Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo








AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale

____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________


_____________________


Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________



________________________


_____________________



________________________

Chi è in linea
In totale ci sono 16 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 16 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 63 il Mar Feb 02, 2016 6:12 am





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr



TEMPO DI FESTA: BIANCO (solennità e feste)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

TEMPO DI FESTA: BIANCO (solennità e feste)

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Ott 15, 2011 10:30 am

Il bianco è utilizzato durante le solennità e feste per rimarcare il mistero di Gesù risorto, regnante e glorioso, a significare anche la fede, la gioia e la purezza.

Il colore viene impiegato:
* Nelle solennità e nelle feste di Nostro Signore Gesù Cristo: Annunciazione, Presentazione di Gesù al Tempio, Sacra Famiglia, Epifania, Battesimo, Ascensione, Trasfigurazione, Corpus Domini, Santissima Trinità, Cristo Re.
* Nelle solennità e feste della Beata Vergine Maria: Assunzione, Immacolata Concezione.
* Nelle solennità, feste e memorie dei Santi non martiri, in particolare per la celebrazione di Ognissanti, di San Giovanni Battista (24 giugno), di San Giovanni Evangelista (27 dicembre), della Cattedra di San Pietro (22 febbraio) e della Conversione di San Paolo (25 gennaio).
* Nella Pasqua e nel suo tempo.
* Nel Natale e nel suo tempo.
* Nella celebrazione dei Sacramenti: Battesimo, Matrimonio, Ordine Sacro, Unzione degli infermi.
* Nella festa dei Santi Angeli.

Talvolta si utilizza anche per i funerali dei bambini, in segno della loro purezza.

Tempo di Natale
Tempo: inizia con i primi vespri di Natale il 24 dicembre sera e termina con la festa del Battesimo del Signore la domenica successiva alla festa dell'Epifania.
Atteggiamenti: la gioia per la nascita del Dio-con-noi, ma anche l'adorazione, l'accoglienza, la disponibilità a donare la vita per lui (v. i martiri).
Personaggi: Gesù, il Messa annunciato, i suoi genitori, Maria e Giuseppe, i pastori, i sapienti dell'oriente, il re Erode e sul finale Giovanni Battista. Nell'ottava fanno corona a Cristo il protomartire Stefano, Giovanni evangelista, i santi martiri Innocenti
Colore liturgico:b ianco.
Segni: il canto del gloria, la luce ("Cristo luce"), l'apparato floreale festoso, lo scambio degli auguri e la condivisione di doni con i fratelli…

La festa del Natale risale forse all'anno 354 così come ci è documentata nel calendario Filocaliano.
La data è in qualche modo anche connessa con i nove mesi che la separano dal concepimento di Gesù, 25 marzo Annunciazione a Maria. Le celebrazioni del Natale vanno dalla Messa della vigilia (24 sera), "Messa del gallo" a mezzanotte, alla Messa dell'aurora e a quella del giorno. La festa vuol celebrare la presenza viva di Gesù Cristo, nel mistero, in mezzo agli uomini: il Dio-con-noi, ora risorto e glorioso, è sempre presente accanto al suo popolo, la Chiesa, ed effonde su di esso la sua grazia, egli ci rigenera come figli di Dio fino a farci condividere la vita di Dio.
La parola Epifania (6 gennaio) significa manifestazione, nel senso di qualcosa che si rivela, che "appare" o si manifesta pubblicamente, qualcosa di nascosto che viene fatto conoscere e diventa palese. La festa inizialmente celebrata in oriente aveva lo stesso significato del Natale, venuta o apparizione nel mondo, incarnazione e nascita…
Ma ben presto si è unito anche il ricordo del battesimo di Gesù. Nella festa dell'Epifania non si celebra tanto un preciso avvenimento riguardante Gesù Cristo, quanto piuttosto la sua "manifestazione/rivelazione" al mondo: un tema che si riscontra presente ed emergente dai diversi episodi riferiti dai Vangeli, in particolare l'adorazione dei Magi (prima rivelazione di Cristo Salvatore ai pagani), il battesimo di Gesù (la sua vera identità, proclamata dalla "voce" che viene dal cielo in quell'occasione: "Tu sei il Figlio mio prediletto"), il primo miracolo di Gesù (cf Gv 2,11: "Gesù diede inizio ai suoi miracoli in Cana di Galilea, manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui").
Attualmente, nella liturgia romana, la memoria del Battesimo di Gesù viene celebrata ogni anno la domenica seguente all'Epifania; l'episodio evangelico delle nozze di Cana, invece, compare nel lezionario festivo solo ogni tre anni (precisamente la seconda domenica del tempo ordinario dell'anno "C"); mentre la festa dell'Epifania è tutta incentrata sull'episodio dei Magi, narrato nel c. 2 del Vangelo di Matteo (una traccia del riferimento di questa festa al Battesimo di Gesù e al miracolo di Cana è rimasta nell'inno e nell'antifona al Magnificat di questo giorno).
La festa del Battesimo di Gesù è la celebrazione che chiude il tempo di Natale, se si esclude l'appendice, la celebrazione della Presentazione al Tempio del Signore il 2 febbraio. Con il Battesimo Gesù da inizio alla sua attività messianica.
Come Pasqua ha la sua ottava, così la festa del Natale. Nell'ottava trova posto il ricordo di coloro che diedero la vita per Cristo, gli Innocenti e santo Stefano, di colui che fu più vicino durante la sua vita al Signore e accolse Maria nella sua casa, Giovanni, l'evangelista; e ancora la festa della Sacra Famiglia (il 30 dicembre o la domenica che cade nell'ottava) e soprattutto la più antica festa di Maria, la festa della Madre di Dio che coincide con il capodanno e, più recentemente, con la giornata della pace.


Tempo di Pasqua
Tempo: dalla celebrazione della Risurrezione di Gesù nella Veglia di Pasqua fino alla domenica di Pentecoste, che celebra il dono dello Spirito Santo agli Apostoli e alla Chiesa: 50 giorni.
Atteggiamenti: gioia ed esultanza, accoglienza e disponibilità a lasciarsi trasformare dallo Spirito Santo e a seguire il Cristo ormai risorto e salito al Padre per essere presenza d'amore per i suoi, per noi.
Personaggi: Cristo attorniato dalle donne e dai discepoli ai quali si rivela risorto; lo Spirito Santo.
Colore liturgico: bianco.
Segni: riprende solenne il canto del Gloria e dell'Alleluia, la chiesa è ornata di fiori, splende il cero pasquale, c'è l'acqua per i battesimi…

È stato scritto: "Lasciate la notte del pianto, / venite, correte alla soglia: / è Dio che vuole la festa / insieme godremo nel canto. // Un grande mattino di luce / ha aperto i nostri sepolcri. / Uscite di lì: farà bello. / È tempo di un vivere nuovo".
Questo tempo può essere definito: "Una stagione per vivere". All'alba del primo giorno lasciamoci prendere dal desiderio di bramare la vita, senza pudore e senza vergogna amiamo la nostra vita. Questo breve mattino è la stagione di Dio.
La festa di Pasqua è il mistero culminante di tutto l'anno: tutto l'Anno Liturgico trova qui la sua prima origine e la sua forza di essere.
È un tempo d'intensa gioia e di grande condivisione di vita con Cristo e di pace: Dio è gioia eterna per l'uomo. Lui, il risorto, ci attrae tutti a sé, ci chiama a condividere la sua vita. I verbi caratteristici di questo tempo sono: "contemplare" il risorto, "attingere" e "rimanere" in Cristo.
Due sono gli elementi importanti per vivere questa esperienza di gioia e di festa con Cristo. Primo l'ottava. Per l'importanza che ha il giorno di Pasqua, esso è seguito, quasi prolungato eternamente, da sette giorni di festa che sono un solo giorno con la Pasqua.
Grazie alla riflessione successiva e alla nozione della perfezione e della pienezza è stato aggiunto un giorno, l'ottavo. Cristo è la pienezza della settimana della creazione, è colui che ricapitola in sé tutta la storia della salvezza e che la compie definitivamente.
La Pasqua è così seguita da una ottava in cui i cristiani battezzati nella Veglia pasquale seguono le istruzioni mistagogiche di approfondimento della fede e della morale; nell'ottavo giorno essi deponevano la veste bianca ricevuta nel battesimo. Da questo fatto la seconda domenica di Pasqua prese il nome di "Domenica in albis". Il Tempo di Pasqua dura 50 giorni, numero simbolico per gustare tutta la pienezza del tempo (7 x 7+1= pienezza totale, perfezione massima) e della gioia. Numero che fa riferimento alla festa delle Capanne che il popolo eletto celebrava sette settimane dopo la Pasqua. In questo periodo trovano posto le feste che sono una unità inscindibile con la Risurrezione, e cioè la festa dell'Ascensione e della Pentecoste.
Le tematiche a contrasto che la liturgia fa proprie in questi giorni e che ritornano in continuazione nella parola di Dio e nella liturgia sono: tenebre - luce, morire - risorgere, seme - pianta, tomba luogo di morte - mensa luogo di vita…
Fonte: QUI


E' anche possibile ascoltare alcuni brani (e leggere i testi) dei CANTI NATALIZI (TEMPO DI FESTA: BIANCO - solennità e feste) nelle SEZIONI:

----- >> LE CANZONI DI NATALE

----- >> LE CANZONI PER NATALE


Ultima modifica di admin_italiacanora il Mar Nov 06, 2012 12:59 pm, modificato 1 volta
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1799
Punti : 3905
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 65
Località : Toscana

Vedere il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: TEMPO DI FESTA: BIANCO (solennità e feste)

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Mar 30, 2013 12:05 pm



IL SILENZIO DEL SABATO SANTO

Il Sabato Santo, incastonato tra il dolore della Croce e la gioia della Pasqua, si colloca al centro della nostra fede. È un giorno denso di sofferenza, di attesa e di speranza; segnato da un profondo silenzio.
I discepoli hanno ancora nel cuore le immagini dolorose della morte di Gesù che segna la fine dei loro sogni messianici. In quel giorno sperimentano il silenzio di Dio, la pesantezza della sua apparente sconfitta, la disperazione dovuta all’assenza del Maestro prigioniero della morte.
C’è stato, a partire dalla cena pasquale, un succedersi vorticoso di fatti imprevedibili, che li ha sorpresi e ammutoliti. Le anticipazioni sulla sua passione più volte fatte da Gesù, i segni rassicuranti e miracolosi che le avevano sostenute, l’amore mostrato nell’Ultima Cena... tutto, in questo giorno, sembra svanito.
I discepoli hanno l’impressione che Dio sia divenuto muto e che non suggerisca più linee interpretative della storia.
A ciò si aggiunge la vergogna d’essere fuggiti e d’aver rinnegato il Signore: si sentono traditori, incapaci di far fronte al presente e senza prospettiva di futuro, non vedono come uscire da una situazione di crollo delle illusioni, mancando ancora quei segni che incominceranno a scuoterli a partire dal mattino della Domenica con il racconto del sepolcro vuoto e le apparizioni del Risorto.
Fonte: QUI


DEL TUO SPIRITO SIGNORE E' PIENA LA TERRA

^^PROTEGGIMI O DIO



^^

Spoiler:
Del tuo Spirito Signore
è piena la terra, è piena la terra (x2)

Benedici il Signore anima mia, Signore Dio Tu sei grande.
Sono immense e splendenti tutte le tue opere e tutte le creature.

Se Tu togli il tuo soffio muore ogni cosa e si dissolve nella terra
Il tuo Spirito scende, tutto si ricrea e tutto si rinnova.

La tua gloria Signore resti per sempre, gioisci Dio del creato.
Questo semplice canto salga a Te Signore, sei Tu la nostra gioia.
^^
Spoiler:
Ho detto al Signore "Tu sei il mio Dio"
Sei Tu il mio bene, altro non ho
Nella Tua strada io camminerò
Tu sorgi Signore, salvami

Il Signore è mia parte, mia eredità
Nelle Tue mani la mia vita
Scruta il mio cuore io non temerò
Tu sorgi Signore, salvami

Proteggimi o Dio, in Te mi rifugio
Nella Tua casa vivrò
Proteggimi o Dio, in Te mi rifugio
Nella Tua casa vivrò

Ooh, ooh....

Proteggimi o Dio, in Te mi rifugio
Nella Tua casa vivrò
Proteggimi o Dio, in te mi rifugio
Nella Tua casa abiterò

Proteggimi o Dio, in Te mi rifugio
Nella Tua casa vivrò
Proteggimi o Dio, in te mi rifugio
Nella Tua casa abiterò

avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1799
Punti : 3905
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 65
Località : Toscana

Vedere il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum