Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è in linea
In totale ci sono 30 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 29 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

mauro piffero

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 321 il Dom Gen 14, 2018 7:53 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 70
 :: BANCO DEL MUTUO SOCCORSO

Andare in basso

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  admin_italiacanora il Mer Ago 24, 2011 10:32 pm


Di seguito viene riportata la discografia completa di BANCO DEL MUTUO SOCCORSO

INDICE



Singoli

* 1973 - Non mi rompete/La città sottile
* 1979 - Canto di primavera/Circobanda
* 1979 - Niente/Sono la bestia
* 1980 - Il ragno/Capolinea
* 1980 - Paolo Pà / Ma che idea
* 1980 - Dove sarà / Ma che idea
* 1980 - Il ragno / Rip
* 1981 - Baciami Alfredo / Buone notizie
* 1983 - Moby Dick / Velocità
* 1983 - Lontano da
* 1985 - Grande Joe / Allons enfant
* 1989 - Padre Francesco/Vedo il telefono/La mia libertà (EP)
* 1985 - Grande Joe
* 1994 - Brivido
* 1997 - Nudo
* 1997 - Ragno


Album

* 1972 - Banco del Mutuo Soccorso
* 1972 - Darwin!
* 1973 - Io sono nato libero
* 1975 - Banco
* 1976 - Come in un'ultima cena
* 1976 - Garofano Rosso
* 1978 - ... di terra
* 1979 - Canto di primavera
* 1980 - Urgentissimo
* 1981 - Buone notizie
* 1983 - Banco
* 1985 - ... e via
* 1989 - Donna Plautilla (registrazioni del 1969)
* 1989 - Non mettere le dita nel naso (pubblicato con la denominazione Il Banco presenta Francesco Di Giacomo)
* 1991 - Da qui messere si domina la valle (nuova incisione dei primi due album)
* 1994 - Il 13
* 1997 - Nudo


Live

* 1979 - Capolinea (Dischi Ricordi, SMRL 6260)
* 2003 - No palco
* 2005 - ... Seguendo le tracce (Ma.Ra. Cash records)


Antologie

* 1975 - Banco - ("Banco IV" - Compilation in Inglese con un inedito "L'albero del pane" in italiano) (Manticore, MAL 2013)
* 1993 - La storia
* 1993 - I grandi successi
* 1996 - Le origini (1996)
* 1996 - Antologia
* 1998 - Gli anni '70
* 2004 - Made in Italy
* 2005 - Miti Musica


Video

* 1992 - Ciò che si vede è (VHS)
* 2004 - Ciò che si vede è (DVD)
* 2007 - Banco Live 1980 (DVD)

Fonte: QUI


Ultima modifica di admin_italiacanora il Gio Mag 23, 2013 7:39 pm, modificato 1 volta
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2027
Punti : 4271
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO: 1972 - BANCO DEL MUTUO SOCCORSO (33 giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Gio Gen 03, 2013 2:40 pm

1. TITOLO
 
1972 - BANCO DEL MUTUO SOCCORSO
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6094 # Supporto: LP * Tipo audio: Mono * Dimensioni: 17,5 cm. * Facciate: 2 # Tracce: 6 # Durata 41 min : 40 s # Genere: Rock progressivo # Registrazione: Studi della Ricordi S.P.A. # Produttore: Sandro Colombini

Note: Edizioni Musicali = Universal Music Publishing / Franton Music - SIAE

Formazione
  • Vittorio Nocenzi - organo, clarino, voce
  • Gianni Nocenzi - pianoforte, clarinetto piccolo mib, voce
  • Marcello Todaro - chitarra elettrica, chitarra acustica, voce
  • Renato D'Angelo - basso elettrico
  • Pierluigi Calderoni - batteria
  • Francesco Di Giacomo - voce
Collaboratori
  • Walter Patergnani - tecnico del suono
  • Sandro Colombini e Walter Patergnani - mix

2. NOTE

I primi album sono usciti nell'edizione originale con un'etichetta personalizzata con lo stesso salvadanaio riprodotto sulla copertina del primo LP.
L'album d'esordio, Banco del Mutuo Soccorso, venne originariamente stampato in edizione limitata con una copertina apribile di grosse dimensioni a forma di salvadanaio, che aveva sulla parte anteriore una linguetta estraibile con foto in bianco e nero dei componenti del gruppo. Questo è di gran lunga il disco più raro della produzione del Banco, difficilissimo da trovare in ottime condizioni perché, a causa delle grandi dimensioni, i lati venivano normalmente piegati o rotti con l'uso.
Una seconda stampa successiva, pubblicata poco più tardi, ha lo stesso numero di catalogo ed etichetta ma con una copertina apribile di formato normale.
Il vinile originale porta impressa la data 22/4/72 su entrambe le facciate, ma esistono dischi con la data 3/5/72 che hanno la stessa etichetta ma solchi di divisione dei brani meno marcati e, a detta di qualcuno, una qualità sonora peggiore. Questa seconda stampa si trova di solito con la copertina apribile standard non sagomata. Risultano anche esistenti vinili con data di aprile sul lato A e di maggio sul lato B, evidentemente stampati nel periodo di transizione tra la prima e la seconda matrice.
 
Fonte: QUI
 
 
3. RECENSIONE:

Nonostante nel 1972 la musica progressive si trovasse ancora in una sorta di stato embrionale, un gruppo di ragazzi provenienti dalla provincia romana si dimostrava nettamente in anticipo sui tempi, dando alle stampe un disco destinato a divenire leggendario per qualità e creatività, nonché uno dei capisaldi dell’intero genere, venerato dagli appassionati del settore anche e soprattutto come vero e proprio oggetto di culto da un punto di vista squisitamente collezionistico.

L’avventura “ufficiale” del Banco del Mutuo Soccorso iniziava con la pubblicazione di questo LP dal titolo omonimo, divenuto celebre nel corso degli anni per la caratteristica cover sagomata a forma di Salvadanaio (con linguetta con foto e nomi dei musicisti “estraibile” dal foro centrale), dicitura con la quale il disco viene comunemente denominato. L’incontro tra i fratelli Gianni e Vittorio Nocenzi, giovani e dotati tastieristi, con il cantante Francesco “Big” Di Giacomo, si rivelerà di lì a poco all’ascolto del pubblico come uno degli esempi più scintillanti e riusciti d’intesa tra la vena compositiva dei Nocenzi stessi e le straordinarie qualità interpretative del cantante.
Formatasi sul finire degli anni ’60, il Banco del Mutuo Soccorso inizia la propria carriera in sordina, districandosi tra i refusi beat e le nascenti influenze pop con composizioni non certo memorabili che vedranno la luce soltanto vent’anni più tardi grazie alla rivista Raro!, la quale si preoccuperà di pubblicare i pezzi del periodo nei dischi Banco del Mutuo Soccorso (1989) e Donna Plautilla (1990); oltre ai Nocenzi, la band è composta dai fratelli Fabrizio e Claudio Falco (basso e chitarra) e da Franco Pontecorvi alla batteria. Tuttavia, la formazione cambia rapidamente. L’incontro precedentemente descritto con Di Giacomo porta a breve alle dipendenze del Banco il bassista Renato D’Angelo ed il batterista Pierluigi Calderoni (che a sua volta rimpiazzerà Mario Achilli, per qualche mese drummer ufficiale del gruppo), entrambi provenienti (come Di Giacomo) dal gruppo beat le Esperienze, ai quali si unisce il chitarrista Marcello Todaro (ex Fiori di Campo), formando l’ensemble definitivo che in pochi mesi produrrà un capolavoro come il Salvadanaio, raggiungendo con l’opera d’esordio uno dei migliori risultati mai conseguiti all’interno della galassia rappresentata dal rock-progressivo italiano.

L’iniziale In Volo apre il disco, con citazione dell’Ariosto cantata con delicatezza prima da V. Nocenzi e quindi da Di Giacomo, preludendo alla vibrante R.I.P. (Requiescant in Pace), eccellente affresco antimilitarista che evidenzia le splendide trame intessute dalle tastiere puntellate dai sagaci interventi rockeggianti della chitarra di Todaro, il tutto esaltato dalla caratteristica voce quasi baritonale del vocalist che, nonostante i suoi venticinque anni, si dimostra già padrone della scena ed in grado di cogliere le complicate sfumature sonore che il gruppo esibisce senza pause, eccezion fatta per la breve Passaggio che introduce altresì la possente Metamorfosi, pezzo dal cantato appena accennato sul finale con le tastiere nuovamente sugli scudi integrate dalle sonorità analogiche dell’organo a disegnare magistralmente il brano che chiude la prima facciata dell’LP.

