64° FESTIVAL di SANREMO
16 - 22 Febbraio 2014
teatro Ariston di Sanremo

________________________


10/01/14 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi anni '90 - Alex Baroni
► Album: 1994 – Fuorimetrica (cover, video e testi)


08/01/14 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi anni '80 - Africa Unite
► LP: 1987 – Mjekrari (cover, video e testi)


08/01/14 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi anni '70 - Alberto Camerini
► 45g: 1976 - Pane quotidiano/In giro per le strade (recensione, cover, video e testi)


08/01/14 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi anni '60 - Amedeo Minghi
► 45g: 1972 - Denise/T'amerei (recensione, cover, video e testi)


07/01/14 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi anni '50 - Arturo Testa
► 45g: 1957 - Lettera a Virginia Conte/Canzone al vento


05/01/14 - L'arcobaleno delle canzoni - Le canzoni per le feste
► Le canzoni della Befana (video, testi)


23/12/13 - L'arcobaleno delle canzoni - Le canzoni per le feste
► Le canzoni di natale (video, testi)


24/11/13 - Lo Zecchino d'oro
► 56° Zecchino d'oro (i video di tutte le 5 puntate INTERE)


27/10/13 - L'arcobaleno delle canzoni - Le canzoni maliziose
► Il tucul (video, testo)


27/10/13 - L'arcobaleno delle canzoni - Musicarelli
► Film completo: 1967 Nel sole (scheda, trama, locandine video film)


22/10/13 - Cantare in gruppo - Cori alpini
► Marcia dei coscritti piemontesi/Nonno Amilcare (cenni storici, video, testi)


22/10/13 - Cantare in gruppo - Canti Scout - Cantare intorno al fuoco
► Al chiaror del mattin/Al fuoco del bivacco (video, testi)


21/10/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '50 - Adriano Celentano
► 45 giri: 1960 Personality/Il mondo gira (cover, video, testi)


20/10/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '50 - Altri Cantanti/Gruppi - Katyna Ranieri
► 78giri: 1954 Canzone da due soldi/Sotto l'ombrello (recensione, video, testi)


20/10/13 - Musica leggera - Le canzoni delle nostre meravigliose città - Le canzoni romane - Renato Rascel
► 78giri: 1953 Il piccolo corazziere/Apache (recensione, video, testi)


20/10/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '60 - Altri Cantanti/Gruppi - Romina Power
► 45giri: 1966 Quando gli angeli cambiano le piume/Apri quell'ombrello (recensione, cover, video [Lato A inedito!], testi)


13/10/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '90 - Irene Grandi
► Album: 1996 Irene Grandi (recensione, cover, video, testi)


11/10/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '60 - I Nuovi Angeli
► 45 giri: 1966 Una caverna/L'orizzonte è azzurro anche per te (recensione, cover, video)


03/10/13 - Manifestazioni canore - Festival di Sanremo
► Sanremo 1969 (recensione, le 14 finaliste cover, video e testi)


29/09/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '70 - Altri Artisti/Gruppi - Il rovescio della medaglia
► LP: 1971 La bibbia (recensione, cover, video)


28/09/13 - Musica leggera - Cantanti/Gruppi Anni '80 - Luca Carboni
► 33g: 1984 - ....intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film (recensione, intervista, cover, video)
Aprile 2014
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Calendario Calendario

AFFILIAZIONI - SITI
BLOG e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale

____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________


_____________________


________________________



________________________

Chi è in linea
In totale ci sono 3 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 3 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 42 il Gio Ago 01, 2013 10:32 am



DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.


METEO ITALIA OGGI

Previsioni per Oggi
Partner

creare un forum





Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory


http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


____________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!


migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento

IL CANTO LITURGICO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

IL CANTO LITURGICO

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Ott 15, 2011 12:58 pm



I principi ispiratori del canto cristiano

Introduzione

Nella Liturgia ogni cosa ha la sua importanza e la sua concreta ragione d'essere.

Il canto, assieme ad altri elementi, aiuta la persona ad entrare in un'atmosfera differente, un'atmosfera che, pur essendo in questo mondo, la conduce al di là delle contingenze terrene. Il credente sà che la presenza di Dio non viene mai meno.
Infatti la Sacra Scrittura ricorda a più riprese che Dio è Colui che crea e mantiene in vita: "Mandi il tuo spirito, sono creati, e rinnovi la faccia della terra" (Sl 103, 30); non è dunque Dio che deve farsi conoscere ma è l'uomo che deve saperlo incontrare. Il problema non sussiste dalla parte divina ma da quella umana.
È per questo che la Tradizione della Chiesa insiste sempre sull'attenzione che l'uomo deve porre a se stesso, sulla purificazione del cuore e la lontananza dalle distrazioni; l'apertura della mente ad ogni pensiero vagante rende l'uomo simile al fiore che si esclude dai raggi solari quando china il proprio capo verso terra.
Tutti gli elementi simbolici che compongono la Liturgia ricordano indefinitamente che Dio è vicino all'uomo, e lo esortano a sollevare e a detergere lo sguardo del suo spirito.
Tutto ciò entra profondamente anche nel modo di comporre una canto e di eseguirlo. Quando nella Liturgia si attua un canto che, nella linea melodica e/o nelle parole, apre alle mode e ai gusti secolari i sensi vengono toccati in modo da muovere l'affettività e la fantasia. In tale situazione è possibile creare un cortocircuito: l'uomo non si pone davanti a Dio nella sua nudità ma si circonda di pensieri e di immagini che nascono dalle sue umane sensazioni. I Santi Padri e gli asceti davanti a ciò sono unanimemente categorici: questa è la strada maestra nella quale il credente si allontana da Dio. Con questa impostazione, di fatto, l'uomo si chiude in se stesso, ascoltando il trambusto del suo mondo interiore, e si allontana dal profondo silenzio attraverso il quale Dio parla al cuore umano. Da questo punto di vista la fantasiosa religiosità barocca e la sua estetica spettacolarità liturgica si situano all'antitesi delle prudenti e sagge esortazioni patristiche.

Dio, essendo il "totalmente altro", deve essere celebrato in una liturgia che dispone l'animo lontano dalla confusione della vita quotidiana. Così l'uomo è aiutato a fissare lo sguardo verso "le cose di lassù" (Col 3,1) e non rimane prigioniero del suo egocentrismo, che egli può pure non riconoscere. E' perciò che la liturgia di San Giovanni Crisostomo, prima della presentazione del pane e del vino, esorta i fedeli a deporre "ogni cura di questa vita".

Il canto liturgico orientale, nato e sviluppato con gli elementi culturali di un certo periodo storico, è rimasto sempre vivo perché veicola questa coscienza e questa conoscenza.
Nel primo millennio cristiano Oriente ed Occidente erano molto simili anche sotto quest'aspetto.

Il canto gregoriano ha mantenuto delle caratteristiche simili al canto "bizantino".
Entrambi hanno un'austera bellezza e dispongono convenientemente le persone davanti ai Sacri Misteri. Tuttavia il canto gregoriano è caduto in decadenza già prima del XV secolo; è stato ripreso solo molto più tardi sull'onda della cultura romantica (XIX sec.).
La pratica moderna del canto gregoriano nasce da una teoria sostenuta nel monastero di Solesmes (Francia) della quale non è possibile verificare la fondatezza perché la tradizione musicale gregoriana, tramandata ininterrottamente dai monasteri occidentali, si è spezzata verso la fine del Medioevo.
Una sorte simile è accaduta qualche secolo dopo, al canto tradizionale liturgico russo, con l'importazione e l'imposizione di modelli occidentali ad opera di Pietro il Grande; solo recentemente c'è un tentativo di riprendere l'antica musica modale che affratellava il canto russo a quello romano-orientale.

Il canto "bizantino", a differenza di quello gregoriano e antico-russo, ha una tradizione che si è diffusamente mantenuta fino ai nostri giorni. Come il canto gregoriano, quello "bizantino" è basato su otto toni musicali.
A differenza del canto gregoriano i cui otto toni musicali sono stati adattati alla scala musicale moderna, il canto "bizantino" non può essere riproducibile utilizzando il pentagramma. Ci sono stati dei tentativi di ridurre la musica "bizantina" stringendola nel pentagramma ma, chi ha la giusta attenzione filologica, capisce subito che sono semplificazioni maldestre.
Questo lavoro è quasi paragonabile a chi volesse eseguire per pianoforte un pezzo musicale indiano per sitar.

Fonte: QUI

admin_italiacanora
Admin

Messaggi: 1552
Punti: 3436
Data d'iscrizione: 09.04.10
Età: 62
Località: Toscana

Vedere il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CANTO LITURGICO

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Mar 23, 2013 3:15 pm

I COLORI DELL'ANNO LITURGICO

La differenza dei colori nelle vesti liturgiche ha lo scopo di esprimere, anche con mezzi esterni, la caratteristica particolare dei misteri della fede che vengono celebrati, e il senso della vita cristiana in cammino lungo il corso dell'anno liturgico.

Questo il "cammino" dell'anno liturgico:




Il Calendario Liturgico è scandito da diversi momenti così suddivisi:

  • TEMPO DI AVVENTO – E’ l’insieme di quattro settimane che precedono il Santo Natale. E’ il momento in cui la Chiesa si prepara all’accoglienza del Figlio di dio e della sua opera redentrice. Colore liturgico VIOLA.
  • TEMPO DI NATALE – E’ il tempo in cui la Chiesa fa memoria dell’incarnazione del Figlio dell’Uomo avvenuta nella grotta di Betlemme e ringrazia il Padre e Maria per aver donato all’umanità il suo Salvatore. Colore liturgico BIANCO.
  • TEMPO ORDINARIO – In questo periodo la Chiesa medita, prega e vive gli insegnamenti del Divino Maestro. Dura 34 SETTIMANE divise in due momenti: il primo, incluso tra la chiusura del tempo di Natale e l’inizio della Quaresima; il secondo dalla fine del tempo Pasquale alla chiusura dell’anno liturgico che coincide con la festa di Cristo Re dell’Universo Colore liturgico VERDE.
  • TEMPO DI QUARESIMA – Dura cinque settimane. In tale periodo la Chiesa, in preparazione alla Pasqua del Signore ci invita a intensificare la preghiera, l’ ascolto della sua Parola e le opere di carità. E’ anche il tempo propizio per la purificazione interiore, attraverso un serio cammino di conversione e un più frequente accostamento ai Sacramenti della Riconciliazione e dell’Eucarestia.Colore liturgico VIOLA.
  • TEMPO DI PASQUA – In questo periodo di cinquanta giorni la Chiesa gioisce per l’opera redentrice operata dal Cristo attraverso il suo sacrificio sulla croce, la sua gloriosa risurrezione e l’invio del Santo Paraclito fonte di ogni grazia e santificazione. Colore liturgico BIANCO.

Il colore liturgico ROSSO viene utilizzato per la Pentecoste, feste di Santi martiri, Domenica delle Palme e Venerdì Santo.
In certe occasioni si può utilizzare anche il colore liturgico rosa: Domenica Gaudete eDomenica Laetare.
La terza domenica d’Avvento la Chiesa celebra la DOMENICA GAUDETE. In essa, la Chiesa invita tutti alla gioia per la prossimità della festa della nascita del Signore. Il sacerdote, in questo giorno, può sostituire il colore viola dei suoi paramenti con il colore ROSA, proprio per poterne esprimere la gioia.
La quarta domenica di Quaresima la Chiesa celebra la DOMENICA LAETARE. Questa domenica voleva un tempo essere per i fedeli una breve sosta nel cammino di penitenza che il tempo di Quaresima richiedeva, con la possibilità anche di interrompere il lungo digiuno. Il rosa, utilizzato per l’occasione, quindi, pur rimanendo legato al viola della penitenza, era alleviato dal bianco dell’imminente solennità.
Durante l’anno liturgico la Chiesa riserva anche dei momenti celebrativi in onore della Santa Madre di Dio, corredentrice della Salvezza, e di santi cristiani, martiri e non, come fulgido esempio delle incarnazioni delle virtù evangengeliche.




3 CICLI
Il Lezionario è organizzato secondo un ciclo di letture bibliche su tre anni.
Il ciclo di lettura è identificato dalle letture A – B – C .
Anno A : la maggior parte dei testi evangelici dal vangelo di MATTEO.
Anno B : la maggior parte dei testi evangelici dal vangelo di MARCO.
Anno C : la maggior parte dei testi evangelici dal vangelo di LUCA.

Il vangelo secondo GIOVANNI è sempre letto a PASQUA ed è usato per altri tempi liturgici incluso l'AVVENTO, NATALE, e QUARESIMA, là dove è appropriato.

Fonte: QUI

admin_italiacanora
Admin

Messaggi: 1552
Punti: 3436
Data d'iscrizione: 09.04.10
Età: 62
Località: Toscana

Vedere il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum