveva fatto impazzire: sul palco dell’Ariston va sempre meglio.
  • Negrita - "I ragazzi stanno bene”: il titolo dice tutto. La band è in forma, si muove sul palco dell’Ariston come se stesse facendo un concerto, non un passaggio in TV, e la canzone ha una bella costruzione melodica.
  • Federica Carta e Shade - "Senza farlo apposta”. Una canzone già sentita: costruzione classica per il suo genere, con l’alternanza di strofe rappate e ritornello con voce femminile. Continua a non colpire.
Fonte: QUI
 
Seconda serata del Festival di Sanremo, sul palco dell'Ariston 12 dei 24 concorrenti in gara.
Fra i super ospiti Pippo Baudo, Michelle Hunziker e Riccardo Cocciante con le immancabili "Bella" e "Margherita".
Ad incantare il pubblico anche Marco Mengoni che torna a Sanremo con il cantautore scozzese Tom Walker.
 
settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI (3a serata)

Messaggio  settenote il Ven Feb 08, 2019 11:00 am



Sanremo 2019, terza serata: date la conduzione del Festival alla Vanoni, gli Zen Circus spaccano

La terza puntata del Festival di Sanremo 2019 ha visto la stessa formula della seconda sera: solo 12 canzoni, quelle degli artisti che non hanno cantato martedì, e più spazio allo spettacolo.
Si apre con Baglioni ("Viva l'Inghilterra"), e tutta la serata è punteggiata dalla presenza degli ospiti e dai numeri dei conduttori: inizia Antonello Venditti, ed è subito un coro con "Sotto il segno dei pesci" e "Notte prima degli esami" con Baglioni che torna sul palco.
Bisio e Raffaele duettano e rivedono "Ci vuole un fiore", un classico per chi è cresciuto negli anni '70: Sergio Endrigo, con testo di Gianni Rodari.
E la massacrano...

Arriva Alessandra Amoroso si presenta "Dalla tua parte" e poi "Io che non vivo" con Baglioni (arrangiata alla "Mille giorni di me e di te"); Raf e Umberto Tozzi portano un medley dei loro successi che sembra fatto per fare il coro: tutto l'Ariston è in piedi. Paolo Cevoli fa l'assessore trombato (con un trombone).
Rovazzi fa un mash-up di “Tutto molto interessante”, “Volare” e “Faccio quello che voglio”, coinvolgendo Baglioni e Fausto Leali su quest'ultima.
Bella la finta irruzione, di Leali che urla "Il festival è truccato!". Serena Rossi canta "Almeno tu nell'universo", con Baglioni al piano: molto brava, ma Mia Martini (che lei ha interpretato in "Io sono Mia") è inarrivabile.

Ma il momento non musicale migliore è il siparietto della Raffaele con Ornella Vanoni: lei è spontanea e surreale e si ritrova a presentare Patty Pravo.
Geniale: vorremmo vederla alla conduzione del Festival l'anno prossimo.

Per quanto riguarda la parte musicale principale: ecco il commento delle canzoni e delle performance della serata:

  • Zen Circus - "L'amore è una dittatura": Meglio, molto meglio stasera. niente sbandieratori e tamburi, solo rock in crescendo e Appino più a fuoco. La migliore esibizione della serata.

  • Nino D'Angelo e Livio Cori - "Un'altra luce": anche loro, meglio della prima serata, con le voci che si impastano meglio. Ma funziona di più nella versione di studio, più pulita.

  • Motta - "Dov'è l'Italia": esce sul palco nel momento peggiore, ovvero dopo il medley Tozzi-Raf, che hanno fatto scatenare l'Ariston. E si porta a casa il passaggio, con un'interpretazione intensa, e con la canzone che cresce.

  • Simone Cristicchi - "Abbi cura di me": una canzone difficilissima, da seguire parola per parola. Alla fine Cristicchi è commosso, e anche noi.

  • Boomdabash - "Per un milione": L'opposto di Cristicchi, che ha appena cantato: riescono a far ballare l'Ariston, cambiando il mood come se nulla fosse: per loro è un successo.

  • Patty Pravo con Briga - "Un po' come la vita": viene presentata da Ornella Vanoni (datele il Festival di Sanremo 2020!) ed è un bel momento. Poi la canzone: Patty e Briga, secondo noi, non funzionano assieme e il brano non è memorabile, neanche al secondo ascolto.

  • Irama - "La ragazza con il cuore di latta": a tratti ricorda "Non mi avete fatto niente", nel fraseggio e nella metrica delle strofe. Poi si apre con quel goro gospel iper-scenografico. Però il carillon e il battito del cuore sono davvero troppo. Se non verrà penalizzato dal voto della sala stampa, rimane da podio.

  • Ultimo - "I tuoi particolari": questa sera rinuncia al piano, e parte direttamente in piedi, di fronte al microfono. A tratti ricorda un piccolo Vasco, per le vocali aperte e strascicate e per l'interpretazione intensa. Un altro passo verso il podio.

  • Francesco Renga - "Aspetto che torni": a questo Sanremo abbiamo visto un Francesco Renga sereno e rilassato, fuori dal palco e sul palco. E stasera non fa eccezione. Anche lui, come Nigiotti, è dentro la canzone, la sente sua e la interpreta con esperienza.

  • Anna Tatangelo - "Le nostre anime di notte": "What you see is what you get", dicono gli anglosassoni. Una delle canzoni più classiche, con piano iniziale e apertura sul ritornello, con l'orchestra che entra potente, e la voce che si dispiega. Il paradosso è che, quest'anno, è un genere di minoranza (per fortuna). Detto questo: lei è impeccabile, se vi piace il genere.

  • Enrico Nigiotti - "Nonno Hollywood": quando si dice "sentire una canzone". Nigiotti canta della sua famiglia, è completamente dentro il pezzo, e si vede, anche quando fa delle piccole stonature per eccesso di emozione: alla fine quasi piange. E' una ballata semplice, che usa alla perfezione l'orchestra.

  • Mahmood - "Soldi": L'ultimo ad uscire la prima sera, il primo stasera. La canzone non è semplice, ma l'interpretazione è perfetta, e lui sembra più sciolto. Uno dei pezzi più belli di questo Festival, sicuramente il più contemporaneo, con la base sincopata, tra l' r'n'b d'oltreceano e la trap.

 
A domani per i "duetti", nella quarta serata.
 
Fonte: QUI
 
Terzo appuntamento con il festival della canzone italiana, in scena altri dodici cantanti e numerosi ospiti. Antonello Venditti celebra i quarant'anni dell'album "Sotto il segno dei pesci", Ornella Vanoni si "vendica" delle imitazioni di Virginia Raffaele, mentre Raf ed Umberto Tozzi scatenano l'Ariston con i loro brani più celebri. A concludere la serata, l'omaggio a Mia Martini da parte di Serena Rossi che, sul palco dell'Ariston, duetta con Claudio Baglioni sulle note di "Almeno tu nell'universo", brano che esattamente 30 anni fa, nel 1989, valse alla Martini il Premio della Critica proprio al Festival di Sanremo.
 

settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI (4a serata)

Messaggio  settenote il Sab Feb 09, 2019 11:42 am



Sanremo 2019, lo spettacolo musicale dei duetti: le pagelle

Nella quarta serata del Festival 2019 si torna alla 24 canzoni in gara: meno spettacolo - nel senso di sketch e ospiti vari - e più musica in gara.
Anzi, il vero spettacolo sono le canzoni rivisitate in quelli che per brevità chiamiamo "duetti", ma che in realtà sono spesso stati qualcosa di più: canzoni rivistate, rielaborate, riscritte.
Un numero: i 24 tra cantanti e gruppi in gara sono diventati 56 artisti, e abbiamo visto corpi di ballo, sezioni fiati, assoli di violino, attori, cori di bambini.
I nostri personali pieni: il duetto rock 'n' roll di Achille Lauro e Morgan, Manul Agnelli che completa la canzone di Silvestri e Rancore.
Qualche duetto è stato sicuramente imperfetto (diciamo provato poco, per mancanza di tempo).
Ma in generale è stata una bella serata di musica.

Ecco le nostre valutazioni, canzone per canzone.

  • Cristina D'Avena con Federica Carta e Shade: "Senza farlo apposta" sembra una sigla di un cartone animato. La D'Avena canta il ritornello e si mangia la Carta, per presenza scenica e vocale.
  • Nada con Motta. Finalmente Motta con la chitarra. E Nada, oh Nada, che personalità. Qualche passaggio in cui le voci non si impastano alla perfezione, ma "Dov'è l'Italia" fa un salto in avanti.
  • Noemi con Irama: La versione è sotanzialmente identica, ma Noemi ha più personalità vocale di Irama. Nella versione a due "La ragazza con il cuore di latta" ricorda ancora di più il fraseggio di "Non mi avete fatto niente".
  • Giovanni Caccamo con Patty Bravo con Briga: inizia minimale, voce e piano di Caccamo. Poi si interrompe, con qualche secondo di silenzio mentre la Pravo arriva lenta in scena, con un'entrata da vera diva. In questa versione a tre funziona meglio, con Caccamo e Briga che fanno da angeli guardiani alla Divina Patty.
  • Enrico Ruggeri e Roy Paci con Negrita: una versione unplugged, con con la band e Ruggeri seduti, e la tromba di Paci che ricama sulla melodia e piazza un bell'assolo finale. L'interpretazione di Ruggeri è cattiva e rock: lui e Pau sembrano gemelli che si riuniscono.
  • Alessandro Quarta con Il Volo: L'intro con violinista che suona lo strumento come una chitarra rock, sul modello dei 2cellos (che ovviamente usano i violoncelli) o di Nigel Kennedy. Poi arriva il trio e "Musica che resta" è sostanzialmente identica, con qualche intermezzo di svisata al violino. Classic-rock.
  • Tony Hadley e le coreografie dei Kataklò con Arisa: un corpo di ballo e la voce italo inglese di Hadley completano lo spirito della canzone, resa ancora più danzereccia dal remix di Jason Rooney e Andro. Divertente.
  • Gué Pequeno con Mahmood: "Soldi" è ancora più (t)rap, con Gue che inserisce nuove barre (e infila una citazione della Rolls Royce pure lui: un dissing ad Achille Lauro).
  • Diodato e Calibro 35 con Ghemon: "Rose viola" acquista un'altra dimensione, un nuovo suono (che a tratti ricorda quello di "Orchidee", prodotto da Tommaso Colliva dei Calibro). Diodato rende il favore dell'anno scorso, quando accolse Ghemon. Che, dal canto suo, torna a a rappare. Cinematografica.
  • Bungaro, Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel con Francesco Renga: l'autore originale della canzone, e un balletto classico. Ci sarebbe stato portare "Aspetti che torni" in gara in questa versione per tutte le sere.
  • Fabrizio Moro con Ultimo. Un sax tenore, e Ultimo che stasera torna al piano. Fabrizio Moro alla chitarra acustica è il fratello artistico maggiore di Ultimo, c'è intesa e si vede. Ma la sua voce roca e sporca funziona meno bene su "I miei particolari" di quella del suo autore.
  • Neri Marcorè con Nek: una versione rallentata, piano e archi, con Neri Marcoré che sbuca alle spalle di Nek e recita il testo. Teatrale.
  • Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano con BoomDaBash: ancora più pop, ancora più divertente, con un coro di bambini e Rocco Hunt (co-autore del brano) che rappa.
  • Brunori Sas con Zen Circus: una versione stupenda, con fiati stile New Orleans e apertura rock solo alla fine, con Brunori che rende il tutto più teatrale. Stupenda.
  • Beppe Fiorello con Paola Turci: musicalmente uguale, con solo un passaggio recitato di Fiorello. Anche questa, più teatrale.
  • Syria con Anna Tatangelo: Girl Power: due cantanti nate musicalmente su questo palco (Syria 1996, Tatangelo 2002), alle prese con una canzone già classica, resa ancora più classica da un nuovo arrangiamento solamente piano e voce.
  • Jack Savoretti con Ex-Otago: La voce roca e rock di Savoretti da una nuova profondità a "E' solo una canzone", con strofe in inglese. E' solo un duetto, ma funziona molto bene.
  • Paolo Jannacci e Massimo Ottoni con Enrico Nigiotti: Jannacci aggiunge un tocco di piano di classe e Massimo Ottoni disegna sulla sabbia proiettata nello schermo tra le poltrone delle prime file. Nigiotti canta in maniera più recitata. Scenografica.
  • Irene Grandi con Loredana Bertè: la cantante toscana rende ancora più rock, grintosa e "vaschiana" "Cosa ti aspetti da me", una canzone che sarebbe stata perfetta anche per lei. Girl Power 2.
  • Manuel Agnelli con Daniele Silvestri e Rancore: praticamente quella a tre è la versione originale di "Argentovivo", visto che è stata scritta con il leader degli Afterhours, che entra nel break e armonizza alla fine. Intensa.
  • Biondo e Sergio Sylvestre con Einar: è il team "Amici". Sergio Sylvestre ha vinto il talent nel 2016 (e nel 2017 ha partecipato al Festival, tra i "big"), Einar e Biondo hanno partecipato all'ultima edizione. Ma il pezzo resta debole, e nemmeno la presenza dei due amici di Einar riesce a farlo decollare.
  • Ermal Meta con Simone Cristicchi: lo scorso anno il cantautore romano fu ospite di Ermal Meta e Fabrizio Moro nella serata dei duetti. Ora Ermal ricambia il favore. Entra in punta di piedi in "Abbi cura di me" e con la sua interpretazione appena sussurrata aggiunge bello al bello: "Abbi cura di me" resta una delle canzoni più belle di questa edizione.
  • Sottotono con Nino D’Angelo e Livio Cori: i Sottotono accentuano le venature soul e r&b del pezzo. L'intreccio tra hip hop, canzone napoletana, eletronica e soul è qualcosa di interessante.
  • Morgan con Achille Lauro: "Rolls Royce" è ancora più rock, con Morgan che apre al piano, si divide tra tastiera e basso. Un'esibizione punk, provocatoria, a suo modo geniale: "Dio ti prego salvaci da questi giorni / Metti da parte un posto e segnati ‘sti nomi...".
 
Fonte: QUI
 
Siamo giunti alla quarta serata di Sanremo 2019, quella dei duetti in cui tutti i 24 cantanti big ripropongono il brano in gara con i loro ospiti, che li accompagneranno sul palco per eseguire nuovamente le canzoni che abbiamo ascoltato nelle serate precedenti, in versione rivisitata per l'occasione. Ospiti della serata: Il roker Ligabue che illumina il palco dell'Ariston con una performance in cui esegue il suo ultimo singolo "Luci d'America" e con Claudio Baglioni omaggiano Francesco Guccini duettando sulle note di "Dio è morto" . Infine il rapper Anastasio, vincitore di X Factor 2018 che presenta il suo nuovo brano inedito sul rapporto padre-figlio e intitolato "Correre" scritto appositamente per Sanremo.
 
settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI (serata finale)

Messaggio  settenote il Dom Feb 10, 2019 10:22 am



Sanremo 2019 quinta sera

E anche la finale è andata! La quinta e ultima serata si conclude con la vittoria di Mahmood con Soldi. Il rap conquista anche l’Ariston. Come è stata questa quinta serata del Festival di Sanremo?

Claudio Baglioni come ormai da tradizione ha aperto il Festival con una sua canzone. Ringrazia tutti per questo Festival che ormai volge alla fine. Spiega che il suo è stato un Festival all’insegna della musica e a solo quella ha dato lo spazio. Se lo show è mancato, era per motivi artistici.

Il regolamento poco chiaro viene ribadito. Tanto confuso che genererà non pochi malumori in sala.

Claudio Baglioni è stato un padrone di casa meno ingombrante: con gli ospiti ormai duetta non per forza sui suoi testi. Con Eros Ramazzotti si cimenta in uno dei brani più famosi del cantante romano e con Elisa emoziona il Festival con un brano di Luigi Tenco.

Questa quinta serata nel complesso ha confermato alcuni aspetti negativi e positivi delle scorse puntate. Per prima cosa Claudio Bisio si è svegliato e ha deciso di tornare a far ridere il Festival e anche i telespettatori con gag, battutine e anche ironici commenti.

C’è anche un momento di avanspettacolo: semplice, pulito, efficace. Non era possibile provare altre piccole gag del genere per le altre serate?

Anche i momenti comici sono limitati a pochi interventi di Virginia Raffaele, che imita cantanti femminili italiane. Una delle sue vittime è Patty Pravo, cantante in gara, e forse atto non proprio corretto da parte della conduttrice nei confronti di un concorrente che pochi minuti dopo si sarebbe esibita.

Questa volta la pubblicità è molto invadente. Non solo Lo Stato Sociale, vincitori di vendita e morali dell’anno scorso di Sanremo 2018, si palesa al Festival per una comparizione lampo cantando con Renato Pozzetto “E la vita”, jingle scelto da una nota marca di crema di nocciole che è stata uno dei principali sponsor di Sanremo. Dopo pochi secondi parte lo spot in questione. Segue anche un balletto di una nota marca di telefonia e perfino la voce di Mina torna al Festival. Il tutto in una cornice per lo meno dubbia dove è difficile distinguere dove incomincia la pubblicità e lo show.
In questi momenti vorrei avere un filtro come per il computer per la pubblicità troppo molesta.

Durante la quinta serata risentiamo tutti i 24 artisti in gara. Cosa positiva perché tutti hanno lo stesso tempo per farci conoscere e ascoltare, ma allo stesso tempo ciò rende la serata lunghissima. A mezzanotte e venti siamo lontani ancora dalla finale. Dovremo aspettare le 00,53 per scoprire la classifica parziale e chi sono tre finalisti.

La platea si rivolta alla classifica. A momenti prendono i forconi: tutto per Loredana Berté! Il pubblico in sala grida il nome della cantante e chiede vendetta. Come può essere il brano della Berté fuori? In effetti anche noi avevamo sperato in lei e ci siamo rimasti male nello scoprire che Loredana Berté fosse fuori. Certo, quale migliore premio o onore per una cantante essere così difesa dalla volontà popolare?
Un vocio rabbioso, una protesta fiera, un urlo dirompente. Loredana, ormai i cognomi sono pura formalità, è l’eroina del popolo e il popolo la vuole.

Che coraggio il Mago Forest a uscire dopo che il pubblico ha a momenti insultato tutti quelli che lavorano in RAI. Difficile fare comicità quando il pubblico è pronto a tirare sassi sul palco.

Gli ultimi tre finalisti Mahmood (“Soldi”, trap), Il Volo (“Musica che resta”, pop lirico) e Ultimo (“I tuoi particolari”, pop) non si esibiscono neppure più.

Un po’ strano anche perché mentre si aspetta di sapere chi vincerà, il momento comico della serata (finora scampato) irrompe sul palco. La musica finora protagonista è messa per la prima volta in secondo piano.

Mentre aspettiamo il finale, Claudio Baglioni intona un brano di Jannacci e ancora non sentiamo i brani che si contendono il primo, secondo e terzo posto.

Velocemente all’1.18 inizia la premiazione. Premio Mia Martini e Lucio Dalla e quello della giuria d’onore a Daniele Silvestri, mentre Simone Cristicchi prende il premio Lucheta e premio Bigazzi. Di nuovo tutto velocissimo e senza cerimonie o fronzoli. TIM MUSIC premia il brano più scaricato va a Ultimo. Per il premio Mia Martini non c’è nemmeno la targa, ma una veloce stretta di mano e un bacio sulle guance.

Vince alle 01.27 a sorpresa Mahmood con “soldi” vince.
Nonostante un disguido tecnico durante la serata, il rapper vince e con una faccia incredula diventa il nuovo vincitore del Festival di Sanremo 2019.
Emozionatissimo e senza parole prende la parola, mentre il pubblico ancora difficilmente accetta che Loredana è fuori.
 
Fonte: QUI
 
E' Mahmood con il brano "Soldi" il vincitore della 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Secondo posto per Ultimo con il brano "I tuoi particolari", terzi i ragazzi de Il Volo con la canzone "Musica che resta"..
 
settenote
settenote

Messaggi : 228
Punti : 393
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 65
Località : Prato-Toscana

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

 FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI Empty Re: FESTIVAL DI SANREMO 2019: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum