Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti
» GIAN PIERETTI - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Ieri alle 10:02 pm Da mauro piffero

» SICILIA - CANZONI POPOLARI/FOLK
Lun Mar 18, 2019 6:55 pm Da admin_italiacanora

» FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Dom Mar 17, 2019 8:35 pm Da mauro piffero

» ALEX BARONI - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Sab Mar 16, 2019 7:26 pm Da admin_italiacanora

» I RIBELLI - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Ven Mar 15, 2019 9:28 pm Da mauro piffero

» FRANCO RICCI - DISCOGRAFIA, Canzoni, Video, Testi
Mer Mar 13, 2019 6:54 pm Da admin_italiacanora

» FRANCO RICCI - BIOGRAFIA
Mer Mar 13, 2019 6:37 pm Da admin_italiacanora

» ITALIA VANIGLIO - Biografia, Canzoni, Video, Testi
Mer Mar 13, 2019 6:12 pm Da admin_italiacanora

» PIERO FOCACCIA - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mer Mar 13, 2019 3:05 pm Da mauro piffero

» AL BANO & ROMINA POWER - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Lun Mar 11, 2019 5:21 pm Da mauro piffero

» ROMINA POWER - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Gio Mar 07, 2019 12:05 am Da mauro piffero

» ALBANO CARRISI - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Lun Mar 04, 2019 4:39 pm Da mauro piffero

» FABRIZIO FERRETTI - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mer Feb 27, 2019 2:46 pm Da mauro piffero

» ANNA MARIA - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Feb 26, 2019 11:21 am Da admin_italiacanora

» MICHELE - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Lun Feb 25, 2019 10:25 am Da mauro piffero


________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 33 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 33 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 737 il Dom Feb 24, 2019 6:06 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

Pagina 6 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO & MARIO GANGI: 1977 - NAPOLI CONCERTO (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Mar 06, 2019 11:09 am

1. TITOLO:
 
1977 - UNO' .. DUE'..
 
# Etichetta: Disco Più # Catalogo: DP 39011 # Data pubblicazione: Anno 1977 # Matrici: DP 39011/1 - DP 39011/2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data martici 1° Ottobre 1077 / Con accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 'O SURDATO 'NNAMMURATO
  • A2 RUMANZETTA MILITARE
  • A3 SURDATE
  • A4 CAPORALE
  • A5 CARMELA MIA


  • B1 TATONNO SE NE VA
  • B2 'O PIANO E GUERRA
  • B3 SENTINELLA
  • B4 ALL'ERTA SENTINELLA
  • B5 HANNA TURNA!..
 
Lato A: 1
'O SURDATO 'NNAMMURATO

 
      Lato B: 1
TATONNO SE NE VA

 
     

Autori: Aniello Califani, Enrico Cannio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Staje luntana da ‘stu core,
a te volo cu ‘o penziero,
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a ffianco (‘mbraccio) a me!
Sî sicura ‘e chist’ammore
comm’ i’ so’ sicuro ‘e te.

Oje vita, oje vita mia,
oje core ‘e chistu core,
sî stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe me!

Quanna notte nun te veco,
nun te sento ‘int’ a ‘sti bbraccia,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a me!
Ma, scetánnome ‘a ‘sti suonne,
mme faje chiagnere pe te!

Oje vita, oje vita mia,...

Scrive sempe e sta’ cuntenta,
io nun penzo che a te sola.
‘Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me.
‘A cchiù bella ‘e tutt’ ‘e belle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oje vita, oje vita mia,...

Il soldato innamorato (italiano)
Sei lontana da questo cuore,
da te volo con il pensiero,
niente voglio e niente spero
oltre che tenerti sempre al mio fianco (in braccio a me)!
Sii sicura di questo amore
come io sono sicuro di te.

Oh vita, oh vita mia,
Oh cuore di questo cuore,
sei stato il primo amore
e il primo e l’ultimo sarai per me!

Quante notti che non ti vedo,
non ti sento tra queste braccia,
non ti bacio questa faccia,
non ti stringo forte tra le mie braccia!
Ma, svegliandomi da questi sogni,
mi fai piangere per te!

Oh vita, oh vita mia,...

Scrivi sempre che sei contenta,
io non penso che a te solamente.
Un pensiero mi consola,
che tu pensi solamente a me.
La più bella tra le belle,
non è mai più bella di te!

Oh vita, oh vita mia,...
     
Autori: N. Valente, N. Bovio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Addio fanciulle care, domani me ne vado;
mi vesto da militare con sciabola e divisa.
Mettetevi "Si loca" davanti al vostro cuore,
per vedere che cedo il posto pure a chi non lo vuole.

Anna, mettiti a piangere,
Antonia, baciami il viso,
Rosa, dammi un pizzicotto,
Carmela, cadimi nelle braccia!
Tatonno se ne va, Tatonno se ne va!

Davanti a un coscritto (e io coscritto sono)
il generale ha detto: "Scegli: che grado vuoi?
Vuoi nove o dieci fregi? Te li metto sopra al braccio.
Tu sei un amico e io faccio quello che non se può".

Anna, mettiti a piangere,...

Mannaggia che una guerra questa volta non si fa,
se no, tutta la Terra vorrei far tremare.
Fra un anno, alla stazione venite tutte quante!
Col grado di attendente, Tatonno tornerà.

Anna, mettiti a piangere,...
 
 
Lato A: 2
RUMANZETTA MILITARE

 
      Lato B: 2
'O PIANO E GUERRA

 
     

Autori: E. Tagliaferri, E.A. Mario
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Chi vo’ partì, dicette 'o capitano?
Io me facette ‘nnanze, 'o primmo pe partì.
Screvette a te “vac'a murì luntano
pecché, senza speranza, m'hê fatto assaje suffrì.”

Quanno dicette 'o capitano: "Bravo!
Tutt’ ‘e surdate fosseno accusì"
Scurnuso 'e me, sentennelo, pensavo
ca jevo pe murì, no p’ ‘ a patria, pe te.

E ghiette a fà, tutt’ ‘e cumbattimente
e me menavo allero, cchiù ‘nnanze, pe cadè.
"Attiento a te!" - diceva ‘nu tenente.
"Tiene curaggio, è overo, ma penza pure a te."

Mo so’ sergente e luce ‘na medaglia
'ncopp'a 'stu pietto, addò nun tuorne tu.
Chi 'o po’ sapè ca dinto a ‘na battaglia
perdevo ‘a giuventù, no p’ ‘a patria, pe te.

Affianco a me, cadette ‘nu surdato
ca fuje tirato a sorte, spiraje dicenno "oje ma’!"
Vint'anne! e po m'aveva cunfidato
ca, si scanzava 'a morte, turnava pe spusà...

E so’ turnato, j’ ca nun so’ aspettato,
addò nun me diciste manco “addio!”.
Torna addù me, scurdammoce 'o passato!
Campà vo’ ‘o core mio, mo sta 'mpatria, vo’ a te.

Romanzetta militare (italiano)
Chi vuole partire, disse il capitano?
Io mi feci in avanti, il primo per partire.
Scrissi a te “vado a morire lontano
perché, senza speranza, mi hai fatto tanto soffrire.”

Quando disse il capitano:"Bravo!
Tutti i soldati fossero così"
Mi vergognai, sentendolo, pensavo
che andavo per morire, no per la patria, per te.

E andai a fare, tutte le battaglie
e mi gettavo allegro, più in avanti, per cadere...
"Stai attento!" diceva il tenente:
"Hai coraggio, è vero, ma pensa pure a te."

Ora sono sergente e luce una medaglia
su questo petto, dove non torni tu...
Chi lo poteva sapere che in una battaglia
perdevo la gioventù, no per la patria, per te.

Affianco a me, cadde un soldato
che fu tirato a sorte, morì dicendo "oh, mama!"
Vent'anni! e poi mi aveva confessato
che, se evitava la morte, tornava per sposarsi.

E sono tornato, io che non sono aspettato,
dove non mi dicesti nemmeno “addio!”...
Torna da me, dimentichiamo il passato!
Vivere vuole il cuore mio, ora sta in patria, vuole te.
 
     
Autore: E. Murolo, N. Valente
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘Sta guerra ‘a fernesch’ io, si me presento
cu ‘nu prugetto ‘ncapo, ‘nnanz’ ô Rre,
‘nnanz’ ô Rre:
- “Maiestà, songo d’ ‘o tale reggimento,
teng’ ‘a pace ‘mmano a me,
‘mmano a me”.
Dice ‘o Rre: - “Si parle overo,
n’ hê ‘a dà cunto ô Ministero.
Hê ammentato quacc’ arma nova?
Quacche povere? Quacche palla
ch’addò arriva llà coglie e nchiova?
N’ atu gasse p’ ‘e ffà murì?
Quacche nave ca nun affonna,
ma, liggiera, va ‘ncopp’ a ll’ onna?
Quacche mina ca fa nzurdì?”

Io, redenno, svelo ‘o sigreto...
Isso, allero, me fa: - “Giesù!
Acqua mmocca, guardate arreto,
carta bianca, guagliò, fa’ tu!”

Sola, vestute ‘e sciur’ ‘e Primmavera,
lucente cchiù d’ ‘o sole, Bella, Bè...
Bella, Bè...
Da Napule te parte p’ ‘a fruntiera,
‘nprimma linea, ‘nziem’ a me...
‘nziem’ a me...
Oi ccà l’ordine ‘e battaglia...
Ma ‘o nemico già s’ abbaglia.
Se mpapin’ ‘o generale,
perd’ ‘a mmummera ‘o culunnello:
piglia mmano ‘nu cannucchiale,
sbaglia ’o piano pe te guarda...
Tu t’ accuoste, ma cchiù suspira
l’ artigliere ca perde ‘a mmira
e ‘o canone che buò sparà?

‘E nemice, cu ll’uocchie ‘a fore,
nun cumbatteno manco cchiù.
Carta e penna, l’ Imperatore
firma ‘a pace ca vuò fà tu...

Cielo! E che ce vo’ essere pe Roma,
quanno s’è fatta ‘a pace, gente, gè...
gente, gè...
Chiammata a Ccorte, nenna, toma toma,
che superbia vo’ tenè...
po’ tenè...
Chi lle dà ‘na rosa ‘e maggio,
chi se piglia ‘nu passaggio...
‘O francese s’ ammullechea...
Lle fa segno l’americano
e l’inglese, ca se quartea,
c’ ‘o binocolo ‘a vo’ guardà...
S’ adenocchiano ‘e marrucchine,
serbe, griece, montenegrine.
N’ africano s’ ‘a vo’ vasà...

Giuvinò, mo me so’ stancato
- lle dicesse cu ‘nu sciassé...
P’ ‘o Paese me so’ prestato,
ma... ‘a guagliona me serve a me!


Il piano di guerra (italiano)
Questa guerra la finirò io, se mi presento
con un progetto in testa, davanti al re,
davanti al re:
- “Maestà, sono del tale reggimento,
porto la pace nelle mie mani,
mie mani”.
Dice il re: - “Se parli davvero,
devi darne conto al Ministero.
Hai inventato qualche arma nuova?
Qualche plvere? Qualche palla
che, dove arriva, colpisce e inchioda?
Un’altro gas per far morire?
Qualche nave che non affonda
ma, leggera, va sopra l’onda?
Qualche mina che fa stordire?”

Io, ridendo, svelo il segreto.
Lui, allegro, mi dice: - “Gesù!
Acqua in bocca, guardati intorno,
carta bianca, ragazzo, fai tu!”

Sola, vestita di fiori di primavera,
splendente più del sole, bella bella...
bella, bella...
Da Napoli parti per la frontiera,
in prima linea, insieme a me...
insieme a me...
Questo è l’ordine di battaglia...
Ma il nemico già si abbaglia.
Si confonde il generale,
perde la testa il colonnello:
prende in mano un cannocchiale,
sbaglia i piani per guardarti...
Tu ti accosti, ma più sospira
l’artigliere che perde la mira
e il cannone che vuoi sparare?

E i nemici, affascinati,
non combattono più.
Carta e penn,a l’imperatore
firma la pace come vuoi tu.

Cielo! E che ci sarà nelle vie di Roma,
quando sarà fatta la pace, gente... gente...
gente... gente...
Chiamata a corte la bella mia
che superbia vorrà tenere...
potrà tenere...
Chi le offre una rosa di maggio,
chi tenterà qualche carezza...
Il francese si intenerisce...
Le fa segno l’americano
e l’inglese, che si dà importanza,
col binocolo la vuole guardare.
Si inginocchiano i marocchini,
serbi, greci, montenerini.
Un africano la vuole baciare...

Giovinotti, ora sono stanco
- io direi con sufficenza...
Per il paese mi sono prestato,
ma... la ragazza serve a me!
 
 
Lato A: 3
SURDATE

 
      Lato B: 3
SENTINELLA

 
     

Autori: L. Bovio, E: Nardella
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘O tenente mm’ha ‘ncucciato
cu ll’ uocchie ‘e chianto e cu ‘a chitarra ‘mmano,
e m’ ha ditto accussí: "Napulitano,
ccá nun hê ‘a fá ‘o tenore: hê ‘a fá ‘o surdato!"

Ll’ aggiu ditto accussí: "Signor tenente,
mannáteme ‘mprigione, nun fa niente...
Penzo ô paese mio ca sta luntano:
e so’ napulitano...
e, si nun canto, io moro!"

‘O tenente ha suspirato:
"Napule è bella assaje, Napule è bella!
Napulità, pur’ io so’ ‘nnammurato,
cántala zittu zitto ‘a canzuncella..."

Ll’ aggiu ditto accussí: "Signor tenente,
cantáte pure vuje ca nun fa niente...
Penzo ô paese mio ca sta luntano:
e so’ napulitano...
e, si nun canto, i’ moro!"

Trase e luce ‘a luna d’oro
pe fá lucente e d’oro ‘a cammerata.
Tutt’ ‘e cumpagne mieje, dint’ â nuttata,
chiagnenno ‘nzieme a me, cantano a coro.

E i’ ca dico accussí: "Signor tenente
jammo a ferní in prigione? Nun fa niente...
Chillo, ‘o paese nuosto, sta luntano...
e chi è napulitano,
o canta, o sonna, o more!"


Soldati, (in italiano)
Il tenente mi ha scoperto
con gli occhi lucidi e la chitarra in mano,
e mi ha detto cosí: "Napoletano,
quá non devi fare il tenore: devi fare il soldato!"

Io gli ho ditto cosí: "Signor tenente,
mettetemi in prigione, non fa niente...
Penso al mio paese che è lontano:
e io sono napoletano...
e, se non canto, io muoio!"

Il tenente ha sospirato:
"Napoli è tanto bella, Napoli è bella!
Napolitano, anche io sono innammurato,
cantala piano pano la tua canzone..."

Io gli ho ditto cosí: "Signor tenente,
cantate anche voi, che non fa niente...
Penso al mio paese che è lontano:
e io sono napoletano...
e, se non canto, io muoio!"

Filtra e luce la luna d’oro
per far lucente e d’oro la camerata.
Tutti i compagni miei, nella nottata,
piangendo insieme a me, cantano in coro.

E io dico cosí: "Signor tenente,
finiremo in prigione? Non fa niente...
quello, il paese nostro è lontano:
e chi è napoletano...
o canta, o sogna, o muore!"
 
     
Autori: Roberto Bracco, Ernesto De Curtis
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Nuttata ‘e Piererotta. Tutte dormono
‘ncopp’ a ‘sta cimma ‘e monte cunquistato,
e io faccio ‘a sentinella e sto’ scetato.
‘Nu passo, ‘nu rummore. Chi va là?

E vuje, paisane mieje, ca state a Napule,
chesta nuttata, vuje, comm’ ‘a passate?
Nce jate a Piererotta o nun ce jate?
Ce sta chi, ‘na canzone, cantarrà?

Vurrìa ca nu signale
facísseve ‘a Pusilleco
pe me puté ‘nfurmà.
E n’auto, tale e quale,
pe dirve: "Ve ringrazio"
io ne facesse ‘a ccà.

Nuttata ‘e Piererotta. Che silenzio.
Pure ‘e cannune, mo, se so’ addurmute.
‘Na voce arriva a ‘sti mmuntagne mute,
vène da ‘o mare mio pe mme chiammà.

E a vuje, Napulità, che state a Napule,
ve chiamma o no, stanotte, chistu mare?
Ne tene sempe varche ‘e marenare?
‘Na varchijata v’ ‘a putite fà?

Mánnateme ‘a risposta
cu nu signale, sùbbeto
facitela vulà.
Si mme screvite,
‘a posta ritarda
e pò succedere
ca nun mme truvarrà.

E tu, Carmè, Carmè, ca siente sbattere
'o core, 'mpiett'a me, pure 'a luntano,
comm'io mm' 'o sto’ sentenno sott' â mano,
che faje stanotte? Chiagne? Ma pecché?

Si tanto doce ancora è 'o cielo 'e Napule,
si ancora tene 'e stelle che teneva,
si dice ancora 'e ccose che diceva,
guardanno 'ncielo, parlarraje cu mme.

Ccà 'o cielo è tutto stelle
che chiágnono. Ma 'e llagreme
nun vònno fà vedé.
Io guardo 'e ddoje cchiù belle,
una assumiglia a màmmema,
ll'àuta assumiglia a te.


Sentinella (italiano)
Nottata di Pedigrotta. Tutti dormono
su questa cima di monte conquistato,
e io faccio la sentinella e sono sveglio.
Un passo, un rumore. Chi va là?

E voi, paesani miei, che siete a Napoli,
questa nottata, voi, come la passate?
Ci andate a Piedigrotta o non ci andate?
C’è chi, una canzone, canterà?

Vorrei che un segnale
faceste da Posillipo
per potermi informare.
E un’ altro, tale e quale,
per dirvi: "Vi ringrazio"
io farei da qua.

Nottata di Piedigrotta. Che silenzio.
Anche i cannoni ora si sono addormentati.
Una voce arriva a queste montagne mute,
viene dal mio mare per chiamarmi.

E a voi, Napoletani, che siete a Napoli,
vi chiama o no, stanotte, questo mare?
Ce ne ha sempre barche di marinai?
Una navigata ve la potreste fare?

Mandatemi la risposta
con un segnale, subito
fatela volare.
Se mi scrivete,
la posta ritarda
e può succedere
che non mi trovi.

E tu, Carmela, Carmela, che senti sbattere
il cuore, nel mio petto, anche da lontano,
come io lo sto sentendo sotto la mano,
che fai stanotte? Piangi? Ma perchè?

Se tanto dolce è ancora il cielo di Napoli,
se ancora ha le stelle che aveva,
se dice ancora le cose che diceva,
guardando in cielo, parlerai con me.

Qua il cielo è tutto stelle
che piangono. Ma le lacrime
non vogliono far vedere.
Io guardo le due più belle,
una assomiglia alla mia mamma,
l'altra assomiglia a te.
 
 
Lato A: 4
CAPORALE

 
      Lato B: 4
ALL'ERTA SENTINELLA

 
     

Autori: V. Adamo, G. Tètamo
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Finalmente so’ passato caporale ‘e fanteria.
Mo che so’ già graduato, pozzo io pure cummannà:
“Tizio, voi tacete, zitto! Voi quel tanghero là giù,
cosa fate? State ritto! Tacchi giunti e testa su!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,
te vulesse fà vedé
comme tremmano ‘e surdate ‘nnanze a mme,
tale quale io ‘nnanze a tte!

Caporale! Comme fosse... Cumannate... e nientemeno.
Si ‘è fettuce mo so’ rosse ‘ncopp’ ô vraccio che vo’ dì:
Venarrà pure ‘a jurnata ca sarranno argiento e po...
‘A carriera è accumminciata, tricà po’, mancà maje no!

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...

L’ato juorno me ‘ncuntraje ‘mmiez’ â via c’ ‘o generale.
Pronto, io subbeto allucaje: “Battagliò, present’arm!”
Fuje ‘nu colpo: ‘o generale me dicette là pe là:
“Non sarai più caporale! Forse ‘o grado avanzarrà!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...

Caporale (italiano)
Finalmente son passato aporale di fanteria.
Ora che sono graduato, posso io pure comandare:
“Tizio, voi tacete, zitto! Voi, quel tanghero laggiù,
cosa fate? State ritto! Tacchi giunti e testa su!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,
ti vorrei far vedere
come tremano i soldati davanti a me
tale e quale io davanti a te!

Caporale! Come fosse... Comandante... e niente meno.
Se i fregi ora sono rossi sul mio braccio che vuol ditr:
Verrà pure il giorno che saranno d’argiento e poi...
La carriera è incominciata, tardare puo, mancare mai!

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...

L’altro giorno mi incontrò per la strada il generale.
Pronto, io subito gtridai: “Battaglione, presentat arm!”
Fu un colpo: il generale mi disse là per là:
“Non sarai più caporale! Forse il grado avanzerà!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...
 
     
Autore: L. Bovio, E. De Curtis
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Rosa, che t’aggi’ ‘a scrivere?
Rosa, che t’aggi’ ‘a dí?
Sto’ tanto malinconico
ca vularría murí...
Chiove, fa friddo... e ‘a ll’albere,
cadute sóngo ‘e ffronne...
Te chiammo... e mme risponne
ll’eco sultanto, oje Rò...

Che vuo’, che t’aggi’ ‘a dicere?!...
Mme vène quase ‘a chiagnere
si penzo a mamma bella,
si mm’arricordo ‘e te...
"All’erta, sentinella!"
"All’erta sto!"

‘Nnanze a chist’uocchie, Napule,
bella e lucente sta.
Mme pare sempe ‘e sentere
‘na voce ‘e suspirá...
Cántano sempe e canto
tutt’ ‘e ccanzone belle...
Lùceno sempe ‘e stelle:
sta pe trasí ll’està...

Che vuo’, che t’aggi’ ‘a dicere?!...

Sto’ ‘e sentinella ‘a ll’unnece
e ancora aggi’ ‘a vigliá...
Scrivo e nun ‘ngarro a scrivere...
Chiagno?... E che chiagno a fá?
E s’è scugnato ‘o láppeso,
‘o foglio s’è ghincuto:
t’ abbraccio e ti saluto...
Non ti scordar di me!

Che vuo’, che t’aggi’ ‘a dicere?!...


All’erta, sentinella!All’erta, sentinella! (In italiano)
Rosa, che devo scriverti?
Rosa, che devo dirti?
Sono tanto malinconico
che vorrei morire...
Piove, fa freddo... e agli alberi,
cadute sono le foglie...
Ti chiamo... e mi risponde
solo l’eco, cara Rosa...

Che vuoi, che devo dirti?!...
Mi viene quasi da piangere
se penso alla mia bella mamma,
se mi ricordo di te...
"All’erta sentinella!"
"All’erta sto!"

Davanti a questi occhi, Napoli
bella e luccicante sta.
Mi sembra sempre di sentire
una voce sospirare...
Cantano sempre e canto
tutte le canzoni belle...
Luccicano sempre le stelle:
sta per venire l’estate...

Che vuoi, che devo dirti?!...

Sto di guardia dalle undici
e ancora devo vegliare...
Scrivo ma non riesco a scrivere...
Piango?... E che piango a fare?
E si è consumata la matita,
il foglio si è riempito:
ti abbraccio e ti saluto...
Non ti scordar di me!

Che vuoi, che devo dirti?!...
Rosa, che devo scriverti?
Rosa, che devo dirti?
Sono tanto malinconico
che vorrei morire...
Piove, fa freddo... e agli alberi,
cadute sono le foglie...
Ti chiamo... e mi risponde
solo l’eco, cara Rosa...

Che vuoi, che devo dirti?!...
Mi viene quasi da piangere
se penso alla mia bella mamma,
se mi ricordo di te...
"All’erta sentinella!"
"All’erta sto!"

Davanti a questi occhi, Napoli
bella e luccicante sta.
Mi sembra sempre di sentire
una voce sospirare...
Cantano sempre e canto
tutte le canzoni belle...
Luccicano sempre le stelle:
sta per venire l’estate...

Che vuoi, che devo dirti?!...

Sto di guardia dalle undici
e ancora devo vegliare...
Scrivo ma non riesco a scrivere...
Piango?... E che piango a fare?
E si è consumata la matita,
il foglio si è riempito:
ti abbraccio e ti saluto...
Non ti scordar di me!

Che vuoi, che devo dirti?!...
 
 
Lato A: 5
CARMELA MIA

 
      Lato B: 5
HANNA TURNA!..

 
     

Autore: Amelio Califano, Enrico Cannio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Carmela mia, di Aniello Califano, Enrico Cannio, 1903
Addio, Carmè, dimane aggi' 'a partì!
I' so’ surdato, 'a Patria aggi' 'a servì.
'A luntananza nun me fa scurdà
'e 'st'uocchie belle fatte pe 'ncantà.
Tutte 'sti mise senza me vedè,
sarraje sincera comm'io so’ cu te?

Carmè, Carmè!
T'aggi' 'a lassà,
nun c'è che ffà!
Carmè, Carmè!
Luntano 'a te
chi nce pò stà?

'A fantasia te turmentarrà,
a tanta ccose te farrà penzà.
Tu sî gelosa, assaje gelosa 'e me,
comm'io geluso songo 'e te, Carmè.
'Ammore vero nun se pò tradì.
Sempe 'a reggina 'e chistu core sî.

Carmè, Carmè!...

E quanno, sulo, 'int' ô quartiere stò
e 'a passione turmentà me vò.
Suspiro e vaso 'o cierro tujo, Carmè,
comme si chilli vase 'e ddesse a te.
Da 'o dito, 'aniello mio, nun t' 'o levà,
scriveme sempe, 'e me nun te scurdà!

Carmè, Carmè!...


Carmela mia (italiano)
Addio, Carmela, domani devo partire!
Sono un soldato, la Patria devo servire.
La lontananza non mi fa dimenticare
gli occhi tuoi belli fatti per incantare.
Tutti questi mesi senza vedermi
sarai sincera come io sono con te?

Carmela, Carmela!
Ti devo lasciare,
non c'è niente da fare!
Carmela, Carmela!
Lontano da te
chi ci può stare?

La fantasia ti tormenterà,
a tante cose ti farà pensare.
Tu sei gelosa, molto gelosa di me,
come io sono geloso di te, Carmela.
L'amore vero non si può tradire.
Sei sempre la regina del mio cuore.

Carmela, Carmela!...

E quando, solo, sto nel quartiere
a la passione mi vuole tormentare.
Sospiro e bacio la tua ciocca, Carmela,
come se quei baci li dessi a te.
Dal dito non toglierti l'anello mio,
scrivimi sempre, non dimenticarmi!

Carmela, Carmela!...
     
Autori: Giuseppe Capaldo, Francesco Feola
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Oggigiorno, tutt' 'e viecchie
fanno 'e scicche e 'e zerbinotte.
Se capisce, dato il tempo,
fanno lloro,
fanno lloro 'e giuvinotte.

Chi te pizzeca p' 'a strata,
chi te dice 'a parulella,
chi te manna 'na 'mmasciata.
Tutto chesto, nèh, pecché?
Pecché manca 'a giuventù.

Hann' 'a turnà
'sti surdatielle nuoste!
Tanno, vulimmo fà 'na bella festa.
Dicimmo: "Uno - due,
Oje, surdatiello mio,
menate 'mbracci'a me!"

'Nu vicchiotto canta e attuorno,
ll'ati viecchie fanno 'o coro.
Luna, ammore e serenate,
so’ fernute,
so’ fernute 'mmano a lloro.

E se tegnono 'e capille,
sopracciglie e mustaccielle
pe parè cchiù piccerille
ma 'nsustanza ch'hann' 'a fà
si lle manca 'a giuventù?

Hann' 'a turnà...

'Ncopp' ô bagno stammatina
se presenta 'nu vavone
e me dice: "Se volete,
profittate,
profittate 'e ll'occasione!"

"Vicchiariè, va' te refunne!
Vicchiariè, menate a mare!"
È venuta 'a fin' 'o munno
cu 'nu viecchio 'e chisti ccà,
senza fuoco 'e giuventù.

Hann' 'a turnà...


Devono tornare (italiano)
Oggigiorno tutti i vecchi
fanno i tipi chic e galanti.
Si capisce, dato il tempo,
fanno loro,
fanno loro i giovanotti.

Chi ti pizzica per la strada,
chi ti dice una parolina,
chi ti manda un messaggio.
Tutto questo, eh, perché?
Perché manca la gioventù.

Devono tornare
questi nostri soldatini!
Allora faremo una bella festa.
Diciamo: "Uno - due,
oh, soldatino mio,
scagliati in braccio a me!"

Un vecchietto canta ed intorno
gli altri vecchi fanno il coro.
Luna, amore e serenate
sono finiti,
sono finiti in mano a loro.

E si tingono i capelli,
sopracciglia e baffetti
per sembrare più giovani
ma, in effetti, che devono fare
se gli manca la gioventù?

Devono tornare...

Nella spiaggia stamattina
si presenta un vecchio
e mi dice: "Se volete,
approfittate,
approfittate dell'occasione!"

"Vecchietto, vattene via!
Vecchietto, gettati a mare!"
È venuta la fine del mondo
con un vecchio come questo qua,
senza il fuoco della gioventù.

Devono tornare...
 
 
 



Ultima modifica di mauro piffero il Ven Mar 15, 2019 5:25 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3526
Punti : 3526
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO & MARIO GANGI: 1977 - NAPOLI IN CONCERTO (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Mar 15, 2019 5:22 pm

1. TITOLO:
 
1977 - TARANTELLA
 
# Etichetta: Disco Più # Catalogo: DP 39012 # Data pubblicazione: Anno 1977 # Matrici: DP 39012/1 - DP 39012/2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data martici 1° Ottobre 1077 / Con accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 TARANTELLA (G.Rossini)
  • A2 TARANTELLA (A. Piatti)
  • A3 TARANTELLA (E. Caliendo)
  • A4 TARANTELLA MARINARA
  • A5 TARANTELLA LUCIANA/a>


  • B1 TARANTELLA (Dall'opera "La festa di Piedigrotta")
  • B2 TARANTELLA NAPOLITANA
  • B3 VESUVIO
  • B4 PIZZICA TARANTINA
  • B5 TARANTALLA (P. Giorza)
  • B6 TARANTALLE NAPOLITANE
 
Lato A: 1
TARANTELLA (G. Rossini)

 
      Lato B: 1
TARANTELLA (Dall'opera "La festa di Piedigrotta")

 
     

Autori: G. Rossini
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
     
Autori: Luigi Ricci
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato A: 2
TARANTELLA (A. Piatti)

 
      Lato B: 2
TARANTELLA NAPOLITANA

 
     

Autori: A. Piatti
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autore: A. Scarlatti
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato A: 3
TARANTELLA (E. Caliendo)

 
      Lato B: 3
VESUVIO

 
     

Autori: Eduardo Caliendo
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autori: B. Calvaruso
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato A: 4
TARANTELLA MARINARA

 
      Lato B: 4
PIZZICA TARANTINA

 
     

Autori: G. Lama
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autore: Anonimo
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Sturmentale
 
 
Lato A: 5
TARANTELLA LUCIANA

 
      Lato B: 5
TRANTELLA (P. Giorza)

 
     

Autore: Amelio Califano, Enrico Cannio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
     
Autori: P: Giorza
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato B: 6
TARANTELLE NAPOLITANE

 

Autori: C. Sica
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
Testo:
Strumentale
 
Fonte: QUI
 
 

mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3526
Punti : 3526
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1979 - STRADA 'NFOSA/SCENA MUTA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Mar 15, 2019 11:27 pm

1. TITOLO:
 
1979 - STRADA 'NFOSA/SCENA MUTA
 
# Etichetta: HARMONY # Catalogo: H-6055 # Data pubblicazione: Novembre 1979 # Matrici: H 6055-A/H 6055-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 10 Novembre / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
Bozza originale di "Scena Muta" scritta da Fausto Cigliano
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
STRADA 'NFOSA

 
      Lato B:
SCENA MUTA

 
     

Autori: Domenico Modugno
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
Mme dici: Nun so’ fatta
pe’ tte.
E t’annascunne ‘a faccia
pecche’?
‘Sta lacrima lucente
che vo’?
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
ce simmo ditte addio
sola pe’ n’ata via
te veco parti’
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
chiagnenno mm’he vasato
e io ca mme ne moro
te lasso parti’!
pecche’
tu vuo’ resta’
ma te ne vaje?
pecche’
te voglio bene e dico: va’?
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
sulo comm’a na vota
sulo cu sto destino
ca mo vo’ accussi’
Pecche’ m’hai ditto addio
pecche’?
‘Na vota eri felice
cu’ mme
e mo’ nun ce capimmo cchiu’
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
ce simmo ditte addio
sola pe’ n’ata via
te veco parti’
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
chiagnenno mm’he vasato
e io ca mme ne moro
te lasso parti’!
pecche’
tu vuo’ resta’
ma te ne vaje?
pecche’
te voglio bene e dico: va’?
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
sulo comm’a na vota
sulo cu sto destino
ca mo vo’ accussi’
 
     
Autori: Fausto Cigliano
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
'O sfizio ‘e 'na resata quanno me guardave tu,
l'addore 'e 'na ’mpepata, ‘st'uocchie chine ‘e ggiuventù,
'na mano ca s’astregne 'n'ata mano pe ccampà,
'nu suonno se ne scenne chianu chiano e ffa sunnà...
me sto attaccanno a tte come a ‘nu chiuovo 'nfacci’ô muro...
cchiù ’ncaso cu ‘o martiello e cchiù dde te nun so’ sicuro.
M'ha ditto 'na zitella fattucchiera: “Lassà stà,
nun è 'o mumento pe ss''a ‘nnammurà!”

E tt' aggi''a perdere, comm'a ‘na fronna secca t'aggi’‘a perdere,
si nun è ddestinato ch’êva spartere ‘sta vita mia cu tte…

Sarrà ca nun ne parlo pe ccunvincermi che è overo...
ma tu comm'a 'nu tarlo trase e gghiesce 'a int' ê penziere.
Mo veco ca te faje bbella pe 'n'ato, staje p'ascì,
'a notte è cchiena ‘e stelle, 'na tempesta po’ venì...
'e tutto 'stu castiello c’aggiu fatto attuorno a tte
me resta ‘nu canciello 'nchiuso a cchiave senza ‘e te,
te staje purtanno pure 'a fantasia che fa campà...
ma proprio 'e te m'avev’‘a 'nnammurà...

E tt' aggi''a perdere …

Ammore senza tiempo, ammore overo, ammore mio,
cient'anne pe ccampà, ‘na scemità pe ddirse addio;
'o munno corre appriesso a ‘na scummesa, ma pecchè...
io, pe scummesa, corro appriesso a tte.

E tt' aggi''a perdere…

E ti devo perdere, di Fausto Cigliano

Lo sfizio di una risata quando mi guardavi tu,
l'odore di una impepata, questi occhi pieni di gioventù,
una mano che stringe un'altra mano per vivere,
un sonno che scende piano piano e fa sognare...
me sto attaccando a te come un chiodo al muro...
più lo picchio col martello e più di te non sono sicuro.
Mi ha detto una zitella fattucchiera: “Lascia stare,
non è il momento per innamorarsi!”

E ti devo perdere, comme ad una foglia secca ti devo perdere,
se non è destinato che dovevo dividere questa vita mia con te…

Sarà che non ne parlo per convincermi ch’è vero...
ma tu come un tarlo entri ed esci dai pensieri.
Ora vedo che ti fai bella per un altro, stai per uscire,
la notte è piena di stelle, una tempesta può venire...
di tutto questo castello che ho fatto intorno a te
mi resta un cancello chiuso a chiave senza di te,
ti stai portando pure la fantasia che fa vivere...
ma proprio di te mi dovevo innamorare...

E ti devo perdere…

Amore senza tempo, amore vero, amore mio,
cent'anni per vivere, una sciocchezza per dirsi addio;
il mondo corre dietro una scommessa, ma perchè...
io, per scommessa, corro dietro di te.

E ti devo perdere …
 

 
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3526
Punti : 3526
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1981 - VENTATA NOVA/KROL (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 17, 2019 8:35 pm

1. TITOLO:
 
1981 - VENTATA NOVA/KROL
 
# Etichetta: HARMONY # Catalogo: H-6083 # Data pubblicazione: N1981 # Matrici: H 6083-A/H 6083-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Lato A: Dal Festival della Canzone Napoletana e Nuove Tendenze, 1981 / Distribuito da SAAR S.r.L. - Milano
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
VENTATA NOVA

 
      Lato B:
KROL

 
     

Autori: Domenico Modugno
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
‘Na ventata nova sta squassanno ‘a città,
‘e panne spase songo vele ô viento,
‘e guaglione c’ alluccano: “mammà addó sta?”,
‘e quatrane, p’ ‘e viche, stanno a suspirà...

E intanto Napule saglie e va ‘ncielo,
p’ ‘o cielo azzurro ca cchiù azzurro ‘nce sta.
E intanto Napule saglie p’ ‘o sole,
p’ ‘o sole sujo ca cchiù calore lle fa…

E tutt’ ‘e chiacchiere ca se stanno a dì
‘a storia antica ce ll’ ha fatto capì:
“lliev’ ‘a ccà, miett’ ‘a llà, sulo pe scuncecà,
addó sparte miseria, vene ‘a puvertà.

E siente ‘sti voce che veneno ‘a Puciuriale!
So’ ‘e muorte che chiammano ‘e vive:
Tanino, Aitano, Cuncetta, Maria,
nuje stammo cu vuje…

‘O bastimento s’ appripara a partì,
chi tene ggenio se spicciasse a saglì
jammo ‘a ccà, jammo ‘a llà, addó ce purtarrà
chesta ventata nova ‘e tuta ‘a suggetà!

Ventata nuova (traduzione in italiano)
Una ventata nuova sta squotendo violentemente la città,
i panni stesi sono vele al vento,
i bambini che gridano: “mamma dove sta?”,
i contadini, per i vicoli, stanno a sospirare...

E intanto Napoli sale e va in cielo,
nel cielo azzurro che più azzurro non c’è.
E intanto Napoli sale verso il sole,
verso il suo sole che più calore gli fa…

E tutte le chiacchiere che ci dicono
la storia antica ce l’hanno fatto capire:
“leva da qua, metti di là, solo per guastare,
dove divide miseria, viene la povertà.

E senti questi voci che vengono da Poggioreale (camposanto di Napoli)!
Sono i morti che chiamano i vivi:
Antonio, Gaetano, Concetta, Maria,
noi stiamo con voi…

Il bastimento se prepara di partire,
chi ha voglia si deve sbrigare di salire,
andiamo di quà, andiamo di là, dove ci porterà
questa ventata nuova di tutta la società!

 
     
Autori: Fausto Cigliano
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:

 

 
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3526
Punti : 3526
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 6 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Torna in alto


Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum