Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 29 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 28 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

admin_italiacanora

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 422 il Gio Giu 14, 2018 9:48 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  VIOLONE 1950 il Lun Nov 18, 2013 10:12 am


Di seguito viene riportata la discografia completa di FAUSTO CIGLIANO

78 giri

1955: Suarè/Lu passariello


45 giri

1957: Souvenir d'Italy/Guaglione
1958: Il poeta guappo/Tira a campà
1958: Nun scengo/Dduje paravise
1958: Hasta la vista Señora/Tres jolie
1959: Nun e’ peccato, beguine/Nun me parlate ‘e chella
1959: Ma baciami/Ne stelle ne mare
1959: Sempre con te/Conoscerti
1959: Mezzanotte malinconica/Sott''a luna e sott''e stelle
1959: Sarrà chi sà/Scurdammoce 'o cose d'o munno
1959: Scurdammoce 'e ccose d'o munno/Vurria tene' dduie core
1959: Cerasella/Vieneme 'nzuonno
1959: Che me diciste a 'ffa/Il più bel sorriso
1959: Tu, si' tu / L'ammore fa parla napulitano
1959: Buon Natale a te/Rose
1960: Splende il sole/A come amore
1960: Ich liebe dich (Ammore mio)/La donna che vale
1960: Be mine signorina/Goodbye Maria
1960: Due sigarette/Luna nuova (sul Fuji Yama)
1960: Les enfants qui s'aiment/Et la fête continue
1960: Les feuilles mortes/Toi qui cherches l’amour
1960: Be mine signorina/Ascoltando le stelle
1960: Chi si'?... chi so'?... /'O lampione
1960: Nun 'o giura'/Tira 'a rezza, che vene!
1961: Lei/Mare di dicembre
1961: Tiempo d'ammore/Ogni volta
1961: 'Nnammuratella/Nuttata 'e manduline
1961: Una notte a Viareggio/Distanze
1961: Duorme/Uh, che cielo!
1963: When we were in Italy/Anema e core
1963: Canzone basilisca (Fausto Cigliano)/Ora Incantata (Daisy Lumini)
1964: E se domani.../Il cuore a San Francisco
1964: L'ultima luna/Aperitivo a Margellina
1967: Suona, suona, suona/Quanto mi manchi stasera
1967: Gerusalemme, Gerusalemme/L'ultimo valzer
1968: L'ultimo addio/Il tuo nome
1969: Nuddu (Fausto Cigliano)/Nuddu (Ennio Morricone)
1969: Come un'asola e un bottone/Immagini
1969: Ave Maria di Gounod (versione in italiano)/Ave Maria di Gounod (versione in latino)
1973: Napule mia/Formato Napoli
1974: Nella mia città/Napule mia
1979: Strada 'nfosa/Scena muta
1981: Ventata nova/Krol
1986: Ma ch'aggia fa/Pucundria
1987: Dieghito tango/Ma ch'aggia fa (picture disc 12", Edizioni Selector)


33 giri

1957: 5º Festival della canzone napoletana
1964: Napoli anno zero
1967: Chitarra club
1968: Napoli concerto (con Mario Gangi)
1968: Napoli concerto - Napoli e l'amore (con Mario Gangi)
1969: Napoli concerto - Napoli romantica (con Mario Gangi)
1969: Napoli concerto - Napoli antica (con Mario Gangi)
1971(?): Napoli concerto - Le stagioni e i sentimenti
1986: Ventata nova


33 giri con altri artisti

1963: 6ª Sagra della Canzone Nova (con Carlo Savina (direttore orchestra), Armando Romeo, Gianni Lacommare, Luciano Savoretti, Aura D'Angelo, Tony Cucchiara, Quartetto Caravel, Nelly Fioramonti, Emilio Pericoli)
1977: Tiempe d'ammore (doppio lp, con Achille Millo)


EP

1957: Calypso in the rain/Adeli 'ndi 'ndi/Armstrongh/Che m'ha 'mparato a fa'
1958: Guaglione/Che m'e 'mparato a fa'/Giuvanne cu a chitarra/Souvenir d'Italie
1959: Ne stelle ne mare/Ma baciami/Sempre con te/Conoscerti
1960: Splende il sole/Rosemarie/Rose/Toi qui cherches l'amour
1960: Ammore/L'ammore fa parla' napulitano/Che me diciste a ffa/Tu, si' tu


CD

2004: L'oro di Napoli

Fonte: QUI
avatar
VIOLONE 1950
Admin

Messaggi : 538
Punti : 1584
Data d'iscrizione : 29.11.12
Età : 68
Località : PISTOIA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - SUARE'/LU PASSARIELLO (78giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Gio Mar 16, 2017 12:07 pm

1. TITOLO:
 
1955 - SUARE'/LU PASSARIELLE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6425 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A 12139 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
SUARE'

 
      Lato B:
LU PASSARIELLE (IL PASSEROTTO)

(dal Festival di Sanremo 1953)
 
   

Autori: Vincenzo De Crescenzo, Furio Rendine
 
Testo dialettale:
Donna Rosa e mMaria Grazia
hanno dato la suarè
mamma e figlia, Rosa e gGrazia,
si son messe in decoltè,
le commari del palazzo
nel vedermi stanno a ddir:
poveretto, sembra pazzo
perchè su non può salir.

Quando comandavo la quadriglia
me piaceva sempe ‘e fà 'o contrè!
cu donna Rosa e ‘a figlia
facevo lo changè,
ora la comanda Peppe Quaglia
perchè fa le spese del buffet
e i’ nun pozzo abballà nun me fanno abballà
perchè non ho l'argent...
Suarè, suarè, vuje abballate senza 'e me
contrè! seh seh...
vuje abballate e i’ sto a vvedè
come rovinate la quadriglia
senza un po di charme e ddi stilè
e ‘stu passo però, Maria Grà, Donna Rò
'nguaiate la suarè.

Donna Rosa c'ha il pallore
nel veder che sto qua ggiù
io la guardo con ardore
nun nè pozzo proprio cchiù
uno sguardo lei mi scaglia
io capisco e sso il perchè:
certamente Peppe Qualglia
nun è bbuono a ffà ‘o changè...

Quando comandavo la quadriglia
...
contrè seh seh, vuje abballate e i’ sto a vvedè...
Mo m'a faccio i’ sulo a ‘sta quadriglia
alla faccia vostra e dd’ ‘a suarè...
Maria Grà, Donna Rò,
Donna Rò, Maria Grà, tenite mente a mme!
 
Testo letterale:
Serata
Donna Rosa e Maria Grazia
hanno dato una serata
mamma e figlia, Rosa e Grazia,
si sono messe in decolté.
Le donne del palazzo,
nel vedermi, stanno a dire:
poveretto, sembra pazzo
perché su non può salire.

Quando comandavo la quadriglia
mi piaceva sempe di fare lo contré!
Con donna Rosa e la figlia
facevo lo changé,
ora la comanda Peppe Quaglia
perché fa le spese del buffet
e io non posso ballare non mi fanno ballare
perché non ho i soldi...
Suaré, suaré, voi ballate senza di me
contré! seh seh...
Voi ballate e io sto a vedere
come rovinate la quadriglia
senza un po’ di charme e di stilé
e a questo passo però, Maria Grà, Donna Rò
inguaiate la serata.

Donna Rosa ha il pallore
nel vedere che sto qua giù.
Io la guardo con ardore
non ne posso proprio più!
Uno sguardo lei mi getta,
io capisco e so il perché:
certamente Peppe Qualglia
non è buono a fare lo changé...

Quando comandavo la quadriglia
...
Contré, seh seh, voi ballate e io sto a vedere...
Adesso, me la faccio io da solo questa quadriglia
alla faccia vostra e della serata...
Maria Grà, Donna Rò,
Donna Rò, Maria Grà, ricordatevi di me!
 
Fonte: QUI
     
Autori: Valentini, Eldo Di Lazzaro
 
Testo:
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci
Ogni anno a primavera,
coi mandorli di maggio
e coi ciliegi in fior,
dall'albero fiorito
tornava al vecchio nido
"lu passarielle" ancor.
Ricordo, ogni mattina
con il suo frullo d'ale,
veniva al primo sole
per farmi risvegliar...
E tutta la mia casa
di festa mi riempiva
e poi s'allontanava
al tramontar...

Dove sta "lu passarielle"?
Dov'è andato? Chi lo sa...
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci...
Il cuore mi risponde: "Chi mai lo sa!"
Forse in fondo a quella valle...
O tra i boschi a cinguettar
ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci...
come l’amore mio non tornerà!...

Ed ora è primavera!...
E' ritornato maggio
coi suoi ciliegi in fior..
Sull'albero fiorito,
però non è tornato
"lu passarielle" ancor!
Pure l'amore mio
dal giorno ch'è partito
un vuoto m'ha lasciato
per farmi sospirar...
Se guardo verso i monti
se guardo verso il mare
sento una stretta al cuore
nel ricordar...

Dove sta "lu passarielle"
Dov'è andato? Chi lo sa...
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci
Il cuore mi risponde: "Chi mai lo sa!"
Forse in fondo a quella valle...
O tra i boschi a cinguettar
ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci...
come l'amore mio non tornerà!...
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci
 
Fonte: QUI
 


Ultima modifica di admin_italiacanora il Lun Ott 01, 2018 12:58 pm, modificato 8 volte
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2104
Punti : 4402
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 67
Località : Toscana

Visualizza il profilo https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)/IF I MAY (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Mer Mar 22, 2017 7:22 pm

1. TITOLO:
 
1955 - I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)/IF I MAY
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6426 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A12138/ B12143 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER di: I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)/IF I MAY
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)/IF I MAY
 
Lato A:
I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)

 
      Lato B:
IF I MAY

 
   

Autori: Robert Mellin, 1953
Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
I want someone to care for,
someone who care for me too,
someone who greet me each evening
and cheer me up when I feel blue.
Somebody’s lips I can cling to,
somebody to care full and truth,
I want someone to care for,
someone like you to care for me!
Yes I want someone to care for,
someone like you to care for me!
Traduzione italiano:
Voglio qualcuno di cui prendermi cura,
qualcuno che si prenda cura anche di me,
qualcuno che ogni sera mi saluti
e mi rallegri quando sono triste.
Le labbra di qualcuno a cui potermi aggrappare,
qualcuno da curare in ogni modo e con sincerità.
Voglio qualcuno di cui prendermi cura,,
qualcuno come te che si prenda cura di me.
Sì, voglio qualcuno di cui prendermi cura,
qualcuno come te che si prenda cura di me.
 
   
Autori: Charles Singleton, Rose Marie McCoy, 1955
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "IF I MAY" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
And now, I’ll sing for you, my beautiful lady.
If I may…
I’d like to love you everyday,
if I may.
And dream dreams of you every night,
if I might.
And if I may, I’d like to say
I wish that you were mine.
If I had you, all I would do
is adore you all the time.
I’d like to hold you in my arms everyday,
if I may.
I’d like to tell you of your charms, every night
if I might.
You’re the object of my affections
and if you have no objections,
I’d like to love you night and day,
if I may.
Traduzione italiano:
Ed ora, canterò per te, mia bella signora.
Se posso…
Mi piacerebbe amarti tutti i giorni,
se posso.
E sogniare sogni di te tutte le notti,
se posso.
E, se posso, mi piacerebbe dire:
“Vorrei che tu fossi mia”.
Se avessi te, tutto quello che farei
sarebbe di adorarti tutto il tempo.
Mi piacerebbe tenerti tra le mie braccia tutti i giorni,
se posso.
Mi piacerebbe parlarti del tuo fascino, ogni notte,
se posso.
Tu sei l'oggetto dei miei affetti
e, se tu non hai obiezioni,
mi piacerebbe amarti notte e giorno,
se posso.
 
 
 


Ultima modifica di Rodica Dorina Aretzu il Mar Nov 07, 2017 5:15 pm, modificato 2 volte

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS (78 giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Sab Apr 01, 2017 5:37 pm

1. TITOLO:
 
1955 - LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6427 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A12140 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER di: LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS
 
   
 
 
 
3. TRACK LIST di: LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS
 
Lato A:
LA PETITE DILIGENCE

 
   Lato B:
MES MAINS

 
   

Autori: Marc Fontenoy, 1950, Grand prix du disque français 1950, per André Claveau che l’ha lanciata.
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "LA PETITE DILIGENCE" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Mon arrière-grand-mère m’a conté
L’histoire de son mariage.
C’est un beau roman du temps passé
Qui débuta au cours d’un voyage.
En ce temps-là pour aller loin
On connaissait à peine le train
Et l’on trouvait déjà bien beau
La voiture et les chevaux.
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
s’en allait en cahotant,
voyageurs toujours contents...
Il y avait un vieux notaire,
Un curé et son bréviaire,
Une fille à marier,
Un monsieur très distingué.
Le notaire dormait,
Le curé priait,
La belle rougissait en silence.
Le monsieur parlait
Et lui récitait
Des rondeaux et des sonnets.
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
s’en allait en cahotant,
par la pluie et le beau temps.
Lorsque les chevaux, péniblement,
Avaient fait trente kilomètres,
À l’hostellerie du “Cheval Blanc”
On passait la nuit pour s’en remettre.
Pour aller de Paris à Tours
Il fallait bien au moins huit jours.
Évidemment ça donnait le temps
De se connaître amplement.
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
s’en allait en cahotant,
voyageurs toujours contents…
Lorsque la côte était dure
Ils descendaient du voiture
Et poussaient allègrement
Car c’était le règlement.
Le ciel était bleu
Et le beau monsieur
Faisait les doux yeux à la belle,
Tandis qu’ le curé
Se disait: “Oh! ça y est!
Ces deux-là, j’vais les marier!”
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
arriva enfin à Tours
et c’est tout l’roman d’amour.
Traduzione italiano:
La piccola diligenza
La mia bisnonna mi ha raccontato
La storia del suo matrimonio.
Si tratta di un bel romanzo del passato
Che ha avuto inizio durante un viaggio.
In quei tempi, per andare lontano,
Si conosceva appena il treno
E si trovavano già bene
Con la carrozza e i cavalli.
La piccola diligenza
sulle belle strade di Francia,
andava sbalzando,
i viaggiatori sempre felici...
C'era un vecchio notaio,
Un sacerdote e il suo breviario,
Una figlia da sposarsi,
Un signore molto distinto.
Il notaio dormiva,
Il sacerdote pregava,
La bella arrossiva in silenzio,
Il signore parlava
E recitava
Dei rondò e dei sonetti.
La piccola diligenza,
sulle belle strade di Francia,
andava sbalzando,
con la pioggia e col sole.
Quando i cavalli, dolorosamente,
Avevano fatto trenta chilometri,
Alla locanda "Cavallo Bianco"
Passavano la notte per rimettersi.
Per andare da Parigi a Tours
Serviavano, almeno, otto giorni.
Ovviamente questo dava il tempo
Per conoscersi ampiamente.
La piccola diligenza,
sulle belle strade di Francia,
andava sbalzando,
i viaggiatori sempre felici...
Quando la salita era difficile
Loro scendevano dalla carrozza
E spingevano allegramente,
Perché era così il regolamento.
Il cielo era azzurro
E il gran signore
Faceva gli occhi dolci alla bella ragazza,
Mentre il sacerdote
Pensava: “Oh! è questo!
Quei due, li sposerò!”
La piccola diligenza,
sulle belle strade di Francia,
finalmente arriva a Tours
e questo è tutto il romanzo d’amore.
   
Autori: Pierre Delanoë, Gilbert Bécaud, 1953
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "MES MAINS" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Mes mains
dessinent dans le soir
la forme d’un espoir
qui ressemble à ton corps.
Mes mains,
quand elles tremblent de fièvre,
c’est de nos amours brèves
qu’elles se souviennent encore.
Mes mains
caressent dans leurs doigts
des riens venant de toi,
cherchant un peu de joie.
Mes mains
se tendent en prière
vers ton ombre légère
disparue dans la nuit…
Mes mains,
elles t’aiment à la folie,
d’un amour infini,
elles t’aiment pour la vie!
As-tu déjà effacé ce passé qui m’obsède?
As-tu déjà oublié que ces mains ont tout donné?
Mes mains,
qui voudraient caresser,
un jour seront lassées
d’attendre ton retour…
Mes mains,
elles iront te chercher
là, où tu t’es cachée
avec un autre amour.
Mes mains,
méprisant les prières,
trembleront de colère
et je n’y pourrai rien...
Mes mains,
pour toujours dans la nuit,
emporteront ta vie…
Mais, puisque tu le sais,
reviens!
Et, tout comme autrefois,
elles frémiront pour toi,
dans la joie retrouvée.
Reviens!
Ne les repousse pas
ces mains tendues vers toi
et donne-leur tes mains!
Traduzione italiano:
Le mie mani
Le mie mani
dissegnano nella sera
la forma di una speranza
che somiglia al tuo corpo.
Le mie mani,
quando tremano febbrile,
è del nostro breve amore
che si ricordano ancora.
Le mie mani
carezzano con le loro dita
le piccole cose che vengono da te,
cercando qualche gioia.
Le mie mani
si tendono in preghiera
verso alla tua ombra leggera
scomparsa nella notte...
Le mie mani
ti amano alla follia,
di un amore infinito,
ti amano per tutta la vita!
Hai già cancellato questo passato che mi ossessiona?
Hai già dimenticato che queste mani hanno dato tutto?
Le mie mani
che vorebbero accarezzare,
un giorno saranno stanche
di attendere il tuo ritorno ...
Le mie mani
verranno a cercarti
la, dove tu ti sei nascosta
con un altro amore.
Le mie mani,
disprezzando le preghiere,
tremeranno di rabbia
e io non potrò fare nulla ...
Le mie mani,
per sempre nella notte,
faranno prevalere la tua vita ...
Ma, adesso che tu lo sai,
torna!
E, proprio come prima,
loro rabbrividiranno per te,
per la gioia ritrovata.
Torna!
Non respingere
queste mani tese verso di te
e dai loro le tue mani!
 
 


Ultima modifica di Rodica Dorina Aretzu il Mar Nov 07, 2017 6:47 pm, modificato 1 volta

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAI! (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Lun Apr 03, 2017 11:28 pm

1. TITOLO:
 
1955 - AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAI!
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6428 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A12144/B12146 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. RECENSIONE:
 
"Te voglio bene assaje!" è una canzone in lingua napoletana composta nell'Ottocento e già cantata dalle massaie napoletane intorno al 1839 etc...
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAI!
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAI!
 
Lato A:
AUMMO AUMMO

 
   Lato B:
TE VOGLIO BENE ASSAI

 
   

Autori: Luigi Cioffi, Giuseppe Cioffi, 1954
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "AUMMO... AUMMO..." è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Catarì,
tu nun ghiesce maje da casa
perché maje te fanno ascì.
Catarì,
sto murenno pe ‘st’ammore
nun me fido cchiù ‘e suffrì.
Catarì,
ce l’aje ‘a dì a ‘sti ggenitori,
mo l’avesseno ‘a capì!
Catarì,
nun te pozzo vasà,
io me sento ‘e murì.

R.
Quacche notte zittu zitto,
chianu chiano a ppede ‘e chiummo,
aumm’ aummo...
Saglio ‘ncoppa quatto quatto,
mazzecanno chewing gumm,
aumm’ aummo...
Nun m’appiccio ‘a sigaretta
ca si no se vede ‘o fummo,
aumm’ aummo...
Si ce ‘ncoccia quaccheduno
c’ammuina po’ venì.

Catarì,
e ssi trovo ‘a porta ‘nchiusa,
saje che faccio pe ttrasì?
Catarì,
tengo pronto tutto ‘o piano
pe ffà chello ca dich’ i’.
Catarì,
ce vo’ adduobbecco p’ ‘e cane,
ce vo’ ‘a scala pe ssaglì.
Catarì,
t’aggio a fforza vasà,
nun me fido ‘e suffrì.

R...
Catarì...
Traduzione italiano:
Catarì,
tu non esci mai di casa
perché mai ti fanno uscire.
Catarì,
sto morendo per questo amore,
non posso più soffrire.
Catarì,
lo devi dire a questi genitori,
adesso lo devono capire!
Catarì,
non ti posso baciare,
io mi sento morire.

Ritornello:
Qualche notte, senza fiatto,
piano piano, coi piedi di piombo,
di nascosto, di nascosto...
salgo rannicchiato rannicchiato,
masticando chewing gumm,
di nascosto, di nascosto...
Non mi accendo la sigaretta
perché sinnò si vede il fummo,
di nascosto, di nascosto...
Se mi sorprende qualcuno,
che chaos può capitare!.

Catarì,
e se trovo la porta chiusa,
sai che faccio per entrare?
Catarì,
ho tutto un piano pronto
per fare chuello che dico io.
Catarì,
ci serve m’anestesia per il cane,
ci serve la scala per salire.
Catarì,
ti devo per forza baciare,
non posso più soffrire!.

R...
Catarì...
 
   
Autori: Raffaele Sacco, Gaetano Donizetti, 1839
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "TE VOGLIO BENE ASSAJE!" è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
Testo:
La notte tutte dormono,
e io che vuò' durmire?
Penzanno â nenna mia,
me sento ascemunì.
Li quarte d'ora sonano
a uno, a duje, a tre…

Ritornello:
Te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Ricordate lo juorno
ca stive a me vicino,
e te scorréano, ‘nzino,
‘e llacreme, accossì.
Deciste a me: "Nun chiagnere,
ca tu d’ ‘o mio sarraje".

Saccio ca nun vuò scennere
le grade quanno è scuro.
Vatténne muro muro,
appòjate ‘ncuoll’ a me.
Tu, n’ ommo comm’a chisto,
addo’ lo truvarraje?
Traduzione italiano:
La notte tutti dormono,
ma io, che vuoi che dorma?
Pensando alla mia donna,
mi sento impazzire.
I quarti d’ora suonano
a uno, a due, a tre.

Ritornello:
Ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Ricordati il giorno
che mi stavi vicino,
e ti scorrevano in grembo
le lacrime, così.
Mi dicesti: "Non piangere,
che tu sarai mio".

So che non vuoi abbassare
le grate quando è buio.
Vai radente il muro,
appoggiati addosso a me!
Tu, un uomo come questo,
dove lo troverai?
 
 


Ultima modifica di Rodica Dorina Aretzu il Mar Nov 07, 2017 7:25 pm, modificato 1 volta

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Mar Apr 04, 2017 5:02 pm

1. TITOLO:
 
1955 - SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6429 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: B12145 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER di: SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA
 
   

 
 
3. TRACK LIST di: SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA
 
Lato A:
SUSPIRANNO "MON AMOUR"

 
   Lato B:
GIUVANNE CU' A CHITARRA

 
   

Autori: Augusto Cesareo, Ettore Lombardi, 1955
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SUSPIRANNO “MON AMOUR”" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
 
Testo dialettale:
Bella, tu sî venuta a stu paese
da ‘a Francia, che è paese furastiero.
‘Ncopp’ a sti scene nun pareva overo,
napulitano, ‘e te sentì cantà.

Tu t’avvicine suspiranno: "Mon amour"
e se ‘ncatena ‘o core mio.
E po me dice chianu chiano: “Je vous aime”.
E po, tremmanno, te faje vasà.
E quanno parle tu, pecché me ‘ncante
cu stu francese, ammore mio?
Cu ‘e ‘mmane ‘mmano tu mme dice: “Je t’adore”.
No, nun è suonno ca so’ felice.
Ma chella vócca ca mme dice: “Mon cherie”,
si ‘e me se scorda, mme farrà murì.

Stu “toi et moi” s’è fatto ‘ntussecuso
e ce ‘nzurfammo da ‘a matina â sera.
Dice ca me vuo’ bene e sî sincera,
ma è p’ ‘o triato ca tu m’hê ‘a lassà.

Tu t’avvicine suspiranno: “Mon amour”...
e se ‘ncatena ‘o core mio.
E po me dice chianu chiano: “Je vous aime”.
E po, tremmanno, te faje vasà.
E quanno parle tu, pecché me ‘ncante
cu stu francese, ammore mio?
Cu ‘e ‘mmane ‘mmano tu dicive: “Je t’adore”.
Nun era suonno ca fui felice.
Ma chella vócca ca diceva: “Mon cherie”,
se n’ hê scurdato, pe mme fà murì.
Traduzione italiano:
Bella, tu sei arrivata in questo paese
dalla Francia, che è un paese straniero.
Su questi palchi non sembrava vero
di sentirti cantare in napoletano.

Tu ti avvicini sospirando: “Mon amour”
e s’ incatena il cuore mio.
E poi mi dici piano piano: “Je vous aime”.
E poi, tremando, ti fai baciare.
E quando parli tu, perchè mi incanti
con questo francese, amore mio?
Con le mani nelle mani mi dici: “Je t’adore”.
No, non è un sogno che sono felice.

Questo “toi et moi” è diventato antipatico
e litighiamo dalla mattina alla sera.
Dici che mi vuoi bene e sei sincera,
ma è per il teatro che mi devi lasciare.

Tu ti avvicini sospirando: “Mon amour”
e s’ incatena il cuore mio.
E poi mi dici piano piano: “Je vous aime”.
E poi, tremando, ti fai baciare.
E quando parli tu, perchè mi incanti
con questo francese, amore mio?
Con le mani nelle mani mi dicevi: “Je t’adore”.
Nun era sogno che ero felice.
Ma chella bocca che diceva: “Mon cherie”,
s’è dimenticato, per farmi murire.
 
   
Autori: Stefano Canzio, Nino Oliviero, 1955, brano lanciato da Amedeo Pariante, trasposizione napoletana della canzone Johnny Guitar, dall'omonimo film di Nicholas Ray.
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "GIUVANNE CU ‘A CHITARRA" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
 
Testo dialettale:
‘A sera, ‘ncopp’ ê vviche,
cu ‘a chitarra, scengo pe Tulèto...
Tengo ‘a cravatta gialla
e ‘na giacchetta cu ‘a spaccata arreto...
‘E scarpe a varchetella
e ‘nu cazone fatto a zompafuosso...
e chi s’avota ‘a ccá...
e chi s’avota ‘a llá...
guardánnome ‘e passá...

Me chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra...
pecché saccio cantá tutt’ ‘e ccanzone.
So’ stato ‘nnammurato ‘e ‘na figliola
ca m’à lassato miezo scumbinato...
E porto ‘e serenate a ‘e ‘nnammurate:
pe ciento lire canto “Anema e ccore”,
pe cincuciento fò ll’americano:
m’arrangio a ‘mpapucchiá “Johnny Guitar”...
Me chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra...
e songo ‘o pazzariello d’ ‘e ccanzone!

‘Na sera fuje chiammato,
pe ‘na festa, sott’ a ‘nu balcone
ô vico Scassacocchi...
primmo piano, ‘ncopp’ a ‘nu lampione:
‘a mana me tremmaje
‘sta serenata jéva a Margarita...
cu ‘sta chitarra ccá,
i’ mo che cante a fá?
pe chi se vo’ spassá?

Me chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra...
pecché saccio cantá tutt’ ‘e ccanzone.
‘A cumitiva allèra e ll’emozione
me fa cantá, chiagnenno, “Core ‘ngrato”...
Pe chistu pretendente ammartenato
mo cade ‘nu biglietto appassiunato...
e m’arricordo, quanno ero ‘o balcone,
cadevano cucozze e ‘nfamitá...
E mo pe cant’ e sonnà ‘sta chitarra
cu ‘a vocca amara e cu ‘na funa ‘nganna:
What if you go, what if you stay, I love you, Margareta!
Songo Giuvanne…
Traduzione italiano:
Di sera, nelle stradine,
con la chitarra, scendo per via Toledo...
ho una cravatta gialla
e na giacchetta con un’apertura dietro...
le scarpe a barchetta
e un pantalone corto...
e chi si gira di quà...
e chi si gira di là...
guardandome di passare...

Mi chiamano Giovanni con la chitarra...
Perché so cantare tutte le canzoni.
Sono stato fidanzato con una ragazza
che m’ha fatto impazzire...
E canto le serenate agli innamorati:
per cento lire canto “Anima e cuore”,
per cinquecento faccio l’americano:
m’arrangio da far confondere “Johnny Guitar”...
Mi chiamano Giovanni con la chitarra...
e sembro il menestrello!

Una sera fui chiamato,
per una festa, sotto ad un balcone
il vico Scassacocchi...
primo piano, su un lampione:
la mano mi tremò
questa serenata era per Margherita...
con questa chitarra,
io ora che canti a fare?
per chi si vuole divertire?

Mi chiamano Giovanni con la chitarra...
Perché so cantare tutte le canzoni.
La comitiva allegra e l’emozione
mi fa cantare, piangendo, “Cuore ingrato”...
Per questo pretendente innamorato
ora cade un biglietto appassionato...
e mi ricorda, quando ero io, dal balcone
cadevano zucchine e infamie...
E ora per cantare e suonare con questa chitarra
con la bocca amara e con la fune al collo:
Non m’importa se tu vai, non m’importa se rimani, ti amo, Margareta
Sono io, Giovanni…
 
 
 


Ultima modifica di Rodica Dorina Aretzu il Mar Nov 07, 2017 7:39 pm, modificato 1 volta

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Sab Apr 15, 2017 10:17 pm

1. TITOLO:
 
1956 - SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6615 # Data pubblicazione: 19 Settembre 1956 # Matrici: A12874/B12875 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. RECENSIONE:
 
Scritta da Nicola Salerno (Nisa) e musicata da Giuseppe Fanciulli, la canzone fu presentata per la prima volta al Festival di Napoli del 1956. Originariamente assegnata a Claudio Villa, il brano fu ceduto dal reuccio ad Aurelio Fierro. Con le interpretazioni di Fierro e di Grazia Gresi, il brano si aggiudicò il primo posto al Festival, arrivando ad essere la canzone più gettonata e venduta di quella edizione. Il successo fu tale che per sei settimane di fila si posizionò al primo posto in Hit Parade, ed arrivò ad essere tradotta in varie lingue; tra le versioni straniere quella che spicca è quella francese di Bambino diventata un grande successo della cantante Dalida.
Nello stesso anno il brano ispirò il film Guaglione diretto da Giorgio Simonelli, con Terence Hill (allora Mario Girotti), Dorian Gray, Titina De Filippo; la pellicola fu un successo tale che l'anno successivo fu girato il sequel Non sono più guaglione diretto da Domenico Paolella, con Tina Pica, Sylva Koscina, Nunzio Gallo, Dante Maggio.
Nel 1958 Pérez Prado ne fa una versione strumentale in stile mambo. Mentre, alla fine degli anni settanta, gli Eros 2, ne pubblicano una versione disco infarcita di gemiti femminili, intitolata New Guaglione
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE
 
   
   
 
 
4. TRACK LIST di: SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE
 
Lato A:
SUSPIRANNO ‘NA CANZONE

 
   Lato B:
GUAGLIONE

 
   

Autori: E. De Mura, R. Ruocco, 1956
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SUSPIRANNO ‘NA CANZONE" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
 
Testo dialettaale:
Mo lùceno, ppe me, stelle a migliare,
‘e stelle cchiù lucente ‘e tutt’ ‘e ssere,
e porto nu mistero dint’ ‘o core
‘mpastato ‘e sciure, lacreme e suspire.
Mo lùceno, ppe me, stelle a migliare.

Ritornello:
Mme ne vogl’ í ppe viche e vecarielle,
suspiranno ‘na canzone cu ‘o mandulino.
S’ arápeno feneste e fenestelle
e s’ affaccia chi durmeva a suonno chino.

Chi allucca e chi mme dice:
"‘A vuó’ ferní!
Guaglió’, mannaggia,
ccá s’ ha da durmí!"

Mme perdunate, amice,
ma v’aggi’ ‘a fá sapé
ca i’ sóngo assaje felice
e ca nisciuno è cchiù felice ‘e me.

Amice, chiaro e tunno
i’ mo ve ll’aggi’ ‘a dí,
c’ ‘a femmena cchiù bella ‘e tutt’ ‘o munno,
mm’ ha ditte "sí".

Lle sóngo state attuorno ciento amante,
ll’ hanno fatto vedé, comm’ ‘int’ ‘e cunte,
palazze d’oro e perle ‘e ll’Oriente.
Ca mme vo’ bene, nun se so’ cunvinte.
Lle sóngo state attuorno ciente amante.

Ritornello:
..............
Traduzione italiano:
Ora brillano per me, stelle a migliaia,
le stelle più lucenti di tutte le sere,
e porto un mistero dentro al cuore
impastato di fiori, lacrime e sospiri.
Ora brillano per me, stelle a migliaia.

Ritornello:
Me ne voglio andare per vicoli e vicoletti,
sospirando una canzone con il mandolino.
Si aprono finestre e finestrelle
e si affaccia chi dormiva un sonno pesante.

Chi grida e chi mi dice:
"‘La vuoi finire!
Ragazzo, mannaggia,
quì si deve dormire!"

Perdonatemi, amici,
ma voglio che sappiate
che io sono tanto felice
e che nessuno è più felice di me.

Amici, chiaro e tondo
ora vi debbo dire,
che la donna più bella di tutto il mondo,
mi ha detto "sí".

Le sono stati attorno cento amanti,
le hanno fatto vedere, come nei racconti,
palazzi d’oro e perle d’Oriente.
Che mi vuol bene, non si sono convinti.
Le sono stati attorno cento amanti.

Ritornello:
.................................................
 
   
Autori: Nisa, G. Fanciulli, 1956
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "GUAGLIONE" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
 
Testo dialettale:
Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’ a ‘sta via,
nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
che pecundría!
Gué piccerí, che vène a ddí
‘sta gelusia?
Tu vuó suffrí,
tu vuó murí,
chi t’ ‘o ffá fá...
R:
Curre ‘mbraccio addu mammá,
nun fá ‘o scemo piccerí...
dille tutt’ ‘a veritá
ca mammá te po’ capí...
E passe e spasse sott’ a ‘stu barcone,
ma tu sî guaglione...
Tu nun canusce ‘e ffemmene,
sî ancora accussí giovane!
Tu sî guaglione!...
Che t’hê miso ‘ncapa?
va’ a ghiucá ô pallone...
Che vònno dí ‘sti llacreme?...
Vatté, nun me fá ridere!
R:
Nun ‘e pittá, nun ‘allisciá
‘sti mmustaccielle.
Nun cerca a te, nun so’ pe te
chill’ uocchie belle...
Nun ‘a penzá, va’ a pazziá
cu ‘e gguagliunciélle...
Nun t’avvelí,
c’è tiempo, oje nì,
pe te ‘nguajá!

Chi desidere ‘e vasá,
scordatélla, piccerí,
ca si ‘o ddiceno a papá,
chisá comme va ‘a ferní...
E passe e spasse sott’ a ‘stu barcone,
.........................................................
Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’a ‘sta via...
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù...
chi t’ ‘o ffá fá!...
Traduzione italiano:
Stai sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più,
che tristezza!
Ehi, piccolo, che vuol dire
questa gelosia?
Tu vuoi soffire,
tu vuoi morire,
chi te lo fa fare...
R:
Corri tra le braccia della mamma,
non fare lo stupido, piccolo...
dille tutta la veritá,
che mamma ti può capire...

E passi e ripassi sotto a questo balcone,
ma tu sei un bambino...
Tu non conosci le donne,
sei ancora così giovane!
Tu sei bambino!...
Cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone...
Che significano queste lacrime?...
Vai via, non farmi ridere!

R:

Non li sistemare, non li lisciare
questi baffetti.
Lei non cerca te, non sono per te
quegli occhi belli...
Non pensarla, vai a giocare
con le ragazzine...
Non avvilirti,
c’è tempo, oh bambino
per inguarti!

Chi desideri baciare,
dimenticala, piccolo,
che se lo dicono a papà,
chissá come va a finire...

E passi e ripassi sotto a questo balcone,
.........................................................
Stai sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più...
ma chi te lo fa fare!...
 
 
 


Ultima modifica di Rodica Dorina Aretzu il Ven Dic 08, 2017 6:31 pm, modificato 2 volte

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA (L.P. 33 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Nov 06, 2017 12:29 pm

1. TITOLO:
 
1956 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: LP 070 # Data pubblicazione: Anno 1956 # Matrici: LP 151/LP 160 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 25 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 2 Luglio / Distribuito CETRA – Torino
 
2. RECENSIONE:
 
"FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA"

Nel 1956 Fasuto Cigliano esordisce al Festival della Canzone Napoletana come riassuntore delle canzoni in gara. Ottiene un grande successo tanto che incide e pubblica con la casa discografica CETRA un 33 giri contenente sedici delle venti canzoni che hanno partecipato al festival. L'album si intitola Fausto Cigliano e la sua chitarra ed è il primo della sua lunga carriera. I brani contenuti nel disco sono: Guaglione, Luna nnammurata, Dincello tu, Piccerella, Nun me guarda', 'E rrose d' 'o core, Adduormete, Passione amara, Suspiranno na canzone, Guardanno 'o mare, Nun t'addurmì, Peppeniello 'o trombettiere, Maggio senza rose, 'A palummella, Chitarra mia napulitana, Manname nu raggio 'e sole.
 
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
   
 
   

 
4. TRACK LIST di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
Lato A Lato B

  • A1 GUAGLIONE
  • A2 LUNA 'NNAMMURATA
  • A3 DINCELLO TU
  • A4 PICCERELLA
  • A5 NU' MME GUARDA'
  • A6 E RROSE D' 'O CORE
  • A7 ADDUORMETE
  • A8 PASSIONE AMARA


  • B1 SUSPIRANNO 'NA CANZONE
  • B2 GUARDANNO 'O MARE
  • B3 NUN T'ADDURMI
  • B4 PEPPINIELLO 'O TRUMBETTIERE
  • B5 MAGGIO SENZA ROSE
  • B6 'A PALUMMELLA
  • A7 CHITARRA MIA NAPULITANA
  • B8 MANNAME 'NU RAGGIO 'E SOLE

Premere per ascoltare tutte le canzoni di seguito: Fonte: QUI
 
Lato A: 1
GUAGLIONE

 
      Lato B: 1
SUSPIRANNO 'NA CANZONE

 

   

Autori: Nisa, Fanciulli
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "GUAGLIONE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
E ppasse e spasse sott’a ‘stu barcone,
ma tu sî guaglione...
Tu nun canusce ‘e ffemmene,
sî ancora accussí giovane!
Tu sî guaglione!...
Che t’hê miso ‘ncapa?
va’ a ghiucá ‘o pallone...
Che vònno dí ‘sti llacreme?...
Vatté, nun mme fá ridere!
Chi desidere ‘e vasá,
scordatélla, piccerí,
ca si ‘o ddiceno a papá,
chisá comme va a ferní...

Ragazzo (italiano)
E passi sotto a questo balcone,
ma tu sei solo un ragazzo...
Tu non conosci le donne,
sei ancora troppo giovane!
Tu sei ragazzo!...
Che cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone...
Che significano queste lacrime?...
Ma vai via, non farmi ridere!
Chi vuoi baciare,
dimenticala, ragazzo mio,
che se lo dicono a tuo padre,
chissá come va a finire...
     
Autori: Ruocco, De Mura
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SUSPIRANNO 'NA CANZONE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Mme ne vogl’ í ppe viche e vecarielle,
suspiranno ‘na canzone cu ‘o mandulino.
S’ arápeno feneste e fenestelle
e s’ affaccia chi durmeva a suonno chino.
Chi allucca e chi mme dice:
"‘A vuo’ ferní!
Guaglio’, mannaggia,
ccá s’ ha da durmí!"
Mme perdunate, amice,
ma v’aggi’ ‘a fá sapé
ca i’ sóngo assaje felice
e ccà nisciuno è cchiù felice ‘e me.
Amice, chiaro e tunno
i’ mo ve ll’aggi’ ‘a dí,
c’ ‘a femmena cchiù bella ‘e tutt’ ‘o munno,
mm’ ha ditte "sí".

Sospirando una canzone (italiano)
Me ne voglio andare per vicoli e vicoletti,
sospirando una canzone con il mandolino.
Si aprono finestre e finestrelle
e si affaccia chi dormiva un sonno pesante.
Chi grida e chi mi dice:
"‘La vuoi finire!
Ragazzo, mannaggia,
quì si deve dormire!"
Perdonatemi, amici,
ma voglio che sappiate
che io sono tanto felice
e qui nessuno è più felice di me.
Amici, chiaro e tondo
ora vi debbo dire,
che la donna più bella di tutto il mondo,
mi ha detto "sí".
 
Lato A: 2
LUNA 'NNAMMURATA

 
      Lato B: 2
GUARDANNO 'O MARE

 
   

Autori: De Vinci. Poggiali
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "LUNA 'NNAMMURATA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Poi, luna, luna, lu’…
quanno sponti tu
‘ngopp’ a chistu mare
sî ttenera accussì
ca ce faje murì
suspiranno “ammore”.
‘O mare che po’ fà,
s’add’ ‘a ‘nnammurà,
cagna già ‘e culore.
Oje luna, luna, lu’…
si sponti tu
a Napule.

Luna innamorata (italiano)
Poi, luna, luna, lu’…
quando spunti tu
su questo mare
sei così tenera
che ci fai morire
sospirando “amore”.
Il mare che può fare,
si deve innamorare,
cambia già colore.
O luna, luna, lu’…
se spunti tu
a Napoli.
     
Autori: C. Aurino. A. Staffelli
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "GUARDANNO 'O MARE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Veneno e vanno chest’ onde capriciose
‘ngopp’alla rena ‘nfosa, senza s’arrepusa.
Veneno e vanno e comm’ a te me fanno
ca pure dinto suonno me vien’ a turmentà.

Guardando il mare, di C. Aurino, A. Staffelli
Vengono e vadono queste onde capriciose
sulla sabbia bagnata, senza riposo.
Vengono e vadono e come a te mi fanno
che pure nel sognio vieni a turmentarmi.
Note: "GUARDANNO 'O MARE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Lato A: 3
DINCELLO TU

 
      Lato B: 3
NUN T'ADDURMI'

 
   

Autori: G. Amendola
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "DINCELLO TU" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Dincello tu c’ ‘a voglio sempe bene.
Dincello tu ca non m’ ‘a scorda chiù!
So’ ttale e cquale a tte
ca luci pecchè a tte fa luce ‘o sole.
Dincello tu, fammella riturnà!
Oie luna lu’...
Oie mare ma’...
Fammella riturnà!

Diglielo tu, (italiano)
Diglielo tu che la voglio sempre bene.
Diglielo tu che non me la dimentico più!
Sono tale e quale a te
che luci perchè a te fa luce il sole.
Diglielo tu, fammella ritornare!
Oie luna lu’...
Oie mare ma’...
Fammella ritornare!
     
Autori: Francesco Saverio Mangieri
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "NUN T'ADDURMI'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Nun t'addurmì, si ‘ammore mio nun vene,
aspiettalo, â stess' ora, venarrà!
Te purtarrà doje rrose e ciento spine,
i’ ll'aggio avuto pe ll'eternità.
Si nun me truove quanno sponta 'o sole,
si nun me vide 'o juorno 'nsieme a te,
cunsolate, pecchè sarrà st' ammore,
st' ammore mio, 'a farte cumpagnia.
Nun t'addurmì, si ‘ammore mio nun vene,
aspiettalo, â stess'ora, venarrà!
Si vuò te lasse 'e rrose senza spine.
Ma aspiettame accussì, nun t'addurmì.

Non addormentarti, (italiano)
Non addormentarti, se l‘amore mio non viene,
aspettalo, alla stessa ora, verrà!
Ti porterà due rose e ciento spine,
io l’ho avuto per l'eternità.
Se non mi trova quando spunta il sole,
se non mi vede il giorno insieme a te,
consolati, perchè sarà questo amore,
questo ammore mio, da farti compagnia.
Non addormentarti, se l‘amore mio non viene,
aspettalo, alla stessa ora, verrà!
Se vuoi, ti lasscia le rose senza spine,
ma aspettami così, non addormentarti!
 
Lato A: 4
PICCERELLA

 
      Lato B: 4
PEPPINIELLO 'O TRUMBETTIERE

 
   

Autori: Falcocchio, Mendes
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "PICCERELLA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Piccerella
Teneva 'na vucchella piccerella piccerella,
teneva 'nu nasillo piccirillo piccirillo,
teneva 'na faccella ca pareva 'nu bignè
ed era tutta bella bella bella bella be'.
Duje uocchie ca parlavano, rirevano, cantavano
ma, mentre me guardavano, lucevano, abbruciavano
e s'appicciaje 'stu core,
e 'stu ffuoco non vò passà
e manco cu 'e pumpiere chistu core se stutarrà.
Ah, ah, ah, ‘i che m'ha fatto fà?!
Ah, ah, ah, ‘i che m'ha fatto fà?!
'Na vucchella piccerella,
'nu nasillo piccirillo,
'nu nasillo e 'na vucchella,
piccerella piccerè.

Piccolina (italiano)
Aveva una bocca piccolina piccolina,
aveva un naso piccolino piccolino,
aveva una faccia che sembrava un bignè
ed era tutta bella bella bella bella be'.
Due occhi che parlavano, ridevano, cantavano
ma, mentre mi guardavano, lucevano, bruciavano
e si accese questo cuore,
e questo fuoco non vuole passare
e manco con i pompieri questo cuore si spegnerrà.
Ah, ah, ah, vedi che m'ha fatto fare?!
Ah, ah, ah, vedi che m'ha fatto fare?!
Una bocca piccolina,
bocca piccolina,
un naso e una bocca,
piccolina piccolina.
     
Autori: Alfieri, Grasso, Chiarella
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "PEPPINIELLO 'O TRUMBETTIERE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Peppeniello ‘o trubettiere
quanno passa pe Tuleto
c’ ‘a cappiello â bersagliere
tutt’ ‘o traffico s’arresta,
pure ‘o vigile se scosta
sbatte ‘e mmane e lle fa festa!
Pe nu squillo d’ ‘a trumbetta:
“pe... ppe... pere... perepè... peppè”
fanno assalto â baionetta
tutt’ ‘e ffemmene p’ ‘o vedé.
Una ‘o tira ‘o fiocco blu,
n’ata ‘o piglia p’ ‘o “sciaccò”,
chi lle mena nu sciusciù,
chi nu vaso ardente vò!...
Peppeniello ‘o trubettiere
quanno passa fa stravedé;
dint’ ô core, stu bersagliere,
cara Napule, tene a tte!

Peppeniello, il trombettista (italiano)
Peppeniello il trobettista
quando passa per Toledo
con il cappello alla bersagliere
tutto il traffico s’arresta,
pure ol vigile se scosta
sbatte le mani e gli fa festa!
Per uno squillo della trombetta:
“pe... ppe... pere... perepè... peppè”
fanno assalto lla baionetta
tutte le femmene per vederlo.
Una gli tira il fiocco blu,
un’altra lo piglia per lo “quasco”,
chi gli mena uno “sciusciù”,
chi uno bacio ardente vuole!...
Peppeniello il trobettista
quando passa fa stravedere;
nel suo cuore, questo bersagliere,
cara Napule, tiene te!
 
Lato A: 5
NU' MME GUARDA'

 
      Lato B: 5
MAGGIO SENZA ROSE

 
   

Autori: Malgoni, Mendes
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "NU' MME GUARDA'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Nu’ mme guardà, me faie murì si tu me guarde.
Socchiude solo st’uocchie nire ca nu’ ne pozo suppurtà!
Me faie tremà, me faie sufrì si tu me guarde.
Me scordo pure ‘o nome mio quanno me guarde tu.
Sì, pecché tu sî com’ a ‘na stella,
tu sî ‘na stella ca nun se po’ tuccà.
Nu’ mme guardà,
lassame stà cu sto turmiento!
Nun cerco niente, niente voglio ‘a tte!
Niente pe mme.

Non guardarmi! (italiano)
Non guardarmi, mi fai morire se tu mi guardi.
Socchiudi solo questi occhi neri che non ne posso supportare!
Mi fai tremare, mi fai sufrire se tu mi guardi.
Mi dimentico pure il mio nome quando tu mi guarde.
Sì, petché tu sei come una stella,
tu sei una stella che non si puo toccare.
Non guardarmi,
lasciami stare con questo tormento!
Non cerco niente, niente voglio da te!
Niente per me.
     
Autori: Rendine, De Crescenzo
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "MAGGIO SENZA ROSE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Maggio senza rose, core senz’ammore,
quanta, quanta cose io te cercasse a tte.
Core senza core, vocca senza vocca...
Vocca ca nun tocca è cosa ‘a fà murì!
Maggio nun vo’ credere
ca tu duorme e nun pienze cchiù a mme...
Passa mmiez’ ‘a ll’albere
e all’aucielle addomanna ‘o ppecché?
Maggio senza rose, core senz’ammore
quanta quanta cose io te cercasse a tte...
Scetate, oj bella be’!
E adduormete cu mme!...

Maggio senza rose (italiano)
Maggio senza rose, cuore senz’amore,
quante, quante cose io cercherei a te.
Cuore senza cuore, bocca senza bocca...
Bocca che non tocca è cosa da fare murire!
Maggio nun vuole credere
ca tu dormi e non pensi più a me...
Passa fra gli alberi
e agli uccelli domanda il perché?
Maggio senza rose, cuore senz’ammore
Quante, quante cose io cercherei a te...
Svegliati, oh bella be’!
E addormentati con me!...
 
Lato A: 6
E RROSE D' 'O CORE

 
      Lato B: 6
'A PALUMMELLA

 
   

Autori: Vian, Fiore
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "E RROSE D' 'O CORE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
‘E rrose d' 'o core so’ ‘e suspire d’ammore!
‘E rrose d' 'o core so’ ‘e suspire mie pe tte!
Diceno “Rieste!” a chi se ne va fore...
Diceno “Torna!” a chi nun vò turnà...
Nun siente ca parlano pe mme?...
‘E rrose d' 'o core so’ ‘ preghiere d’ammore!
‘E rrose d' 'o core so’ ‘e suspire mie pe tte!
... Pigliate ‘e rrose e rieste cu mme!

Le rose del cuore, (italiano)
Le rose del cuore sono i sospiri d’amore!
Le rose del cuore sono i sospiri miei per te!
Dicono “Resta!” a chi se ne va...
Dicono “Torna!” a chi nun vuole tornare...
Non senti che parlano per me?...
Le rose del cuore sono preghiere d’amore!
Le rose del cuore sono i sospiri miei per te!
... Prenditi le rose e resta con me!
     
Autori: Vincenzo De Crescenzo, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "'A PALUMMELLA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Ma ca vo’ sta palummella ca me vene a tuzzulià, aaaa... aaaa...
Tupitù, ‘na masciatella, tupitù, me vo’ purtà, aaaa... aaaa...
‘Ngopp ‘e lastre d’ ‘a fenesta, sbatte ‘e scelle pe cchiamà.
Palumme’ vatenne accà, palumme’ vatenne accà!
Sbatte ‘e scelle e ffa ‘na festa, ma ca vo’ ca vene a ffà?!
Vola palumme’, nun me scuccià!
Vola palumme’, nun me scuccià!
Io me pongo ngopp’ a ‘na scella, corro mbraccia ‘a nenna bella,
palummella, palummella, si me dite ‘a verità...
Aaaa... aaaa... aaaa... ‘nzieme a tte voglio vulà!

La farfalla, (italiano)
Ma che vuole questa farfalla che viene a bussare, aaaa... aaaa...
Tupitù, un messaggio, tupitù, mi vuole portare, aaaa... aaaa...
Sulle lastre della finesta, sbatte le ali per chiamare.
Farfalla vai da qua, farfalla vai da qua!
Sbatte le ali e fa una festa, ma perché vuoi venire?!
Vola farfalla, non darmi fastidio!
Vola farfalla, non darmi fastidio!
Io mi metto su una ala, corro mbraccio alla mia bella,
farfalla, farfalla, se mi dici la verità...
Aaaa... aaaa... aaaa... insieme a te voglio volare!
 
Lato A: 7
ADDUORMETE

 
      Lato B: 7
CHITARRA MIA NAPULITANA

 
   

Autori: Cambi, Ciervo
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "ADDUORMETE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Adduormete ‘nu poco ‘n braccio a mme si me vuò bene
e suonnete stu core ca pe tte more ‘e passione.
Cu ‘o viento vanno ‘e fronne p’ ‘o munno,
c’ ‘ammore vanno ‘e vase addò vonno, nce pienze?
‘E guardo e ‘un me stanco d’ ‘e guardà chist’ uocchie doce,
po pienze, e ‘un me stanco d’ ‘o penza, ca so’ ffelice!
‘E vvene me brucciano guardanno te!
Adduormete ‘nu pocco ‘n braccio a mme si me vuò bene

Addormentati (italiano)
Addormentati un poco nelle mie braccia se mi vuoi bene
e sognati questo cuore che per te muore di passione.
Con il viento vanno le foglie per il mondo,
con l’ammore vanno i baci dove vogliono, ci pensi?
Li guardo e nun mi stanco di guardare quest’occhi dolci,
poi penso, e nun mi stanco di pensarlo, che sono felice!
Le vene mi brucciano guardandoti!
Addormentati un poco nelle mie braccia se mi vuoi bene.
     
Autori: Rossi, Nisa
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "CHITARRA MIA NAPULITANA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Chitarra,
stasera canta e sona ‘nziem’ a mme
serenate,
cchiù ddoce e appassiunate…
Tu chiagne e ride,
sî comm’ a ‘na persona,
cumpagna mia, chitarra mia
napulitana.
Stasera,
io voglio ca tu rieste ‘nziem’ a mme
però… nun te fà vedè!
Ce sta ‘na femmena
ch'è assaie gelosa ‘e te…

Chitarra mia napoletana, (italiano)
Chitarra,
stasera canta e suona insieme a me
serenate,
più dolci e appassionate…
Tu piangi e ridi,
sei come una persona,
compagna mia, chitarra mia
napoletana.
Stasera,
io voglio che tu resti insieme a me
però… non farti vedere!
Ci sta una donna
ch’è tanto gelosa di te…
 
Lato A: 8
PASSIONE AMARA

 
      Lato B: 8
MANNAME 'NU RAGGIO 'E SOLE

 
   

Autori: Rossetti, Marotta
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "PASSIONE AMARA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Sole, sole, nun te voglio vedé!
Chiagne, mare, chiagne sempe cu mme!
Bella pe tte ce vo’ ‘n’òmo perduto!
Nun ce suspire ca te po’ accatà...
Oie core, core spezato,
l’ammore già m’ ha lassato...
Bella, bella, siente sta verità:
Si nun vuò bene, che sî bella a ffà?!

Passione amara, (italiano)
Sole, sole, non ti voglio vedere!
Piangi, mare, piangi sempre con me!
Bella per te ci vuole un uomo perduto!
Non ce sospiro che ti può comperare...
Oh cuore, cuore spezato,
l’amore già m’ ha lasciato...
Bella, bella, senti questa verità:
Se non vuoi bene, a che serve essere bella?!
     
Autori: Benedetto, Manlio
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "MANNAME 'NU RAGGIO 'E SOLE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Manname ‘nu raggio ‘e sole, di Tito Manlio, L. Benedetto
Mánname nu raggio 'e sole dint'a na lettera,
nu raggio 'e sole.
Nu poco 'e sole
mme fa sentí ll'ammore.
Pássano pure pe ccá sti vvoce 'e Napule,
però na voce
mme mette 'ncroce.
Mme sta cantanno "Anema e core".
Mm'affogo dint' 'e llacreme cchiù amare,
so’ lacreme cucente tutt' 'e ssere.
A Napule se canta e i' mme ne moro
luntano 'a te.
Mánname nu raggio 'e sole dint'a na lettera,
nu raggio 'e sole.
Nu poco 'e sole
che te po’ custá?

Mandami un raggio di sole (italiani)
Mandami un raggio di sole in una lettera,
un raggio di sole.
Un po' di sole
mi fa sentire l'amore.
Passano anche da qui queste voci di Napoli,
però una voce
mi mette in croce.
Mi sta cantando "Anema e core".
Annego nelle lacrime più amare,
sono lacrime bollenti tutte le sere.
A Napoli si canta e io muoio
lontano da te.
Mandami un raggio di sole in una lettera,
un raggio di sole.
Un po' di sole
cosa ti costa?
 
 


Ultima modifica di admin_italiacanora il Mar Nov 13, 2018 10:41 am, modificato 14 volte (Motivazione : piccerella)
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA (L.P. 33 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Nov 11, 2017 12:21 pm

1. TITOLO:
 
1956 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: LP 071 # Data pubblicazione: Anno 1956 # Matrici: LP 161/LP 162 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 25 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 12 Luglio / Distribuito CETRA – Torino
 
2. RECENSIONE:
 
"FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA"

Nel 1956 Fausto Cigliano, dopo il suo primo LP contenente il riassunto delle 16 canzoni del IV° Festival della Canzone Napoletana, trascorsi 10 giorni, esce con questo secondo album che contiene la raccolta dei primi 78 giri precedentemente incisi.
 
 
 
3. COVER di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
   
 
   
 
4. TRACK LIST di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
 


 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Dic 08, 2017 6:43 pm, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - PUSITANO E' 'NA CANZONA/'A LUNA MIEZ' 'E FRONNE (78 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Nov 13, 2017 6:09 pm

1. TITOLO:
 
1956 - PUSITANO E' 'NA CANZONA/'A LUNA MIEZ' 'E FRONNE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6616 # Data pubblicazione: Settembre 1956 # Matrici: A12876/B12877 # Genere: Pop # Supporto: 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 19 settembre / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
PUSITANO E' 'NA CANZONA

 
      Lato B:
'A LUNA MIEZ' 'E FRONNE

 
     

Autori: Tito Manlio, Francesco Saverio Mangieri
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "PUSITANO E' 'NA CANZONA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
 
Testo:
Casa nascosta d’ ô verde d’ ‘e ffronne,
belle so’ ‘e rrose d’ ‘o frisco ‘e ll’autunno.
Chist’ è ‘o paese cchiù bello d’ ‘o munno,
addò ‘nu core saglie e n’ atu scenne.
Pusitano è ‘na canzona ca se canta a riva ‘e mare,
addò vanno a fà ll’ammore pe ‘sti strade tutte ‘e ssere
‘nammurate a centenare.
Pusitano se vo’ bene pe chest’ aria ca respire,
pe st’addore d’ ‘a frescura,
pe ‘sti vvarche e ‘sti llampare...
pare ‘o quadro ‘e ‘nu pittore.
Dint’ ô silenzio ‘stu nome mio me piace ‘e sentere...
Stanotte Ammore parla cu Ddio ‘mbraccio a ‘na femmena.
Pusitano è ‘na canzona ca te trase dint’ ô core
comme trase’ int’ â scugliera ‘stu tesoro d’ acqua ‘e mare,
ca te porta ‘mbraccio a me.
Pusitano è ‘na canzona!

Positano è una canzone (italiano)
Casa nascosta dal verde delle foglie,
sono belle le rose del fresco autunno.
Questo è il paese più bello del mondo,
dove un cuore sale e un’altro scende.
Positano è una canzone che si canta in riva al mare,
dove vanno a fare l’amore per queste strade tutte le sere
centinaia di innammurati.
Si vuole bene a Positano per quest’ aria che respiri,
per questo odore di freschezza,
per queste barche e queste lampare...
pare il quadro di un pittore.
Mi piace sentire nel silenzio questo nome mio...
Stanotte Amore parla con Dio nelle braccia di una donna.
Positano è una canzona che ti entra nel core
come entra nella scogliera questo tesoro d’ acqua di mare,
che ti porta in braccio a me.
Positano è una canzone!
     
Autori: Tito Manlio, Giovanni D’Anzi
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "'A LUNA MIEZ' 'E FRONNE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
E guardala cu me ‘stu pocc’ ‘e luna,
‘sta luna, miezz ‘e ffronne!
S’ affaccia pe ce dì “Bona fortuna!”,
ce guarda... e s’ annasconne.
St’ ammore, inta ‘sti ssere, che ‘o tratene,
nun vede niente, vede sulo a te.
Se spasse ca perdimm’ ‘o meglio suonno...
‘Sta luna ca ce vede/guarda ‘a miezz ‘e ffronne!

Prima sera ‘a luna me s’ affaccia chianu chiano...
E comm’ è allera! Cu ‘e rraggie sparte ‘e ffronne p’ ‘o giardino,
dint’ a ll’ombra, troppe cose vo’ vedè!
E quanta vote luce ‘nfronte a te!

La luna fra le foglie (italiano)
E guardala con me questo pocco de luna,
questa luna, fra le foglie!
S’ affaccia per dirci “Buona fortuna!”,
ci guarda... e si nasconde.
Quet’ amore, in queste sere, che lo tratiene,
non vede niente, vede solo te.
Si diverte che perdiamo il meglio sonno...
questa luna che ci vede/guarda fra le foglie!

Prima sera la luna mi s’ affaccia piano piano...
E com’ è allegra! Con le raggi taglia le foglie nel giardino,
nell’ombra, troppe cose vuole vedere!
E quante volte luce in fronte a te!
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 6:42 pm, modificato 12 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - CHELLA LLA'/SCUGNIZZO (78 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Nov 14, 2017 3:19 pm

1. TITOLO:
 
1956 - CHELLA LLA'/SCUGNIZZO
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6617 # Data pubblicazione: Settembre 1956 # Matrici: A12878/B12879 # Genere: Pop # Supporto: 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
CHELLA LLA'

 
      Lato B:
SCUGNIZZO

 
     

Autori: V. Bertini, Sandro Taccani, Enzo Di Paola
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "CHELLA LLA’" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
St’ammore me teneva ‘ncatenato,
ma ho detto: "Basta!" e me so’ liberato...
Me pare cchiù turchino ‘o cielo,
me pare cchiù lucente ‘o mare...
e ‘o core canta p’ ‘a felicitá!

Chella llá, chella llá...
mo va dicenno ca me vo’ lassá...
Se crede ca me faccio ‘o sango amaro,
se crede ca ‘mpazzisco e po me sparo!
Chella llá, chella llá...
Nun sape che piacere ca mme fa...
Me ne piglio n’ata cchiù bella
e zetèlla restarrá...
Chella llá, chella llá, chella llá!

Ajere, m’ha mannato ‘nu biglietto
p’ ‘a figlia d’ ‘o purtiere dirimpetto.
Me scrive ca nun è felice
e ca vurría, cu me, fá pace...
ma io me sto gustanno ‘a libbertá!

Quella là (italiano)

Quest’amore mi teneva incatenato,
ma ho detto: "Basta!" e mi sono liberato…
Mi sembra più turchino il cielo,
mi sembra più lucente il mare…
e il cuore canta per la felicità!

Quella là, quella là…
Ora va dicendo in giro che mi vuole lasciare
Crede che mi dispiaccia,
crede che impazzisco e poi mi sparo!
Quella là, quella là…
Non sa che piacere mi fa…
Io ne trovo un’altra più bella
e zitella resterà…
Quella là, quella là, quella là!

Ieri, mi ha mandato un biglietto
per la figlia del portiere di fronte.
Mi scrive che non è felice
e che vorrebbe riappacificarsi con me…
ma io ora sto gustando la libertà!

Quella là, quella là…
Ora va dicendo in giro che mi vuole lasciare
Crede che mi dispiaccia,
crede che impazzisco e poi mi sparo!
Quella là, quella là…
Non sa che piacere mi fa…
Io ne trovo un’altra più bella
e zitella resterà…
Quella là, quella là, quella là!
     
Autori:Armando Romeo
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "SCUGNIZZO’" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Sî ‘mpertinente e ‘nfame,
sî nato pe ‘ngannà,
st ‘uocchie tuoje so’ doje lame
ca ‘stu core vonno ‘mpizzà,

Ritornello:
ma ‘stu core mio tu nun ‘o ‘mpizze,
nun fa niente ca sî scugnizzo.
Scugnizzo, scugnizzo,
comme te pozzo credere?
Primma tu me faje chiagnere
e doppo m’accarizze.
Pecché... scugnizzo?

Comme tu iuoche ô strummolo
tu vuò iucà cu me,
appizze ‘e fficurinnele
e cu ll’uocchie tu guard’a me,...
Ritornello:

Arruobbe sorde e femmene,
cu tanta abilità.
A ciento vocche tennere
ll’ammore tu saje giurà,...
Ritornello:

‘Na macchia rossa ‘mpietto,
‘nterra tu sî caduto;
quaccuno, pe dispietto,
malamente t’avrà cugliuto.
Cuoglieme tu a me, ‘stu core ‘mpizza!
Nun murì, nun murì, scugnizzo!
Scugnizzo, scugnizzo,
comme te pozzo credere?
Primma tu me faje chiagnere
e doppo m’accarizze.
Pecché... scugnizzo?
Cuoglieme tu a me, ‘stu core ‘mpizza!
Nun murì, nun murì, scugnizzo!

Scugnizzo (italiano)

Sei impertinente e infame,
sei nato per ingannare,
questi occhi tuoi sono due lame
che questo cuore vogliono colpire,

Ritornello:
ma questo cuore mio tu non lo colpisci,
non fa niente che sei scugnizzo.
Scugnizzo, scugnizzo,
come ti posso credere?
Prima tu mi fai piangere
e doppo m’accarezzi.
Perché... scugnizzo?

Come tu giochi alla trottola
tu vuoi giocare con me,
tagli i fichi d’india
e con gli occhi tu guardi a me,...
Ritornello:

Rubbi soldi e donne,
con tanta abilità.
A cento bocche tennere
l’amore tu sai giurare,...
Ritornello:

Una macchia rossa in petto,
in terra tu sei caduto;
qualcuno, per dispetto,
malamente t’avrà sorpreso.
Sorprendimi tu a me, questo cuore colpisci!
Non morire, non morire, scugnizzo!
Scugnizzo, scugnizzo,
come ti posso credere?
Prima tu mi fai piangere
e doppo m’accarezzi.
Perché... scugnizzo?
Sorprendimi tu a me, questo cuore colpisci!
Non morire, non morire, scugnizzo!
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 6:44 pm, modificato 10 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - 'NA VOCE 'NA CHITARRA (E.P. 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Nov 14, 2017 6:44 pm

1. TITOLO:
 
1956: 'NA VOCE 'NA CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: EP 0570 # Data pubblicazione: Anno 1956 # Matrici: EP 1195/ EP 1196 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da Cetra - Torino
 
 
2. COVER
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
 


 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Dic 08, 2017 6:44 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - L'AMMORE MIO E' FRANCESE/POSITANELLA (78 e 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Nov 17, 2017 7:16 pm

1. TITOLO:
 
1956 - L'AMMORE MIO E' FRANCESE/POSITANELLA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6661/ SP 10 # Data pubblicazione: Anno 1956 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 e bachelite 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 e 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
L'AMMORE MIO E' FRANCESE

 
      Lato B:
POSITANELLA

 
     

Autori: Cicero, Ugo Calise
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "L'AMMORE MIO E' FRANCESE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
 
Testo:
L' aggio 'ncontrata,
e â primma vista lle parlaje d'ammore
mentre, 'ncantata,
guardava 'a luna ca luceva a mare.
E lle dicette: «Lassate vasà...»,
me responnette: «Je ne comprend pas!».

L' ammore mio nun è napulitano,
ma è ‘na francese, "francese de Paris"
ca parla nu linguaggio tanto strano:
«Je t'aime amour, tu è tres jolie!».
Ma da tre ghiuorne canta appriess’ a mme:
«Me so' 'mbriacata 'e sole, me so' 'mbriacata 'e te!».
E po suspira ancora, sottovoce, accussì:
«Aggio perduto 'o suonno, nun pozzo cchiù durmì!».

Mo s' è 'mparata
e parla meglio 'e me 'o napulitano.
"So’ ‘nammurata...",
m’ ‘o dice e po m' astregne forte 'a mano.
Mentre io lle dico: «C' est jolie comme ça!»,
essa risponne: «Io te vurria vasà...».

L'ammore mio nun è napulitano,
ma è ‘na francese, "francese de Paris"
ca parla ‘nu linguaggio tanto strano:
"Je t'aime amour, tu è tres jolie!".
Ma da tre ghiuorne canta appriess’ a me:
"Me so’ 'mbriacata 'e sole, me so’ 'mbriacata 'e te!"
E po suspira ancora, sottovoce, accussì:
"Aggio perduto 'o suonno, nun pozzo cchiù durmì...".

L'amore mio è francese (italiano)

L' ho incontrata,
e alla prima vista gli parlai d'amore
mentre, incantata,
guardava la luna che luciva a mare.
E gli dissi: «Lasciati baciare...»,
mi rispose: «Je ne comprend pas!».

L' amore mio non è napoletano,
ma è una francese, "francese de Paris"
che parla uno linguaggio tanto strano:
«Je t'aime amour, tu è tres jolie!».
Ma da tre giorni canta dopo me:
«Mi sono ubriacata di sole, mi sono ubriacata di te!».
E poi sospira ancora, sottovoce, così:
«Ho perduto il sonno, non posso più dormire!».

Adesso ha imparato
e parla meglio di me ol napoletano.
"Son innammurata...",
mi dice e poi mi strige forte la mano.
Mentre io gli dico: «C' est jolie comme ça!»,
lei risponne: «Io ti vorrei baciare...».

L'amore mio non è napoletano,
ma è una francese, "francese de Paris"
che parla uno linguaggio tanto strano:
"Je t'aime amour, tu è tres jolie!".
Ma da tre giorni canta dopo me:
«Mi sono ubriacata di sole, mi sono ubriacata di te!».
E poi sospira ancora, sottovoce, così:
«Ho perduto il sonno, non posso più dormire!».
     
Autori: Augusto Cesareo, Ettore Lombardi
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "POSITANELLA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Posì Posì Posì Positanella
tu sî tu sî tu sî tu sî ‘a cchiù bella
e ‘a quanno te vedette riva ‘e mare,
‘a quanno me diceste “Sìssignore!”,
‘a vocca fresca pe te fà vasare
e pe ‘nu vaso te pigliaste ‘o core.
Pe te ce vo’ ‘nu core gruosso assaje,
pe te ce vo’ ‘un core comme ô mare,
comme ô mare...
comm’ a ‘stu mare bello ‘e Pusitano...
ca ce ‘ncanta...
Positanella mia, Positanè...

Te ll’ hê pigliato, seh, te ll’ hê pigliato
e ‘nzieme a ll’ ate cinque ll’ hê mettuto.
‘Nu vaso sulo caro m’ hê custato
e pe ‘stu vaso ‘o core aggiu perduto.
Se dice ca t’ hê fatto ‘na cullana
e ‘a puorte attuorno pe te fà ‘mmirià.
Ma vaje dicenno ca nun vuò curalle,
ca nu’ so’ russe comme ô core nuosto...
‘Sta cullana, addò ‘nserrata mo nce tengo ‘o core...
‘nfunno ô mare, l’aggio ‘a truvà cu te, Pusitanè...

Passa, Pusitanella, ‘o marenaro
e, vucanno, isso canta e pensa a te...

Positanella, (italiano)

Posì Posì Posì Positanella
tu sei tu sei tu sei tu sei la più bella
e da quando te vidi in riva al mare,
da quando mi dicesti “Sì, signore!”,
la bocca fresca per farti baciare
e per un bacio ti prendesti il mio cuore.
Per te ci vuole un cuore tanto grande,
per te ci vuole un cuore come il mare,
come il mare...
come questo mare bello di Positano...
che c’incanta...
Positanella mia, Positanè...

Tu l’hai preso, davvero, tu l’hai preso
e insieme alle altre cinque l’ hai messo.
Un bacio solo caro m’ha costato
e per questo bacio il cuore ho perduto.
Si dice che ti sei fatto una collana
e la porti intorno per farti invidiare.
Ma vai dicendo che non vuoi coralli,
che non sono rossi come il cuore nostro...
Questa collana, dove inserrata adesso sta il mio cuore...
infondo al mare, lo devo trovare con te, Pusitanè...

Passa, Pusitanella, il marinaio
e, vogando, lui canta e pensa a te...
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 6:46 pm, modificato 7 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - 'A RIVULTELLA/CHE M'E' 'MPARATO A FA' (78 e 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Nov 17, 2017 8:06 pm

1. TITOLO:
 
1956 - 'A RIVULTELLA/CHE M'E' 'MPARATO A FA'
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6662 / SP 11 # Data pubblicazione: Novembre 1956 # Matrici: A12992/B12993 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 e bachelite 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 e 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 15 novembre / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:

   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
'A RIVULTELLA

 
      Lato B:
CHE M'E' 'MPARATO A FA'

 
     

Autori: Giovanni Panza, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
 
Testo:
M’aggio accattato ‘na rivultella
si tu me lasse m’aggi’ ‘a sparà!
Chi tene core ‘un cura ‘a pelle,
perciò rifliettece e nun me lassa!
Me rispunniste cu ‘na rèsella:
“Comme te vene, chi t’ ‘o ffa fà?
Si è destinata, si chest’ è ‘a stella,
embè, è inutile ca ‘a vuò cagnà!”
Va llà, vattè!
E io me sparavo proprio pe te...
Cunosco ‘e ffemmene, saccio che è inutile,
quanno se ’mpuntano nun c’è che fà!

M’aggio vennuto ‘sta rivultella
ca nun tenevo che me ne fà.
Tu sî ‘na ’nfame, ma ‘a vita è bella,
è fatta, crìdeme, pe nce spassà!
E mo, penso i’, cu ‘na rèsella:
“Sî stato n’ommo, tira a campà!
Che te ne ‘mporta, si nun è chella,
ciento ati ffemmene te può truvà”...

Va llà, vattè!
Me venno ‘a rivultella pecché
tu nun me lasse e io campo cu te!
Va llà, vattè!

La rivoltella (italiano)

Ho comprato una rivoltella
se tu mi lasci mi sparerò!
Chi ha coraggio (core) non ha paura di rischiare la vita (pelle),
perciò riflettici e non mi lasciare!
Mi rispondesti con una risata:
“Come ti viene, chi te lo fa fare?
Se è destinata, se questa è la situazione,
embè, è inutile che la vuoi cambiare!”
Va là, vattene!
E io mi sparavo proprio per te...
Conosco le donne, so che è inutile,
quanno s’impuntano non ce niente da fare!

Ho venduto questa rivoltella
che non ne avevo bisogno.
Tu sei infame ma la vita è bella,
è fatta, credimi, per divertirsi!
E adesso, penso io, con una risata:
“Sei stato un uomo, vivi!
Che t’importa, si non è quella,
cento altre donne ti puoi trovare”...

Va là, vattene!
Mi vendo la rivoltella perché
tu non mi lasci e io vivo con te!
Va là, vattene!
     
Autori: Dino Verde, Armando Trovajoli
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Testo:
Tu, che mm’ e’ ‘mparato a fa’,
che “Kiss me” vène a di’
“Io te vurria vasà”.
Io, purtánnote cu me,
che t’aggio ditto a fa’
“Só’ ‘nnammurato ‘e te”.

Pecché, vasánnome accussí,
tu mm’ e’ ‘mparato a di’
sti ccose scanusciute.
Capre, Surriento
e ‘sta luna,
se ne só’ ghiute cu te.

Tu, sapenno ‘e nun turna’,
che mm’ e’ ‘mparato a fa’
sti ffrase furastere.
Ammore,
ched è ‘a felicitá
che mm’ e’ ‘mparato a fa’.

‘E stelle da marina,
chella sera,
pareva ce vulessero ‘ncanta’.
Però, ogne stella
ca scenneva a mare,
screveva ‘ncielo: “Addio felicitá”.

Tu, che mm’ e’ ‘mparato a fa’,
che “Kiss me” vène a di’
“Io te vurria vasà”.
Io, purtánnote cu me,
che t’aggio ditto a fa’
“Só’ ‘nnammurato ‘e te”.

Pecché, strignennome accussí,
tu mm’ e’ ‘mparato a di’
sti ccose scanusciute.
Capre, Surriento
e ‘sta luna,
se ne só’ ghiute cu te.

Tu, sapenno ‘e nun turná,
che mm’ e’ ‘mparato a fa’
sti ffrase furastere.
Ammore,
ched è ‘a felicitá,
che mm’ e’ ‘mparato a fá.

Ammore,
ched è ‘a felicitá,
che mm’ e’ ‘mparato a fá
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 6:48 pm, modificato 10 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - SIMMO AMICE/T'AGGIO FATTO 'NA FATTURA (78 e 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Nov 17, 2017 11:25 pm

1. TITOLO:
 
1956 - SIMMO AMICE/T'AGGIO FATTO 'NA FATTURA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6663 / SP 12 # Data pubblicazione: Anno 1956 # Matrici: A12994/B12995 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 e bachelite 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 e 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
SIMMO AMICE

 
      Lato B:
T'AGGIO FATTO 'NA FATTURA

 
     

Autori: Trionfi, Lino Benedetto
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra

Note: "SIMMO AMICE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
 
Testo:
Simmo amice, di Trionfi, Lino Benedetto

‘Nu juorno scuro o ‘na mattina ‘e sole,
chest’ amicizia nosta quann’ è nata,
che me diciste e che te rispunnete,
forse accussì, senza parlà:

Simm’ amice, sultanto amice...
nun simmo ‘nnammurate,
però, sulo cu te i’ so’ felice,
però, si pierde a me nun truove pace.
Ma po si guardo a ‘n’ata,
si ‘n’ato guarda a te,
tu suoffre ‘e pucundria,
io moro ‘e gelusia, senza sapè pecchè...
senza sapè pecchè.

Pe ‘na stagione o pure tutta vita
rimanarranno amice ‘sti dduje core.
Nuje nun sappimmo si tutto chest’ è ammore,
ca tu vuò a me e io voglio a te...

Siamo amici, (italiano)

Un giorno scuro o una mattina di sole,
quest’ amicizia nostra quando è nata,
che mi dicesti e che ti risponsi,
forse così, senza parlare:

Siamo amici, soltanto amici...
non siamo innamorati,
però, solo con te io sono felice,
però, se perdi me non trovi pace.
Ma poi se guardo un’altra,
se un’altro guarda te,
tu soffri di ipocondria,
io muoio di gelosia, senza sapere perchè...
senza sapere perchè.

Per una stagione o pure tutta vita
rimarranno amici questi due cuori.
Noi non sapiamo se tutto questo è amore,
che tu vuoi me e io voglio te...
     
Autori: Lino Benedetto
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra

Note: "T'AGGIO FATTO 'NA FATTURA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
T’aggiu fatto ‘na fattura, di Lino Benedetto, 1956

Purpetié(1), so’ ferraccio(2) ovvero!!!

Sprucida e bella, ca t’aggio incontrata,
e, pe dispieto, tu po me sî piaciuto!
Aggiu perduto ‘a pace, ‘o suonno e ‘a vita
e ‘sta chitarra mia nun canta cchiù...

R:
T’aggiu fatto, lisciu liscio, ‘na fattura all’aglio muscio.
Tu sî tosta, sî chiena ‘e foglie(3),
ma ‘inte braccia mia hê ‘a cadé.
E, passanno pe dint’ ‘o vico, faccio finta ca nun te veco...
Comme ‘o purpo, cu ll’ acqua toja,
tu t’hê ‘a cuocere, picceré!

Sprucida e bella, te veco ogni mattina
pe dint’ ‘o vico, cu n’aria malandrina.
Tu nun ‘o ssaje, tu nun me faje paura!
Chillo c’aspiette, no, nun ce sta cchiù!

R:
Purpetié, so’ ferraccio ovvero!!!

Ti ho fatto una stregoneria, (italiano)

Purpetié, sono come il ferro!!!

Antipatica e bella, che t’ho incontrata,
e, per dispeto, tu poi mi sei piaciuta!
Ho perduto la pace, il sogno e la vita
e questa chitarra mia non canta più...

R:
T’ho fatto, liscio liscio, una stregoneria con l'aglio secco.
Tu sei tosta, sei pazza,
ma fra le mie braccia devi cadere.
E, passando per il vicolo, faccio finta che non ti vedo...
Come il polpo, con l’acqua tua,
tu ti devi cuocere, piccolina!

Antipatica e bella, ti vedo ogni mattina
per il vicolo, con un’aria malandrina.
Tu non lo sai, tu non mi fai paura!
Quello che aspetti, no, non ci sta più!

R:
Purpetié, sono come il ferro!!!

Note: (1) Purpetié = polipetto, mostriciattolo
(2) Ferraccio = ferro fuso non ancora raffinato
(3) Si dice di una pianta che se ha troppe foglie queste impediscono di fare frutta = impazzare, manifestarsi in modo tumultuoso
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 6:51 pm, modificato 6 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - CETRA LPA 85, 'NA VOCE 'NA CHITARRA (L.P. 33 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Nov 17, 2017 11:51 pm

1. TITOLO:
 
1956 - 'NA VOCE 'NA CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: LPA 85 # Data pubblicazione: 15 Novembre 1956 # Matrici: LPA 85-A/LPA 85-B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 25 cm. # Facciate: 2
 
Note: Distribuito CETRA – Torino
 
 
2. RECENSIONE:
 
'NA VOCE 'NA CHITARRA

è il terzo L.P. di Fausto Cigliano ed anche questa è una raccolta di canzoni già incise su 45 giri com'era usanza in quel periodo:
anche questo album, come i precedenti, ottenne un'ottimo successo di vendite:
 
 
3. COVER di: 'NA VOCE 'NA CHITARRA
 
   
 
   
 
4. TRACK LIST di: 'NA VOCE 'NA CHITARRA CHITARRA
 
 


 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Dic 08, 2017 6:47 pm, modificato 4 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA (L.P. 33 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Nov 18, 2017 5:45 pm

1. TITOLO:
 
1957 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: LPA 102 # Data pubblicazione: 13 Maggio 1957 # Matrici: LP 245/LP 246 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 25 cm. # Facciate: 2
 
Note: Sottotitolo "5° Festival della Canzone Napoletana" / Distribuito: CETRA – Torino
 
2. RECENSIONE:
 
"FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA"

Nel 1957 Cigliano ripete l'esperienza al Festival e quella discografica pubblicando una nuova raccolta. L'album è edito sempre dalla casa discografica CETRA e si intitola 5° Festival della canzone napoletana; il che non lascia dubbi sul suo contenuto. Le canzoni contenute nell'album sono: Lazzarella, M''e 'mparato a Cantà, Felicità, Cantammola Sta Canzone, Suonno 'E Fantasia, Serenatella 'E Maggio, Malinconico Autunno, Nnammurate Dispettuse, L'Urtemo Raggio 'e Luna, Storta Va...Diritta Vene, Napule Sole Mio e Passiggiatella.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
   
 
   

 
4. TRACK LIST di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
Lato A Lato B

  • A1 LAZZARELLA
  • A2 M'E' 'MPARATO A CCANTA'
  • A3 FELICITA'
  • A4 CANTAMMOLA STA' CANZONA
  • A5 SUONNO 'E FANTASIA
  • A6 SERENETELLA 'E MAGGIO


  • B1 MALINCONICO AUTUNNO
  • B2 'NNAMMURATE DISPETTUSE
  • B3 L'URTEMO RAGGIO 'E LUNA
  • B4 STORTA VA... DERITTA VENE!
  • B5 NAPULE SOLE MIO
  • B6 PASSIGGIATELLA
 
Lato A: 1
LAZZARELLA

 
      Lato B: 1
MALINCONICO AUTUNNO

 
     

Autori: Domenico Modugno, Riccardo Pazzaglia
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "LAZZARELLA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Ma Lazzarella comme sî?
Tu a me me piace sempe 'e cchiù,
e vengo apposta pe t' 'o ddí,
vicino â scola d' 'o Gesù.
Tu invece me rispunne: "Eggiá,
io devo proprio retta a te.
Pe me ll'ammore po’ aspettá,
che n'aggi' 'a fá? Nun fa pe me".

Ah, Lazzarella.
Ventata 'e primmavera.
Quanno passe tutt' 'e mmatine,
giá te spiecchie dint' 'e vvetrine,
sulo nu cumplimento te fa avvampá.
Ma Lazzarella comme sî,
tu nun me pienze proprio a me,
e ride pe m' 'o ffá capí
ca perdo 'o tiempo appriess' a te.

Lazzarella (italiano)
Ma Lazzarella come sei?
Tu mi piaci sempre di più,
e vengo apposta per dirtelo,
vicino alla scuola del Gesù.
Tu invece mi rispondi: "E certo,
io davo retta proprio a te.
Per me l'amore può aspettare,
che ne devo fare? Non fa per me".

Ah, Lazzarella.
Ventata di primavera.
Quando passi tutte le mattine,
già ti specchi nelle vetrine,
solo un complimento ti fa arrossire.
Ma Lazzarella come sei,
tu non pensi proprio a me,
e ridi per farmelo capire
che perdo tempo con te.
     
Autori: Vincenzo De Crescenzo, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "MALINCONICO AUTUNNO" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Malinconico autunno,
staje facenno cadé
tutt' 'e ffronne d' 'o munno
sulamente pe me.
Chi m'ha lassato pe nun turná,
chisà a che penza, chisà che fa.
Ammore mio,
nun so' stat' io,
sî stata tu.
Pecché? Pecché?
Malinconico autunno,
staje chiagnenno cu me.
Tutt' 'e ffronne d' 'o munno
staje facenno cadé.

Malinconico autunno (italiano)
Malinconico autunno,
stai facendo cadere
tutte le foglie del mondo
soltanto per me.
Chi mi ha lasciato per non tornare,
chissà a cosa pensi, chissà cosa fa.
Amore mio,
non sono stato io,
sei stata tu.
Perchè? Perchè?
Malinconico autunno
stai piangendo con me.
Tutte le foglie del mondo
stai facendo cadere.
 
Lato A: 2
M'E' 'MPARATO A CANTA'

 
      Lato B: 2
'NNAMMURATE DISPETTUSE

 
     

Autori: Vincenzo De Crescenzo, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "M'E' 'MPARATO A CANTA'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
M’ ê ‘mparato a cantà (riasunto), di Gigi Pisano Gino Conte
Nun sapevo cantà,
tu m’ ê fatto cantà, cu ‘na voce ‘e tenore
e mo canto pe te,
mo suspiro pe te, ‘sti parole d’ammore.
St’ uocchie belle, Marì, nun me fanno durmì,
sî ‘a vita mia!
Io so’ nato pe te,
tu sî nata pe me,
famme sunnà e nun me scetà!
Quanno ‘o core te vo’, tu nun dice maie “no”
e astrignemme ‘e ccatene…
‘ncatenato ‘nzeme a te, vicino a te, sempe cu te!

M’ hai insegnato a cantare (italiano)
Non sapevo cantare,
tu m’ hai fatto cantare, con una voce tenorile
e adesso canto per te,
adesso sospiro per te, queste parole d’amore.
Questi occhi belli, Marì, non mi fanno dormire,
sei la vita mia!
Io sono nato per te,
tu sei nata per me,
fammi sognare e non scetarmi!
Quando il cuore ti vuole, tu non dici mai “no”
e strigi le mie catene…
incatenato insieme a te, vicino a te, sempre con te!
     
Autori: Vincenzo De Crescenzo, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "'NNAMMURATE DISPETTUSE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
(canzone scritta per un duetto)
Me voglio cunzulà, voglio abballà, voglio cantà!
‘Nu bellu matrimonio voglio fà!
Si me sposo a Marianinna aggio ‘a casa a Margellina.
E si me sposo a Salvatore salgo e scengo cu ‘o ascensore.
Quanno vaco pe Tuleto porto ‘a sciassa e ‘o servo arretto.
Quanno scengo p’ ‘a Riviera porto ‘a musica e ‘a bennera.
E si me sposo a Maria Agnese faccio ‘o sindaco a ‘o paese.
Si me sposo a Gianbattista so’ ‘a regina ‘e Bellavista.

Innammorati dispettosi (italiano)
Mi voglio consulare, voglio ballare, voglio cantare!
Un bel matrimonio voglio fare!
Se mi sposo con Marianinna ho la casa a Margellina.
E se mi sposo con Salvatore salgo e scengo con l’ascensore.
Quando vado per Toledo porto il frac e il servo dietro.
Quando scengo per la Riviera porto la musica e la bendiera.
E se mi sposo con Maria Agnese faccio lo sindaco nel paese.
Se mi sposo con Gianbattista sono la regina di Bellavista (zona di Portici).
 
Lato A: 3
FELICITA'

 
      Lato B: 3
L'URTEMO RAGGIO 'E LUNA

 
     

Autori: Tito Manlio, Salve D'Esposito
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "FELICITA'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Felicità, te veco accumparè e po scumpare,
me puorte ‘e vvote ‘ncielo e tanta vote ‘a mare.
Comm’ aggi’ a fà pe te tenè cu me ‘na vita sana
e astrignerte cchiù forte ‘a ‘sta catena.
Aiutame a sanà chesta ferita,
nun me scappà d’ ‘e mmane pure ‘sta vota,
nun me scappà!
Felicità, io voglio sulo a te, voce d’ammore,
tu sî gioia e dulore, ma io voglio a te.

Felicità, (italiano)
Felicità, ti vedo comparire e poi scompari,
mi porti a volte in cielo e tanta volte al mare.
Come devo fare per tenerti con me una vita sana
e strigerti più forte di questa catena.
Aiutami a sanare questa ferita,
non mi scappare dalle mani pure questa volta,
non mi scappare!
Felicità, io voglio solo a te, voce d’amore,
tu sei gioia e dolore, ma io voglio te.
     
Autori: R. Fiore, A. Vian
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "L'URTEMO RAGGIO 'E LUNA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
L’urtemo raggio ‘e luna, R. Fiore, A. Vian
Quanno s’addorme l’ urtemo raggio ‘e luna
e Napule se sceta chianu chiano,
chi te tratene si t’ alluntane
pe sempe ‘a me?
Ma chesta luna ca t’ aluntane nun è da vedé.

L’ultimo raggio di luna, (italiano)
Quando s’addorme l’ ultimo raggio di luna
e Napoli si sveglia piano piano,
chi ti tratiene se t’ allontani
per sempre da me?
Ma questa luna che t’ alontani non è da vedere.
 
Lato A: 4
CANTAMMULA STA' CANZONA

 
      Lato B: 4
STORTA VA... DERITTA VENE!

 
     

Autori: Fusco, Carlo Da Vinci
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "CANTAMMULA STA' CANZONA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Cantammola ‘sta canzona c’ addore ‘e mare!
Sunammola ‘sta chitarra ca sceta ‘a luna!
Purtammo ‘sta serenata cu tutto ‘o core
p’ ‘a bionda, p’ ‘a rossa, p’ ‘a bruna!
Scetammole quei suspire ‘e ‘sti nnennie in fiore!
Dicimmoce ‘na parola che fa sunnà:
“ammore”, “ammore”, “ammore”!
Cantammola ‘sta canzona c’ addore ‘e mare!

Cantiamola questa canzone!, (italiano)
Cantiamola questa canzone che odora di mare!
Suonamola questa chitarra che sveglia la luna!
Portiamo questa serenata con tutto il cuore
per la bionda, per la rossa, per la bruna!
Svegliamoli quei sospiri di queste ragazze in fiore!
Diciamoci una parola che fa sognare:
“ammore”, “ammore”, “ammore”!
Cantiamola questa canzone che odora di mare!
     
Autori: Alberto Petrucci/Dionisio Sgueglia, Alfredo Romeo
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "STORTA VA... DERITTA VENE!" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Storta va… deritta vene!, di Alberto Petrucci/ Dionisio Sgueglia, Alfredo Romeo
Storta va, deritta vene,
sempe storta nun po’ ghì,
spisso 'o mmale porta 'o bbene
po’ tardà ma, ha da venì!
Nun me spostano manco 'e ffemmene
si minacciano 'nfamità!
Nun me piglio cchiù n'ombra 'e collera!
Quanta felicità!
Quanta felicità!
Sarrà 'stu sole 'e ‘sta città,
sarrà 'stu mare ca sta ccà,
sarrà chi ‘o ssape che sarrà,
ca tutte 'e gueaje me fa scurda!

Storta va, dritta viene (italiano)
Storta va, dritta viene,
sempre storta nun può andare,
spesso il male porta il bene
può tardà ma, deve venire!
Non mi spostano nemmeno le donne
se minacciano infamità!
Non mi prende nemmeno un’ombra di collera!
Quanta felicità!
Quanta felicità!
Sarà questu sole di questa città,
sarà questu mare che sta qui,
sarà chi lo sa che sarà,
che tutti i guai mi fa dimenticare!
 
Lato A: 5
SUONNO 'E FANTASIA

 
      Lato B: 5
NAPULE SOLE MIO

 
     

Autori: Francesco Saverio Mangeri
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SUONNO 'E FANTASIA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
È suonno e fantasia pe me st’ ammore
si ‘nu penziero nu’ me fa cchiù campà.
È suonno e fantasia chesta passione
si ‘na canzona me vene a suspirà.
E si nun può durmì nuttate sane
e siente cchiù ‘e ‘na smania ‘e vulè bene,
è amore, è suonno e fantasia!
Ma tu ‘sti ccose nun ‘e ppuò capì...

Suonno e fantasia, (italiano)
È sognio e fantasia per me quest’ amore
se un pensiero non mi fa più vivere.
È sognio e fantasia questa passione
se una canzona mi va a sospirare.
E se non puoi dormire nottate intere
e senti più di un desiderio di voler bene,
è amore, è sognio e fantasia!
Ma tu queste cose non le puoi capire...
     
Autori: Domenico Furno', Nino Oliviero
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "NAPULE SOLE MIO" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Napule, sole mio,
tu luce dint’ ‘a ll’uocchie ‘e tutt’ ‘o munno!
Cosa nun vista maje,
‘na primmavera sî, pure si é autunno!
Napule, sole mio,
tu lieve ll’odio e miette ‘a passione
sulo cu ‘nu mutivo ‘e ‘na canzone.

Napoli, sole mio (italiano)
Napoli, sole mio,
tu splendi negli occhi di tutto il mondo!
Una cosa mai vista,
una primvera sei, anche se è autunno!
Napoli, sole mio,
tu togli l’odio e metti la passione
solo con il motivo di una canzone.
 
Lato A: 6
SERENATELLA 'E MAGGIO

 
      Lato B: 6
PASSIGGIATELLA

 
     

Autori: Vincenzo De Crescenzo, Nino Oliviero
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SERENATELLA 'E MAGGIO" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Serenatella ‘e maggio, dille ca s’ arricorda,
ca s’ arricorda ‘o pizzo d’ ‘o ciardino
e ca se stesse accorto,
se stesse accorto ô ccane malandrino!
Zitu zitu, pe piacere, ca sinnò se po’ scetà
don Felice, ‘o ciardeniere, e accummencia a fà Bubbà...
Serenatella ‘e maggio dille ca io stongo ccà
e moro p’ ‘o desiderio ‘e m’ ‘a vasà...
e moro p’ ‘o desiderio ‘e m’ ‘abbraccià...
e moro p’ ‘o desiderio ‘e m’ ‘a spusà...
Serenatella di maggio, (italiano)
Serenatella di maggio, dille che se la ricordi,
che se lo ricordi l’angolo del giardino
e che si stesse accorto,
si stesse accorto al cane malandrino!
In silenzio, per piacere, che altrimenti si può svegliare
don Felice, il giardiniere, e incomincia a far Bubbà...
Serenatella di maggio dille che io sto qua
e muoio dal desiderio di baciarla...
e muoio dal desiderio di abbracciarla...
e muoio dal desiderio di sposarla...
Nota: si riferisce a Bubbà, un personaggio attivissimo dei bassifondi napoletani dell’800, noto per essere invischiato in qualsivoglia traffico o situazione incerta. Se allora qualcosa andava storto si poteva tranquillamente dar la colpa a Bubbà, sicuri che in qualche modo vi fosse implicato. Bubbà assunse quindi, a livello popolare, il ruolo del capro espiatorio e veniva citato in ogni occasione sfavorevole, oggi sta cadendo in disuso.
     
Autori: Nisa, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "PASSIGGIATELLA" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
M’ ‘a voglio fà cu te ‘sta passiggiatella pecché sî bella.
M’ ‘a voglio fà cu te, senza carruzzella, ‘nnammuratella.
Ogni passo ‘nu vasilo, piccerillo comme a te!
Ogni metro ‘nu suspiro, doce doce, ‘mbraccio a me.
Me voglio fà cu te ‘sta passiggiatella pecché sî bella!
‘Nnammuratella mia, ‘nnammuratella...

Passeggiatina, (italiano)
Me la voglio fare con te questa passeggiatina perché sei bella.
Me la voglio fare con te, senza carruzzella, fidanzatina.
Ogni passo, un piccolo bacio, piccolino come te!
Ogni metro un sospiro, dolce dolce, in braccio a me.
Mi voglio fare con te questa passeggiatina perché sei bella.
Fidanzatina mia, fidanzatina...
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 6:58 pm, modificato 5 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - FELICITA'/M'E' 'MPARATO A CCANTA' (78 e 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Nov 21, 2017 5:11 pm

1. TITOLO:
 
1957 - FELICITA'/M'E' 'MPARATO A CCANTA'
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 7773/ SP 113 # Data pubblicazione: 15 Maggio 1957 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 e bachelite 78/45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 e 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
FELICITA'

 
      Lato B:
M'E' 'MPARATO A CCANTA'

 
     

Autori: Tito Manlio, Salvatore D'Eposito
Orchestra: Armando Fragna
 
Note: "FELICITA'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Sî bella e ‘sta bellezza toja, ‘nnucente,
m’ ha fatto assapurà che d’è ll’ammore,
ammore ca da tutto e nu’ da niente
e ca se spasse a stuzzicà ‘nu core.
Tu sî ‘a falicità ca se vo’ bene
pure si tarda vene, o nun ce vene.

Felicità, te veco accumparè e po scumpare,
me puorte ‘e vvote ‘ncielo e tanta vote ‘a mare.
Comm’ aggi’ a fà pe te tenè cu me ‘na vita sana
e astrignerte cchiù forte ‘a ‘sta catena.

Aiutame a sanà chesta ferita,
nun me scappà d’ ‘e mmane pure ‘sta vota,
nun me scappà!

Felicità, io voglio sulo a te, voce d’ammore,
tu sî gioia e dulore, ma i’ voglio a te.

Felicità, (italiano)
Sei bella e questa bellezza tua, innocente,
m’ ha fatto assaporare cos’è l’ammore,
ammore che da tutto e non da niente
e che si diverte a stuzzicare un cuore.
Tu sei la falicità che si vuole bene
pure se viene tardi, o non ci viene.

Felicità, ti vedo comparire e poi scompari,
mi porti a volte in cielo e tanta volte al mare.
Come devo fare per tenerti con me una vita sana
e strigerti più forte di questa catena.

Aiutami a sanare questa ferita,
non mi scappare dalle mani pure questa volta,
non mi scappare!

Felicità, io voglio solo a te, voce d’amore,
tu sei gioia e dolore, ma io voglio te.
     
Autori: Gigi Pisano, Gino Conte
Orchestra: Armando Fragna
 
Note: "M'E' 'MPARATO A CCANTA'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Nun sapevo cantà,
tu m’ ê fatto cantà, cu ‘na voce ‘e tenore
e mo canto pe te,
mo suspiro pe te, ‘sti parole d’ammore.
St’ uocchie belle, Marì, nun me fanno durmì,
sî ‘a vita mia!
Io so’ nato pe te,
tu sî nata pe me,
famme sunnà e nun me scetà!
Quanno ‘o core te vo’, tu nun dice maie “no”
e astrignemme ‘e ccatene…
‘ncatenato ‘nzeme a te, vicino a te, sempe cu te!

M’ hai insegnato a cantare (italiano)
Non sapevo cantare,
tu m’ hai fatto cantare, con una voce tenorile
e adesso canto per te,
adesso sospiro per te, queste parole d’amore.
Questi occhi belli, Marì, non mi fanno dormire,
sei la vita mia!
Io sono nato per te,
tu sei nata per me,
fammi sognare e non scetarmi!
Quando il cuore ti vuole, tu non dici mai “no”
e strigi le mie catene…
incatenato insieme a te, vicino a te, sempre con te!
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 7:10 pm, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - BENE MIO E CORE MIO'/ADELI' NDI NDI (78 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Nov 24, 2017 11:46 pm

1. TITOLO:
 
1957 - BENE MIO E CORE MIO'/ADELI' NDI NDI
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6778 # Data pubblicazione: Maggio 1957 # Matrici: A13114/B13115 # Genere: Pop # Supporto: 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 15 Maggio / Lato B: dal film "Classe di ferro" / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
BENE MIO E CORE MIO

 
      Lato B:
ADELI' NDI NDI

 
     

Autori: Eduardo De Filppo
Orchestra: Armando Fragna
 
 
Testo:
Se tiene ‘o desiderio ‘e ‘na canzone, sa’ che vuo’ fà?...
Càntale ‘e stienne ‘a voce quanno ammore te fa cantà!
Si sto durmenno, me sceto e nun trovo arricietto...
Quanno me songo scetato, me votto d’ ô lietto!
Che staje miezz’ ô mare?
- me mengo! -
Che staje ‘mParaviso?
- ‘nce vengo!... -
Senza scala si voglio... ‘nce saglio!
pecchè saglio, penzanno, si voglio!
Miez’ ê nuvole ‘a strata m’ ‘a sceglio,
me sbaglio, me ‘mbroglio, ma saglio e te piglio!
Sott’ a ll’acqua, sott’ ô viento,
sott’ ô nuce ‘e Beneviento,
pe cantà ‘nzieme cu te:
"Bene mio, core mio!"...
pe cantà ‘nzieme cu te!...

Bene mio e cuore mio (italiano)
Se hai desideri di una canzone, sai che vuoi fare?
Cantala e stendi la voce, quando l'amore ti fa cantare.
Se sto dormendo, mi sveglio, e non trovo pace...
Quando mi sono svegliato mi alzo di scatto dal letto.
Stai in mezzo al mare? Mi tuffo.
Stai in Paradiso? Vengo lì.
Senza scala pure, se voglio, ci salgo.
perché salgo, pensando, se voglio.
In mezzo alle nuvole scelgo la strada,
mi sbaglio, mi imbroglio, ma salgo e ti prendo.
Sotto l'acqua e sotto il vento,
sotto il noce (albero) di Benevento,
per cantare insieme a te:
"Bene mio, cuore mio!"...
per cantare insieme a te!
     
Autori: Tito Manlio, Salve D'Esposito
Orchestra: Armando Fragna
 
Testo:
Chi l’ha vista? Chi l’ha vista?
Chi l’ha vista la mia Adelina?
È scappata da sta mattina alle sette quarantatre.
Se ne andata, se ne jta, se ne jta la bella fata
che indossava quando è scappata un vestito color caffè.
Non per dire gli offrivo spesso uno scatolo d’ananasso
e le giuggiole per la tosse, non sapevo che darle più...
Ed alora perche l’ingrata se n’è scappata, perché perché?

Ritornello:
Adelì ndi ndi, Adelì ndi ndi,
io ti cerco col campanello,
il tuo viso ch’è tanto bello
io lo voglio solo per me!
Adelì ndi ndi, Adelì ndi ndi,
se mi dici dove ti trovi
a Cremona a Livorno a Novi,
alle nove sarò da te.
Questa notte mi son sognato
che tu stavi con me abbracciata
ma poi quando mi son svegliato
stavo solo solo con me...
Adelì ndi ndi, Adelì ndi ndi,
io ti cerco col campanello,
il tuo viso ch’è tanto bello
io lo voglio solo per me!
Adelì ndi ndi, Adelì ndi ndi,
Adelì ndi ndi ndi ndi ndi ndi...

Che bellezza, che freschezza,
che dolcezza la mia Adelina!
La sua faccia di bambolina non la tiene nessun vasa!
Ciento baci, mille baci, quanti baci focosi e belli
che mi dava sui miei capelli non li posso dimenticar...
Le compravo i romanzi gialli, le bustine di camomilla,
la tintura per i capelli, non sapevo che darle più...
Ed allora perché l’ingrata se n’è scappata, perché perché?

Ritornello:
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Dom Nov 25, 2018 10:35 pm, modificato 9 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - FRONNA 'E LIMONE/SENZA VINT'ANNE (78 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Nov 29, 2017 11:17 pm

1. TITOLO:
 
1957 - FRONNA 'E LIMONE/SENZA VINT'ANNE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6778 # Data pubblicazione: Maggio 1957 # Matrici: A13114/B13115 # Genere: Pop # Supporto: 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 15 Maggio / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
FRONNA 'E LIMONE

 
      Lato B:
SENZA VINT'ANNE

 
     

Autori: Tito Manlio, Amleto Alfieri
 
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
     

 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 7:15 pm, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - SOUVENIR D'ITALIE/GUAGLIONE(45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Nov 30, 2017 12:16 pm

1. TITOLO:
 
1957 - SOUVENIR D'ITALIE/GUAGLIONE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 46 # Data pubblicazione: 26 Giugno 1957 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 # Facciate: 2

Note: Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
SOUVENIR D'ITALIE

 
      Lato B:
GUAGLIONE

 
     

Autori: Giulio Scaramicci, Renzo Tarabusi, Lelio Luttazzi
Orchestra: Zeno Vuchelich
 
Note: "SOUVENIR D'ITALIE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Ti lascio paese dei sogni,
paese d’amore,
e porto con me questo piccolo
tuo souvenir.

È solo una bianca conchiglia
con l’eco del mare
che dice all’orecchio sommessa
“Non devi partir”.

Io parto, ma lascio il mio cuore
sul Vomero e a Marechiaro,
e sogno quest’ultima
splendida notte d’amor.

Dimme tu, addò stà, dimme tu,
souvenir d’Italie.
Ch’aggi’ ‘a fa p’ ‘a truvà, dimme tu,
souvenir d’Italie.

Ma pecchè nun me fa cchiù durmì,
solo tu m’ ‘o può di’.
Se n’è gghiuta accussì e me lassa partì,
souvenir, souvenir d’Italie.

Dimme tu, addò stà, dimme tu,
souvenir d’Italie.
Ch’aggi’ ‘a fa p’ ‘a truvà, dimme tu,
souvenir d’Italie.

Ma pecchè nun me fa cchiù durmì,
solo tu m’ ‘o può di’.
Se n’è gghiuta accussì e me lassa partì,
souvenir, souvenir d’Italie.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Nisa, G. Fanciulli
Orchestra: Zeno Vuchelich
 
Note: "GUAGLIONE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’ a ‘sta via,
nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
che pecundría!
Gué piccerí, che vène a ddí
‘sta gelusia?
Tu vuó suffrí,
tu vuó murí,
chi t’ ‘o ffá fá...
R:
Curre ‘mbraccio addu mammá,
nun fá ‘o scemo piccerí...
dille tutt’ ‘a veritá
ca mammá te po’ capí...
E passe e spasse sott’ a ‘stu barcone,
ma tu sî guaglione...
Tu nun canusce ‘e ffemmene,
sî ancora accussí giovane!
Tu sî guaglione!...
Che t’hê miso ‘ncapa?
va’ a ghiucá ô pallone...
Che vònno dí ‘sti llacreme?...
Vatté, nun me fá ridere!
R:
Nun ‘e pittá, nun ‘allisciá
‘sti mmustaccielle.
Nun cerca a te, nun so’ pe te
chill’ uocchie belle...
Nun ‘a penzá, va’ a pazziá
cu ‘e gguagliunciélle...
Nun t’avvelí,
c’è tiempo, oje nì,
pe te ‘nguajá!

Chi desidere ‘e vasá,
scordatélla, piccerí,
ca si ‘o ddiceno a papá,
chisá comme va ‘a ferní...
E passe e spasse sott’ a ‘stu barcone,
.........................................................
Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’a ‘sta via...
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù...
chi t’ ‘o ffá fá!..

Bambino (italiano)

Stai sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più,
che tristezza!
Ehi, piccolo, che vuol dire
questa gelosia?
Tu vuoi soffire,
tu vuoi morire,
chi te lo fa fare...
R:
Corri tra le braccia della mamma,
non fare lo stupido, piccolo...
dille tutta la veritá,
che mamma ti può capire...

E passi e ripassi sotto a questo balcone,
ma tu sei un bambino...
Tu non conosci le donne,
sei ancora così giovane!
Tu sei bambino!...
Cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone...
Che significano queste lacrime?...
Vai via, non farmi ridere!

R:

Non li sistemare, non li lisciare
questi baffetti.
Lei non cerca te, non sono per te
quegli occhi belli...
Non pensarla, vai a giocare
con le ragazzine...
Non avvilirti,
c’è tempo, oh bambino
per inguarti!

Chi desideri baciare,
dimenticala, piccolo,
che se lo dicono a papà,
chissá come va a finire...

E passi e ripassi sotto a questo balcone,
.........................................................
Stai sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più...
ma chi te lo fa fare!..
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 7:18 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - ARMSTRONG/CALYPSO IN THE RAIN (78 e 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Dic 18, 2017 9:56 pm

1. TITOLO:
 
1957 - ARMSTRONG/CALYPSO IN THE RAIN
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6844 # Data pubblicazione: Settembre 1957 # Matrici: A13660/B13559 - SPC 0110/SPC 0111 # Genere: Pop # Supporto: Bachelite/Vinile 78 giri e 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7,5 / 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 20 Settembre / dal film "Classe di ferro" (1958), un film di Turi Vasile, con Madeleine Fischer, Renato Salvatori, Vincente Parra, Rosario Borelli, Maria Teresa Vianello, Nino Besozzi / W Broadie è lo pseudonimo di Lelio Luttazzi / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
ARMSTRONG

 
      Lato B:
CALYPSO IN THE RAIN

 
     

Autori: Vincenzo de Crescenzo, Furio Rendine
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "ARMSTRONG" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
 
 
Testo:
Armstrongh, Armstrongh,
mo nun può cchiù sunà.
Armstrongh, Armstrongh,
ll’ammore fa sbaglià,
all’angule ‘e ‘na strada
‘sta tromba s’ è stunata
E, comme fatta a vino,
sona ‘a forza d’ ‘o destino.
Armstrongh, Armstrongh,
chi te l’ha fatto fà?!
‘O chiamarono Armstrongh
‘e teatre ‘e varietà,
quanno sunava ‘a tromba,
faceva ‘ncantà.
Ma perdette ‘a capa pe ‘na ballerina,
‘na culumbrina senza scrupele e pietà.

‘E chella vocca bella
te resta ‘na resella
e ‘o signo d’ ‘o russetto
quanno vase ‘o fazzuletto...
Armstrongh, Armstrong,
ma che t’ ‘o vasa ‘a fà?!
Armstrongh,
Zuzuzuzuzuzuzu… (imitando Louis Armstrong)
oh yes!!!

Armstrongh (italiano)
Armstrongh, Armstrongh,
adesso non puoi più suonare.
Armstrongh, Armstrongh,
l’amore fa sbagliare,
all’angolo di una strada
questa tromba s’ è stonata
e, come ubriacata,
suona “La forza del destino”.
Armstrongh, Armstrongh,
chi te l’ha fatto fare?!
Lo chiamarono Armstrongh
i teatri di varietà,
quando suonava la tromba,
faceva incantare.
Ma perse la testa per una ballerina,
una farfallina senza scrupule e pietà.

Di quella bocca bella
ti resta una risata
e il segno del rossetto
quando bacia il fazzoletto...
Armstrongh, Armstrong,
ma chi te lo fa baciare?!
Armstrongh!
Zuzuzuzuzuzuzu… (imitando Louis Armstrong)
oh yes!!!
     
Autori: W. Broadie, Lelio Luttazzi
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "CALYPSO IN THE RAIN" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
 
Testo:
In Polinesia c’è un’isoletta ancor
dove la gente se ne sta beatamente
appisolata in mezzo ai fior.
Pensa a far l’amor, amor, amor,
pensa a far l’amor, amor, amor.
Non hanno il bagno, ma, ciasciun la doccia fa
sotto la pioggia, canticchiando allegramente
quel calypso che ha nel cuor
e che dice amor, amor, amor
e che dice amor, amor, amor.

Saputo questo fatto, sapete cos’ha a fatto
il famoso Frankie Laine?
Ha fatto una canzone,
un vero successone,
che si chiama “Calypso In The Rain”.
Cha-cha-cha-cha-cha, questo è il calypso,
cha-cha-cha-cha-cha, di Frankie Laine!
Se c’è un sol che incanta,
non si canta,
perché questo è il “Calypso In The Rain”!
Cra-cra-cra-cra-cra, fa la cornacchia,
ta-ta-ta-ta-ta, spara John Waine,
ma se romba il tuono, io lo suono,
perché questo è il “Calypso In The Rain”!...
La la la la la la la…
This is calypso! This is “Calypso In The Rain”!
Cha-cha-cha-cha-cha, this is calypso,
cha-cha-cha-cha-cha, by Frankie Laine!
It’s the sign of shining, you can sing it,
just becouse this is “Calypso In The Rain”!
Cha-cha-cha-cha-cha,
these skys are droping,
cha-cha-cha-cha-cha,
on my long plain,
everything is right boy, quite all right boy,
just becouse this is “Calypso In The Rain”!
La la la la la la la la la…
This is calypso! This is “Calypso In The Rain”!
It’s my calypso!

Calypso In The Rain (italiano)

Questo è calypso! Questo è “Calypso sotto la pioggia”!
Cha-cha-cha-cha-cha, questo è calypso,
cha-cha-cha-cha-cha, di Frankie Laine!
È il segno che risplende, puoi cantarlo,
solo perché questo è "Calypso sotto la pioggia"!
Cha-cha-cha-cha-cha,
questi cieli stanno calando,
cha-cha-cha-cha-cha,
sulla mia lunga pianura,
tutto è giusto, ragazzo, proprio giusto, ragazzo,
solo perché questo è "Calypso sotto la pioggia"!
La la la la la la la ...
Questo è capypso! Questo è "Calypso sotto la pioggia"!
È il mio calypso!
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 7:20 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO e altri: 1957 - SOUVENIR D'ITALIE (E.P. 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Dic 19, 2017 9:54 pm

1. TITOLO:
 
1957: SOUVENIR D'ITALIE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: EP 0604 # Data pubblicazione: Anno 1957 # Matrici: EP 1285/ EP 1286 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2
 
Note: Lato B 1: canta Marisa Del Frate / Lato B ": canta Gino Latilla / Distribuito da Cetra - Torino
 
 
2. COVER
 
   
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A Lato B



  • B1 MALINCONICO AUTUNNO
  • B2 LAZZARELLA
 


 
 
Lato A: Canta MARISA DEL FRATE
MALINCONICO AUTUNNO

 
      Lato B: Canta GINO LATILLA
LAZZARELLA

 
     

Autori: Rendine, De Crescenzo
Orchestra: Armando Fragna
 
Testo:
Erano verde…
erano verde ‘e ffronne.
E mo, só’ comme suonne perdute…
e mo, sóngo ricorde ‘ngiallute…
Dint’a chest’aria ‘e lacreme
‘e stó’ guardanno…
Cu ‘o viento se ne vanno
pe’ nun turná maje cchiù…

Malinconico autunno,
staje facenno cadé
tutte ffronne do munno
sulamente pe’ me…
Chi mm’ha lassato pe’ nun turná,
chisà a che penza…chisà che fa…
Ammore mio,
nun só’ stat’io…
si’ stata tu!…
Pecché?…Pecché?…
Malinconico autunno,
staje chiagnenno cu me…
Tutte ffronne do munno
staje facenno cadé…

Dint’a ‘sta villa,
ll’aspetto fin’â sera,
vicino a ‘sta ringhiera, penzanno
a ‘e ccose ca diceva giuranno…
Mme pare ancora ‘e sèntere:
“Si’ ‘a vita mia…
‘Sta vita che sarría
s’io nun tenesse a te!?”

Malinconico autunno….

Finale:

Chi mm’ha lassato pe’ nun turná,
chisà a che penza…chisà che fa…
Ammore mio,
nun só’ stat’io…
si’ stata tu!…
Pecché?…pecché?…

Malinconico autunno,
a chest’ora addó’ sta?…

versione intera:

erene verde erene verde ‘e fronne
e mo’ so’ comm’a suonne perdute
e mo’ song’ ricord’ ‘ngiallute
int’a chest’aria ‘e lacreme
‘e sto guardanne
co’ viente se ne vanne
pe’ nun turna’ mai cchiu’

Malinconico autunno
staje facenne care’
tutt’e fronne do’ munno
sulamente pe’ mme
chi m’ha lassate pe’ nun turna’
chi sa che penze chi sa che fa
ammore mio nun so’ state io
si’ state tu

Malinconico autunno
staje chiagnenne cu’ mme
tutt’e fronne do’ munno
staje facenne care’

dint’a sta villa
t’aspette fin’a sera
vicin’a sta ringhiera appizzato
‘e cose che diceve giurannele
me pare ancora ‘e sentere
si’ ‘a vita mia
sta vita che sarrìa
si nun tenesse a tte
Malinconico autunno
staje facenne care’
tutt’e fronne do’ munno
sulamente pe’ mme

Malinconico autunno
staje chiagnenne cu’ mme
tutt’e fronne do’ munno
staje facenne care’

chi m’ha lassate pe’ nun turna’
chi sa che penze chi sa che fa
ammore mio nun so’ state io
si’ state tu

Malinconico autunno
a chest’ora addo’ staje

Malinconico autunno
i’ t’aspette sto cca’
 
Fonte: QUI
     
Autori: Pazzaglia, Modugno
Orchestra: Cinico Angelini
 
Testo:
Ch’e libbre sott’o’ braccio,e ‘a camicett’a fiore blu’
vuo’ fa’,a signurinella
‘nnanza scola pure tu
te pigli’a sigaretta quann’e ccatte pe’ papa’
te miette ggia’,’o russetto
comme vir’e fa’,’a mamma’
lazzare’
ma lazzarella comme si
a ‘mme’ me piace semp’e cchiu’
e veng’apposta pe’ to’ ddi’
vicina scola do’ gesu’
tu,invece me rispunn’e gia’
io devo rett proprio’a te
pe’ ‘mme’ l’ammore po’ aspetta’
che ‘nnaggia’ fa
nun fa pe’ ‘mme’!
ah, lazzarella, ventat’e primmavera
quanno passe tutt’e matine
gia’ te spiecchie dint’e vetrine
sul ‘nu’ cumplimento te fa avvampa’
ma lazzarella comme si
tu, nun me’ piezo propri’a mme’
e rire pe’ mmo’ fa capi’
ca’ perdo tiemp’appriess’a tte’
mo’ vene ‘no’ studente
‘nnanz’a scola do’ gesu’
te va sempe cchiu’ strett’a camicett’a fiore blu’
te piglie quatt schiaffe
tutt’e vote ca’ papa’
te trova ‘nu’ biglietto ca’ te scrive chillu lla’
lazzare’!!
ma lazzarella comme si
ce si’ caduta pure tu
l’ammore nun te fa mangia’
te fa suffri’ te fa penza’
‘na sera tu lle’ dice no
‘na sera tu lle’ dice mma’?
ma si’ nu’ vase te vo’ da’
fai segn’e si senza parla’
ah, lazzarella ‘o tiempo comme vola
mo’ te truove tutt’e matine
chin’e lacreme ‘stu’ cuscino
manco ‘na’ cumpagnella te po’ aiuta’
ma lazza rella comme si’
te si’ cagnata pure tu
e te prepar’a ddi’ ‘stu’ si
ma din’t’a chiesa do’ gesu’!!
lazzare’
lazzarella mia!!!!!
 
Fonte: QUI
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 7:21 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA (E.P. 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Dic 19, 2017 9:56 pm

1. TITOLO:
 
1957 - FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: EP 0604 # Data pubblicazione: Anno 1957 # Matrici: EP 1327/EP 1328 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7,5 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 9 Novembre / Distribuito CETRA – Torino
 
 
2. COVER di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
   
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST di: FAUSTO CIGLIANO E LA SUA CHITARRA
 
 


 
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1957 - 'NNAMMURAMMECE/INDOVINA COS'E' (78 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Dic 19, 2017 11:20 pm

1. TITOLO:
 
1957 - 'NNAMMURAMMECE/INDOVINA COS'E'
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6869 # Data pubblicazione: Dicembre 1957 # Matrici: A13769/B13771 # Genere: Pop # Supporto: 78 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2

Note: Data Matrici 9 Dicembre / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
'NNAMMURAMMECE

 
      Lato B:
INDOVINA COS'E

 
     

Autori: Dino Verde, Lelio Luttazzi
Orchestra: Armando Del Cupola e il suo complesso
Note: "'NNAMMURAMMECE" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:

‘Nnammurammoce, ‘nnammurammoce!
Famme sperdere p’ ‘o cielo ‘nzieme a te!
Affittamoce ‘na casa piccerella
‘ncopp’ a cchiù bella ‘e tutte ‘e stelle.

‘Nascunnimmoce,
quanno ‘e nnuvole ce arravogliano
pe nun ce fà guardà...
e fermiamoce addò sta ll’arcobaleno,
addò nisciuno vene a curiosà...

Io nun te l’agiu dito,
tu nun ‘o può sapé,
ma ‘ammore, zittu zitto,
sta sunnanno cu te,
sta cantanno cu te.
‘Nammurammoce... ‘nammurammoce!
Nun sciupammo ‘sta ’atu pocco ‘e giuventù!
Pe tutt’ ‘a vita o pe n’ora,
pe sempe o pe stasera,
ma ‘nammurammoce,
nun suffrimmo cchiù!

Innamoriamoci (italiano)
Innamoriamoci, innamoriamoci!
Fammi disperdere per i cieli insieme a te!
Affittiamoci una casa piccolina
sulla più bella di tutte le stelle.

Nascondiamoci,
quando le nuvole ci arravogliano
per non farci guardare...
e fermiamoci dove sta l’arcobaleno,
dove nessuno viene a curiosare...

Io non te l’ho detto,
tu non lo puoi sapere,
ma l‘amore, zitto,
sta sognando con te,
sta cantando con te.
Innamoriamoci, innamoriamoci!
Non sciupiamo questa altro pocco di gioventù!
Per tutta la vita o per un’ora,
per sempe o per stasera,
ma innamoriamoci, non soffriamo più!
     
Autori: Gigi Pisano, Furio Rendine
Orchestra: Armando Del Cupola e il suo complesso
Note: "INDOVINA COS'E'" è cantata in napoletano... A seguire la traduzione in italiano.
 
Testo:
‘Nnammurammece (D. Verde, Lelio Luttazzi) Armando Del Cupola e il suo complesso/ Indovina cos’è (Gigi Pisano, Furio Rendine)

Indovina cos’è, di Gigi Pisano, Furio Rendine, 1957
Donna, non vidi mai, più bella di te!
Donna, non incontrai... sss... più bona di te!
Tu sî tutta perfetta da sopra in giù,
tu sî ‘na statuetta da sotto in su.
Tieni ‘o naso piccerillo, ‘e capille ricciulille,
tieni ‘e rrecchie aggraziatelle
e ‘na bella vaverella...

Ritornello:
E po tiene ‘nata cosa
‘nata cosa che odora di rosa
e che rosa che rosa nun è,
indovina, indovina cos’è!
E ‘na vocca, è ‘na vocca
dal sapore d’albicocca
e, c’ ‘a sera ca me cocco,
prego sempe a santu Rocco
Ca me la da fà sunna...
Sì, me la da fà sunna!
Uè! Me la da fà sunna...
Questa vocca cianciosa callosa
che odora di ro-o-o-o-sa!

Cuollo, che biano cuollo che tieni Memé!
Chist’è ‘nu capecuollo ch’è fatto pe me!
Tu sî bella strabella bellissima!
Tu sî ‘na sfugliatella, sî ‘nu babbà!
Tieni ‘a pelle delicata,
una faccia di pupata
ed un nievo di velluto...
in un posto annascunnuto...

Ritornello:
(Questa vocca smaniosa sfiziosa
purposa e addiro-o-o-o-sa!)

Indovina cos’è, (italiano)
Donna, non vidi mai, più bella di te!
Donna, non incontrai... sss... più buona di te!
Tu sei tutta perfetta da sopra in giù,
tu sei una statuetta da sotto in su.
Hai il naso piccolino, i capelli ricciolini,
hai le orecchie graziose
e un bel mento piccolino...

Ritornello:
E poi hai un’altra cosa,
altra cosa che odora di rosa
e che rosa che rosa non è,
indovina, indovina cos’è!
E una bocca, è una bocca
dal sapore d’albicocca
e, che la sera quando mi corico,
prego sempre a santo Rocco
di farmela sognare...
Sì, di farmela sognare!
Uè! Di farmela sognare...
Questa bocca vezzosa callosa
che odora di ro-o-o-o-sa!

Collo, che biano collo che hai Memé!
Questo è un capicollo ch’è fatto per me!
Tu sei bella strabella bellissima!
Tu sei una sfogliatella, sei un babà!
Hai la pelle delicata,
una faccia di bambola
ed un nevo di velluto...
in un posto nascosto...

Ritornello:
(Questa bocca smaniosa sfiziosa
provocante e odoro-o-o-o-sa!)
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Ott 01, 2018 7:23 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2852
Punti : 2852
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum