Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 23 utenti in linea: 2 Registrati, 0 Nascosti e 21 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

admin_italiacanora, mauro piffero

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 422 il Gio Giu 14, 2018 9:48 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

MINA - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: MINA

Pagina 4 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Andare in basso

MINA: 1963 - STESSA SPIAGGIA STESSO MARE (L.P. 33)

Messaggio  mauro piffero il Ven Dic 01, 2017 2:25 pm

1. TITOLO:
 
1963: STESSA SPIAGGIA STESSO MARE
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: LPMH 186 # Data pubblicazione: 1 Ottobre 1963 # Matrici: LPMH-186-A/LPMH-186-B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: L. P. distribuito da: ITALDISC - Milano / C.D. da: PolyGram
 
 
2. RECENSIONE:
 
Stessa spiaggia, stesso mare è il sesto album della cantante italiana Mina, pubblicato su LP dall'etichetta Italdisc nel 1963.

Il disco:
Quattro brani inediti per quest'album che rimane in gran parte una compilation di pezzi già usciti su 45 giri.
Nel 1998 la casa discografica Raro! Records lo pubblica su CD (catalogo 528 623-2) per la prima volta.
Tutte le canzoni, eccetto Eravamo in tre, sono presenti rimasterizzate nell'antologia in 3 CD Ritratto: I singoli Vol. 2 del 2010 per l'etichetta Carosello Records.

Il maestro Tony De Vita e la sua orchestra accompagnano Mina in tutti i pezzi.

I brani:
Molte canzoni del disco sono state interpretate e incise da Mina anche in più lingue, per i dettagli si rimanda alla pagina del singolo in cui il brano è contenuto.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brani musicali di Mina.
Chega de saudade e Stranger Boy mantengono il titolo in lingua originale, ma hanno il testo in italiano. Invece di Qué no, qué no! esiste solo la versione in spagnolo.

Inediti:
  • A volte / Non piangerò
    Saranno pubblicate solo nel 1964 e come lati dello stesso 45 giri. Si tratta delle versioni in italiano, con il testo di Leo Chiosso, di due brani in inglese, rispettivamente Pretend That I'm Her e Just Let Me Cry, di cui Mina aveva inciso le cover in lingua originale per un singolo precedente (1963).
  • Eravamo in tre
    Mai pubblicata su 45 giri, compare solo in quest'album.
  • Chega de saudade
    Mai pubblicata su singolo, è una cover, con il testo in italiano di Giorgio Calabrese, della canzone originale in portoghese di Vinícius de Moraes con la musica di Antônio Carlos Jobim, che ha dato inizio al genere della bossa nova brasiliana.
    Mina non ha mai cantato in lingua originale questo brano, le cui prime versioni sono state quella di Elizete Cardoso in Canção do amor demais del 1958 e quella di João Gilberto in Chega de saudade del 1959.
 
Fonte: QUI
 
 
3 COVER di: STESSA SPIAGGIA STESSO MARE
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: STESSA SPIAGGIA STESSO MARE
 
 
 


 
 
Lato B 4:
CHEGA DE SAUDADE

 
      Lato B 6:
ERAVAMO IN TRE

 
     

Autori: Jobim, Calabrese, Moraes
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
Va da lui, tristezza,
e tieni a mente che
vorrei soltanto da te
che mi comprendesse e decidesse
di ritornare qui da me.
Stare separati
ha dimostrato
che da soli non c'è pace
né bellezza ma
tristezza, malinconia
che non passano,
non terminano mai.
Va da lui, tristezza,
sospirando che sei stata
sempre con me.
Che monotonia
la compagnia che ci siam fatte io e te.
Stare separati m'è bastato
ed è tempo di riprendere una vita
che decisamente non sia
una lunga fila di inutilità.
Che monotonia
la compagnia che ci siam fatte io e te.
Stare separati m'è bastato
ed è tempo di riprendere una vita
che decisamente non sia
una lunga fila di inutilità
Fonte: QUI
     
Autori: Capotorto, Farinatti
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
Eravamo in tre, in tre
e il mondo era bellissimo
per me, per te, per lui
che aveva gli occhi chiari
come noi e come noi

credeva nelle favole.
Ma un giorno all'improvviso
se ne andò lontano, quando vide che
cercavo solo gli occhi tuoi
e amavo te, proprio te.
Eravamo in tre, in tre
ed ora che ci amiamo
lui non c'è, non c'è,
un limpido mattino
se ne andò con lui
portando via con sé
la nostra gioventù.

Eravamo in tre
ed ora che ci amiamo
lui non c'è, non c'è
un limpido mattino
se ne andò con lui
portando via con sé
la nostra gioventù
 
Fonte: QUI

 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:24 am, modificato 7 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - A VOLTE/NON PIANGERO' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Dic 01, 2017 3:24 pm

1. TITOLO:
 
1964 - A VOLTE/NON PIANGERO'
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: MH 148 # Data pubblicazione: 12 Febbraio 1964 # Matrici: MH 148-A/MH 148-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Roxy Bob è lo pseudonimo di Leo Chiosso / Distribuito da Italdisc - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
A volte/Non piangerò è il 59° singolo di Mina, pubblicato nel febbraio 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Italdisc.

La storia:
Alla fine del 1962 Mina si reca negli USA dove incide il 45 giri

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Just Let Me Cry/Pretend That I'm Her.
In quella sessione vengono anche registrati gli stessi due brani con il testo in italiano di Leo Chiosso (che per l'occasione si firma Roxy Bob), mantenendo l'arrangiamento originale.

La casa discografica Italdisc distribuisce in Italia quasi subito (febbraio del 1963) il singolo con le canzoni in inglese e più tardi inserisce i due brani, questa volta in italiano, nell'LP Stessa spiaggia, stesso mare (1963). Solo un anno dopo e quando Mina sarà ormai passata alla Ri-Fi, pubblicherà questo 45 giri con i pezzi in italiano, invertendo però il brani sui lati del disco rispetto al singolo del 1962.

Il disco:
In discografia è il primo singolo pubblicato dall'artista nel 1964 (ma contiene brani incisi nel 1962).

Le due canzoni fanno parte dell'album Stessa spiaggia, stesso mare dell'anno precedente, della raccolta Mina Gold del 1998 e, come bonus tracks, dell'antologia Ritratto: I singoli Vol. 2 del 2010, che raccoglie tutti i singoli dell'artista fino al 1964.

Il disco ha due copertine diverse 1 2, ma con lo stesso numero di catalogo.

Mina ha cantato e inciso Non piangerò (versione italiana presente anche in Mina Nº 7 del 1964), non solo nella lingua originale inglese (vedi Just Let Me Cry), ma anche in spagnolo Déjadme llorar e francese Pleurer pour toi.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
A VOLTE (Pretend that i'm her)

 
      Lato B:
NON PIANGERO' (Just let me cry)

 
     

Autori: Norman Blagman, Sam Bobrick, Roxy Bob
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
A volte, lo so, cerchi me
con il nome che un dì davi a lei
ma poi se mi sfiori le labbra
comprendo che tu ami me.

A volte se vuoi ricordare
una musica così può bastare
ma so che tu l'hai amata
e con me la scorderai.

Però i giorni passano
guarire tu potrai
e se saprò attenderti
soltanto a me tu penserai.

Ma perché se tu sei qui con me
non mi importa se lei sognerai?
Perché col sole dell'alba
io lo so
che a me tornerai
 
Fonte: QUI
     
Autori: Mark Barkan, Ben Raleigh, Roxy Bob
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
Dagli occhi miei
capire non potrai
che soffrirò se tu mi lascerai,
se piangerò
non lo vedrai.
Il volo di un gabbiano solcherà
un grigio cielo di infelicità,
se piangerò
non lo saprai.
Se tutti i fiori io vedrò morire
se il sole io dovrò dimenticare
e se i tuoi baci mi dovrò scordare
inutilmente tu mi guarderai,
se piangerò
non lo saprai.

Se piangerò
non lo saprai
non lo saprai
non lo saprai
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:25 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - VENTI SUCCESSI DI MINA (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Gen 11, 2018 6:02 pm

1. TITOLO:
 
1964: VENTI SUCCESSI DI MINA
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: AS 11 # Data pubblicazione: AnnO 1964 # Matrici: AS 11-A/AS 11-B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 11 Aprile / Distribuito da: ITALDISC - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
20 successi di Mina è una raccolta di Mina, pubblicata dall'etichetta discografica Italdisc su LP (catalogo AS 11) nel 1964.

Storia:
A fine 1963 la cantante cambia casa discografica abbandonando l'Italdisc per approdare alla Ri-Fi[4] e già a dicembre pubblica con la nuova etichetta un singolo (in realtà un "disco tris") di inediti, che l'anno seguente avrà un successo senza precedenti.

In risposta Italdisc fa causa all'artista, accusandola di essere passata ad altra etichetta senza aver rescisso prima il vecchio contratto. In attesa del giudizio, che sarà sfavorevole a Mina, e intendendo sfruttare commercialmente il più possibile i brani disponibili in catalogo, a febbraio 1964 Italdisc pubblica il singolo A volte/Non piangerò, che contiene due brani registrati dalla cantante negli Stati Uniti alla fine del 1962 e utilizzati solo per l'album Stessa spiaggia, stesso mare.

A seguire viene pubblicata questa la raccolta, quindi (a giugno) il singolo con due inediti Rapsodie (Rhapsodie)/Amore di tabacco, infine a ottobre sia una seconda raccolta Mina Nº 7, che ospita altri 16 successi tra cui i due inediti di giugno, sia una ristampa con copertina diversa di questo disco.

Il disco:
Come tutti gli EP anche le raccolte pubblicate durante il primo periodo d'attività dell'artista sono state inserite nella discografia ufficiale tra gli album. Mentre le antologie dal 1970 (Del mio meglio) al 2009 (Riassunti d'amore), prima presenti sul sito minamazzini.it, sono state rimosse nel 2012.

Pubblicato da Italdisc l'11 aprile 1964 come N° 11 della serie "Niagara" (catalogata con la sigla AS), è stato ristampato (stesso numero di catalogo) il 5 ottobre sostituendo la copertina con quella già usata per l'album Stessa spiaggia, stesso mare.

Poiché le durate dei brani non sono riportate sui supporti, sono state indicativamente sostituite con quelle dei singoli. Inoltre raramente si incontrano LP a 33 giri di oltre 23/24 minuti per lato, è quindi probabile che alcune canzoni siano più brevi, soprattutto sul lato A.

Il sito ufficiale NON riporta l'ordine corretto dei brani sull'album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: VENTI SUCCESSI DI MINA
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: VENTI SUCCESSI DI MINA
 
 
 


 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Gen 15, 2018 4:37 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - MINA (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Gen 11, 2018 10:34 pm

1. TITOLO
 
1964 - MINA
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFL 14004 # Data pubblicazione: Anno 1964 # Matrici: RR 819-59/RR 819-60 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio:  Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 19 Maggio / Realizzazione a cura di Vladimiro Albera - Regia artistica e supervisione tecnica di G. Bruno Martelli / Filibello e Devilli sono gli pseudonimi rispettivamente di Filippo Bellobuono e Alberto Curci - Antonio Maria e Álvaro Carrillo sono i nomi d'arte rispettivamente di Antonio Maria Araùjo de Morais e Álvaro Carrillo Alarcòn / Grafica di Romano Vitale - Fotografie di Piero Pascuttini e Silvio Nobili - Presentazione del disco e note alle canzoni di Alessandro Berlendis / Registrato da Plinio Chiesa - Supervisione tecnico-artistica di Giordano Bruno Martelli
 
 
2. RECENSIONE:
 
Mina è il settimo album della cantante italiana Mina, pubblicato su LP dall'etichetta Ri-Fi nel maggio del 1964.

Il disco:
È il primo long playing con la Ri-Fi, etichetta per cui la cantante inciderà fino alla fine del 1967. Composto prevalentemente da cover di classici americani e brasiliani (ma anche le uniche canzoni in italiano presenti, E se domani e Non illuderti, sono delle cover), è il suo primo vero album studio con pezzi inediti incisi appositamente per l'occasione e non una raccolta di singoli, come i precedenti pubblicati con Italdisc.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli; regia artistica e supervisione tecnica di suo padre Giordano Bruno Martelli.

L'edizione su audiocassetta, pubblicata dalla Philips in tutta Europa nel 1967, s'intitola Many Faces of Mina.

Pubblicato su CD nel 1997 a cura della RCA Italiana (catalogo 7321482602) e e poi di nuovo nel 2009 dalla Halidon su CD (SRCD 6293), LP in vinile da 180 grammi (SRLP 06) e Picture disc (SRLPD 11), questi ultimi a tiratura limitata. Nel 2011 è stato rimasterizzato ancora dalla Halidon su CD mantenendo lo stesso numero di catalogo.

Successo e classifiche:
Grazie soprattutto a E se domani viene eletto "migliore album dell'anno" dalla critica specializzata, riconoscimento che vale alla cantante l'Oscar del disco '64.

Nel 1965 è il sesto 33 giri più venduto in Italia. Al primo posto della stessa graduatoria c'è ancora Mina con Studio Uno.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: MINA
 
   
 
   
 
   
 
4. TRACK LIST di: MINA
 
Lato A Lato B

  • A1 THE NEARNESS OF YOU
  • A2 ANGEL EYES
  • A3 NINGUEM ME AMA
  • A4 LA BARCA
  • A5 STELLA BY STARLIGHT
  • A6 INSENSATEZ


  • B1 E SE DOMANI
  • B2 NON ILLUDERTI
  • B3 SABOR A MI
  • B4 YOU GO TO MY HEAD
  • B5 STARS FELL ON ALABAMA
  • B6 EVERYTHING HAPPENS TO ME
 
 
Lato A: 1
THE NEARNESS OF YOU

 
      Lato B: 1
E SE DOMANI

 
     

Autori: Hoagy Carmichael, Filibello, Ned Washington
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "THE NEARNESS OF YOU" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
It's not the pale moon that excites me
That thrills and delights me, oh no
It's just the nearness of you
It isn't your sweet conversation
That brings this sensation, oh no
It's just the nearness of you
When you're in my arms and I feel you so close to me
All my wildest dreams come true
I need no soft lights to enchant me
If you'll only grant me the right
To hold you ever so tight
And to feel in the night the nearness of you
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Calabrese, Carlo Alberto Rossi
Orchestra: Augusto Martelli


 
Testo:
E se domani
io non potessi
rivedere te,
mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra
della perduta felicità.
E se domani
e sottolineo "se"
all'improvviso perdessi te
avrei perduto il mondo intero
non solo te.
E se domani
io non potessi
rivedere te,
mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra
della perduta felicità.
E se domani
e sottolineo "se"
all'improvviso perdessi te
avrei perduto il mondo intero
non solo te
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
ANGEL EYES

 
      Lato B: 2
NON ILLUDERTI

 
     

Autori: Earl Brent, Matt Dennis
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "ANGEL EYES" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
She blinded me with her light
It's such a beautiful sight
The way she moves like an angel
She's got me walking on air Angel eyes
Rays of hope that hypnotise
They're a blessing in disguise
Lightning up my life We can playin our secret hideaway
We can go there everyday
Time is on our side Chorus: She blinded me with her light
It's such a beautiful sight
The way she moves like an angel
She's got me walking on air Angel eyes
There will be no compromisenow that I have realisedwhat they mean to me
Oh year... Chorus: She blinded me... She brought heaven to mejust like a symphony The way she talks like an angel
A language out of this world I'm not a superstitious mindnot the spiritual kind
But she became a revalation to me
She made me believe Outro: She's the sun that makes the rainbow
She's the blue sky when it's cloudy in my mind
She's the thunder, she's the lightning
She's the weather that keeps blowing troughout time
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Berto Pisano, Michelino Rizza
Orchestra: Augusto Martelli


 
Testo:
Non illuderti, non devi illuderti
non so fingere
non voglio fingere
non sciupare per me le tue lacrime
non so credere nel tuo amore.
Non illuderti, è tutto inutile
tu sei l'estasi di qualche attimo
non ti voglio ingannar
per non farti soffrir
non illuderti di più.
Non illuderti, è tutto inutile
tu sei l'estasi di qualche attimo
non ti voglio ingannar
per non farti soffrir
non illuderti di più
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
NINGUEM ME AMA

 
      Lato B: 3
SABOR A MI

 
     

Autori: Antônio Maria Araújo de Morais, Fernando Lobo, Gian Carlo Testoni
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "NINGUEM ME AMA" è cantata in spagnolo... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Nadie me ama
Nadie me quiere
Nadie me llama
Nadie me es fiel

Triste es mi vida
Sin un cariño
Lloro en silencio
Mi desventura

Voy por el mundo cruel
De fracaso en fracaso
Llamo a la puerta del cielo
Que nunca traspaso

Vencido y cansado
De tanto sufrir
Yo ruego a Dios
Que se apiade de mí

Triste es mi vida
Lloro en silencio
Mi desventura

Voy por el mundo cruel
De fracaso en fracaso
Llamo a la puerta del cielo
Que nunca traspaso

Vencido y cansado
De tanto sufrir
Yo ruego a Dios
Que se apiade de mí

Nadie me ama
Nadie me quiere
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Álvaro Carrillo, Vito Pallavicini
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "SABOR A MI" è cantata in portoghese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Tanto tiempo disfrutamos de este amor
Nuestras almas se acercaron tanto así
Que yo guardo tu sabor
Pero tú llevas también
Sabor a mí
Si negaras mi presencia en tu vivir
Bastaría con abrazarte y conversar
Tanta vida yo te di, que por fuerza llevas ya
Sabor a mí
No pretendo ser tu dueño
No soy nada, yo no tengo vanidad
De mi vida, doy lo bueno
Soy tan pobre, qué otra cosa puedo dar
Pasarán más de mil años muchos más
Yo no sé si tenga amor la eternidad
Pero allá tal como aquí, y en la boca llevarás
sabor a mí
Si negaras mi presencia en tu vivir
bastaría con abrazarte y conversar
tanta vida yo te di, que por fuerza llevas ya
sabor a mí
No pretendo ser tu dueño
No soy nada, yo no tengo vanidad
De mi vida, doy lo bueno
soy tan pobre, qué otra cosa puedo dar
Pasarán más de mil años muchos más
Yo no sé si tenga amor la eternidad
Pero allá tal como aquí, en la boca llevarás
sabor a mí
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
LA BARCA

 
      Lato B: 4
YOU GO TO MY HEAD

 
     

Autori: Roberto Cantoral
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "LA BARCA" è cantata in spagnolo... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
http://lyricstranslate.com/it/luigi-tenco-vita-sociale-lyrics.html#ixzz53scjNXmU

Se Lei sapesse cos'è la vita sociale
non mi starebbe a seccare
perché io La faccia passare.
Se Lei sapesse essere un uomo civile
aspetterebbe il Suo turno
come fa tutta l'altra gente.

-Senta, ma Lei non sa chi sono io:
sono il commendatore Tale,
parente del ministro Tale!
- Mi spiace, ma questo non importa niente,
lo dica pure al suo parente,
io non mi lascio influenzare.

La vuol capire? questa è la vita sociale:
commendatori o cavalieri,
per noi la gente è tutta uguale.
Impari un poco a essere un uomo civile,
a essere un poco più gentile
con chi fa il proprio dovere.

- Senta, La prego, mi faccia passare,
se in mezz'ora non ho fatto
io sono un uomo rovinato!
- Spiacente, ma non ci posso fare niente,
prima di Lei c'è altra gente
che ha diritto di passare.

La vuol capire? questa è la vita sociale:
se mi lasciassi impietosire
tutti verrebbero a pregare.
In fondo poi un vero uomo civile
anche se ha i problemi suoi
deve sapersi controllare.

- Ma senta, un'ultima cosa vorrei dire...
Ho giusto diecimila lire...
di cui non so proprio che fare.
- Va bene... visto che Lei insiste tanto
daremo ascolto al sentimento,
va bene, passi pure avanti.
Ma si ricordi, e almeno sia riconoscente,
che al posto mio tanta altra gente
ne avrebbe chiesto ventimila!

 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Luigi Tenco
Orchestra: Ruggero Cini e il suo complesso
 
Note: "YOU GO TO MY HEAD" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
You go to my head and you linger like a haunting refrain
And I find you spinning 'round in my
Brain
Like the bubbles in a glass of champagne
You go to my head like a sip of sparkling burgundy brew

And I find the very mention of you
Like the kicker in a julep or two

The thrill of the thought that
You might give a thought to my plea
Cast a spell over me
Still I say to myself get a hold of
Yourself
Can't you see that it never can be

You go to my head with a smile that makes my temperature
Rise
Like a summer with a thousand julies
You intoxicate my soul with your eyes
Though I'm certain
That this heart of mine
Hasn't a ghost of a chance in this crazy romance
You go to my head
You go to
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
STELLA BY STARLIGHT

 
      Lato B: 5
STARS FELL ON ALABAMA

 
     

Autori: Devilli, Ned Washington, John Young
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "STELLA BY STARLIGHT" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
You go to my head and you linger like a haunting refrain
And I find you spinning 'round in my
Brain
Like the bubbles in a glass of champagne
You go to my head like a sip of sparkling burgundy brew

And I find the very mention of you
Like the kicker in a julep or two

The thrill of the thought that
You might give a thought to my plea
Cast a spell over me
Still I say to myself get a hold of
Yourself
Can't you see that it never can be

You go to my head with a smile that makes my temperature
Rise
Like a summer with a thousand julies
You intoxicate my soul with your eyes
Though I'm certain
That this heart of mine
Hasn't a ghost of a chance in this crazy romance
You go to my head
You go to
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Mitchell Parish, Frank S. Perkins
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "STARS FELL ON ALABAMA" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
We lived our little drama
We kissed in a field of white
And stars fell on Alabama
Last night

I can't forget the glamour
Your eyes held a tender light
While (And) stars fell on Alabama (fractured 'Bama)
Last night

I never planned in my imagination
A situation - so heavenly
A fairy land where no one else could enter
And in the center - just you and me

My heart beat (just) like a hammer
(My) Arms wound around you tight
And (While) stars fell on Alabama
Last night
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 6
INSENSATEZ

 
      Lato B: 6
EVERYTHING HAPPENS TO ME

 
     

Autori: Giorgio Calabrese, Vinicius de Moraes, Antonio Carlos Jobim
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "INSENSATEZ" è cantata in portoghese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
A insensatez
que voce fez ceracao mais sem cuitado.
Fez chorar de dorto o seu amor:
um amor tao delicado.
Ah porque voce
foi fraco assim, assim tao desalmado
Ah meu coracao que nunca amou
nao merece ser amado.
L'ai meo coracao
ouve aracao, usa so sinceritade,
quem semeja vento
diz arazao, cothe sempre tempestade
Vai meu coracao,
pede perdao, perdao apaixonado
vai porque quem nao
pede perdai nao e nunca perdonado
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Tom Adair, Terry Crosara, Matt Dennis
Orchestra: Augusto Martelli
 
Note: "EVERYTHING HAPPENS TO ME" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
I make a date for golf
and you can bet your life it rains
I try to throw a party
and the guy upstairs complains
I guess I'll go through life
just catching colds and missing trains
Everything happens to me
I never miss a thing,
I've had the measles and the mumps
And every time I play an ace
My partner always trumps
I guess I'm just a fool
who never looks before he jumps
Everything happens to me
At first I thought that you could break this jinx for me
That love would turn the trick to end despair
Now I just can't fool this head that thinks for me
I've mortgaged all my castles in the air
I've telegraphed and phoned
and sent an airmail special too
Your answer was goodbye
and there was even postage due
I fell in love just once
it had to be with you
Everything happens to me.
Everything happens to me
 
Fonte: QUI
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:36 am, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - E' L'UOMO PER ME/SO CHE NON E' COSI' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 12:08 am

1. TITOLO:
 
1964 - E' L'UOMO PER ME/SO CHE NON E' COSI'
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16050 # Data pubblicazione: Marzo 1964 # Matrici: RR 819-31/RR 818-30 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 11 Marzo / Distribuito da Rifi Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
È l'uomo per me/So che non è così è il 60° singolo di Mina, pubblicato a marzo del 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Ristampato con copertina analoga, ma con differente colorazione dei bordi: arancione nella prima versione, rosa nella successiva.

Esiste anche la versione per jukebox.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli.

Storia:
Secondo singolo pubblicato con la Ri-Fi, casa discografica di media grandezza, ma anche l'unica disposta a dar fiducia alla cantante durante il periodo di accanimento giornalistico e mediatico nei suoi confronti (con conseguente cacciata dell'artista dalla Televisione di Stato), in seguito alla scandalosa relazione illecita con Corrado Pani, all'epoca formalmente sposato, e alla successiva nascita del figlio della coppia Massimiliano.
RiFi è ufficialmente la nuova etichetta per cui Mina incide tutte le novità, mentre Italdisc ormai si accontenta di vecchie registrazioni inedite o pubblica raccolte di materiale già stampato all'epoca del sodalizio con la cantante.

Il brani È l'uomo per me e Città vuota, quest'ultimo pubblicato a dicembre 1963 nel primo singolo della Ri-Fi ristampato a febbraio, sono le due canzoni che maggiormente contribuiscono al rilancio dell'immagine personale e musicale dell'artista e al suo rientro in televisione dopo il forzato allontanamento. L'enorme successo commerciale dei due singoli e dell'album che poi li conterrà (Studio uno sarà il più venduto del 1965), il precedente bagno di folla entusiasta ai concerti per il rientro sulle scene alla Bussola di Focette in Versilia durante l'estate 1963, la constante presenza di Mina nei caroselli per l'Industria Italiana della Birra, girati a fine 1962 e messi in onda tra aprile e agosto 1963 dalla stessa televisione che l'aveva bandita, testimoniano il solidale e non diminuito rapporto d'affetto e di stima tra l'artista e il suo vasto pubblico, che mai l'aveva abbandonata in quel difficile periodo della vita e della carriera.

Successo e classifiche[modifica | modifica wikitesto]
Nel maggio del 1964 È l'uomo per me conferma la leader-ship di Mina nella hit-parade, con l'intero mese al primo posto, contemporaneamente alla terza piazza di tre settimane ottenuta con Città vuota.

Entra direttamente tra le prima dieci per rimanervi per circa 6 mesi, con 9 settimane consecutive al primo posto e 13 in totale tra le prime 5.

Tra i singoli più venduti alla fine del 1964 sarà il 7°, ancora meglio di Città vuota, solo 9°.

È l'uomo per me:
Cover di He Walks Like a Man, primo successo discografico (1964) della cantante country statunitense Jody Miller, inserita nell'LP Studio uno del 1965.

Una registrazione dal vivo del brano intero (durata 2:25) per la prima puntata della trasmissione Johnny 7 del 2 luglio 1964 è presente nel DVD Gli anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Un frammento (durata 0:38) tratto da un medley per la 3a puntata di Senza rete (programma televisivo) dell'11 luglio 1968[12] è invece disponibile sul DVD Gli anni Rai 1967-1968 Vol. 5.

La canzone è usata come sottofondo per i titoli iniziali del film Due partite del 2009 diretto da Enzo Monteleone, che racconta le angosce dell'universo femminile degli anni sessanta, paragonate a quelle che vivono le figlie delle quattro protagoniste trenta anni più tardi. Significativa la scelta di brani di Mina (che nel finale canta anche Se telefonando sui titoli di coda, senza comparire mai nel film), per introdurre lo spirito e rappresentare l'atmosfera sociale di un'epoca.

Nel 1964, Mina incide la versione in spagnolo, intitolata Mi hombre será (non è noto l'autore del testo) per l'EP El crossfire/Ciudad solitaria/Mi hombre será/Se que no es así (Belter 51.374), che verrà inserita nella raccolta Mina latina del 1998.

So che non è così:
Uno dei pochi brani di Bruno Martelli scritti insieme al figlio Augusto, pianista ed arrangiatore, nonché futuro compagno di Mina nella vita.

Nel 1964, Mina incide la versione in spagnolo, intitolata Se que no es así (non è noto l'autore del testo) per l'EP El crossfire/Ciudad solitaria/Mi hombre será/Se que no es así (Belter 51.374), che verrà inserita nella raccolta Mina latina del 1998. La versione italiana è stata pubblicata in Spagna sull'EP del 1964 Città vuota/Valentino vale/È inutile/So che non è così (Belter 51.405).
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
E' L'UOMO PER ME (He walks like a man)

 
      Lato B:
SO CHE NON E' COSI'

 
     

Autori: Gaspare Gabriele Abbate, Diane Hildebrand, Vito Pallavicini
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
É l'uomo per me,
fatto apposta per me,
è forte con me e da uomo sa dir,
parole d'amor...
Ma ciò che amo in lui,
è il ragazzo che,
nasconde in sé...
É l'uomo per me,
è sicuro di sé,
da uomo so già,
i progetti che ha,
i sogni che fa...
Ma ciò che amo in lui,
è il ragazzo che,
nasconde in sé...
Mai nessuno saprà
separarlo da me,
ogni giorno saprò,
con lui restar...
É l'uomo per me,
sicuro di sé,
è forte con me e come un uomo sa dir,
parole d'amor...
Ma ciò che amo in lui,
è il ragazzo che,
nasconde in sé...
(É l'uomo per te) Ma è un ragazzo ancor per me...
(É l'uomo per te) Per questo trovo in lui l'amor...
(É l'uomo per te) Ma è un ragazzo ancor per me...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Bruno Martelli, Augusto Martelli, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
So che non è così
la vita
so che succederà
che ti perderò
non potrò farci niente
e tu te ne andrai
da me.
So che non è così
lo so
ma fino che tu sei qui
io continuerò
a darti ogni giorno
il meglio di me
Vedrai
niente mi cambierà,
ti giuro
niente mi cambierà
ed ora so che il tempo non mi sfiorerà
finché tu mi amerai.
Ricordo quando ancora tu non c'eri
il vuoto che accoglieva i miei pensieri
e adesso questo sapore
e adesso questo odore
e adesso
tu vicino a me.

So che non è così
la vita
so che succederà
che ti perderò
non potrò farci niente
e tu te ne andrai
da me.
So che non è così
lo so
ma fino che tu sei qui
io continuerò
a darti ogni giorno
il meglio di me
Vedrai
Tutto tutto il meglio di me
fino fino a quando mi vorrai
Tutto tutto il meglio di me
fino fino a quando mi vorrai
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:38 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - CITTA' VUOTA (Disco tris) (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 10:49 am

1. TITOLO:
 
1964 - CITTA' VUOTA/E' INUTILE/VALENTINO VALE
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16038 # Data pubblicazione: Dicembre 1964 # Matrici: RR 818-39/RR 818-38 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da Rifi Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Città vuota/È inutile/Valentino vale è il 58° singolo di Mina, pubblicato a dicembre del 1963 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Storia:
Segna il ritorno di Mina in televisione, dopo un anno di ostracismo da parte della RAI per le note vicende familiari, ospite di Mike Bongiorno nella puntata del 10 gennaio 1964 de La fiera dei sogni, durante la quale promuove entrambi i brani di questo disco. Da notare che già il giorno dopo la trasmissione il singolo entra nella classifica dei primi 10.

Il disco:
Denominato tecnicamente 'disco tris', perché contiene tre canzoni, è il primo singolo i Mina con la RiFi, mentre l'artista era ancora sotto contratto con la Italdisc.
Pubblicato una prima volta alla fine 1963, è stato ristampato come singolo normale senza la seconda canzone del lato B Valentino vale e con un nuovo numero di catalogo (RFN NP 16057) a marzo dell'anno successivo, cancellando il titolo dalla copertina dell'edizione precedente. Ricorre quindi due volte nella discografia ufficiale: nel 1963 come 58° 45 giri (disco tris) e a marzo del 1964 come 61° singolo normale.
Di entrambe le edizioni esiste anche la versione esclusiva per jukebox, non veduta al pubblico.
Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Piero Gosio.

Successo e classifiche:
Il singolo contiene Città vuota, uno dei successi più popolari nella carriera della cantante.
Entra direttamente al 9º posto per rimanere in classifica tra le prime 10 per oltre 6 mesi, di cui 6 settimane al terzo posto e per oltre 3 mesi (14 settimane dal 7 marzo al 6 giugno) nelle prime
Alla fine del 1964 sarà il nono 45 giri più venduto durante quell'anno.
Insieme a È l'uomo per me, che nello stesso periodo raggiunge il primo posto nella classifica settimanale, farà salire durante il 1965 le vendite annuali dell'album Studio uno, in cui entrambi i brani sono inseriti, fino al vertice di quella graduatoria.

Città vuota:
È la versione italiana di It's a Lonely Town, successo internazionale di Gene McDaniels. Questa cover farà parte dell'album Studio Uno pubblicato da Mina nel 1965.

Musica e testo: Questa cover, diventata ormai una delle canzoni-simbolo dell'Italia anni sessanta, nonché un classico del repertorio dell'artista, sembra studiata per esaltare le caratteristiche peculiari della voce di Mina, la melodia si alza progressivamente verso toni sempre più acuti raggiungendo il culmine nell'inciso, con un arrangiamento semplice che segue un percorso armonico standard altrimenti fin troppo lineare.
Nel suo testo in italiano Giuseppe Cassia si discosta da un'asettica traduzione dell'originale, suggerendo un'atmosfera cromatica più triste e struggente ma nel contempo calda e coinvolgente, che ben si adatta alla musica del brano.

Video: La prima presentazione del brano in televisione avviene al Gala TV per il decennale 1964, puntata unica andata in onda il 3 gennaio per commemorare i 10 anni dalla data di inizio ufficiale delle trasmissioni Rai.
La registrazione della partecipazione di Mina all'evento è disponibile sul DVD Gli Anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.
Una registrazione dal vivo del brano intero (durata 2:34) per la 9a puntata della trasmissione Studio Uno del 10 aprile 1965 è presente in Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8.
Infine un frammento (durata 0:40) tratto da un medley per la 3a puntata di Senza rete (programma televisivo) dell'11 luglio 1968 si trova in Gli anni Rai 1967-1968 Vol. 5.
In seguito sarà filmato anche un video per i caroselli pubblicitari della pasta Barilla.

Altre versioni di Mina: Nel 1978 Mina ne realizza un remake in stile "disco", ideato e arrangiato da Pino Presti con l'inserimento di virtuosismi jazzistici, che abbinato a Ancora ancora ancora, diventa uno dei singoli di maggior successo dell'estate di quell'anno, raggiungendo ad agosto il 5º posto nella classifica delle vendite settimanali.
Nel 1998 questa edizione viene inserita nella raccolta su CD Mina Studio Collection.
La cantante eseguì questa versione in occasione dei suoi concerti alla Bussoladomani, includendola nel suo ultimo album di registrazioni dal vivo Mina Live '78.
Nel 1964, incide la versione in spagnolo, intitolata Ciudad solitaria con il testo di Augusto 'C. Mapel' Algueró, per l'EP El crossfire/Ciudad solitaria/Mi hombre será/Se que no es así (Belter 51.374), che verrà inserita nella raccolta Mina latina del 1998. La versione italiana è stata pubblicata in Spagna sull'EP del 1964 Città vuota/Valentino vale/È inutile/So che non è così (Belter 51.405).

Cover: Sono state svariate nel corso degli anni, tra le prime, nel 1964, Nancy Cuomo incide il brano per la KappaO (catalogo K-10.009) e lo inserisce in un singolo che, a sua volta, reca sul lato B anche la cover di È inutile.
Più recentemente, nel 2004, Fiorello l'ha riportata in auge, incidendola nel suo album A modo mio e facendone anche un video in stile anni '50.

È inutile:
Mai pubblicata su album ufficiali, è presente in diverse raccolte: Brava! (1990), Fantastica... (1997), Fantastica / La mia storia (2007) e E se domani (2012).
Incisa da Mina anche in tedesco (testo di Fini Busch) con il titolo Die größte Schau per un singolo del 1964 e inserita nella raccolta dei brani di maggior successo in Germania Heisser Sand nel 1996.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
   
 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A:
CITTA' VUOTA (T's a lonely town)

 
      Lato B: 1
E' INUTILE

 
     

Autori: Giuseppe Cassia, Doc Pomus, Mort Shuman
Orchestra: Piero Gosio
 
Testo:
Le strade piene, la folla intorno a me
mi parla e ride e nulla sa di te
io vedo intorno a me chi passa e va
ma so che la città
vuota mi sembrerà se non torni tu

C'è chi ogni sera mi vuole accanto a sé
ma non m'importa se i suoi baci mi darà
io penso sempre a te, soltanto a te
e so che la città vuota mi sembrerà se non torni tu,
come puoi tu vivere ancor solo senza me
non senti tu che non finì il nostro amor.
Le strade vuote, deserte senza te
leggo il tuo nome ovunque intorno a me
torna da me amor e non sarà più vuota la città
ed io vivrò con te tutti i miei giorni
tutti i miei giorni, tutti i miei giorni
tutti i miei giorni...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Ricky Gianco, Gian Pieretti
Orchestra: Piero Gosio
 
Testo:
E' inutile cercar di dirmi ciao
è inutile sorridermi perché
non t'amo più
non t'amo più
non t'amo più
ormai.
E' inutile voler ricominciare
è inutile perdono domandar
non t'amo più
non t'amo più
non t'amo più
ormai.
Non m'importa niente se tu piangi
per me
voglio andare via sola
senza te.
E' inutile cercar di dirmi ciao
è inutile sorridermi perché
non t'amo più
non t'amo più
non t'amo più
ormai
ormai
ormai.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 2
VALENTINO VALE

 

Autori: Vittorio Buffoli, Vito Pallavicini
Orchestra: Piero Gosio
Testo:
Valentino vale più di te
Balla bene il tango
Valentino m'ama più di te
Piange quando piango
E poi e poi non ne ho
Finchè tu ne vuoi
Ad esempio c'è Wolfango che
Pensa solo a me.
Però stasera ho capito che
Mi sto affezionando a te
Baciamoci baciamoci così
Soli soli
Però stasera ho capito che
Io ho il cuore che pensa a te
Baciamoci baciamoci perché
Sei l'amore
Sei l'amore.
Valentino vale più di te
Langue per amore
Valentino quando guarda me
Cambia di colore
Ma sei tu solo tu
Ciò che piace a me
Tu possiedi un certo non so che
Non lasciarmi più.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:41 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - UN BUCO NELLA SABBIA/SE MI COMPRI UN GELATO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 12:25 pm

1. TITOLO:
 
1964 - UN BUCO NELLA SABBIA/SE MI COMPRI UN GELATO
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16061 # Data pubblicazione: Maggio 1964 # Matrici: RR 819-72/RR 819-74 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Grafica di Romano Vitale / Distribuito da Rifi Record - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Un buco nella sabbia/Se mi compri un gelato è il 62° singolo di Mina, pubblicato a fine maggio del 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Anche con la nuova casa discografica, che ha appena permesso alla cantante di incidere, nel suo primo album studio di inediti, una serie di cover tecnicamente e vocalmente assai impegnative, in cui l'artista ha però dimostrato tutte le sue notevoli qualità, Mina torna a incidere, riprendendo il suo stile prima maniera, un 45 giri a tematica balneare in linea con le tendenze del mercato di quegli anni.

In Italia il singolo arriva appena alla decima posizione in hit-parade, con poche settimane di permanenza; nella classifica annuale sarà oltre il 55º posto.[4] Invece la versione in giapponese di Un buco nella sabbia, Suna ni kieta namida, ottiene uno straordinario successo, con il primo posto e il disco di diamante per le vendite in Giappone, dove a fine anno Mina viene eletta migliore artista internazionale.

I due arrangiatori dirigono le rispettive orchestre.

Del disco è stata prodotta un'edizione non in vendita per i jukebox.

Un buco nella sabbia:
Composta da Piero Soffici dopo il successo del precedente Stessa spiaggia, stesso mare (1963), è stata inserita nell'LP Studio uno, album più venduto del 1965.

Mina canta il brano dal vivo, insieme a È l'uomo per me, nel programma televisivo di fine estate Teatro 10, diretto da Antonello Falqui e con Lelio Luttazzi. Gli applausi scroscianti del Teatro delle Vittorie dimostrano l'affetto e il sostegno del pubblico nei confronti dell'artista, ormai definitivamente riesplosa dopo lo "scandalo".[6] Il video di questa esibizione (durata 2:17) nella prima puntata della trasmissione andata in onda il 26 settembre 1964 è presente nel DVD Gli anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Mina incide la canzone anche:

nel 1964 in spagnolo, titolo Un hoyo en la arena (autore del testo NON conosciuto). Farà parte della raccolta España, mi amor... del 1992.[8]
nel 1965 in giapponese, titolo Suna ni kieta namida, testo di Kenji Sazanami. Inclusa nell'antologia Mina in the world del 2000.
Nel 1998, viene utilizzata nella colonna sonora del film Così ridevano di Gianni Amelio.

Se mi compri un gelato[modifica | modifica wikitesto]
Spiritoso brano di Gorni Kramer, l'unico nella discografia di Mina in cui il Maestro è contemporaneamente autore e arrangiatore. Sarà inserito nella raccolta Ora o mai più... del 2002.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 

 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
UN BUCO NELLA SABBIA

 
      Lato B:
SE MI COMPRI UN GELATO'

 
     

Autori: Piero Soffici, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Ho fatto un buco nella sabbia per nascondere

Tutto quello che ho nel cuore per te

Ci ho messo dentro tutte quante le mie lacrime

E le bugie che inventavi per me

E quando spunta, quando spuntera la luna

Avro per sempre dimenticato

E quando spunta, quando spuntera la luna

Saro di un altro innamorata

Farai un buco nella sabbia per nascondere

La delusione che ora provi per me

Credevi forse che sarei venuta a piangere

E invece non tornero piu da te

E quando spunta, quando spuntera la luna


Avro per sempre dimenticato

E quando spunta, quando spuntera la luna

Saro di un altro innamorata

(instrumental break)

Farai un buco nella sabbia per nascondere

La delusione che ora provi per me

Credevi forse che sarei venuta a piangere

E invece non tornero piu da te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Gorni Kramer, Vito Pallavicini
Orchestra: Gorni Kramer
 
Testo:
Se mi compri un gelato
che sia proprio gelato
con le labbra gelate così
amore amore ti bacerò.

Se mi compri un gelato
che sia proprio gelato
con le labbra gelate così
amore amore mi bacerai.

Se tu sei con me
son tutta panna per te
amore perché tu sei limone per me
lo vedi il mio cuore è già lampone per te
amore amore.

Se mi compri un gelato
che sia proprio gelato
con le labbra gelate così
amore amore ti bacerò.
Se mi compri un gelato
ti bacerò.
Se mi compri un gelato
ti bacerò.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:42 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - RAPSODIE/AMORE DI TABACCO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 12:49 pm

1. TITOLO:
 
1964 - RAPSODIE/AMORE DI TABACCO
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: MH 153 # Data pubblicazione: Giugno 1964 # Matrici: MH 153-A/MH 153-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici 15 giugno / Distribuito da ITALDISC - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Rapsodie (Rhapsodie)/Amore di tabacco è il 63° singolo di Mina, pubblicato a giugno del 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Italdisc.

Il disco:
Italdisc, ancora alla caccia di incisioni inedite di Mina prima del suo passaggio alla Ri-Fi, scova due registrazioni effettuate dalla cantante tra il 1962 e il 1963 e le pubblica in questo anacronistico singolo.

Entrambi i brani sono contenuti nell'album Mina Nº 7 del 1964, nella raccolta Mina ...Di baci del 1996 e nell'antologia che raccoglie tutti i singoli dell'artista fino al 1964, Ritratto: I singoli Vol. 2 (2010).

Nel 1966 è stato ristampato per il mercato spagnolo con una copertina diversa (International 20.021, sussidiaria della Fonit Cetra).

Gli arrangiatori dirigono le rispettive orchestre.

Rapsodie:
È la versione in italiano, con il testo di Alberto Testa, della canzone Rhapsodie della stessa Mina, brano nato dall'esperienza discografica della cantante in Germania con l'etichetta Polydor, la produzione di Gerhard Mendelson e l'intervento musicale del Maestro Werner Scharfenberger.

Il 28 giugno 1962 a Vienna, Mina registra questo brano in italiano, insieme ad altre canzoni in tedesco, ma non lo pubblica. Di quella sessione viene invece stampato subito il singolo Heißer Sand/Ein treuer Mann (Polydor 24793), che decreterà la fortuna della cantante in Olanda e soprattutto in Germania, paese in cui il 45 giri supererà il record, ancora ineguagliato, di oltre 1.300.000 copie vendute. Due anni dopo, ma SOLO in Germania, uscirà il singolo Rhapsodie/Er hatte blaue Augen (Polydor 52333), che precederà di pochissimo la pubblicazione in Italia del 45 giri che contiene la traduzione del pezzo.

I brani cantati in tedesco da Mina sono stati in raccolti sull'LP Heißer Sand (Bear Family Records BFX 15226) del 1987 e successivamente sul CD Heisser Sand (Bear Family Records BCD 15872 AH) del 1996; tutti questi dischi fanno parte della discografia straniera dell'artista.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
RAPSODIE (Rhapsodie)

 
      Lato B:
AMORE DI TABACCO

 
     

Autori: Werner Sharfenberger, Alberto Testa
Orchestra: Werner Sharfenberger
 
Testo:
Rapsodie
di una sera
di una sera d'estate
un'estate brevissima
vissuta insieme a te

Rapsodie
di un amore
di un amore finito
ma finito lasciando in noi
qualcosa che vivrà

qualcosa che vivrà
e nessun altro avrà
un mondo intorno a noi
solo per noi

Rapsodie
di un amore
di un amore finito
ma finito lasciando in noi
qualcosa che vivrà

qualcosa che vivrà
e nessun altro avrà
un mondo intorno a noi
solo per noi
 
Fonte: QUI
     
Autori: Vittorio Buffoli, Vito Pallavicini
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
Tu sei fatto tale e quale
come gli altri
ti conosco meno male
e perciò
oh oh oh oh
ti dico no
no, no no no
questa volta non abbocco
è un amore di tabacco
che col fumo finirà.

Dai non fare tanto il freddo
giovanotto
sei carino ma sei matto
e perciò
oh oh oh oh
ti dico no
no, no no no no
il tuo amore è un pò bislacco
come fumo di tabacco
certamente svanirà.

Tu prometti quando baci
ma coi baci
ciò che pensi non lo dici
e perciò
oh oh oh oh
ti dico no, oh
però però
ma che baci, quando baci
più ci penso e più mi piaci
forse anch’io ti bacerò.

Tu sei fatto tale e quale
come gli altri
ti conosco meno male
ma però
oh oh oh oh
io lo so, oh
ti bacerò,
tanto va la gatta al lardo
che ci lascia lo zampino
e mai più ci cascherò.

Oh oh oh oh
ormai lo so, oh
ti bacerò,
tanto va la gatta al lardo
che ci lascia lo zampino
e mai più ci cascherò.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:43 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - IO SONO QUEL CHE SONO/TU FARAI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 1:12 pm

1. TITOLO:
 
1964 - IO SONO QUEL CHE SONO/TU FARAI
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16066 # Data pubblicazione: Settembre 1964 # Matrici: RR 819-71bis/RR 819-15 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 18 Settembre / Copertina di Romano Vitale
 
 
2. RECENSIONE:
 
Io sono quel che sono/Tu farai è il 64° singolo di Mina, pubblicato a settembre del 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Tra il 1964 e il 1965 sale fino alla sesta posizione nelle vendite settimanali; nella classifica annuale del 1964 risulta il trentesimo singolo.

Entrambi i brani sono stati inseriti nell'LP Studio uno, l'album più venduto del 1965.

Sono stati anche promossi da Mina in due puntate diverse della trasmissione televisiva Il Macchiettario. Tu farai nella prima del 20 novembre 1964, Io sono quel che sono nella quarta, l'11 dicembre dello stesso anno.[4] Le due riprese filmate sono disponibili nel DVD Gli Anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli.

Io sono quel che sono:
Insolita composizione di Enrico Polito, che in seguito diventerà un produttore di successo.

È stata incisa da Mina anche:

nel 1964 in spagnolo, titolo Yo soy la que soy (sconosciuto l'autore del testo) e inserita nella raccolta España, mi amor... del 1992
nel 1965 in turco, titolo Mesvim bahar e testo di Sezen Cumhur Önal, è presente nella compilation Mina in the world del 2000.
Tu farai:
Brano firmato Bruno e Augusto Martelli (padre e figlio), a poca distanza di tempo dal un altro lato B, So che non è così). Melodia caratterizzata nell'arrangiamento da una tipica marcetta anni sessanta.

Come la precedente anche questa canzone è stata incisa dalla cantante in spagnolo, ma nel 1965, col titolo Què haràs (autore del testo NON noto) e poi inserita nella stessa raccolta del 1992.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IO SONO QUEL CHE SONO

 
      Lato B:
TU FARAI

 
     

Autori: Mogol, Enrico Polito
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Io sono quel che sono
E valgo quel che valgo
Però io ti amo
Come nessuno t' ha mai amato
Come nessuno mai t'amerà mai più t'amerà
Io sono quel che sono e valgo quel che valgo
Ti offro umilmente quel che rimane della mia vita
Che non ha senso che non è vita senza di te
Senza di te
Ti offro umilmente quel che rimane della mia vita
Che non ha senso che non è vita senza di te
Senza di te.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Augusto Martelli, Bruno Martelli, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Quello che tu prendi
ti appartiene già
perché tu sei, tu sei
sei tu, sei tante cose
che io, che io vorrei
che io vorrei avere per me
dalla vita

Tutte queste cose
non le ho dette mai
a un altro
mai, e mai e mai
io le ripeterò
perché, perché
al mondo non c'è un uomo
così, come te

E tu farai
io lo so che farai
tutto ciò che mi aspetto
da te
E tu sarai
io lo so che sarai
ogni giorno più grande
per me

Tutte queste cose
non le ho dette mai
a un altro
mai, perché sei tu
sei qualcosa in più
che io vorrei, che io vorrei
avere per me dalla vita

E tu farai
lo o che farai
tutto ciò che mi aspetto da te
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:44 am, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - CAPPUCCETTO ROSSO/CENERENTOLA (E.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 2:42 pm

1. TITOLO:
 
1964 - CAPPUCCETTO ROSSO/CENERENTOLA
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFE EP 15109 # Data pubblicazione: Ottobre 1964 # Matrici: RR 820-62/RR 820-63 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Cappuccetto rosso/Cenerentola è l'undicesimo EP di Mina, pubblicato su vinile a 33 giri dall'etichetta discografica Ri-Fi a ottobre del 1964.

Il disco:
Unico EP prodotto dalla Ri-Fi per Mina, entrambi i brani sono stati poi inclusi nell'album Viva Natale pubblicato nel 1971.

Ha due copertine diverse: ufficiale e alternativa.

Mina racconta due favole, accompagnata dal maestro Giordano Bruno Martelli con la sua orchestra.
Augusto Martelli, oltre a firmare le musiche col padre, cura l'arrangiamento di Cenerentola.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
CAPPUCCETTO ROSSO

 
      Lato B:
CENERENTOLA

 
     

Autori: Bruno Martelli, Augusto Martelli, C. Vanni
Orchestra: Giordano Bruno Martelli
 
Testo:
Cappuccetto rosso vieni vieni qua
dalla tua nonnina che ti aspetta già
no non ho paura perché devo andar
dalla mia nonnina che mi aspettà là
là sotto tra i prati di mille color
il lupo è nascosto non ti fermare
cappuccetto rosso non andare là
che se arriva il lupo poi ti mangerà
cappuccetto rosso grandi occhioni blu e un nasino un po' all'insù
prendi quel sentiero e non fermarti mai
che dalla tua nonna arriverai
Cappuccetto rosso vieni vieni qua
dalla tua nonnina che ti aspetta già
il mio bel cestino alla nonna porterò
ma qualche fragolina io raccoglierò
in mezzo ai cespugli il lupo sta lì
andiamo a chiamare il cacciatore
presto cacciatore devi andare là
salva cappuccetto presto corri qua
Cappuccetto rosso vieni vieni qua
dalla tua nonnina che ti aspetta già
è una canzoncina piccola così
forse l'ha portata il vento fino a qui
 
Fonte: QUI
     
Autori: Bruno Martelli, Augusto Martelli, C. Vanni
Orchestra: Giordano Bruno Martelli
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:46 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - MINA n. 7 (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 4:47 pm

1. TITOLO:
 
1964: MINA n. 7
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: LPMH 187 # Data pubblicazione: Anno 1964 # Matrici: LPMH 187/1- LPMH 187/2# Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 5 Ottobre / Distribuito da: ITALDISC - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Mina Nº 7 è una raccolta della cantante italiana Mina, pubblicata su LP dall'etichetta Italdisc nell'ottobre del 1964.

Storia:
Italdisc pubblica questa seconda raccolta (la prima è 20 successi di Mina), quando Mina è già passata alla Ri-Fi e, ignorando il fatto che quest'ultima etichetta ha edito a maggio dello stesso anno l'album eponimo Mina, la intitola Mina Nº 7, contando progressivamente in ordine cronologico le uscite su questo supporto dall'inizio carriera dell'artista.

Ulteriore confusione viene aggiunta dal sito ufficiale della cantante, infatti nella discografia riportata, sono state rimosse (nel 2012) tutte le raccolte pubblicate dal 1970 al 2009, mentre quelle fino al 1967 (e in particolare quelle dell'Italdisc), così come tutti gli Extended Play (pubblicati nei primi anni sessanta), sono state inserite fra gli album.

Il disco:
Al di là del sottotitolo 16 Successi, contiene due brani mai editi su album; entrambi pubblicati solo quattro mesi prima sul singolo Rapsodie (Rhapsodie)/Amore di tabacco.

Il maestro Tony De Vita e la sua orchestra accompagnano Mina in tutte le canzoni.

La fotografia in copertina è la stessa già utilizzata per l'album Moliendo café (1962).

L'ordine 'fisico' di brani sui due lati del disco è:
lato A: Rapsodie, Si lo so, Mi guardano, Vola vola da me, Sciummo, Just Let Me Cry, Ollalla Gigi, Stranger Boy
lato B: Piano, Il palloncino, Dindi, Renato, 'Na sera 'e maggio, Amore di tabacco, Que no que no, Chihuahua.
Nella sezione "Tracce" è stata seguita la sequenza riportata sulla copertina del disco e sul sito ufficiale, che poco differisce dalla precedente.

Tutte le canzoni sono eseguite in italiano, eccetto Qué no, qué no!, il cui testo esiste solo in spagnolo.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: MINA n. 7
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: MINA n. 7
 
 



 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1964 - UN ANNO D'AMORE/E SE DOMANI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 8:51 pm

1. TITOLO:
 
1964 - UN ANNO D'AMORE/E SE DOMANI
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16071 # Data pubblicazione: Novembre 1964 # Matrici: RR 820-14/RR 820-80 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Copertina di Romano Vitale
 
 
2. RECENSIONE:
 
Un anno d'amore/E se domani è il 65° singolo di Mina, pubblicato a novembre del 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Ristampato ad aprile del 1965 con stessa copertina ma di colore verde e sostituendo il lato B con Era vivere.

Di questo 45 giri esiste sia una versione per jukebox, non venduta al pubblico, sia una per il mercato turco pubblicata nel 1965 (Primary 45-4048).

Sempre nel 1965, Nancy Cuomo incide gli stessi brani prima su 45 giri e poi in una raccolta su 33 giri per la KappaO.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli.

Successo e classifiche:
È uno dei 45 giri più venduti della carriera di Mina, il grande successo fu probabilmente dovuto all'accoppiata su un unico supporto di due delle canzoni tra le più apprezzate dal pubblico.

(Nota: i dati di gennaio si riferiscono a E se domani, quelli dei mesi successivi a Un anno d'amore)
Quasi sette mesi di permanenza nella classifica top-10 dall'inizio dell'anno (escluso febbraio), 4 settimane consecutive al primo posto, 12 settimane di seguito fra le prime tre e 17 tra le prime 5, ne fanno quarto il singolo più venduto del 1965.

Un anno d'amore:
Cover del brano originale C'est irreparable, scritto e interpretato da Nino Ferrer, inserita nell'album Studio Uno dell'anno seguente.

Testo e musica:
Il testo in italiano di Mogol ed Alberto Testa parla di una donna che cerca di salvare il rapporto di coppia in crisi dopo un anno d'amore.[1] La melodia inizia con sequenze dissonanti di chitarra elettrica e vibrafono, avvolte da un emozionante sussurrato di Mina, a scandire una sorta di blues che si apre gradualmente in jazz con un contrappunto d'archi, sottolineato dal ritmo "slow terzinato" tipico dell'epoca, per finire con i tradizionali acuti della cantante.

Video:
Mina promuove due volte l'intera canzone cantando dal vivo nel varietà televisivo Studio Uno durante il 1965:

nella seconda puntata del 20 febbraio (durata 3:45)
nell'ottava puntata del 3 aprile (durata 4:12).
I video di queste esibizioni sono contenuti rispettivamente nei DVD Gli anni Rai 1962-1965 Vol. 9 e Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8, inseriti entrambi in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Il brano è stato anche filmato per un carosello pubblicitario della pasta Barilla.

Versioni di Mina:
Mina nel 1965 la incide anche in:

spagnolo, titolo Un año de amor e testo di Gaby Verlor, per la raccolta Mina latina (1998)[10]
giapponese, titolo Wakare e testo di Kenji Sazanami, per l'antologia Mina in the world (2000)
turco, titolo Dön bana e testo di Sezen Cumhur Önal, ancora in Mina in the world.
Altre cover:
Nel 1991 Pedro Almodóvar riadatta il testo in spagnolo (dalla traduzione italiana e NON dall'originale in francese) per il suo film Tacchi a spillo, in cui è Miguel Bosé, in versione "Drag queen", a mimare la canzone sulla voce di Luz Casal.[8] Nel 2007 Mina riprende questa edizione per il suo album in spagnolo Todavía e la esegue in duetto con Diego "El Cigala".
Nel 2008 Orietta Berti la incide in italiano per l'album Swing, un omaggio alla mia maniera.
Nel 2012 è Al Bano a cantarla sia in italiano (Fratelli d'Italia) e sia in spagnolo (Canta Italia).
E se domani:
Versione diversa da quella pubblicata a maggio dello stesso anno nell'album Mina, ma identica a quella contenuta nel singolo (ancora una volta come lato B) Brava/E se domani dell'anno seguente.

Mina ha proposto il brano registrato dal vivo più volte e per vari show televisivi:

1965 - integralmente (durata 3:06) nella settima puntata Studio Uno del 27 marzo
1966 - integralmente (3:04) nella sesta (ultima) puntata di Aria Condizionata in onda il 14 agosto
1968 - in frammento (1:16) nell'undicesima puntata di Su e giù del 18 aprile
I video corrispondenti a queste performance sono contenuti nei DVD del già citato cofanetto Gli anni Rai, e nell'ordine: 1965-1966 Vol. 8, 1966-1967 Vol. 7 e 1967-1968 Vol. 5.

Storia:
Brano presentato al Festival di Sanremo 1964 da un bravo Fausto Cigliano e da un Gene Pitney non all'altezza, viene escluso immeritatamente dalla finale nonostante un buon successo di pubblico e di critica.

Lo stesso anno Carlo Alberto Rossi, autore e editore della canzone, già noto a Mina e al suo pubblico per il non entusiasmante successo sanremese precedente di Le Mille Bolle Blu, che aveva fatto decidere la cantante di non calcare più palcoscenici di competizioni canore, dopo grandi sforzi convince Mina a inciderla e aggiungerla al nuovo album Mina, cui mancava solo un brano per essere completato.

In breve tempo il pezzo diventa la canzone più significativa dell'LP e le continue richieste obbligheranno la Ri-Fi a inserirlo, come lato B, in ben due singoli successivi, questo del 1964 e Brava del 1965.

Molti anni dopo proprio Rossi dichiarerà che, in seguito al grande successo dell'interpretazione di Mina in questo brano, avrebbe pensato la partecipazione di ogni sua canzone a un nuovo Festival, soprattutto nell'ottica di un eventuale remake della cantante. Da parte sua Mina sceglierà di incidere, rispettivamente tratte dal Festival di Sanremo 1966 e 1968, le canzoni Se tu non fossi qui e Che vale per me composte da Carlo Alberto Rossi su testi della moglie Marisa Terzi.

Testo e musica:
Il brano, che passa quasi inosservato al Festival arrivando penultimo, forse per le ardite e troppo cerebrali ipotesi ("mettiamo il caso", "e sottolineo se"...) del testo, che non hanno certo giovato ad una sua immediata comprensione nonostante una costruzione abbastanza lineare e poetica, sorretta da una melodia slow elegante e raffinata, geometrica ma allo stesso tempo poco ripetitiva, nell'interpretazione di Mina si prende subito la sua grande rivincita, diventando un classico della musica italiana e una tra le canzoni più eseguite e richieste del repertorio della cantante.

Versioni di Mina:
Nel 1965, Mina incide la canzone in spagnolo. Y si mañana (testo di Víctor Merino) è reperibile nelle raccolte España, mi amor... (1992) e Mina latina pubblicata da MBO nel 1998.
Nel 1988 per i sui 30 anni di carriera, Mina interpreta ancora il brano in italiano, questa volta nella versione acustica, con il solo accompagnamento al pianoforte di Renato Sellani, che fa parte della raccolta Oggi ti amo di più.
Altre cover:
Vanta più di un centinaio di rifacimenti tra Italia e estero, famosi ad esempio quelli di Julio Iglesias, Morgana King, Nilla Pizzi, particolare ma meno conosciuto quello di Natalino Otto.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
Edizione Speciale, mercato giapponese
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
UN ANNO D'AMORE (C'est irréparable)

 
      Lato B:
E SE DOMANI

 
     

Autori: Nino Ferrer, Mogol, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Si può finire qui?
ma tu davvero puoi
buttare via così
un anno d'amore?
se adesso te ne vai
da domani saprai
un giorno com'è lungo e vuoto senza me.
E di notte
e di notte
per non sentirti solo
ricorderai
i tuoi giorni felici
ricorderai
tutti quanti i miei baci
e capirai
in un solo momento
cosa vuol dire
un anno d'amore
cosa vuol dire
un anno d'amore.
Lo so non servirà
e tu mi lascerai
ma dimmi, tu lo sai
che cosa perdiamo
se adesso te ne vai
non le ritroverai
le cose conosciute
vissute
con me.
E di notte
e di notte
per non sentirti solo
ricorderai
i tuoi giorni felici
ricorderai
tutti quanti i miei baci
e capirai
in un solo momento
cosa vuol dire
un anno d'amore
cosa vuol dire
un anno d'amore.
E capirai
in un solo momento
cosa vuol dire
un anno d'amore
cosa vuol dire
un anno d'amore.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Giorgio Calabrese, Carlo Alberto Rossi
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
E se domani
io non potessi
rivedere te,
mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra
della perduta felicità.
E se domani
e sottolineo "se"
all'improvviso perdessi te
avrei perduto il mondo intero
non solo te.
E se domani
io non potessi
rivedere te,
mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra
della perduta felicità.
E se domani
e sottolineo "se"
all'improvviso perdessi te
avrei perduto il mondo intero
non solo te
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:49 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - SE PIANGI SE RIDI/PIU' DI TE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 9:53 pm

1. TITOLO:
 
1965 - SE PIANGI SE RIDI/PIU' DI TE
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16077 # Data pubblicazione: Febbraio 1965 # Matrici: RR 821-21/RR 821-22 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: Febbraio 1965-Febbraio 1963 / Grafica di Romano Vitale / Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Se piangi, se ridi/Più di te è il 66° singolo di Mina, pubblicato a febbraio del 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi, anticipa l'album Studio uno del mese seguente.

Il disco:
La copertina e la grafica (di Romano Vitale) sono le stesse utilizzate per l'album Studio Uno, in cui saranno inseriti i due brani.

Ne esiste una versione non in vendita, in esclusiva per i jukebox.

Sempre nel 1965 è stato pubblicato in Giappone (Fontana Records FON-1044) con entrami i titoli tradotti e cantati in giapponese.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli.

Se piangi, se ridi:
Cover della canzone vincitrice del Festival di Sanremo 1965, scritta da Roberto Satti e cantata alla manifestazione dallo stesso, in arte Bobby Solo, e dai Minstrels.

Mina la propone dal vivo a Studio uno (prima puntata dell'edizione 1965, trasmessa il 13 febbraio)[4] in una fantasia di canzoni, Se piangi, se ridi/L'amore ha i tuoi occhi/Le colline sono in fiore/Amici miei/Io che non vivo (senza te) dedicata a quell'ultima edizione della popolare manifestazione sanremese. L'intera sequenza di questi brani (5:46) è reperibile sul CD Signori... Mina! vol. 4 del 1993; il video del solo frammento (1:18) di Se piangi, se ridi si trova nel DVD Gli anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Subito dopo Mina la incide in questo singolo.

Nella sesta puntata (20 marzo 1965) dello stesso spettacolo, Mina canta ancora il brano, in un medley (Mia, Pinocchio, Se piangi, se ridi) in cui duetta con Marcello Mastroianni. Il filmato musicale di questa esibizione (4:26) è contenuto nel DVD Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8.

Nel 1965, Mina la incide anche in:

spagnolo, titolo Si lloras, si ríes e testo di Ray Cristian, per la raccolta España, mi amor... (1992)
giapponese, titolo Kimi ni namida to hohoemi wo e testo di Kazumi Yasui, per l'antologia Mina in the world (2000).
Più di te[modifica | modifica wikitesto]
Adattamento del brano I Won't Tell, scritto dal produttore e compositore statunitense Bob Crewe e dal pianista Bob Gaudio (che suonava nel gruppo The Four Seasons, lanciato dallo stesso Crewe), cantato in lingua originale da Tracey Dey nel 1964.

Il testo in italiano è di Antonietta De Simone, già autrice della celeberrima Nessuno (1959), incisa da Mina ai suoi esordi come "urlatice".

A maggio del 1965, sarà usato, ancora come lato B, nella ristampa del singolo Brava.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, mercato brasiliano
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
SE PIANGI SE RIDI

 
      Lato B:
PIU' DI TE (I won't trell)

 
     

Autori: Gianni Marchetti, Mogol, Roberto Satti
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Se piangi
amore
io piango con te
perché
tu fai parte di me.
Sorridi sempre
se tu non vuoi
non vuoi vedermi
soffrire mai.
Se ridi
amore
io rido perché
perché
faccio parte di te.
Ricorda sempre
quello che fai
sopra il mio volto lo rivedrai.
Non sarai solo
anche se tu
tu sei lontano da me.
Ogni momento
dovunque andrai
accanto a te mi rivedrai.
Se piangi
se ridi
io sono con te
perché sono parte di te.
Ricorda sempre
quello che fai
sopra il mio volto lo rivedrai
 
Fonte: QUI
     
Autori: Bob Crewe, Antonietta De Simone, Bob Gaudio
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Vattene, se vuoi

tanto non ti cercherò

esci con chi vuoi

tanto io non morirò

questa volta no

non ti voglio più con me

l'uomo che mi va

vale molto più di te.

Più di te

più di te

più di te

che ormai non sei più niente per me.

Vattene, se vuoi

io non ti trattengo più

oggi par così

fra noi due piangi tu

ieri, sì lo so,

ti ho creduto chissà chi

l'uomo che mi va

vale molto più di te.

Più di te

più di te

più di te

che ormai non sei più niente per me.

Vattene, se vuoi

tanto non ti cercherò

l'uomo che mi va

vale molto più di te.

Più di te

più di te

più di te

che ormai non sei più niente per me.

Più di te

più di te

più di te

che ormai non sei più niente per me.

Più di te

più di te

più di te

che ormai non sei più niente per me
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:51 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - IL CIELO IN UNA STANZA/STRANGER BOY (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Gen 12, 2018 10:47 pm

1. TITOLO:
 
1965 - IL CIELO IN UNA STANZA/STRANGER BOY
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: MH 61 # Data pubblicazione: Anno 1965 # Matrici: MH 61-A/MH 61-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Distribuito da D.I.D.E.A. - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Il cielo in una stanza/Stranger Boy è il 67° singolo di Mina, pubblicato tra fine febbraio e metà marzo del 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Italdisc.

Il disco:
In piena produzione Ri-Fi, l'etichetta Italdisc, ripescando tra le registrazioni mai pubblicate presenti nel suo catalogo, trova una versione extended, durata 2 min e 54 s, della canzone Il cielo in una stanza (versione originale -breve- pubblicata a giugno del 1960).

Realizza quindi un singolo mettendo la nuova traccia sul lato A (al posto di quella breve), mantenendo lo stesso numero di catalogo (MH 61), utilizzando grafica e colore della copertina identici all'ultimo 45 giri pubblicato in ordine cronologico (giugno 1964), e sostituendo la seconda facciata con il pezzo Stranger Boy, già lato B di Vulcano/Stranger Boy stampato a ottobre del 1963.

Alla fine dell'operazione la nuova copertina risulta simile a quella del disco originale a meno del colore dello sfondo (marrone anziché celeste).

La versione extended si trova anche nelle raccolte su CD Mina Gold (1998) e Ritratto: I singoli Vol. 1 (2010); altrove è usata sempre quella breve.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IL CIELO IN UNA STANZA

 
      Lato B:
STRANGER BOY

 
     

Autori: Gino Paoli
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
Quando sei qui con me
questa stanza non ha più pareti
ma alberi,
alberi infiniti
quando sei qui vicino a me
questo soffitto viola
no, non esiste più.

Io vedo il cielo sopra noi
che restiamo qui
abbandonati
come se non ci fosse più
niente, più niente al mondo.

Suona un'armonica
mi sembra un organo
che vibra per te e per me
su nell'immensità del cielo.
Per te, per me:
nel ciel

Suona un'armonica
mi sembra un organo
che vibra per te e per me
su nell'immensità del cielo.
Per te, per me:
nel ciel
 
Fonte: QUI
     
Autori: Umberto Prous, Roxy Bob
Orchestra: Tony De Vita
 
Testo:
Stranger boy
Ragazzo mio
Io non so dove andrai
Nella sera di vento
Adesso... che ci salutiamo

Stranger boy
Ragazzo mio
Che il mattino creò
Tra fantasmi di case stupite
Sotto un cielo chiaro.

Guardiamo indovinelli d'ombra
Alberi e sole
Lungo un fiume d'autunno,
Ma non dice parole... la tua bocca
Che dimentica... labbra che cercava.

Stranger boy
Ragazzo mio
Inventato da un blues
Esaltato da un whisky
E svanito... col fumo leggero
Di questa sigaretta
Che mi brucia le dita
Ragazzo mio
Ragazzo dolce
Stranger boy.

Guardiamo indovinelli d'ombra
Alberi e sole
Lungo un fiume d'autunno,
Ma non dice parole... la tua bocca
Che dimentica... labbra che cercava.

Stranger boy
Ragazzo mio
Inventato da un blues
Esaltato da un whisky
E svanito... col fumo leggero
Di questa sigaretta
Che mi brucia le dita
Ragazzo mio
Ragazzo dolce
Stranger boy
Stranger boy...
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:53 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - YOUNG AT LOVE/SLOWLY (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Gen 13, 2018 6:23 pm

1. TITOLO:
 
1965 - YOUNG AT LOVE/SLOWLY
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: MH 159 # Data pubblicazione: Anno 1965 # Matrici: MH 159-A/MH 159-B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 11 Marzo 1965 / Distribuito da DIDEA
 
 
2. RECENSIONE:
 
Young at Love/Slowly è il 68° singolo di Mina, pubblicato a marzo del 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Italdisc.

Il disco:
Ultimo singolo per Italdisc, che successivamente pubblicherà ancora due raccolte Mina interpretata da Mina dello stesso anno e Mina canta Napoli del 1966, in modo da coprire su 33 giri l'intero catalogo prodotto dalla cantante dagli esordi fino alla rottura con l'etichetta.

Mina canta in lingua inglese i due brani, registrati e incisi negli U.S.A. anni prima.

Entrambe le canzoni sono state inserite nelle raccolte Mina canta in inglese (1995) e Ritratto: I singoli Vol. 2 del 2010, che contiene tutti i pezzi su 45 giri pubblicati fino al 1964.

Pubblicato anche in Grecia dalla Melody (IRG 173).

Young at Love:
Cover di Non so resisterti, brano con il testo di Nisa e la musica di Corrado Lojacono, presentato da quest'ultimo alla trasmissione Sei giorni della canzone 1961 e inciso da Caterina Valente su singolo lo stesso anno.

Mina è accompagnata dall'orchestra di Martin Manning.

Slowly:
Altra cover, questa volta in lingua originale, del brano di Otis Blackwell, già inciso da Ann Margret nel 1962. È stata inclusa anche nella raccolta Internazionale del 1998.

Mina è accompagnata dall'orchestra di Billy Mure, che è anche l'autore del testo in inglese di Young at Love.

Nel 1963 viene incisa dalla cantante anche in francese col titolo Douc'ment (testo di André Salvet e Claude Carrère) e inclusa sia in un singolo sia in un EP e poi nella raccolta Notre etoile del 1999, tutti supporti che appartengono alla Discografia di Mina fuori dall'Italia.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
YOUNG AT LOVE (Non so resisterti)

 
      Lato B:
SLOWLY

 
     

Autori: Corrado Lojacono, Mure
Orchestra: Martin Manning
 
Note: "YOUNG AT LOVE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Young at love
it's wonderful
the dreams you're thinkin' now
when you're young at love
the thrill that you peer
every time that you kiss
'cause you know
the very thrill
of this happily bliss

But than you're just begun
the blues make I'm
the years may bring last more
than you bought at first
a lovely you buy
it can happily sway
blue precious years
love address years
the greatest years away and
here young at love
 
Fonte: QUI
     
Autori: Bob Blackwell
Orchestra: Mure
 
Note: "SLOWLY" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:

Tell me you love me again but this time
Slowly ‘cause you're talking too fast.
Baby, much too fast.

Come on, squeeze again but this time
Slowly ‘cause I like your grasp,
But it's much too fast.

You said that our love would grow together
‘cause you're mine, all mine.
But darling, our love won't grow an inch
If you don't take your time.

Come on and kiss me again but this time
Slowly… not so fast.
Make it last.

You said that our love would grow together
‘cause you're mine, all mine.
But darling, our love won't grow an inch
If you don't take your time.

Come on and kiss me again but this time
Slowly… not so fast.
Make it last.

Not so fast,
Make it last.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 10:54 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - STUDIO UNO (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Gen 13, 2018 7:23 pm

1. TITOLO:
 
1965: STUDIO UNO
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFL 14010 # Data pubblicazione: Marzo 1965 # Matrici: RR 821-49/RR 821-50 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Climax è lo pseudonimo di Gianni Meccia e Jimmy Fontana / Realizzazione a cura di Vladimiro Albera / Grafica di Romano Vitale
 
 
2. RECENSIONE:
 
Studio Uno è l'ottavo album della cantante italiana Mina, pubblicato su LP dall'etichetta Ri-Fi nel marzo del 1965.

Il disco:
L'album, la cui grafica ricalca quella del singolo Se piangi, se ridi/Più di te che lo ha anticipato di un mese, contiene in gran parte materiale già pubblicato su 45 giri, tra questo Io sono quel che sono e Tu farai sono lati dello stesso disco.

È stato ristampato su CD nel 1997 a cura della RCA Italiana (catalogo 74321482612) e rimasterizzato dalla Halidon nel 2009 su CD (SRCD 6294), LP in vinile da 180 grammi (SRLP 07) e Picture disc (SRLPD 07), questi ultimi a tiratura limitata. Nel 2011 è stato rimasterizzato ancora dalla Halidon su CD mantenendo lo stesso numero di catalogo.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli; per Città vuota sono di Piero Gosio.

Successo e classifica:
Grazie a brani best seller come Città vuota, È l'uomo per me, Un anno d'amore, Un buco nella sabbia, Io sono quel che sono e L'ultima occasione, che primeggiano nelle classifiche settimanali tra il 1964 e il 1965, l'album è in assoluto il disco più venduto del 1965.

I brani:
Nonostante l'album richiami nel titolo l'omonimo varietà televisivo della Rai e sia stato pubblicato durante la trasmissione della terza edizione dello spettacolo nella primavera del 1965, Mina, nel corso delle 12 puntate previste, presenterà pochi brani del disco.

Le canzoni sono cantate tutte in italiano, tuttavia molte di esse saranno interpretate e incise da Mina anche in più lingue, per i dettagli si rimanda alla pagina del singolo in cui il brano è contenuto.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brani musicali di Mina.
Inediti:
So che mi vuoi, Era vivere e le due canzoni L'ultima occasione e E... (E adesso sono tua) di un singolo pubblicato a luglio, che può ritenersi l'unico estratto dell'album.

So che mi vuoi
Mai pubblicato su singolo da Mina. Si tratta di una cover di It's for You un brano scritto originariamente da John Lennon e Paul McCartney, mai inciso ufficialmente dai Beatles (dei quali pare esista una demo su un nastro di prova con il solo Paul che suona la chitarra) né comparso su bootleg. E certa invece l'interpretazione di Cilla Black della canzone in un 45 giri del 1964, che tra l'altro raggiunge il settimo posto nella classifica
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: MINA n. 7
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: MINA n. 7
 
Lato A Lato B



 
 


 
Lato A: 5
L'ULTIMA OCCASIONE

 
      Lato B: 5
SO CHE TU MI VOUI (It's for you)

 
     

Autori: Climax, Tony Del Monaco
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Uno come te
io non lo troverò mai più
uno come te

No, non posso più
chiederti tempo per cambiar
perché
sarebbe inutile
sarebbe solo per pietà
ed io non voglio più pretendere le cose che non merito
da te

E perderò così
anche quest'ultima occasione che mi dai
e sarà tardi quando
cercherò di te

Ma non posso più
chiederti tempo per cambiar
perché
sarebbe inutile
sarebbe solo per pietà
ed io non voglio più pretendere le cose che non merito
da te

E perderò così
anche quest'ultima occasione che mi dai
e sarà tardi quando
cercherò di te
di te
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: John Lennon, Paul McCartney, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Io sono quel che sono
E valgo quel che valgo
Però io ti amo
Come nessuno t' ha mai amato
Come nessuno mai t'amerà mai più t'amerà
Io sono quel che sono e valgo quel che valgo
Ti offro umilmente quel che rimane della mia vita
Che non ha senso che non è vita senza di te
Senza di te
Ti offro umilmente quel che rimane della mia vita
Che non ha senso che non è vita senza di te
Senza di te.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 2
E... (adesso sono tua)

 
      Lato B: 4
ERA VIVERE

 
     

Autori: Hammers, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
e..e..e..e..
e adesso sono tua
e nessun altro al mondo,
ti giuro mi avrà
e..e..e..e..


e ti amerò per sempre
e ti starò vicina,
finchè tu,
mi vorrai.
Se non avessi amato te
io non avrei amato
forse mai,
ti ho guardato
ed ho capito,
che nella mia vita
ci mancavi solo tu
e..e..e..e..
e adesso sono tua
e nessun altro al mondo,
dopo di te,
mi avrà.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Bruno Martelli, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Quando c'eri tu era vivere
allora allora sì
non adesso che ho per me quel che voglio
e che mi basta chiedere

lui mi fa sembrare tutto facile
sta vicino a me
e mi vuole bene ma
non mi sento come quando c'eri tu

quendo era possibile
che baciando te
non vedessi più
il mondo intorno a me

Quando c'eri tu era vivere
allora allora sì

l'ho capito solo adesso son tornata in me
ma è già tardi ormai
e non troverò mai più
quelle cose che mi davi solo tu

e ora non rimane che
piangere e vivere senza più vivere
 
Fonte: QUI
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:00 am, modificato 5 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - SOLI/UN BACIO E' TROPPO POCO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Gen 13, 2018 10:00 pm

1. TITOLO:
 
1965 - SOLI/UN BACIO E' TROPPO POCO
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16097 # Data pubblicazione: Aprile 1965 # Matrici: RR 821-83/RR 821-84 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Pipolo è lo pseudonimo di Giuseppe Moccia / Sigla di chiusura del programma tv "Studio Uno" (Antonello Falqui, 1965)
 
 
2. RECENSIONE:
 
Soli/Un bacio è troppo poco è il 69° singolo di Mina, pubblicato ad aprile del 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
La copertina è la stessa del 45 giri di Se piangi se ridi, ma con grafica (sempre di Romano Vitale) e colori differenti.

Esiste anche in versione esclusiva per jukebox, la cui vendita è vietata al pubblico.

Il singolo arriva alla decima posizione in hit-parade con diverse settimane di permanenza; nella classifica annuale delle vendite sarà 46°.

Contiene due dei tanti brani della fortunata collaborazione Mina - Bruno Canfora, qui in veste di autore, arrangiatore e direttore della sua orchestra. Il Maestro Canfora sarà il direttore musicale in tutti gli spettacoli televisivi anni sessanta con Mina, che contribuiranno ad affermarla incontrastata primadonna delle trasmissioni Rai del sabato sera.

Entrambi sono stati filmati per gli spot pubblicitari Barilla utilizzati a Carosello.

Soli:
Sigla finale del varietà tv Studio Uno 1965, brano firmato anche dagli autori del programma, Castellano e Pipolo. Il video della sigla (durata 1:02) è disponibile nel DVD Gli anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Nel DVD Gli anni Rai 1966-1967 Vol. 7 dello stesso cofanetto, estratto dall'ultima puntata di Studio Uno (25 giugno 1966), è presente il video con un medley che comprende frammenti di entrambe le canzoni di questo singolo. La fantasia, con i brani Rome by Night/Due note/Sabato notte/Brava/Soli/Un bacio è troppo poco/Importante è avere te/Fortissimo/Tutta la gente del mondo, è contenuta anche nel CD audio I miei preferiti (Gli anni Rai), pubblicato nel 2014.

Il brano è stato inserito anche nelle raccolte Brava! (1990), Brava Mina 2 (1999) e Tutto Mina. Le origini (2006).

Nel 1965 Mina ha inciso questa canzone in lingua turca (titolo Neden yildizlar, testo di Sezen Cumhur Önal), reperibile nell'antologia Mina in the world del 2000.

Un bacio è troppo poco:
La canzone riscosse un ottimo gradimento da parte del pubblico, tanto da indurre la cantante a riproporla in ben due diverse puntate di Studio Uno. Il video del brano completo (durata 3:50), registrato durante la sesta puntata (20 marzo 1965), si trova nel DVD Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8 del cofanetto citato.

Nonostante il successo non è mai stata inserita in un album ufficiale; compare per la prima volta nell'introvabile raccolta su doppio 33 giri Mina con voi del 1969 e, successivamente, solo in Ora o mai più... del 2002.[4] Nel 2010, il pezzo è stato inserito nella colonna sonora del film di Nina Di Majo Matrimoni e altri disastri.

Nel 2014, il ritornello è stato usato nella canzone di Mondo Marcio Un bacio (troppo poco) per l'album Nella bocca della tigre.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, vietata la vendita
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
SOLI

 
      Lato B:
UN BACIO E' TROPPO POCO

 
     

Autori: Bruno Canfora, Franco Castellano, Pipolo
Orchestra: Bruno Canfora
 
Testo:
Soli
mentre la gente se ne va
restiamo soli
soli nel buio
che verrà
verrà per noi.
Il giorno
è stato lungo
questo giorno
a non vederti,
a non sentirti
accanto a me,
me.
Restiamo soli
mentre la gente se ne va,
soli nel buio
che verrà;
tu sei
con me,
finalmente tu sei con me.
Per tutto il giorno sai
non ho vissuto mai
cosa
sarà
di noi due
se finirà per noi due
io e te.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Antonio Amurri, Bruno Canfora
Orchestra: Bruno Canfora
 
Testo:
Un bacio è troppo poco
per sapere se ti amo
un bacio è troppo poco
per capire veramente
se mi piaci, se mi piaci
o invece è solamente simpatia
sia da parte tua che da parte mia.
Un bacio è troppo poco
per sapere se ti amo
vorrei provare ancora
perché credo di capire
che mi piaci, che mi piaci
ti prego di baciarmi un'altra volta
magari con un poco più d'amore
e così verrà l'amore
l'amore, l'amore
l'amore quello vero per noi due.
Un bacio è troppo poco
per sapere se ti amo
vorrei provare ancora
perché credo di capire
che mi piaci, che mi piaci
ti prego di baciarmi un'altra volta
magari con un poco più d'amore
e così verrà l'amore
l'amore, l'amore
l'amore quello vero per noi due.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:02 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - UN ANNO D'AMORE/ERA VIVERE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Gen 13, 2018 10:21 pm

1. TITOLO:
 
1965 - UN ANNO D'AMORE/ERA VIVERE
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16099 # Data pubblicazione: Aprile 1965 # Matrici: RR 820-14/RR 822-4 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Un anno d'amore/Era vivere è il 70° singolo di Mina, pubblicato ad aprile del 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Ristampa con identica copertina, ma di colore verde, del singolo Un anno d'amore/E se domani di fine 1964 con sostituzione della canzone sul lato B.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli.

Entrambi i brani fanno parte dell'album Studio Uno pubblicato il mese prima.

Era vivere sarà inserito anche nella raccolta Mina & Gaber: un'ora con loro (ottobre 1965) e filmato per i caroselli Barilla.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Un anno d'amore/E se domani.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
UN ANNO D'AMORE (C'est irréparable)

 
      Lato B:
ERA VIVERE

 
     

Autori: Testa, Mogol, Ferrer
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Si può finire qui?
ma tu davvero puoi
buttare via così
un anno d'amore?
se adesso te ne vai
da domani saprai
un giorno com'è lungo e vuoto senza me.
E di notte
e di notte
per non sentirti solo
ricorderai
i tuoi giorni felici
ricorderai
tutti quanti i miei baci
e capirai
in un solo momento
cosa vuol dire
un anno d'amore
cosa vuol dire
un anno d'amore.
Lo so non servirà
e tu mi lascerai
ma dimmi, tu lo sai
che cosa perdiamo
se adesso te ne vai
non le ritroverai
le cose conosciute
vissute
con me.
E di notte
e di notte
per non sentirti solo
ricorderai
i tuoi giorni felici
ricorderai
tutti quanti i miei baci
e capirai
in un solo momento
cosa vuol dire
un anno d'amore
cosa vuol dire
un anno d'amore.
E capirai
in un solo momento
cosa vuol dire
un anno d'amore
cosa vuol dire
un anno d'amore.

 
Fonte: QUI
     
Autori: A. Testa, A. Martelli, B. Martelli
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Quando c'eri tu era vivere
allora allora sì
non adesso che ho per me quel che voglio
e che mi basta chiedere

lui mi fa sembrare tutto facile
sta vicino a me
e mi vuole bene ma
non mi sento come quando c'eri tu

quendo era possibile
che baciando te
non vedessi più
il mondo intorno a me

Quando c'eri tu era vivere
allora allora sì

l'ho capito solo adesso son tornata in me
ma è già tardi ormai
e non troverò mai più
quelle cose che mi davi solo tu

e ora non rimane che
piangere e vivere senza più vivere
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:04 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - BRAVA/E SE DOMANI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Gen 13, 2018 10:44 pm

1. TITOLO:
 
1965 - BRAVA/E SE DOMANI
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16101 # Data pubblicazione: Maggio 1965 # Matrici: RR 822-9/RR 820-80 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Brava/E se domani è il 71° singolo di Mina, pubblicato a maggio 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Stampato a grande richiesta dopo la performance di Mina in Brava a Studio Uno nella sesta puntata del 20 marzo 1965.[3]

Esaurita rapidamente la prima tiratura, è stato ristampato con la stessa copertina, sostituendo il lato B con Più di te.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale: lato A Bruno Canfora, lato B Augusto Martelli.

Brava:
Puro divertissment costruito dal Maestro Canfora sulle straordinarie capacità vocali di Mina, che ne restituì un'esecuzione strabiliante, ancora oggi insuperato punto d'arrivo per molte cantanti.

La canzone è stata inserita nelle raccolte Mina & Gaber: un'ora con loro (ottobre 1965) e Mina Gold (1998).

Successo e classifiche:
Nonostante il pezzo sia stato pubblicato su due singoli, stranamente nessuno di essi ha ottenuto riscontri commerciali quantificati nelle classifiche delle vendite relative al 1965. Bisogna comunque ricordare il grandissimo successo del contemporaneo 45 giri Un anno d'amore/E se domani.

Testo e musica:
Senza quasi prendere fiato Mina scorre la melodia in alto e in basso in modo limpido e agile, usando completamente l'estensione della sua voce e pronunciando ad altissima velocità le parole di un testo (una specie di spartito per voce) che racconta ironicamente il gesto che la cantante sta compiendo.

Video:
Oltre al consueto filmato per i caroselli pubblicitari Barilla e a quello relativo l'esibizione a Studio Uno del 20 marzo 1965, contenuto nel DVD Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Nel DVD Gli anni Rai 1966-1967 Vol. 7, estratto dall'ultima puntata di Studio Uno (25 giugno 1966), è presente un medley che comprende un frammento del brano. La stessa fantasia, in versione audio è contenuta anche nel CD I miei preferiti (Gli anni Rai), pubblicato nel 2014.

Altri due video della canzone si trovano in Gli anni Rai 1967-1968 Vol. 5 e sono registrazioni da:

Su e giù, undicesima puntata del 18 aprile 1968 (frammento di circa un minuto)
Senza rete (programma televisivo), terza puntata del 11 luglio 1968 (brano completo, durata 1:56).
E se domani:
Versione identica a quella nel singolo Un anno d'amore/E se domani (novembre 1964), ma diversa da quella dell'album Mina (maggio 1964).

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Un anno d'amore/E se domani.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
BRAVA

 
      Lato B:
E SE DOMANI

 
     

Autori: Canfora
Orchestra: Bruno Canfora
 
Testo:
Brava! Brava! Sono tanto brava! Brava!
Sono tanto brava, sono brava
sono tanto brava
faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì
forse... forse qualche nota non è proprio giusta... giusta
però io sono certa che così nessuno sa cantar
sono come un uccellin
senti il trillo... senti il trillo.
State un po' a sentir queste note così basse che so fare
poi vado su, vado su, vado su.
Brava! Brava! Come sono brava! Brava!
Certo se qualcuno vuole proprio... proprio pignolare
forse qualcosa non so fare ma sicuramente sì
non può essere che una cosa
che non ha nessun valore se vogliamo ricordare
che come me nessuno sa cantare
sono come un uccellin
senti il trillo... senti il trillo
e vi ricordate quelle note così basse che so fare.
Poi vado su... vado su... vado su
su... su... come due note
che volano nel cielo
E tutti sanno
che ho tanto di quel fiato
che neppure una balena può resistere sott'acqua
stando senza respirare tutto il tempo che io tengo questo "mi".
Brava! Brava! Come sono brava! Brava!
Sono tanto brava, sono brava
sono tanto brava
faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì
però mi sentirei un poco... poco più tranquilla
se potessi questa sera farmi dire che son brava sì
ma che a dirlo siate voi
voi voi voi voi voi voi voi voi
voi che lo sentite questo povero mio cuore che fa bum
bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum!
Brava! Brava!
Brava! Brava!
Brava!
 
Fonte: QUI
     
Autori: C. A. Rossi, Calabrese
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
E se domani
io non potessi
rivedere te,
mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra
della perduta felicità.
E se domani
e sottolineo "se"
all'improvviso perdessi te
avrei perduto il mondo intero
non solo te.
E se domani
io non potessi
rivedere te,
mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra
della perduta felicità.
E se domani
e sottolineo "se"
all'improvviso perdessi te
avrei perduto il mondo intero
non solo te
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:06 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - BRAVA/PIU' DI TE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Gen 13, 2018 11:23 pm

1. TITOLO:
 
1965 - BRAVA/PIU' DI TE
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16106 # Data pubblicazione: Giugno 1965 # Matrici: RR 822-9/RR 821-22bis # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Brava/Più di te è il 72° singolo di Mina, pubblicato a maggio 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Ristampa del singolo precedente Brava/E se domani con sostituzione del secondo lato, a seguito esaurimento delle scorte.

Più di te era stato già proposto come lato B del singolo Se piangi se ridi, il primo del 1965.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale: lato A Bruno Canfora, lato B Augusto Martelli.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brava/E se domani e Se piangi se ridi/Più di te.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
BRAVA

 
      Lato B:
PIU' DI TE (I won't tell)

 
     

Autori: Bruno Canfora
Orchestra: Bruno Canfora
 
Testo:
Brava! Brava! Sono tanto brava! Brava!
Sono tanto brava, sono brava
sono tanto brava
faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì
forse... forse qualche nota non è proprio giusta... giusta
però io sono certa che così nessuno sa cantar
sono come un uccellin
senti il trillo... senti il trillo.
State un po' a sentir queste note così basse che so fare
poi vado su, vado su, vado su.
Brava! Brava! Come sono brava! Brava!
Certo se qualcuno vuole proprio... proprio pignolare
forse qualcosa non so fare ma sicuramente sì
non può essere che una cosa
che non ha nessun valore se vogliamo ricordare
che come me nessuno sa cantare
sono come un uccellin
senti il trillo... senti il trillo
e vi ricordate quelle note così basse che so fare.
Poi vado su... vado su... vado su
su... su... come due note
che volano nel cielo
E tutti sanno
che ho tanto di quel fiato
che neppure una balena può resistere sott'acqua
stando senza respirare tutto il tempo che io tengo questo "mi".
Brava! Brava! Come sono brava! Brava!
Sono tanto brava, sono brava
sono tanto brava
faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì
però mi sentirei un poco... poco più tranquilla
se potessi questa sera farmi dire che son brava sì
ma che a dirlo siate voi
voi voi voi voi voi voi voi voi
voi che lo sentite questo povero mio cuore che fa bum
bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum!
Brava! Brava!
Brava! Brava!
Brava!
 
Fonte: QUI
     
Autori: Bob Crewe, Antonietta De Simone, Bob Gaudio
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Vattene, se vuoi
tanto non ti cercherò
esci con chi vuoi
tanto io non morirò
questa volta no
non ti voglio più con me
l'uomo che mi va
vale molto più di te.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.
Vattene, se vuoi
io non ti trattengo più
oggi par così
fra noi due piangi tu
ieri, sì lo so,
ti ho creduto chissà chi
l'uomo che mi va
vale molto più di te.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.

Vattene, se vuoi
tanto non ti cercherò
l'uomo che mi va
vale molto più di te.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:07 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - L'ULTIMA OCCASIONE/E...(e adesso sono tua) (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Gen 14, 2018 9:20 pm

1. TITOLO:
 
1965 - L'ULTIMA OCCASIONE/E... (e adesso sono tua)
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16109 # Data pubblicazione: Luglio 1965 # Matrici: RR 821-82/RR 821-81 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Climax è lo pseudonimo comune di Jimmy Fontana e Gianni Meccia - Hammers è lo pseudonimo di Augusto Martelli / Copertina dello Studio Moletti / Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
L'ultima occasione/E... (E adesso sono tua) è il 73° singolo di Mina, pubblicato a luglio del 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
La copertina, realizzata dallo studio Moletti, presenta due diverse foto della cantante, scattate da Pietro Pascuttini sul set del primo ciclo dei caroselli Barilla, che Mina iniziò a girare proprio in quel periodo.

Per la prima volta e infrangendo un obbligo tacitamente rispettato, la copertina di un disco NON reca il nome di chi canta ma soltanto una sua fotografia. Ciò testimonia il livello di popolarità raggiunto da Mina fino a quel momento.

Ne esiste una versione non in vendita, esclusiva per il circuito dei jukebox.

Entrambi i brani fanno parte dell'album Studio Uno pubblicato a marzo e della successiva raccolta Mina & Gaber: un'ora con loro di ottobre.

Tra il 1965 e il 1966 il singolo raggiunge la 16a posizione nella classifica delle vendite settimanali, a fine 1965 sarà al 44º posto in quella annuale.

L'ultima occasione:
Spesso referenziata con l'aggiunta del sottotitolo: L'ultima occasione (Uno come te).

Dopo aver presentato il brano in anteprima a Studio uno, Mina partecipa alla Mostra internazionale di musica leggera di Venezia nel luglio del 1965. Non si tratta di una competizione tra cantanti o canzoni (cui Mina non parteciperà più, in seguito alla decisione presa dopo i fatti del Festival di Sanremo 1961), ma di una manifestazione che assegna un riconoscimento ("Gondola d'oro") in base alle vendite discografiche del brano presentato. Mina dunque non vince il premio in quell'edizione, ma nel 1966 per le vendite ottenute l'anno prima.

Video:
La registrazione della presentazione durante la quarta puntata (6 marzo 1965) di Studio Uno è contenuta nel DVD Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Esistono due filmati diversi per i caroselli pubblicitari Barilla: il primo girato nel 1965, il secondo, poco più breve, nel 1966.

E... (E adesso sono tua):
Maliziosamente intitolata E..., e solo successivamente sottotitolata E adesso sono tua, è stata registrata alla SIAE con i due titoli separati. Nell'antologia su 5 CD del 1993 curata da Selezione dal Reader's Digest intitolata Una voce, un cuore (catalogo RDCD 159), sono presenti entrambe le versioni (leggermente diverse).

Brano composto da Bruno Martelli, padre di Augusto (cui si devono arrangiamenti e direzione orchestrale dei 2 brani di questo 45 giri), che si firma 'Hammers': traduzione in inglese del cognome di famiglia.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
L'ULTIMA OCCASIONE (Uno come te)

 
      Lato B:
E... (e adesso sono tua)

 
     

Autori: Climax, Tony Del Monaco
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Uno come te
io non lo troverò mai più
uno come te

No, non posso più
chiederti tempo per cambiar
perché
sarebbe inutile
sarebbe solo per pietà
ed io non voglio più pretendere le cose che non merito
da te

E perderò così
anche quest'ultima occasione che mi dai
e sarà tardi quando
cercherò di te

Ma non posso più
chiederti tempo per cambiar
perché
sarebbe inutile
sarebbe solo per pietà
ed io non voglio più pretendere le cose che non merito
da te

E perderò così
anche quest'ultima occasione che mi dai
e sarà tardi quando
cercherò di te
di te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Hammers, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
E adesso sono tua
E nessun altro al mondo
Ti giuro, mi avrà

E t'amerò per sempre
E ti sarò vicino
Se tu mi vorrai

Se non avessi amato te
Io non avrei amato forse mai
Ti ho guardato ed ho capito
che nella mia vita
ci mancavi solo tu

E adesso sono tua
E nessun altro al mondo
Dopo di te mi avrà

Se non avessi amato te
Io non avrei amato forse mai
Ti ho guardato ed ho capito
che nella mia vita
ci mancavi solo tu

E adesso sono tua
E nessun altro al mondo
Dopo di te mi avrà
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:09 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - ORA O MAI PIU'/ADDIO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Gen 14, 2018 9:21 pm

1. TITOLO:
 
1965 - ORA O MAI PIU'/ADDIO
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16113 # Data pubblicazione: Ottobre 1965 # Matrici: RR 823-49/RR 823-50 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Lato A: Sigla della trasmissione televisiva "La prova del nove"(Piero Turchetti, 1965) / Piero Morgan è lo pseudonimo di Piero Piccioni / Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Ora o mai più/Addio è il 74° singolo di Mina, pubblicato a ottobre 1965 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Esiste anche in versione esclusiva per jukebox, la cui vendita è vietata al pubblico.

Gli arrangiatori dirigono le rispettive orchestre.

Nel 1966, Mina incide le versioni in spagnolo dei due brani, intitolate rispettivamente Ahora o jamas e Adios (non sono noti gli autori dei testi).
Entrambi i pezzi sono stati inseriti nell'EP Una casa en la cima del mundo/Si no estuvieras tu/Adios/Ahora o jamas (Belter 51.645) pubblicato in Spagna e nella raccolta su CD Mina latina del 1998.

Il singolo con i due brani in italiano è stato ristampato per il mercato spagnolo con copertina diversa e i titoli invertiti sui due lati Addio/Ora o mai più (Belter 07-240).

Successo e classifiche:
Grazie a Ora o mai più, sigla dello spettacolo televisivo abbinato alla tradizionale Lotteria di Capodanno, il singolo ottiene un buon successo commerciale.

Tra la fine del 1965 e l'inizio 1966 conta 3 mesi consecutivi di permanenza tra le prime 7 con due settimane al terzo posto. Nello stesso periodo è anche il 29° singolo più venduto.

Ora o mai più:
Sigla finale della trasmissione di varietà televisivo La prova del nove a cui Mina partecipò nelle prime due puntate (29 settembre e 6 ottobre).

Fa parte dell'album Mina & Gaber: un'ora con loro del 1965.

Sempre nel 1965, è stata incisa anche da Nancy Cuomo per l'etichetta discografica napoletana KappaO.

Nel DVD Gli anni Rai 1966-1967 Vol. 7 del cofanetto monografico in 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008, estratto dalla seconda puntata della trasmissione Musica da sera (5 marzo 1967), è presente il video di un medley di Mina che comprende un frammento (0:52) del brano. Questa fantasia, con Chi non conosce te/La lunga estate di Taormina/Va 'bbuono/Stanotte come ogni notte/'Nnammurata mia/Sei nata per essere adorata/Piccolissima serenata/Ora o mai più/Ciao, è contenuta anche nel CD audio I miei preferiti (Gli anni Rai), pubblicato nel 2014.

Addio:
Brano difficile, poco orecchiabile e decisamente NON commerciale, ha nella melodia di Piero Piccioni reminiscenze operistiche pucciniane, care alla cantante, e un testo, senza ritornello né strofe, essenziale alla scarna immagine trasmessa: una donna rinuncia ad una sua grande momentanea passione, per tornare dall'uomo che non può fare a meno di lei.

Si trova nell'album Studio Uno 66 e in un suggestivo video per i caroselli Barilla girato da Antonello Falqui.

Un video con Mina che la presenta la canzone come ospite nella seconda puntata della trasmissione Stasera Rita (20 novembre 1965),[10] è contenuto nel DVD Gli Anni Rai 1965-1966 Vol. 8.

Nel 1967 verrà riproposta in versione orchestrale nel quarta puntata (22 aprile) del programma Sabato sera con un filmato registrato al Teatro Regio di Parma.[11]
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
ORA O MAI PIU'

 
      Lato B:
ADDIO

 
     

Autori: Antonio Amurri, Gianni Ferrio
Orchestra: Gianni Ferrio
 
Testo:
Ora
o mai più
ora che fra le tue braccia
mi stringi tu.
La musica


sta
per finire
e ancora non sai cosa dire.
Ti guardo
non mi guardi
perché
perché
ora
o mai più
sono sicura che
m'ami
anche tu.
La notte
è arrivata alla fine
ma tu
non m'hai detto
"ti voglio bene".
Quando
lo farai
quando
morirai.
Adesso, ti prego
o mai.
Ora
o mai più
sono sicura che m'ami
anche
tu.
La notte
è arrivata alla fine
ma tu
non m'hai detto
"ti voglio bene".
Quando
lo farai
quando
morirai.
Adesso, ti prego
o mai
 
Fonte: QUI
     
Autori: Antonio Amurri, Piero Morgan
Orchestra: Piero Morgan
 
Testo:
Ti dico addio
ma come è triste riperderti
e più mi guardi
e più capisco di amarti
ma c’è qualcuno
che sta aspettandomi
cosa farebbe mai
senza di me.

Ti amo tanto
ma io ritorno da lui.
E’ troppo tardi,
troppo tardi per noi.

Ancora un bacio
ma sarà l’ultimo,
io dovrò vivere
senza di te.

E più ti guardo
e più capisco di amarti,
ma è troppo tardi,
troppo tardi per noi.

E più mi guardi
e più capisco di amarti
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:10 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - MINA INTERPRETATA DA MINA (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Gen 14, 2018 10:27 pm

1. TITOLO:
 
1965: MINA INTERPRETATA DA MINA
 
# Etichetta: ITALDISC # Catalogo: AS 36 # Data pubblicazione: Anno 1965 # Matrici: AS 36/A - AS 36/B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Matrici 16 Luglio / Distribuito da: ITALDISC - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Mina interpretata da Mina è una raccolta della cantante italiana Mina, pubblicata dall'etichetta discografica Italdisc su LP (catalogo AS 36) nel 1965.

Il disco:
Altra raccolta di Italdisc con brani già pubblicati, questa volta SENZA INEDITI. Ricalca quasi totalmente la sequenza di canzoni proposte nella precedente Mina Nº 7, ma presenta un numero maggiore di tracce. Anch'essa è catalogata tra gli album nella discografia sul sito ufficiale.

Disco N°36 della serie "Niagara", al cui N°11 la raccolta 20 successi di Mina.

La foto in copertina proviene dalla stessa sessione di scatti utilizzata per quella ufficiale del singolo Le tue mani/Il tempo, pubblicato a febbraio del 1962.

L'ordine dei titoli sulla copertina e sul sito ufficiale NON riportano la sequenza fisica dei brani presenti sui due lati del supporto (che è invece quella seguita nella sezione "Tracce").

Poiché le durate dei brani non sono riportate sui supporti, sono state indicativamente sostituite con quelle dei singoli. Inoltre raramente si incontrano LP a 33 giri di oltre 23/24 minuti per lato, è quindi probabile che alcune canzoni siano più brevi, soprattutto sul lato A.

Tutte le canzoni sono eseguite in italiano, eccetto Qué no, qué no!, il cui testo esiste solo in spagnolo.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: MINA INTERPRETATA DA MINA
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: MINA INTERPRETATA DA MINA
 
 



 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1965 - MINA & GABER UN'ORA CON LORO (E.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Gen 15, 2018 12:21 am

1. TITOLO
 
1965 - MINA & GABER UN'ORA CON LORO
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFL 14012 # Data pubblicazione: Ottobre 1965 # Matrici: RR 823-35 bis/RR 823-36 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio:  Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Per entrambi gli artisti si tratta di un'antologia del periodo RIFI, con l'eccezione di "Dopo la prima sera" di Giorgio Gaber pubblicata per la prima volta su questo album / Sul retro di copertina presentazione del disco di Enrico La Stella e Giuseppe Tarozzi - Grafica: Studio Moletti / Realizzazione a cura di Wladimiro Albera
 
 
2. RECENSIONE:
 
Mina & Gaber: un'ora con loro è una raccolta su LP che contiene canzoni interpretate da Mina (lato A) e Giorgio Gaber (lato B), pubblicata dall'etichetta discografica Ri-Fi a ottobre del 1965.

Il disco:
Il 33 giri contiene i brani dei due artisti, entrambi sotto contratto con la casa discografica Ri-Fi; 6 canzoni interpretate da Mina sul lato A, 6 pezzi di Gaber sul lato B.

Ha un discreto successo di vendite nel 1965, è il 32º disco più venduto in quell'anno.

Pubblicato su Compact Disc nel 2001 da MBO music (02455501032) e rimasterizzato dalla Halidon nel 2009 su LP in vinile da 180 grammi (SRLP 10) e Picture disc (SRLPD 10), entrambi a tiratura limitata. Nel 2011 è stato rimasterizzato con tecniche digitali dalla Halidon su CD (SRCD 6297).

I brani:
Di Gaber è l'unico inedito del disco: Dopo la prima sera; gli altri brani provengono dai singoli del 1965: Come ti amavo ieri/Un amore vuol dire, Pieni di sonno/Gli anni che verranno e Tu no (Dream on little dreamer)/Amore difficile amore.

Tu no è la cover di Dream on Little Dreamer cantata da Perry Como con l'Anita Kerr quartet, pubblicata su singolo e sull'album The Scene Changes nel 1965.

Per Mina invece due brani inediti su album, ma già pubblicati su singolo, Ora o mai più e Brava. Oltre a 4 tracce provenienti dall'album Studio Uno dello stesso anno.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: MINA & GABER UN'ORA CON LORO
 
   
 
   
 
4. TRACK LIST di: MINA & GABER UN'ORA CON LORO
 
Lato A Lato B

  • A1 ORA O MAI PIU'
  • A2 L'ULTIMA OCCASIONE (Uno come te)
  • A3 ERA VIVERE
  • A4 E...(e adesso sono tua)
  • A5 BRAVA
  • A6 PIÙ DI TE (I won't tell)


  • B1 COME TI AMAVO IERI
  • B2 PIENI DI SONNO
  • B3 AMORE DIFFICILE AMORE
  • B4 TU NO (Dream on little dreamer)
  • B5 DOPO LA PRIMA SERA
  • B6 UN AMORE VUOL DIRE
 
 
Lato A: 1 Canta MINA
ORA O MAI PIU'

 
      Lato B: 1 Canta GIORGIO GABER
COME TI AMAVO IERI

 
     

Autori: Antonio Amurri, Gianni Ferrio
Orchestra: in studio
 
Testo:
Ora
o mai più
ora che fra le tue braccia
mi stringi tu.
La musica


sta
per finire
e ancora non sai cosa dire.
Ti guardo
non mi guardi
perché
perché
ora
o mai più
sono sicura che
m'ami
anche tu.
La notte
è arrivata alla fine
ma tu
non m'hai detto
"ti voglio bene".
Quando
lo farai
quando
morirai.
Adesso, ti prego
o mai.
Ora
o mai più
sono sicura che m'ami
anche
tu.
La notte
è arrivata alla fine
ma tu
non m'hai detto
"ti voglio bene".
Quando
lo farai
quando
morirai.
Adesso, ti prego
o mai
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Gaber
Orchestra: in studio
 
Testo:
Come ti amavo ieri
oggi non va più bene
sei diventata un' altra
che non conosco più.

E chi lo sa fra un'ora
come sarai cambiata
non ho capito ancora
come sei fatta tu.

Tu sei come un giorno di marzo
tu sei come nube leggera
nel ciel di primavera inquieta come il mare
sei un' alito di vento che non si può fermare

Come ti amavo ieri
oggi non va più bene
sei diventata un' altra
che non conosco più

E chi lo sa fra un'ora
come sarai cambiata
non ho capito ancora
come sei fatta tu.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2 Canta MINA
L'ULTIMA OCCASIONE (Uno come te)

 
      Lato B: 2 Canta GIORGIO GABER
PIENI DI SONNO

 
     

Autori: Climax, Tony Del Monaco
Orchestra: in studio
 
Testo:
Uno come te
io non lo troverò mai più
uno come te

No, non posso più
chiederti tempo per cambiar
perché
sarebbe inutile
sarebbe solo per pietà
ed io non voglio più pretendere le cose che non merito
da te

E perderò così
anche quest'ultima occasione che mi dai
e sarà tardi quando
cercherò di te

Ma non posso più
chiederti tempo per cambiar
perché
sarebbe inutile
sarebbe solo per pietà
ed io non voglio più pretendere le cose che non merito
da te

E perderò così
anche quest'ultima occasione che mi dai
e sarà tardi quando
cercherò di te
di te
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Gaber
Orchestra: in studio
 
Testo:
Pieni si sonno,
già mezzi addormentati
ma troppo innamorati
per dirci buona notte
-e andare via-
si è fatto tardi
ma finchè tu mi guardi con occhi così dolci
non riesco a salutarti
-e andare via-

Che silenzio tutto intorno
resta qui guardiamo il giorno
strano,
dici,
è già domani,
è già domani,
devo andare,
ma rimani.

Pieni di sonno e siamo ancora insieme,
ti voglio troppo bene per dirti buona notte
-e andare via-

Nel silenzio del mattino
io ti sento più vicino,
pieni di sonno
già mezzi addormentati
ma troppo innamorati
per dirci buona notte
-e andare via-
-e andare via-
pieni di sonno

buona notte
notte


Lyrics powered by LyricFind


Altri testi di Giorgio Gaber
La Libertà
Io Non Mi Sento Italiano
Quando Sarò Capace D'Amare
Non Insegnate Ai Bambini
Canzone Dell'appartenenza
La Famiglia
La Ballata Del Cerutti
Il Desiderio
Torpedo Blu
C'è Un'Aria
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3 Canta MINA
ERA VIVERE

 
      Lato B: 3 Canta GIORGIO GABER
AMORE DIFFICILE AMORE

 
     

Autori: Augusto Martelli, Bruno Martelli, Alberto
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Quando c'eri tu era vivere
allora allora sì
non adesso che ho per me quel che voglio
e che mi basta chiedere

lui mi fa sembrare tutto facile
sta vicino a me
e mi vuole bene ma
non mi sento come quando c'eri tu

quendo era possibile
che baciando te
non vedessi più
il mondo intorno a me

Quando c'eri tu era vivere
allora allora sì

l'ho capito solo adesso son tornata in me
ma è già tardi ormai
e non troverò mai più
quelle cose che mi davi solo tu

e ora non rimane che
piangere e vivere senza più vivere
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Gaber
Orchestra: in studio
 
Testo:
Amore difficile amore
a fatica conquistato
con quanto dolore
mi hai già abbandonato.

Eran giorni quei giorni
io vivevo d’amore
e pensavo a una vita
fatta apposta per me.

Non sapevo i rimpianti
non sapevo le attese
come un cielo disteso
era il tempo per me

Amore difficile amore
a fatica conquistato
con quanto dolore
mi hai già abbandonato.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4 Canta MINA
E...(e adesso sono tua)

      Lato B: 4 Canta GIORGIO GABER
TU NO (Dream on little dreamer)

 
 
     

Autori: Hammers, Alberto Testa
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
E adesso sono tua
E nessun altro al mondo
Ti giuro, mi avrà

E t'amerò per sempre
E ti sarò vicino
Se tu mi vorrai

Se non avessi amato te
Io non avrei amato forse mai
Ti ho guardato ed ho capito
che nella mia vita
ci mancavi solo tu

E adesso sono tua
E nessun altro al mondo
Dopo di te mi avrà

Se non avessi amato te
Io non avrei amato forse mai
Ti ho guardato ed ho capito
che nella mia vita
ci mancavi solo tu

E adesso sono tua
E nessun altro al mondo
Dopo di te mi avrà
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Gaber
Orchestra: in studio
 
Testo:
Tu no
Certamente tu no
Tu no
Certamente tu no

E' vero che se m' innamorai
Prima o poi mi dimenticai
Ma tu no tu no

Certamente tu no
Tu no
Ti assicuro di no
Tu no
Ti assicuro che no

C' è già stato questo si
Qualcheduno un po' così
Ma tu no (tu no)
Ti assicuro di no

Volerti bene
È troppo importante per me
A mano a mano
Mi sto condizionando a te

Tu no
Puoi giurarci che no
Tu no
Puoi giurarci che no

Se qualcuno qui o laggiù
Poi non mi ha rivisto più
Tu no ( tu no)
Sta sicura che no
Tu no
Sta sicura che no
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5 Canta MINA
BRAVA

 
      Lato B: 5 Canta GIORGIO GABER
DOPO LA PRIMA SERA

 
     

Autori: Bruno Canfora
Orchestra: Bruno Canfora
 
Testo:
Brava! Brava! Sono tanto brava! Brava!
Sono tanto brava, sono brava
sono tanto brava
faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì
forse... forse qualche nota non è proprio giusta... giusta
però io sono certa che così nessuno sa cantar
sono come un uccellin
senti il trillo... senti il trillo.
State un po' a sentir queste note così basse che so fare
poi vado su, vado su, vado su.
Brava! Brava! Come sono brava! Brava!
Certo se qualcuno vuole proprio... proprio pignolare
forse qualcosa non so fare ma sicuramente sì
non può essere che una cosa
che non ha nessun valore se vogliamo ricordare
che come me nessuno sa cantare
sono come un uccellin
senti il trillo... senti il trillo
e vi ricordate quelle note così basse che so fare.
Poi vado su... vado su... vado su
su... su... come due note
che volano nel cielo
E tutti sanno
che ho tanto di quel fiato
che neppure una balena può resistere sott'acqua
stando senza respirare tutto il tempo che io tengo questo "mi".
Brava! Brava! Come sono brava! Brava!
Sono tanto brava, sono brava
sono tanto brava
faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì
però mi sentirei un poco... poco più tranquilla
se potessi questa sera farmi dire che son brava sì
ma che a dirlo siate voi
voi voi voi voi voi voi voi voi
voi che lo sentite questo povero mio cuore che fa bum
bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum!
Brava! Brava!
Brava! Brava!
Brava!
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Gaber
Orchestra: in studio
 
Testo:
Dopo la prima sera
Non ti avrei lasciata più
I nostri occhi l'avevano capito
E si davano già del tu

I nostri occhi l'avevano capito
E si davano già del tu

Non ci credevo
All'amore all'improvviso
Ma un tuo sorriso
Ha cambiato qualcosa in me

Dopo la prima sera
Non ti avrei lasciata più
I nostri occhi l'avevano capito
E si davano già del tu

I nostri occhi l'avevano capito
E si davano già del tu

Non ci credevo
Non credevo ai miei occhi
Spesso han mentito
Ma con te non è stato così

Dopo la prima sera
Non ci siam lasciati più
I nostri occhi avevano ragione
Se si davan già del tu

I nostri occhi avevano ragione
Se si davan già del tu
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 6 Canta MINA
PIÙ DI TE (I won't tell)

 
      Lato B: 6 Canta GIORGIO GABER
UN AMORE VUOL DIRE

 
     

Autori: Bob Crewe, Antonietta De Simone, Bob Gaudio
Orchestra: Augusto Martelli
 
Testo:
Vattene, se vuoi
tanto non ti cercherò
esci con chi vuoi
tanto io non morirò
questa volta no
non ti voglio più con me
l'uomo che mi va
vale molto più di te.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.
Vattene, se vuoi
io non ti trattengo più
oggi par così
fra noi due piangi tu
ieri, sì lo so,
ti ho creduto chissà chi
l'uomo che mi va
vale molto più di te.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.

Vattene, se vuoi
tanto non ti cercherò
l'uomo che mi va
vale molto più di te.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me.
Più di te
più di te
più di te
che ormai non sei più niente per me
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Giorgio Gaber
Orchestra: in studio
 
Testo:
Un amore vuol dire
Saper voler bene
Un amore vuol dire
Capirsi di piu'

E se un giorno I tuoi occhi mi diranno
Che tu mi ami un po' meno
Mi fara' molto male
Ma sara' colpa mia
Non ho saputo amarti
Come dovevo amarti

Un amore vuol dire
Saper voler bene
Un amore vuol dire
Capirsi di piu'

E se un giorno io sapro' dai tuoi occhi
Che devo lasciarti per sempre
Lo faro' con dolore
Ma sara' colpa mia
Mi hai dato tanto amore
Io l'ho gettato via

Un amore vuol dire
Saper voler bene
Se qualcuno ti ama
Tu ama di piu'
 
Fonte: QUI
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:16 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MINA: 1966 - UNA CASA IN CIMA AL MONDO/SE TU NON FOSSI QUI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Gen 15, 2018 12:00 pm

1. TITOLO:
 
1966 - UNA CASA IN CIMA AL MONDO/SE TU NON FOSSI QUI
 
# Etichetta: RIFI # Catalogo: RFN 16125 # Data pubblicazione: Gennaio 1966 # Matrici: RR 823-88/RR 823-87 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Copertina dello Studio Moletti / Distribuito da RIFI Record Company - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Una casa in cima al mondo/Se tu non fossi qui è il 75° singolo di Mina, pubblicato a gennaio del 1966 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.

Il disco:
Mina apre la produzione 1966 dei suoi singoli con un 45 giri che contiene due canzoni partecipanti al Festival di Sanremo di quell'anno. Scegliendo, come d'abitudine, i due brani a lei più adatti e facendoli diventare suoi successi personali.

Esiste anche in versione esclusiva per jukebox, la cui vendita è vietata al pubblico.

Primo singolo in stereofonia nella discografia dell'artista.

Entrambi i brani fanno parte dell'album Studio Uno 66 e sono stati filmati per i caroselli Barilla. L'immagine in copertina è invece tratta dal video girato per il brano Addio.

Gli arrangiatori dirigono le rispettive orchestre.

Nel 1966, Mina incide le versioni in spagnolo dei due brani, intitolate rispettivamente Una casa encima del mundo e Si no estuvieras tu con i testi di Ben Molar e Antartide.
Entrambi i pezzi sono stati inseriti nell'EP Una casa en la cima del mundo/Si no estuvieras tu/Adios/Ahora o jamas (Belter 51.645) pubblicato in Spagna e nella raccolta su CD Mina latina del 1998.

Il singolo con i due brani in italiano è stato ristampato per il mercato spagnolo con copertina diversa e titolo Mina canta Sanremo 1966 (Belter 07-246).

Successo e classifiche:
Una casa in cima al mondo, nella primavera del 1966, riporta Mina tra le prime dieci e fino al 5º posto delle vendite settimanali; lo stesso brano cantato dall'autore Pino Donaggio non andrà oltre la nona posizione.

A fine anno il singolo di Mina sarà il 49° più venduto, quello di Donaggio il 71°.

Una casa in cima al mondo:
Scritta da Pino Donaggio e proposta in gara a Sanremo dallo stesso autore e da Claudio Villa, sfiora il podio della manifestazione, ottenendo il quarto posto.

Mina la promuove per la prima volta il 5 febbraio durante il programma di varietà televisivo Un'ora insieme, in cui come ospite duetta con la conduttrice Caterina Valente.[6] Il video di questa esibizione si trova nel DVD Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8, inserito in un cofanetto monografico di 10 volumi pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Musica e testo:
IL testo racconta il sogno di due innamorati di volare con la loro casa, la melodia contribuisce all'immagine elevandosi gradatamente di tonalità con piacevoli virtuosismi musicali. Lavoro compositivo di qualità di Donaggio in gran forma, parzialmente compromesso a Sanremo dall'interpretazione roboante e stentorea di Claudio Villa. Mina restituisce la giusta dimensione onirica al pezzo e subito ottiene migliori risultati in classifica.

Se tu non fossi qui:
Altro brano del Festival di Sanremo 1966 presentato da Peppino Gagliardi e Pat Boone, che ha però meno fortuna del precedente, arrivando decimo.

Mina canta il pezzo dal vivo, inizialmente come ospite di Johnny Dorelli nella prima puntata del programma Johnny sera (28 aprile 1966), poi in una puntata di Aria condizionata (24 luglio).[8] Anche la registrazione del brano nel programma di Dorelli è reperibile in Gli anni Rai 1965-1966 Vol. 8.

Musica e testo:
Altra bella melodia sottovalutata di Carlo Alberto Rossi, che sovrasta la semplice personalità canora di Pat Boone ma diventa intensa e suggestiva nell'ottima interpretazione di Gagliardi, che tuttavia paga il fatto di essere un cantante all'epoca ancora poco conosciuto e apprezzato.

Come era già accaduto nel 1964 con E se domani e succederà ancora nel 1968 con Che vale per me (altre due canzoni firmate Rossi), l'intuizione di Mina e la sua capacità interpretativa faranno di questo brano un successo più ricordato e celebrato della versione originale.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
UNA CASA IN CIMA AL MONDO

 
      Lato B:
SE TU NON FOSSI QUI

 
     

Autori: Pino Donaggio, Vito Pallavicini
Orchestra: in studio
 
Testo:
Amor, non piangere per me
se questo mondo non ha sorrisi per me,
ringrazio Iddio di avermi dato già te, già te.

Vedrai che un giorno cambierà,
verrà un mattino ed a svegliarti verrò,
andremo via nella mia casa io e te, io te.

La nostra casa in cima al mondo
e quando tu verrai, leggera se ne andrà
nel cielo volerà con noi.

La nostra casa in cima al mondo
la terra girerà, lontana più che mai
e tu la scorderai con me.

Amor, non piangere mai più
gli innamorati non sono poveri mai
amore mio devi sperare con me, con me.

La nostra casa in cima al mondo
e quando tu verrai, leggera se ne andrà
nel cielo volerà con noi.

Con noi, con noi, con noi.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Carlo Alberto Rossi, Marisa Terzi
Orchestra: in studio
 
Testo:
Se tu non fossi qui
se tu non fossi qui
povero me…
sarei una cosa morta
una candela spenta
un uomo inutile…

E se tu
mi lasciassi davvero
che varrebbe
lottare da solo
come pensare
ad amare di nuovo:
lo potresti tu?

Se tu non fossi qui
potrei trovare un altra
questo lo so…
Sarebbe un triste cambio
e so che dal dolore
dovrei nascondermi
io
andrei a piangere
a piangere chiamandoti…

Se tu non fossi qui
accanto a me
con me…
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Ott 10, 2018 11:17 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 2530
Punti : 2530
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: MINA - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: MINA

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum