Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



gruppo Italia Canora

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________

_____________________



___________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks

_____________________

< ho la sclerosi multipla >


Condividiamo tutto sulla malattia

____________________________



________________________


________________________


________________________


________________________

Chi è online?
In totale ci sono 119 utenti online: 2 Registrati, 0 Nascosti e 117 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

admin_italiacanora, mauro piffero

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 1890 il Dom Nov 03, 2019 11:13 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classifica
sito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner



Motori ricerca


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: EDOARDO BENNATO

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  VIOLONE 1950 il Mar Apr 16, 2013 10:50 am



Di seguito viene riportata la discografia completa di EDOARDO BENNATO

INDICE



45 giri

1966 - Era solo un sogno/Le ombre (Parade, PRC 5017, 7")
1969 - Marylou/La fine del mondo (Numero Uno, ZN 50004, 7")
1970 - 1941/Vince sempre l'amore (Numero Uno, ZN 50024, 7")
1971 - Good Bye Copenaghen/Marjorie (Numero Uno, ZN 50123, 7")
1973 - Detto tra noi/Non farti cadere le braccia (Dischi Ricordi, SRL 10.701, 7")
1974 - Salviamo il salvabile/Ma che bella città (Dischi Ricordi, SRL 10714, 7")
1974 - Meno male che adesso non c'è Nerone/Parli di preghiere (Dischi Ricordi, SRL 10.745, 7")
1975 - Feste di piazza/Io per te Margherita (Ricordi, SRL 10.788, 7")
1976 - Cantautore/Venderò (Dischi Ricordi, SRL 10822, 7")
1976 - Franz è il mio nome/Viva la guerra (Dischi Ricordi, SRL 10828, 7")
1977 - Il gatto e la volpe/Mangiafuoco (Dischi Ricordi, JB 120, 7")
1980 - Restituiscimi i miei sandali/Così non va, Veronica (Dischi Ricordi, JB 181; pubblicato solo in versione juke-box, 7")
1981 - E invece no/Canta appress' à nuie (Dischi Ricordi, SRL 10.939, 7")
1982 - Nisida/'A freva a quaranta (Dischi Ricordi, SRL 10.966, 7")
1984 - È Goal (Dischi Ricordi)
1984 - È arrivato un bastimento/Sarà falso, sarà vero (Dischi Ricordi/Tutto, EBNP 9; allegato alla rivista Tutto Musica e Spettacolo, 7")
1985 - Zero in condotta/Kaiwanna (Dischi Ricordi, JB 301, 7")
1985 - Guarda là/In cerca del futuro (Dischi Ricordi, JB 305, 7")
1987 - Ok Italia/Era una festa (Virgin, 7")
1989 - Viva la mamma/Abbi dubbi (Virgin, 7")
1989 - Vendo Bagnoli/ZEN (Virgin, VIN 45319, 7")
1989 - Abbi dubbi rock club/Abbi dubbi special/ABbi dubbi dub (Virgin, ADEB 919, Mix 12")
1989 - Abbi dubbi (Rock Version)/Viva la mamma/Abbi dubbi (Virgin, EBSIN 249 CD)
1990 - Un'estate italiana / Un'estate italiana versione karaoke (Virgin, VIN 45312 con Gianna Nannini, 7")
1992 - Il paese dei balocchi/Buon compleanno bambina (Virgin, VIN 45330, 7")
1993 - Tu chi sei?/Eugenio (Virgin, 8 91983-2, 7")
1995 - Mare chiaro, mare scuro (EMI Italiana, 086 1796002, CD)
1998 - Sbandato (CD)
1999 - Finestre/T'amo/L'isola che non c'è (Warner Fonit, CD)
2000 - Sembra ieri (Warner Fonit, PR 02293, CD)
2001 - Puramente Casuale/Tema di Gimondi/Puramente Casuale-strumentale (Wea, CD)
2003 - Stop America (CD)
2003 - Ritorna l'estate (CD)
2006 - Notte di mezza estate (con Alex Britti) (Universal Domestic, CD)
2010 - È lei (Universal Italia, CD)
2010 - Perché (feat. Morgan, CD) (Universal Music)
2011 - La mia città (CD)
2012 - Il meglio arriverà (con i Finley, CD)
2012 - Credo solo a te (CD)
2013 - Al Diavolo il Grillo Parlante (CD)
2015 - Io vorrei che per te (CD)


Album in studio

1973 - Non farti cadere le braccia (Ricordi, SMRL 6109)
1974 - I buoni e i cattivi (Ricordi, SMRL 6129)
1975 - Io che non sono l'imperatore (Ricordi, SMRL 6149)[1]
1976 - La torre di Babele (Ricordi, SMRL 6190)
1977 - Burattino senza fili (Ricordi, SMRL 6209)
1980 - Uffà! Uffà! (Ricordi, SMRL 6269)
1980 - Sono solo canzonette (Ricordi, SMRL 6279)
1983 - È arrivato un bastimento (Ricordi EB5509)
1985 - Kaiwanna (Ricordi EB79); [in alcune versioni CD è stata aggiunta come nona traccia Nisida (singolo del 1982), in altre E invece no (singolo del 1981)].
1987 - OK Italia (Virgin, EBLP 09)
1989 - Abbi dubbi (Virgin, EBLP 955)
1992 - È asciuto pazzo 'o padrone (Virgin VDI 135, con lo pseudonimo Joe Sarnataro; registrato insieme ai Blue Stuff; ristampato nel 2004 dalla Cheyenne Records, CYR 014)
1992 - Il paese dei balocchi (Virgin VDI 136)
1994 - Se son rose fioriranno[2] (Virgin 8 39665 2) (ripubblicato nel 1995 con 2 brani addizionali)
1995 - Le ragazze fanno grandi sogni[2] (EMI 7243 8 35567 2 4) (Pubblicato anche in vinile in 1.700 esemplari dalla EMI, 7243 8 35567 1 7)
1998 - Sbandato[2] (Fonit-Cetra CDL 420)
2003 - L'uomo occidentale[2] (WEA 5050466486424)
2010 - Le vie del rock sono infinite[2] (Mercury 0602527350769)
2015 - Pronti a salpare[2] (Universal)


Extended Play

1988 - Il gioco continua (mini LP; Virgin 55EB 109)


Album dal vivo

1984 - È goal! (Edoardo Bennato live) (Ricordi EB 5519) (Con un inedito)
1987 - Edoardo live (Virgin, 2EB 209)
2001 - Edoardo Bennato. Live RTSI (RTSI Music: registrazioni del 1979)(Sony Music Italia)
2006 - ...Io c'ero... (Cheyenne Records, CYR 018; registrato dal vivo il 26 gennaio 1976 al "Tenda circo" di Roma)
2007 - Canzoni Tour 2007 (Cheyenne Records, CYR 021; registrato dal vivo in studio dei brani suonati dal vivo nel 2007)
2008 - Canzoni Tour 2008 (Cheyenne Records, CYR 024; registrato dal vivo, nuove registrazioni in presa diretta e 3 inediti 2008)
2010 - MTV Classic Storytellers (Universal Music)
2011 - Canzoni Tour 2011 (Cheyenne Records CD+DVD dal vivo;contiene l'inedito "Italiani" composto per celebrare i 150 anni dell'unità d'Italia)
2012 - Edoardo Live Tour 2012 (Cheyenne Records CD doppio dal vivo;contiene il brano "Un'estate italiana" lo storico inno dei mondiali 1990 mai pubblicato dal vivo sino ad oggi)


Raccolte
- Antologie riarrangiate

1990 - Edo rinnegato (Reincisione con arrangiamenti acustici di vecchie canzoni) (Virgin EDO 559)
1996 - Quartetto d'archi (Reincisione di vecchie canzoni con il quartetto d'archi Solis string Quartet) (Fonit-Cetra CDL 414)
2001 - Afferrare una stella (2 CD) (Virgin 8573886422)
2005 - La fantastica storia del Pifferaio Magico (Duetti di vecchie canzoni con due inediti) (Virgin)


- Antologie

1992 - Capitan Uncino (Ricordi STVL 6451)
1996 - All the Best
1996 - Le origini (2 cd) (BMG-Ricordi)
1998 - Gli anni settanta (2 cd)
2000 - Sembra ieri (Wea 8573845022) (con 3 inediti)
2002 - L'isola che non c'è (Ricordi 74321 915672)
2005 - La fantastica storia del Pifferaio Magico[2]
2006 - Salviamo il salvabile (Sony BMG Ricordi 82876871532 (3))
2009 - Tutto Edo Cantautore (2 CD, Rhino Records 5051865359159)


Colonne sonore

2001 - Il principe e il pirata (Wea 092742769 2)
2003 - Totò Sapore e la magica storia della pizza (con Eugenio Bennato) (RCA 82876587662)


DVD

2001 - Edoardo Bennato. Live RTSI (registrazioni del 1979)
2007 - Invece no - Invece sì (registrato dal vivo durante il Tour 1980)
2010 - Edoardo Live (registrato dal vivo a Milano nel 1986)
2010 - Abbi Dubbi Live (registrato dal vivo nel 1990)


Fonte: QUI
VIOLONE 1950
VIOLONE 1950
Admin

Messaggi : 537
Punti : 1583
Data d'iscrizione : 29.11.12
Età : 70
Località : PISTOIA

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1966 - ERA SOLO UN SOGNO/LE OMBRE (45 giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Mar Apr 16, 2013 4:03 pm

1. TITOLO:

1966 - ERA SOLO UN SOGNO/LE OMBRE

# Etichetta: PARADE # Catalogo: PRC 5107 # Matrici: PRC 31/PRC 32 # Supporto: vinile 45 giri * Tipo audio: Mono * Dimensioni: 17,5 cm. * Facciate: 2

Note: Registrazioni effettuate in diretta, 25 Ottobre 1966


2. RECENSIONE:

Era solo un sogno/Le ombre sono i due brani contenuti nel primo 45 giri del cantautore Edoardo Bennato.

Il disco
Bennato si accosta sin da piccolo alla musica, da un lato spinto dalla mamma, che invoglia i figli a suonare, dall'altro dal rock'n'roll, che lo influenza sin dal suo arrivo in Italia, anche grazie ai soldati americani di stanza a Napoli (in particolare il giovane Edoardo è colpito da Paul Anka, Chuck Berry e Neil Sedaka; altri influssi su Bennato sono alcuni cantanti napoletani come Renato Carosone, Aurelio Fierro e, soprattutto per il modo di cantare, Peppino Di Capri.

Nel 1965 Bennato si diploma presso il Liceo Artistico di Napoli, e decide di trasferirsi a Milano per frequentare la facoltà di architettura, ma anche per mettersi in contatto con il mondo della discografia: con questo obiettivo, su suggerimento della madre, contatta la Dischi Ricordi, di cui è direttore artistico Vincenzo Micocci, che è interessato all'artista.

Ma Micocci decide di ritornare a Roma e di fondare la Parade (insieme a Carlo Rossi e Ennio Morricone), per cui Bennato viene messo sotto contratto da questa etichetta, per cui incide il primo 45 giri, Era solo un sogno/Le ombre.

Inizialmente Micocci cerca di proporre Era solo un sogno a Bobby Solo ma, fallendo l'operazione, decide di farla incidere allo stesso Bennato. Sul retro viene inserita la canzone Le ombre, dove Edoardo suona l'armonica, diventando così il primo cantante italiano in assoluto a suonare questo strumento; entrambe le canzoni vengono scritte per quel che riguarda il testo insieme a Alessandro Portelli, professore di letteratura angloamericana all'Università La Sapienza di Roma ed esperto musicologo.

In copertina vi è una foto di un giovanissimo Bennato seduto, mentre nella foto del retro Bennato ha la sua tracolla con l'armonica a bocca che diventerà negli anni seguenti uno dei suoi marchi di fabbrica, la produzione è curata da Gianni Dell'Orso, che alla Siae risulta essere coautore delle musiche, pur non essendo il suo nome riportato sull'etichetta.

Il disco viene registrato il 25 ottobre negli studi Dirmaphon di via Pola a Roma ed è pubblicato nel novembre del 1966, non riscuote il successo sperato, e diventa quindi molto richiesto dai collezionisti per la sua rarità, in seguito Era solo un sogno è stata ristampata in alcune compilation, anche su CD, mentre Le ombre è rimasta inedita fino a oggi.
Fonte: QUI


3. COVER:

   

   


4. TRACK LIST

Lato A:
ERA SOLO UN SOGNO


   Lato B:
LE OMBRE


   

Autori: Edoardo Bennato, Alessandro Portelli

Spoiler:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video.
Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
   Autori: Edoardo Bennato, Alessandro Portelli

Spoiler:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video.
Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10


Ultima modifica di admin_italiacanora il Lun Ott 08, 2018 9:51 pm, modificato 2 volte
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2222
Punti : 4648
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 69
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1969 - MARYLOU/LA FINE DEL MONDO (45 giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Nov 18, 2017 3:02 pm

1. TITOLO:
 
1969 - MARYLOU/LA FINE DEL MONDO
 
# Etichetta: NUMERO UNO # Catalogo: ZN 50004 # Data pubblicazione: 1969 # Matrici: UKAW 24944/UKAW 24845 # Genere: Rock, Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 45 giri # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Distribuito da: Dischi Ricorsi SpA # Pubblicato da: Ariston Edizioni Discografiche e Musicali Srl
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Marylou/La fine del mondo sono i due brani contenuti nel secondo 45 giri del cantautore Edoardo Bennato.

Il disco
Dopo la pubblicazione del primo 45 giri, Bennato si diploma, e decide di trasferirsi a Milano per frequentare la facoltà di architettura: qui ritrova un giovane cantautore che ha già avuto modo di incontrare nei suoi soggiorni romani, Herbert Pagani, che si interessa alle musiche scritte da Bennato, scrivendo dei testi da abbinare, ed è così che nascono i successi di "Cin cin con gli occhiali" nel 1968, "Ahi le Hawai" nel 1969 e "Fuoco bianco" nel 1970, cantate da Pagani.

Il buon esito commerciale di questi dischi fa sì che la Numero Uno, la nuova casa discografica fondata da Mogol e Lucio Battisti, lo metta sotto contratto, grazie soprattutto all'intuito di Alessandro Colombini, facendogli incidere un 45 giri, "Marylou" (scritta insieme al fratello Eugenio, con testo di Mogol), con chiare influenze del rock'n'roll anni '50, la canzone sul retro, "La fine del mondo", è scritta da Edoardo su un testo di Herbert Pagani. Il ritornello riecheggia Homeward Bound di Simon and Garfunkel.

Entrambi i brani sono arrangiati da Detto Mariano (che, reduce dal Clan Celentano, con cui aveva rotto dopo la nota vicenda legata a Don Backy, si era legato alla Numero Uno); soprattutto in "Marylou" è possibile rintracciare le modalità espressive tipiche di certe canzoni di Bennato del futuro, cioè i rock'n'roll terzinati (ad esempio, "Così non va, Veronica").

I brani di questo 45 giri, così come quelli dei due successivi incisi per la Numero Uno, sono stati ristampati in CD in tiratura limitata dal mensile specializzato "Raro!", all'inizio degli anni '90, riproducendo le tre diverse copertine.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   


   
 
 
3. TRACK LIST di:
 
Lato A:
MARYLOU

 
      Lato B:
LA FINE DEL MONDO

 
   

Autori: Edoardo Bennato
Orchestra: Detto Mariano
 
Testo:
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button



Italia Canora ringrazia Joe Ringo per la sua preziosa collaborazione
 
     
Autori: Edoardo Bennato
Orchestra: Detto Mariano
 
Testo:
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button



Italia Canora ringrazia Joe Ringo per la sua preziosa collaborazione
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2222
Punti : 4648
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 69
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1970 - 1941/VINCE SEMPRE L'AMORE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 21, 2020 5:22 pm

1. TITOLO:
 
1970 - 1941/VINCE SEMPRE L'AMORE
 
# Etichetta: NUMERO UNO # Catalogo: ZN 5024 # Data pubblicazione: 1970 # Matrici: ZKAW 25294/ZKAW 25295 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
1941/Vince sempre l'amore è il terzo singolo del cantautore italiano Edoardo Bennato, pubblicato nel 1970.

Descrizione
Per il terzo singolo di Bennato, secondo con la Numero Uno, Alessandro Colombini propose per il lato A, una cover di 1941 del californiano Harry Nilsson, tradotto da Mogol, registrato e arrangiato da Detto Mariano. Sul lato B, Colombini decise di mettere una delle canzoni che tante volte Bennato aveva provato presso gli studi della Numero Uno, i cui titoli provvisori furono Believe me baby ed Everybody, ma che dopo gli aggiustamenti di Mogol divenne definitivamente Vince sempre l'amore. Con Bennato alla 12 corde suonarono I Quelli e la Formula 3. Entrambi i pezzi furono poco pubblicizzati ed esclusi dalle varie manifestazioni canore come, Cantagiro, Un disco per l'estate, Festivalbar o Canzonissima.
Il brano 1941 fu cantato da Edoardo nella trasmissione Rai Incontro con Bruno Lauzi anch'egli passato alla Numero Uno e fu inciso sul CD Collezione Numero Uno una raccolta di brani della casa discografica. Nella stessa trasmissione cantò il brano Occhi blu mai inciso su disco, in cui oltre alla chitarra suonò armonica, tamburello a pedale e kazoo.
I brani di questo 45 giri, così come il precedente ed il successivo incisi per la Numero Uno, sono stati ristampati in CD in tiratura limitata dal mensile specializzato "Raro!", all'inizio degli anni novanta, riproducendo le tre diverse copertine.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
1941

 
      Lato B:
VINCE SEMPRE L'AMORE

 
 
     

Autori: Alessandro Colombini, Mogol, Harry Nilsson
Orchestra: Mariano Detto
 
Testo:
Fu nell'anno quarantuno
Che qualcuno fu papà
Venne poi il quarantaquattro


E quell'uomo se ne andrà
Novecentoquarantacinque
Madre e figlio senza lui
Come vissero da allora in poi
Nessuno seppe mai

Gli anni passano veloci
Per quel bimbo invece no
Così chiuse gli occhi e disse
"Tra vent'anni li aprirò"
Aprì gli occhi che era un uomo
Vide un clown passar di lì
Che gli disse
"Vuoi venir con noi?"
E lui rispose "sì"

Con il circo, mille strade
E paesi e città
Ebbe gioie e dolori
E ragazze in quantità
Girò il mondo fino in fondo
"Non mi fermerò mai più"
Fino a quando i sogni rosa
Si dipinsero di blu

Poi incontrò una ragazza
Quella che voleva lui
E fra un bacio e una carezza
Disse "Mia moglie tu sarai"
Costruirono una casa
"Non ti lascerò mai più"
E la gente un giorno vide
Sulla porta un nastro blu

Fu nell'anno sessantuno
Che qualcuno fu papà
Venne poi il sessantaquattro
E quell'uomo se ne andrà
Novecentosessantacinque
Madre e figlio senza lui
Quando un giorno arriva un circo
"Ehi bambino cosa fai?"
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato, Alessandro Colombini
Orchestra:
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1971 - GOOD-BYE COPENAGHEN/MARJORIE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 21, 2020 6:20 pm

1. TITOLO:
 
1971 - GOOD-BYE COPENAGHEN/MARJORIE
 
# Etichetta: NUMERO UNO # Catalogo: ZN 5123 # Data pubblicazione: Giugno 1971 # Matrici: AKAS 26062/AKAS 25949 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Good Bye Copenaghen/Marjorie è un singolo del cantautore italiano Edoardo Bennato, pubblicato nel 1971.

Descrizione
Il quarto singolo di Bennato, terzo ed ultimo inciso con la Numero Uno, prodotto da Alessandro Colombini, contiene i brani Goodbye Copenaghen e Marjorie il cui testo è in inglese, sono scritte entrambe da Edoardo. La copertina del disco è di Caesar Monti in cui Bennato è a mezzo busto con gli occhiali da sole. Il disco fu poco pubblicizzato dalla casa discografica, le vendite di conseguenza furono scarse ed anche in radio non venne quasi mai passato. Ciò fu dovuto anche alle lotte interne alla Numero Uno, che vide gli stessi Colombini e Bennato abbandonare dopo quest'ultimo lavoro l'etichetta milanese.
I brani di questo 45 giri, così come i precedenti due incisi per la Numero Uno, sono stati ristampati in CD in tiratura limitata dal mensile specializzato "Raro!", all'inizio degli anni novanta, riproducendo le tre diverse copertine.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
GOOD-BYE COPENAGHEN

 
      Lato B:
MARJORIE

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato


Orchestra:
 
Testo:
Vedevo mille case rosa
Ah ah il mare blu
La riva che si allontanava


Ma l'armonica suonava di più
E ripensavo ai suoi occhi
Che mi hanno detto sai
Questa città è incantata
Resta qui dove vai

Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye e una fata mi ha detto presto ritornerai

Un sacco a pelo e una chitarra
Ah ah niente di più
Basta un sorriso della gente
Ed il cielo si colora di blu
Poi incontri una ragazza e l'ami
Non parla la tua lingua ma
Lei già lo sa che prima o poi
Te ne andrai te ne andrai

Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye e una fata mi ha detto presto ritornerai
Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye e una fata
E una fata
Mi ha detto presto ritornerai

Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye Copenaghen e una fata
E una fata
Mi ha detto presto ritornerai

Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye e una fata
Mi ha detto presto ritornerai

Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye e una fata
Mi ha detto presto ritornerai

Good-bye Copenaghen
Le fate non si sbagliano mai
Good-bye e una fata
Mi ha detto presto ritornerai
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato
 
Note: "MARJORIE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
Orchestra:
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1973 - DETTO TRA NOI/NON FARTI CADERE LE BRACCIA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 21, 2020 7:14 pm

1. TITOLO:
 
1973 - DETTO TRA NOI/NON FARTI CADERE LE BRACCIA
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10701 # Data pubblicazione: Maggio 1973 # Matrici: SLNQ 5585/SLNQ 5580 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data matrici: 17 Maggio / Lato A in versione più breve rispetto a quella pubblicata sull'album "Non farti cadere le braccia" / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Detto tra noi/Non farti cadere le braccia è un singolo del cantautore italiano Edoardo Bennato, pubblicato nel 1973 è l'unico estratto dall'album Non farti cadere le braccia.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
DETTO TRA NOI

 
      Lato B:
NON FARTI CADERE LE BRACCIA

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato
Orchestra: Roberto De Simone
 
Testo:
Guarda quel castello
è tuo
è tuo se lo vuoi…
Io aprirò il cancello..
e tu..
tu mi seguirai…
E dentro i viali
di quel giardino
ti ci ritroverai
ci hai vissuto per ore ed ore
nei sogni tuoi…
Ed alla sorgente
di acqua fatata
poi ti disseterai
ma già tu scuoti la testa
la favola forse sai..
Sì è vero
Detto tra noi
sono solo un brigante
non un re
sono uno che
vende sogni alla gente
fà promesse
che mai potrà
mantenere
Favole sì
ne ho contate ma tante
tante sai
Detto tra noi
io non sono un gigante
draghi non ne ho ammazzati mai… no no
Ho un progetto in mente
un parco
in ogni città
Quanto spazio verde
la vita
per voi cambierà…
E costruirò ponti
e larghe autostrade
a dieci e più corsie
senza code ai caselli pedaggi
e altre diavolerie
E tutta la gente
che è costretta ad emigrare
a casa tornerà..
ma già scuotete la testa
più non mi credete ormai
Sì è vero
Detto tra noi
sono solo un brigante
non un re
sono uno che
vende sogni alla gente
fà promesse
che mai potrà
mantenere
Favole sì
ne ho contate ma tante
tante sai
Detto tra noi
io non sono un gigante
draghi non ne ho ammazzati mai
Sì è vero
Detto tra noi
sono solo un brigante
non un re
sono uno che
vende sogni alla gente
fa promesse
che mai potrà
mantenere
Favole sì
ne ho contate ma tante
tante sai..
Detto tra noi
io non sono un gigante
draghi non ne ho ammazzati
non ne ho ammazzati mai
sì è vero……
Sì è vero
Detto tra noi
sono solo un brigante
non un re
sono uno che
vende sogni alla gente
fà promesse
che mai potrà
mantenere
Favole sì
ne ho contate ma tante
tante sai..
Detto tra noi
io non sono un gigante
draghi non ne ho ammazzati
non ne ho ammazzati
non ne ho ammazzati mai…
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato
Orchestra: Orchestra: Roberto De Simone
 
Testo:
L'entrata è sempre quella
Ma portiere io non ti conosco
Io che vivevo qui
Io che ormai scordare più non posso
Dalla cucina una voce cara
Mia madre che mi dice

Non farti cadere le braccia
Corri forte, va più forte che puoi
Non devi voltare la faccia
Non arrenderti né ora né mai

Su per le scale buio
Ma la luce corre dentro agli occhi
Sono un bambino io
Con ancora i graffi sui ginocchi
Dalla cucina una voce cara
Mia madre che mi dice

Non farti cadere le braccia
Corri forte, va più forte che puoi
Non devi voltare la faccia
Non arrenderti né ora né mai

Non so, non so
Se ti è capitato mai
Di dover fare una lunga corsa
Ed a metà strada stanco
Dire a te stesso "adesso basta"
Eppure altri stan correndo ancora
Intorno a te e allora

Non farti cadere le braccia
Corri forte, va più forte che puoi
Non devi voltare la faccia
Non arrenderti né ora né mai
Non puoi fermarti ora

Na na na na na na na
Lo so ti scoppia il cuore
Dici anche di voler morire
Dici è meglio che correr così
Ma no, non puoi fermarti
Non farti cadere le braccia, no, no, no
Non devi voltare la faccia
Non arrenderti né ora né mai

Non devi voltare la faccia, no, no, no
Non farti cadere le braccia, no, no, no
Na na na na na na na
Non devi voltare la faccia, no, no, no, no
No no no no no no no
Non devi voltare la faccia
Non arrenderti né ora né mai
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1973 - NON FARTI CADERE LE BRACCIA (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 21, 2020 9:48 pm

1. TITOLO:
 
1973 - NON FARTI CADERE LE BRACCIA
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6109 # Data pubblicazione: Febbraio 1973 # Matrici: 9031-74282-1-A / 9031-74282-1-B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 21 Febbraio / Copertina apribile a simulare una bustina di fiammiferi tipo Minerva, con all'interno una fustella mobile a forma di fiammifero sagomato - In allegato un inserto di quattro pagine con i testi delle canzoni, cenni delle partiture, disegni e altra foto dell'artista (vedi link "Altre immagini") - Nelle successive ristampe la copertina riporta sul fronte soltanto l'immagine del fiammifero e il titolo - Sul retro di copertina un estratto del testo di "Rinnegato" e le foto dei quattro musicisti menzionati nel testo - Fotografie di Cesare Monti - Realizzazione grafica di Clara Duranti - Disegni di Edoardo Bennato / Registrato da Dino Gelsomino, Carlo Martenet, Valter Patergnani / Silvana Aliotta ha qui il cognome errato in Alliotta / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
Non farti cadere le braccia è il primo album del cantautore napoletano Edoardo Bennato.

Il disco
È l'album di esordio del cantautore napoletano. Il suo nome doveva essere L'ultimo fiammifero (come viene affermato sulla copertina dell'album). I pezzi sono tutti firmati da Bennato, tranne Lei non è qui...non è là, con il testo scritto da Bruno Lauzi, che lo aveva già inciso nel 1971 nell'album Amore caro amore bello....., e Un giorno credi, il cui testo è stato scritto da Patrizio Trampetti, conosciuto da Bennato tramite suo fratello Eugenio, poiché entrambi sono in quegli anni membri della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

È un disco ancora non a fuoco[senza fonte], con Bennato ad indossare due scarpe: quella del cantautore della Numero uno (la casa discografica con cui aveva già inciso diversi dischi e scritto alcuni brani per vari artisti), e il nuovo Bennato cantastorie di protesta. Tuttavia, alcune canzoni sono tra le più significative che il cantautore ha scritto: la stessa title track, o Rinnegato (in cui si rivolge ai suoi collaboratori, da Trampetti al produttore Colombini, dal fratello Eugenio all'arrangiatore del disco Roberto De Simone) o ancora Campi flegrei, dedicato da Bennato al Viale Campi Flegrei, la strada nel quartiere Bagnoli a Napoli, in cui è nato e cresciuto. Il punto da cui ripartire è Un giorno credi, riproposta anche nel successivo album I buoni e i cattivi.

Tra i musicisti che suonano nel disco da rilevare la presenza di Massimo Luca, collaboratore in quegli anni anche di Lucio Battisti, del bergamasco Titta Colleoni (ex tastierista del gruppo beat dei Raminghi) e della torinese Silvana Aliotta, cantante dei Circus 2000 (che però nella copertina del disco è citata, erroneamente, come Alliotta). Il disco è prodotto da Alessandro Colombini e arrangiato da Roberto De Simone che dirige l'orchestra e il coro; le edizioni musicali delle canzoni sono la Wiz Music/Pegaso, tranne che per "Lei non è qui...non è là" (Ed. Universale).

Con questo disco Edoardo comincia ad essere notato da critica e pubblico.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione musicassetta
 

 
   
 

Edoardo Bennato in un'immagine di repertorio

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



  • B1 DETTO TRA NOI
  • B2 LEI NON E' QUI...NON E' LA'
  • B3 UN GIORNO CREDI
  • B4 RINNEGATO
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 2
UNA SETTIMANA...UN GIORNO...

 
      Lato B: 1
DETTO TRA NOI

 
   

Autori: Edoardo Bennato
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Una settimana, un giorno
O solamente un'ora
A volte vale una vita intera
Il tempo passa in fretta
E ti ruba quello che hai

Io non so parlare d'amore
Ma so che quando tu mi stringi le mani forte
Vorrei che il tempo si fermasse intorno a noi
Vorrei che mai mai mai mai
Mai nessuno al mondo mai
Potesse rubarti portarti via lontano
Come ora quel treno
E so che mai mai mai mai
Mai nessuna donna mai
Con uno sguardo solo
Saprà donarmi tanto, oh no

Sensazioni che affollano la mente
Sensazioni dolci
Fatte di parole e baci
Fatte di suoni
In un momento solo conoscerti amarti
E già sapere
Che devi andare via
Che devi andare via lontano
Che devi andare via

Vorrei che mai mai mai mai
Mai nessuno al mondo mai
Potesse rubarti, portarti via lontano
Come ora quel treno
E so che mai mai mai mai
Mai nessuna donna mai
Con uno sguardo solo
Saprà donarmi tanto, oh no

Vorrei che mai mai mai mai
Mai nessuna al mondo mai
Potesse rubarti, portarti via lontano
Come ora quel treno
E so che mai mai mai mai
Mai nessuna donna mai
Con uno sguardo solo
Saprà donarmi tanto, oh no
Nessuna donna mai
Nessuna donna mai

Sensazioni, sensazioni che
Che nemmeno il tempo
Che nemmeno il tempo
Potrà portarmi via, no no
Così!
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Guarda quel castello
è tuo, è tuo se lo vuoi...
Io aprirò il cancello
E tu, tu mi seguirai...

... e dentro i viali di quel giardino, ti ci ritroverai:
Ci hai vissuto per ore ed ore nei sogni tuoi...
... ed alla sorgente di acqua fatata poi ti disseterai,
Ma già tu scuoti la testa, la favola forse sai...

... si, è vero!

Detto tra noi, sono solo un brigante, non un re,
Sono uno che vende sogni alla gente,
Fa promesse che mai potrà... mantenere.
Favole sì, ne ho contate ma tante, tante sai.
Detto tra noi, io non sono un gigante,
Draghi non ne ho ammazzati mai...

Ho un progetto in mente,
Un parco in ogni città.
Quanto spazio verde,
La vita per voi cambierà...

... e costruirò ponti e larghe autostrade, a dieci e più corsie
Senza code a caselli, pedaggi e altre diavolerie.
... e tutta la gente che è costretta ad emigrare, a casa tornerà,
Ma già scuotete la testa, più non mi credete ormai...

... si, è vero!

Detto tra noi...
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
MA QUANDO ARRIVI TRENO

 
      Lato A: 2
LEI NON E' QUI...NON E' LA'

 
   

Autori: Edoardo Bennato
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Ma quando arrivi treno
Portami lontaaaahaaaah haaaaah hey
Portami lontano
Ma quando arrivi trenoo, ah
Ma quando arrivi trenoo, uh!
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato, Bruno Lauzi
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
La mattina il suo sorriso, più non vedo su di me
nella stanza non si sente, quell'odore di caffè
voglio alzarmi, lo dovrei, ma mi chiedo dove andrei

Lei non è quì... non e là

Sono fuori dalla porta, vado incontro alla città
quanta gente che mi urla, ma non guarda dove va
voglio urlare, lo farei, ma mi chiedo che otterrei

Lei non è quì... non e là

.....................................
voglio urlare, lo farei, ma mi chiedo che otterrei

Lei non è quì... non e là

Lei non è quì... non e là, dove andata,
e con chi passerà la giornata
ho negli occhi la paura di un bambino
disperato perchè non gli dai la mano

Ogni sera torno a casa, non so più che giorno è
guardo in alto per vedere, se c'è luce su da me
per le scale, correrei, ma so già che piangerei

Lei non è quì... non e là
............................
e io mi chiedo dov'è... ah... e io mi chiedo perchè
e io mi chiedo dov'è, si, dov'è, dov'è, dov'è... eh eh
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
CAMPI FLEGREI

 
      Lato B: 3
UN GIORNO CREDI

 
   

Autori: Edoardo Bennato
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Son gi le sette nell'aria c' un suono
Magda forse che studia il piano.
Lino mi chiama gi dal cortile:
la sua voce certo non mi posso sbagliare.
Gente che passa che suono che fa...
Non un paese non una citt.
Ma era dolce era dolce per me...
Quella strada mi cara la pi cara che c'...
Campi Flegrei, gente che va,
Tempo d'aprile, qualche anno fa.
Vecchio pianino suona per me
Quella canzone... Campi Flegrei...
Sera di festa son tutti fuori
E per il viale, tanti colori.
Quanto costa la felicit?
Venti lire soltanto, la giostra l...
Ma se ci penso, forse gi d'allora
Avevo dentro questa paura,
Questa rabbia, quest'ansia che
Mi continua a portare via lontano da te...
Campi Flegrei...

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato, Patrizio Trampetti
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Un giorno credi di essere giusto
E di essere un grande uomo
In un altro ti svegli e devi
Cominciare da zero
Situazioni che stancamente
Si ripetono senza tempo
Una musica per pochi amici
Come tre anni fa
A questo punto non devi lasciare
Qui la lotta è più dura ma tu
Se le prendi di santa ragione
Insisti di più

Sei testardo, questo è sicuro
Quindi ti puoi salvare ancora
Metti tutta la forza che hai
Nei tuoi fragili nervi

Quando ti alzi e ti senti distrutto
Fatti forza e va incontro al tuo giorno
Non tornar sui tuoi soliti passi
Basterebbe un istante

Mentre tu sei l'assurdo in persona
E ti vedi già vecchio e scadente
Raccontare a tutta la gente
Del tuo falso incidente

Mentre tu sei l'assurdo in persona
E ti vedi già vecchio e scadente
Raccontare a tutta la gente
Del tuo falso incidente

così!
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
TEMPO SPRECATO

 
      Lato B: 4
RINNEGATO

 
   

Autori: Edoardo Bennato
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Anche ammesso e non concesso
Che facessi salti mortali per te
So che è tempo sprecato

Anche se io mi facessi in quattro
Anche se ti accontentassi in tutto
So che è tempo sprecato

Le conosco troppo bene quelle
Che con la scusa di esser brave figlie
Sanno solo farsi servire
Hanno fatto la scuola, come farsi pregare

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Leo Chiosso, Ferd Buscaglione
Arrangiatori: Roberto De Simone
 
Testo:
Eugenio dice che io sono rinnegato
perchè ho rotto tutti i ponti col passato.
Guardare avanti, sì ma ad una condizione
che tieni sempre conto della tradizione.

Rinnegato, sei un rinnegato, non ti conosciamo più...(2 v.)

Patrizio dice che si deve sempre dire
ad ogni costo, tutto quello che ti pare.
Gli ho detto: fammi un testo per una canzone.
l'ha fatto ed ora so che è pazzo da legare.

Rinnegato, sei un rinnegato, non ti conosciamo più...(2 v.)

Avete letto mai Roberto De Simone?
Ha fatto un lungo viaggio nella tradizione.
Lui dice che in Italia, col passar degli anni,
la musica peggiora, non si va più avanti.

Rinnegato, sei un rinnegato, non ti conosciamo più...(2 v.)

A mia discolpa cito Sandro Colombini
che ha trafficato spesso con gli americani.
E' lui che mi consiglia rock a tutto spiano
però lo dice sempre con un mitra in mano...

Rinnegato, sei un rinnegato, non ti conosciamo più...(2 v.)
così!
 
Fonte: QUI
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Mar 27, 2020 5:15 pm, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1974 - SALVIAMO IL SALVABILE/MA CHE BELLA CITTA' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 21, 2020 10:10 pm

1. TITOLO:
 
1974 - SALVIAMO IL SALVABILE/MA CHE BELLA CITTA'
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10714 # Data pubblicazione: 1974 # Matrici: SLNR 5783/SLNR 5784 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data matrici: 23 Gennaio / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Salviamo il salvabile/Ma che bella città è il sesto 45 giri di Edoardo Bennato.

Il disco
Bennato è l'autore dei testi e delle musiche di entrambi i brani; inoltre suona tutti gli strumenti.

Qualche mese le due canzoni saranno inserite nell'album I buoni e i cattivi.

Il disco, prodotto da Alessandro Colombini, non ebbe un gran successo di vendite; in una recensione di questo disco Bennato fu definito come primo cantante italiano punk.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
SALVIAMO IL SALVABILE

 
      Lato B:
MA CHE BELLA CITTA'

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Abbiamo fatto una bella riuscita
A questo punto la mela è avariata
Io me la vedo brutta ma, salviamo il salvabile

Per il momento sei tu quello che dà le carte
Però per tutti c'è un'unica sorte
Tutti sulla stessa barca, salviamo il salvabile, eeh
Salviamo il salvabile, ooh

È giusto che ognuno si prenda una fetta, ha!
Chiudiamo tutte le scuole di lotta
Io me la vedo brutta ma, salviamo il salvabile
Salviamo il salvabile, he!

È già successo ed era solo l'inizio, ha!
Ma più corriamo e più ci manca lo spazio
Qui non ci entriamo più però, salviamo il salvabile, he
Salviamo il salvabile, he!

S'alza il sipario, forse è l'ultimo atto
Ognuno in fila a firmare il contratto
La recita continua e noi, salviamo il salvabile, oh
Salviamo il salvabile, eh

Soltanto quelli che hanno gli occhi nel vuoto, ha
Hanno diritto ad uscire dal gioco
Ma noi che siamo in ballo noi, salviamo il salvabile, ha
Salviamo il salvabile, he

Io stavo avanti e facevo da guida, ha
E quanta gente si è persa per strada
Io ero in buona fede ma, salvate il salvabile
Salvate il salvabile a-ah, salvate il salvabile eh
Salvate il salvabile, a-ah

Io non c'entro, io non c'entro
Voi, voi salvate il salvabile, a-ah
Salvate il salvabile a-ah, salvate il salvabile a-ha
Salvate il salvabile, he
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ma che bella città
Sento l'acqua alla gola
Forse è un colpo di mano
Forse è stata la scuola
Io venivo di là
Ma che bella città

Quanti libri di storia
Tutta la civiltà
C'è un elenco di buoni
I cattivi di là
Sono tutti schedati
Ma che bella città

Hanno fatto i rilievi
Sotto terra che c'è?
700 pompieri
Tutti in fila per tre
Uno avanti che fa
"Ma che bella città"

Sul giornale c'è scritto
"Puoi fidarti di me"
Il peggiore di tutti
Si è scoperto chi è
C'ha le ore contate
Ma che bella città

Per la strada c'è uno
Si è scordato chi è
Non l'aiuta nessuno
Ma s'aiuta da sé
Suona un disco che fa
Ma che, ma, ma

Ma che bella città
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 1:58 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1974 - I BUONI E I CATTIVI (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Mar 21, 2020 11:40 pm

1. TITOLO:
 
1974 - I BUONI E I CATTIVI
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6129 # Data pubblicazione: 1974 # Matrici: S-6129-1/S-6129-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Busta interna con i testi delle canzoni e illustrazioni varie a corredo dei testi / Fotografie in copertina di Umberto Telesco / "Un giorno credi", stessa registrazione già pubblicata l'anno prima nell'album NON FARTI CADERE LE BRACCIA / Distribuito da Dischi Ricordi S.p.A. - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
I buoni e i cattivi (1974) è il secondo album in studio di Edoardo Bennato.

Il disco
La Ricordi, spinta dalle buone recensioni del disco precedente, Non farti cadere le braccia, che però non aveva venduto molte copie, pubblica nel 1974 il secondo lavoro: si tratta di una sorta di mini-concept album intitolato I buoni e i cattivi, sulla difficoltà di capire che cosa sia veramente il bene e che cosa il male, ma soprattutto sulla necessità che spesso abbiamo, per semplificarci la vita, di dividere artificiosamente il mondo tra buoni e cattivi. Quelli che si dichiarano "i buoni" (Arrivano i buoni) non è detto che lo siano e con questa scusa ottengono ciò che vogliono (spesso il potere), chi diventa presidente della Repubblica può sembrare "buono", ma chissà se poi farà veramente qualcosa (Uno buono, dedicata al compaesano di Bennato Giovanni Leone, diventato nel 1971 presidente), la scuola dovrebbe essere un'istituzione "buona" ma spesso serve solo a rendere i giovani pronti ad accettare qualsiasi autorità (In fila per tre).
Una città che sembra andare in rovina nasconde ancora un po' di umanità (Tira a campare), una giornata nata storta si può concludere molto bene (Che fortuna).
Non manca come sempre in Bennato una buona dose di ironia, che soprattutto con Bravi ragazzi e La bandiera racconta due dei facili approcci al problema: nella prima troviamo l'approccio qualunquista che lascia fare agli altri e che consiglia di aspettare, di fidarsi di quel che dice il potere, di non creare problemi; nella seconda quello estremista che sceglie una bandiera e distingue i buoni e i cattivi in base a quella (chi l'ha uguale e chi diversa), senza più bisogno di pensare.
La copertina esplicita i concetti del disco: vi sono infatti due carabinieri (di spalle, lo stesso Bennato e Raffaele Cascone, il conduttore radiofonico protagonista, due anni dopo, della canzone Venderò) ammanettati, allo stesso tempo agenti di ordine (carabinieri) e di disordine (delinquenti).
Nella track-list è stata inserita nuovamente Un giorno credi, già presente nel disco precedente, dal medesimo master; è questo l'unico brano dell'album non scritto interamente da Bennato (il testo è di Patrizio Trampetti).
Il disco è prodotto da Alessandro Colombini; le canzoni sono edite dalle edizioni musicali Wiz Music di Alessandro Colombini, dalle edizioni musicali Pegaso (di proprietà della Dischi Ricordi) e dalle edizioni musicali Modulo Uno di Saverio Rotondi.

L'album è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 13
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione musicassetta
 

 
   
 

Eugenio ed Edoardo Bennato

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 MA CHE BELLA CITTA'
  • A2 UN GIORNO CREDI
  • A3 LA BANDIERA
  • A4 FACCIAMO UN COMPROMESSO
  • A5 BRAVI RAGAZZI
  • A6 CHE FORTUNA


 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 2
UN GIORNO CREDI

 
      Lato B: 1
IN FILA PER TRE

 
   

Autori: Edoardo Bennato, Patrizio Trampetti
Orchestra: Roberto De Simone
 
Testo:
Un giorno credi di essere giusto
E di essere un grande uomo
In un altro ti svegli e devi
Cominciare da zero
Situazioni che stancamente
Si ripetono senza tempo
Una musica per pochi amici
Come tre anni fa
A questo punto non devi lasciare
Qui la lotta è più dura ma tu
Se le prendi di santa ragione
Insisti di più

Sei testardo, questo è sicuro
Quindi ti puoi salvare ancora
Metti tutta la forza che hai
Nei tuoi fragili nervi

Quando ti alzi e ti senti distrutto
Fatti forza e va incontro al tuo giorno
Non tornar sui tuoi soliti passi
Basterebbe un istante

Mentre tu sei l'assurdo in persona
E ti vedi già vecchio e scadente
Raccontare a tutta la gente
Del tuo falso incidente

Mentre tu sei l'assurdo in persona
E ti vedi già vecchio e scadente
Raccontare a tutta la gente
Del tuo falso incidente
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato
Orchestra: Roberto De Simone
 
Testo:
Presto vieni qui, ma su non fare così
Ma non li vedi quanti altri bambini?
Che sono tutti come te
Che stanno in fila per tre
Che sono bravi e che non piangono mai

E' il primo giorno però domani ti abituerai
E ti sembrerà una cosa normale
Fare la fila per tre, risponder sempre di sì
E comportarti da persona civile
Ehi!

Vi insegnerò la morale e a recitar le preghiere
E ad amar la patria e la bandiera
Noi siamo un popolo di eroi e di grandi inventori
E discendiamo dagli antichi romani

E questa stufa che c'è basta appena per me
Perciò smettetela di protestare
E non fate rumore quando arriva il direttore
Tutti in piedi e battete le mani
Ehi!

Sei già abbastanza grande
Sei già abbastanza forte
Ora farò di te un vero uomo
Ti insegnerò a sparare, ti insegnerò l'onore
Ti insegnerò ad ammazzare i cattivi

E sempre in fila per tre marciate tutti con me
E ricordatevi i libri di storia
Noi siamo i buoni perciò abbiamo sempre ragione
E andiamo dritti verso la gloria
Ehi!
Ehi!

Ora sei un uomo e devi cooperare
Mettiti in fila senza protestare
E se fai il bravo ti faremo avere
Un posto fisso e la promozione

E poi ricordati che devi conservare
L'integrità del nucleo famigliare
Firma il contratto, non farti pregare
Se vuoi far parte delle persone serie
Ehi!
Ehi!
Ehi!

Ora che sei padrone delle tue azioni
Ora che sai prendere le decisioni
Ora che sei in grado di fare le tue scelte
Ed hai davanti a te tutte le strade aperte

Prendi la strada giusta e non sgarrare
Se no poi te ne facciamo pentire
Mettiti in fila e non ti allarmare
Perché ognuno avrà la sua giusta razione
Ehi!
Ehi!
Ehi!

A qualche cosa devi pur rinunciare
In cambio di tutta la libertà che ti abbiamo fatto avere
Perciò adesso non recriminare
Mettiti in fila e torna a lavorare

E se proprio non trovi niente da fare
Non fare la vittima se ti devi sacrificare
Perché in nome del progresso della nazione
In fondo in fondo puoi sempre emigrare
Ehi!
Ehi!
Ah! Avanti
Ehi! Avanti in fila per tre
Ehi!
Avanti, avanti in fila per tre
Ehi!
Avanti, in fila per tre
Ehi!
Ehi! Avanti in fila per tre

 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
LA BANDIERA

 
      Lato B: 2
UNO BUONO

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Bella la bandiera...
la più bella che ci sia
cara, la bandiera
la più bella che ci sia...


Ama, la tua bandiera
è la più bella che ci sia...
Ama, la tua bandiera
è la più cara che ci sia...

Senti, che emozione,
sventola la tua bandiera...
Senti, un tuffo al cuore,
sventola la tua bandiera...

Guarda, c'è una bandiera
che non ha i colori della tua...
guarda, lì c'è una bandiera
che non ha i colori della tua...

Guarda, quella gente
che non sventola la tua bandiera...
guarda, quella gente che ha una
bandiera con i colori diversi dalla tua...

Odia, quella gente
che non sventola la tua bandiera...
odia, quella gente
che non sventola la tua bandiera...

Odia, tutta la gente
che non sventola la tua bandiera...
odia, tutta la gente
che ha una bandiera
con i colori diversi dalla tua...
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Uno buono, uno buono
Uno buono, uno buono, ah!

Finalmente sei arrivato
Sei arrivato su quel trono
E tra inchini e baciamano
Fai il discorso e non parli italiano, ah!

Finalmente sei arrivato
Sei arrivato su quel trono
E tra inchini e baciamano
Fai il discorso e non parli italiano

Parli con l'accento della gente
Dove tu sei nato
Uno buono, uno buono, ah!

E tra inchini e baciamano
Fai il discorso e non parli italiano
Parli con l'accento della gente
Dove tu sei nato
Uno buono, uno buono, ah!
Ah! Ah! Ah! Ah! Ah!

Che tristezza, che abbandono
Tra la gente dove tu sei nato

Che tristezza, che abbandono
In quei posti dove tu sei nato
Tu sei nato, tu sei nato, tu sei nato
Fa qualcosa, fa qualcosa
Fa qualcosa, fa qualcosa

Se sei uno buono, uno buono
Uno buono, uno buono
Nanana nanana, nanana nanana
Nanana nanana, nanana nanana
Uno buono, uno buono, uno buono, u...

Se sei uno buono, uno buono
Uno buono, uno buono, u...
U... u... u...

 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
FACCIAMO UN COMPROMESSO

 
      Lato B: 3
TIRA A CAMPARE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Con quei blue jeans, con quella camicia gialla
quanto sei bella, quanto sei bella...


No no no no, aspettare più non posso, e va bene si,
se proprio vuoi facciamo un compromesso

... Si già lo so, che non so fischiare,
e non ho neanche cercato mai d'imparare

... Fin da bambino, io non ho mai saputo fischiare,
e quello che peggio è che non ho neanche cercato mai d'imparare...

... E adesso sono solo qui, a piangere con me stesso,
come farò... come farò adesso... Con quei blue jeans...

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Sì è bella, lo so che è bella
È la mia città
Sì è stanca ed ammalata
E forse non vivrà
Sì lo so che va di male in peggio
Sì lo so qui è tutto un arrembaggio
Qui si dice: tira a campare
Tanto niente cambierà, si dice

Tira a campare, non cambierà
Tutto passa bene o male
Ma per noi non cambierà, si dice
Tira a campare, non cambierà
Tutto passa bene o male
Ma per noi non cambierà

Io che sono nato, io che ho vissuto
In mezzo a questa gente
Io a volte straniero in queste strade
Dove non funziona niente
Sì lo so l'avevo detto io stesso
Che è sbagliato e che non è giusto
Che si deve fare qualcosa
Ma adesso tu non capirai se dico

Tira a campare, non capirai
Pure io che son dottore
Che ho fatto l'università, sì dico
Tira a campare, è meglio qua
Qua almeno, bene o male
C'è ancora un po' d'umanità

E allora dico anch'io: Tira a campare
È meglio qua, tu che vuoi
Tu che ne sai, tu che non ci hai vissuto mai
Io dico: Tira a campare
È meglio qua
Qua almeno, bene o male
C'è ancora un po' d'umanità
E allora dico anch'io: Tira a campare
È meglio qua
Qua almeno, bene o male

 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
BRAVI RAGAZZI

 
      Lato B: 4
ARRIVANO I BUONI

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Una di notte, c'è il coprifuoco
E pensare che all'inizio sembrava quasi un gioco
Ora non c'è più tempo per pensare
Tutti dentro, chiusi ad aspettare

Ognuno ha avuto le sue razioni
Poveri e ricchi, cattivi e buoni
Ognuno ha fatto le sue preghiere
Ora si tratta solo di aspettare

Bravi, su, bravi ragazzi
Ma non è il caso di agitarsi
Bravi, su, fate i bravi ragazzi
Vedrete che poi sistemeremo tutto

Per fronteggiare la situazione
C'è stato un programma alla televisione
Hanno parlato tutti gli avvocati
Di tutte le bandiere, di tutti i partiti

Ed è stato proprio commovente
Vedere tutti quei grandi sacrificare le proprie idee
In nome del bene della gente
Poi hanno dato severe istruzioni
Di stare calmi e stare buoni

Buoni, su, buoni ragazzi
Ma non è il caso di agitarsi
Bravi, su, fate i bravi ragazzi
Vedrete che poi sistemeremo tutto

Bravi, su, bravi ragazzi
Ma non è il caso di agitarsi
Bravi, su, fate i bravi ragazzi
Vedrete che poi sistemeremo tutto

Sistemeremo tutto, sistemeremo tutto

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Arrivano i buoni
Arrivano, arrivano, finalmente
Hanno capito che qualcosa qui non va

Arrivano i buoni, e dicono basta
A tutte le ingiustizie che finora
Hanno afflitto l'umanità

Arrivano i buoni, arrivano arrivano
Finalmente una nuova era comincerà

Quanti sbagli, quanti errori, quante guerre e distruzioni
Ma finalmente una nuova era comincerà

Senza servi né padroni, senza guardie ed assassini
D'ora in poi tutti uguali, una nuova era per l'umanità

Arrivano i buoni ed hanno le idee chiare
Ed hanno già fatto un elenco
Di tutti i cattivi da eliminar

Ma chi l'avrebbe mai detto che
Erano così tanti i cattivi da eliminar

Così adesso i buoni hanno fatto una guerra
Contro i cattivi, pero hanno assicurato
Che è l'ultima guerra che si farà

Arrivano i buoni
Arrivano, arrivano, finalmente
Una nuova era comincerà

 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 6
CHE FORTUNA

 

Autori: edoardo Bennato

 
Testo:
Ma che schifo
Di giornata
Era stata

Neanche una
Ne avevo
Ingarrata

Però poi
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Quella tenda vicino
Alla mia, era sua
Che fortuna
Che fortuna

Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna e
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
Che fortuna
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Mar 27, 2020 4:59 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1974 - MENO MALE CHE ADESSO NON C'E' NERONE/PARLI DI PREGHIERE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 1:57 pm

1. TITOLO:
 
1974 - MENO MALE CHE ADESSO NON C'E' NERONE/PARLI DI PREGHIERE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10745 # Data pubblicazione: Novembre 1974 # Matrici: SLNR 6101/SLNR 6107 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data matrici: 5 Novembre / Sul retro copertina è riportata una discografia relativa agli album sino ad allora pubblicati dall'artista, che annuncia i due brani del titolo come facenti parte di un prossimo album ("Io che non sono l'imperatore"), lo stesso concetto è ribadito sulle due etichette del disco, ma nel suddetto 33 giri sarà poi effettivamenteinserito il solo Lato A / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Meno male che adesso non c'è Nerone/Parli di preghiere è il settimo 45 giri di Edoardo Bennato.

Il disco
Bennato è l'autore dei testi e delle musiche di entrambi i brani.

Il disco, prodotto da Alessandro Colombini, non ebbe un gran successo di vendite.

Il singolo è molto richiesto dai collezionisti per via del fatto che la canzone sul retro, "Parli di preghiere", è inedita su LP; inoltre "Meno male che adesso non c'è Nerone" presenta un mixaggio leggermente diverso dalla versione pubblicata su LP.

Sull'etichetta e sul retro di copertina è presente la scritta «Questi due brani sono tratti dall'LP SMRL 6149 Io che non sono l'imperatore, di prossima pubblicazione»; probabilmente al momento dell'uscita dell'album (avvenuta tre mesi dopo il singolo) i piani della casa discografica erano cambiati, e "Parli di preghiere" non venne inserita nel 33 giri.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
MENO MALE CHE ADESSO NON C'E' NERONE

 
      Lato B:
PARLI DI PREGHIERE

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Meno male che adesso non c'è Nerone
Meno male che adesso non c'è Nerone

Quanta paura che ti fece a scuola
Tra le lezioni da imparare a memoria
La storia di un'imperatore
Era per tutti un gran terrore
Allora tu dicesti

Meno male che adesso non c'è Nerone, no no no
Meno male che adesso non c'è Nerone

Lui comandava sopra il mondo intero
Teneva tutti sotto la sua mano
La storia dice forse è verità
Che alla fine incendiò la città

Meno male che adesso non c'è Nerone, no no no
Meno male che adesso non c'è Nerone

Ed alle feste che organizzava
C'era il bel mondo ed anche lui suonava
Gli altri all'aperto senza protestare
Se no aumentava le tasse da pagare

Meno male che adesso non c'è Nerone, no no no
Meno male che adesso non c'è Nerone

Però in fondo ci sapeva fare
E per distrarli dalle cose serie
Ogni domenica li mandava in ferie
Tutti allo stadio a farli divertire

Meno male che adesso non c'è Nerone, no no no
Meno male che adesso non c'è Nerone, no no no
Meno male che adesso non c'è Nerone
Meno male che adesso non c'è Nerone

Meno male che adesso non c'è Nerone, no no no
Meno male che adesso non c'è Nerone
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1975 - FESTE DI PIAZZA/IO PER TE MARGHERITA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 2:29 pm

1. TITOLO:
 
1975 - FESTE DI PIAZZA/IO PER TE MARGHERITA
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10788 # Data pubblicazione: Gennaio 1975 # Matrici: SLNS 6136/SLNS 6137 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data matrici: 16 Gennaio / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Feste di piazza/Io per te Margherita è un singolo del cantautore italiano Edoardo Bennato, pubblicato nel 1975 come secondo estratto dall'album Io che non sono l'imperatore

Descrizione
È l'ottavo singolo di Bennato, quarto inciso con la Ricordi e prodotto da Alessandro Colombini.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
FESTE DI PIAZZA

 
      Lato B:
IO PER TE MARGHERITA

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato, Patrizio Trampetti

 
Testo:
Feste di piazza
Le carte colorate
Gli sguardi sempre ben disposti
A dolci ed aranciate

I capi in testa
Con i distintivi sfavillanti
Si sbracciano come dannati
Solo per sentirsi piu' importanti

Sale sul palco
Il numero 24 dalla lista
Che per far presa sulla folla
Continua a ripetere
E' ora di finirla adesso basta!

Tutti d'accordo
E si puo' andare avanti
E come previsto dal programma
Arrivano i cantanti

Adesso è il turno
Di quello un po' introverso
Che mentre si esibisce stancamente
Pensa che è solo tempo perso

E tutto a un tratto
Arriva l'attrazione
La gente applaude nervosamente
Per mascherare un po' di delusione

Tutto è finito
Si smonta il palco in fretta
Perché anche l'ultimo degli addetti ai lavori
C' ha a casa qualcuno che l'aspetta

Restano sparsi
Disordinatamente
I vuoti a perdere mentali
Abbandonati dalla gente
Dalla gente
Abbandonati dalla gente...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Io per te Margherita,
ho sciupato una vita,
ero folle di te,
di te.. di te..
e tu ridevi di me,
di me.. di me..
questa grande passione,
e la mia disperazione,
ormai gia lo so,
lo so.. lo so.
che prima o poi soccomberò,
però.. però.
contero fino a venti,
e se tu non ti arrendi,
allora ti sparero,
pero.. pero..
dopo anch’io mi sparerò,
però.. però..
questa storia d’amore,
cosi doveva finire,
ero folle di te.. di te.. di te..
e tu ridevi di me..
di me.. di me..
io per te Margherita,
ho sciupato una vita,
ero folle di te..
di te.. di te..
e tu ridevi di me..
di me.. di me..
ero folle di te.. di te.. di te..
e tu ridevi di me..
di me.. di me..
io per te Margherita,
ho sciupato una vita,
ero folle di te..
di te di te..
e tu ridevi di me..
di me.. di me..
io per te Margherita…
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1975 - IO CHE NON SONO L'IMPERATORE (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 4:19 pm

1. TITOLO:
 
1975 - IO CHE NON SONO L'IMPERATORE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6149 # Data pubblicazione: 1975 # Matrici: S-6149-1/S-6149-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 7 Febbraio / "Meno male che adesso non c'è Nerone" reca il 1974 come anno di uscita / Copertina apribile con all'interno un progetto di ristrutturazione della metropolitana di Napoli (presentato inizialmente da Bennato come tesi di laurea), fotografie varie, testi delle canzoni con altre foto a corredo e crediti - Testo della title track sul retro copertina / Foto di Cesare "Caesar" Monti, Umberto Telesco, Piero Togni / Registrato da Mario Carulli, Dino Gelsomino, Carlo Martenet, Valter Patergnani - Mixato da Alessandro Colombini - "Affacciati affacciati" registrato dal vivo all'Unversità Bocconi, Milano, 28 Settembre 1974; nella traccia è compresa anche una versione estemporanea di "Io che non sono l'imperatore", con musica diversa e testo più breve, non indicata sul disco / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
Io che non sono l'imperatore (1974) è il terzo album in studio di Edoardo Bennato.

Il disco
I testi e le musiche sono tutti dello stesso Bennato (tranne il testo di Feste di piazza, scritto da Patrizio Trampetti), così come gli arrangiamenti. I tecnici del suono sono Valter Patergnani, Mario Carulli, Dino Gelsomino e Carlo Martenet.

Il disco fu anticipato da un 45 giri uscito alla fine del 1974, Meno male che adesso non c'è Nerone/Parli di preghiere, il cui lato A fu inserito (con un diverso mixaggio) nell'album, mentre il retro rimase inedito su LP. Inoltre, nelle settimane precedenti, in un decina di numeri di Ciao 2001, Bennato aveva pubblicato alcuni racconti surreali, firmandosi Il professor Cono. Questo pseudonimo darà il titolo a una canzone dell'album, basata sulla storia del relativo personaggio. Gli articoli sono stati poi raccolti in un volume dal titolo Dirotterotti.

È un disco trasversale nella carriera di Bennato, presentando a tratti un forte carattere sperimentale. Può essere considerato un tentativo di Bennato di portare il blues a livelli atonali, anticipando in un certo senso i vocalizzi punk di John Lydon e probabilmente ispirato da Tim Buckley. I testi sono surreali ma nello stesso tempo aderenti alla realtà politica di allora, con frecciate contro la censura, il Vaticano e la sinistra parlamentare. In copertina e nell'interno spicca il progetto dello stesso Bennato, all'epoca studente in Architettura, per la metropolitana di Napoli, realizzato per la sua tesi di laurea e poi rifiutato dagli addetti ai lavori; il testo esplicativo che lo accompagna, mette in evidenza come il progetto dell'artista avesse, rispetto a quello approvato, un'attenzione maggiore verso il decentramento e il riutilizzo delle linee già esistenti, come la Cumana e la Circumvesuviana.

Tra i brani, oltre a quelli già citati, Ci sei riuscita, con le percussioni di Esposito in evidenza nel finale, Io per te Margherita - parodia delle canzoni d'amore strappalacrime - e Affacciati affacciati, registrata dal vivo il 28 settembre 1974 all'Università Bocconi di Milano: un attacco abbastanza esplicito alla figura del papa. Infatti, all'interno del disco il testo è illustrato a fianco da una fotografia di Piazza San Pietro. Feste di piazza racconta amaramente degli spettacoli all'aperto organizzati durante le campagne elettorali in favore di un tale aspirante parlamentare. Tra i musicisti del disco, Roberto Giuliani del gruppo dei Maxophone.

L'ultima traccia comprende anche una seconda versione di Io che non sono l'imperatore, il cui testo è recitato a tempo di tarantella, sempre registrata live e non accreditata sul disco.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
 
Versione musicassetta
 

 
   
 

Edoardo Bennato nel 1976

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 1
CHE ORA E'

 
      Lato B: 1
SIGNOR CENSORE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Che ora è...siamo qui finalmente veri...
Stanchi ormai e non c'importa se poi nn è piu' come ieri...
Che ora è...è tardi lo so si confondono i pensieri.. come non mai e con la rabbia pero' che non è piu' come ieri..
Soli piu' soli io e te vicini e distanti... soli piu' soli io e te...
ancora piu' distanti...
Dimmi cos'è...Dimmi perchè...
Cosa farai...adesso che ...hai deciso a noi.. NON CREDI... e non cambierà..
Non cambierà... ci rinuncio amore mio... non è piu' come ieri...
Soli piu' soli io e te vicini e distanti... soli piu' soli io e te...
ancora piu' distanti...
Dimmi cos'è...Dimmi perchè...
Dove andro'.. cosa faro'... dove andrai cosa farai...
vicini e distanti.. soli...
dove andro'.. cosa faro'...dove andrai cosa farai... vicini e distanti...
ancora distanti...
Soli piu' soli io e te vicini e distanti... soli piu' soli io e te...
ancorSoli piu' soli io e te vicini e distanti... soli piu' soli io e te...
a piu' distanti...
Soli piu' soli io e te vicini e distanti... soli piu' soli io e te...

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 
Lato A: 3
CI SEI RIUSCITA

 
      Lato B: 4
AFFACCIATI AFFACCIATI

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ci sei riuscita
Più pensieri non hai
E forse è anche giusto
Per quello che dai

Ora rispetta i tuoi riti sprecati
E compi evoluzioni tra gli invitati
In quei cataloghi
Che hai consultato
C'era già tutto preventivato

Un fiore rosso
In cambio di te
Ma per quei tuoi fianchi
Un prezzo non c'è

Ti muovi bene per questa città
E attraversi le strade
Con molta destrezza
Ma negli specchi che tieni nascosti
Ti vedi nuda in una foresta

Ti muovi bene per questa città
E attraversi le strade
Con molta destrezza
Ma negli specchi che tieni nascosti
Ti vedi nuda in una foresta

I tuoi segreti
Li tieni per te
E non ti chiedi
Quell'uomo chi è

Di quel sommergibile ora sei
Il capitano, ed hai tutto
Quanto a portata di mano
Pochi bottoni, una tazza di te
E c'è qualcuno che pensa per te

Ti muovi bene per questa città
E attraversi le strade
Con molta destrezza
Ma negli specchi che tieni nascosti
Ti vedi nuda in una foresta
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Affacciati affacciati, facci sapere quanto siamo cattivi
Affacciati affacciati, non ti stancare
Affacciati affacciati, dicci che va a finire male
Affacciati affacciati, dai non ti stancare

Affacciati affacciati, benedici noi e tutti i cattivi
Che continuano a seminare il male
Affacciati affacciati, dai non ti stancare
Na na na, na na, na na na
Na na, na na, na na na
Na na na, na na, na na na
Na na, na na, na na na

Affacciati affacciati e facci uno dei tuoi discorsi
Sulla pace universale
Affacciati affacciati, dai non ti stancare

Affacciati affacciati coi tuoi gesti larghi
E con i tuoi vestiti bianchi

Affacciati affacciati, benedici, guardaci
Guardaci, guardaci
Affacciati affacciati, benedici, guardaci
Guardaci
Tanto sono quasi duemila anni
Che stai a guardare
Affacciati affacciati, dai non ti stancare

Io che non l'imperatore
Io che non scendo a patti con te
Io che fui espulso da tutte le scuole
Pretendo il meglio di quello che c'è

La posta in gioco non vale la pena
Ho fatto i conti e non tornano mai
Ho fatto pure la prova del nove
E intanto nuoto in un mare di guai

I conti in banca li ho fatti saltare
In soffitta a pregare per tre
Chi ha visto il piano regolatore
Ha detto: "Bravo!", ma ride di me

Sperequazioni e intrallazzi privati
Io sono il primo col pollice in giù
Ma chi mi dice che è tutta una scena
E poi son quello che imbroglia di più

Chi mi assicura che ha un dato momento
Scendo dal treno e ti dico di no
Muovo gli scacchi a seconda del vento
Non in funzione di quello che so

I capotasti li ho tutti provati
Il tempo toglie più quello che da
Sono a tre quarti e ho l'acqua alla gola
Quell'altro quarto chi sa che sarà

Quell'altro quarto mi spacca la mente
Un razzo bianco: son meglio di noi
Fanno paura ai preti e alla gente
Scappa al segnale, scappa, più forte che puoi

Sono sicuro che c'era qualcuno
Ho fatto carte false per te
Ho già tentato anche un colpo di mano
Però qui il motto è ognuno per sé, ognuno per sé

Se mi arrabatto a parlare latino
Non è questione di ingenuità
Non sono certo che porti fortuna
Non sono certo ma tanto che fa

Se fossi certo del libero arbitrio
Se fosse inverno e lei stesse già qui
Se gli altri in coro facessero scudo
Eviterei di parlare così, di parlare così

Se mi arrabatto a parlare latino
Non è questione di ingenuità
Non sono certo che porti fortuna
Non sono certo ma tanto che fa, ma tanto che fa

Tanto il concetto non cambia colori
Tanto il postino direbbe di no
E se bastasse soltanto una vita
Sarei a cavallo per quello che ho
Per quello che ho, per quello che ho ho, per quello che ho
Per quello che ho ho, per quello che hoooo!
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
IL PROFESSOR CONO

 
      Lato A: 6
IO CHE NON SONO L'IMPERATORE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Il professor Cono
Sembrava distratto
Ma era corretto

Non era una cima
Ma quando parlava
Sapeva che cosa diceva

È vero, sì, è vero
Il professor Cono
Era un tipo a sé stante

È vero, sì, è vero
Che più di una volta
Fu colto in flagrante

L'avete schiacciato, perché?
In fondo quel mostro
Che tutti credete non è

Il professor Cono
Vi torna alla mente
Con passo danzante

Vi abbaglia i ricordi
A voi, a voi, a voi che altro non siete
Che falsi e intriganti

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Io che non sono l'imperatore
Io che non scendo a patti con te
Io che fui espulso da tutte le scuole
Pretendo il meglio di quello che c'è...

La posta in gioco non vale la pena
Ho fatto i conti e non tornano mai
Ho fatto pure la prova del nove
E intanto nuoto in un mare di guai!...

I conti in banca li ho fatti saltare
Tutti in soffitta a pregare per tre
Chi ha visto il piano regolatore
Ha detto: bravo!, ma ride di me...

Sperequazioni e intrallazzi privati
Io sono il primo col pollice in giù
Ma chi mi dice che è tutta una scena
E poi son quello che imbroglia di più...

Chi mi assicura che ha un dato momento
Scendo dal treno e ti dico di no
Muovo gli scacchi a seconda del vento
Non in funzione di quello che so...

I capotasti li ho tutti provati
Il tempo toglie più quello che da
Sono a tre quarti e ho l'acqua alla gola
Quell'altro quarto chi sa che sarà...

Quell'altro quarto mi spacca la mente
Un razzo bianco: son meglio di noi
Fanno paura ai preti e alla gente
Scappa al segnale, scappa, più forte che puoi...

Son sicuro che c'era qualcuno
Ho fatto carte false per te
Ho già tentato anche un colpo di mano
Però qui il motto è: ognuno per sè...

A cosa serve un amico pompiere
Di punto in bianco mi parli col tu
Hai visto giusto: era un vecchio marpione
Salamelecchi, ma niente di più...

Meglio lavarsi con l'acqua salata
Se non ti basta l'affetto che hai
Se i presupposti da cui sei partito
Sono crollati per quello che fai...

Se fossi certo del libero arbitrio
Se fosse inverno e lei stesse già qui
Se gli altri in coro facessero scudo
Eviterei di parlare così...

Se mi arrabatto a parlare latino
Non è questione di ingenuità
Non sono certo che porti fortuna
Non sono certo ma tanto che fa...

Tanto il concetto non cambia colori
Tanto il postino direbbe di no
E se bastasse soltanto una vita
Se bastasse soltanto una vita
Se bastasse soltanto una vita
Sarei a cavallo per quello che ho!...

 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1976 - CANTAUTORE/VENDERO' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 5:32 pm

1. TITOLO:
 
1976 - CANTAUTORE/VENDERO'
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10822 # Data pubblicazione: 1976 # Matrici: SLNR 6527 Bis/SLNR 6527 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Cantautore/Venderò è un singolo del cantautore italiano Edoardo Bennato, pubblicato nel 1976 estratto dall'album La torre di Babele.

Descrizione
È il nono singolo di Bennato, quinto inciso con la Ricordi e prodotto da Alessandro Colombini ed Eugenio Bennato. La traccia del lato A Cantautore è in versione studio, mentre quella dell'album è in versione live
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico sul lato B: "La torre di Babele"
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
CANTAUTORE

 
      Lato B:
VENDERO'

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
tu sei forte tu sei bello
tu sei imbattibile
tu sei incorruttibile
tu sei un ah ah cantautore
tu sei saggio tu porti la verita’
tu non sei un comune mortale
a te non e’ concesso barare
tu sei un ah ah cantautore
tu sei un’anima eletta
tu non accetti compromessi
tu non puoi sbagliare
tu non devi lasciarti andare
tu sei un ah ah cantautore

no tu non puoi lamentarti
che ti senti male

che ti scoppia la testa
e non ce la fai piu’ a guidare

ma non farci ridere a dire
che anche un camionista
si ferma ogni tanto a riposare

perche’ a un camionista
non ti puoi paragonare
tu sei un ah ah cantautore

non li senti trattenere il respiro
quando sei in alto
e cammini sul filo

qui nel grande circo
tu ormai sei il re

(Instrumental)

tu sei buono tu sei vero
tu sei onesto tu sei modesto
tu sei un ah ah cantautore

tu sei semplice tu sei sicuro
tu sei generoso tu sei valoroso
tu sei un ah ah cantautore

tu sei senza macchia
tu sei senza peccato

tu sei intoccabile
tu sei inattaccabile
tu sei un ah ah cantautore

non li senti trattenere il respiro
quando sei in alto
e cammini sul filo

qui nel grande circo
tu ormai sei il re

no non e’ giusto che tu hai tutto
e noi invece no

tu sei perfetto tu non hai un difetto
che rabbia che ci fa

no non e’ giusto che tu hai tutto
e noi invece no

tu sei perfetto non hai un difetto
che rabbia che ci fa

si e’ vero sono io il piu’ bravo
si e’ vero sono io il piu’ bravo
nessuno e’ bravo come me

si e’ vero sono io il piu’ saggio
sono io il piu’ intelligente
e poi sentite come canto bene

(Instrumental)

no non e’ giusto che tu hai tutto
e noi invece no

tu sei perfetto non hai un difetto
che rabbia che ci fa

si e’ vero sono io il piu’ bravo
si e’ vero sono io il piu’ bravo
nessuno e’ bravo come me

si e’ vero sono io il piu’ saggio
sono io il piu’ intelligente
e poi sentite come canto bene

no non e’ giusto che tu hai tutto
e noi invece no

tu sei perfetto non hai un difetto
che rabbia che ci fa

no non e’ giusto che tu hai tutto
e noi invece no

tu sei perfetto non hai un difetto
che rabbia che ci fa
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato, Eugenio Bennato

 
Testo:
Vendero’ le mie scarpe nuove
ad un vecchio manichino
per vedere se si muove
se sta fermo
o se mi segue nel cammino.
Vendero’ il mio diploma
ai maestri del progresso
per costruire un nuovo automa
che dia a loro piu’ ricchezza
e a me il successo.
Ai signori mercanti d’arte
vendero’ la mia pazzia
mi terranno un po’ in disparte
chi e’ normale
non ha molta fantasia.
Raffaele e’ contento
non ha fatto il soldato
ma ha girato e conosce la gente
e mi dice: stai attento che resti fuori
dal gioco
se non hai niente da offrire
al mercato.
Vendero’ la mia sconfitta
a chi ha bisogno
di sentirsi forte
e come un quadro che sta in soffitta
gli parlero’ della mia cattiva sorte.
Raffaele e’ contento
non si e’ mai laureato
ma ha studiato e guarisce la gente
e mi dice: stai attento
che ti fanno fuori dal gioco
se non hai niente da offrire
al mercato.
Vendero’ la mia rabbia
a tutta quella brava gente
che vorrebbe vedermi in gabbia
e forse allora
mi troverebbe divertente.
Ogni cosa ha un suo prezzo
e nessuno lo sa
quanto costa la mia liberta’.


 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 9:19 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1976 - FRANZ E' IL MIO NOME/VIVA LA GUERRA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 6:07 pm

1. TITOLO:
 
1976 - FRANZ E' IL MIO NOME/VIVA LA GUERRA
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10828 # Data pubblicazione: 1976 # Matrici: SLNR 6524 Bis/SLNR 6526 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Franz è il mio nome/Viva la guerra è un singolo del cantautore italiano Edoardo Bennato, pubblicato nel 1976 come secondo estratto dall'album La torre di Babele.

Descrizione
È il decimo singolo di Bennato, sesto inciso con la Ricordi.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
FRANZ E' IL MIO NOME

 
      Lato B:
VIVA LA GUERRA

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Franz è il mio nome e vendo la libertà
a chi vuol passare dall'altra parte della città
compra il biglietto e non ti pentirai
per quello che ti dò non costa assai


Domani è il giorno, domani si partirà
con una carrozza per l'altra parte della città
e come pinocchio non crederai ai tuoi occhi
quando vedrai il paese dei balocchi

West Berlino splndente ti apparirà
e nella notte la luce ti abbaglierà
e nelle vetrine aperte ai desideri
i sogni tuoi proibiti fino a ieri

Senti che suoni, c'è musica dall'altra parte
e nelle strade la gente che si diverte
è sempre festa, l'altra città ti aspetta
non perder tempo, compra il biglietto in fretta

Lì tutto è permesso, lì tutto si può comprare
e ti conviene spendere senza pensare
e se non avrai più i soldi una mattina
ti troverai dall'altra parte della vetrina

È come un gioco, e ognuno ha la sua parte
e quando alla fine avrai giocato tutte le tue carte
non ci pensare non aver paura
che nella vetrina farai la tua figura
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
TESTO DELLA CANZONE
Quando all'alba la campana suonerà a raccolta
raccogli le armi, va in strada
e lascia tutto dietro quella porta....


Il nemico ti aspetta lontano oltre il mare
e tu non puoi tirarti indietro, no
questa guerra si deve fare!

Viva, viva la, viva la guerra
Santa, santa la, santa la guerra!...

Hai lasciato la tua donna e la tua terra
ma è per il suo bene, è per la sua gloria
che tu ammazzerai

Il crudele Saladino è bene armato e forte
ma tu non lo temi, tu non hai paura
e hai anche Dio dalla tua parte

Viva, viva la, viva la guerra
Santa, santa la, santa la guerra!...

Sei un soldato e difendi la libertà
e quelli contro sono cattivi
di loro non aver pietà!...

E se per caso tu morissi non devi temere
perchè ti faremo un bel monumento
che tutti quanti potranno vedere!...

Viva, viva la, viva la guerra
Santa, santa la, santa la guerra!...
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1976 - LA TORRE DI BABELE (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 7:07 pm

1. TITOLO:
 
1976 - LA TORRE DI BABELE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6190 # Data pubblicazione: 1976 # Matrici: S-6190-1/S-6190-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Solo la prima edizione dell'album ha il titolo dell'opera in carattere minuscolo, presto sotituita da un carattere diverso, tutto in maiuscolo / Copretina apribile, con all'interno i crediti e un montaggio dei ritatti dei vari collaboratori al disco su disegno - Busta interna con i testi dell canzoni, fotografia dell'artista e illustrazioni varie / Disegno in copertina di Edoardo Bennato - Foto e montaggio interno di Umberto Telesco e Raniero Marcolino / Registrato da Mario Carulli, Carlo Martenet, Valter Patergnani, Maurizio Rosselli - "Cantautore" registrata dal vivo da Giorgio Bennato - Mixato presso gli Studi "Ricordi", Milano, da Gaetano Ria / L'ultimo brano, segnalato normalmente in etichetta ma non in copertina, è la coda di "Cantautore", ripresa dalla versione in studio del brano, pubblicata su singolo, ma con diverso editing / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
La Torre Di Babele (1974) è il quarto album in studio di Edoardo Bennato.

Il disco
Sia i testi che le musiche sono di Edoardo Bennato (tranne "Venderò", il cui testo è del fratello Eugenio Bennato), così come gli arrangiamenti; la scrittura e direzione dell'orchestra d'archi è invece opera del maestro Antonio Sinagra.
Le registrazioni ed il mixaggio sono stati effettuati negli studi Ricordi di Milano (tranne "Cantautore", registrata dal vivo dal terzo fratello Bennato, Giorgio); i tecnici del suono sono Walter Patergnani, Mario Carulli, e Carlo Martenet, mentre il tecnico del mixaggio è Gaetano Ria.
Da segnalare, tra i musicisti che suonano nell'album, il batterista dei Libra David Walter e quello dei Maxophone Sandro Lorenzetti.
La copertina, opera dello stesso Bennato, rappresenta l'evoluzione tecnologica dell'uomo attraverso lo sviluppo delle armi, strumento utilizzato costantemente nei secoli per farsi strada e conquistare la terra e lo spazio tutto: cento figurine di guerrieri e soldati sono schierate in un'ideale Torre di Babele cronologica (in basso a sinistra l'uomo primitivo con l'ascia, sulla sommità un missile), sviluppando così il tema della title track.
Disco di successo grazie alla canzone trainante "Cantautore", ironica sbeffeggiatura del culto della personalità dei musicisti impegnati, La torre di Babele si presenta come una raccolta di pezzi a tinte scure, quasi grotteschi, proseguendo la poetica surreale del precedente LP Io che non sono l'imperatore.
I testi spaziano dalla crisi della Berlino del muro, spaccata tra due regimi speculari ("Franz è il mio nome", dedicata ad un moderno omino di burro germanico, che in qualche modo anticipa il disco successivo Burattino senza fili, vedi anche i versi «come Pinocchio non crederai ai tuoi occhi / quando vedrai il Paese dei Balocchi»), ad allusioni non tanto velate sulla connivenza fra dittature sudamericane e governi democratici occidentali ("Fandango"), attacchi al perbenismo ("Quante brave persone") e quadretti di delirio metropolitano "rionale" ("Ma chi è?", dove le lamentele del vicino per qualche disturbatore sono un pretesto per i virtuosismi alle percussioni di Tony Esposito).
Lavoro ancora sperimentale, ma che mette maggiormente a fuoco il discorso che più avanti, con Burattino senza fili, troverà una perfetta sintesi.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione musicassetta
 

 
   
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 1
LA TORRE DI BABELE

 
      Lato A: 3
EAA

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Non vi fermate
Dovete costruire la vostra torre
La torre di Babele
Sempre più grande
Sempre più alta e bella
Siete o non siete i padroni della terra?

Strappate tutti i segreti alla natura
E non ci sarà più niente
Che vi farà paura
E sarete voi a far girare la terra
Con un filo, come una trottola
Dall'alto di una stella

E quella stella sarà il quartier generale
Per conquistare
Quello che c'è ancora da conquistare
E da quella stella
Per tutto l'universo
L'uomo si spazia, per superare se stesso

Non vi fermate
Dovete costruire la vostra torre
La torre di Babele
Costi quel che costi
Anche guerra dopo guerra
Siete o non siete i padroni della terra?

Non vi fermate
Dovete costruire la vostra torre
La torre di Babele si deve fare
E serve a dimostrare
Che l'uomo è superiore a ogni altro animale

Non vi fermate
Dovete costruire la vostra torre
La torre di Babele si deve fare
E serve a dimostrare
Che l'uomo è superiore a ogni altro animale
A ogni altro animale
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Eaa, ma come andiamo forte
Eaa, ormai nessuno ci può fermar
Eaa, giù per la discesa
Eaa, ormai nessuno ci può fermar
Eaa, dritti verso il burrone
Eaa, ormai nessuno ci può fermar

Eaa, ho parlato col conducente
E mi ha detto in un orecchio
Che ha i freni rotti e che non vanno più
Eaa, mi ha detto che non è sua la colpa
Ma che lui farà il suo dovere fino in fondo
E poi si vedrà

Eaa, giù per la discesa, dritti verso il burrone
Ormai nessuno ci può fermar

Eaa, mi sono distratto per un momento
E il conducente ha premuto un bottone
E si è catapultato giù
Eaa, ma chi se lo aspettava
Che era un pullman così attrezzato
Che quello si catapultava giù
Eaa, gli altri continuano a intonare cori
Non si sono ancora accorti di niente
E continuano a cantar

Eaa, vorrei prendere io in mano il volante
Però poi ripensandoci bene
Ma chi me lo fa far
Eaa, qui le cose si mettono male
Quasi, quasi premo anch'io quel bottone
E mi catapulto giù

Eaa, ma come vanno forte
Non si sono ancora accorti di niente
E continuano a cantar
 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 3
QUANTE BRAVE PERSONE

 
      Lato B: 4
FANDANGO

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Quante brave persone
Tutte bene vestite
Tutte bene educate
Timorate di Dio
Quante brave persone

Quante brave persone
Nelle loro casette
Con le loro famiglie
Tutte bene ordinate
Tutto il resto non conta
Fuori il resto non conta
Quante brave persone

Quante brave persone
Che poi arrivano a casa
E chiudono bene la porta
E si barricano dentro
Fuori il resto non conta
Tutto il resto non conta

Le notizie da fuori
Le ricevono solo
Attraverso i canali
Del modello 38 a colori
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Oramai che i baci tuoi più non mi sazian
Cercherò un'altra donna, dentro i sogni di Tarzan

Si lo so, che tu di me hai scarsa considerazione
Però prima di darti il tempo di fare la prima mossa
Mi trovo un posto di ala destra dentro una squadra di pallone

Quando tu e tutti quegli altri scienziati amici tuoi
Organizzate un congresso sul tema dell'umana sopravvivanza
Parlate, parlate, ma tutto quello che riuscite a fare
è di sfiorare l'indecenza

Qualcuno mi ha riferito che ti stai cucendo un'altra bandiera
Perché quella che tenevi era passata di moda
Era tutta verde con una palla nera

E intanto tu diventi ogni giorno più cretina
E adesso ti sei messo in testa che devi partire
E prendere lezioni di tango in Argentina
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
MA CHI E'

 
      Lato B: 5
CANTAUTORE "MA NON È GIUSTO"

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ma chi è
Allàffora, ma chi è?
Ma chi è, allàdreta, ma chi è?
Ma cherè tutta stammuina, ma cherè?
Ma ciò bbulite fa fa' o no?
Ma a vulite fenni o no?
Jatevenne tutte quante a via e fora!
Ma chi è?...

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ma non è giusto
Che tu hai tutto
E noi invece no

Tu sei perfetto
Tu non hai un difetto
Che rabbia che ci fa!

Sì è vero, sono io il più bravo
Sì è vero, sono anche bravo
Nessuno è bravo come me

Sì è vero, sono io il più saggio
Sono io il più intelligente
E poi sentite come canto bene

(Ma non è giusto)
(Che tu hai tutto)
(E noi invece no)

(Ma non è giusto)
(Che tu hai tutto)
(E noi invece no)

(Tu sei perfetto)
(Tu non hai un difetto)
(Che rabbia che ci fa!)

(Ma non è giusto)
(Che tu hai tutto)
(E noi invece no)

(Tu sei perfetto)
(Tu non hai un difetto)
(Che rabbia che ci fa!)

(Ma non è giusto)
(Che tu hai tutto)
(E noi invece no)

(Ma non è giusto)
(Che tu hai tutto)
(E noi invece no)

 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Mar 24, 2020 1:34 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1977 - IN PRIGIONE, IN PRIGIONE/TU GRILLO PARLANTE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 8:21 pm

1. TITOLO:
 
1977 - IN PRIGIONE, IN PRIGIONE/TU GRILLO PARLANTE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SJB 119 # Data pubblicazione: 1977 # Matrici: SLNU 6730/SLNR 6732 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
In prigione, in prigione/Tu grillo parlante è un 45 giri edizione speciale "Juke Box" composto e interpretato da Edoardo Bennato, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi come tracce dell'album Burattino senza fili nel 1977
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico sul lato B: "La torre di Babele"
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IN PRIGIONE, IN PRIGIONE

 
      Lato B:
TU GRILLO PARLANTE

 
     

 
Testo:
     
 
Testo:
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Mar 25, 2020 10:37 pm, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1977 - MANGIAFUOCO/IL GATTO E LA VOLPE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mar 22, 2020 10:06 pm

1. TITOLO:
 
1977 - MANGIAFUOCO/IL GATTO E LA VOLPE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SJB 120 # Data pubblicazione: 1977 # Matrici: SLNU 6723/SLNR 6733 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Mangiafuoco/Il gatto e la volpe è un 45 giri edizione speciale "Juke Box" composto e interpretato da Edoardo Bennato, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi come tracce dell'album Burattino senza fili nel 1977
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico sul lato B: "La torre di Babele"
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
MANGIAFUOCO

 
      Lato B:
IL GATTO E LA VOLPE

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato, Eugenio Bennato

 
Testo:
Non si scherza, non è un gioco
sta arrivando Mangiafouco
lui comanda e muove i fili
fa ballare i burattini

State attenti tutti quanti
non fa tanti complimenti
chi non balla, o balla male
lui lo manda all'ospedale

Ma se scopre che tu i fili non ce l'hai
se si accorge che tu il ballo non lo fai
allora sono guai - e te ne accorgerai
attento a quel che fai - attento ragazzo
che chiama i suoi gendarmi
e ti dichiara pazzo!...

C'è un gran ballo, questa sera
ed ognuno ha la bandiera
marionette, commedianti
balleranno tutti quanti

Tutti i capi di partito
e su in alto Mangiafuoco
Mangiafuoco fa le scelte
muove i fili e si diverte

Ma se scopre....ecc.

C'è una danza molto bella
tra Arlecchino e Pulcinella
si riempono di calci
si spaccano le ossa
Mangiafuoco sta alla cassa

Mangiafuoco fa i biglietti
tiene i prezzi molto alti
non c'è altro concorrente
chi ci prova se ne pente!...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato, Eugenio Bennato

 
Testo:
Quanta fretta ma dove
corri dove vai
se ci ascolti per un
momento capirai
lui è il gatto
ed io la volpe
stiamo in società
di noi ti puoi fidar…..
Puoi parlarci dei tuoi
problemi, dei tuoi
guai i migliori in
questo campo siamo noi
è una ditta specializzata
fai un contratto e vedrai
che non ti pentirai…..
Noi scopriamo talenti
e non sbagliamo mai
noi sapremo sfruttare
le tue qualità
dacci solo quattro
monete e ti iscriviamo
al concorso,
per la celebrità!…..
Non vedi che e’ un vero
affare, non perdere
l’occasione
se no poi te ne pentirai,
non capita tutti i
giorni di avere due
consulentie impresari
che si fanno in quattro
per te.
Avanti non perder tempo
firma qua è un normale
contratto è una
formalità
tu ci cedi tutti i diritti
e noi faremo di te
un divo da hitparade…
Non vedi che e’ un vero
affare, non perdere
l’occasione
se no poi te ne pentirai,
non capita tutti i
giorni di avere due
consulentie impresari
che si fanno in quattro
per te.
Quanta fretta, ma dove
corri dove vai
che fortuna che hai
avuto ad incontrare noi
lui è il gatto
ed io la volpe
stiamo in società
di noi ti puoi fidar
di noi ti puoi fidar
di noi ti puoi fidar!
di noi ti puoi fidar!

 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Mar 25, 2020 10:36 pm, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1977 - BURATTINO SENZA FILI (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 11:51 am

1. TITOLO:
 
1977 - BURATTINO SENZA FILI
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6209 # Data pubblicazione: 1977 # Matrici: S-6209-1/S-6209-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Copertina apribile, con impaginazione, incollata alla custodia dall'ultimo foglio, con i testi delle canzoni, fotografie dei musicisti in studio, crediti e illustrazioni in gran parte riprese dai disegni originali di Attilio Mussino per l'edizione del 1911 de "Le avventure di Pinocchio" di Carlo Collodi (Ed. Bemporad, Firenze) / Foto di Giuseppe Pino / Registrato da Mario Carulli, Carlo Martenet, Valter Patergnani, Gianluigi Pezzera / Il disco contiene in chiusura una ghost track, non indicata altrimenti, consistente in una ripresa per sola orchestra di "Dotti, medici e sapienti" / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
Burattino senza fili è un concept album di Edoardo Bennato uscito nel 1977, che ha venduto circa un milione di copie, risultando l'album più venduto in Italia nel 1977

L'Album
Il disco ripropone le vicissitudini di Pinocchio in chiave metaforica e mostra un doppio piano di lettura; la storia di Carlo Collodi tal quale e la riproposizione allegorica dei modelli dei personaggi in chiave moderna.

Registrato negli studi Ricordi di Milano i tecnici del suono sono Walter Patergnani, Mario Carulli, Gianluigi Pezzera e Carlo Martenet, mentre il tecnico del missaggio è Arun Chakraverty. Tra i musicisti del disco, vi sono tre componenti dei Maxophone: Sandro Lorenzetti, Alberto Ravasini e Maurizio Bianchini.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 

 

 
   
 
 
Versione musicassetta
 

 
   
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B

  • A1 E' STATA TUA LA COLPA
  • A2 MANGIAFUOCO
  • A3 LA FATA
  • A4 IN PRIGIONE, IN PRIGIONE


 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 1
E' STATA TUA LA COLPA

 
      Lato B: 1
IN PRIGIONE, IN PRIGIONE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
e’ stata tua
la colpa e allora
adesso che vuoi
volevi diventare
come uno di noi
e come rimpiangi
quei giorni che
eri un burattino
ma senza fili
e invece adesso i
fili ce l’hai
e adesso non
fai un passo
se dall’alto non c’e’
qualcuno che comanda e
muove i fili per te
adesso la gente
di te piu’ non ridera’
non sei piu’ un
saltimbanco
ma vedi quanti
fili che hai
e’ stata tua la scelta e
allora adesso
che vuoi
sei diventato
proprio come
uno di noi
a tutti gli agguati
del gatto e la
volpe tu
l’avevi scampata
sempre pero’
adesso rischi
di piu’
e adesso non
fai un passo
se dall’alto non c’e’
qualcuno che comanda e
muove i fili per te
e adesso che ragioni
come uno di noi
i libri della scuola
non te li venderai
come facesti
quel giorno
per comprare il
biglietto e entrare
nel teatro di
mangiafuoco
quei libri adesso
li leggerai
vai vai e
leggili tutti
e impara quei
libri a memoria
c’e’ scritto che i
saggi e gli onesti
son quelli che fanno
la storia
fanno la guerra
la guerra e’ una
cosa seria
buffoni e burattini
no non la faranno mai
e’ stata tua la scelta e
allora adesso
che vuoi
sei diventato
proprio come
uno di noi
prima eri un buffone
un burattino
di legno ma
adesso che sei normale
quanto e’ assurdo il
gioco che fai
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Tu che sei innocente
Tu che non hai fatto niente
Tu che ti lamenti perché ti hanno imbrogliato
Allora adesso senti

Tu andrai in prigione
In prigione, in prigione
Proprio tu, in prigione
E che ti serva da lezione!

Tu che hai rispettato
Le leggi dello stato
Ti senti sfortunato
Ti senti perseguitato, offeso, amareggiato, allora

In prigione, in prigione
In prigione, in prigione
Sì, proprio tu, in prigione
E che ti serva da lezione!

Tu che hai calcolato
Tu che hai provveduto
Tu che non hai mai sgarrato
Tu che alla giustizia ci hai sempre creduto, allora

Tu andrai in prigione
In prigione, in prigione
Sì, proprio tu, in prigione
E che ti serva da lezione!

Tu che indaghi sempre
Sul conto della gente
E non ti fermi alle apparenze
Ma analizzi, scavi e poi sputi le sentenze, allora

In prigione, in prigione
In prigione, in prigione
Proprio tu, in prigione
E che ti serva da lezione!

Tu che sei avvocato
Serio e preparato
Ridi e scherzi poco
Ma conosci tutte le regole del gioco, allora

In prigione, in prigione
Sì, anche tu, in prigione
In prigione, in prigione
E che ti serva da lezione!

(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)

E tutti i professori
Medici e dottori
Notabili e avvocati
E tutti i capi dei sindacati, tutti!

Tutti quanti in prigione
In prigione, in prigione
Sì, in prigione, in prigione
E che vi serva da lezione!

Quanta gente onesta
Tutta preparata a festa
Che si avvia verso il mare
Li dovete bloccare, fermare, catturare, sì

Per mandarli in prigione
(In prigione, in prigione)
Tutti quanti in prigione
E che vi serva da lezione!

In prigione, in prigione
In prigione, in prigione
In prigione, in prigione
E non do spiegazione

(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)
(Anche tu, in prigione)
(Anche tu, in prigione)

No! No, lasciatemi!
No! C'è un errore!
Io sono il giudice, lasciatemi!
No! Lasciatemi, c'è un errore!

(In prigione, in prigione)
(Anche tu, in prigione)
(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)
(In prigione, in prigione)
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
LA FATA

 
      Lato B: 2
TU GRILLO PARLANTE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
C'è solo un fiore in quella stanza
e tu ti muovi con pazienza
la medicina è amara ma
tu già lo sai che la berrà

Se non si arrende tu lo tenti
e sciogli il nodo dei tuoi fianchi
e quel vestito scopre già
chi coglie il fiore impazzirà

Farà per te qualunque cosa
e tu sorella e madre e sposa
e tu regina o fata, tu
non puoi pretendere di più

E forse è per vendetta
e forse è per paura
o solo per pazzia
ma da sempre
tu sei quella che paga di più
se vuoi volare ti tirano giù
e se comincia la caccia alla streghe
la strega sei tu

E insegui sogni da bambina
e chiedi amore e sei sincera
non fai magie, ne trucchi, ma
nessuno ormai ci crederà

C'è chi ti urla che sei bella
che sei una fata, sei una stella
poi ti fa schiava, però no
chiamarlo amore non si può

C'è chi ti esalta, chi ti adula
c'è chi ti espone anche in vetrina
si dice amore, però no
chiamarlo amore non si può
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Spegnate la luce
Sentite una voce
È ancora distante
È un grillo parlante
Viene, viene, eccolo qua
E adesso sentirete
Come canterà

È un grillo parlante
Si crede importante
Ha tanto studiato
Si è laureato
Viene, viene, eccolo qua
E adesso sentirete
Che predica che ci farà

Tu grillo parlante
Che parli alla gente
Ma chi t'ha invitato
Ma chi t'ha pregato
Sei un profeta di varietà
E la tua predica
No, non ci servirà!

Comincia la festa
Ma la festa è festa
Soltanto ad un patto
Che spacchiamo tutto
Per noi la festa è questa qua
E nessuna predica mai ci servirà

Comincia la festa
Ma la festa è nostra
E noi decidiamo
Che gioco giochiamo
Rabbia, violenza chiamala
Come ti pare
Ma in qualche modo pure
Ci dobbiamo sfogare

Sei un pozzo di scienza
Ma quella violenza
Di cui parli tanto
Ce l'abbiamo dentro
Si vende nei negozi della città
Comprane un po' anche tu
Vedrai che ti servirà

Tu dici che hai avuto
Un ricco passato
Che hai tanto girato
Sei tanto istruito
E allora adesso
Impara un'altra verità
A fare il profeta, mai nessuno ci guadagnerà
A fare il profeta, mai nessuno ci guadagnerà
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
IN PRIGIONE, IN PRIGIONE

 
      Lato B: 4
QUANDO SARAI GRANDE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Tu che sei innocente
tu che non hai fatto niente
tu che ti lamenti
perché ti hanno imbrogliato
allora adesso senti:

tu andrai in prigione
in prigione, in prigione
proprio tu, in prigione
e che ti serva da lezione!

Tu che hai rispettato
le leggi dello stato
ti senti sfortunato
ti senti perseguitato, offeso
amareggiato, allora:
in prigione, in prigione!…

Tu che hai calcolato
tu che hai provveduto
tu che non hai mai sgarrato
tu che alla giustizia
ci hai sempre creduto.

Tu andrai in prigione!
Tu che indaghi sempre
sul conto della gente
e non ti fermi alle apparenze
ma analizzi, scavi e poi
sputi le sentenze, allora:

In prigione, in prigione!
Tu che sei avvocato
serio e preparato
ridi e scherzi poco
ma conosci tutte le regole
del gioco, allora
la prigione, in prigione!

E tutti i professori
medici e dottori
notabili e avvocati
e tutti i capi
dei sindacati, tutti!

Tutti quanti in prigione!
Quanta gente onesta
tutta preparata a festa
che si avvia verso il mare
li dovete bloccare, fermare
catturare, sì
per mandarli in prigione!
In prigione in prigione
tutti quanti in prigione
e che si serva da lezione!

In prigione, in prigione
in prigione, in prigione!
E non dò spiegazione!

Coro: anche tu in prigione
tu vuoifare il santone
anche tuin prigione
anche tuin prigione!

No lasciatemi!
C’è un errore
io sono il giudice
io sono il giudice
lasciatemi, c’è un errore
no, no, c’è un errore!…
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Il vuoto e poi
Ti svegli e c'è
Un mondo intero
Intorno a te

Ti hanno iscritto
A un gioco grande
Se non comprendi
E se fai domande

Chi ti risponde
Ti dice "è presto"
Quando sarai grande
Allora saprai tutto

Saprai perché
Saprai perché
Quando sarai grande
Saprai perché

E allora osservi
Gli altri giocare
È un gioco strano
Devi imparare

Devi stare zitto
Solo ascoltare
Devi leggere più libri che puoi
Devi studiare

È tutto scritto
Catalogato
Ogni segreto
Ogni peccato

Saprai perché
Saprai perché
Saprai perché
Quando sarai grande
Saprai, saprai

Saprai perché
Saprai perché
Quando sarai grande
Saprai, saprai, saprai
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Mar 26, 2020 12:24 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1980 - SEI COME UN JUKE BOX/UFFÀ! UFFÀ! (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 1:15 pm

1. TITOLO:
 
1980 - SEI COME UN JUKE BOX/UFFÀ! UFFÀ!
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SJB 165 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: SLNU 7263/SLNR 7264 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Sei come un Juke Box/Uffa'! uffa'! è un 45 giri edizione speciale "Juke Box" composto e interpretato da Edoardo Bennato, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi come tracce dell'album "Uffa'! uffa'!" nel 1980
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico.
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
SEI COME UN JUKE BOX

 
      Lato B:
UFFÀ! UFFÀ!

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
muoviti muoviti, facci sentire
un’altra musica, una nuova canzone
muoviti muoviti, non ti fermare
tutta la notte devi suonare….
muoviti muoviti, facci sentire
un’altra musica, una nuova canzone
muoviti muoviti, non ti stancare
tutta la notte devi suonare….

muoviti muoviti, la notte e’ breve
il tempo stringe, non farti pregare
e poi non puoi piu’ tirarti indietro,
abbiamo messo altre cento lire…

sei come un juke box, juke box
devi suonare, juke box, juke box
devi cantare, juke box, juke box
non ti stancare, tutta la notte
facci ballare!…

muoviti muoviti, ma dicci almeno,
di cosa parla la prossima canzone
ma che prepari, ma, ma che combini
ma cosa sono tutti questi misteri ah?

muoviti muoviti, non ti conviene
facci aspettare un’altra stagione
e poi non puoi piu’ tirarti indietro,
abbiamo messo altre cento lire…

sei come un juke box, juke box
devi cantare,juke box, juke box
devi suonare,juke box,juke box
non ti stancare,tutta la notte
facci ballare!…

sei come un juke box, juke box
devi cantare,juke box,juke box
devi suonare,juke box,juke box,
non ti stancare,tutta la notte
facci ballare!…

sei come un juke box, juke box
devi cantare, juke box, juke box
devi suonare, juke box, juke box,
non ti stancare, tutta la notte
facci ballare, tutta la notte
facci ballare, tutta la notte…..
muoviti muoviti….
muoviti muoviti….
muoviti muoviti.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Uffà! Uffà! Ma che scocciatura
Questa guerra non mi piace, non la voglio fare
Che m'importa del petrolio, sarò un vile, un'anormale
Ma questa volta alle Crociate
Non ci voglio, non ci voglio, non ci voglio andare

Uffà! Uffà! Lanciate i vostri strali
Dite pure quello che volete, per televisione, sui giornali
Dite che son traditore, disertore, svergognato
Ma questa volta alle Crociate
Non ci voglio, non ci voglio, non ci voglio andare

Uffà! Uffà! E fateli sfogare
Nella sabbia e nel petrolio fateli sguazzare
Fanno i prezzi troppo alti, fanno quello che gli pare
Ma questa volta alle Crociate
Non ci voglio, non ci voglio, non ci voglio andare

Uffà! Uffà! Quelli erano già strani
Forse per eredità o per costituzione
Ma con i miraggi del paese delle meraviglie li avete incattiviti
E allora adesso andate tutti a piedi
E non mi, e non mi, e non mi ricattate

Perché non provate a sfruttare l'energia del sole?
Oppure provate a prendere l'energia dal mare
O da dove diavolo vi pare, io mi dissocio dall'affare
Questa volta alle Crociate
Non ci voglio, non ci voglio, non ci voglio andare

Uffà! Uffà! Meglio tutti al buio
Meglio tutti al freddo e senza benzina nel motore
Sì, lo ammetto, son dolori, non si scherza, son guai seri
Ma andateci voi in Terra Santa
A scacciare, a scacciare, a scacciare i mori

Perché non provate a sfruttare l'energia del sole?
Oppure provate a prendere l'energia dal mare
O dove diavolo vi pare, io mi dissocio dall'affare
Questa volta alle Crociate
Non ci voglio, non ci voglio, non ci voglio andare

Uffà! Uffà! Ma che fregatura
Prima o poi sarò coinvolto, ma almeno fatemi sputare
Addosso a quelli che sono addetti alla preparazione
Di questa maledetta, di questa maledetta
Di questa stramaledetta terza guerra mondiale
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Mar 25, 2020 10:34 pm, modificato 4 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1980 - SONO SOLO CANZONETTE/L'ISOLA CHE NON C'E' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 1:55 pm

1. TITOLO:
 
1980 - SONO SOLO CANZONETTE/L'ISOLA CHE NON C'E'
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: J.B. 175 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: SLNY 7316/SLNY 7313 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Sono solo canzonette/L'sola che non c'e' è un 45 giri edizione speciale "Juke Box" composto e interpretato da Edoardo Bennato, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi come tracce dell'album "Lisola che non c'e'" nel 1980
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
SONO SOLO CANZONETTE

 
      Lato B:
L'ISOLA CHE NON C'E'

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
ah na na
na ah
ah ah
ah na na
na ah ah ah
ah na na
na ah ah ah
ah na na
na ah ah ah
mi ricordo che
anni fa’
di sfuggita
dentro un bar
ho sentito un
juke box che
suonava
e nei sogni
di bambino
la chitarra era una
spada
e chi non ci
credeva era un
pirata
e la voglia
di cantare
e la voglia
di volare
forse mi e’
venuta
proprio allora
forse e’
stata una pazzia
pero’ e’ l’unica
maniera di
dire sempre
quello che mi va
non potro’
mai diventare
direttore
generale
delle poste e
delle ferrovie
non potro’ mai
far carriera
nel giornale
della sera
anche perche’
finirei in
galera
mai nessuno
mi dara’
il suo voto
per parlargli
o per decidere
del suo futuro
nella mia categoria
e’ tutta gente
poco seria
di cui non ci
si puo’ fidare
ah na na na
ah ah ah
ah na na na
ah ah ah
guarda invece
che scienziati
che dottori che
avvocati
che folla di
ministri e
deputati
pensa che in
questo momento
proprio mentre
io sto cantando
stanno seriamente
lavorando
per i dubbi e
le domande
che ti assillano
la mente
va’ da loro e
non ti preoccupare
sono a tua
disposizione
e sempre
senza esitazione
loro ti
risponderanno
ah na na na
ah ah ah
ah na na
na ah ah ah
io di risposte
non ne ho
io faccio solo
rock and roll
se vi conviene
bene
io piu’ di tanto
non posso fare
gli impresari
di partito
mi hanno fatto un
altro invito
e hanno detto che
finisce male
se non vado
pure io
al raduno
generale
della grande
festa nazionale
hanno detto
che non posso
rifiutarmi
proprio adesso
che anche a loro
devo il
mio successo
che son pazzo ed
incosciente
sono un
irriconoscente
un sovversivo
un mezzo
criminal
ma che ci
volete fare
non vi
sembrero’ normale
ma e’ l’istinto
che mi fa volare
non c’e’ gioco
ne’ finzione
perche’
l’unica illusione
e’ quella della
realta’ della ragione
pero’ a quelli in
malafede
sempre a
caccia
delle streghe
dico no!
non e’ una
cosa seria
e cosi’ e’
se vi pare
ma lasciatemi
sfogare
non
mettetemi alle
strette
o con quanto
fiato in gola
vi urlero’
non c’e’ paura
ma che politica
che cultura
sono solo
canzonette non
mettetemi alle
strette
sono s…
sono s…
sono solo
canzonette
ah na na na
ah ah ah
ah na na
na ah ah ah
ah na na na ah
ah ah
ah na na na
ah ah ah
ah na na na
ah ah ah
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Poi la strada la trovi da te
Porta all'isola che non c'è

Forse questo ti sembrerà strano
Ma la ragione ti ha un po' preso la mano
Ed ora sei quasi convinto che
Non può esistere un'isola che non c'è

E a pensarci, che pazzia
È una favola, è solo fantasia
E chi è saggio, chi è maturo lo sa
Non può esistere nella realtà

Son d'accordo con voi, non esiste una terra
Dove non ci son santi né eroi
E se non ci son ladri, se non c'è mai la guerra
Forse è proprio l'isola che non c'è, che non c'è

E non è un'invezione
E neanche un gioco di parole
Se ci credi ti basta, perché
Poi la strada la trovi da te

Son d'accordo con voi, niente ladri e gendarmi
Ma che razza di isola è?
Niente odio e violenza, né soldati né armi
Forse è proprio l'isola che non c'è, che non c'è

Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Non ti puoi sbagliare, perché
Quella è l'isola che non c'è

E ti prendono in giro se continui a cercarla
Ma non darti per vinto, perché
Chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle
Forse è ancora più pazzo di te
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Mar 25, 2020 10:40 pm, modificato 1 volta
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1980 - COSI' NON VA, VERONICA/RESTITUISCIMI I MIEI SANDALI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 2:54 pm

1. TITOLO:
 
1980 - COSI' NON VA, VERONICA/RESTITUISCIMI I MIEI SANDALI
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: J.B. 181 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: SLNY 7298/SLNY 7301 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Così Non va, Veronica/Restituiscimi i miei sandali è un 45 giri edizione speciale "Juke Box" composto e interpretato da Edoardo Bennato, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi come tracce dell'album "Uffà! Uffà!" nel 1980
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
COSI' NON VA, VERONICA

 
      Lato B:
RESTITUISCIMI I MIEI SANDALI

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Cosi non va veronica
non ci sto piu’
quella tua trita polemica
non mi va giu’
e un dato di fatto
che mi hai ridotto cosi’
sei stata tu
sei diventata isterica
dal giorno che
ti hanno bocciata
all’esame di guida
e sai perche’
non ti bastava piu’
il giro alla sera
insieme a me
io me ne andro in giamaica
l’otto di agosto
e vado con un volo charter
perche in nave
non c’era piu posto
tanto che fa
se arrivo a kingston
un po piu’ presto
cosa faro oh oh oh
oh oh oh oh
oh oh oh oh
io non lo so oh oh oh
oh oh oh oh
oh oh oh oh
so solo che l’importante
per ora e scappare via
via il piu lontano possibile
da te
via da te
senza di te veronica
mi arrangero’
sara un po dura all’inizio
non dico di no
ma voglio imparare
a suonare il sassofono
e ci riusciro’
cosa faro oh oh oh
oh oh oh oh
oh oh oh oh
io non lo so oh oh oh
oh oh oh oh
oh oh oh oh
so solo che l’importante
per ora e scappare via
via il piu lontano possibile
da te
via da te
senza di te veronica
mi arrangero’
sara un po dura all’inizio
non dico di no
ma voglio imparare
a suonare il sassofono
e ci riusciro’
voglio imparare
a suonare il sassofono
e e e ci riusciro’
si si perche senza di te
e tutto piu facile
non ho piu palle al piede
potrei fare qualunque cosa
potrei anche imparare
a suonare il clavicembalo
ma il sassofono
e sempre stato
il mio sogno proibito
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Te lo dico con le buone, ma fa' presto
Te lo dico con le buone, però insisto
Sono andato a piedi nudi troppo spesso
E non posso, e non posso farlo anche adesso
Ho un impegno e ho già chiesto il tuo permesso
Te lo dico, con le buone, ma fa' presto

Restituiscimi i miei sandali
E non portarmi per i vicoli
Io sono un tipo senza scrupoli
E se mi arrabbio non rispondo più di me
Restituiscimi i miei sandali
E non cercar cavilli inutili
Che qui sta andando tutto a rotoli
E io non rispondo più di me

E va bene, resto calmo, ma fa' presto
E va bene, sono calmo, però insisto
Ti ricordi il mio intervento a quel congresso
In cui ho dichiarato che disapprovo ogni eccesso
E in cui ho affermato che a nessuno è mai concesso
Perdere mai il controllo di se stesso
E non voglio contraddirmi proprio adesso, perciò

Restituiscimi i miei sandali
E non cercar cavilli inutili
Devo arrivare fino a Napoli
E non posso perdere altro tempo con te
Restituiscimi i miei sandali
E non portarmi per i vicoli
Io sono un tipo senza scrupoli
E se mi arrabbio non rispondo più di me
Restituiscimi i miei sandali
E non cercar cavilli inutili
Debbo arrivare fino a Napoli
Debbo arrivarci per le tre

Restituiscimi i miei sandali
E non cercar cavilli inutili
Devo arrivare fino a Napoli
E non posso perdere altro tempo con te
Restituiscimi i miei sandali
E non portarmi per i vicoli
Io sono un tipo senza scrupoli
E se mi arrabbio non rispondo più di me
Restituiscimi i miei sandali
E non cercar cavilli inutili
Debbo arrivare fino a Napoli
Debbo arrivarci per le tre

Restituiscimi i miei sandali
E non cercar cavilli inutili
Devo arrivare fino a Napoli
E non posso perdere altro tempo con te
Devo arrivare fino a Napoli
Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali
Non posso perdere altro tempo con te
Restituiscimi i miei sandali
E non portarmi per i vicoli
Io sono un tipo senza scrupoli
E se mi arrabbio non rispondo più di me

Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali
Debbo arrivare fino a Napoli
Debbo arrivarci per le tre

Restituiscimi i miei sandali
Restituiscimi i miei sandali

Ok? Lo dico con le buone, ma fa' presto
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Mar 25, 2020 10:41 pm, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1980 - IL ROCK DI CAPITAN UNCINO/DOPO IL LICEO CHE POTEVO FAR (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 3:14 pm

1. TITOLO:
 
1980 - IL ROCK DI CAPITAN UNCINO/DOPO IL LICEO CHE POTEVO FAR
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: J.B. 185 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: SLNY 7310/SLNY 7312 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Il Rock di Capitan Uncino/Dopo il liceo che potevo far è un 45 giri edizione speciale "Juke Box" composto e interpretato da Edoardo Bennato, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi come tracce dell'album "Lisola che non c'e'" nel 1980
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IL ROCK DI CAPITAN UNCINO

 
      Lato B:
DOPO IL LICEO CHE POTEVO FAR

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ciurma, questo silenzio cos'è?
Sveglia, tutti a rapporto da me
Spugna, pendaglio da forca

Possibile che nessuno si muove?
Ma sono o no il comandante
Di questa lurida nave?
Di questa lurida nave?

Sono o non sono il Capitan Uncino?
E allora quando vi chiamo
Lasciate tutto e correte
E fate presto perché
Chi arriva tardi lo sbrano

Avanti chi mi da
Notizie di Peter Pan
Lo voglio vivo però
Quando l'acchiappo non so
Che cosa gli farò

Si prende gioco di me
E fa il gradasso perché
Quei branchi di mocciosi
Lo stanno ad ascoltare
Lo credono un eroe
Ma è solo un qualunquista
Un esibizionista
Di tutti i miei nemici
È il più pericoloso
È il primo della lista
Ma a voi vi sembra giusto
Durante un duello
Ha preso la mia mano
L'ha data in pasto a quel
Dannato coccodrillo

Ma non la passa liscia
Gliela farò pagare
Con le mie stesse mani
Anzi, col mio uncino
Lo dovrò scannare

Eccolo in vista, è lui con tutta la banda
Meglio che questa volta si arrenda
Non voglio prigionieri, mi basta solo un ostaggio
La ragione è dalla nostra parte, ricordatevelo
Avanti all'arrembaggio, avanti all'arrembaggio

Sono o non sono il Capitan Uncino?
E allora avanti col coro
Cantate tutti con me e ripetete con me
Gli slogan che vi ho insegnato

Veri pirati noi siam
Contro il sistema lottiam
Ci esercitiamo a scuola a far la faccia dura
Per fare più paura
Ma cosa c'è di male?
Ma cosa c'è di strano?
Facciamo un gran casino
Ma in fondo lavoriamo per Capitan Uncino

Io sono il professore della rivoluzione
Della pirateria, io sono la teoria, il faro illuminante
Ma lo capite o no? Ve lo rispiegherò
Per scuotere la gente non bastano i discorsi
Ci vogliono le bombe
Io ero un benestante, non mi mancava niente
Ma i soldi di papà, li spendo tutti qua
A combattere sul fronte
Chi si arruolerà, un bel tatuaggio avrà
Ma da quel trampolino, io a chi non vuol firmare
Lo sbatto giù nel mare

Si batte la fiacca, eh?
Io mi sacrifico per voi
E questo è il vostro ringraziamento, eh?

Avanti ciurma

Veri pirati noi siam
Contro il sistema lottiam
Ci esercitiamo a scuola a far la faccia dura
Per fare più paura

Ma cosa c'è di male?
Ma cosa c'è di strano?
Facciamo un gran casino
Ma in fondo lavoriamo per Capitan Uncino

Veri pirati noi siam
Contro il sistema lottiam
Ci esercitiamo a scuola a far la faccia dura
Per fare più paura
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Dopo il liceo che potevo far
Non c'era che l'Università
Ma poi il seguito è una vergogna
Son fuori corso qui in facoltà
E me lo voglio dimenticar
E bevo, bevo come una spugna

Son sempre ubriaco son sempre fatto
E arrivo a sera che son distrutto
Così a furia di questo sballo
Non so più quando non so più come
Mi son scordato il mio vero nome
Ma qui nel giro mi chiamano
Spugna, eccomi qua

Faccio il pirata ma non mi va
E tengo pure una certa età
Son tutto buchi come una spugna
Del movimento mi importa poco
Faccio buon viso a cattivo gioco
E bevo, bevo senza ritegno

Quel Peter Pan non mi ha fatto niente
Però deve essere un gran fetente
Perché lo dice il mio comandante
Mi fa una rabbia il fatto che vola
Pur non essendo mai andato a scuola
Mentre io ci provo ma poi
Mi ritrovo a testa in giù

Faccio il pirata ma non mi va
E tengo pure una certa età
Son tutto buchi come una spugna
Del movimento mi importa poco
Faccio buon viso a cattivo gioco
E bevo, bevo senza ritegno

Quel Peter Pan non mi ha fatto niente
Però deve essere un gran fetente
Perché lo dice il mio comandante
Mi fa una rabbia il fatto che vola
Pur non essendo mai andato a scuola
Mentre io ci provo ma poi
Mi ritrovo a testa in giù

Lo so che non valgo molto
Son livido, son sconvolto
C'è poco da scherzare
Ma voglio volare anch'io
Volare a modo mio
Il prezzo è assai alto
Ma ci riuscirò

E ora ho trovato la giusta via
Sono qualcuno in pirateria
E questo ormai è il mio destino
E se qualcuno mi vuol fermare
Sono disposto anche a sparare
Sono devoto a Capitan Uncino

Ai suoi discorsi son sempre presente
Ma non so bene cosa abbia in mente
E non mi faccio più troppe domande
E non m'importa dov'è il potere
Finche continua a darmi da bere
Non lo tradisco e fino all'inferno
Lo seguirò, non lo tradisco e fino
All'inferno lo seguirò
Non lo tradisco e fino all'inferno lo seguirò
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Mar 25, 2020 10:42 pm, modificato 3 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1980 - UFFÀ! UFFÀ! (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 4:11 pm

1. TITOLO:
 
1980 - UFFÀ! UFFÀ!
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6269 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: S-6269-1/S-6269-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 20 Febbraio / Busta interna con testi delle canzoni (salvo "Uffà! Uffà!, stampato sul retro copertina), illustrazioni varie e fotografia dell'artista / Disegno in copertina di Tony Esposito - Foto di Basil Hangarter / Registrato presso gli Stone Castle Studios, Carimate (CO), da Ezio De Rosa con Mario Lovallo - "A Licola" registrato da Mario Carulli e Carlo Martenet / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
Uffà! Uffà! è il sesto album di Edoardo Bennato pubblicato nel 1980 dalla Dischi Ricordi.

Il disco
Pubblicato quindici giorni prima di Sono solo canzonette, di cui era stata anticipata l'uscita sul mercato, spiazza pubblico e stampa, che non si aspettavano due dischi dello stesso artista a distanza così ravvicinata. L'unica spia, che di fatto ne è solo una riprova, visto che è stato il primo dei due album quello inatteso, sta nel brano Allora, avete capito o no?, che nel testo recita "Si era sempre fatto così / si era sempre fatto uno per volta... ah? / e allora?... / E allora a me mi piace due per volta!". La mossa sarà ben riposta in virtù della consolidata popolarità del cantautore, e pur vendendo maggiormente col successivo album, entrambi i dischi condivideranno i primi posti della classifica a cavallo fra primavera e estate di quell'anno, lasciando a Sono solo canzonette l'onore di risultare l'album italiano più venduto dell'anno nel paese, il secondo in assoluto dopo The Wall dei Pink Floyd.

Questa operazione va contro alla regola non scritta che impedisce che due dischi dello stesso artista possano, per semplici logiche di mercato, vendere in misura soddisfacente nello stesso periodo, e quindi si preferisce pubblicarli a distanza ragguardevole di tempo. Anni dopo Bennato rivendicherà l'originalità e il coraggio dell'operazione, quando artisti come Bruce Springsteen (con Human Touch e Lucky Town) e i Guns N' Roses (con Use Your Illusion I e II), faranno altrettanto, suscitando lo stupore della stampa specializzata dalla memoria corta, anche se la prima in assoluto fu Mina che nel 1972 uscì col doppio 1+1 contenente i due album (venduti anche separatamente) Dalla Bussola e Altro.

L'album, stampato in Belgio in gran segreto, è realizzato con estrema libertà creativa, con ampio respiro stilistico: passa dal canto a cappella, sulla falsariga dei cantori estemporanei, de Li belli gladioli, dove a modo suo rivela un certo manifesto programmatico, al rock and roll di Sei come un juke-box, dove ironizza sulle pressioni dei discografici stessi che costringono gli artisti a contratti capestro che per poterli onorare sono costretti a loro volta a pubblicare dischi su scadenze molto rigide e non quando questi ne sentirebbero la necessità: ironia doppia dal momento che Bennato ha fatto l'esatto opposto e di proposito! La similitudine con un juke-box, dove basta mettere una moneta (i soldi del produttore) per ascoltare la canzone (pubblicare un disco), viene realizzata con un insolito inserto sonoro che riproduce il meccanismo dei juke-box dell'epoca, dall'introduzione della moneta al contatto del pick-up con il solco.

I tre brani seguenti si distinguono soprattutto per l'ensemble dei musicisti (tutti di prim'ordine), con una attenzione al sassofono di Enzo Avitabile in Così non va Veronica, che parla proprio del desiderio di suonare lo stesso strumento mentre ci si rivolge a un personaggio femminile non meglio identificato, probabilmente anch'esso metaforico.

Le restanti tre tracce virano decisamente verso temi a sfondo politico: Restituiscimi i miei sandali si riferisce a una serie di manifestazioni realizzate a piedi nudi il cui ideatore in qualche modo rinnega, chiedendo di indossare di nuovo le calzature e quindi rivedendo le stesse idee che lo avevano spinto a manifestare, il tutto realizzato con un ritornello viscerale dopo il titolo viene urlato con foga (con una resa anche piuttosto comica) e uno scarno dispiego di strumenti, come se la richiesta non venisse esaudita e quindi questo personaggio, probabilmente pubblico, debba restare prigioniero nel bene e nel male delle proprie idee pregresse.
A Licola dal nome della omonima località della città metropolitana di Napoli, punta il dito su alcuni raduni sociali e sulla cattiva amministrazione del territorio che è anche sito archeologico di rilievo. Il finale riproduce l'effetto di un disco che si incanta, a simboleggiare la permanenza di un certo status quo.

La title-track infine, impreziosita dalla partecipazione del gruppo post punk bolognese dei Gaznevada, tratta le tensioni tra l'Occidente e i paesi arabi, con estrema lucidità e un senso di rabbia che prende il posto della solita ironia, rimanendo ancora attualissima. Finisce con il rumore di uno sputo vero e proprio, che Bennato indirizza a coloro che, secondo lui, rischiano di trascinare il mondo verso una "stramaledetta terza guerra mondiale".

La copertina del disco, un disegno di Tony Esposito che raffigura Bennato, era già apparso in Dirotterotti, il volume che Bennato aveva pubblicato l'anno precedente racchiudendo alcuni scritti firmati Il professor Cono e gli spartiti delle sue canzoni e lo ritrae a forma di juke-box. Il disco fu registrato agli Stone Castle Studios di Carimate. I tecnici del suono sono Carlo Martenet, Mario Carulli, Ezio De Rosa e Mario Lovallo; i testi, le musiche e gli arrangiamenti sono di Edoardo Bennato, tranne A Licola, arrangiata da Antonio Sinagra. Tra i musicisti da citare i fratelli Avitabile e il percussionista napoletano Tony Cercola.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Versione musicassetta
 

 
   
 

Edoardo Bennato con Edvige Fenech 1979

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 1
LI BELLI GLADIOLI

 
      Lato B: 1
CHE COMBINAZIONE

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Vi avevo precedentemente
Messo a parte delle mie elucubrazioni
Però, nonostante i miei reiterati inviti
Alla tolleranza e all'autocritica
Il risultato è sconfortante

Pertanto, vieppiù deluso e amareggiato
Ma non per questo scevro da colpe
Vi invito ad intonare con me
Il canto propiziatorio
Penitenziale, giaculatorio e di speranza che fa

Li belli gladioli, li belli gladioli
Li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli
(Tutti insieme) Li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli
Li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli (Più forte)
Li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli, li belli gladioli

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Che combinazione
Guarda che fatalità
Sembra fatto apposta
Non ci credereste mai
È soltanto un caso
È la pura verità

Che combinazione
Guarda che fatalità
Passavamo da queste parti
E ci siamo fermati qua
È stato tutto un caso
È la pura verità

Che combinazione
Guarda che fatalità
Siamo usciti di casa
Non sapendo bene cosa fare

E poi così per caso
Siamo arrivati tutti qua

Che combinazione
Guarda che fatalità
Passavate qui per caso
E anch'io per caso sono qua

Non mi contraddite
È la pura verità

Non mi contraddite
È la pura verità

Che combinaz-
Che combinazione!
Che combinazione!
Che combinazione!

Che combinazione!
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
ALLORA, AVETE CAPITO O NO?

 
      Lato B: 3
A LICOLA

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ma chi l'ha detto?
Ma dove sta scritto?
Ma chi l'ha deciso?
Ma chi l'ha stabilito?

Ma chi l'ha detto?
Ma dove sta scritto?
Ma chi l'ha deciso?
Ma, ma, ma, ma chi l'ha stabilito?

È una regola. E allora?
È una convenzione. E allora?
Si era sempre fatto così. E allora?
Si era sempre fatto, uno per vota, ah
Si era sempre fatto, uno per vota, ah

E allora?
E allora?
E allora?
A me mi piace due per vota!
E invece mi piace due per volta!
E invece mi piace due per volta!

Qualcuno, si sente offeso?
Qualcuno si sente danneggiato?
Qualcuno si sente defraudato? Ah? Ah?

E allora? E allora?
E allora? E allora?
Avete capito o no?
Avete capito o no?
Avete capito o no?
Avete ca, avete ca, avete capito o no? Hey!

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
A Licola, sotto la canicola
Si giocava a rugby, tutti i giovedì
E al limite, di un caldo più dell'Africa
Io contavo i palpiti, del tuo cuore
A Licola, sotto la canicola
Senza false remore, ti parlai di me
Sogni, son fallaci i sogni
Ti muovevi languida, a ritmo di beguine

A Licola, sotto la canicola
Quella fisarmonica, chi se la scorda più
I timpani, ci rompeva i timpani
Ma si sfidava impavidi, il dolore
A Licola, si creò un dibattito
Sul problema intrinseco, dei cani in libertà
Fu fatta, una scelta drastica
Poi si tornò alla carica, a ritmo di beguine

A Licola, in un folle anelito
Senza false remore, ti parlai di me
Fu fatta, una scelta drastica
Poi si tornò alla carica, a ritmo di beguine

A Licola, a forza di bicipiti
Si scavò una fossa, per buttarci dentro tutti
I libri di storia, le protesi, le medaglie ginniche
Però ad un certo punto arrivò l'avvocato Pastena
Che disse: che disastro
A Licola, sotto la canicola
Un'acuta analisi della società
Poi ebbri, di passione ebbri
Contro tutti i canoni, ma a ritmo di beguine

A Licola, sotto la canicola
Si sparava indomiti, ma con voluttà
E infine, persi nelle tenebre
Senza un filo logico, ma a ritmo di beguine

Ma a ritmo di beguine
Ma a ritmo di beguine
Ma a ritmo di beguine
Ma a ritmo di beguine
Ma a ritmo di beguine
Ma a ritmo di beguine
Ma a ritmo di beguine
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1980 - SONO SOLO CANZONETTE (L.P. 33½ giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 5:19 pm

1. TITOLO:
 
1980 - SONO SOLO CANZONETTE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6279 # Data pubblicazione: 1980 # Matrici: S-6279-1/S-6279-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 11 Marzo / Copertina apribile e impaginata, con all'interno i testi delle canzoni (salvo "Sono solo canzonette", stampato sul retro copretina), crediti, illustrazioni, fotogarfie dei musicisti e, nelle pagine centrali, una serie di fumetti ispirati alla storia di Peter Pan - La busta interna riprende lo sfondo della copertina e l'illustrazione presente sul retro / I disegni, dello stesso Bennato, non sono firmati - Foto di Luca Greguoli / Registrato presso gli Stone Castle Studios, Carimate (CO), da Ezio De Rosa con Mario Lovallo - "Dopo il liceo che potevo far" e "Tutti insieme lo denunciam" registrati da Mario Carulli e Carlo Martenet - "Nel covo dei pirati" registrato presso lo Studio 7 da Maurizio Rosselli / Umberto Calice è accreditato con il cognome errato in "Salice" / Etichetta Ricordi personalizzata, con sfondo verde puntinato e logo del titolo dell'opera, come da copertina / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
2. RECENSIONE:
 
Sono solo canzonette è il settimo album di Edoardo Bennato pubblicato nel 1980 dalla Dischi Ricordi.

Il disco
pubblicato nel 1980, è un concept album di Edoardo Bennato, ispirato alla storia di Peter Pan.

È stato pubblicato un mese dopo il precedente LP Uffà! Uffà!
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 

 

 
   
 
 
Versione musicassetta
 
   
 
   
 

Edoardo Bennato e la sua chitarra

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A Lato B



 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button.png?t=n.b

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Button
 
Lato A: 1
MA CHE SARA'

 
      Lato B: 2
ROCKCOCCODRILLO

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ma che sarà, che cosa t'offrirà
quest'altra storia, quest'altra novità
l'unico rischio è che sia tutto finto
e che sia tutta pubblicità!...


Ma che ne sai, se non ci provi mai
che rischi corri se non vuoi volare
coi piedi a terra, legato alla ragione
ti passa presto, la voglia di sognare!

Ma è quello che vogliono da te
già appena nati ci hanno abituati
a non pensare, ma a darcene l'illusione
e sempre con la scusa della ragione!...

E anche se fosse solo finzione
solo il pretesto per fare una canzone!
vale la pena almeno di tentare
se è un'occasione per poter volare
allora non la sprecare, prova a volare!...

Attenzione-attenzione! Comunicato ufficiale!
parla l'organo del partito, non lasciatevi suggestionare!
Quella voce che vi invita a volare
è di un maniaco sabotatore!...
Spegnete la radio adesso
giradischi e registratori, presto!... presto!...

Ma la radio va e non si fermerà
ti prenderà per mano ti insegnerà a volare
visti dall'alto i draghi del potere
ti accorgi che son draghi di cartone!...

E anche se fosse solo finzione...

Attenzione-attenzione! A tutte le persone serie!
consapevoli, equilibrate, non lasciatevi suggestionare!
abbiamo ben altri progetti per voi
uomini del 2000, saggi e civili
perciò prestate attenzione
solo alla voce della ragione!...

Ma la radio va e non si fermerà ti prenderà per mano, ti insegnerà a volare, visti dall'alto i draghi del potere ti accorgi che son draghi di cartone!...

Ma non lo vedi sono di cartone
se resti a terra che vuoi capire
con la scusa di schiarirtele
ti confonderanno sempre più le idee
ti manderanno allo sbaraglio in questa
farsa, nel ruolo di comparsa!...

Ma basta che voli in alto
ma basta che ti alzi un poco
e forse scopri che quello che ti faceva
paura era soltanto un gioco!
e adesso, hai l'occasione per poter
volare, allora, non la sprecare, prova a volare!...

Prova ma che ne sai
se non ci provi mai non puoi
sapere se vale o no la pena
di tentare, è un'occasione
per volare, per volare!...

Adesso basta! Fatelo stare zitto!
Abbiamo troppo sopportato!
Abbiamo troppo tollerato!
E' un provocatore! Fatelo tacere!
....Fatelo tacere!....
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Non lo sentite? Che strano ticchettio
È il primo allarme, poi dopo arrivo io
Non voglio alcun vantaggio
Ma non è per coraggio
È perché sono il più cattivo e mi diverte
Il fatto di inseguirvi

Ci provo gusto, mi tiace tallonarvi
Non vi do tregua mai, perciò poveri voi
Restate in guardia, che sta arrivando il vostro cocco-cocco-coccodrillo
Son diplomato ed insegno il ritmo bello
Sono un maestro, scappate pure, correte se vi pare

Io vado piano, io non mi dò da fare
Io non mi affanno troppo
Vi aspetto tutti al varco
E quando è l'ora, di fare i conti
Io mi presento, al ritmo di una sveglia

Il ritmo batte, vi dà una strana voglia
Che strana tentazione! Che voglia di ballare!
Non resistete!

Che sta arrivando il vostro cocco-cocco-coccodrillo
Son diplomato ed insegno il ritmo bello
Sono un'artista, persone serie voi, persone rispettate
Siete le peggio, perché voi resistete

Voi non vi abbandonate mai
Voi non vi concedete mai
Fate violenza, a voi stessi
E poi con gli altri, per rabbia vi sfogate

Non è corretto, ma quando la smettete, eh?
Sì voi persone serie? Eh, ma fatemi il piacere!
Seguite il ritmo!

E andate a tempo col vostro cocco-cocco-coccodrillo
Andate a tempo e seguite tutti il ballo e non sgarrate
E voi banditi, pirati e contrabbando
È da parecchio che vi stò osservando

Ma che rivoluzione! Eh, si!
La vostra aspirazione
È diventare, né più né meno come quelle persone serie, eh
Persone rispettate

Che per scemenza, guardate e scimmiottate
Che bella situazione, eh!
L'unica soluzione, è di cercare

Di andare a tempo col vostro cocco-cocco-coccodrillo
Capire il ritmo e farsi un'altro ballo
Un'altro giro

Ma che razza di coccodrillo sei?
Puoi far ballare tutti noi
Ma non si capisce cosa vuoi
Sì perché non ci spieghi cosa vuoi?
Perché non ci dici chi ti manda
Che razza di coccodrillo sei

Ve l'ho già detto, io sono il più cattivo
Io vi do il tempo, anzi, il tempo sono io
Il tempo a volte è strano, ma il tempo è galantuomo
Io non v'imbroglio, ma non mi si può imbrogliare
Io vado piano, ma non mi si può fermare
Dà tempo al tempo, e i conti devono tornare
Seguite il ritmo

E andate a tempo col vostro cocco-cocco-coccodrillo
A volte piango, non mi vergogno a dirlo
Ma son tutte lacrime di cocco-cocco-coccodrillo
Ma son solo lacrime di cocco-cocco-coccodrillo

Io vi do il tempo ma sono un coccodrillo
Sono un galantuomo ma sono un coccodrillo
E a volte piango, non mi vergogno a dirlo
Ma son solo lacrime di cocco-cocco-coccodrillo
Ma son tutte lacrime di cocco-cocco-coccodrillo

Andate a tempo col vostro coccodrillo
Avanti a tempo col vostro coccodrillo
Cocco-cocco-coccodrillo
Sono un galantuomo ma sono un coccodrillo
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
NEL COVO DEI PIRATI

 
      Lato B: 3
TUTTI INSIEME LO DENUNCIAM

 
   

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Nel covo dei pirati, c'è poco da scherzare
Chi non si arruola finisce in fondo al mare
Finanche i più convinti, finanche i più decisi
A denti stretti si sono tutti arresi

Tu invece sei la sola che va così sicura
Sul trampolino di Capitan Uncino
Ma dimmi come fai a non aver paura
O sei incosciente oppure sai che è un sogno
Che non dura

Come sei brava a raccontare
Ad inventarti quelle avventure
Sembrano vere, che fantasia che hai!

Continua il tuo racconto, mi sembra di vederti
Al punto giusto lui arriverà a salvarti

Tutte le tue avventure son belle da sognare
Però nei sogni non ti puoi rifugiare
Non vedi il tempo corre e non lo puoi fermare
Diventi grande e ti vogliono cambiare
E questo ti spaventa, i grandi sono strani
Fanno paura più dei pescecani

Ma proprio adesso, ti vuoi fermare
Non ti interessa di far vedere
Se è proprio vero che non ti arrendi mai

Nel covo dei pirati c'è poco da scherzare
Chi non si arruola finisce in fondo al mare
Ma tu con i pirati, sai già che cosa fare
È un tuo vantaggio e non ci rinunciare

Tu già lo sai cosa fare
È come nei sogni, è come nelle avventure
Ma il principe azzurro stavolta forse non viene
E contro i pirati dovrai lottare davvero

Ma oramai già lo sai dai pirati cosa ti puoi aspettare
Ti potranno insultare, minacciare, in fondo è il loro mestiere
Ti faranno i versi, le boccacce, ti faranno le facce scure
È per questo che si allenano davanti allo specchio quasi tutte le sere

Ma lo fanno per cercare di vincere le loro stesse paure
Oramai già lo sai dai pirati cosa ti puoi aspettare
Ma è proprio questo il tuo vantaggio e non ci rinunciare
Oramai già lo sai dai pirati cosa ti puoi aspettare

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Ma che rabbia che mi fa
Non lo posso tollerar
I miei figli si son fissati
Quel pagliaccio me li ha stregati!

Non mi ascoltano più, lo sai?
E non parlano che di lui
Si son presi un'infatuazione
Per quel guitto da baraccone

Sì Agenore, lo so
E tanto torto non ti do
I discorsi di quel tipo che vola
Li distraggono dalla scuola

Però Agenore, per me
Tu esageri, perché
Non è poi così tanto grave
Sono favole inoffensive

Lo difendi pure, e già
E lui intanto sai che fa?
Canta favole e non fa niente
Si diverte e prende in giro la gente

Mentre io sgobbo fino a sera
Come un asino da soma
Quello inventa quei discorsi assurdi
Ma che bel metodo per far soldi

Io la penso come te
Ma il problema sai qual è?
Oggi i giovani son tutti uguali
Perché mancano gli ideali

Gli ideali glieli do io
Sono stato ragazzo anch'io
Ma a quei tempi che vuoi sognare
C'era solo da lavorare

La senti questa voce da lontano?
Dev'essere quel pazzo ciarlatano
Non lo sopporto più, non lo sopporto, basta!
Basta con tutte quelle frottole
Dice che li farà volare, volare, volare
Ma dove volare, ma dove?

Ma volare dove? Chissà
Sono fuori dalla realtà
Sono fuori dalla ragione
Tutta colpa di quel buffone

Non possiamo restare
Impotenti a guardare
Quel mascalzone lo dobbiam fermar
O tutti i nostri figli ci contagerà

Genitori, che si fa?
Ci dobbiamo organizzar
Per poterlo denunciare
Alla pubblica opinione

Sì sì presto presto, no non si può
Più aspettare neanche un po'
È un dovere, è un dovere di ogni saggio genitore
Provvedere, provvedere
Smascherare l'impostore, l'impostore, l'impostore

Genitori, che si fa?
Ci dobbiamo organizzar!
Per poterlo denunciare
Alla pubblica opinione

Sì sì presto presto, no non si può
Più aspettare neanche un po'
È un dovere, è un dovere di ogni saggio genitore
Provvedere, provvedere
Smascherare l'impostore

Tutti insieme noi lo denunciam
Non ci lasceremo infinocchiar
Non ci lasceremo infinocchiar
Non ci lasceremo infinocchiar
Tutti insieme noi lo denunciam
Non ci lasceremo infinocchiar
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty EDOARDO BENNATO: 1981 - E INVECE NO/CANTA APPRESS'A NUIE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 6:36 pm

1. TITOLO:
 
1981 - E INVECE NO/CANTA APPRESS'A NUIE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10939 # Data pubblicazione: 1981 # Matrici: SLN81 7449/SLN81 7450 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Testi delle canzoni ed elenco generico dei collaboratori al disco sul retro copertina / Fotografie di Umberto Telesco / Registrato da Ezio De Rosa - Lato B registrato dal vivo / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
E invece no/Canta appress'a nuje è il nono 45 giri del cantautore Edoardo Bennato, pubblicato nella primavera del 1981 dalla Dischi Ricordi.

Il disco
Dopo il grande successo dell'album Sono solo canzonette, Bennato spiazza pubblico e critica, dando alle stampe un 45 giri con materiale inedito (invece di un nuovo album, come ci si poteva aspettare), e raggiungendo la prima posizione delle classifiche. Entrambi i brani erano stati presentati da Bennato in anteprima durante il tour del 1980.

Tra i musicisti è da segnalare Renato Gasparini, chitarrista degli Agorà.

Questo è uno dei rari 45 giri in cui sono scritti in copertina i musicisti che hanno suonato.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione speciale servizio “JUKE BOX” vietata la vendita al pubblico
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
E INVECE NO

 
      Lato B:
CANTA APPRESS'A NUIE

 
 
     

Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Come sarebbe bello se avessi un pò di buona sorte
se il vento cominciasse a soffiare un pò dalla mia parte
Come sarebbe bello se mi dessero l’occasione
di incidere le mie canzoni in una grande sala di registrazione
Come sarebbe bello se la gente nei negozi
facesse a cazzotti per comprarsi i miei dischi
Come sarebbe bello se adesso fosse estate
e io stessi in uno stadio a cantare!… e invece

E invece no!…
… e invece sono solo come un cane in questa stanza
E invece, invece no!…
… nessuno che mi ascolta nessuno che mi pensa
E invece, invece no!…
… in fondo non avrei niente da invidiare
neanche al più invidiato cantautore!…

Come sarebbe bello se arrivassi ai primi posti
di tutte quante le classifiche dei dischi
Come sarebbe bello se mi dessero l’occasione
di fare un programma per la televisione

Come sarebbe bello se a caratteri cubitali
scrivessero il mio nome sulle pagine dei giornali
Come sarebbe bello se adesso fosse estate
e io stessi in uno stadio a cantare! e invece

E invece no!…
No, non è giusto!… Anch’io, si anch’io!…
Anch’io voglio suonare in uno stadio, anch’io!…
 
Fonte: QUI
     
Autori: Edoardo Bennato

 
Testo:
Eh! pe stasera
S'e' fatto tardi è meglio
Ca levammo mano
Eh! ce ne jammo
Pero' che st'ultima canzone
Ve cantammo

Eh! gira e vota
Vulessemo suna' pe tutta
A nuttata
Eh! sì ma vota e gira
Forse avimmo fatto troppa bagaria

Eh! pe stasera
S'e' fatto tardi è meglio
Ca levammo mano
Eh! ce ne jammo
Pero' che st'ultima canzone
Ve cantammo

Eh! gira e vota
Vulessemo suna' pe tutta
A nuttata
Eh! sì ma vota e gira
Forse avimmo fatto troppa bagaria

Eh! chi canta e sona
Tene a capa fresca e a panza
Sempe chiena
Eh! chi sona e canta
Sta sempe chino è solde a faccia
E tutte quante

Eh! dice a gente
A chistu munno chi fatica e chi
Nun fa' niente
Eh! si ma "canta e sona"
Sa so 'mparata tutte quante
Sta' canzone

Tanti fatti 'llate nunn'e' sanno (eeh ah eh)
Pero' è meglio ca nuje ce' spiegammo (eeh ah eh)
O si no cu tutta a scienza ca' tenimmo (eeh ah eh)
Jammo a mare cu tutt'e' panne (eeh ah eh)

Eh! pe stasera
S'e' fatto tardi è meglio
Ca levammo mano
Eh! ce ne jammo
Pero' che st'ultima canzone
Ve cantammo

Tanti fatti 'llate nunn'e' sanno (eeh ah eh)
Pero' è meglio ca nuje ce' spiegammo (eeh ah eh)
O si no cu tutta a scienza ca' tenimmo (eeh ah eh)
Jammo a mare cu tutt'e' panne (eeh ah eh)

Hai voglia e parla'
Chella gente
Ca nun vo senti
Nun te sente
Ma fall'e' sfuga'
Pecche' tanto
A furia e parla'
S'annozzano 'nganna

E mo dalle 'nfaccia
E nun ce pensa'
Ca si vaie a tiempo
Nun te puo' 'mbruglia'
E si te piace
Chesta canzone
Canta appress'a nuje
Ca te fa buono!
Canta appress'a nuje
Ca te fa buono!

Hai voglia e parla'
Chella gente
Ca nun vo senti
Nun te sente
Ma fall'e' sfuga'
Pecche' tanto
A furia e parla'
S'annozzano 'nganna ('nganna, 'nganna, 'nganna)
Vai Dome'

E mo sientele a chisti prufessure!
Paremo tanti aucielli do malagurio!
Ma che vuo' fa, fall'è sfuga' a loro pure
Tanto è a' pazziella mano 'e criature

Hai voglia e parla'
Chella gente
Ca nun vo senti
Nun te sente
Ma fall'e' sfuga'
Pecche' tanto
A furia e parla'
S'annozzano 'nganna

E mo dalle 'nfaccia
E nun ce pensa'
Ca si vaie a tiempo
Nun te puo' 'mbruglia'
E si te piace
Chesta canzone
Canta appress'a nuje
Ca te fa buono!
Canta appress'a nuje
Ca te fa buono! Sì!
Canta appress'a nuje
Ca te fa buono!

Eeh! (eeh)
Eeh! (eeh)
Eeh! (eeh)
Eeh! (eeh)
 
Fonte: QUI
 
 
EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Videos10
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Mar 23, 2020 7:26 pm, modificato 2 volte
mauro piffero
mauro piffero

Messaggi : 6678
Punti : 6678
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 77
Località : gattorna (genova)

Torna in alto Andare in basso

EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi) Empty Re: EDOARDO BENNATO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: EDOARDO BENNATO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum