Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



gruppo Italia Canora

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


_____________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________

_____________________



___________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks

_____________________

< ho la sclerosi multipla >


Condividiamo tutto sulla malattia

____________________________



________________________


________________________


________________________


________________________

Chi è online?
In totale ci sono 21 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 21 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 2089 il Gio Mar 11, 2021 12:16 am





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classifica
sito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
Partner



Motori ricerca


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FESTIVALBAR

Andare in basso

FESTIVALBAR Empty FESTIVALBAR

Messaggio  admin_italiacanora Ven Giu 11, 2010 2:11 pm



1.LA STORIA

LA NASCITA DEL FESTIVALBAR E LE PRIME EDIZIONI

Anni '60 e '70
La manifestazione nacque nel 1964 da un'idea di Vittorio Salvetti al fine di scoraggiare la diffusione e la produzione di musica indipendente, e prevedeva una gara fra le canzoni dell'estate: lo scopo finale era eleggere quella rappresentativa del capitale a disposizione dalla major che la supportava.
La misurazione delle preferenze del pubblico avveniva attraverso gli ascolti rilevati dai juke-box disseminati nei bar di tutta Italia (di qui il nome). Il meccanismo era semplice: ad ogni apparecchio era applicato un "contatore" che rilevava quante volte un brano veniva scelto e di conseguenza suonato.
Alla fine dell'estate, la somma di tutte le "gettonature" (dal momento che il brano partiva inserendo nel juke-box un apposito gettone) decretava il vincitore, cioè colui che avrebbe ulteriormente incrementato i suoi introiti sfruttando il "festival-farsa" come pubblicità a costo zero.
La manifestazione aveva quindi solo una premiazione finale, in settembre, che a partire dal 1968 diventò una vera e propria serata televisiva e venne trasmessa su Rai 2 fino al 1982.
La sede "storica" di questa serata finale era l'Arena di Verona.
A questa trasmissione si deve la nascita del neologismo "gettonare", che indicava appunto la preferenza espressa verso un dato brano musicale o artista tramite il gesto di ascoltare la canzone inserendo il gettone nel juke-box.

Anni '80
Dal 1983 in poi, con il passaggio alle reti Fininvest, la manifestazione cambia regolamento e format, piegandosi maggiormente alle logiche degli ascolti televisivi e divenendo uno spettacolo itinerante, ripreso settimanalmente da una diversa piazza d'Italia.
Alcune location (come l'arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro) diventeranno "storiche", ospitando la kermesse per molti anni consecutivi.
Anche il meccanismo di voto cambia: le "gettonature" assumono un ruolo sempre meno rilevante, data anche la progressiva scomparsa dei juke-box dai bar delle località di villeggiatura italiani. Il vincitore sarà stabilito in base al numero di passaggi radiofonici e televisivi ottenuti e dai risultati di vendita.
La ventitreesima edizione del Festivalbar (1986) segna una novità all'interno del solito rituale, cioè la nascita del Festivalbar 33' , ovvero la premiazione del miglior 33 giri (corrispondente dell'odierno CD) dell'estate.
Risale a questi anni una polemica che portò il Ministero dei Beni Culturali a negare le autorizzazioni affinché il gala finale potesse svolgersi nella storica sede dell'Arena di Verona. L'ente negava l'accesso, ufficialmente appellandosi a un divieto normativo, in realtà temendo il danneggiamento dell'importante struttura, dato il grandissimo afflusso di pubblico eterogeneo che la manifestazione richiamava.
Durante questo periodo di lontananza anche la serata finale assunse un carattere itinerante, svolgendosi ogni anno in una piazza diversa, ma sempre in cornici storicamente e architettonicamente prestigiose tra le quali ricordiamo Piazza degli Scacchi di Marostica, Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno, Piazza del Plebiscito a Napoli.
La popolarità di cui ha sempre goduto e lo spazio televisivo guadagnato (sempre maggiore) ha contribuito a rendere il Festivalbar un appuntamento irrinunciabile dell'estate.
Non di rado, infatti, è proprio dal suo palco che furono lanciati la maggior parte dei cosiddetti tormentoni estivi, e molti artisti emergenti trovarono l'adeguato spazio grazie anche all'introduzione, in anni recenti, di un premio speciale (detto premio Rivelazione) per i nuovi talenti.
Il Festivalbar ha portato fortuna anche a molti dei suoi presentatori: ha costituito, ad esempio, un importante trampolino di lancio per Fiorello (che in questa occasione strinse un solido e proficuo sodalizio artistico con Alessia Marcuzzi) e Amadeus, entrambi inizialmente deejay e presentatori di programmi musicali ma "consacrati" in seguito come intrattenitori e showmen a tutto tondo.
Proprio negli anni '80, ad esempio, il Festivalbar è una delle prime esperienze in prima serata di un giovanissimo Gerry Scotti, ex speaker di Radio Deejay.

Anni '90
Negli anni novanta il Festivalbar corregge ulteriormente la sua rotta.
Inizia tradizionalmente a fine maggio, con un grande gala di apertura registrato in un'unica serata ma trasmesso in due parti, per poi proseguire per tutto giugno e luglio con due-tre appuntamenti dalle varie piazze italiane: queste serate, non più di due consecutive, vengono poi trasmesse successivamente (il tempo di "differita" va da pochi giorni a una settimana) spezzettate per distribuire le esibizioni in più puntate.
Dopo una pausa ad agosto, a settembre va in onda il gala finale, sempre registrato.
I cantanti si esibiscono sempre in playback; a volte, la serata è mandata in onda in due parti, ma comunque si svolge sempre in un'unica soluzione.
Nel 1997 una trasmissione di Festivalbar è stata fatta nell'Arena di Pola, in Croazia.
Assume importanza anche il programma satellite Anteprima Festivalbar: un montaggio (mandato in onda come striscia quotidiana in vari orari oppure con un unico appuntamento settimanale spesso in seconda serata o in tarda mattinata) di varie riprese nei backstage o durante le prove, interviste agli artisti e approfondimenti sulla località ospitante.
Queste ultime informazioni vengono poi riprese nella tradizionale cartolina, ovvero una sorta di mini-spot con la voce di Vittorio Salvetti che introduce il luogo che ospita la tappa, in onda però durante la puntata vera e propria.
In questi anni il Festivalbar ha spesso condiviso il palcoscenico con le selezioni italiane del concorso di bellezza europeo The Look of the Year, che si proponeva di eleggere una miss che rappresentasse l'Italia nelle finali che si sarebbero tenute alla fine dell'estate, dove avrebbero partecipato ragazze provenienti da tutti i paesi europei.
Ad ogni tappa venivano presentate alcune concorrenti di cui però solo una "passava il turno" (spesso il metodo utilizzato era la semplice acclamazione del pubblico in piazza, chiamato ad esprimere rumorosamente il suo gradimento per questa o quella ragazza), fino alla proclamazione della vincitrice che solitamente avveniva nella serata finale della manifestazione.
Durante una di queste selezioni venne proposta al pubblico una giovanissima Elenoire Casalegno che, tappa dopo tappa, sbaragliò le altre concorrenti fino a conquistare il biglietto per la finale europea.
Il patron storico Vittorio Salvetti, ideatore e per molti anni unico presentatore del Festivalbar, scompare nel 1998 dopo una lunga malattia: al timone della kermesse subentra l'anno successivo il figlio Andrea.
Sempre nello stesso anno, l'ultima tappa ritorna ad essere nell'Arena di Verona, come aveva fortemente voluto Vittorio Salvetti all'ultima edizione di cui è stato organizzatore.

Anni 2000
Nel 2002 venne per la prima volta accantonato il playback e quasi tutti gli artisti iniziarono ad esibirsi dal vivo.
Inizialmente questi aggiustamenti sembrarono incontrare il favore del pubblico con il programma assestato su dei tranquillizzanti numeri in termini di share, ma in seguito la formula iniziò ad accusare il peso dei suoi anni.
Tuttavia nell'edizione del 2006, quando gli ascolti furono bassi e l'interesse del pubblico scemato, i produttori imputarono l'innegabile insuccesso ai Mondiali di calcio di quell'anno (poi vinti dall'Italia), le cui partite si trovavano inevitabilmente a coincidere con le messe in onda delle puntate.
I detrattori, di contro, puntarono il dito contro un trio di presentatori impreparato e male assortito (Mago Forest - Cristina Chiabotto - Ilary Blasi) e contro la stessa formula della manifestazione, giudicata obsoleta e poco attenta ai reali gusti del pubblico, più orientata verso scelte di marketing e per questo "manovrata" dalle case discografiche che proponevano i propri cantanti.
L'edizione del 2007 ridusse il numero delle tappe toccando tre città, Milano per il gala di apertura e Catania, oltre alla finale di Verona.
Per dimostrarsi al passo con i tempi, la produzione incluse anche internet e il web tra i mezzi per "misurare" il gradimento del pubblico.
Venne aperta una pagina MySpace in cui gli utenti potevano dialogare direttamente con lo staff e il cast e visionare contenuti audio e video esclusivi (soprattutto interviste e riprese dietro le quinte) e venne istituito il premio Digital al pezzo più scelto e scaricato dai navigatori virtuali, vinto dai Tokio Hotel con il brano Monsoon.
Questa fu, di fatto, l'ultima edizione del Festivalbar.
Il 2008 fu infatti il primo anno, dalla sua nascita nel 1964, nel quale la manifestazione non si tenne: l'edizione, inizialmente annunciata con Teo Mammucari e Lucilla Agosti alla conduzione, non si svolse.
Nonostante la sua assenza come programma ufficiale, venne ugualmente pubblicata, per l'ultima volta, la tradizionale compilation che raccoglie i successi dell'estate.
 
Cronologia degli avvenimenti più importanti
  • 1964: nasce il Festivalbar, come manifestazione canora estiva che raccoglie tutte le hit del momento.
  • 1967: il Festivalbar viene trasmesso per la prima volta in televisione sul Secondo Programma, l'attuale Rai 2. Viene istituito un Premio Speciale, il DiscoVerde.
  • 1975: grazie al continuo successo che riscuote il Festivalbar, si decide di spostarlo dall'Altopiano d'Asiago all'Arena di Verona.
  • 1977: Prima edizione del Festivalbar trasmessa a colori.
  • 1978: il Festivalbar, con lo slogan Festivalbar ha 15 anni. Festivalbar ha la tua età, si apre anche ad artisti internazionali oltre a quelli italiani.
  • 1983: le reti Fininvest ne acquistano i diritti, e la manifestazione verrà da quest'anno trasmessa su Canale 5, allungandosi a dodici puntate. Verrà cambiato il Regolamento e format.
  • 1986: nasce il Festivalbar 33' , la sezione del Festivalbar che premia il 33 giri (poi l'album) dell'anno.
  • 1989: dopo sei edizioni del Festivalbar trascorse su Canale 5, l'edizione del 1989 passa su Italia 1.
  • 1999: dopo la morte l'anno prima di Vittorio Salvetti, patron storico della manifestazione, il timone passa al figlio Andrea.
  • 2002: Andrea Salvetti dà l'opportunità ai cantanti in gara di poter gareggiare con i propri brani dal vivo, senza il playback.
  • 2003: visto il grande successo, la CNN International registra tre puntate special al Festivalbar.
  • 2007: viene introdotto il premio Digital per il brano più scaricato dal web.
  • 2008: Andrea Salvetti annuncia che non ci sarà l'edizione 2008 a causa della mancanza delle risorse economiche che fino al mese di maggio erano state garantite, parlando inizialmente di un anno di pausa.

Fonte:QUI


Ultima modifica di admin_italiacanora il Ven Feb 12, 2016 6:03 pm - modificato 4 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1964 FESTIVALBAR - 1a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Ven Giu 11, 2010 2:20 pm

 
 
1964 FESTIVALBAR - 1a Edizione

Nell’estate del 1964 si svolge la prima edizione del Festivalbar, unica sopravvissuta, tra le gare canore estive, fino agli anni Duemila (l’ultima edizione è quella del 2007).
Il suo patron è Vittorio Salvetti, padovano, nato nel 1937 e scomparso nel 1998, che inizia la sua carriera come talent scout, presentatore e impresario. Nel 1964, dopo aver collaborato alle prime edizioni del Cantagiro, decide di inventare una nuova gara riservata particolarmente ai giovani.
Uno dei veicoli di maggior diffusione della musica, in quel tempo, era il juke-box. Nel 1964 ce n’erano 5.730 sparsi nei bar di tutta Italia, e i giovani potevano ascoltare la loro canzone preferita inserendo una monetina nel juke box e selezionando il brano prescelto. Per ascoltare una canzone, ci voleva una monetina da 50 lire, ma con 100 lire ne potevi ascoltare 3 (un 3 x 2 ante litteram, prima che la formula venisse adottata nei supermercati!).
Salvetti prende spunto dal successo del juke box tra i giovani per organizzare il primo Festivalbar, Festival perché si tratta di una gara tra diversi artisti, e Bar perché l’esito della gara avverrà proprio tramite il riscontro dei dischi selezionati nei juke-box presenti nei bar italiani.
A giugno, 10 dischi speciali con le novità dell’estate vengono inseriti in tutti i juke-box, e in agosto viene premiata la canzone più gettonata dell’estate.
La finale della prima edizione del Festivalbar-Trofeo Moccia si svolge ad Asiago, al Club Millepini. A seguirla, ci sono soltanto gli spettatori presenti, circa duemila, poiché non ci sono riprese né radiofoniche né televisive.
L’ospite della serata è il popolare imitatore Alighiero Noschese.
Vince Bobby Solo (Credi a me). Tra i giovani si segnala Lorenzo Pilat (alias Pilade) con Ciao, ma la protagonista dell'estate è la surf-music: Catherine Spaak canta L'esercito del surf; e una giovane band del Madagascar, i Surf, cantano E adesso te ne puoi andar.
 
Fonte: QUI
 
Regolamento
Nella prima edizione i brani in gara erano dieci, sette interpretati da Campioni e tre dai Giovani.
Non era stata prevista nessuna trasmissione televisiva ma solo una serata finale sponsorizzata da un'azienda, in cui furono attribuiti i premi.
Direzione artistica
Vittorio Salvetti

Classifica, canzoni e cantanti Campioni
Credi a me - Bobby Solo - (G.Marchetti-G.Sanjust)
Chi vede te (Take Me Tonight) - Gene Pitney (Daniele Pace-Schroeder-Gold-Alfred)
Perché l'ho fatto - Fabrizio Ferretti (Alberto Testa-Anisfield-Denso)
Un paio di giorni - Robertino (testo di Mogol e Alberto Testa; musica di Pino Massara)
L'esercito del surf - Catherine Spaak (testo di Mogol; musica di Iller Pattacini)
Dorme la città - Andrea Lo Vecchio (Lo Vecchio)
E adesso te ne puoi andare (I only want to be with you) - Les Surfs (Leo Chiosso-Hawker-Raymonds)

Classifica, canzoni e cantanti Giovani
Ciao ciao ciao (Bye Bye Love) - Pilade (Bryant-Del Prete-Astro Amari)
Ragazzi come noi - Paki & Paki (Maresca-Zerato-Beretta)
Dov'ero - An'Neris (Casadei-Rigoni-Simoni)


01. BOBBY SOLO
       Credi a me


  02. GENE PITNEY
       Chi vede te


   

Testo:
  
Testo:


03. FABRIZIO FERRETTI
       Perché l'ho fatto


  04. ROBERTINO
       Un paio di giorni


   

Testo:
  
Testo:


07. CATHERINE SPAAK
      L'esercito del Surf


  08. ANDREA LO VECCHIO
      Dorme la città


   

Testo:
  
Testo:


09. LES SURFS
       E adesso te ne puoi andare


 
Testo:


01. PILADE
       Ciao Ciao Ciao


  02. PAKI & PAKI
       Ragazzi come noi


   

Testo:
  
Testo:


03. AN'NERIS
       Dov'ero


 
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Lun Dic 16, 2019 12:43 pm - modificato 7 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1965 FESTIVALBAR - 2a edizione

Messaggio  admin_italiacanora Ven Lug 09, 2010 9:37 pm

FESTIVALBAR 01
 
 
1965 FESTIVALBAR - 2a Edizione

Il secondo Festivalbar si svolse nel 1965. La premiazione avvenne presso il ristorante Biffi Scala di Milano.
Nel 1965 la seconda edizione si svolge a Milano, vince Petula Clark, "Ciao ciao", versione italiana di "Downtown". E' il vero primo grande successo popolare del Festivalbar.
Da segnalare anche gli ottimi risultati di Little Tony, Pino Donaggio, Fausto Leali, John Foster (il giornalista Paolo Occhipinti, attualmente direttore di “Oggi”). I juke box in Italia sono già 15.000. Ecco come TV SORRISI E CANZONI presenta la seconda edizione: “si è concluso il festivalbar, la manifestazione che ha chiamato a raccolta intorno a juke-box di tutta Italia i fan dell’urlo e della melodia.
Le moltissime cartoline pervenute negli ultimi giorni hanno prolungato le operazioni di spoglio, perciò la serata conclusiva, che doveva avere luogo a Napoli, si è svolta in un locale di Milano. CIAO CIAO ha avuto fin dall’inizio ottime probabilità di successo.
La canzone di Petula Clark infatti si è spesso trovata nei primissimi posti della classifica curata da TV SORRISI E CANZONI ILLUSTRAZIONE per i dischi più venduti. Con questa affermazione – che viene a ricompensarla dell’immeritata sconfitta a Sanremo – la cantante inglese è tornata nuovamente alla ribalta della discografia italiana. La lotta per i primi tre posti è stata fino all’ultimo incerta.
Il risultato scontato per Petula Clark era ancora in dubbio per le altre due posizioni. Dietro CIAO CIAO (versione italiana di un motivo americano che la cantante ha portato al successo in tutto il mondo) sono riusciti a piazzarsi Pino Donaggio con SONO NATO CON TE, una bella melodia che il cantante veneziano ha presentato anche al Cantagiro, e Little Tony, con OGNI MATTINA, un brano scritto per il cantante romano dal collega Ricky Gianco. Pitney si è classificato quarto...”

Fonte: QUI


Quella di cui parliamo stasera è l'edizione 1965, la seconda in ordine cronologico. Tra le dieci canzoni che vi partecipano, solo la vincitrice in effetti ha superato la prova del tempo.
Sfido chiunque a canticchiare a memoria Ti vedo dopo messa di Vittorio Inzaina o Stasera gli angeli non volano dei Minstrels. Petula Clark è una "signora" cantante: più matura della media degli altri colleghi in gara, viene da una lunga gavetta cominciata sin da bambina in Inghilterra con canzoni, programmi radiofonici, film per famiglie e spettacoli televisivi. Dopo aver firmato con l'etichetta francese Vogue, Petula rompe con gli schemi del passato e si lega a un abile team di autori, arrangiatori e produttori, fra i quali spicca Tony Hatch, un musicista che verrà poi soprannominato "il Burt Bacharach britannico". Proprio Hatch le fa ascoltare gli accordi di quella che diventerà Downtown (in italiano: Ciao ciao) e Petula Clark accetta immediatamente il pezzo. Sposata a un pubblicista francese e con una casa sulla Costa Azzurra, Petula sembra essere immune da quella caratterizzazione "old british" che le impedirebbe di sfondare nel resto dell'Europa. Ovunque vada a cantare, in Spagna, in Olanda, in Germania, e in Francia ovviamente, sembra trovarsi a suo agio come a casa sua.
Preceduta dal successo di Chariot e di Monsieur, anche Ciao ciao fa così ingresso nella Hit Parade nostrana e Petula Clark diventa un personaggio familiare anche in Italia.
La canzone sembra scritta ieri, l'arrangiamento è superbo e la pronuncia italiana di Petula supera largamente l'esame (basti pensare a Shel Shapiro o allo stesso Pitney).
Se vogliamo essere pignoli, il testo italiano è un po' più trito rispetto all'originale, attuale ancor oggi. Inevitabile il trionfo al Festivalbar, in cui ben 90 mila votanti su 412.557 esprimono la preferenza per lei.

Per questa edizione Salvetti aveva progettato una premiazione finale alla Mostra d'Oltremare di Napoli, con tanto di serata televisiva con ospiti d'onore, ma qualcosa non funzionò. Le riprese televisive arrivarono solo tre anni dopo (anche se Wikipedia sostiene che queste si sono svolte all'Arena di Verona con tanto di nome e cognome del regista), e di Festivalbar nel 1965 se ne parlò solo sulle riviste specializzate. La "serata finale" si svolse in una delle sale del Biffi Scala, ristorante prestigioso di Milano, ma pur sempre ristorante, alla presenza dei funzionari delle case discografiche interessate: a ritirare il premio destinato a Petula Clark fu quindi Walter Gürtler in rappresentanza della Vogue, a ritirare il secondo premio fu lo stesso Pino Donaggio, unico cantante intervenuto di persona, sul quale prima o dopo dobbiamo riprendere il discorso interrotto molto tempo fa, e a ritirare il terzo premio fu ugualmente, in sostituzione di Little Tony, un rappresentante della Durium.

Fonte: QUI


Classifica finale
  • 01. Petula Clark con Ciao ciao
  • 02. Pino Donaggio con Sono nato con te (Pallavicini - Pino Donaggio)
  • 03. Little Tony con Ogni mattina (Chiosso - Ciacci - Ricky Gianco)

  • 04. Gene Pitney con Le ragazze come te (Chiosso - Ciacci - Ricky Gianco)
  • 05. Vittorio Inzaina con Ti vedo dopo messa
  • 06. Wilma Goich con Un bacio sulle dita (Mascioni-Pattacini)
  • 07. John Foster con Plein Soleil (alias = Paolo Occhipinti)
  • 08. New Christy Minstrels con Stasera gli angeli non volano (Mogol, Iller Pattacini)
  • 09. Milva con Quando sarai più grande (Edilio Capotosti, De Simone)
  • 10. Fausto Leali con Raccontalo ad un altro

Direzione artistica
Vittorio Salvetti

Organizzazione
L'organizzazione della manifestazione fu affidata alla Radio Jukebox.


01. PETULA CLARK
       Ciao ciao


  02. PINO DONAGGIO
       Sono nato con te


   

Testo:
  
Testo:


03. LITTLE TONY
       Ogni mattina


  04. GENE PITNEY
       Le ragazze come te


   

Testo:
  
Testo:


05. VITTORIO INZAINA
       Ti vedo dopo messa


  06. WILMA GOICH
       Un bacio sulle dita


   

Testo:
  
Testo:

La canzone era la cover italiana di The Man in Town, brano di Frankie Valli (The Four Seasons).
Il testo si risolve in una singolare proposta matrimoniale realizzata attraverso un appuntamento dopo la messa per una passeggiata con la ragazza destinataria della lirica. La situazione, nel villaggio americano dell'ambientazione country originaria (o in quella barbaricina più consona a Inzaina), avrebbe avuto l'effetto di conclamare a tutto il villaggio l'amore, con il conseguente séguito della presentazione ai genitori dell'amata per la proposta matrimoniale.

Fonte: QUI


07. JOHN FOSTER (alias = Paolo Occhipinti)
       Plein Soleil


  08. MINSTRELS (Autori: Mogol, Iller Pattacini Orchestra: Iller Pattacini)
       Stasera gli angeli non volano


   

Testo:
  
Testo:


09. MILVA
       Quando sarai più grande


  10. FAUSTO LEALI
       Raccontalo ad un altro


   

Testo:
  
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Sab Giu 15, 2019 3:04 pm - modificato 9 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1966 FESTIVALBAR - 3a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Sab Ott 02, 2010 4:00 pm

 
 
1966 FESTIVALBAR - 3a Edizione
 
La finale della terza stagione si svolge a Salice Terme.
Il terzo Festivalbar si presenta ai nastri di partenza con un nutritissimo cast internazionale.
Oltre alla vincitrice dell'edizione passata, ossia Petula Clark, che si presenta con una canzone che la si può identificare come il seguito naturale di Ciao ciao (c'è un rimando anche nel testo) ci sono i Rolling Stones, i Beach Boys e gli Yardbirds.
In fondo non costano niente, se non un gettone nel jukebox.
Difatti i tre famosissimi gruppi non registrano neanche la partecipazione alla passerella televisiva "Jukebox Sottovoce".
Degli stranieri verrà Sacha Distel che porta una canzone molto simpatica che anche se non venderà molto, diverrà nota nel corso dell'estate.
Verrano les Surfs, ormai di casa, proprio come Petula Clark.
La manifestazione non poteva che essere vinta da Caterina Caselli, nel suo anno d'oro, iniziato a Sanremo con Nessuno mi può giudicare, continuato in estate con L'uomo d'oro e Perdono e concluso in autunno con Tutto nero accoppiato a Cento giorni.
Seconda posizione per Little Tony , rigenerato con Riderà, dopo qualche mese di scarsi successi.
Wilma Goich arriva quarta con L'uomo di ieri che poi sarebbe Yesterday Man di Chris Andrews.
Le due matricole (Leo Sardo e Gidiuli) fanno una buona figura ma a vendere di più dei due sarà il cantante sardo.
Gino Paoli porta una bella canzone ma è il personaggio che oramai - in piena era beat - risulta un pò frusto.
Ricky Gianco arriva (giustamente) penultimo mentre Nicola D'Alessio, che dalla sua ha una voce molto particolare (tra Bongusto ed Arigliano), è fanalino di coda.
E pensare che gli autori del suo pezzo sono quelli che fra qualche mese firmeranno uno dei dischi più venduti del 1967 e non solo: Cuore matto, quando si dice la sfortuna!
Walter Gurtler, un famoso discografico dell'epoca, ‘regala’ a Vittorio Salvetti tre ospiti eccezionali: Michèl Polnareff (Una bambolina che fa no no no), Françoise Hardy (Les garçons et les filles) e Sonny Cher che cantano Little man; Cher… sì proprio lei, canta Bang bang.
Per la prima volta il Festivalbar va in onda in televisione, sul secondo canale, il 9 settembre alle 22,35 per la regia di Grjtzko Mascioni, un servizio di dieci minuti nell'ambito del programma JUKE BOX SOTTO VOCE, presenta solo i brani in finale.

Fonte: QUI


Classifica Artisti e canzoni partecipanti:

  • 01. Caterina Caselli – Perdono (Mogol-Soffici)
  • 02. Little Tony – Riderà (Mogol-Bernet-Gérard)
  • 03. Petula Clark – L’Amore E’ Il Vento (Pallavicini-Hatch)
  • 04. Wilma Goich – L’Uomo Di Ieri (Mogol-Andrews)
  • 05. Sacha Distel – Signor Cannibale (Nisa-Gustin-Tézè)
  • 06. The Rolling Stones – Con Le Mie Lacrime (Danpa-Jagger-Richards-Oldham)
  • 07. Pino Donaggio – Io Mi Domando (Pallavicini-Donaggio)
  • 08. The Beach Boys – Sloop John B. (Wilson)
  • 09. Gidiuli - Grazie (Help Me) (Pallavicini-Breedlove)
  • 10. Leo Sardo – Questa Sera Come Sempre (Catra-Owens)
  • 11. Les Surfs – Meritavi Molto Di Più (Amenni-Russel-Farrell)
  • 12. Gino Paoli – A Che Cosa Ti Serve Amare (Gino Paoli)
  • 13. The Yardbirds – Shapes Of Things (Samwell-Smith-McCarty-Relf)
  • 14. Ricky Gianco – Credi Che (Gianco-Pieretti)
  • 15. Nicola D’Alessio – Sangue Amaro (Ambrosino-Savio)

Ospiti fuori concorso:

Michel Polnareff "Una bambolina che fa no no no", Françoise Hardy "Tous les garçons et les filles", Sonny & Cher "Little man", Cher "Bang bang".

Direzione artistica
Vittorio Salvetti

Organizzazione
L'organizzazione della manifestazione fu affidata alla Radio Jukebox.


01. CATERINA CASELLI
       Perdono


  02 LITTLE TONY
       Riderà


   
]
Testo:
  
Testo:


03. PETULA CLARK
       L’amore e' il vento


  03. WILMA GOICH
       L’uomo di ieri


   

Testo:
  
Testo:


05. SACHA DISTEL
       Signor cannibale


  06. THE ROLLING STONES
       Con le mie lacrime


   

Testo:
  
Testo:


07. PINO DONAGGIO
       Io mi domando


  08. THE BEACH BOYS
       Sloop John B


   

Testo:
___
Testo:


09. GIDIULI
       Grazie (Help me)


  10. LEO SARDO
       Questa sera come sempre


   

Testo:
___
Testo:


11. LES SURFS
       Meritavi molto di piu'


  12. GINO PAOLI
       A che cosa ti serve amare



  

Testo:
___
Testo:


13. THE YARDBIRDS
       Shapes of things


  14. RICKY GIANCO
       Credi che



  

Testo:
___
Testo:


15. NICOLA D'ALESSIO
       Sangue amaro


 
Testo:


OSPITI:

MICHEL POLNAREFF
     Una bambolina che fa no no no


  FRANCOISE HARDY
     Tous les garçons et les filles


   

Testo:
  
Testo:


SONNY & CHER
       Little man


  CHER
       Bang bang


   

Testo:
___
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Sab Ago 21, 2021 2:29 pm - modificato 9 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1967 - FESTIVALBAR 4a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Lun Ott 25, 2010 7:36 pm

 
 
1967 FESTIVALBAR - 4a Edizione
 
 
La quarta edizione si svolge nel 1967, Salvetti decide di confermare come sede Salice Terme, perchè gli dicono: quest'anno otterremo un po' di spazio tv...
A condurre viene chiamato Daniele Piombi, in gara ci sono Rocky Roberts (Stasera mi butto) con la fidanzata Lola Fala, Donne Warwick, le rivelazioni New Trolls, I Cameleonti e i Dik Dik.
Il juke-box è una luccicante realtà: gli apparecchi in circolazione ora sono 25.000 e costituiscono l'unico mezzo di diffusione della musica alternativo a radio e tv; ancora in onda i soli brani arrivati in finale nell'ambito di una ventina di minuti all'interno del programma JUKE BOX SOTTO VOCE.
Organizzare un battage promozionale come quello del Festivalbar – si legge su TV SORRISI E CANZONI – costa molti milioni, ma sono venute in aiuto a Salvetti alcune ditte che intuendo la possibilità di usare la manifestazione quale veicolo pubblicitario per i propri prodotti, visto il crescente interesse che essa suscita in un pubblico sempre più vasto, si sono proposte come sponsor contribuendo con denaro, striscioni, magliette, cappellini, coppe, manifesti murali, targhe e slogan. Per le ditte sponsorizzatrici è un affare poichè quest’anno la televisione aumenterà lo spazio concesso al Festivalbar passando dai dieci minuti dell’edizione precedente ai quindici attuali.


Per questa edizione vengono prodotti i cosidetti dischi accoppiati, incisioni speciali per juke-box, per includere più nominativi in lizza e abbinare nomi noti con altri bisognosi di aiuto.

Novità di quell'anno (chi c'era se lo ricorderà) fu la suddivisione dei cantanti in gara in un girone "big" (la cosiddetta serie oro) e un girone "giovani" (serie verde).
Il verdetto dei juke box di quell'anno assegnò i rispettivi premi a Rocky Roberts per la sopravvalutatissima Stasera mi butto e ad Al Bano, che giustamente, prese la rivincita rispetto al sesto posto ottenuto a Saint Vincent.
Allora la finale del Festivalbar si svolgeva a Salice Terme, prima che Vittorio Salvetti la spostasse ad Asiago, e per la prima volta all'evento fu dato spazio anche in televisione, anche se solo sotto forma di breve rassegna ("Juke box sottovoce"), segno comunque che la manifestazione stava diventando importante e muoveva interessi non indifferenti, sia discografici che non (sponsor, prodotti ecc).

I brani sono quasi tutti conosciutissimi . Mi soffermo solo un attimo su Ho scelto Bach, un brano interessante, sicuramente controcorrente per i tempi, inciso da quello che sembrava un promettente cantautore e che poi ha tuttavia preferito fare semplicemente l'autore, collaborando, fra i tanti, con Roberto Vecchioni e con Shel Shapiro.

Fonte: QUI e QUI


Classifica Artisti e canzoni partecipanti:

SERIE ORO
  • 01. Stasera Mi Butto (Amurri-Canfora)
  • 02. Caterina Caselli - Sono Bugiarda (Mogol-Pace-Diamond)
  • 03. Little Tony - Peggio Per Me (Mogol-Gerard-Bernet)
  • 04. I Nomadi - Dio E' Morto (F.Guccini)
  • 05. Wilma Goich - Se Stasera Sono Qui (Mogol-Tenco)
  • 06. Adamo - Insieme (Adamo)
  • 07. Riki Maiocchi - Prendi Fra Le Mani La Testa (Mogol-Battisti)
  • 08. Gianni Pettenati - Lo Sbaglio Di Volere Te (This And That)(Bardotti-Dorsey-Carrera)
  • 09. Orietta Berti - Ritornerà Da Me (Senofonte-Casini)
  • 10. Tom Jones - Funny Familiar Forgotten Feelings (Newbury)
  • 11. The New Vaudeville Band - Peek A Boo (Geoff Stephens)
  • 12. Pino Donaggio - Un Brivido Di Freddo (Pino Donaggio

SERIE VERDE
  • 13. Al Bano - Nel Sole (Massara-Pallavicini)
  • 14. I Ribelli - Pugni Chiusi (Beretta-Gianco)
  • 15. Marisa Sannia - Sarai Fiero Di Me (Migliacci-Zambrini)
  • 16. Sonia - Mama (S.Bono-Dossena)
  • 17. Lino Alfieri - Fammi Un Sorriso (Cassia-Serra-Rizzati)
  • 18. Andrea Lo Vecchio - Ho Scelto Bach (Lo Vecchio-Vecchioni)
  • 19. I Balordi - Domani Devo Fare Una Cosa (Giacotto-Muratori)
  • 20. I Delfini - La Speranza E' Giovane (Midnight Girl)(Danpa-Stephens-Carter)

Direzione artistica
Vittorio Salvetti

Organizzazione
L'organizzazione della manifestazione fu affidata alla RAI.


SERIE ORO

01. ROCKY ROBERTS
       Stasera mi butto


  02. CATERINA CASELLI
       Sono bugiarda


   

Testo:
  
Testo:


03. LITTLE TONY
       Peggio per me


  04. I NOMADI
       Dio e' morto


   

Testo:
  
Testo:


05. WILMA GOICH
       Se stasera sono qui


  06. ADAMO
       Insieme


   

Testo:
  
Testo:


07. RIKI MAIOCCHI
       Prendi fra le mani la testa


  08. GIANNI PETTENATI
       Lo sbaglio di volere te


   

Testo:
  
Testo:


09. ORIETTA BERTI
       Ritornerà da me


  10. TOM JONES
       Funny familiar forgotten feelings


   

Testo:
  
Testo:


11. THE NEW VAUDEVILLE BAND
       Peek a boo


  12. PINO DONAGGIO
       Un brivido di freddo


   

Testo:
  
Testo:
 
 
 
 
SERIE VERDE

13. AL BANO
       Nel sole


  14. I RIBELLI
       Pugni chiusi


   

Testo:
  
Testo:


15. MARISA SANNIA
       Sarai fiero di me


  16. SONIA
       Mama


   

Testo:
  
Testo:


17. LINO ALFIERI        Fammi un sorriso

  18. ANDREA LO VECCHIO
       Ho scelto Bach


   

Testo:
  
Testo:


19. I BALORDI
       Domani devo fare una cosa


  20. I DELFINI
       La speranza e' giovane


   

Testo:
  
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Sab Ago 21, 2021 3:26 pm - modificato 13 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1968 - FESTIVALBAR 5a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Lun Feb 07, 2011 9:46 pm

FESTIVALBAR 01
 
 
1968 FESTIVALBAR - 5a Edizione

Il quinto Festivalbar si è svolto ad Asiago il 19 settembre 1968 in onda sul Secondo Canale Nazionale, oggi Rai 2.
Il regista della manifestaziona canora fu Antonio Moretti, il conduttore fu Vittorio Salvetti, il patron del Festivalbar accompagnato da Rosanna Vaudetti.
Da questa edizione, il Festivalbar si mostra come un'importante manifestazione canora, come concorrenza al Festival di Sanremo. L'edizione del Festivalbar del 1968 è una delle più importanti degli anni sessanta, grazie al suo cast di interpreti.
Questa edizione venne divisa in due gironi: il girone "oro" quello dei big e il girone "verde" quello delle nuove proposte.
Il vincitore fu Adamo con il brano Affida una lacrima al vento.
Nella sezione Festivalbar DiscoVerde (Sezione Giovani), vince Lucio Battisti con Prigioniero del mondo.

Fonte: QUI
 
 
Nel 1968 appaiono per la prima volta i cine-box che proiettano una pellicola ad 8 millimetri, i cantanti del momento hanno usato questo strumento che però cadrà presto in disuso, sostituito successivamente dai più comodi video clip.
Un’altra novità è arrivata nelle sale d’incisione: si tratta del registratore multipista (8-16-24) che permette la registrazione separata di strumenti e voce.
La Rai finalmente si è accorta dell'importanza della manifestazione e trasmette per un'ora e mezza la serata finale.
Vittorio Salvetti ha saputo che un amico bresciano sta per aprire un hotel, il Linta, sarà la sede della prima finale televisiva: un'ora e mezza, sul secondo canale.
In gara ci sono Adamo (che vincerà con AFFIDA UNA LACRIMA AL VENTO), Charles Aznavour, Aphrodite's Child e Claude François. Farà un saltino al Linta anche Celentano.
Nasce il ‘Discoverde’ e se lo aggiudica un ragazzo di Poggio Bustone che lavora come autore alla casa discografica Ricordi e ha inciso un ‘disco-prova’, "Prigioniero del mondo": si chiama Lucio Battisti.
I "Ribelli", con Demetrio Stratos, cantano "Pugni chiusi"

 
 
Cantanti partecipanti
 
GIRONE ORO
 
* Adamo - Affida una lacrima al vento (Adamo)
* Camaleonti - Io per lei (Daniele Pace-Crewe-Gaudio)
* Little Tony - Prega prega (Claroni-Enrico Ciacci)
* Rita Pavone - Il mondo nelle mani (Wayne-Carson-thompson-Mogol)
* Al Bano - Musica (Vito Pallavicini-Carrisi)
* Caterina Caselli - L'orologio (Daniele Pace -Mario Panzeri)
* Marisa Sannia - Non è questo l'addio (Endrigo)
* Orietta Berti - Non illuderti mai (Pace-Panzeri-Lorenzo Pilat)
* Petula Clark - Kiss Me Goodbye (Reed-Mason)
* Sergio Endrigo - Marianne (Endrigo)
* Dik Dik - Il vento (Mogol-Lucio Battisti)
* Tom Jones - Delilah (Reed-Mason)
 
 
GIRONE VERDE
 
* Lucio Battisti - Prigioniero del mondo (Mogol-Carlo Donida)
* 1910 Fruitgum Co - Simon Says (Chiprut)
* I Profeti - Ho difeso il mio amore (Pace-Hayward)
* Nuovi Angeli - Questo è un addio (Andrea Lo Vecchio-Felice Piccarreda-Weiss)
* Sergio Leonardi - Non ti scordar di me (Furnò'-De Curtis)
* Sonia - Cammino sulle nuvole (Pace-Panzeri-Gene Colonnello)
* Junior Magli - La calda estate (Nisa-Buffoli)
* Turtles - She's My Girl (The Turtles)
* New Trolls - Visioni (Giorgio D'Adamo-Vittorio De Scalzi-Nico Di Palo)
* Carmen Villani - Per dimenticare (Gianni Boncompagni-Ghiglia)
* Giusy Romeo - L'onda (Pallavicini-Paolo Conte)
* Ricky Shayne - Con una o con dieci chitarre (Specchia-Mills)
 
 
GIRONE ORO
 
ADAMO
Affida una lacrima al vento


  CAMALEONTI
Io per lei (Daniele Pace-Crewe-Gaudio)


   

 
Testo:
  
 
Testo:


LITTLE TONY
Prega prega (Claroni-Enrico Ciacci)


  RITA PAVONE
Il mondo nelle mani (Wayne-Carson-thompson-Mogol)


   

 
Testo:
  
 
Testo:


AL BANO
Musica (Vito Pallavicini-Carrisi)


  CATERINA CASELLI
L'orologio (Daniele Pace -Mario Panzeri)


   

 
Testo:
  
 
Testo:


MARISA SANNIA
Non è questo l'addio (Endrigo)

  ORIETTA BERTI
Non illuderti mai (Pace-Panzeri-Lorenzo Pilat)


   

 
Testo:
  
 
Testo:


PETULA CLARK
Kiss Me Goodbye (Reed-Mason)


  SERGIO ENDRIGO
Marianne


   

 
Testo:
  
 
Testo:


DIK DIK
Il vento (Mogol-Lucio Battisti)


  TOM JONES
Delilah (Reed-Mason)


   

 
Testo:
  
 
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Dom Ago 22, 2021 6:38 pm - modificato 10 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1968 - FESTIVALBAR 5a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Dom Feb 27, 2011 4:16 pm

GIRONE VERDE

LUCIO BATTISTI
Prigioniero del mondo (Mogol-Carlo Donida) (la canzone vincitrice del girone verde)


  1910 FRUITGUM CO
Simon Says (Chiprut) - Non trovando la vers. italiana, ho inserito anche il video del gruppo Giuliano e i Notturni con Il ballo di Simone


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 


I PROFETI
Ho difeso il mio amore (Pace-Hayward)


  NUOVI ANGELI
Questo è un addio (Andrea Lo Vecchio-Felice Piccarreda-Weiss)


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
SERGIO LEONARDI
Non ti scordar di me (Furnò'-De Curtis)


  SONIA
Cammino sulle nuvole (Pace-Panzeri-Gene Colonnello)


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
JUNIOR MAGLI
La calda estate (Nisa-Buffoli)


  TURTRLES
She's My Girl (The Turtles)


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
NEW TROLLS
Visioni
(Giorgio D'Adamo-Vittorio De Scalzi-Nico Di Palo)

  CARMEN VILLANI
Per dimenticare (Gianni Boncompagni-Ghiglia)


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
GIUSY ROMEO
L'onda (Pallavicini-Paolo Conte)


  RICKY SHAYNE
Con una o con dieci chitarre (Specchia-Mills)


   

 
Testo:
  
 
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Dom Ago 22, 2021 7:03 pm - modificato 11 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1969 - FESTIVALBAR: 6a edizione

Messaggio  admin_italiacanora Lun Mar 25, 2013 4:28 pm

 
 
1969 FESTIVALBAR - 6a Edizione

l sesto Festivalbar si è svolto a Sistiana, per la serata inaugurale, e ad Asiago, per la finale, il 12 settembre 1969 in onda sul Canale Nazionale, oggi Rai Uno.

Il regista della manifestaziona canora fu Antonio Moretti, il conduttore fu Vittorio Salvetti, il patron del Festivalbar.

Questa sesta edizione del Festivalbar venne vinta da Lucio Battisti che passò nella sezione big, con il brano Acqua azzurra, acqua chiara.

Nella sezione Festivalbar DiscoVerde (Sezione Giovani), vinse Romina Power con Acqua di mare. Mentre il Premio della Critica andò ai Dik Dik con Il primo giorno di primavera.
 
Fonte: QUI
 
 
CANTANTI PARTECIPANTI

1°  Lucio Battisti – Acqua azzurra, acqua chiara (Dischi Ricordi SRL-10.538)

   Patty Pravo – Il paradiso
   Dik Dik – Il primo giorno di primavera
   Pascal - Amore siciliano
   Niky – Poi si vedrà
   Louiselle – La vigna
   Alunni del Sole – Concerto
   Orietta Berti – L'altalena
   Herbert Pagani – L'amicizia
   Adriano Celentano – Storia d'amore
   Katty Line – La rivale
   Patrick Samson – Soli si muore
   Riccardo Del Turco – Il compleanno
   Caterina Caselli – Tutto da rifare
   I Profeti – La tua voce
   Gianni Farano – Occhi caldi
   Aphrodite's Child – I want to live
   Equipe 84 – Tutta mia la città
   Maurizio Vandelli – Perdona Bambina
   Bobby Solo – Domenica D'Agosto
   Romina Power – Acqua di mare
   Albano – Pensando a te
   Formula 3 – Questo folle sentimento - (sigla di apertura)
   Camaleonti – Viso d’angelo
   Gli Hugu Tugu - Chimmè chimmà
   Nuovi Angeli – Ragazzina ragazzina
   Georges Moustaki - Lo Straniero

Altri premi
   Premio Festivalbar DiscoVerde - Romina Power
   Premio della Critica - Dik Dik
   Premio della Popolarità - Camaleonti

Direzione artistica
   Vittorio Salvetti

Organizzazione
   RAI


Ultima modifica di admin_italiacanora il Dom Giu 16, 2019 4:33 pm - modificato 2 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1969 - FESTIVALBAR 6a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Mar Ago 13, 2013 6:56 pm

Vincitore Anno 1969

- LUCIO BATTISTI - ACQUA AZZURRA, ACQUA CHIARA (Mogol - Lucio Battisti)

Il Festivalbar resta ad Asiago (sede confermata fino al '74) e ‘scoppia’ letteralmente. Lucio Battisti passa nella serie dei big e stravince con "Acqua azzurra acqua chiara".

Alle sue spalle si piazzano addirittura tre artisti con brani scritti da lui: Patty Pravo "Il Paradiso", Dik Dik "Il primo giorno di primavera", Formula 3 "Questo folle sentimento".
Nel girone dei ‘Verdi’ vince con "Acqua di mare" Romina Power, non ancora in coppia con Al Bano che si presenta in versione solista cantando "Pensando a te".

La coppia, però, sta per nascere e da lì a poco si sposerà. La serenata è un concerto di 30 mila juke box.

Nella foto Lucio Battisti posa con la cantante francese Katty Line (Catherine Denise Frédérique Boloban)
 
Fonte: QUI
 
 
LUCIO BATTISTI
Acqua azzurra, acqua chiara
(Mogol - Lucio Battisti)

  PATTY PRAVO
Il paradiso
(Mogol - Lucio Battisti)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
DIK DIK
Il primo giorno di primavera
(Mario Lavezzi - Cristiano Minellono - Mogol)

  PASCAL
Amore siciliano


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
NIKY
Poi si vedrà
(Bertero, Buonassisi, Valleroni, Marini)

  LOUISELLE
La vigna
(Dell'Orso - Carlo Rossi - Tamborelli)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
ALUNNI DEL SOLE
Concerto
(di Paolo Morelli - Carlo Rossi)

  ORIETTA BERTI
L'altalena
(di Paolo Morelli - Carlo Rossi)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
HERBERT PAGANI
L'amicizia
(Herbert Pagani / A. Anelli)

  ADRIANO CELENTANO
Storia d'amore
(Beretta - Adriano Celentano - Micky Del Prete)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
KATTY LINE
La rivale
(Luciano Beretta-Miki Del Prete-Lorenzo Pilat-Roberto Negri)

  PATRICK SAMSON
Soli si muore
(T. James - P. Lucia - Minellono - Mogol)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
RICCARDO DEL TURCO
IL COMPLEANNO


  CATERINA CASELLI
Tutto da rifare


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
I PROFETI
La tua voce


  GIANNI FARANO
Occhi caldi


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
APHRODITE'S CHILD
I want to live


  EQUIPE 84
Tutta mia la citta'
Cover di Blackberry way - Move (Mogol - R. Wood)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
MAURIZIO VANDELLI
Perdona bambina


  BOBBY SOLO
Domenica d'agosto


   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
ROMINA POWER
Acqua di mare


  ALBANO
Pensando a te
(di Albano Carrisi - Vito Pallavicini)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
FORMULA 3
Questo folle sentimento
(Mogol - Lucio Battisti)

  CAMALEONTI
Viso d'angelo
(Fabrizio Carraresi - Elio Isola - Daniele Pace - Mario Panzeri)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
GLI HUGU TUGU
Chimme' chimma'


  NUOVI ANGELI
Ragazzina ragazzina
(Fabrizio Carraresi - Elio Isola - Daniele Pace - Mario Panzeri)

   

 
Testo:
  
 
Testo:
 
 
 
GEORGES MOUSTAKI
Lo straniero
(Bruno Lauzi - Georges Moustaki)


 
Testo:


Ultima modifica di admin_italiacanora il Lun Ago 23, 2021 12:41 pm - modificato 6 volte.
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1969 - FESTIVALBAR 6a Edizione (Album fotografico)

Messaggio  admin_italiacanora Mar Giu 18, 2019 11:13 pm

FESTIVALBAR 1969, ALBUM FOTOGRAFICO




La cartolina da spedire per il Concorso.


I due vincitori della sesta edizione del Festivalbar, Lucio Battisti con la sua canzone Acqua Azzurra, Acqua Chiara e la giovane Romina Power, tra i talenti emergenti con Acqua di mare, fissano uno dei premi coppa distribuiti dall'organizzazione.





Altra bella immagine con Lucio Battisti e Romina Power con i loro premi di categoria.


Alcuni dei protagonisti della sesta Festivalbar sono in posa per i fotografi: i quattro membri del Camaleonti, secondo classificato e di pregio con il premio popolarità, stand con Lucio Battisti, vincitore della migliore concorrenza canzone con Acqua azzurra acqua chiara e il paroliere Mogol .



L'autore e presentatore televisivo italiano Vittorio Salvetti seduto al bancone di un bar a bere una bevanda. Vittorio Salvetti è il creatore e conduttore della trasmissione musicale Festivalbar.


SORRISI E CANZONI TV n. 37 – 14 settembre 1969.
• Pagg. 36 e 37: intervista di Gigi Vesigna a Battisti sulla vittoria al Festivalbar, “HA VINTO IL CANTANTE ANTIFESTIVAL”.
• Pag. 50: rubrica Nel mondo dei dischi, nella classifica dei più venduti “Il primo giorno di Primavera” (7°) e “Acqua azzurra, acqua chiara” (10°).
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1970 - FESTIVALBAR 7a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Mar Dic 17, 2019 7:14 pm

 
 
1970 FESTIVALBAR - 7a Edizione

Il settimo Festivalbar si svolse nel 1970 ad Asiago.

Venne condotto dal patron del festivalbar Vittorio Salvetti.

Il vincitore dell'edizione fu Lucio Battisti con Fiori rosa fiori di pesco. DiscoVerde di Christian con Firmamento.
 
 
Ospiti alla serata finale
 
La serata finale (trasmessa in tv il 10 settembre) ha un cast di ospiti molto nutrito: da Piero Focaccia con PERMETTE SIGNORA a Morandi con OCCHI DI RAGAZZA. Da Claudio Baglioni con UNA FAVOLA BLU ai Rare Bird con il successo del momento SIMPATHY. E ancora Little Tony (CUORE BALLERINO) ed Aznavour (ED IO TRA DI VOI e TI LASCI ANDARE).

Direzione artistica: Vittorio Salvetti # Organizzazione: RAI
 
Fonte: QUI
 
 
Il Festivalbar inaugura gli anni '70 con una serie di novità: accanto alle categorie consolidate dei cantanti affermati e degli esordienti/emergenti, si aggiungono quella dei "complessi" e l'innovazione più consistente di quest'edizione, con l'ingresso in gara della musica classica.

Così, la categoria degli affermati viene ribattezzata "Serie Rossa", mentre la denominazione "Serie Oro" viene riservata alla classica; ai solisti "nuovi big della musica leggera", per dirla col Radiocorriere, o aspiranti tali viene confermata la "Serie Verde", mentre ai complessi viene attribuita la "Serie Gialla".

E' da un po' di tempo che Vittorio Salvetti caldeggiava l'idea di portare la musica classica nei juke-box, considerando anche le frequenti citazione classiche nella canzone del periodo, passando dai Beatles ai Procol Harum fino ad Al Bano e Romina, e l'operazione finalmente va in porto creando delle speciali edizioni dei dischi destinati ai juke-box che su un lato accoppiano il brano di un big a quello di un giovane e sull'altro il brano di un complesso a un'esecuzione classica di qualche rinomato ensemble o interprete, di modo che ad esempio, gettonando un complesso, si ascolti a seguire il brano classico, allo scopo di diffondere la conoscenza di questa musica presso i più giovani e non solo.

La finale si svolge nuovamente ad Asiago al Linta Park Hotel, presentata da Vittorio Salvetti e Rosanna Vaudetti nelle due serate del 28 e 29 agosto, per essere poi trasmessa giovedì 10 settembre alle 22.05 sul Secondo Canale per la regia di Francesco Dama.
Ai cantanti in gara si affiancano ospiti come Gianni Morandi, Little Tony, Charles Aznavour, Rare Bird e Claudio Baglioni, praticamente esordiente.

Tra i solisti, c'è la conferma del vincitore del Discoverde '69 Lucio Battisti, ormai una star, che dopo l'ormai storica "Acqua azzurra acqua chiara" trionfa ancora con quello che diventerà uno dei suoi numerosi classici: "Fiori rosa fiori di pesco", mentre tra i complessi vincono gli Aphrodite's Child, reduci dal successo di "Rain and Tears", con la splendida conferma, artistica e commerciale, di "It's five o' clock".
Il Discoverde stavolta se lo aggiudica Christian (che otterrà riscontri commerciali significativi più tardi, soprattutto nella prima metà degli anni '80) con "Firmamento", mentre la Serie Oro è vinta dai Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone con il Concerto Per Due Mandolini di Vivaldi.

Un'edizione, questa, che spicca non solo per la rilevante novità della classica ma anche per una serie di grandi nomi e successi divisi tra le varie categorie (basti dire dei Led Zeppelin con "Whole Lotta Love") che eclissano il resto e rendono storica un'annata che ha dovuto fare i conti con la diminuzione del numero di cartoline spedite (dal milione circa dell'estate precedente alle cinquecento-seicentomila di quest'anno), complice la contingenza tra minori disponibilità economiche in seguito alle agitazioni dei lavoratori nei mesi precedenti e l'aumento del prezzo dei 45 giri cui si accompagnano, per chi può spendere, la maggior convenienza proporzionale dei 33 giri e una sempre maggior diffusione dei nastri a cassette "compatte" e dei mezzi di registrazione, che contribuiscono nell'insieme a una flessione dell'interesse verso i juke-box saliti nel frattempo a circa 38.000 unità, quando invece nei tardi anni '50 erano poche centinaia eppure svolsero un ruolo decisivo nel lancio dei cosiddetti "urlatori".
 
Fonte: QUI
 
 
 
CANTANTI PARTECIPANTI
 
SERIE ROSA (Big)
1. Lucio Battisti - Fiori rosa, fiori di pesco
2. Orietta Berti - Finche la barca va
3. Patty Pravo - Per te
Al Bano - Quel poco che ho
Gigliola Cinquetti - Solo un momento d'amore
Joe Dassin - Les Champs Elysées
Tony Del Monaco - Cuore di bambola
Franco IV e Franco I - Tu bambina mia
Robin Gibb - August october
Enzo Jannacci - Mexico e nuvole
Fausto Leali - Ave Maria no morro
Nada - Bugia
Carlos Rico - Gioca bambino
Mario Tessuto - Blu notte blu
Wess - Tu che non mi conoscevi
 
 
LUCIO BATTISTI
Fiori rosa, fiori di pesco


  ORIETTA BERTI
Finchè la barca va


   

  
 
 
PATTY PRAVO
Solo te


  AL BANO
Quel poco che ho


   

  
 
 
GIGLIOLA CINQUETTI
Solo un momento d'amore


  JOE DASIN
Les Champs Elysées


   

  
 
 
TONY DEL MONACO
Cuore di bambola


  FRANCO IV e FRANCO I
Tu bambina mia


   

  
 
 
ROBIN GIBB
August october


  ENZO JANNACCI
Mexico e nuvole


   

  
 
 
FAUSTO LEALI
Ave Maria no morro


  NADA
Bugie


   

  
 
 
CARLOS RICO
Gioca bambino


  MARIO TESSUTO
Blu notte blu


   

  
 
 
WESS
Tu che non mi conoscevi


admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty 1971 FESTIVALBAR - 8a Edizione

Messaggio  admin_italiacanora Ven Ago 20, 2021 1:09 pm

 
 
1971 FESTIVALBAR - 8a Edizione
 
Il 26 agosto del 1971, alle ore 21,15 sul Secondo Programma, la TV manda in onda la serata finale del Festivalbar; la ripresa televisiva curata dal regista Romolo Siena avviene dalla piazza del Municipio di Asiago.
Questo appuntamento ormai tradizionale alla fine dell’estate (la prima edizione si è svolta nel 1964) ha visto ai nastri di partenza numerosi interpreti, sia big che giovani, italiani e internazionali, ma alla vigilia della finale si può affermare che la corsa per la conquista dell’ambito trofeo sembra limitata ad una decina di successi dell’estate.

Questa concentrazione di titoli ha contribuito non poco alla ripresa dei juke-box e lo dimostra il fatto che, da un’inchiesta effettuata nell’estate 1971, gli incassi medi dei dischi del Festivalbar sono risultati in ripresa rispetto alla stagione precedente.
Le canzoni del Festivalbar hanno registrato oltre dieci milioni di gettonature, in buona posizione ci sono le canzoni provenienti dal Disco per l’estate.
Alla finale del Festivalbar, presentata come sempre dall’ideatore della manifestazione Vittorio Salvetti, intervengono gli interpreti dei dischi in concorso oltre a numerosi ospiti d’onore.
Ed eccoci al momento della proclamazione del vincitore dell’ottava edizione del Festivalbar: con la canzone We shall dance vince Demis.

Il patron Vittorio Salvetti, per l’edizione 1971, mette insieme 20 nomi alcuni dei quali sono i veri e propri protagonisti dell’estate musicale del 1971.
Cinque titoli arrivano dal Disco per l’estate che si era concluso il 12 giugno a Saint Vincent.
E mentre la radio continua a proporre quotidianamente nelle apposite vetrine le 24 canzoni finaliste, Salvetti ne seleziona appunto cinque per la rassegna del juke-box: Via dei Ciclamini di Orietta Berti, Sempre sempre di Peppino Gagliardi, Donna Felicità dei Nuovi Angeli, Era il tempo delle more di Mino Reitano e La riva bianca, la riva nera di Iva Zanicchi.

Nel cast figurano inoltre alcuni nomi internazionali: i Creedence Clearwater Revival, gruppo rock statunitense attivo dal 1967 al 1972, sono in gara con Molina, mentre i Mungo Jerry, che si erano rivelati in Italia e nel mondo con il singolo In the summertime del 1969, partecipano ora con Baby jump.
Il gruppo inglese degli Ocean propone il singolo del quale i ragazzi londinesi vendono almeno un milione di copie, Put your hand in the hand, mentre Lally Stott, già voce solista dei Motowns, canta Jakaranda.
L’orchestra di Waldo De Los Rios porta al Festivalbar la musica classica, ma a differenza dell’anno precedente quando alcuni classici erano in gara nella loro versione originale, nel 1971 Mozart gira nei juke-box con una versione arrangiata in chiave moderna della sua Sinfonia n. 40 in sol minore.
C’è poi Demis Roussos, ex voce degli Aphrodite’s Child, in gara con una delle sue canzoni più belle, dal titolo We shall dance, il cui singolo entra nella nostra Hit Parade il 16 luglio in nona posizione.
Completano il cast internazionale due mitiche band come i Rolling Stones e i Santana.
Il gruppo di Mick Jagger e Keith Richards propone Brown sugar, il gruppo capitanato da Carlos Santana interpreta Oyo como va.

Per l’Italia, oltre ai già citati reduci dal Disco per l’estate, ci sono il cantautore Alberto Anelli con Mezzanotte, canzone della quale è possibile vedere il video su You Tube, Ombretta Colli con Lu primo ammore, i Dik Dik con una canzone firmata Mogol e Battisti, Vendo casa, Fausto Leali con America, i New Trolls con il loro Concerto grosso, e il giovane Pascal, già in gara al Disco per l’estate 1970 con Lei dorme, che ora propone la canzone che gli darà maggiori soddisfazioni, All’ombra.

E concludiamo con i Pooh, che dopo alcuni anni di gavetta, e il loro recente cambio di Casa discografica, trovano finalmente la canzone giusta per conquistare un posto in Hit Parade. In realtà, la band milanese aveva già assaporato il piacere di soggiornare in classifica nel 1968 con Piccola Katy, ma soltanto a ridosso delle prime dieci posizioni, mentre con Tanta voglia di lei, brano proposto al Festivalbar, entreranno in classifica a Ferragosto 1971, scalandone velocemente le posizioni fino a insediarsi al primo posto a settembre, scalzando dalla vetta Pensieri e parole di Lucio Battisti.

Battisti è primo per 14 settimane (da giugno a settembre), mentre i Pooh resteranno in vetta per 10 settimane. I due 45 giri risulteranno i più venduti dell’intero anno.
 
Fonte: QUI
 
 
Classifica Artisti e canzoni partecipanti:

  • 1. Demis Roussos – “We shall dance”
  • 2. Iva Zanicchi – “La riva bianca, la riva nera“
  • 3. Pooh – “Tanta voglia di lei“
  • Orietta Berti – “Via dei ciclamini“
  • Dik Dik – “Vendo casa”
  • Mungo Jerry – “Baby jump“
  • Mino Reitano – “Era il tempo delle more“
  • Alberto Anelli – “Mezzanotte“
  • I Nuovi Angeli – “Donna Felicità“
  • Peppino Gagliardi – “Sempre… sempre“
  • Creedence Clearwater Revival – “Molina“
  • The Rolling Stones – “Brown sugar“
  • Fausto Leali – “America“
  • Ombretta Colli – “Lu primmo ammore“
  • New Trolls – “Concerto Grosso per i New Trolls“
  • Pascal – “All’ombra“
  • Carlos Santana – “Oye como va“
  • Lally Stott – “Jakaranda“


Festivalbar 1971 | Ospiti fuori concorso

Lucio Battisti – “Pensieri e parole”
Michel Delpech – “Per un flirt”
Capsicum Red – “Ocean”
Formula 3 – “Eppur mi son scordato di te”
Little Tony – “Vento corri… la notte è bianca”
Fabrizia Vannucci – “Una conquista facile”
Pop Tops – “Mamy Blue”
Waldo de Los Rios – “Sinfonia n. 40 in Sol Minore”


Direzione artistica
Vittorio Salvetti

Organizzazione
RAI.


01. DEMIS ROUSSUS
       We Shall Dance


  02 IVA ZANICCHI
      La riva bianca, la riva nera


   

Testo inglese:
 
Traduzione:
  
Testo:


03. POOH
       Tanta voglia di lei


  ORIETTA BERTI
       Via dei ciclamini


   

Testo:
  
Testo:


DIK DIK
       Vendo casa


  MUNGO JERRY
       Baby jump


   

Testo:
  
Testo inglese:
Traduzione:


MINO REITANO
       Era il tempo delle more


  ALBERTO ANELLI
       Mezzanotte


   

Testo:
___
Testo:


[center]
I NUOVI ANGELI
       Donna Felicità


  PEPPINO GAGLIARDI
       Sempre sempre


   

Testo:
___
Testo:


CREEDENCE CLEARWATER REVIVAL
       Molina


  THE ROLLING STONES
       Brown sugar



  

Testo:
___
Testo:


FAUSTO LEALI
       America


  OMBRETTA COLLI
       Lu primmo amore



  

Testo:
___
Testo:


NEW TROLLS
       Concerto Grosso per i New Trolls


  PASCAL
       All'ombra



  

Testo:
___
Testo:


CARLOS SANTANA
       Oye como va


  LALLY STOTT
       Jakaranda



  

Testo:
___
Testo:


OSPITI:

LUCIO BATTISTI
     Pensieri e parole


  MICHEL DELPECH
     Per un flirt


   

Testo:
  
Testo:


CAPSICUM RED
       Ocean


  FORMULA 3
       Eppur mi son scordato di te


   

Testo:
___
Testo:


LITTLE TONY
       Vento corri... la notte è bianca


  FABRIZIA VANNUCCI
       Una conquista facile


   

Testo:
___
Testo:


POP TOPS
       Mamy Blue


  WALDO DE LOS RIOS
       Sinfonia n. 40 in Sol Minore


   

Testo:
___
Testo:
admin_italiacanora
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2447
Punti : 4987
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 71
Località : Toscana

https://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

FESTIVALBAR Empty Re: FESTIVALBAR

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.