La seconda parte del lavoro si apre con la monumentale suite Il Giardino del Mago, straordinario pezzo strutturato in quattro movimenti che supera i 18 minuti e si avvita attorno ai riff di Todaro legati ai tappeti delle tastiere che permettono a Di Giacomo di sfruttare appieno le proprie qualità vocali, con passaggi suadenti e un cantato imponente come la propria mole ostenta, enfatizzando meravigliosamente gli splendidi testi di ambientazione fantastica dai toni esistenzialisti, declamati con una punta di sicumera che a tratti sfiora la commozione. Chiude il disco la strumentale Traccia, gioiello che cesella degnamente un’opera memorabile, brano votato addirittura in un recente sondaggio tra gli appassionati come “miglior pezzo progressive di sempre”, a testimonianza della perfetta simbiosi presente tra gli elementi della band, capace di far breccia nel cuore di pubblico e critica anche nei brani dove la voce di Di Giacomo è assente.

Difficile aggiungere qualcosa a quanto detto e scritto nei decenni successivi riguardo il Salvadanaio.
Il vigore con il quale la band (seppur mutata in gran parte dei propri elementi) ripropone ancora oggi sul palco classici di questo disco come R.I.P., Metamorfosi o la stessa Traccia la dice lunga sulla qualità inossidabile di questo splendido LP, mentre le alte cifre raggiunte dalla stampa originale del disco dimostrano l’interesse sempre crescente dei collezionisti italiani e non solo verso l’esordio del Banco. Tra le numerose ristampe succedutesi negli anni spicca invece una costosa (e lussuosa) edizione in CD racchiusa in copertina mini LP di stampa giapponese, oltre alla recente pubblicazione del cofanetto 40 (Sony) pubblicato sia in versione doppio CD con book e foto inedite che in versione doppio vinile: da notare che, in entrambi i casi, il secondo disco include tre inediti relativi al primissimo periodo del Banco come Polifonia, Tentazione e Padre Nostro ai quali vanno aggiunti i live di R.I.P., Metamorfosi e Traccia registrati durante l’esibizione alla Stazione Birra di Roma per il quarantennale della band, a testimonianza di quanto grande sia ancora l’affetto dei fans nei confronti del gruppo di Marino: ancora, dopo quarant’anni, “Da qui, Messere, si domina la valle”.
 
Fonte: QUI
 
 
4. COVER di BANCO DEL MUTUO SOCCORSO:

La copertina dell'edizione originale in vinile era sagomata a salvadanaio; dalla feritoia si estraeva una striscia di cartoncino con i volti dei membri del gruppo. L'immagine sulla copertina è dell'illustratore Mimmo Mellino.
_
Banco del Mutuo Soccorso - LP originale            Dettaglio linguetta estraibile    



Banco del Mutuo Soccorso - interno copertina

   
 
 
5. TRACK LIST di BANCO DEL MUTUO SOCCORSO:

Lato A (vinile)
  • 1. In volo - (2.13)
  • 2. R.I.P. (Requiescant in pace) - (6.40)
  • 3. Passaggio - (1.19)
  • 4. Metamorfosi - (10.53)

Lato B (vinile)
  • 1. Il giardino del mago - (18.26)
  • ...passo dopo passo...
  • ...chi ride e chi geme...
  • ...coi capelli sciolti al vento...
  • ...compenetrazione...
  • 2. Traccia - (2.10)

Nr.01 - IN VOLO - Lato A




- Testo: IN VOLO

Lascia lente le briglie del tuo ippogrifo, o Astolfo,
e sfrena il tuo volo dove più ferve l'opera dell'uomo.
Però non ingannarmi con false immagini
ma lascia che io veda la verità

e possa poi toccare il giusto.


Da qui, messere, si domina la valle

ciò che si vede, è.
Ma se l'imago è scarna al vostro occhio

scendiamo a rimirarla da più in basso
e planeremo in un galoppo alato

entro il cratere ove gorgoglia il tempo.

Fonte: QUI


Nr.02 - R.I.P. (Requiescant in pace) - Lato A -musica: V. Nocenzi / testo: F. Di Giacomo, V. Nocenzi



- Testo: R.I.P. (Requiescant in pace)

Cavalli corpi e lance rotte
si tingono di rosso,
lamenti di persone che muoiono da sole
senza un Cristo che sia là.

Pupille enormi volte al sole
la polvere e la sete
l'affanno della morte lo senti sempre addosso
anche se non saprai perchè.

Requiescant in pace. Requiescant in pace. Requiescant in pace. Requiescant in pace.

Su cumuli di carni morte
hai eretto la tua gloria
ma il sangue che hai versato su te è ricaduto
la tua guerra è finita
vecchio soldato.

Ora si è seduto il vento
il tuo sguardo è rimasto appeso al cielo
sugli occhi c'è il sole

nel petto ti resta un pugnale
e tu no, non scaglierai mai più

la tua lancia per ferire l'orizzonte
per spingerti al di là

per scoprire ciò che solo Iddio sa
ma di te resterà soltanto

il dolore, il pianto che tu hai regalato
per spingerti al di là
per scoprire ciò che solo Iddio sa.

Per spingerti al di là,
per scoprire ciò che solo Iddio sa...


Nr.03 - PASSAGGIO



- (Instrumental)


Nr.04 - METAMORFOSI - Lato A - Musica: V. Nocenzi / testo: F. Di Giacomo, V. Nocenzi



- Testo: METAMORFOSI

Uomo

non so

se io somiglio a te

non lo so
sento che però non vorrei

segnare i giorni miei coi tuoi

no no

Fonte: QUI


Nr.01 - IL GIARDINO DEL MAGO - Lato B - Musica: V. Nocenzi / testo: F. Di Giacomo, V. Nocenzi

... Passo Dopo Passo ... / ... Chi Ride E Chi Geme... / ... Coi Capelli Sciolti Al Vento... / Compenetrazione

Composers: Francesco Di Giacomo; Vittorio Nocenzi; Gianni Nocenzi; Marcello Todaro; Renato D'Angelo; Pier Luigi Calderoni



- Testo: IL GIARDINO DEL MAGO

Da bambino ci montavo su
al cavallo con la testa in giù
galoppavo senza far rumore
gli zoccoli di legno che volavano sui fiori
non sciupavano i colori.
Stan cantando al mio funerale
chi mi piange forse non lo sa
che per anni ho cercato me
e passo dopo passo con le spine ormai nei piedi
tanto stanco stanco.

Io sono arrivato nel giardino del mago
dove dietro ogni ramo crocifissi ci sono
gli ideali dell'uomo.
Grandi idee invecchiate nel giardino del mago
io sto appeso ad un ramo dentro un quadro che balla
sotto un chiodo nell'aria
sono la che ho bisogno di carezze umane più di te.

E il tempo va il tempo va passa
e il tempo va il tempo va passa e va
E tu che fai e tu che fai e tu
e tu che fai e tu che fai che fai ?

Sono finito ormai quaggiù
ma vieni via ma vieni via vieni via !
Non posso tornare resterò
se resterai se resterai che farai ?

Ogni creatura del giardino del mago
vive tutto il suo tempo dentro in un albero cavo
C'è chi ride chi geme
chi cavalca farfalle
chi conosce il futuro
chi comanda alle stelle come un re

comanda le stelle, comanda le stelle,
comanda le stelle, comanda le stelle,
ma chi è che comanda da sé...

Com'è strano oggi il sole
non si fa scuro chissà perché
forse la sera non verrà
a uccidermi ancora
ha avuto pietà solo ora
Per pietà della mia mente che se ne va
il giorno aspetterà
per me si fermerà un po' di più
vedo già foglie di vetro
alberi e gnomi corrersi dietro
torte di fiori e intorno a me
leggeri cigni danzano
a che serve poi la realtà.

Coi capelli sciolti al vento
io dirigo il tempo
il mio tempo
là negli spazi dove morte non ha domini
dove l'amore varca i confini
e il servo balla con il re
corona senza vanità
eterna è la strada che va.

Fonte: QUI


Nr.02 - TRACCIA - Lato B



(Instrumental)
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2027
Punti : 4271
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 70
 :: BANCO DEL MUTUO SOCCORSO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum