Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 13 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 13 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 422 il Gio Giu 14, 2018 9:48 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

LUISA TETRAZZINI: Biografia, Canzoni, Video, Testi

Andare in basso

LUISA TETRAZZINI: Biografia, Canzoni, Video, Testi

Messaggio  admin_italiacanora il Dom Nov 06, 2011 6:56 pm


Luisa Tetrazzini (Firenze, 29 giugno 1871 – Milano, 28 aprile 1940) è stata un soprano italiano di coloratura.

Biografia

A cavallo del primo ventennio di questo secolo, una sola cantante italiana riuscì a conquistarsi fama, gloria e ricchezza mondiale: Luisa Tetrazzini. Infatti ella fu l’unica che riuscì con la sua tecnica vocale – universalmente riconosciuta come la migliore della sua epoca – e l’emissione tornita, a rinverdire i fasti che trent’anni prima erano stati di Adelina Patti. Ormai entrato nella leggenda è anche il modo in cui debuttò. La nostra era andata, con la sua famiglia, a vedere l’Africana al teatro dell’opera locale. Prima dell’inizio il direttore d’orchestra si scusò con il pubblico dicendo che la recita non si poteva fare perché il soprano che doveva eseguire il ruolo di Ines era malato. A queste parole Luisa – che aveva allora solo diciannove anni e si sta parlando del 1890! – si alzò dal suo posto dicendo che non c’era bisogno di annullare la recita perché conosceva la parte! E a questo punto incominciò a cantare l’aria di Ines e il pubblico tutto in piedi in un’ovazione riuscì a far accettare allo sbigottito direttore d’orchestra Luisa Tetrazzini che con una sola prova debuttò il giorno seguente!

Questo racconto ci da, non solo l’immagine di una donna spregiudicata, ma anche l’idea della sicurezza tecnica che aveva. Da quel giorno spiccò il volo verso una sfolgorante carriera internazionale; ma fu nel 1907 che la nostra ebbe la definitiva consacrazione. Infatti su consiglio di Caruso accettò l’invito del Covent Garden per la Traviata – alla quale assistette la Patti – decisamente una parte fisicamente non per lei, ma che le diede la possibilità di essere invitata negli Stati Uniti a cantare al Manhattan e in seguito al Metropolitan, il feudo di Don Enrico Caruso. Nonostante il successo internazionale Luisa non cantò mai alla Scala, suo grande rammarico, probabilmente per volere di Toscanini. Infatti, dopo averle fatto un’audizione, le disse "Signora, lei è un soprano pirotecnico"; purtroppo Luisa rispose "Se io sono un soprano pirotecnico, lei è un direttore di banda paesana!". La definitiva rottura avvenne quando la nostra cantò al Metropolitan e ottenne che Toscanini fosse sostituito con un direttore di suo gradimento. Questo modo di rapportarsi con gli altri, e soprattutto con gli uomini, in un epoca di puritanesimo dove il rapporto uomo-donna non era così paritario come quello di oggi, portò la Tetrazzini ad essere aspramente criticata dai benpensanti, anche per la sua vita decisamente audace – tre matrimoni in pochi anni! -, portandola sempre più lontana dai palcoscenici soprattutto italiani. Dopo il suo terzo matrimonio, infelice quanto i primi due, ritornò al canto, che aveva abbandonato, soprattutto come concertista. Ad attenderla ancora una volta fu il pubblico di Londra nel 1934, quando dimostrò di avere ancora una grande personalità, ma una voce che tradiva gli anni trascorsi. Nel 1931 aveva fondato a Roma una scuola di canto. Ebbe numerosi allievi fra i quali Lina Pagliuchi. Si racconta come il suo spirito d’artista non si fosse spento nonostante i tre divorzi e, soprattutto, dopo aver dissipato in pochi anni la sua immensa fortuna. Racconta una sua allieva che, dopo averla corretta, gli fece ascoltare lei come avrebbe dovuto fare l’arpeggio. Avendolo eseguito in maniera stupefacente, la sua allieva le chiese come vi fosse riuscita ed ebbe come risposta "Sono vecchia, sono grassa, ma sono sempre la Tetrazzini!". La nostra si dedicò con tutta se stessa all’insegnamento fino alla sua dipartita il 28 aprile del 1940 – ed ebbe il giusto onore dei funerali di stato.

Luisa Tetrazzini fece una cospicua, per quei tempi, carriera discografica: infatti incise novantotto facciate a settantotto giri dal 1904 al 1922. La tecnica rudimentale dell’incisione non ci può, purtroppo, restituire tutta la bellezza e la stupefacente timbricità della sua voce, ma, nonostante i limiti dell’incisione, i dischi di Luisa restano fra i più emozionanti dell’ormai più che centenaria storia della riproduzione sonora.

La definizione che Toscanini aveva dato della nostra di soprano pirotecnico, ci illumina, anche se, come dice giustamente Arrigo Quattrocchi, non era un complimento sulle sue doti più evidenti. La spericolatezza dei virtuosismi, la perfezione dei sovracuti, ma, soprattutto, quello che stupisce di più è la pienezza ed espressività del suo registro grave, che non si riscontra in nessuno dei soprani di coloratura suoi contemporanei, né in quelli futuri, fatta eccezione della Callas. Ella quindi aveva tutto: il registro grave, con note cupe di eccezionale penetrazione, il registro mediano, molto corposo e le note più elevate. Ma, a differenza della Callas, la nostra eseguiva tutta questa gamma di suoni senza nessuna differenza di qualità tra la nota più grave e quella più acuta, e sembra una delle poche cantanti in cui il famigerato passaggio di registro non crei alcuna difficoltà, e questo è ancora più sorprendente!

Comunque è giusto mettere in rilievo che nessun soprano di coloratura di ieri e di oggi saprebbe interpretare sulla scena opere come l’Aida o Forza del destino e ad eseguire in concerto pagine pesantissime di Wagner, come quelle di Tristano e Isotta, segno che la distingue anche una versatilità che nessun soprano ha avuto dopo di lei.

Adesso scorreremo a grandi linee la sua discografia, anche se, comunque, com’è mio costume, lascerò al lettore il gusto della scoperta. I primi dischi la nostra li incise nel 1904 – in realtà la datazione delle facciate è incerta tra il 1903 ed il 1905 – con accompagnamento pianistico del cognato, il celebre direttore d’orchestra Cleofonte Campanini, marito della sorella Eva, anche lei soprano.

Questi dischi sono trascurabili, essendo di pessima riproduzione sonora e soprattutto conservati, evidentemente, in malo modo, ma per dovere di cronaca, dirò che erano stati incisi per la ditta Zonofono. Uno dei primissimi capolavori che la nostra ha lasciato è sicuramente l’aria Regnava nel silenzio… quando rapita, registrata per la ditta HMV nel 1909; qui la Tetrazzini fa vedere di non essere solo una virtuosa, ma anche un’interprete di grande cuore – cuore che ha dimostrato anche nella vita privata: infatti Luisa fece diversi concerti di beneficenza per le truppe italiane nella prima guerra mondiale, rimettendoci molte volte di tasca propria, come i divi di oggi praticamente!

Altro capolavoro assoluto è l’aria di Lakmé Dov’è l’indiana bruna?, incisa nel 1911 per la casa Victor; l’estatica semplicità del fraseggio e la raggiante conclusione in sovracuto, fa di questo disco qualcosa di travolgente, e, forse, nonostante i lunghi anni trascorsi è tuttora insuperato. Luisa riesce a non eccedere - anche se inserisce una scala inesistente nello spartito – anche nel Saper vorreste ed il suo modo di dire "Oscar lo sa ma non dirà" è ancora spassosissimo.

Ella però eccede, e qui do ragione a Toscanini, nel Vien diletto, registrato il 10 luglio del 1912 per la ditta HMV; il suo modo funambolico di arricchire le variazioni della cabaletta è davvero eccessivo, ma ella si riprende subito nel Meco verrai Rosalinda (Victor 1913), dove la semplicità e la pienezza di suono sono sorprendenti! Un miracolo è la cabaletta Ah non giunge (Victor 1911), dove la spensieratezza di Annina viene colta alla perfezione, mentre nell’aria che la precede, cioè Ah non credea mirarti (Victor 1911) è seconda solo alla Patti ed alla Callas. Delude , invece, nell’Addio del passato (HMV 26 settembre 1913), dove la nostra non riesce a dare il senso di malattia e di morte imminente che l’aria richiede. Bellissimo, invece, il Pace pace mio Dio inciso nel 1914 (Victor), in cui la Tetrazzini incrinò leggermente il pace finale – roba da ridere rispetto a quello che passa il convento oggi! -, che ci fa vedere che anche un mostro sacro come lei era un essere umano non esente da errori. In ogni caso si tratta di una pagina interpretata in modo ammirevole. Per ultimo voglio attirare l’attenzione su una curiosità: nell’Aprile di Tosti, malgrado lei stessa avesse detto che non le piaceva, quando canta "Vieni è l’Aprile", si sta ascoltando arte pura (HMV 1909).

Nei dischi della Tetrazzini troverete anche delle curiosità che non vi voglio dire e che vi faranno scoprire perché ella era tanto amata dal pubblico di inizio secolo e perché potrebbe esserlo, se ascoltata, anche da quello di oggi. Personalmente sento il peso di simili assenze nel panorama vocale di oggi, e, a volte, mi rammarico di non poter avere quelle stesse emozioni che ho ascoltando un solco rigato dal tempo piuttosto che andando in teatro, però l’esempio è ancora lì. Si può attingere dal passato per lavorare bene sul futuro, e Luisa Tetrazzini è una maestra encomiabile, di stile, fraseggio, tecnica e, pur avendo perduto – stando alle cronache del tempo – le sue espressioni buffe di attrice brillante, i suoi dischi ci rimandano l’eco di una grande artista che ha speso la sua vita per onorare il bel canto.
E, badate bene, esso non vuol dire solo cantare bene, ma è anche, e soprattutto, uno stile di vita
Fonte: QUI
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2104
Punti : 4392
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 67
Località : Toscana

Visualizza il profilo http://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

DISCOGRAFIA, Canzoni, Video, Testi

Messaggio  admin_italiacanora il Dom Nov 06, 2011 7:35 pm

DISCOGRAFIA, Canzoni, Video, Testi

INDICE

C-10057 - 3/15/1911 - Carceleras - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10058 - 3/15/1911 - The last rose of summer - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10059 - 3/15/1911 - Saper vorreste - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10064 - 3/16/1911 - Ah! Non credea mirarti - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10065 - 3/16/1911 - Ah, fors' è lui - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10066 - 3/16/1911 - Carnival of Venice - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10068 - 3/16/1911 - Il dolce suono - Soprano vocal solo, with flute and orchestra
C-10070 - 3/17/1911 - Swiss echo song - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10071 - 3/17/1911 - Una voce poco fa - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10072 - 3/17/1911 - Charmant oiseau - Soprano vocal solo, with flute and orchestra
C-10073 - 3/17/1911 - Io son Titania - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10074 - 3/18/1911 - Caro nome - Soprano vocal solo, with orchestra
C-10075 - 3/18/1911 - Dov'è l'Indiana bruna? - Soprano vocal solo, with orchestra and bells
C-10076 - 3/18/1911 - Ah! non giunge - Soprano vocal solo, with flute and orchestra
C-10077 - 3/18/1911 - Proch's air and variations - Soprano vocal solo, with orchestra and flute
C-11446 - 1/10/1912 - Sextette : Chi mi frenaVocal sextet - Soprano, contralto, 2 tenors, baritone, and bass), with orchestra
C-11447 - 1/10/1912 - Bella figlia dell' amore - Pasquale Amato ; Enrico Caruso ; Luisa Tetrazzini ; Josephine Jacoby - Vocal quartet (soprano, contralto, tenor, and baritone) with orchestra
C-11589 - 2/13/1912 - The swallows - Soprano vocal solo, with orchestra
B-12916 - 2/18/1913 - Rhapsodie - Soprano vocal solo, with cello obligato and orchestra
C-12917 - 2/18/1913 - Pastoral - Soprano vocal solo, with orchestra
C-12918 - 2/18/1913 - Tacea la notte placida - Soprano vocal solo, with orchestra
C-12928 - 2/19/1913 - D'amor sull' ali rosee - Soprano vocal solo, with orchestra
C-12929 - 2/19/1913 - Rhapsodie - Soprano vocal solo, with orchestra and cello obligato
C-12930 - 2/19/1913 - Grande valse - Soprano vocal solo, with orchestra
C-12931 - 2/19/1913 - Ombra leggiera - Soprano vocal solo, with orchestra
C-12944 - 2/21/1913 - Bonnie Sweet Bessie - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14815 - 5/11/1914 - Tre giorni son che Nina - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14816 - 5/11/1914 - Somewhere a voice is calling - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14817 - 5/11/1914 - O luce di quest'anima - Soprano vocal solo, with orchestra
B-14818 - 5/11/1914 - Bel raggio lusinghier - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14819 - 5/11/1914 - Micaela's air - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14820 - 5/12/1914 - Solvejg - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14821 - 5/12/1914 - Pace mio Dio - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14822 - 5/12/1914 - Merce dilette amiche - Soprano vocal solo, with orchestra
C-14823 - 5/13/1914 - Ballata d'Ofelia - Soprano vocal solo, with orchestra
B-24675 - 11/2/1920 - Come la rose - Soprano vocal solo, with harp and orchestra
B-24676 - 11/2/1920 - Gli angui d'inferno - Soprano vocal solo, with orchestra
[Trial 1919-02-20-01] - 2/20/1919GoodbyeW. H. TewFemale vocal solo, with piano
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2104
Punti : 4392
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 67
Località : Toscana

Visualizza il profilo http://www.italiacanora.net

Torna in alto Andare in basso

Re: LUISA TETRAZZINI: Biografia, Canzoni, Video, Testi

Messaggio  admin_italiacanora il Dom Nov 06, 2011 10:28 pm

Carnevale di Venezia (Le carnaval de Venise - Carnival of Venice ) (Le carnaval de Venise - Carnival of Venice)