Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 119 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 119 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 737 il Dom Feb 24, 2019 6:06 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

Pagina 6 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO & MARIO GANGI: 1977 - NAPOLI CONCERTO (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Mar 06, 2019 11:09 am

1. TITOLO:
 
1977 - UNO' .. DUE'..
 
# Etichetta: Disco Più # Catalogo: DP 39011 # Data pubblicazione: Anno 1977 # Matrici: DP 39011/1 - DP 39011/2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data martici 1° Ottobre 1077 / Con accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 'O SURDATO 'NNAMMURATO
  • A2 RUMANZETTA MILITARE
  • A3 SURDATE
  • A4 CAPORALE
  • A5 CARMELA MIA


  • B1 TATONNO SE NE VA
  • B2 'O PIANO E GUERRA
  • B3 SENTINELLA
  • B4 ALL'ERTA SENTINELLA
  • B5 HANNA TURNA!..
 
Lato A: 1
'O SURDATO 'NNAMMURATO

 
      Lato B: 1
TATONNO SE NE VA

 
     

Autori: Aniello Califani, Enrico Cannio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Staje luntana da ‘stu core,
a te volo cu ‘o penziero,
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a ffianco (‘mbraccio) a me!
Sî sicura ‘e chist’ammore
comm’ i’ so’ sicuro ‘e te.

Oje vita, oje vita mia,
oje core ‘e chistu core,
sî stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe me!

Quanna notte nun te veco,
nun te sento ‘int’ a ‘sti bbraccia,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a me!
Ma, scetánnome ‘a ‘sti suonne,
mme faje chiagnere pe te!

Oje vita, oje vita mia,...

Scrive sempe e sta’ cuntenta,
io nun penzo che a te sola.
‘Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me.
‘A cchiù bella ‘e tutt’ ‘e belle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oje vita, oje vita mia,...

Il soldato innamorato (italiano)
Sei lontana da questo cuore,
da te volo con il pensiero,
niente voglio e niente spero
oltre che tenerti sempre al mio fianco (in braccio a me)!
Sii sicura di questo amore
come io sono sicuro di te.

Oh vita, oh vita mia,
Oh cuore di questo cuore,
sei stato il primo amore
e il primo e l’ultimo sarai per me!

Quante notti che non ti vedo,
non ti sento tra queste braccia,
non ti bacio questa faccia,
non ti stringo forte tra le mie braccia!
Ma, svegliandomi da questi sogni,
mi fai piangere per te!

Oh vita, oh vita mia,...

Scrivi sempre che sei contenta,
io non penso che a te solamente.
Un pensiero mi consola,
che tu pensi solamente a me.
La più bella tra le belle,
non è mai più bella di te!

Oh vita, oh vita mia,...
     
Autori: N. Valente, N. Bovio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Addio fanciulle care, domani me ne vado;
mi vesto da militare con sciabola e divisa.
Mettetevi "Si loca" davanti al vostro cuore,
per vedere che cedo il posto pure a chi non lo vuole.

Anna, mettiti a piangere,
Antonia, baciami il viso,
Rosa, dammi un pizzicotto,
Carmela, cadimi nelle braccia!
Tatonno se ne va, Tatonno se ne va!

Davanti a un coscritto (e io coscritto sono)
il generale ha detto: "Scegli: che grado vuoi?
Vuoi nove o dieci fregi? Te li metto sopra al braccio.
Tu sei un amico e io faccio quello che non se può".

Anna, mettiti a piangere,...

Mannaggia che una guerra questa volta non si fa,
se no, tutta la Terra vorrei far tremare.
Fra un anno, alla stazione venite tutte quante!
Col grado di attendente, Tatonno tornerà.

Anna, mettiti a piangere,...
 
 
Lato A: 2
RUMANZETTA MILITARE

 
      Lato B: 2
'O PIANO E GUERRA

 
     

Autori: E. Tagliaferri, E.A. Mario
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Chi vo’ partì, dicette 'o capitano?
Io me facette ‘nnanze, 'o primmo pe partì.
Screvette a te “vac'a murì luntano
pecché, senza speranza, m'hê fatto assaje suffrì.”

Quanno dicette 'o capitano: "Bravo!
Tutt’ ‘e surdate fosseno accusì"
Scurnuso 'e me, sentennelo, pensavo
ca jevo pe murì, no p’ ‘ a patria, pe te.

E ghiette a fà, tutt’ ‘e cumbattimente
e me menavo allero, cchiù ‘nnanze, pe cadè.
"Attiento a te!" - diceva ‘nu tenente.
"Tiene curaggio, è overo, ma penza pure a te."

Mo so’ sergente e luce ‘na medaglia
'ncopp'a 'stu pietto, addò nun tuorne tu.
Chi 'o po’ sapè ca dinto a ‘na battaglia
perdevo ‘a giuventù, no p’ ‘a patria, pe te.

Affianco a me, cadette ‘nu surdato
ca fuje tirato a sorte, spiraje dicenno "oje ma’!"
Vint'anne! e po m'aveva cunfidato
ca, si scanzava 'a morte, turnava pe spusà...

E so’ turnato, j’ ca nun so’ aspettato,
addò nun me diciste manco “addio!”.
Torna addù me, scurdammoce 'o passato!
Campà vo’ ‘o core mio, mo sta 'mpatria, vo’ a te.

Romanzetta militare (italiano)
Chi vuole partire, disse il capitano?
Io mi feci in avanti, il primo per partire.
Scrissi a te “vado a morire lontano
perché, senza speranza, mi hai fatto tanto soffrire.”

Quando disse il capitano:"Bravo!
Tutti i soldati fossero così"
Mi vergognai, sentendolo, pensavo
che andavo per morire, no per la patria, per te.

E andai a fare, tutte le battaglie
e mi gettavo allegro, più in avanti, per cadere...
"Stai attento!" diceva il tenente:
"Hai coraggio, è vero, ma pensa pure a te."

Ora sono sergente e luce una medaglia
su questo petto, dove non torni tu...
Chi lo poteva sapere che in una battaglia
perdevo la gioventù, no per la patria, per te.

Affianco a me, cadde un soldato
che fu tirato a sorte, morì dicendo "oh, mama!"
Vent'anni! e poi mi aveva confessato
che, se evitava la morte, tornava per sposarsi.

E sono tornato, io che non sono aspettato,
dove non mi dicesti nemmeno “addio!”...
Torna da me, dimentichiamo il passato!
Vivere vuole il cuore mio, ora sta in patria, vuole te.
 
     
Autore: E. Murolo, N. Valente
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘Sta guerra ‘a fernesch’ io, si me presento
cu ‘nu prugetto ‘ncapo, ‘nnanz’ ô Rre,
‘nnanz’ ô Rre:
- “Maiestà, songo d’ ‘o tale reggimento,
teng’ ‘a pace ‘mmano a me,
‘mmano a me”.
Dice ‘o Rre: - “Si parle overo,
n’ hê ‘a dà cunto ô Ministero.
Hê ammentato quacc’ arma nova?
Quacche povere? Quacche palla
ch’addò arriva llà coglie e nchiova?
N’ atu gasse p’ ‘e ffà murì?
Quacche nave ca nun affonna,
ma, liggiera, va ‘ncopp’ a ll’ onna?
Quacche mina ca fa nzurdì?”

Io, redenno, svelo ‘o sigreto...
Isso, allero, me fa: - “Giesù!
Acqua mmocca, guardate arreto,
carta bianca, guagliò, fa’ tu!”

Sola, vestute ‘e sciur’ ‘e Primmavera,
lucente cchiù d’ ‘o sole, Bella, Bè...
Bella, Bè...
Da Napule te parte p’ ‘a fruntiera,
‘nprimma linea, ‘nziem’ a me...
‘nziem’ a me...
Oi ccà l’ordine ‘e battaglia...
Ma ‘o nemico già s’ abbaglia.
Se mpapin’ ‘o generale,
perd’ ‘a mmummera ‘o culunnello:
piglia mmano ‘nu cannucchiale,
sbaglia ’o piano pe te guarda...
Tu t’ accuoste, ma cchiù suspira
l’ artigliere ca perde ‘a mmira
e ‘o canone che buò sparà?

‘E nemice, cu ll’uocchie ‘a fore,
nun cumbatteno manco cchiù.
Carta e penna, l’ Imperatore
firma ‘a pace ca vuò fà tu...

Cielo! E che ce vo’ essere pe Roma,
quanno s’è fatta ‘a pace, gente, gè...
gente, gè...
Chiammata a Ccorte, nenna, toma toma,
che superbia vo’ tenè...
po’ tenè...
Chi lle dà ‘na rosa ‘e maggio,
chi se piglia ‘nu passaggio...
‘O francese s’ ammullechea...
Lle fa segno l’americano
e l’inglese, ca se quartea,
c’ ‘o binocolo ‘a vo’ guardà...
S’ adenocchiano ‘e marrucchine,
serbe, griece, montenegrine.
N’ africano s’ ‘a vo’ vasà...

Giuvinò, mo me so’ stancato
- lle dicesse cu ‘nu sciassé...
P’ ‘o Paese me so’ prestato,
ma... ‘a guagliona me serve a me!


Il piano di guerra (italiano)
Questa guerra la finirò io, se mi presento
con un progetto in testa, davanti al re,
davanti al re:
- “Maestà, sono del tale reggimento,
porto la pace nelle mie mani,
mie mani”.
Dice il re: - “Se parli davvero,
devi darne conto al Ministero.
Hai inventato qualche arma nuova?
Qualche plvere? Qualche palla
che, dove arriva, colpisce e inchioda?
Un’altro gas per far morire?
Qualche nave che non affonda
ma, leggera, va sopra l’onda?
Qualche mina che fa stordire?”

Io, ridendo, svelo il segreto.
Lui, allegro, mi dice: - “Gesù!
Acqua in bocca, guardati intorno,
carta bianca, ragazzo, fai tu!”

Sola, vestita di fiori di primavera,
splendente più del sole, bella bella...
bella, bella...
Da Napoli parti per la frontiera,
in prima linea, insieme a me...
insieme a me...
Questo è l’ordine di battaglia...
Ma il nemico già si abbaglia.
Si confonde il generale,
perde la testa il colonnello:
prende in mano un cannocchiale,
sbaglia i piani per guardarti...
Tu ti accosti, ma più sospira
l’artigliere che perde la mira
e il cannone che vuoi sparare?

E i nemici, affascinati,
non combattono più.
Carta e penn,a l’imperatore
firma la pace come vuoi tu.

Cielo! E che ci sarà nelle vie di Roma,
quando sarà fatta la pace, gente... gente...
gente... gente...
Chiamata a corte la bella mia
che superbia vorrà tenere...
potrà tenere...
Chi le offre una rosa di maggio,
chi tenterà qualche carezza...
Il francese si intenerisce...
Le fa segno l’americano
e l’inglese, che si dà importanza,
col binocolo la vuole guardare.
Si inginocchiano i marocchini,
serbi, greci, montenerini.
Un africano la vuole baciare...

Giovinotti, ora sono stanco
- io direi con sufficenza...
Per il paese mi sono prestato,
ma... la ragazza serve a me!
 
 
Lato A: 3
SURDATE

 
      Lato B: 3
SENTINELLA

 
     

Autori: L. Bovio, E: Nardella
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘O tenente mm’ha ‘ncucciato
cu ll’ uocchie ‘e chianto e cu ‘a chitarra ‘mmano,
e m’ ha ditto accussí: "Napulitano,
ccá nun hê ‘a fá ‘o tenore: hê ‘a fá ‘o surdato!"

Ll’ aggiu ditto accussí: "Signor tenente,
mannáteme ‘mprigione, nun fa niente...
Penzo ô paese mio ca sta luntano:
e so’ napulitano...
e, si nun canto, io moro!"

‘O tenente ha suspirato:
"Napule è bella assaje, Napule è bella!
Napulità, pur’ io so’ ‘nnammurato,
cántala zittu zitto ‘a canzuncella..."

Ll’ aggiu ditto accussí: "Signor tenente,
cantáte pure vuje ca nun fa niente...
Penzo ô paese mio ca sta luntano:
e so’ napulitano...
e, si nun canto, i’ moro!"

Trase e luce ‘a luna d’oro
pe fá lucente e d’oro ‘a cammerata.
Tutt’ ‘e cumpagne mieje, dint’ â nuttata,
chiagnenno ‘nzieme a me, cantano a coro.

E i’ ca dico accussí: "Signor tenente
jammo a ferní in prigione? Nun fa niente...
Chillo, ‘o paese nuosto, sta luntano...
e chi è napulitano,
o canta, o sonna, o more!"


Soldati, (in italiano)
Il tenente mi ha scoperto
con gli occhi lucidi e la chitarra in mano,
e mi ha detto cosí: "Napoletano,
quá non devi fare il tenore: devi fare il soldato!"

Io gli ho ditto cosí: "Signor tenente,
mettetemi in prigione, non fa niente...
Penso al mio paese che è lontano:
e io sono napoletano...
e, se non canto, io muoio!"

Il tenente ha sospirato:
"Napoli è tanto bella, Napoli è bella!
Napolitano, anche io sono innammurato,
cantala piano pano la tua canzone..."

Io gli ho ditto cosí: "Signor tenente,
cantate anche voi, che non fa niente...
Penso al mio paese che è lontano:
e io sono napoletano...
e, se non canto, io muoio!"

Filtra e luce la luna d’oro
per far lucente e d’oro la camerata.
Tutti i compagni miei, nella nottata,
piangendo insieme a me, cantano in coro.

E io dico cosí: "Signor tenente,
finiremo in prigione? Non fa niente...
quello, il paese nostro è lontano:
e chi è napoletano...
o canta, o sogna, o muore!"
 
     
Autori: Roberto Bracco, Ernesto De Curtis
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Nuttata ‘e Piererotta. Tutte dormono
‘ncopp’ a ‘sta cimma ‘e monte cunquistato,
e io faccio ‘a sentinella e sto’ scetato.
‘Nu passo, ‘nu rummore. Chi va là?

E vuje, paisane mieje, ca state a Napule,
chesta nuttata, vuje, comm’ ‘a passate?
Nce jate a Piererotta o nun ce jate?
Ce sta chi, ‘na canzone, cantarrà?

Vurrìa ca nu signale
facísseve ‘a Pusilleco
pe me puté ‘nfurmà.
E n’auto, tale e quale,
pe dirve: "Ve ringrazio"
io ne facesse ‘a ccà.

Nuttata ‘e Piererotta. Che silenzio.
Pure ‘e cannune, mo, se so’ addurmute.
‘Na voce arriva a ‘sti mmuntagne mute,
vène da ‘o mare mio pe mme chiammà.

E a vuje, Napulità, che state a Napule,
ve chiamma o no, stanotte, chistu mare?
Ne tene sempe varche ‘e marenare?
‘Na varchijata v’ ‘a putite fà?

Mánnateme ‘a risposta
cu nu signale, sùbbeto
facitela vulà.
Si mme screvite,
‘a posta ritarda
e pò succedere
ca nun mme truvarrà.

E tu, Carmè, Carmè, ca siente sbattere
'o core, 'mpiett'a me, pure 'a luntano,
comm'io mm' 'o sto’ sentenno sott' â mano,
che faje stanotte? Chiagne? Ma pecché?

Si tanto doce ancora è 'o cielo 'e Napule,
si ancora tene 'e stelle che teneva,
si dice ancora 'e ccose che diceva,
guardanno 'ncielo, parlarraje cu mme.

Ccà 'o cielo è tutto stelle
che chiágnono. Ma 'e llagreme
nun vònno fà vedé.
Io guardo 'e ddoje cchiù belle,
una assumiglia a màmmema,
ll'àuta assumiglia a te.


Sentinella (italiano)
Nottata di Pedigrotta. Tutti dormono
su questa cima di monte conquistato,
e io faccio la sentinella e sono sveglio.
Un passo, un rumore. Chi va là?

E voi, paesani miei, che siete a Napoli,
questa nottata, voi, come la passate?
Ci andate a Piedigrotta o non ci andate?
C’è chi, una canzone, canterà?

Vorrei che un segnale
faceste da Posillipo
per potermi informare.
E un’ altro, tale e quale,
per dirvi: "Vi ringrazio"
io farei da qua.

Nottata di Piedigrotta. Che silenzio.
Anche i cannoni ora si sono addormentati.
Una voce arriva a queste montagne mute,
viene dal mio mare per chiamarmi.

E a voi, Napoletani, che siete a Napoli,
vi chiama o no, stanotte, questo mare?
Ce ne ha sempre barche di marinai?
Una navigata ve la potreste fare?

Mandatemi la risposta
con un segnale, subito
fatela volare.
Se mi scrivete,
la posta ritarda
e può succedere
che non mi trovi.

E tu, Carmela, Carmela, che senti sbattere
il cuore, nel mio petto, anche da lontano,
come io lo sto sentendo sotto la mano,
che fai stanotte? Piangi? Ma perchè?

Se tanto dolce è ancora il cielo di Napoli,
se ancora ha le stelle che aveva,
se dice ancora le cose che diceva,
guardando in cielo, parlerai con me.

Qua il cielo è tutto stelle
che piangono. Ma le lacrime
non vogliono far vedere.
Io guardo le due più belle,
una assomiglia alla mia mamma,
l'altra assomiglia a te.
 
 
Lato A: 4
CAPORALE

 
      Lato B: 4
ALL'ERTA SENTINELLA

 
     

Autori: V. Adamo, G. Tètamo
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Finalmente so’ passato caporale ‘e fanteria.
Mo che so’ già graduato, pozzo io pure cummannà:
“Tizio, voi tacete, zitto! Voi quel tanghero là giù,
cosa fate? State ritto! Tacchi giunti e testa su!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,
te vulesse fà vedé
comme tremmano ‘e surdate ‘nnanze a mme,
tale quale io ‘nnanze a tte!

Caporale! Comme fosse... Cumannate... e nientemeno.
Si ‘è fettuce mo so’ rosse ‘ncopp’ ô vraccio che vo’ dì:
Venarrà pure ‘a jurnata ca sarranno argiento e po...
‘A carriera è accumminciata, tricà po’, mancà maje no!

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...

L’ato juorno me ‘ncuntraje ‘mmiez’ â via c’ ‘o generale.
Pronto, io subbeto allucaje: “Battagliò, present’arm!”
Fuje ‘nu colpo: ‘o generale me dicette là pe là:
“Non sarai più caporale! Forse ‘o grado avanzarrà!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...

Caporale (italiano)
Finalmente son passato aporale di fanteria.
Ora che sono graduato, posso io pure comandare:
“Tizio, voi tacete, zitto! Voi, quel tanghero laggiù,
cosa fate? State ritto! Tacchi giunti e testa su!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,
ti vorrei far vedere
come tremano i soldati davanti a me
tale e quale io davanti a te!

Caporale! Come fosse... Comandante... e niente meno.
Se i fregi ora sono rossi sul mio braccio che vuol ditr:
Verrà pure il giorno che saranno d’argiento e poi...
La carriera è incominciata, tardare puo, mancare mai!

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...

L’altro giorno mi incontrò per la strada il generale.
Pronto, io subito gtridai: “Battaglione, presentat arm!”
Fu un colpo: il generale mi disse là per là:
“Non sarai più caporale! Forse il grado avanzerà!”

Ah, Carmé, Carmela mia, Carmé,...
 
     
Autore: L. Bovio, E. De Curtis
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Rosa, che t’aggi’ ‘a scrivere?
Rosa, che t’aggi’ ‘a dí?
Sto’ tanto malinconico
ca vularría murí...
Chiove, fa friddo... e ‘a ll’albere,
cadute sóngo ‘e ffronne...
Te chiammo... e mme risponne
ll’eco sultanto, oje Rò...

Che vuo’, che t’aggi’ ‘a dicere?!...
Mme vène quase ‘a chiagnere
si penzo a mamma bella,
si mm’arricordo ‘e te...
"All’erta, sentinella!"
"All’erta sto!"

‘Nnanze a chist’uocchie, Napule,
bella e lucente sta.
Mme pare sempe ‘e sentere
‘na voce ‘e suspirá...
Cántano sempe e canto
tutt’ ‘e ccanzone belle...
Lùceno sempe ‘e stelle:
sta pe trasí ll’està...

Che vuo’, che t’aggi’ ‘a dicere?!...

Sto’ ‘e sentinella ‘a ll’unnece
e ancora aggi’ ‘a vigliá...
Scrivo e nun ‘ngarro a scrivere...
Chiagno?... E che chiagno a fá?
E s’è scugnato ‘o láppeso,
‘o foglio s’è ghincuto:
t’ abbraccio e ti saluto...
Non ti scordar di me!

Che vuo’, che t’aggi’ ‘a dicere?!...


All’erta, sentinella!All’erta, sentinella! (In italiano)
Rosa, che devo scriverti?
Rosa, che devo dirti?
Sono tanto malinconico
che vorrei morire...
Piove, fa freddo... e agli alberi,
cadute sono le foglie...
Ti chiamo... e mi risponde
solo l’eco, cara Rosa...

Che vuoi, che devo dirti?!...
Mi viene quasi da piangere
se penso alla mia bella mamma,
se mi ricordo di te...
"All’erta sentinella!"
"All’erta sto!"

Davanti a questi occhi, Napoli
bella e luccicante sta.
Mi sembra sempre di sentire
una voce sospirare...
Cantano sempre e canto
tutte le canzoni belle...
Luccicano sempre le stelle:
sta per venire l’estate...

Che vuoi, che devo dirti?!...

Sto di guardia dalle undici
e ancora devo vegliare...
Scrivo ma non riesco a scrivere...
Piango?... E che piango a fare?
E si è consumata la matita,
il foglio si è riempito:
ti abbraccio e ti saluto...
Non ti scordar di me!

Che vuoi, che devo dirti?!...
Rosa, che devo scriverti?
Rosa, che devo dirti?
Sono tanto malinconico
che vorrei morire...
Piove, fa freddo... e agli alberi,
cadute sono le foglie...
Ti chiamo... e mi risponde
solo l’eco, cara Rosa...

Che vuoi, che devo dirti?!...
Mi viene quasi da piangere
se penso alla mia bella mamma,
se mi ricordo di te...
"All’erta sentinella!"
"All’erta sto!"

Davanti a questi occhi, Napoli
bella e luccicante sta.
Mi sembra sempre di sentire
una voce sospirare...
Cantano sempre e canto
tutte le canzoni belle...
Luccicano sempre le stelle:
sta per venire l’estate...

Che vuoi, che devo dirti?!...

Sto di guardia dalle undici
e ancora devo vegliare...
Scrivo ma non riesco a scrivere...
Piango?... E che piango a fare?
E si è consumata la matita,
il foglio si è riempito:
ti abbraccio e ti saluto...
Non ti scordar di me!

Che vuoi, che devo dirti?!...
 
 
Lato A: 5
CARMELA MIA

 
      Lato B: 5
HANNA TURNA!..

 
     

Autore: Amelio Califano, Enrico Cannio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Carmela mia, di Aniello Califano, Enrico Cannio, 1903
Addio, Carmè, dimane aggi' 'a partì!
I' so’ surdato, 'a Patria aggi' 'a servì.
'A luntananza nun me fa scurdà
'e 'st'uocchie belle fatte pe 'ncantà.
Tutte 'sti mise senza me vedè,
sarraje sincera comm'io so’ cu te?

Carmè, Carmè!
T'aggi' 'a lassà,
nun c'è che ffà!
Carmè, Carmè!
Luntano 'a te
chi nce pò stà?

'A fantasia te turmentarrà,
a tanta ccose te farrà penzà.
Tu sî gelosa, assaje gelosa 'e me,
comm'io geluso songo 'e te, Carmè.
'Ammore vero nun se pò tradì.
Sempe 'a reggina 'e chistu core sî.

Carmè, Carmè!...

E quanno, sulo, 'int' ô quartiere stò
e 'a passione turmentà me vò.
Suspiro e vaso 'o cierro tujo, Carmè,
comme si chilli vase 'e ddesse a te.
Da 'o dito, 'aniello mio, nun t' 'o levà,
scriveme sempe, 'e me nun te scurdà!

Carmè, Carmè!...


Carmela mia (italiano)
Addio, Carmela, domani devo partire!
Sono un soldato, la Patria devo servire.
La lontananza non mi fa dimenticare
gli occhi tuoi belli fatti per incantare.
Tutti questi mesi senza vedermi
sarai sincera come io sono con te?

Carmela, Carmela!
Ti devo lasciare,
non c'è niente da fare!
Carmela, Carmela!
Lontano da te
chi ci può stare?

La fantasia ti tormenterà,
a tante cose ti farà pensare.
Tu sei gelosa, molto gelosa di me,
come io sono geloso di te, Carmela.
L'amore vero non si può tradire.
Sei sempre la regina del mio cuore.

Carmela, Carmela!...

E quando, solo, sto nel quartiere
a la passione mi vuole tormentare.
Sospiro e bacio la tua ciocca, Carmela,
come se quei baci li dessi a te.
Dal dito non toglierti l'anello mio,
scrivimi sempre, non dimenticarmi!

Carmela, Carmela!...
     
Autori: Giuseppe Capaldo, Francesco Feola
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Oggigiorno, tutt' 'e viecchie
fanno 'e scicche e 'e zerbinotte.
Se capisce, dato il tempo,
fanno lloro,
fanno lloro 'e giuvinotte.

Chi te pizzeca p' 'a strata,
chi te dice 'a parulella,
chi te manna 'na 'mmasciata.
Tutto chesto, nèh, pecché?
Pecché manca 'a giuventù.

Hann' 'a turnà
'sti surdatielle nuoste!
Tanno, vulimmo fà 'na bella festa.
Dicimmo: "Uno - due,
Oje, surdatiello mio,
menate 'mbracci'a me!"

'Nu vicchiotto canta e attuorno,
ll'ati viecchie fanno 'o coro.
Luna, ammore e serenate,
so’ fernute,
so’ fernute 'mmano a lloro.

E se tegnono 'e capille,
sopracciglie e mustaccielle
pe parè cchiù piccerille
ma 'nsustanza ch'hann' 'a fà
si lle manca 'a giuventù?

Hann' 'a turnà...

'Ncopp' ô bagno stammatina
se presenta 'nu vavone
e me dice: "Se volete,
profittate,
profittate 'e ll'occasione!"

"Vicchiariè, va' te refunne!
Vicchiariè, menate a mare!"
È venuta 'a fin' 'o munno
cu 'nu viecchio 'e chisti ccà,
senza fuoco 'e giuventù.

Hann' 'a turnà...


Devono tornare (italiano)
Oggigiorno tutti i vecchi
fanno i tipi chic e galanti.
Si capisce, dato il tempo,
fanno loro,
fanno loro i giovanotti.

Chi ti pizzica per la strada,
chi ti dice una parolina,
chi ti manda un messaggio.
Tutto questo, eh, perché?
Perché manca la gioventù.

Devono tornare
questi nostri soldatini!
Allora faremo una bella festa.
Diciamo: "Uno - due,
oh, soldatino mio,
scagliati in braccio a me!"

Un vecchietto canta ed intorno
gli altri vecchi fanno il coro.
Luna, amore e serenate
sono finiti,
sono finiti in mano a loro.

E si tingono i capelli,
sopracciglia e baffetti
per sembrare più giovani
ma, in effetti, che devono fare
se gli manca la gioventù?

Devono tornare...

Nella spiaggia stamattina
si presenta un vecchio
e mi dice: "Se volete,
approfittate,
approfittate dell'occasione!"

"Vecchietto, vattene via!
Vecchietto, gettati a mare!"
È venuta la fine del mondo
con un vecchio come questo qua,
senza il fuoco della gioventù.

Devono tornare...
 
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 



Ultima modifica di mauro piffero il Ven Mar 15, 2019 5:25 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO & MARIO GANGI: 1977 - NAPOLI IN CONCERTO (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Mar 15, 2019 5:22 pm

1. TITOLO:
 
1977 - TARANTELLA
 
# Etichetta: Disco Più # Catalogo: DP 39012 # Data pubblicazione: Anno 1977 # Matrici: DP 39012/1 - DP 39012/2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data martici 1° Ottobre 1077 / Con accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 TARANTELLA (G.Rossini)
  • A2 TARANTELLA (A. Piatti)
  • A3 TARANTELLA (E. Caliendo)
  • A4 TARANTELLA MARINARA
  • A5 TARANTELLA LUCIANA


  • B1 TARANTELLA (Dall'opera "La festa di Piedigrotta")
  • B2 TARANTELLA NAPOLITANA
  • B3 VESUVIO
  • B4 PIZZICA TARANTINA
  • B5 TARANTALLA (P. Giorza)
  • B6 TARANTALLE NAPOLITANE
 
Lato A: 1
TARANTELLA (G. Rossini)

 
      Lato B: 1
TARANTELLA (Dall'opera "La festa di Piedigrotta")

 
     

Autori: G. Rossini
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
     
Autori: Luigi Ricci
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato A: 2
TARANTELLA (A. Piatti)

 
      Lato B: 2
TARANTELLA NAPOLITANA

 
     

Autori: A. Piatti
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autore: A. Scarlatti
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato A: 3
TARANTELLA (E. Caliendo)

 
      Lato B: 3
VESUVIO

 
     

Autori: Eduardo Caliendo
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autori: B. Calvaruso
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato A: 4
TARANTELLA MARINARA

 
      Lato B: 4
PIZZICA TARANTINA

 
     

Autori: G. Lama
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autore: Anonimo
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Sturmentale
 
 
Lato A: 5
TARANTELLA LUCIANA

 
      Lato B: 5
TRANTELLA (P. Giorza)

 
     

Autore: Amelio Califano, Enrico Cannio
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
     
Autori: P: Giorza
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato B: 6
TARANTELLE NAPOLITANE

 

Autori: C. Sica
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
Testo:
Strumentale
 
Fonte: QUI
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 



Ultima modifica di mauro piffero il Mar Mar 26, 2019 6:35 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1979 - STRADA 'NFOSA/SCENA MUTA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Mar 15, 2019 11:27 pm

1. TITOLO:
 
1979 - STRADA 'NFOSA/SCENA MUTA
 
# Etichetta: HARMONY # Catalogo: H-6055 # Data pubblicazione: Novembre 1979 # Matrici: H 6055-A/H 6055-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 10 Novembre / Distribuito da Messaggerie Musicali - Milano
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
Bozza originale di "Scena Muta" scritta da Fausto Cigliano
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
STRADA 'NFOSA

 
      Lato B:
SCENA MUTA

 
     

Autori: Domenico Modugno
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
Mme dici: Nun so’ fatta
pe’ tte.
E t’annascunne ‘a faccia
pecche’?
‘Sta lacrima lucente
che vo’?
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
ce simmo ditte addio
sola pe’ n’ata via
te veco parti’
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
chiagnenno mm’he vasato
e io ca mme ne moro
te lasso parti’!
pecche’
tu vuo’ resta’
ma te ne vaje?
pecche’
te voglio bene e dico: va’?
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
sulo comm’a na vota
sulo cu sto destino
ca mo vo’ accussi’
Pecche’ m’hai ditto addio
pecche’?
‘Na vota eri felice
cu’ mme
e mo’ nun ce capimmo cchiu’
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
ce simmo ditte addio
sola pe’ n’ata via
te veco parti’
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
chiagnenno mm’he vasato
e io ca mme ne moro
te lasso parti’!
pecche’
tu vuo’ resta’
ma te ne vaje?
pecche’
te voglio bene e dico: va’?
‘mmiez’a na strada ‘nfosa
sulo comm’a na vota
sulo cu sto destino
ca mo vo’ accussi’
 
     
Autori: Fausto Cigliano
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
'O sfizio ‘e 'na resata quanno me guardave tu,
l'addore 'e 'na ’mpepata, ‘st'uocchie chine ‘e ggiuventù,
'na mano ca s’astregne 'n'ata mano pe ccampà,
'nu suonno se ne scenne chianu chiano e ffa sunnà...
me sto attaccanno a tte come a ‘nu chiuovo 'nfacci’ô muro...
cchiù ’ncaso cu ‘o martiello e cchiù dde te nun so’ sicuro.
M'ha ditto 'na zitella fattucchiera: “Lassà stà,
nun è 'o mumento pe ss''a ‘nnammurà!”

E tt' aggi''a perdere, comm'a ‘na fronna secca t'aggi’‘a perdere,
si nun è ddestinato ch’êva spartere ‘sta vita mia cu tte…

Sarrà ca nun ne parlo pe ccunvincermi che è overo...
ma tu comm'a 'nu tarlo trase e gghiesce 'a int' ê penziere.
Mo veco ca te faje bbella pe 'n'ato, staje p'ascì,
'a notte è cchiena ‘e stelle, 'na tempesta po’ venì...
'e tutto 'stu castiello c’aggiu fatto attuorno a tte
me resta ‘nu canciello 'nchiuso a cchiave senza ‘e te,
te staje purtanno pure 'a fantasia che fa campà...
ma proprio 'e te m'avev’‘a 'nnammurà...

E tt' aggi''a perdere …

Ammore senza tiempo, ammore overo, ammore mio,
cient'anne pe ccampà, ‘na scemità pe ddirse addio;
'o munno corre appriesso a ‘na scummesa, ma pecchè...
io, pe scummesa, corro appriesso a tte.

E tt' aggi''a perdere…

E ti devo perdere, di Fausto Cigliano

Lo sfizio di una risata quando mi guardavi tu,
l'odore di una impepata, questi occhi pieni di gioventù,
una mano che stringe un'altra mano per vivere,
un sonno che scende piano piano e fa sognare...
me sto attaccando a te come un chiodo al muro...
più lo picchio col martello e più di te non sono sicuro.
Mi ha detto una zitella fattucchiera: “Lascia stare,
non è il momento per innamorarsi!”

E ti devo perdere, comme ad una foglia secca ti devo perdere,
se non è destinato che dovevo dividere questa vita mia con te…

Sarà che non ne parlo per convincermi ch’è vero...
ma tu come un tarlo entri ed esci dai pensieri.
Ora vedo che ti fai bella per un altro, stai per uscire,
la notte è piena di stelle, una tempesta può venire...
di tutto questo castello che ho fatto intorno a te
mi resta un cancello chiuso a chiave senza di te,
ti stai portando pure la fantasia che fa vivere...
ma proprio di te mi dovevo innamorare...

E ti devo perdere…

Amore senza tempo, amore vero, amore mio,
cent'anni per vivere, una sciocchezza per dirsi addio;
il mondo corre dietro una scommessa, ma perchè...
io, per scommessa, corro dietro di te.

E ti devo perdere …
 

 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1981 - VENTATA NOVA/KROL (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 17, 2019 8:35 pm

1. TITOLO:
 
1981 - VENTATA NOVA/KROL
 
# Etichetta: HARMONY # Catalogo: H-6083 # Data pubblicazione: 1981 # Matrici: H 6083-A/H 6083-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Lato A: Dal Festival della Canzone Napoletana e Nuove Tendenze, 1981 / Distribuito da SAAR S.r.L. - Milano
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
VENTATA NOVA

 
      Lato B:
KROL

 
     

Autori: Domenico Modugno
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
‘Na ventata nova sta squassanno ‘a città,
‘e panne spase songo vele ô viento,
‘e guaglione c’ alluccano: “mammà addó sta?”,
‘e quatrane, p’ ‘e viche, stanno a suspirà...

E intanto Napule saglie e va ‘ncielo,
p’ ‘o cielo azzurro ca cchiù azzurro ‘nce sta.
E intanto Napule saglie p’ ‘o sole,
p’ ‘o sole sujo ca cchiù calore lle fa…

E tutt’ ‘e chiacchiere ca se stanno a dì
‘a storia antica ce ll’ ha fatto capì:
“lliev’ ‘a ccà, miett’ ‘a llà, sulo pe scuncecà,
addó sparte miseria, vene ‘a puvertà.

E siente ‘sti voce che veneno ‘a Puciuriale!
So’ ‘e muorte che chiammano ‘e vive:
Tanino, Aitano, Cuncetta, Maria,
nuje stammo cu vuje…

‘O bastimento s’ appripara a partì,
chi tene ggenio se spicciasse a saglì
jammo ‘a ccà, jammo ‘a llà, addó ce purtarrà
chesta ventata nova ‘e tuta ‘a suggetà!

Ventata nuova (traduzione in italiano)
Una ventata nuova sta squotendo violentemente la città,
i panni stesi sono vele al vento,
i bambini che gridano: “mamma dove sta?”,
i contadini, per i vicoli, stanno a sospirare...

E intanto Napoli sale e va in cielo,
nel cielo azzurro che più azzurro non c’è.
E intanto Napoli sale verso il sole,
verso il suo sole che più calore gli fa…

E tutte le chiacchiere che ci dicono
la storia antica ce l’hanno fatto capire:
“leva da qua, metti di là, solo per guastare,
dove divide miseria, viene la povertà.

E senti questi voci che vengono da Poggioreale (camposanto di Napoli)!
Sono i morti che chiamano i vivi:
Antonio, Gaetano, Concetta, Maria,
noi stiamo con voi…

Il bastimento se prepara di partire,
chi ha voglia si deve sbrigare di salire,
andiamo di quà, andiamo di là, dove ci porterà
questa ventata nuova di tutta la società!

 
     
Autori: Fausto Cigliano
Arrangiatore: Gianni Mazza
 
Testo:
Corne e bicorne...
Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia...

Corne e bicorne...
Krol, Castellini, Musella e Vinazzani,
Krol, Nicolini, Guidetti e Pellegrini.
Chistu scudet’ ce ’o puratmmo dint’ ô liett’
Chi nce vo’ sta: stoccafisso e baccalà.

Corne e bicorne..
Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia...
Krol, Bruscolotti, Damiani e Marangon,
Krol, Celestini, Ferrario e Speggiorin.
???Chistu scudet’ pure ‘o ciuccio ‘a fammo ‘npiett’???
Chi nce vo’ sta: stoccafisso e baccalà.

Krol, Ferlaino, Acampora, Juliano,
Krol e Capone, Fiore e Marino,
Krol e Delfrati, Carmando, ..................... e Marchesi.
Fruscia filuccio, c’è rimasto sulo ‘o ciuccio.
Ciuccio fa’ tu! ‘O scudetto e niente cchiù!
Corne e bicorne...
Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia...
(Aglio più aglio, fattura che non prende)

 

 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Mar 23, 2019 11:59 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1986 MA CH'AGGI' 'A FA'/PUCUNDRIA (45 GiriI)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 23, 2019 11:59 pm

1. TITOLO:
 
1986 - MA CH'AGGI' 'A FA'/PUCUNDRIA
 
# Etichetta: DisComposer Records # Catalogo: ZB 7560 # Data pubblicazione: 1986 # Matrici: ZB 7560-A/ZB 7560-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Lato A: Dedicata a uno Scudetto / Lato B: Dalla trasmissione tv. Raitre "Telesogni", 1996 / Distribuito da RCA - Roma
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
MA CH'AGGI' 'A FA'

 
      Lato B:
PUCUNDRIA

 
     

Autori: A. Palattella
Arrangiatore: Stefano Sabatini
 
Testo:
Ma ch’aggi’ ‘a fà?
Ma ch’aggi’ ‘a fà?
Io senza te, no! nun pozzo stà...
Che pozzo fà?
Che pozzo fà?
Nun ce sta Cristo pe m’aiutà...
Comm’ a ‘na forza... ‘na forza ca fa paura,
ca mette st’anema annura,
sento st’ammore pe te...
Ma ch’aggi’ ‘a fà
si sto’ a penzà comme sarria chesta vita?
Luntan’ a te me truvaria dinto a llu tiempo perduto.
Aggiu capito
ca chesta pena d’ammore, ca io me port’ ‘int’ ô core
ha dda murì inzieme a me.
Mo, vieni a ccà!
Fatte tuccà!
Famme sentì che sta’ bella!
Mo, viene a ccà!
Fatte guardà
chist’uocchie, quanto so’ belle!
Comm’ a ‘nu viento, comm’ a ‘nu viento ca dura,
comm’ a ‘na sciorta ch’ è oscura,
st’ ammore porta addu te...

Ma che devo fare (italiano)
Ma che devo fare?
Ma che devo fare?
Io senza te, no! non posso stare...
Che posso fare?
Che posso fare?
Non c’è Cristo per aiutarmi...
Come una forza... una forza che fa paura,
che mette quest’anima a nudo,
sento quest’amore per te..
Ma che devo fare
si sto a pensare come sarebbe questa vita?
Lontano da te mi troverei dentro al tempo perduto.
Ho capito
che questa pena d’amore, che io mi porto dentro al cuore
deve morire insieme a me.
Ora, vieni qua!
Fatti toccare!
Fammi sentire che sei bella!
Ora, vieni a qua!
Fatti guardare
questi occhi, quanto sono belli!
Come un vento, come un vento che dura,
come una sorte ch’ è oscura,
quest’ ammore porta da te...


 
     
Autori: Giuseppe Liuccio, Fausto Cigliano
Arrangiatore: Stefano Sabatini
 
Testo:
‘Na casa annascosa pe ddint’ê sciardine
ca vottan’ a mmare ll'addore ‘e limune,
‘na varca c’ ‘a rezza pazzea cu ‘o viento,
‘na chiorma ‘e guaglione sbarèa miezz’â via.
‘Na nenna suspira ‘n'ammore luntano,
p’‘o mare se perde ‘nu filo ‘e vapore.

E sso’ turnato ca, ‘nzinna a lla terra mia
e mme ‘mbriac’ ‘e sole, respir’ addor’ ‘e mare,
cu ll’uocchie d’ ‘e ffigliole parlo senza parole,
m’ ‘abbasta ‘na resella p’ ‘e capì.

‘Na chiesa addurosa, ‘na vecchia ca prega,
pe ll'aria se spanne ‘nu suono ‘e campane,
p’ ‘a chiazza, p’ ‘e viche, ‘na voce ca chiamma,
‘na mmorra ‘e palumme ca vola p’ ‘o viento,
‘na femmena ‘e fora ca guarda 'ncantata,
‘na vranca ‘e curalle, ‘na seccia, ‘nu puorpo...

E sso’ turnato ca...

Giranno p’ ‘e viche cu ‘o core guaglione
‘na lacrima tremma pensanno a ll'ammore,
‘n'ammore luntano, schiuppiato cu 'o sole,
cresciuto cu ‘o mare, vulato cu ‘o viento...
e guardo ‘a fenesta... sta ancora ‘nzerrata
e cchella Marì, chissà... s’ è spusata...

E sso’ turnato ca...

‘Na casa nascosa pe ddint’ ‘e sciardine
ca vottan’ a mmare ll'addore ‘e limune,
‘na chiesa addurosa, ‘na vecchia ca prega...
‘na vranca ‘e curalle...

Malinconia (italiano)
Una casa nascosta dentro ai giardini
che mandano al mare l’odore di limone,
una barca con la rete scherza col vento,
una frotta di ragazzi fantasticano in miezzo alla via,
una fanciulla sospira per un amore lontano,
per il mare si perde il filo di un vapore...

E sono tornato qua, nel grembo della mia terra
e mi ubriaco di sole, respiro odore di mare.
Con gli occhi delle figliole parlo senza parole,
mi basta una risata per capirle.

Una chiesa profumata, una vecchia che prega,
per l’aria si spande un suono di campana,
per la piazza, per i vicoli una voce che chiama,
uno sciame di farfalle che vola col vento,
una donna straniera che guarda incantata,
una branca di corallo, una seppia, un polpo...

E sono tornato qua, nel grembo della terra mia...

Girando per i vicoli col cuore di bambino
una lacrima trema, pensando a l’amore...
Un’amore lontano, scoppiato col sole,
cresciuto col mare, volato col vento.
E guardo la finestra... sta ancora serrata,
è quella di Maria... chissà, si è sposata?...

E sono tornato qua, nel grembo della terra mia...

Una casa nascosta dentro i giardini,
una chiesa profumata, una vecchia che prega,
una branca di corallo, na na na...
 

 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1986 - VENTATA NOVA (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Mar 26, 2019 7:15 pm

1. TITOLO:
 
1986 - VENTATA NOVA
 
# Etichetta: DiscComposer Records# Catalogo: TL 34384 # Data pubblicazione: Anno 1986 # Matrici: TL 34384/A - TL 34384/B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



  • B1 CANZONE ANTICA
  • B2 MUNASTERO 'E SANTA CHIARA
  • B3 'NU QUARTO 'E LUNA
  • B4 ANEMA E CORE
  • B5 E T'AGGI' 'A PERDERE
 
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Button.png?t=n.b

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Button
 
Lato A: 2
MALAFEMMENA

 
      Lato B: 1
CANZONE ANTICA

 
     

Autori: A. De Curtis
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
 
Testo:
Si avisse fatto a n'ato
chello ch'hê fatto a me,
st'ommo t'avesse acciso
e vuò sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a 'sta terra,
femmene comm'a te,
nun ce hann' 'a stá pe n'ommo
onesto comm'a me.

Femmena,
tu sî ‘na malafemmena,
chist'uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme 'e 'nfamitá.
Femmena,
sî tu peggio 'e ‘na vipera,
mm'hê 'ntussecato ll'ánema,
nun pòzzo cchiù campá.
Femmena,
sî doce comme ô zzuccaro,
peró 'sta faccia d'angelo,
te serve pe 'nganná.
Femmena,
tu sî 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio,
nun te pòzzo scurdá.

Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché.
Pecché ll'unico ammore
sî stato tu pe me.
E tu, pe nu capriccio,
tutto hê distrutto oje ne'.
Ma Dio nun t' 'o pperdona
chello ch'hê fatto a me.

Femmena,...

Donna cattiva (italiano)
Se avessi fatti ad un altro
quello che hai fatto a me,
quest'uomo ti avrebbe ucciso
e vuoi sapere perché?
Perché a questo mondo,
donne come te,
non devono esistere per un uomo
onesto come me.

Donna,
tu sei una cattiva donna,
a questi occhi hai fatto piangere,
lacrime di infamia.
Donna,
tu sei peggio di una vipera,
mi hai intossicato l'anima,
non posso più vivere.

Donna,
sei dolce come lo zucchero,
però questo viso d'angelo,
ti serve per ingannare.
Donna,
tu sei la più bella donna,
ti voglio bene e ti odio:
non posso dimenticarti.

Ti voglio ancora bene,
ma tu non sai il perché.
Perché l'unico amore
sei stata tu per me.
E tu, per un capriccio,
tutto hai distrutto, oh bambina.
Ma Dio non te lo perdona
quello che hai fatto a me.
     
Autori: Fausto Cigliano
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
 
Testo:
Canzona antica, nun te voglio sentì.
Si ‘o mare nun è ‘o stesso mare ca tu cante,
tutt’ ‘e pparole ca tu faje s’ ‘e pporta ‘o viento...

Canzona antica, nun te pozzo capì.
Si pure ll’aria nun è cchiù come a ‘na vota,
me viene a dì ca ‘a puorte a fà ‘sta serenata?

Ma, quanno resto sulo, sulo, ‘mmiez’ a ‘na via,
allora sì, che m’arricudo ‘e te.
Tu sola me faje cumpania:
Luna nova, Marechiaro, Catarì, Santa Lucia.

Canzona amica, ecco chello ca sî!
‘Na mano ca te tuzzulea ‘ncopp’ a ‘na spalla,
‘na porta ‘nchiusa che s’arape:
è chesto chella ca sî.

Canzona antica, nun te pozzo capì...

Canzona antica, (italiano)
Canzone antica, non ti voglio sentire.
Se il mare non è lo stesso mare che tu canti,
tutte le parole che dici se le porta il vento...

Canzone antica, non ti posso capire.
Se pure l’aria non è più come una volta,
mi dici perché la porti questa serenata?

Ma, quando resto solo, solo, in mezzo ad una strada,
allora sì, che mi ricodo di te.
Tu sola mi fai compania:
Luna nova, Marechiaro, Catarì, Santa Lucia.

Canzone amica, ecco quello che sei!
Una mano che ti bussa sulla spalla,
una porta chiusa che si apre:
è questo quello che sei.

Canzone antica, non ti posso capire...
 
 
Lato B: 2
MUNASTERO 'E SANTA CHIARA

 
      Lato B: 3
'NU QUARTO 'E LUNA

 
     

Autori: A. Piatti
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
 
Testo:
Dimane?... Ma vurría partì stasera!
Luntano, no... nun ce resisto cchiù!
Dice che c’ è rimasto sulo ‘o mare,
che è ‘o stesso ‘e primma... chillu mare blu!

Munasterio ‘e Santa Chiara...
tengo ‘o core scuro scuro...
Ma pecché, pecché ogne ssera,
penzo a Napule comm’ era,
penzo a Napule comm’ è?!

Funtanella ‘e Capemonte,
chistu core me se schianta,
quanno sento ‘e dí d’ ‘a gente
ca s’ è fatto malamente
‘stu paese... ma pecché?
No... nun è overo...
No! nun ce crédo...
E moro pe ‘sta smania ‘e turnà a Napule...
Ma ch’aggi’ ‘a fà?...
Me fa paura ‘e ce turnà!

Paura?... Sí... Si fosse tutto overo?
Si ‘a gente avesse ditto ‘a verità?
Tutt’ ‘a ricchezza ‘e Napule... era ‘o core!
dice ch’ha perzo... pure chillu llà!

Munasterio ‘e Santa Chiara...
‘Nchiuse dint’â quatto mura,
quanta femmene sincere,
si perdévano ll’ammore,
se spusavano a Gesù!

Funtanella ‘e Capemonte...
mo, si pèrdono n’amante,
già ne tènono ati ciento...
ca, ‘na femmena ‘nnucente,
dice ‘a gente, nun c’è cchiù!

Monastero di Santa Chiara (italiano)
Domani? Ma vorrei partire stasera!
Lontano, no, non resisto più!
Dicono che ci sia rimasto solo il mare,
Che è lo stesso di prima, quel mare blu.

Monastero di Santa Chiara,
Ho il cuore scuro scuro.
Ma perché, perché ogni sera
Penso a Napoli: com'era?
Penso a Napoli: com'è?

Fontanella di Capodimonte,
Il cuore mi si spezza,
Quando sento dire dalla gente
Che si è fatto malvagio
Questo paese, ma perché?

No, non è vero!
No, non ci credo!
E muoio dal desiderio di tornare a Napoli
Ma che devo fare?
Ho paura di tornarci.

Paura?.. Sì... Se tutto fosse vero?
Se la gente avesse detto la verità?
Tutta la ricchezza di Napoli era il cuore.
Dicono che ha perso anche quello.

Monastero di Santa Chiara,
Chiuse dentro quattro mura
Quante donne sincere,
Rinunciavano all'amore,
Si sposavano Gesù.

Fontanella di Capodimonte,
Ora, se perdono un amante,
Subito ne trovano altri cento,
Perché una donna innocente
Dice la gente, non c'è più.
 
     
Autore: Galdieri, Barberis
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
 
Testo:
Cielo, e che nuvole stasera.
Pare ch' 'o munno se ne more,
ma ‘na speranza pe ‘stu core
nun po’ murì.
Nun ce vo’ ‘na luna chiena
pe capì si mme vuò bene,
mm'è abbastato 'o ppoco 'e luna
pe te capì.

Che mm'ha saputo fà ‘stu quarto 'e luna,
che mm'ha saputo fà chi voglio bene.
E mme martella sempe ‘nu penziero:
"Nun è overo ca pienze sulo a me".
Comme so’ triste 'e nnote 'e 'sta canzone
e comm'è amaro 'o bbene 'e chi vo’ bene.
Nun mme guardà, si chiagno, nun guardà!
Che mm'ha saputo fà stu quarto 'e luna.

Chiagno pecché tu mm'hê 'ngannato
e no pecché t'aggio perduto.
Chiagno ca tu mm'hê abbandunato
senza pecché.
Quanta vote, anema mia,
faccio 'a strada ca tu faje,
corro appriesso a 'sta buscia
pe te vedé.

Che mm'ha saputo fà stu quarto 'e luna,...

Un quarto di luna (italiano)
Cielo, e che nuvole stasera.
Sembra che il mondo muoia,
ma una speranza per questo cuore
non può morire.
Non serve una luna piena
per capire se mi vuoi bene,
mi è bastato un po' di luna
per capirti.

Cos'è riuscito a farmi questo quarto di luna,
cos'è riuscito a farmi chi mi vuole vene.
E mi martella sempre questo pensiero:
"Non è vero che pensi solo a me".
Come sono tristi le note di questa canzone
e com'è amaro il bene di chi vuol bene.
Non mi guardare, se piango non mi guardare.
Cos'è riuscito a farmi questo quarto di luna.

Piango perchè tu mi hai ingannato
e non perchè ti ho perso.
Piango perchè tu mi hai abbandonato
senza motivo.
Quante volte, anima mia,
faccio la strada che fai tu,
corro dietro a questa bugia
per vederti.

Cos'è riuscito a farmi questo quarto di luna,...
 
 
Lato A: 4
TE STO ASPETTANNO

 
      Lato B: 4
ANEMA E CORE

 
     

Autori: Dan Caslar, Manlio
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
 
Testo:
Che friddo ‘int’a ‘sti ssere ‘mmiez’â via!
Vierno mme pare ca nun passa maje...
Che brutta cosa ch’è ‘a malincunia,
pe chi vo’ bene e s’annammora ‘e te!

Vita da vita mia, te sto’ aspettanno,
nun vedo ll’ora ca me viene ‘nzuonno...
chi sa si vène ‘o juorno ca t’arriénne...
e ca me cade ‘mbraccia, suspiranno...
P’ ‘o ddoce ‘e ‘stu mumento,
io sto’ campanno,
dimme ca pure tu, mo, staje suffrenno
cu me...
Cu me, ca sto’ perdenno ‘a pace e ‘o suonno,
vita da vita mia, te sto’ aspettanno...

E comm’ è cupo ‘o suono ‘e ‘sta campana
e comm’ è longa ‘a strada ‘e chi vo’ bene...
Si esiste overamente ‘nu destino,
ogge o dimane, cade ‘mbracci’ a mme!

Vita da vita mia...

Te sto aspettando (italiano)
Che freddo che fa in queste sere per strada.
Mi sembra che l'inverno non passi mai.
Che brutta cosa che è la malinconia
per chi vuole bene e si innamora di te.

Vita della vita mia, ti sto aspettando,
non vedo l'ora che mi vieni in sogno.
Chissà se arriva il giorno che ti arrendi
e che mi cadi tra le braccia, sospirando.
Per la dolcezza di questo momento
io sto vivendo,
dimmi che anche tu, ora, stai soffrendo
con me.
Con me, che sto perdendo la pace e il sonno,
vita della vita mia, ti sto aspettando.

E com'è cupo il suono di questa campana.
E com'è lunga la strada di chi vuole bene.
Se esiste veramente un destino,
oggi o domani, cadrai tra le mie braccia.

Vita della vita mia,...
 
     
Autore: Tito Manlio, Salve D'Esposito
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
 
Testo:
Nuje, ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno,
nun ce dicimmo maje: pecché?
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun so’ ‘sti vocche, oje ne’!
Pure te chiammo e nun rispunne
pe fá dispietto a me.

Tenímmoce accussí, anema e core,
nun ce lassammo cchiù, manco pe n’ora,
‘stu desiderio ‘e te me fa paura,
campá cu te,
sulo cu te,
pe nun murí!
Che ce dicimmo a fá parole amare,
si ‘o bbene po’ campá cu ‘nu respiro.
Si smanie pure tu pe cchist’ ammore,
tenímmoce accussí... anema e core!

(italiano)
Noi, che abbiamo perso la pace e il sonno,
non ci diciamo mai: perché?
Bocche che baci non vogliono,
non sono queste bocche, o mia cara!
Anche se ti chiamo, tu non rispondi
per fare dispetto a me.

Teniamoci così: anima e cuore,
Non lasciamoci più, neanche per un’ora,
questo desiderio di te mi fa paura,
vivere con te,
solo con te,
per non morire!
Per quale motivo ci diciamo parole amare,
se il bene può vivere con un respiro.
Se soffri anche tu per questo amore,
teniamoci così....anima e cuore!
Nelle foto i castelli della Valle di Loira.
 
 
Lato B: 5
E T'AGGI' 'A PERDERE

 

Autori: Fausto Cigliano
Arrangiamenti: Stefano Sabatini
Testo:
'O sfizio ‘e 'na resata quanno me guardave tu,
l'addore 'e 'na ’mpepata, ‘st'uocchie chine ‘e ggiuventù,
'na mano ca s’astregne 'n'ata mano pe ccampà,
'nu suonno se ne scenne chianu chiano e ffa sunnà...
me sto attaccanno a tte come a ‘nu chiuovo 'nfacci’ô muro...
cchiù ’ncaso cu ‘o martiello e cchiù dde te nun so’ sicuro.
M'ha ditto 'na zitella fattucchiera: “Lassà stà,
nun è 'o mumento pe ss''a ‘nnammurà!”

E tt' aggi''a perdere, comm'a ‘na fronna secca t'aggi’‘a perdere,
si nun è ddestinato ch’êva spartere ‘sta vita mia cu tte…

Sarrà ca nun ne parlo pe ccunvincermi che è overo...
ma tu comm'a 'nu tarlo trase e gghiesce 'a int' ê penziere.
Mo veco ca te faje bbella pe 'n'ato, staje p'ascì,
'a notte è cchiena ‘e stelle, 'na tempesta po’ venì...
'e tutto 'stu castiello c’aggiu fatto attuorno a tte
me resta ‘nu canciello 'nchiuso a cchiave senza ‘e te,
te staje purtanno pure 'a fantasia che fa campà...
ma proprio 'e te m'avev’‘a 'nnammurà...

E tt' aggi''a perdere …

Ammore senza tiempo, ammore overo, ammore mio,
cient'anne pe ccampà, ‘na scemità pe ddirse addio;
'o munno corre appriesso a ‘na scummesa, ma pecchè...
io, pe scummesa, corro appriesso a tte.

E tt' aggi''a perdere…

E ti devo perdere, di Fausto Cigliano

Lo sfizio di una risata quando mi guardavi tu,
l'odore di una impepata, questi occhi pieni di gioventù,
una mano che stringe un'altra mano per vivere,
un sonno che scende piano piano e fa sognare...
me sto attaccando a te come un chiodo al muro...
più lo picchio col martello e più di te non sono sicuro.
Mi ha detto una zitella fattucchiera: “Lascia stare,
non è il momento per innamorarsi!”

E ti devo perdere, comme ad una foglia secca ti devo perdere,
se non è destinato che dovevo dividere questa vita mia con te…

Sarà che non ne parlo per convincermi ch’è vero...
ma tu come un tarlo entri ed esci dai pensieri.
Ora vedo che ti fai bella per un altro, stai per uscire,
la notte è piena di stelle, una tempesta può venire...
di tutto questo castello che ho fatto intorno a te
mi resta un cancello chiuso a chiave senza di te,
ti stai portando pure la fantasia che fa vivere...
ma proprio di te mi dovevo innamorare...

E ti devo perdere…

Amore senza tempo, amore vero, amore mio,
cent'anni per vivere, una sciocchezza per dirsi addio;
il mondo corre dietro una scommessa, ma perchè...
io, per scommessa, corro dietro di te.

E ti devo perdere …
 
Fonte: QUI
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 



Ultima modifica di mauro piffero il Mar Apr 23, 2019 8:33 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1987 - S.C.C. NAPOLI CAMPIONI D'ITALIA (NAPLES POWER) (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 01, 2019 11:07 pm

1. TITOLO:
 
1986 - S.C.C. NAPOLI CAMPIONI D'ITALIA (NAPLES POWER)
 
# Etichetta: DisComposer Records # Catalogo: # Data pubblicazione: 1987 # Matrici: # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Lato A: MA CH'AGGI' 'A FA' / Lato B: DIEGUITO TANGO / Distribuito da RCA - Roma
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
MA CH'AGGI' 'A FA'

 
      Lato B:
DIEGUITO TANGO

 
 
     

 


Testo:
     
Autori: Fausto Cigliano
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
‘Nu passo alla “derecha”, ‘n'ato all'izquierda va
s'ammocca 'o difensore ca pare ‘nu babà
‘na finta a ttradimento e ‘n'ato fa cadè
po fa ‘nu pallunetto ca pare 'nu bigné!

Dieguitotango, chistu pallone è ‘na ventosa
Dieguito tango, ca manc’ ‘a notte s'arreposa
sott' 'e llenzola te trova 'o tiempo pe ssunnà
ca sta jucanno 'mpriatorio, se scarta pure 'o Pateterno
e 'mparaviso va a ssignà.

Armando la canizza, sbattuto accà e allà
ne fa pasta pe ppizza 'e chi s’ ‘o vo' fumà!
É capa, 'e tacco, 'e ponta palleggia ch’è ‘nu rre
po ‘nfila ‘nu tunnell’ e scappa comm' a cche.

Dieguitotango...

Mo 'nziemm’â ttanta ggente sto gghienno pe vvedé
Dieguito Maradona ch’ è mmeglio di Pelé.
E 'o mette ‘na cianchetta e 'o votta accà e allà
succere Piererotta! Ma semp' all'erta sta.

Dieguitotango, se piglia 'a palla e nnun ‘a molla
Dieguitotango, ato che tango è rrockenrolle.
Sott’ê llenzola te trova 'o tiempo pe ssunnà
ca sta jucanno 'mpriatorio se scarta pure 'o Pateterno
e 'mparaviso va a ssignà!
 
Fonte: QUI
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1991 - NAPULE E SURRIENTO (ALBUM CD)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 03, 2019 5:27 pm

1. TITOLO:
 
1991 - NAPULE E SURRIENTO
 
# Etichetta: REPLAY # Catalogo: 4122 # Data pubblicazione: Anno 1991 # Supporto: 1 CD Audio # N. Tracce 10 # Tipo audio: Stereo # Durata 37'48" # Facciate: 1
 
Note: Distribuito da
 
 
2. COVER:
 
   
 

 

 
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 SERENATA A SURRIENTO
  • A2 CARMELA
  • A3 NAPULE E SURRIENTO
  • A4 'O MARE CANTA
  • A5 NUN LASSA' SURRIENTO


  • B1 MANDULINATA A SURRIENTO
  • B2 LA SORRENTINA (La bella Sorrentina)
  • B3 SURRIENTO D' 'E 'NNAMMURATE
  • B4 PUCUNDRIA
  • B5 TORNA A SURRIENTO
 
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Button.png?t=n.b

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Button
 
Lato A: 1
SERENATA A SURRIENTO

 
      Lato B: 1
MANDULINATA A SURRIENTO

 
     

Autori: A. Califano, Salvatore Giambardella
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Surriento gentile,
suspiro d’ammore,
delizia ‘e ‘stu core,
tu sî ‘nu buchè.
Cu ‘addore ‘e ‘sti sciure,
cu ‘e vase ‘e ‘stu mare,
‘e ccose cchiù care
farrisse scurdà.

Surriento, Surriento,
so’ fatte pe ‘ncantà
‘stu cielo, ‘sti ciardine,
chest’aria, ‘sti mmarine.

Surriento gentile,
parole d’ammore,
‘stu cielo, ‘stu mare,
suspira pe té.
Pe ll’uocchie cianciuse
d’ ‘e nnénne ca tiéne,
gelose, ‘e Sirene,
nun cantano cchiù.

Surriento, Surriento...

Surriento gentile,
ciardino d' 'e ffate,
'a gente 'ncantata
tu faje rummanè!
Chi parte, 'a luntano
te penza scuntento
e sonna 'o mumento
ca torna addu te.

Surriento, Surriento...

Serenata a Sorrento (italiano)
Sorrento gentile,
sospiro d'amore,
delizia del mio cuore,
tu sei un bouquet!
Col profumo di questi fiori,
con i baci di questo mare,
le cose più care
faresti dimenticare!

Sorrento! Sorrento,
sono fatti per incantare:
questo cielo, questi giardini,
quest'aria, queste rive!

Sorrento gentile,
parole d'amore,
questo cielo, questo mare
sospira per te!
Per gli occhi belli
delle ragazze che hai,
gelose, le Sirene
non cantano più.

Sorrento! Sorrento,...

Sorrento gentile,
giardino delle fate,
la gente incantata
tu fai rimanere!
Chi parte, da lontano
ti pensa scontento
e sogna il momento
di tornare da te.

Sorrento! Sorrento,...
     
Autori: E.A. Mario, G. Ciaravolo
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Mandulinata a Surriento...
Mandulinata a chi sposa
sott’ a ‘sta luna d’ argiento,
ca ‘e st’ acqua addirosa,
‘nu specchio vo’ fà...

Va’, core scuntento...
va’ te trovà ‘nu nido a Surriento...
addó t’ addormono ‘sti manduline,
addó ‘e cciardine
danno sciure ‘arancio
p’ ‘a felicità!

Pure ‘sta vita è ‘nu mare
pure ‘stu mare è ll’ammore:
Ll’onne so’ cupe e so’ chiare,
ma ‘e ppene d’ ‘o core
se pònno scurdà...

Va’ core scuntento...
................................
E nonna nonna, Surriento!
Doce è ‘sta mandulinata.
Sott’ a ‘sta luna d’ argiento,
‘na coppia scetata,
nun ha dda restà!

Va’ core scuntento...

Mandolinata a Sorrrento (italiano)
Mandolinata a Sorrrento.
Mandolinata a chi si sposa
sotto a questa l’una d’argento,
che, di quest’acqua profumata,
vuole farne uno specchio.

Vai, cuore scontento,
vai a trovarti un nido a Sorrento
dove ti addormentano questi mandolini,
dove i giardini
danno fiori d’arancio
e felicità.

Anche questa vita è un mare,
anche l’amore è un mare.
Le onde sono scure o sono chiare
ma le pene del cuore
si possono dimenticare.

Vai, cuore scontento,...

E ninna nanna, Sorrento.
Dolce è questa mandolinata.
Sotto a questa luna d’argento,
una coppia sveglia
non deve restare.

Vai, cuore scontento,...
 
 
Lato B: 2
CARMELA

 
      Lato B: 2
LA SORRENTINA (La bella Sorrentina)

 
     

Autori: Giambattista De Curtis
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Fore mura ce sta ‘na picciotta,
‘mmiez’ ê spine s’ha fatto ‘na casa,
‘ncopp’ ê ffronne s’addorme la notte
e ‘na rosa cchiù bella nun c’è.

Duorme, Carmè,
‘o cchiù bello d’ ‘a vita è ‘o ddurmí.
Sonnate a mme,
‘mparaviso cu tico vogl’í.

Ogne sera ca torna â campagna,
va cantanno ‘na bella canzone.
Essa dice ca ‘o core se lagna.
‘Stu dulore ‘o capisco sul’i’.

Canta, Carmè,
tantu bella è ‘sta voce a sentí.
Canta pe me,
ca tu ‘ncielo mme faje saglí.

‘Nu vasciello venette ‘a luntano,
e purtaje a Surriento ‘na Fata,
‘ncopp’ ô scoglio addó sta’ tramuntanno,
‘mparaviso ‘stu sito nun c’è.

Viene, Carmè,
t’arricuorde? ‘Sta fata tu sî.
Torna cu mme,
‘ncopp’ ô scoglio vulimmo murí.

Carmela (italiano)
Fuori dalle mura c’è una ragazza,
in mezzo alle spine si è costruita una casa,
sulle foglie si addormenta la notte
e un rosa più bella non c’è.

Dormi, Carmela,
la cosa più bella della vita è dormire.
Sognami,
in paradiso con te voglio andare.

Ogni sera che torna dalla campagna,
canta una bella canzone.
Lei dice che il cuore piange.
Questo dolore lo capisco solo io.

Canta, Carmela,
tanto bella è questa voce da sentire.
Canta per me,
che tu in cielo mi fai salire.

Un vascello venne da lontano,
e portò a Sorrento una fata,
sullo scoglio dove sta tramontando,
in paradiso questo posto non c’è.

Vieni, Carmela,
ti ricordi? Questa fata sei tu.
Torna con me,
sullo scoglio vogliamo morire.
 
     
Autore: I. Ricciardi Capocelatro, T. Cottrau
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Lla vedette a Piederotta,
tutta ‘a festa era apparata
pe guardà lla truppa ‘nfrotta,
da lla mamma accumpagnata.
‘Na giacchetta aggallonata,
‘na pettiglia arricamata,
‘na gonnella cremmesina
e duje uocchie da ‘ncantà.
È lla “Bella Sorrentina” -
la sentette annommenà.

Da chell'ora n'aggio pace,
stongo sempe a sosperare;
cchiù lla rezza non me piace,
cchiù no ‘ntenno lo ppescare.
Co la misera varchetta
a Sorriento ‘nfretta ‘nfretta,
ogne sera, ogne matina,
vaco lacreme a ghiettà...
E lla sgrata Sorrentina
non ha maje de me piatà.

Me spaventa lla tempesta,
me fa friddo lla bonaccia,
chisto core è sulo ‘nfesta
quanno vede chella faccia.
L'auto juorno, io sventurato,
ca llo mare era ‘ngrossato,
‘mmiezo all'acque de Resina
quase stea pe m'annejà...
E lla ‘ngrata Sorrentina
non ha maje de me piatà.

Se non cura chesti ppene,
quanto cara, tanto bella,
voto strada, e do lo bbene
a quacc'auta nennella.
Ma ched’è?... vi’, che sventura!
Lampa e ll’aria se fa scura.
Aggio spersa lla banchina...
Lla varchetta è p'affonnà...
Pe te, sgrata Sorrentina,
io me vaco ad affugà!

 
 
Lato A: 3
NAPULE E SURRIENTO

 
      Lato B: 3
SURRIENTO D' 'E 'NNAMMURATE

 
     

Autori: Ernesto Murolo, Ernesto Tagliaferri
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Surriento. 'A luna chiara
e ciento varche cu 'na stella a pprora.
Che pace! E che friscura
for'a 'sta loggia a mare, 'int'a 'sti ssere!
Tengo vint'anne ancora,
bella, vicino a te!

Dorme Surriento
'mmiez'addore d' 'e ciardine.
Che sentimento
'sti cchitarre e manduline!
Rimpetto, Napule,
sì e no, se tocca
vocca cu vocca...
Te voglio, Marì!

Te voglio! E senza voce
me sbatte 'o core e pare ca te dice:
"È 'o mare! È 'st'aria doce!
È 'ammore! È 'ammore ca mme fa felice!
Giuro cu 'e bbracce 'n croce
Ca nun te lasso cchiù!"

Dorme Surriento...

Oje luna, oje bella luna
ch'a Napule tramunte chianu chiano,
fermate a Margellina
e di' a chi penza a me ca sto’ luntano:
"Surriento è 'na catena
Ca nun se po’ spezzà!"

Dorme Surriento...

Sorrento. La luna chiara
e cento barche con una stella a prua.
Che pace! E che frescura
fuori dal balcone al mare, in queste sere!
Ho vent'anni ancora,
bella, vicino a te!

Dorme Sorrento
tra i profumi dei giardini.
Che sentimento
questi chitarre e mandolini!
Di fronte, Napoli,
sì e no, si tocca
bocca con bocca...
Ti voglio, Maria!

Ti voglio! E senza voce
mi sbatte il cuore e sembra che mi dice:
"È il mare! È quest'aria dolce!
È l'amore! È l'amore che mi fa felice!
Giuro con le braccia in croce
che non ti lascio più!"

Dorme Sorrento...

Oh luna, oh bella luna
che a Napoli tramonti piano piano,
fermati a Mergellina
e di' a chi mi pensa che sono lontano:
"Sorrento è una catena
che non si può spezzare!"

Dorme Sorrento...
 
     
Autore: Enzo Bonagura, Lino Benedetto
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Loggia ‘e Surriento...
tu, ‘nnanz’ ô specchio ‘e ‘stu mare,
‘na gran signora
ca se ‘ntulètta mme pare.
Aria ‘e Surriento,
saglie d’ ê vville addurose!
Ca vònno, ‘e sspose,
‘e sciure arancio addurá...

Surriento, Surriento, Surriento
d’ ‘e ‘nnammurate...
Te saccio p’ ‘e bbracce abbracciate
cu ‘a felicitá...
Te sanno ‘e nnuttate d’argiento
cu ‘e sserenate,
Surriento d’ ‘e vvócche vasate,
d’ ‘e mmane astrignute,
pe ll’eternitá...

Cielo ‘e Surriento,
purtaje, pe te, chesta seta,
‘nu brigantino,
ca jéva ‘a ll’India a Gaeta...
Mare ‘e Surriento,
addó truvaje ‘stu culore,
chillu pittore
ca te venette a pittá?...

Surriento, Surriento, Surriento...

Sorrento degli innamorati (italiano)
Loggia di Sorrento…
Tu, davanti allo specchio di questo mare,
una gran signora
che si trucca, mi sembri.
Aria di Sorrento,
sali dalle ville profumate!
Perché le spose, vogliono
odorare i fiori d’arancio…

Sorrento, Sorrento, Sorrento
degli innamorati…
Ti conosco per le braccia abbracciate
con la felicità…
Ti conoscono le notti d’argento
delle serenate,
Sorrento delle bocche baciate,
delle mani strette,
per l’eternità…

Cielo di Sorrento,
portò, per te, questa seta,
un brigantino,
che andava dall’ India a Gaeta…
Mare di Sorrento,
dove trovò questo colore,
quel pittore
che venne a dipingerti?…

Sorrento, Sorrento, Sorrento...
 

 
Lato B: 4
'O MARE CANTA

 
      Lato B: 4
PUCUNDRIA

 
     

Autori: Libero Bovi, Gaetano Lama
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Siente che musica doce
fanno chest'onne addurose.
Siente che voce, che voce
ca tènono 'e ccose
stanotte, Marì.

E' 'o mare che canta,
‘stu mare lucente.
E 'a canzona se chiamma "Surriento".
E 'sta Luna, ch' 'a sente,
s' 'a 'mpara 'e cantà.

Ll'albere 'e chisti ciardine,
so' tutte arance e limone,
quanno tu, 'a sera, cammine,
te 'ncante, te stuone,
nun saje che vuò fà.

E' 'o mare che canta,...

Passa stanotte ll'Ammore
'ncopp' â marina 'e Surriento.
Tutto è silenzio e chiarore,
nemmeno cchiù 'o viento
se sente 'e sciatà.

E' 'o mare che canta,...

Il mare canta (italiano)
Senti che musica dolce
fanno queste onde profumate.
Senti che voci, che voci
che hanno le cose
stanotte, Maria.

È il mare che canta,
questo mare splendente.
E la canzone si chiama "Sorrento".
E la Luna, che la sente,
impara a cantarla.

Gli alberi di questi giardini,
sono tutti aranci e limoni,
quando tu, la sera, cammini,
ti incanti, ti confondi,
non sai cosa vuoi fare.

È il mare che canta,...

Passa stanotte l'amore
sulla marina di Sorrento.
Tutto è silenzio e chiarore,
nemmeno più il vento
si sente fiatare.

È il mare che canta,..
 
     
Autore: G. Liuccio, F. Cigliano
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
‘Na casa annascosa pe dint’ ê ciardine
ca vottano a mare ll’addore ‘e limune,
‘na varca c’ ‘a rezza pazzea c’ ‘o viento,
‘na chiorma ‘e guagliune sbarea ‘mmiez’ â via,
‘na nenna suspira n’ammore luntano,
p’ ‘o mare se sperde ‘nu filo ‘e vapore...

E so’ turnato ccà, ‘nzino a lla terra mia
e me ‘mbriaco ‘e sole, respiro addore ‘e mare.
Cu ll’uocchie d’ ê ffigliole parlo senza parole,
m’abbasta ‘na resella p’ ‘e ccapì.

‘Na chiesa addurosa, ‘na vecchia ca prega,
pe ll’aria se spanne ‘nu suono ‘e campana,
p’ ‘a chiazza, p’ ‘e viche ‘na voce ca chiamma,
‘na mmorra ‘e palumme ca vola p’ ‘o viento,
‘na femmena ‘e fora ca guarda ‘ncantata,
‘na vranca ‘e curalle, ‘na seccia, ‘nu purpo...

E so’ turnato ccà ‘nzino a lla terra mia...

Giranno p’ ‘e viche c’ ‘o core ‘e guaglione
‘na lacrema tremma, penzanno a ll’ammore...
N’ammore luntano, schiuppato c’ ‘o sole,
cresciuto c’ ‘o mare, vulato c’ ‘o viento.
E guardo ‘a fenesta... sta ancora ‘nzerrata,
è chella ‘e Maria... chisà, si è spusata?...

E so’ turnato ccà ‘nzino a lla terra mia...

‘Na casa annascosa pe dint’ ê ciardine
ca vottano a mare ll’addore ‘e limune,
‘na chiesa addurosa, ‘na vecchia ca prega,
‘na vranca ‘e curalle, na na na...


Malinconia (italiano)
Una casa nascosta dentro ai giardini
che mandano al mare l’odore di limone,
una barca con la rete scherza col vento,
una frotta di ragazzi fantasticano in miezzo alla via,
una fanciulla sospira per un amore lontano,
per il mare si perde il filo di un vapore...

E sono tornato qua, nel grembo della mia terra
e mi ubriaco di sole, respiro odore di mare.
Con gli occhi delle figliole parlo senza parole,
mi basta una risata per capirle.

Una chiesa profumata, una vecchia che prega,
per l’aria si spande un suono di campana,
per la piazza, per i vicoli una voce che chiama,
uno sciame di farfalle che vola col vento,
una donna straniera che guarda incantata,
una branca di corallo, una seppia, un polpo...

E sono tornato qua, nel grembo della terra mia...

Girando per i vicoli col cuore di bambino
una lacrima trema, pensando a l’amore...
Un’amore lontano, scoppiato col sole,
cresciuto col mare, volato col vento.
E guardo la finestra... sta ancora serrata,
è quella di Maria... chissà, si è sposata?...

E sono tornato qua, nel grembo della terra mia...

Una casa nascosta dentro i giardini
che mandano al mare l’odore di limone,
una chiesa profumata, una vecchia che prega,
una branca di corallo, na na na...
 
 
Lato A: 5
NUN LASSA' SURRIENTO

 
      Lato B: 5
TORNA A SURRIENTO

 
     

Autori: R. Fiore, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Chi sa, chella 'nnammurata
'e "Torna a Surriento"
si po è turnata,
si po è turnata.
Chi sa?
Chi sa, tu ca vaje luntana,
si 'e me te scuorde,
si tuorne ancora,
si tuorne ancora.
Chi sa?

Nun lassà Surriento
si vuò bene a me.
Nun spezzà ll'incanto
d' 'e nnotte 'argiento
'ncantate 'a te.
Nun lassá Surriento,
core mio, pecché…
pecché io moro ogne mumento
si pe n'ora perdo a te.
No, nun darme ‘stu turmiento,
resta sempe 'nziem'a me.
A Surriento te voglio vedé
tutt'a vita abbracciata cu me.

Surriento,
suonno d’ ‘e suonne
perla d’ ‘o munno,
terra affatata;
terra affatata sî tu.
Dincello,
cu st’aria doce,
ca si ce lassa
nun è felice,
nun è felice maje cchiù...

Nun lassà Surriento...

Non lasciare Sorrento (italiano)
Chissà, quella fidanzata
di "Torna a Surriento"
se poi è tornata,
se poi è tornata.
Chissà?
Chissà, tu che vai lontana,
se di me ti dimentichi,
se torni ancora,
se torni ancora.
Chissà?

Non lasciare Sorrento
se vuoi bene a me.
Non spezzare l'incanto
delle notti d'argento
incantate da te.
Non lasciare Sorrento,
cuore mio, perchè…
perchè io muoio ogni momento
se per un'ora perdo te.
No, non darmi questo tormento,
resta per sempre insieme a me.
A Sorrento ti voglio vedere
tutta la vita abbracciata con me.

Sorrento,
sognio dei sogni,
perla del mondo,
terra fatata;
terra fatata sei tu.
Dillo,
con quest’aria dolce,
che se ci lascia
non è felice,
non è felice mai più...

Non lasciare Sorrento
...
 
     
Autore: Giambattista & Ernesto De Curtis
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Vide ‘o mare quant’è bello,
spira tanto sentimento.
Comme tu, a chi tiene mente,
ca, scetato, ‘o faje sunnà.
Guarda, gua’, chisti ciardine,
siente, sie’, ‘sti sciure ‘arancio,
‘nu prufumo accussì fino
dint’ ô core se ne va.

E tu dice: "parto, addio".
T’alluntane da ‘stu core.
Da ‘sta terra de ll’ammore,
tiene ‘o core ‘e nun turnà?
Ma nun mme lassà,
nun darme ‘stu turmiento!
Torna a Surriento,
famme campà!

Vide ‘o mare de Surriento,
che tesore tene ‘nfunno.
Chi ha girato tutt’ ‘o munno,
nun ll’ha visto comm’ a ccà.
Guarda, attuorno, ‘sti Ssirene
ca te guardano ‘ncantate
e te vònno tantu bene,
te vulessero vasà.

E tu dice: "parto, addio".


Torna a Sorrento (italiano)
Guarda il mare come è bello,
ispira tanta passione.
Come te, chi guardi,
sveglio, lo fai sognare.
Guarda, guarda questi giardini,
senti, senti, questi fiori d’arancio,
un profumo così raffinato
nel cuore se ne va.

E tu dici: "parto, addio".
Ti allontani da questo cuore.
Dalla terra dell’ amore,
hai il coraggio di non tornare?
Ma non lasciarmi,
non darmi questo tormento.
Torna a Sorrento,
fammi vivere.

Guarda il mare di Sorrento,
che tesori ha sul fondo.
Chi ha girato tutto il mondo
non l’ ha visto come qua.
Guarda, intorno, queste Sirene
che ti guardano incantate
e ti vogliono tanto bene,
ti vorrebbero baciare.

E tu dici: "parto, addio".
 

 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 



Ultima modifica di mauro piffero il Mar Apr 23, 2019 8:19 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO & MARIO GANGI: 1991 - CANZONI NAPOLETANE (Album C.D.)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 08, 2019 5:18 pm

1. TITOLO:
 
1991 - CANZONI NAPOLETANE
 
# Etichetta: Telecom Italia S.p.A. # Catalogo: XXXXX # Data pubblicazione: Anno 1991 # Supporto: 1 CD Audio # N. Tracce 20 # Tipo audio: Stereo # Durata 61'40" # Facciate: 1
 
Note: Data matrici 17 Marzo / Distribuito da Telecom Italia S.p.A. a scopo promozionale, fuori commercio sotto qualsiasi forma e qualsiasi modo.
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A01 'STO CORE MIO
  • A02 AMICE NUN CREDITE ALLE ZITELLE
  • A03 PAGLIACCIO
  • A04 SO' LE ERBE E LE NUVOLE AMARE
  • A05 CANZONE MARENARA
  • A06 TE VOGLIO BBANE ASSAJE
  • A07 LA ROSA
  • A08 L'UOCCHIE DE NENNA MIA
  • A09 LO MARENARO
  • A10 SONATINA PER CHITARRA SOLA


  • B01 SONATINA PER CHITARRA SOLA
  • B02 ALLA FIERA DI MAST'ANDREA
  • B03 LA TARANTELLA
  • B04 NAPULE CA SE NE VA!
  • B05 PECCHE'
  • B06 'MIEZ' 'O GRANO
  • B07 'A VUCCHELLA
  • B08 'E SPINGULE FRANGESE
  • B09 QUI FU NAPOLI
  • B10 GUAPPARIA
 
Lato A: 1
'STO CORE MIO

 
      Lato B: 1
SONATINA PER CHITARRA SOLA

 
     

Autori: Orlando di Lasso
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘Sto core mio si fosse di diamante,
sarrìa spezzato da tanto dolore
quanto ne provo e sento a tutte ll’ore.
     
Autori: Domenico Cimarosa
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
 
Lato B: 2
AMICE NUN CREDITE ALLE ZITELLE

 
      Lato B: 2
ALLA FIERA DI MAST'ANDREA

 
     

Autori: Francesco Cerlone, Giovanni Paisiello
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Amice, nun credite a le zitelle,
quanno ve fanno squase e li verrizze,
ca songo tutte cquante trottatelle
e pe ve scortecà fanno fenizze.

Co lo bello bello pallò,
co lo ‘ndà e ‘ndandera ‘ndà;
la falanca, si nn’è sedunta,
nun cammina, carcioffolà!

Cheste nun vanno ascianno parolelle,
né grazia, né bertude, né bellizze;
ma vanno ascianno de levà la pelle
quanno ve fanno ‘a pompa li carizze.

Co lo bello bello pallò,
co lo ‘ndà e ‘ndandera ‘ndà;
la campana senza battaglio
comme diavolo vo’ sonà!

Amici, non credete alle zitelle (italiano)
Amici, non credete alle zitelle
quando vi fanno sospiri e capricci,
perché sono tutte esperte
e, per aggirarvi, vi fanno gentilezze.

Con la bella bugia,
con lo ‘ndà e ‘ndandera ‘ndà;
la falanga se non l’hai unta,
non cammina, carcioffolà!

Queste non cercano paroline,
né grazia, né virtù, né bellezze;
ma vi vogliono levare la pelle
quando vi fanno tante carezze.

Con la bella bugia,
con lo ‘ndà e ‘ndandera ‘ndà;
la campana senza batacchio
come diavolo vuoi che suoni!

 
     
Autori: Anonimo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
A lla fiera de Mast’Andrea
M’accattaje ‘no campaniello.
 
 
Lato A: 3
PAGLIACCIO

 
      Lato B: 3
LA TARANTELLA

 
     

Autori: Anonimo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Priesto, oje ninne, priesto ccà;
tu, mo, scinne, tu, sta llà.
Guagliò, che tiene ca zumpe? Tu, chiano, accussì...
Zomba, ccà vene, lo sole già sta pe trasì!
Ogne ghiuorno vene e va;
sempe attuorno de ccà e llà.

Li tammure, priesto a me;
Zomba, curre, brè, brè, brè!
Priesto, guagliune, sî sorda, tu, Nenna pecchè!
‘Ncoppa a la fune,
zumbate, mo, tutte cu mme.
Ogne ghiuorno vene e va;
sempe attuorno de ccà e llà.

Pagliaccio (italiano)
Presto, oh, ragazzi, presto qua;
tu, ora, scendi, tu, stai là!
Ragazzo, che hai che salti? Tu, piano, così...
Zomba, vieni qua, il sole già sta per sorgere!
Ogni giorno viene e va;
sempre intorno, di qua e di là.

I tamburi, presto a me;
Zomba, corri, subito, subito, subito!
Presto, ragazzi, sei sorda, tu, ragazza, perchè!
Sulla fune,
saltate, ora, tutti con me!
Ogni giorno viene e va;
sempre intorno, di qua e di là.
 
     
Autore: Achille De Laurenzier, Francesco Florimo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Jammo a vedere ‘nterra a ll’arena
mentre ca spanfia la luna chiena!
È notte, e pare fosse matina,
li piscature de Margellina,
ca te cumbinano ‘na friccicarella,
la tarantella, la tarantella...

E tiritùppete - ttùppete - ttùppete
ttùppete - ttùppete - ttùppete - ttù...

N’ommo e ‘na femmena ‘mmiezo se fanno,
a fà rociello, la gente stanno...
ma co malizia, lo pescatore,
mentre ch’abballa sa’ fà ll’ammore.
Non è sortanto pazziarella,
la tarantella, la tarantella...

Isso la ‘nvita, chell’è scornosa,
po fa la spruceta, po n’è gelosa
e po nc’è ll’appicceco, ‘nguerra se stace,
po s’addonecchiano e po fanno pace.
Tutto specifica, polita e bella,
la tarantella, la tarantella...

Ah, vurria essere ‘nu marenaro
e chillo spasso, ch’è tanto caro,
‘mmiezo a ‘sta chiaja, ch’è ‘nu piacere,
nce pigliarriamo tutte le ssere.
E po vedarrisse si nun è bella,
la tarantella, la tarantella...

La tarantella (italiano)
Andiamo a vedere alla spiaggia,
mentre splende la luna piena,
che è notte e sembra sia mattina,
i pescatori di Mergellina,
che ti preparano, frizzante,
la tarantella, la tarantella.

E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
ttùppete – ttùppete – ttùppete – ttù.

Un uomo e una donna vengono in mezzo,
la gente rimane a fare il cerchio,
ma, con malizia, il pescatore,
mentre si balla sa fare l’amore.
Non è soltanto giocosa,
la tarantella, la tarantella.

Lui la invita, lei è scontrosa,
poi fa l’imbronciata, poi è gelosa,
poi c’è il litigio, in guerra si sta,
poi si inginocchiano, poi fanno pace.
Tutta precisa, pulita e bella,
la tarantella, la tarantella.

Ah, vorrei essere un marinaio
e quel divertimento, che è tanto caro,
in mezzo alla Chiaja, che è un piacere,
ci prenderemmo tutte le sere.
Poi vedresti se non è bella,
la tarantella, la tarantella.
 

 
Lato B: 4
SO' LE ERBE E LE NUVOLE AMARE

 
      Lato B: 4
NAPULE CA SE NE VA!

 
     

Autori: Vinci, Piscopo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
So’ le sorbe e le nespole amare, di Aniello Piscopo, Leonardo Vinci, 1719
So’ le sorbe e le nespole amare
ma lo tiempo le fa maturare
e chi aspetta se ll’adda magnà.

Accussì so’ le femmene toste
che s’arraggiano quanno le accuoste,
tiempo e purchie le fanno ammullà.

Le sorbe e le nespole sono amare (italiano)
Le sorbe e le nespole sono amare,
ma il tempo le fa maturare
e chi aspetta puo’ mangiarsele.

Così sono le donne ostinate,
che s’arrabbiano quando le avvicini,
il tempo e i soldi le ammorbidiscono.
 
     
Autore: Ernesto Murolo, Ernesto Tagliaferro
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
E so’ sbarcate ‘nterra Marechiaro
tre cumitive ‘e vascio â Sanitá:
So’ doje coppie ‘e ‘nnammurate,
doje maeste ‘ngannaccate
cu ‘e marite e ‘nu cumpare
viecchio "capo ‘e suggitá"
E che tavula speciale:
‘nterra ‘o cato cu ‘a frutta e ‘o vino,
‘nu mellone dint’ â cantina,
‘o cumpare dint’ â cucina
ca "discute" cu ‘a "principale".
E ‘a luna guarda e dice:
"Si fosse ancora overo!
Chist’ è ‘o popolo ‘e ‘na vota:
gente semplice e felice...
chist’ è Napule sincero
ca pur’isso se ne va..."

Divotamente mo se fanno ‘a croce,
comm’ è ll’usanza, primma ‘e accumminciá...
‘O cumpare ch’è ‘struito,
fa ‘nu brínnese "in pulito"...
Lle risponne, a una voce,
tutt’ ‘a tavula: "Addò va!"
‘A sié Rosa ca se cunzòla
pe sti "suone" ca so’ venute...
pe ‘sta voce ca è "fina e bella",
p’ ‘a canzone ca ’è "Palummella"...
...Palummella ca zómpa e vola...
E ‘a luna guarda e dice...

‘E tre famiglie tornano vucanno,
‘nu poco fatte a vino tutt’e tre...
‘A varchetta ‘e ccunnuléa,
‘na maesta scapuzzéa...
‘O cumpare parla ‘e quanno...
quanno ‘o guappo era ‘nu rre...
‘E ffigliole, pe sottaviento,
mo se fanno ‘na zuppetella
cu ‘e taralle ‘int’a ll’acqua ‘e mare...
Ll’acqua smòppeta, fragne e pare
ca ‘e mmanelle so’ tutte ‘argiento...
E ‘a luna guarda e dice...

Napoli che se ne va (italiano)
E sono sbarcate a Marechiaro
tre comitive dalla Sanità.
Sono due coppie di fidanzati,
due popolane ingioiellate,
con i mariti ed un compare
vecchio "capo di società".
E che tavola speciale,
a terra il cesto con la frutta ed il vino,
un melone nella cantina,
il compare in cucina
che discute con il principale.
E la luna guarda e dice:
"Se fosse ancora vero.
Questo è il popolo di un tempo:
gente semplice e felice.
Questa è Napoli sincera
che anch’essa se ne va".

Devotamente ora si fanno la croce,
secondo l’usanza, prima di cominciare.
Il compare, che è istruito,
fa un brindisi "in pulito"(1).
Gli risponde, a una voce,
tutta la tavola: "Alla salute!".
La signora Rosa si rallegra
per questi musicisti che sono venuti,
per questa voce che è sottile e bella,
per la canzone che è Palummella,
Palummella che salta e vola.
E la luna guarda e dice...

Le tre famiglie ritornano remando,
un po’ ubriache tutte e tre.
La barchetta li culla,
una signora dormicchia.
Il compare parla di quando...
di quando il guappo(2) era un re.
Le ragazze, sottovento,
ora si fanno una zuppetta
con i taralli nell’acqua di mare.
L’acqua smossa, s’infrange e sembra
che le manine siano tutte d’argento.
E la luna guarda e dice...
 
 
Lato A: 5
CANZONE MARENARA

 
      Lato B: 5
PECCHE'

 
     

Autori: Giacomo Donizzetti
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Me voglio fa ‘na casa mmiez’ ô mare
fravecata de penne de pavune.
Trarallallalla, llallalla lla llà!

D’ oro e d’ argiento li scaline fare
e de prete preziose li barcune.
Trarallallalla, llallalla lla llà!

Quanno nennella mia se va affacciare
ognuno dice, ognuno dice:
«Mo sponta lo sole!»
Trarallallalla, llallalla lla llà!

Mi voglio fare una casa (Canzone marenara) (italiano)
Mi voglio fare una casa in mezzo al mare,
costruita da piume di pavone.
Trarallallalla, llallalla lla llà!

D’ oro e d’ argento le scaline fare
e di pietre preziose i balconi.
Trállalallá, ...

Quando la bimba mia si va ad affacciare,
ognuno dice, ognuno dice:
"Ora spunta il sole".
Trállalallá, ...
 
     
Autore: Enrico Pennino, Claudio De Flaviis
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Canta ll’auciello dint’ â casa antica
addó primma cantave pure tu...
E sento pure ‘a voce ‘e n’ata amica
ca mme cunziglia ‘e nun te vedè cchiù!...
Carmè,
si aggiu lassato ‘a mamma mia pe te,
si t’hê pigliato ‘a primma giuventù...
pecché nun tuorne a me!?

Mme pare ca è cagnata ‘sta fenesta
‘a dó vuttaste ‘o primmo sciore a me.
E n’ata rosa, ‘a dint’a n’ata testa,
mo mme cunziglia ‘e nun penzá cchiù a te...
Carmè...

E passa ‘a notte, passa ‘o juorno e ‘a sera...
ma ‘stu turmiento mio nun vo’ passá...
Passa pure ‘sta luna ca è sincera
si mme cunziglia sempe ‘e te scurdá...
Carmè...

Perché?... (italiano)
Canta l'uccello nella casa antica
dove prima cantavi anche tu.
E sento anche la voce di un'altra amica
che mi consiglia di non pensarti più!
Carmela,
se ho lasciato mamma mia per te,
se ti sei presa la prima giovinezza,
perché non torni da me?

Mi sembra che sia cambiata questa finestra
da dove buttasti il primo fiore a me.
Ed un'altra rosa, in un altro vaso,
adesso mi consiglia di non pensare più a te!
Carmela,...

E passa la notte, passa il giorno e la sera,
ma questo tormento mio non vuole passare.
Passa anche questa luna che è sincera
se mi consiglia sempre di dimenticarti!
Carmela,...
 
 
Lato A: 6
TE VOGLIO BBANE ASSAJE

 
      Lato B: 6
'MIEZ' 'O GRANO

 
     

Autori: Saverio Mercadante
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Pecché quanno me vide
te ‘ngrife comm’ â gatto?
Nennè che t’aggio fatto
ca nun mme può vedé?
Io t’ ‘aggio amato tanto,
si io t’amo tu lo saje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Recordate lo juorno

ca stive a me vecino,
e te cadeano/ scorréano, ‘nzino,
‘e llacreme, accossì.
Deciste a me: "Nun chiagnere,
ca tu d’ ‘o mio sarraje".

Quanno so’ fatto cennere,

tanno me chiamarraje,
tanno addimannarraje:
"Nennillo mio addó sta?"
La fossa mia tu arape
e llà me truvarraje.

Ti voglio tanto bene (italiano)
Perché quando mi vedi,
ti innervosisci come un gatto?
Bimba che ti ho fatto,
che non mi puoi più vedere?
Io ti ho amato tanto,
se ti amo tu lo sai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Ricordati il giorno

che mi stavi vicino,
e ti scorrevano in grembo
le lacrime, così.
Mi dicesti: "Non piangere,
che tu sarai mio".

Quando sarò diventato cenere,

allora mi piangerai
allora domanderai:
"Il mio amore dov’è?!
Aprirai la mia fossa
e là mi troverai.
     
Autori: Edoardo Nicolardi, Evemero Nardella
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
E ‘a sera, sott’ ô pásteno
d’ ‘e mméle annurche, passa
‘stu core sempe gióvane
ca ride e c’arrepassa...
E ‘a luna, zenniánnose,
‘nu ramo e n’atu ramo,
‘nterra, cu ‘e file d’èvera,
ricama ‘nu ricamo...

Oje Stella, Sté... c’aspiette ‘nu signale,
‘o ggrano ammaturato è culor d’oro.
E ‘sti capille tuoje so’ tale e quale
e ‘o ssaje ca mme ne moro,
si, ‘mmiez’ ô ggrano, nun t’ ‘e ffaje vasá!...

E tu nun duorme: è inutile,
‘stu core mio te sente
quanno, pe sott’ a ll’albere,
passe annascostamente.
E ghiésce fore, pallida,
bella comm’ a nisciuna.
E ‘a luna, zenniánnose,
cufféa...’sta ‘mpésa ‘e luna!

Oje Stella, Sté...ch’aspiette nu signale,..

In mezzo al grano (italiano)
E la sera, sotto la piantagione
di mele annurca, passa
questo cuore sempre giovane
che ride e che inganna.
E la luna, ammiccando
tra un ramo e un altro ramo,
per terra, con i fili d’erba,
ricama un ricamo.

Oh, Stella, Stella, che aspetti un segnale,
il grano maturo è di colore d’oro.
E questi tuoi capelli sono tale e quale.
E lo sai che io muoio,
se, in mezzo al grano, non te li fai baciare.

E tu non dormi. È inutile,
questo mio cuore ti sente
quando, sotto gli alberi,
passi di nascosto.
Ed esci fuori pallida,
bella come nessuna.
E la luna, facendoci l’occhiolino,
ci sbeffeggia… questa luna birichina.

Oh, Stella, Stella, che aspetti un segnale,...
 
 
Lato B: 7
LA ROSA

 
      Lato B: 7
'A VUCCHELLA

 
     

Autori: Saverio Mercadante, M. D'Arienzo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Nennì, nennì, vattenne!
Non stà cchiù a sospirà!
‘Sta rosa ca pretienne
manco la può guardà!
Cercame tu ‘no squaso,
lo squaso te lo do, nennì,
porzì porzì ‘no vaso,
ma chesta rosa, no! Nennì.
Vattenne, vattenne,
non stà chiù a sospirà,
nennì, nennì.
No! Non stà chiù a sospirà

Te pare ‘no portiento
che accossì fresca sta?
Ma è stato ca lu viento,
manco addorata ll’ha.
Cresciuta essa è p’ ‘ammore,
e ‘ammore la po’ ddà, nennì.
Quanno te do lo core
sta rosa toja sarà, nennì.
Vattenne, vattenne,
non stà chiù a sospirà,
nennì, nennì.
No! Non stà chiù a sospirà!

La rosa (italiano)
Ragazzo, ragazzo, vattene!
Non stare più a sospirare!
Questa rosa che pretendi
non la puoi neanche guardare.
Chiedimi tu una carezza,
una carezza te la do,
ragazzo, persino un bacio,
ma questa rosa, no! Ragazzo.

Vattene, vattene,
non stare più a sospirare,
ragazzo, ragazzo!
No! Non stare più a sospirare!

Ti sembra un portento
che così fresca sta?
Ma è stato che il vento,
nemmeno l’ha annusata.
Lei è cresciuta per l’amore
e amore può dare, ragazzo.
Quando ti do il cuore
questa rosa tua sarà, ragazzo.
Vattene, vattene,
non stare più a sospirare,
ragazzo, ragazzo.
No! Non stare più a sospirare!
 
     
Autori: G: D'Annunzio, F.P. Tosti
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Sî comm’ a ‘nu sciurillo,
tu tiene ‘na vucchella,
‘nu poco pucurillo,
appassuliatella.
Méh, dammillo, dammillo,
è comm’ a ‘na rusella.
Dammillo ‘nu vasillo,
dammillo, Cannetella.
Dammillo e pigliatillo
‘nu vaso piccerillo
comm’ a chesta vucchella
che pare ‘na rusella
‘nu poco pucurillo
appassuliatella...

Boccuccia (italiano)
Sei come un fiorellino,
hai una boccuccia
un poco pochino,
appassita.
Dai, dammelo, dammelo,
è come una rosellina.
dammelo un bacino
dammelo, Candida.
Dammelo e prendilo
un bacio piccolino
come questa boccuccia
che sembra una rosellina.
un poco pochino
appassita...
 
 
Lato A: 8
L'UOCCHIE DE NENNA MIA

 
      Lato B: 8
'E SPINGULE FRANGESE

 
     

Autori: Marco D'Arienzo, Saverio Mercadante
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Vide la luna, oje Nè, vi’ comme’è bella!
Pare ca scritto tene ‘ammore ‘nfronte.
Vide vi’ comm’è cara chella stella
ca la mattina s’auza da lo monte.
Ma, non hanno lo ‘ncanto, crid’ a me, crid’ a me,
ca sanno avè chist’uocchie tuoje,
crid’ a me, crid’ a me, crid’ a me, Nennè!

Guarda lo cielo, oje Nè, guarda lo mare,
comme se stann’a fà lli ‘nnammurate!
La lengua de ll’ammore non te pare
ca stannose a parlà tutte ‘nfucate?
Se parlano cu ll’uocchie, sient’a me, sient’a me,
ma ll’uocchie tuoje cchiù parlano, siente a me,
Nennè! Sient’ a me, Nennè!

‘Ncielo, se lo ppotesse, ire vorria
pe vedè ll’angiolille ca llà stanno.
‘Nfronte duje uocchie a chille trovarria
c’affatturarte ll’anema te sanno.
Ma me smaceno che, non so’, Nennè, non so’, Nennè,
comm’a chille ca stanno ‘nfront’a te,
‘nfront’a te, ‘nfront’a te, Nennè!

Gli occhi della mia cara (italiano)
Vedi la luna, oh cara, vedi come’è bella!
Pare che ha scritto l‘amore in fronte.
Vedi vedi com’è cara quella stella
che la mattina sorge dal monte.
Ma, non hanno l’incanto, credimi, credimi,
che sanno avere questi occhi tuoi,
credimi, credimi, credimi, cara!

Guarda il cielo, oh cara, guarda il mare,
come stanno a fare gli innamorati!
La lingua de l’amore non ti pare
che stanno a parlarsi con ardore?
Si parlano con gli occhi, senti a me, senti a me,
ma gli occhi tuoi più eloquenti sono, senti a me,
cara! Senti a me, cara!

In cielo, se potessi, andare vorei
per vedere gli angioletti che là stanno.
In fronte a quelli, due occhi troverei
che sapranno affascinarti l’anima.
Ma mi figuro che, non sono affatto, cara, non sono, cara,
come quelli che stanno in fronte a te,
in fronte a te, in fronte a te, cara!
 
     
Autore: S. Di Giacomo, Enrico De Leva
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘Nu juorno me ne jètte da la casa,
jènno vennenno spíngule francese...
Mme chiamma ‘na figliola: "Trase, trase,
quanta spíngule daje pe ‘nu turnese?"
E io, che sóngo ‘nu poco veziuso,
sùbbeto me ‘mmuccaje dint’ a ‘sta casa...
Ah, chi vo’ belli spíngule francese!
Ah, chi vo’ spíngule, ah, chi vo’?!

Dich’io: "Si tu mme daje tre o quatto vase,
te dóngo tutt’ ‘e spíngule francese...”
Pízzeche e vase nun fanno purtóse
e puo’ ghiénchere ‘e spíngule ‘o paese...
Sentite a mme ca, pure ‘n Paraviso,
‘e vase vanno a cinche ‘nu turnese!...
Ah, chi vo’ belli spíngule francese!
Ah, chi vo’ spíngule, ah, chi vo’?!

Dicette: "Core mio, chist’è ‘o paese,
ca, si te prore ‘o naso, muore acciso!"
E i’ rispunnette: "Agge pacienza, scusa...
‘a tengo ‘a ‘nnammurata e ‘sta ô paese...
E tene ‘a faccia comm’ ê ffronne ‘e rosa,
e tene ‘a vocca comm’ a ‘na cerasa...”
Ah, chi vo’ belli spíngule francese!
Ah, chi vo’ spíngule, ah, chi vo’?!


Le spille da balia (italiano)
Un giorno me ne andai da casa,
andai a vendere spille da balia.
Mi chiama una ragazza: “Entra, entra,
quante spille mi dai per un tornese?”
Ed io che sono un tipo un poco vizioso,
subito mi infilai nella casa.
Ah, chi vuole belle spille da balia!
Ah, chi vuole belle spille, ah, chi vuole!

Dico io: “Se mi dai tre quattro baci
ti do tutte le spille da balia.”
Pizzicotti e baci non lasciano segni
e puoi riempire di spille il paese.
Ascoltami, che anche in paradiso
cinque baci costano un tornese.
Ah, chi vuole belle spille da balia!
Ah, chi vuole belle spille, ah, chi vuole!

Disse: "Core mio, questo è il paese
che se ti prude il naso, muori ucciso!"
E io risposi:" Abbi pazienza, scusa!
Ho l'amata e lei sta a questo paese.
E ha il viso come le foglie di rosa,
E ha la bocca come una ciliegia.”
Ah, chi vuole belle spille da balia?
Ah, chi vuole belle spille, ah, chi vuole?
 

 
Lato B: 9
LO MARENARO

 
      Lato B: 9
QUI FU NAPOLI

 
     

Autori: Saverio Mercadante
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Lo marenaro, di Saverio Mercadante, 1849
Tutt’ abbampato, cuotto d’ammore,
da quarche ghiuorno sto’ a sosperà.
Via mo, non darme, Reté, dolore!
Via mo, non farme cchiù desperà!
Guarda, la luna s’auza lucente,
doce, lo viento stace ‘a sciuscià.
Chest’è chell’ora che ll’arma ardente,
Reté, te pozzo tutt’ a mostrà.

Vota, fa’ priesto!
Vien’ a bocà!
A mare ‘nzieme volimmo stà.
Fa’ priesto, vota, vota, vien’ a bocà!
Vota, viene, vota,
vota, fa’ priesto, vien’ a bocà,
a mare nzieme volimmo stà,
a mare nzieme volimmo stà!

Senza paura, nuje ccà potimmo
stà sule sule co libertà.
‘Ntera qua vota si sule simmo,
purzì quarcuno nce po’ appretà.
Viene, te juro, chisto delietto
schitt’ a lo cielo, ‘mmidia po’ fà...
Ca, quanto sente lo core ‘mpietto,
soltanto ‘ncielo se po’ truvà.

Vota, fa priesto!...

Il marinaro (italiano)
Tutt’ avvampato, cotto d’amore,
da qualche giorno sto a sospirare.
Ora, non darmi, Rita, dolore!
Ora, non farmi più disperare!
Guarda, la luna sorge splendente,
dolce, il vento si sente soffiare.
Questa è quell’ora che, l’anima ardente,
Rita, io ti posso tutta mostrare.

Volta, fai presto!
Vieni a vogare!
Al mare insieme voliamo stare.
Fai presto, volta, volta, vieni a vogare!
Volta, vieni, volta,
volta, fai presto, vieni a vogare,
al mare insieme voliamo stare,
al mare insieme voliamo stare!

Senza paura, noi qui possiamo
stare soli soletti con libertà.
Talora in terra, se soli siamo,
pure qualcuno ci può disturbare.
Vieni, ti giuro, che un tal diletto,
al cielo, solo invidia può fare...
Che, quanto sente il cuore in petto,
soltanto in cielo si può trovare.

Volta, fai presto!...
 
     
Autore: Ernesto Murolo, Ernesto Tagliaferro
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Va cu te ‘stu core amato
pe ‘sta via ca porta a mare.
Llà, sta Napule allummato.
Mo, ca scinne chesti ggrare
vide ‘o mare accumparé.
Spanne ll’aria ‘nu sapore
d’erba ‘e scoglie e de magnà.
‘Na varchetta ‘e piscatore tene
‘o lume pronto già.
Fuoco e zuccaro, ‘o mellone,
ce stennimmo ‘nterr’ â rena.
Neve ‘e ‘sprinia int’ ô giarrone,
‘ncielo ‘e stelle e ‘a luna chiena.
E io canto: "Qui fu Napoli".
Nisciuno è meglio ‘e me.
Dimane penzo ê diebbete,
stasera so’ ‘nu rre.

Sentarraje ‘ncopp’ a la rena
voce a stesa ‘e marenare:
"Tira, ohé, ch’ ‘a rezza vène".
"Forza, ohé, ch’aónna ‘o mare".
"Tira, arranca, venga a me".
Cu chitarre e lume a giorno
‘na varchetta passa e va.
Rossa e verde è ll’acqua attuorno,
tu nun mange pe guardà.
E i’ te vaso ‘sta vucchella
cu cchiù sfizio e passione.
‘Sta vucchella sciuliarella
‘nfosa ‘e vino e de mellone.
E io canto: "Quì fu Napoli"...

Vintun’ ore, ccà vicino,
‘nu rilorgio ll’ora sona.
Forse è ‘ammore, forse è ‘o vino.
‘Sta faccella s’ abbandona,
tu t’ adduorme ‘mbracci’ a me.
Pe cuperta tiene ‘e stelle,
pe cuscino chistu core.
Nonna, nonna a st’uocchie belle
so’ sti vvarche ‘e piscatore.
Dint’ ô suonno, smaniosa,
mo mme vuo’, mo mme ne cacce.
Po te scite e, vrucculosa,
t’ annascunne ‘int’ a ‘sti bbracce.
E io canto: "Quì fu Napoli"...

Qui fu Napoli (italiano)
Va con te questo cuore amato
per questa via che porta al mare.
Là, c’è Napoli illuminato.
Ora, che scendi questi gradini
vedi il mare comparire.
L’aria diffonde un sapore
di erba di scogli e di cibo.
Una barchetta di pescatori
ha il lume già pronto.
Fuoco e zucchero, il melone,
ci stendiamo sulla spiaggia.
Neve di asprinia nella giara,
in cielo le stelle e la luna piena.
E io canto: "Qui fu Napoli".
Nessuno è meglio di me.
Domani penso ai debiti,
stasera sono un re.

Sentirai sulla spiaggia
le grida dei marinai:
"Tira, ohé, che la rete arriva".
"Forza, ohé, che è mosso il mare".
"Tira, arranca, venga a me".
Con chitarre e lume a giorno
una barchetta passa e va.
Rossa e verde è l’acqua intorno,
tu non mangi per guardare.
E io ti bacio questa bocca
con più sfizio e passione.
Questa bocca scivolosa
bagnata di vino e di melone.
E io canto:"Qui fu Napoli"...

Le ventuno, qui vicino,
un orologio l’ora suona.
Forse è l’amore, forse è il vino.
Questa faccina si abbandona,
ti addormenti tra le mie braccia.
Come coperta hai le stelle,
come cuscino, questo cuore.
Ninna nanna a questi occhi belli
sono queste barche di pescatori.
Nel sonno, desiderosa,
ora mi vuoi, ora mi cacci.
Poi ti svegli e, affettuosa,
ti nascondi tra queste braccia.
E io canto:"Qui fu Napoli"...
Nota: La sprinia è una qualità di uva, diffusa soprattutto nella zona di Aversa, utilizzata per produrre dell’ottimo vino bianco
 
 
Lato A: 10
SONATINA PER CHITARRA SOLA

 
      Lato B: 10
GUAPPARIA

 
     

Autori: Domenico Cimarosa
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Strumentale
 
     
Autore: Libero Bovio, Rodolfo Falvo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Scetáteve, guagliune ‘e malavita,
ca è ‘ntussecosa è assaje ‘sta serenata,
io sóngo ‘o ‘nnammurato ‘e Margarita
‘a femmena cchiù bella d’ ‘a ‘Nfrascata!
Mme so’ purtato ‘o capo cuncertino,
pe lle dà ‘o sfizio ‘e sèntere ‘e cantá.
Aggio bevuto ‘nu bicchiere ‘e vino
pecché, stanotte, ‘a voglio ‘ntussecá.
Scetáteve, guagliune ‘e malavita!

È accumparuta ‘a luna a ll’intrasatto,
pe lle dá ‘o sfizio ‘e mme vedé distrutto.
Pe chello che ‘sta fémmena mm’ha fatto,
vurría ch’ ‘a luna se vestesse ‘e lutto!
Quanno se ne venette â parta mia,
ero ‘o cchiù guappo ‘e vascio â Sanitá.
Mo, ch’aggio perzo tutt’ ‘a guapparía,
cacciatemmenne ‘a dint’ â suggitá!
Scetáteve, guagliune ‘e malavita!

Sunate, giuvinò, vuttàte ‘e mmane,
nun v’abbelite, ca sto’ buono ‘e voce!
I’ mme fido ‘e cantá fino a dimane
e metto ‘ncroce a chi mm’ha miso ‘ncroce.
Pecché nun va cchiù a tiempo ‘o mandulino?
Pecché ‘a chitarra nun se fa sentí?
Ma comme? Chiagne tutt’ ‘o cuncertino,
addó ch’avess’ ‘a chiagnere sul’ i’.
Chiágnono ‘sti guagliune ‘e malavita!

Guapperia
Svegliatevi, ragazzi di malavita,
perché fa molto arabbiare questa serenata,
io sono l’innamorato di Margherita
la donna più bella dell’Arenella!
Mi sono portato una bella orchestrina,
per darle la soddisfazione di sentirmi cantare.
Ho bevuto un bicchiere di vino
perché, questa notte, voglio farla arrabbiare.
Svegliatevi, ragazzi di malavita!

È apparsa la luna all’improvviso,
per darle la soddisfazione di vedermi distrutto.
Per quello che mi ha fatto questa donna,
vorrei che la luna si vestisse a lutto!
Quando si mise con me,
ero il più guappo del rione Sanità.
Ora, che ho perso tutta la guapperia,
cacciatemi dalla società!
Svegliatevi, ragazzi di malavita!

Suonate, giovanotti, sbrigatevi,
non avvilitevi, perché ho una bella voce!
Ce la faccio a cantare fino a domani
e metto in croce chi mi ha messo in croce.
Perché non va più a tempo il mandolino?
Perché la chitarra non si fa sentire?
Ma come? Piange tutta l’orchestrina,
mentre dovrei piangere solamente io.
Piangono questi ragazzi di malavita!
 

 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 



Ultima modifica di mauro piffero il Lun Apr 29, 2019 7:58 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO: 1994 - NAPULE MIA (Album C.D.)

Messaggio  mauro piffero il Mar Apr 23, 2019 8:36 pm

1. TITOLO:
 
1994 - NAPULE MIA
 
# Etichetta: FONIT-CETRA # Catalogo: 94CN31-2 # Data pubblicazione: Anno 1994 # Matrici: 94 CN 31-2 # Genere: Pop # Supporto: Compact Disc # Tipo audio: Stereo # Facciate: 1
 
Note: Raccolta per le edicole De Agostini - Novara / Distribuito da FONIT-CETRA
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
 
3. TRACK LIST:
 
 
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Button.png?t=n.b

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Button
 
Lato A: 1
PAGLIACCIO

 
      Lato B: 1
TRIPPOLE TRAPPOLE

 
     

Autori: Anonimo (1969)
Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Priesto, oje ninne, priesto ccà;
tu, mo, scinne, tu, sta llà.
Guagliò, che tiene ca zumpe? Tu, chiano, accussì...
Zomba, ccà vene, lo sole già sta pe trasì!
Ogne ghiuorno vene e va;
sempe attuorno de ccà e llà.

Li tammure, priesto a me;
Zomba, curre, brè, brè, brè!
Priesto, guagliune, sî sorda, tu, Nenna pecchè!
‘Ncoppa a la fune,
zumbate, mo, tutte cu mme.
Ogne ghiuorno vene e va;
sempe attuorno de ccà e llà.

Pagliaccio (italiano)
Presto, oh, ragazzi, presto qua;
tu, ora, scendi, tu, stai là!
Ragazzo, che hai che salti? Tu, piano, così...
Zomba, vieni qua, il sole già sta per sorgere!
Ogni giorno viene e va;
sempre intorno, di qua e di là.

I tamburi, presto a me;
Zomba, corri, subito, subito, subito!
Presto, ragazzi, sei sorda, tu, ragazza, perchè!
Sulla fune,
saltate, ora, tutti con me!
Ogni giorno viene e va;
sempre intorno, di qua e di là.

     
Autori: Teodoro Cottrau, Guillaume Louis, 1840
Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Una palomma ghianca m’ha muzzecato ‘mpietto;
Ahi che dolore nè, mamma mia! ahi che dolore nè!
Trippole, trappole, trippole, trappole…

Se ‘u core m’ha pigliato, lo sujo me l’ha prommiso;
Oje che prejezza oje mamma mia! oje che prejezza nè!
Trippole, trappole, ecc.

Trippole, Trappole (italiano)
Una farfalla bianca m’ha morsicato in petto;
Ahi che dolore neh, mamma mia! ahi che dolore neh!
Trippole, trappole, trippole, trappole…

Se mi ha preso il cuore, mi ha promesso il suo;
Oje che gioia, oje mamma mia! Oje che gioia neh!
Trippole, trappole, ecc.
 
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 



Ultima modifica di mauro piffero il Lun Apr 29, 2019 9:37 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty FAUSTO CIGLIANO & MARIO GANGI: 1999 - TEATRO NELLA CANZONE NAPOLETANA (Album C.D.)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 29, 2019 9:24 pm

1. TITOLO:
 
1999 - TEATRO NELLA CONZONE NAPOLETANA
 
# Etichetta: Polosud # Catalogo: PS 028 - NC - # Data pubblicazione: Anno 1999 # Supporto: 1 CD Audio # N. Tracce 13 # Tipo audio: Stereo # Durata 37'37" # Facciate: 1
 
Note: Distribuito da Messaggerie Musicali
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 

 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A01 'NGIULINA
  • A02 ZUOCCOLE TAMMORRE E FEMMENE
  • A03 CHE MME DICISTE A FFA'
  • A04 'A BIONDA AVVELENATA
  • A05 PAESE MIO
  • A06 VIERNO TRASE


  • B07 LASSAMMOCE MARI'
  • B08 STEVA 'NU RE
  • B09 'E CCOSE 'MPRUVVISATE
  • B10 MARE 'E MARGELLINA
  • B11 TANNO 'E MMO
  • B12 BENE MIO CORE MIO
  • B13 LUSINGAME
 
TRACK: 1
'NGIULINA

 
      TRACK: 2
ZUOCCOLE TAMMORRE E FEMMENE

 
     

Autori: Antonio De Curtis, Franco Piccolo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘Ngiulina, di Antonio De Curtis, Franco Piccolo, 1989
Chisto è ‘o ritratto e chiste so’ ‘e capille:
‘na ciocca ‘e seta nera avvellutata.
E cheste songo ‘e llettere: cchiù ‘e mille;
lettere ‘e ‘na guagliona ‘nnammurata.

‘Ngiulina se chiammava ‘sta figliola
ch’è stata ‘a primma ‘nnammurata mia.
Trent’anne so’ passate... Mamma mia!

‘A tengo ‘nnanze a ll’uocchie, pare aiere:
vocca ‘e curallo, ‘na faccella ‘e cera,
‘nu paro d’uocchie verde, ‘e cciglia nere,
senza russetto... semplice e sincera.

Teneva sidece anne e io diciotto.
Faceva ‘a sartulella a ‘o Chiatamone.
Scenneva d’ ‘a fatica ‘mpunto ll’otto,
e mm’aspettava a me sotto ô purtone.

Senza parlà, subbeto sotto ô vraccio
nce pigliavemo e ghievemo a fà ‘ammore.
Vicino â casa soia, ‘ncoppa Brancaccio,
parole doce e zucchero int’ ô core.

Mettennoce appuiate ‘nfaccia ô muro,
a musso a musso, tutt’ e dduie abbracciate:
dint’ â penombra ‘e n’ angulillo oscuro,
quanta suspire e vase appassiunate!

‘A tengo ‘nnanze a ll’uocchie, pare aiere:...

Angelina, (italiano)
Questo è il ritratto e questi sono i capelli:
una ciocca di seta nera vellutata.
E cheste sono le lettere: più di mille;
lettere di una ragazza innamorata.

Angelina si chiammava questa figliola
che è stata la prima fidanzata mia.
Trent’anni sono passati... Mamma mia!

Ce l’ho davanti agli occhi, sembra ieri:
bocca di corallo, una faccina di cera,
un paio di occhi verdi, le ciglia nere,
senza rossetto... semplice e sincera.

Aveva sedici anni e io diciotto.
Faceva la sarta a Chiatamone.
Scendeva dal lavoro all’otto in punto,
e m’aspettava sotto al portone.

Senza parlare, subbito sotto al braccio
ci prendevamo e andavamo a fare l‘ammore.
Vicino alla casa sua, sopra Brancaccio,
parole dolci e zucchero dentro al cuore.

Mettendoci appoggiati al muro,
bocca a bocca, tutt’ e due abbracciati:
nella penombra di un angolo oscuro,
quanti sospiri e baci appassionati!

Ce l’ho davanti agli occhi, sembra ieri:...
     
Autori: Antonio De Curtis, Franco Piccolo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Zuoccole, tammorre e femmene (Antonio De Curtis, Franco Piccolo, 1999)
Tutte hanno scritto a Napule canzone appassiunate,
tutte ‘e bellezze ‘e Napule so’ state decantate:
da Bovio a Tagliaferri, Di Giacomo, Valente;
in prosa, vierze e musica: ma chi po’ dì cchiù niente?
Chi tene ‘o curaggio ‘e dì quaccosa
doppo ca ‘sti puete gruosse assaje
d’accordo songo state a dì una cosa:
‘o primmo ammore nun se scorda maje.
‘Sta Napule, riggina d’ ‘e sserene,
ca cchiù ‘a guardammo, cchiù ‘a vulimmo bbene,
‘a tengo sana sana dinto ê vvene,
‘a porto dinto ô core, ch’ aggi’ a fà?

Napule, sî comme ô zucchero,
terra d’ammore - che rarità!
Zuoccole, tammorre e femmene,
è ‘o core ‘e Napule ca vo’ cantà.
Napule, tu sî adorabile,
siente ‘stu core che te vo’ dì:
“Zuoccole, tammorre e femmene,
è ‘o core ‘e Napule ca vo’ murì”.

Zuoccole, tammorre e femmene (italiano)
Tutti hanno scritto a Napoli canzoni appassionate,
tutte le bellezze di Napoli sono state decantate:
da Bovio a Tagliaferri, Di Giacomo, Valente;
in prosa, versi e musica: ma chi può dire qualcosa di più?
Chi ha il coraggio di dire qualcosa
dopo che questi poeti così grandi
sono stati d’accordo a dire una cosa:
il primo amore non si dimentica mai.
Questa Napoli, regina delle sirene,
che più la guardiamo, più la voliamo bene,
la tengo sana sana nelle vene,
la porto dentro al cuore, che devo fare?

Napoli, sei come il zucchero,
terra d’amore - che rarità!
Zoccoli, tamburi e donne,
è il cuore di Napoli che vuole cantare.
Napoli, tu sei adorabile,
senti questo cuore che vuole dirti:
“Zoccoli, tamburi e donne,
è il cuore di Napoli che vuole morire”.
 
 
TRACK: 3
CHE MME DICISTE A FFA'

 
      TRACK: 4
'A BIONDA AVVELENATA

 
     

Autori: Antonio De Curtis, Michele Cozzolo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Che me diciste a ffà, di Antonio De Curtis, Michele Cozzoli, 1956
Io campavo, ero felice, senz’ ‘ammore e senza te.
Mo nce vo’, comme se dice, "Me sentevo cchiù ‘e ‘nu rre".
Ma ‘na sera te ‘ncuntraje, mentr’ ascevo ‘a ‘nu cafè
e, guardannote, penzaje: ‘Sta bellezza è pe ‘nu rre!

Che me diciste a ffà “Te voglio bene”?
Che me ‘mparaste a ffà che d’ è ll’ammore?
Pecché mettiste ‘o ffuoco ‘int’ ‘a ‘sti vvene?
Pecché tu me ‘mparaste a suspirà?

E mo ca ‘e te me songo ‘nnammurato,
ammore mio, pecché me vuò lassà?
‘O ssaccio, vaje dicenno: “Aggiu pazziato,
è stato ‘nu capriccio ca passarrà”

Che me diciste a ffà “Te voglio bene”
si chistu bbene è n’infelicità?

Perché me lo dicesti (italiano)
Io vivevo, ero felice senza amore e senza te.
Ora ci vuole, come si dice, "Mi sentivo più di un re".
Ma una sera ti ho incontrata, mentre uscivo da un caffè
e, guardandoti, ho pensato, "Questa bellezza è per un re".

Perché me lo dicesti "Ti voglio bene"?
Perché mi insegnasti cos’è l’amore?
Perché mettesti il fuoco dentro queste vene?
Perché tu mi insegnasti a sospirare?

Ed ora che io mi sono innamorato,
amore mio, perché mi vuoi lasciare?
Lo so, vai dicendo: "Mi sono divertita,
è stato un capriccio che passerà".

Perché me lo dicesti "Ti voglio bene"
se questo bene è una infelicità?
 
     
Autori: Pupella Maggio, Fausto Cigliano
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
‘A sigaretta mme fa male, ‘o ssaccio,
ma c’aggi’ a fà, si sulo ‘a essa tengo!
Ll’appiccio, ‘a stuto, ‘a jetto, po ‘a scamazzo
e dico: “sarraje ll’urdema ca fummo”.
Ma po me vene ‘na malincunia:
io tengo tutto e dico: “che me manca?”
Salute, quacche solde, grazie a dio,
ma allora che me manca, che me manca...

È essa, ‘a bionda, ‘a bionda avvelenata
e corro e ‘a cerco e ‘appiccio n’ata vota
e n’ata vota è essa c’ha vinciuto
è sempe ‘a stessa, comme ‘a gire e ‘a vuote
comme ll’ avuote e ‘a gire è sempe ‘a stessa:
fummo che passa, cenere che resta!

La bionda avvelenata (italiano)
La sigaretta mi fa male, lo so,
ma che devo fare, se ho solo lei!
L’accendo, la spengo, la butto, poi la schiaccio
e dico: “sarai l’ultima che fumo”.
Ma poi mi viene una malinconia:
io ho tutto e dico: “che mi manca?”
Salute, qualche soldo, grazie a dio,
ma allora, che mi manca, che mi manca...

È lei, la bionda, la bionda avvelenata
e corro e la cerco e l’accendo un’altra volta
e un’altra volta è lei che ha vinto
.
È sempre la stessa, comme la giri e la volti
come la volti e la giri è sempre la stessa:
fumo che passa, cenere che resta!
 
 
TRACK: 5
PAESE MIO

 
      TRACK: 6
VIERNO TRASE

 
     

Autori: Peppino De Filippo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
dorela22
dorela22
2 giorni fa
Paese mio, di Peppino De Filippo, 1966
E te veco n’ata vota,
casa mia, paese amato.
Te lassaje, so’ turnato
pe nun te lassà maje cchiù...
pecché dint’ a chistu core
‘nce staje sulamente tu!

Quant’è bello ‘stu cielo,
quant’è bello ‘stu mare,
tutt’attuorno mme pare
ca è turnata ‘a giuventù!
E chest’aria ‘e ciardine
comm’ è fresca e gentile!
A guardà chistu sole
te siente, int’ ê vvene,
‘o piacere ‘e campà.

Pe cquant’acqua tene ‘o mare,
tanta llacreme ‘stu core
ha chiagnuto ‘n tutte ll’ore
cu ‘a speranza ‘e riturnà!
Quante vote, dint’ ô suonno,
so’ caduto ‘mbracci’a te!

Quant’è bello ‘stu cielo,...

Paese mio (italiano)
E ti vedo un’altra volta,
casa mia, paese amato.
Ti lasciai, sono tornato
per non lasciarti mai più...
perché dentro a questo cuore
ci sei solamente tu!

Quant’è bello questo cielo,
quant’è bello questo mare,
tutto intorno mi sembra
che sia tornata la gioventù!
E quest’aria dei giardini
com’ è fresca e gentile!
A guardare questo sole
ti senti, nelle vene,
il piacere di vivere.

Per quant’acqua ha il mare,
tante lacrime ha pianto
questo cuore a tutte le ore
con la speranza di ritornare!
Quante volte, nel sogno,
sono caduto in braccio a te!

Quant’è bello questo cielo,...
 
     
Autore: Peppino De Filippo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Vierno trase, di Peppino De Filippo, 1966
P’ ‘o cielo aria ‘e tempesta,
sole nascosto...
nfra terra e mmare
nuvole a centenara....

Cu ‘e primme fridde vène ‘a pucundría,
vierno trase...
malincunia!
Si ‘na speranza tiene dint’ ô core,
lenta e triste se ne more!
Addio sere d’estate
e serenate
cantate p’ ‘e ciardine e ‘mmiez’ê vvie.
Addio nuttate belle
ciele puntiate ‘e stelle,
si site ‘nnammurate e v’ha lassato...
Che pucundría!

Vola n’auciello spierzo, senz’ammore,
comme spierzo va ‘stu core.
Scorre, p’ ‘e titte, ll’acqua ‘mmiez’â via...
vierno trase...
che nustalgía!
Addio carezze e vase,
addio surrise,
‘mmiez’ ‘âddóre d’ ‘e sciure
e ‘e panne spase...
Addio sole d’estate,
addio tiempe passate...
Si site ‘nnammurate
e v’ha lassato,
che pucundría!

P’ ‘o cielo, aria ‘e tempesta
Oj’ bella estate, addio...
more ll’ammore mio
e vierno trase!

Arriva l'inverno (italiano)
Nel cielo aria di tempesta,
sole nascosto,
tra terra e mare
nuvole a centinaia.

Con i primi freddi arriva la tristezza,
arriva l'inverno,
malinconia.
Se hai una speranza nel cuore,
lenta e triste muore.
Addio sere d'estate
e serenate
cantate nei giardini e nelle strade.
Addio nottate belle,
cieli trapuntati di stelle,
se siete innamorati e vi ha lasciato,
che tristezza!

Vola un uccello perso, senza amore,
come perso va questo cuore.
Scorre, sui tetti, l'acqua nelle strade.
Arriva l'inverno,
che nostalgia.
Addio carezze e baci,
addio sorrisi
tra l'odore dei fiori
e dei panni stesi.
Addio sole d'estate,
addio tempi passati.
se siete innamorati
e vi ha lasciato,
che tristezza!

Nel cielo, aria di tempesta.
Oh, bella estate, addio,
muore il mio amore
e arriva l'inverno.
 

 
TRACK: 7
LASSAMMOCE MARI'

 
      TRACK: 8
STEVA 'NU RE

 
     

Autori: Peppino De Filippo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Lassammoce, Marì, di Peppino De Filippo, 1966
Sì, capisco ca ll’ammore
passa ‘o tiempo e ‘o fa cagnà
e che resta dint’ ô core
‘nu ricordo ‘e falsità...
Ma però si se vo’ bene,
tanto e cu sincerità,
nun ce sta tiempo ca vene
ca st’ammore fa scurdà...

Che t’aggi’ ‘a dì?
Fa’ chello che vuò tu,
nun voglio cchiù suffrì,
lassame ‘mpace!
Che pozzo fà?
Lassammoce accussì,
si nun me saje cchiù dì
parole doce.
Senza cchiù te, senza cchiù te vedè,
chissà che ne succede ‘e me...
Ma senza ammore è inutile,
nun ce se po’ cchiù ‘ntennere...
Lassammoce, Marì!

Lasciamoci, Maria (italiano)
Si, capisco che l'amore
passa ed il tempo lo fa cambiare
e che rimane nel cuore
un ricordo di falsità.

Però, se si vuole bene,
tanto e con sincerità,
non c'è tempo che venga
che questo amore faccia dimenticare.

Che ti devo dire?
fai quello che vuoi tu,
non voglio più soffrire.
Lasciami in pace.
Che posso fare?
lasciamoci così,
se non sai più dirmi
parole dolci.
Senza più te, senza più vederti
chissà che cosa mi succederà.
Ma senza amore è inutile,
non ci si può più capire.
Lasciamoci, Maria.
 
     
Autore: Luigi Magni, Angela Pagano, Nicola Piovani
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Steva ‘nu rre
Ca, tantu tiempo fa,
teneva ‘o regno
cchiù bello ca ce stà!
Ciento castielle attuorno a ‘na città,
mille curalle pe se papià!
Steva ‘nu rre
Ca, pe fatalità,
perdette ‘o regno
e ‘a chiave d’ ‘a città!

E, cu dulore, perdette pure ‘ammore,
tutt’ ‘e castielle belle,
senza sapè, senza pecchè,
e annanze a ‘na riggina
restaje surtanto ‘o rre.

C’era un re, (italiano)
C’era un re
che, tanto tempo fa,
aveva un regno
più bello che può essere!
Cento castelli intorno ad una città,
mille coralli per fare il papa!
C’era un re
che, per fatalità,
perse il regno
e la chiave della città!

E, con dolore, perse pure l‘ammore,
tutti i belli castelli,
senza sapere, senza un perchè
e, davanti ad una regina,
restò soltanto il re.
 
 
TRACK: 9
'E CCOSE 'MPRUVVISATE

 
      TRACK: 10
MARE 'E MARGELLINA

 
     

Autori: Raffaele Viviani
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Tutte ‘e ccose ‘mpruvvisate
songo sempe sapurite:
‘e cchiù meglie ‘nnammurate,
l’aggio avute, me credite?
senza quase sapè comme,
scasualmente, faccia a faccia,
sempe primma ‘e sapè ‘o nomme
m’ ‘e truvavo dint’ ê braccia.
“Core mio, te voglio bbene!”
“E pur’io!” Ch’è ‘sta currente
ca ce mette dint’ ê vvene
‘na caurara ‘e fuoco ardente?
Io mo t’aggio canusciuta,
tu m’hê visto sulo mo:
‘na guardata, e sî caduta,
e pur’io cadenno sto’.

‘E ‘stu passo, n’atu ppoco
ca ‘sti mmane ci astrignimmo,
comme a ll’acqua ‘ncopp’ ô ffuoco
ce ‘nfucammo e po vullimmo.
E chi sî? Nun ne parlammo,
nun me preme d’ ‘o ssappe.
Io chi so’? Nun ce penzammo.
Ce sta sfizio? E viene a me!
Ce ‘o ddicimmo vocca e vocca,
musso e musso, core e core.
Che n’hê ‘a fà si chi te tocca
è Vicienzo o Sarvatore?
Che me preme e che me ‘mporta
si sî Briggeta o ‘Ngiulina,
si ‘a cammisa è longa o corta,
vaje cu ‘a scarpa o cu ‘a scarpina!

Io te voglio? E tu dimustre
ca songh’io chillo ca vuò?
Veco dint’ a st’uocchie lustre
ll’uocchie mieje ca lustre so’.
E dicimmece abbracciate
tutto chello ca sentimmo,
po cacciammo ‘e cunnutate, (connotati: nome, indirizzo etc.)
ma pe mo, chi simmo simmo.
A ‘nu surzo d’acqua fresca
cirche ‘a carta ‘e identità?
Leva ‘a sete? Te renfresca?
Se capisce po addó va.
Dice ‘a gente ‘nfaccia ô sole:
Tu, ce scarfe, ma chi sî?
E pirciò manco ‘e ffigliole
‘sti pparole ce hnno ‘a dì.

Tu me daje tantu calore,
me cunzuole ‘a giuventù?
E si ‘o sole nasce e more,
nasce e muore pure tu.

Le cose improvvisate (italiano)
Son le cose improvvisate
tutte sempre saporite:
le migliori fidanzate
io l'ho avute, mi credete?,
senza quasi saper come,
casualmente, faccia a faccia,
prima di saperne il nome,
le trovavo fra le braccia.
"Cuore mio, ti voglio bene!"
"Pur'io!" Ch'è questa corrente
ce ci mette nelle vene
sta caldaia di fuoco ardente?
Io adesso t'ho conosciuta,
tu mi hai visto solo adesso:
uno sguardo, e sei caduta
e anch'io faccio lo stesso.

Di sto passo, un altro poco
queste mani ci stringiamo,
come l'acqua sopra il fuoco
ci scaldiamo e poi bolliamo.
Chi sei tu? Non ne parliamo,
non mi preme di saperlo.
Chi son io? Non ci pensiamo.
Ci sta gusto? E vieni a me!
Ci parliamo bocca e bocca,
labbra e labbra, cuore e cuore.
Che cambia se chi ti tocca
è Vincenzo o Salvatore?
Che mi preme e che m'importa
se sei Brigida o Angelina,
se la veste è lunga o corta,
s'hai la scarpa o la scarpina!

Io ti voglio? E tu dimostri
che quello che vuoi son io?
Vedo in questi occhi lucenti
luccicar lo sguardo mio?
E diciamoci abbracciati
tutto quello che sentiamo:
poi mostriamo i connotati:
ora qua chi siamo siamo.
Chiedi a un sorso d'acqua fresca
la carta d'identità?
Ti disseta? Ti rinfresca?
S'intende poi dove va.
Dice mai la gente al sole:
Tu ci scaldi, ma chi sei?
e nemmen con le ragazza
s'hann'a dir queste parole.

Tu mi scaldi e dai calore?
Mi allieti la gioventù?
E se il sole nasce e muore,
nasci e muori pure tu.
 
     
Autore: Raffaele Viviani
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Chesta sciamma a pror’ô vuzzo
sciulia lenta ‘ncopp’ a ll’acqua,
mentre, ‘e lato, ‘o mare sciacqua
quanno ‘o rimmo sta affunnà.
Sott’ â prora ‘o vverde chiaro
vide ‘a rena, ll’erba ‘e scoglio,
truove ‘o purpo, ‘o lanze, ‘o cuoglie
e tu sî sicuro ‘e ll’appizzà!
Mare turchino, che vvuo’? è destino!
‘Nu piscatore t’à dda benedì.
Nun ce sta mare ‘e te cchiù cristallino,
cchiù trasparente e limpido accussì.
Cu ‘sti tirate ‘e rrezze ‘e ‘sta marina
ce fanno sempe ‘nterra Margellina
ca sciala ‘e pesca e ‘aonna ogne paranza,
tu sî chiammato ‘o mare ‘e ll’abbundanza!
Ccà pure ‘e pisce tanto p’ ‘a priezza,
mieze stunate, cadeno ‘int’ â rezza
e p’ ‘o piacere ‘e nce putè venì
correno a Margellina pe murì!

Sponta ‘a luna a Villanova,
rossa rossa e, a ‘nu mumento,
saglie ‘ncielo e se fa ‘argiento,
cu ‘na luce ‘e rarità!
‘O Vesuvio se ‘ntravede,
p’ascenzore illuminata,
ogne tanto ‘na vampata
pe te putè dicere “Io sto’ ccà!”
Mare turchino, che vvuo’? è ddestino!
Chi è ‘nnammurato t’à dda bbenedì!
St’ammore mio durmeva a suonno chino,
mo s’è scetato pecchè à ditto “Sì!”
Femmene belle ‘e tutta ‘sta marina
purtate ‘o core ‘nterra Margellina,
addó ca ‘e pisce senteno ‘a priezza
e, assieme a loro, cadeno ‘int’ â rezza...
‘O ssanno ‘e pisce comme ‘o ssanno ‘e core
c’a Margellina ‘o mare è traditore,
ma è troppo bello pe putè fuì...
è ‘o meglio pizz’ ô munno pe murì!

Il mare di Mergellina (italiano)
Questa fiamma a prua del gozzo (barca)
scivola lenta sull’acqua,
mentre, di fianco, il mare sciacqua,
quando il remo affonda.
Sotto la prora il verde chiaro,
vedi la sabbia, l’erba dello scoglio,
trovi il polpo, lo lanci, lo cogli
e tu sei sicuro d’infilzarlo!
Mare turchino, che vuoi? è destino!
Un pescatore ti deve benedire!
Non c’è mare più cristallino di te,
più trasparente e limpido di così.
Tutte le tirate di rete di questa marina
se fanno sempre a Mergellina,
dove è ricca la pesca e abbonda ogni barcone,
tu sei chiamato il mare dell’abbondanza!
Anche i pesci, di tanta gioia,
mezzo stonati, cadono nella rete
e per il piacere di poterci venire
corrono a Mergellina per morire!

Spunta la luna a Villanova,
rossa rossa e, in un attimo,
sale in cielo e diventa d’argento
con una luce che è una rarità!
Il Vesuvio s’intravede,
per l’ascensore illiminata,
ogni tanto una vampata
per poterti dire “Io sto qua!”
Mare turchino, che vuoi? è destino!
Chi è innamorato ti deve benedire!
Quest’amore mio dormiva profondamente,
ora si è destato perché ha detto “Sì!”
Donne belle di tutta questa marina,
portate il cuore a Mergellina,
dove i pesci sentono la gioia
e, come loro, cadono nella rete...
Lo sanno i pesci come lo sanno i cuori
che a Mergellina il mare è traditore,
ma è troppo bello per poter fuggire...
è il meglio angolo del mondo per morire!
 
 
TRACK: 10
TANO E MMO

 
      TRACK:11
BENE MIO CORE MIO

 
     

Autori: Raffaele Viviani
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Io te guardo e dico: è essa!
E sî tu, sî proprio tu
ma ‘a passione nun è ‘a stessa,
nun me sento niente cchiù.

Si te guardo quacche vota,
bella mia, nun me nutà,
tanto ‘a capa nun m’avota
comm’ a sei sett’ anne fa.

E sî ‘a stessa ‘e tutt’ ‘e vase
songo ‘o stesso ‘e tutt’ ‘e ppene
simmo ‘e stesse ‘e chillu bene
pecchè è muorto m’ ‘o ssaje dì?
‘A distanza, ‘a luntananza,
n’at’ ammore, ‘o vero ammore
m’à sanato chistu core, oj Carulì!

Pe via Tasso sott’ ô muro
mano a mano ‘int’a ll’està
vase ‘mmocca dint’ ô scuro
tutt’ ‘e dduje senza fiatà.

Varchiate sott’ ê stelle
ce stracquàvemo ‘e vucà,
scumparevano ‘e mmanelle
po turnaveno a spuntà.

Simmo ‘e stesse tale e quale
e pecchè po ce guardammo
comm’ estranei e si parlammo
nun tenimmo che ce dì?
E nun è ca nun me passa
tutto quanto ‘int’ ô ricordo
cierti ccose io nun m’ ‘e scordo, oje Carulì!

Tu sî stata ‘na buscia,
te credevo verità,
tutt’ ‘a vita, bella mia,
nun putevemo sunnà.

Tu sî chella ‘a stessa ‘e tanno
e pur’i’ ll’istesso io so’
ma c’abisso, io sto’ penzanno,
che distanza ‘a tanno a mo!

‘J, che mmierico ch’è ‘o tiempo
mo ‘stu fatto è scumparuto,
grazie a Dio tutt’è fernuto
finalmente ‘o ppozzo dì!
D’ ‘e ricorde e d’ ‘o passato
mo, ca campo c’ ‘a raggione,
n’aggio fatto ‘na canzona, oje Carulì!


Allora e ora
Io ti guardo e dico: è lei!
E sei tu, sei proprio tu,
ma la passione non è la stessa,
io non sento niente più.

Se ti guardo qualche volte,
bella mia, non farci caso,
tanto la testa non mi gira
come sei o sette anni fa.

E sei la stessa di tutti baci,
sono lo stesso di tutte le pene,
siamo gli stessi di quel bene,
perchè è morto, me lo sai dire?
La distanza, la lontananza,
un altro amore, il vero amore
mi ha guarito questo cuore, oh, Caolina!

Per via Tasso, sotto il muro,
mano nella mano, nell’estate,
baci in bocca nell’oscurità
tutt’e due senza fiatare.

Passeggiate in barca sotto le stelle,
ci stancavamo a remare,
scomparivano le manine,
poi tornavano a spuntare...

Siamo gli stessi, tale quale
e perchè poi ci guardiamo
come estranei e, se parliamo,
non abbiamo che dirci?
E non è che non mi passa
tutto questo nel ricordo...
Certe cose io non me le scordo, oh, Carolina!

Tu sei stata una bugia,
ti credevo la verità,
tutta la vita, bella mia,
non potevamo sognare.

Tu sei la stessa di allora
e pur’io sono lo stesso,
ma che abisso, sto pensando,
che distanza da allora ad’ora!

Vedi, che medico che è il tempo!
Ora, questo fatto è scomparso,
grazie a Dio, tutt’è finito,
finalmente lo posso dire!
Dei ricordi e del passato,
ora che vivo con la ragione,
ne ho fatto una canzone, oh, Carolina!
     
Autori: Eduardo De Filippo
Orchestra: Fausto Cigliano & Mario Gangi alle chitarre
 
Testo:
Bene mio, core mio di Eduardo De Filippo, 1955
Se tiene ‘o desiderio ‘e ‘na canzone, sa’ che vuò fà?...
Càntale ‘e stienne ‘a voce quanno ‘ammore te fa cantà!
Si sto’ durmenno, me sceto e nun trovo arricietto...
Quanno me songo scetato, me votto d’ ô lietto!
Che staje miezz’ ô mare?
- me mengo! -
Che staje ‘mParaviso?
- ‘nce vengo!... -
Senza scala si voglio... ‘nce saglio,
pecchè saglio, penzanno, si voglio!
Miez’ ê nuvole ‘a strata m’ ‘a sceglio,
me sbaglio, me ‘mbroglio, po saglio e te piglio!
Sott’ a ll’acqua, sott’ ô viento,
sott’ ô nuce ‘e Beneviento,
pe cantà ‘nzieme cu te:
"Bene mio, core mio!"...
pe cantà ‘nzieme cu te!...

Bene mio, cuore mio (italiano)
Se hai il desiderio di una canzone, sai che vuoi fare?
Cantala e stendi la voce, quando l’amore ti fa cantare.
Se sto dormendo, mi sveglio, e non trovo pace...
Quando mi sono svegliato mi alzo di scatto dal letto.
Stai in mezzo al mare? Mi tuffo.
Stai in Paradiso? Vengo lì.
Senza scala pure, se voglio, ci salgo,
perché salgo, pensando, se voglio.
In mezzo alle nuvole scelgo la strada,
mi sbaglio, mi imbroglio, poi salgo e ti prendo.
Sotto l’acqua e sotto il vento,
sotto il noce (albero) di Benevento,
per cantare insieme a te:
"Bene mio, cuore mio!"...
per cantare insieme a te!
 
 
TRACK: 13
LUSINGAME

 

Autori: Nino Taranto, Mario Festa
Orchestra: Fausto Cigliano e Mario Gangi alle chitarre
Testo:
Forse sarrá ‘stu cielo chino 'e stelle,
Maria, Marí.
Forse sarranno st'uocchie accussí belle,
Maria, Marí'.
Forse è ll'ammore
ca mm'hê miso 'int' ô core,
ma io nun ce credo
ca tu mme vuò lassá.

Tu nun 'o ssaje
ca mme staje dint’ ê vvéne.
Si te ne vaje,
nun pòzzo cchiù campá.

Lusíngame n'atu ppoco,
fallo stutá ‘stu ffuoco
ca, dint' ô core,
mm'hê appicciato tu.
Si te ne vaje,
'o ssaje ca mme ne moro.
Lusíngame n'atu ppoco
ca, senza st'uocchie tuoje,
nun campo cchiù.

Che fà si 'e vase tuoje ll'hê date a n'ato?
Maria, Marí'.
Io sóngo sempe 'o primmo 'nnammurato,
Maria, Marí'.
Tu sî d' 'a mia,
dimme chesta buscía,
dimmélla ancora,
però nun mme lassá.

Tu nun 'o ssaje...


Lusíngame (italiano)
Forse sarà questo cielo pieno di stelle,
Maria, Maria.
Forse saranno questi occhi così belli,
Maria, Maria.
Forse è l'amore
che mi hai messo nel cuore,
ma io non ci credo
che tu mi vuoi lasciare.

Tu non lo sai
che sei nelle mie vene.
Se te ne vai,
non posso più vivere.

Lusingami un altro po',
fallo spegnere questo fuoco
che, nel cuore,
mi hai acceso tu.
Se te ne vai,
Lo sai che muoio.
Lusingami un altro po',
che, senza questi occhi tuoi,
non vivo più.

Che fare se i tuoi baci li hai dati ad un altro?
Maria, Maria.
Io sono sempre il tuo primo fidanzato.
Maria, Maria.
Tu sei mia,
dimmi questa bugia,
dimmela ancora,
però non mi lasciare.

Tu non lo sai..
 
Fonte: QUI
 
FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Videos10
 

mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 3958
Punti : 3958
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) - Pagina 6 Empty Re: FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 6 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Torna in alto


Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum