Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo




________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 24 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 24 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 321 il Dom Gen 14, 2018 7:53 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

DAL CENTROSINISTRA ALL'AUTUNNO CALDO (1963-1969)

Andare in basso

DAL CENTROSINISTRA ALL'AUTUNNO CALDO (1963-1969)

Messaggio  admin_italiacanora il Dom Gen 02, 2011 3:16 pm

QUELLA NOTTE DAVANTI ALLA BUSSOLA

* Autore: Canzoniere Pisano
* Localizzazione: Italia, toscana
* Anno: 1969
* Tematiche: comunisti, lavoro, economia, capitale
* Data di riferimento: 1 gennaio 1969
* Informazioni: La contestazione a base di lancio di ortaggi, organizzata da Potere Operaio, contro i frequentatori del veglione di capodanno al locale la Bussola delle Focette (Viareggio), fini tragicamente, con una sparatoria dei carabinieri, che ferirono gravemente Soriano Ceccanti, un giovane che per le ferite riportate restò paralizzato. La canzone fu scritta dal Canzoniere Pisano nei primi mesi del 1969.


Sul vecchio ponte nella valle aspetto te
e guardo l'acqua con un fremito perché
come l'acqua del torrente
passerai vicino a me.

Tu mi giurasti eterno amore e fedeltà
ed or mi sfuggi senza un'ombra di pietà,
come l'acqua del torrente
che travolge e se ne va.

Perché, perché ti cerco?
Perché, perché ti voglio?

Perchè il mio cuore non ti può dimenticare
e le mie labbra che d'arsura fai bruciare,
come l'acqua del torrente
solo tu puoi dissetare.

Come l'acqua del torrente
passi e vai lontan da me.
E il mio cuor perdutamente
lo trascini via con te.

Perché, perché ti cerco?
Perché, perché ti voglio?

Sei come l'acqua che mi sfiora nel passare
ma tra le braccia non ti posso imprigionare,
come l'acqua del torrente
che nessuno può afferrare.

Dovunque andrai, ti seguirò,
ti perderai ed io con te mi perderò!
Fonte: QUI


Ultima modifica di admin_italiacanora il Sab Nov 17, 2012 4:29 pm, modificato 1 volta
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2074
Punti : 4328
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAL CENTROSINISTRA ALL'AUTUNNO CALDO (1963-1969)

Messaggio  admin_italiacanora il Gio Feb 10, 2011 10:33 pm

IGNORANTI SENZA SCUOLE

* Tematiche: Primo dopoguerra, fascismo e antifascismo
* Informazioni: Canto del repertorio del Coro delle mondine della cooperativa dei Cappuccini di Vercelli ed eseguito durante il primo folk-festival di Torino (1965).


Ignoranti senza scuole,
calpestate dal padron,
noi eravam la plebe della terra
ma in risaia come in prigion.

E ci hanno detto ma questa vita
la dovrete sempre far
e i padroni ci son sempre stati
e i padroni dovranno star.

Ma un bel giorno ci abbiam risposto
voi siete servi del padron
e se lottiamo avremo più giustizia,
più diritto di pane e di lavoro.

Ma i padroni hanno armi
di menzogna e corruzion
hanno i giornali il cinema la radio
che difendono i profitti del padron.

Ma “noi donne” è gran faro
che ci illumina il cammin
e per noi donne è un’arma di progresso
e di giustizia per tutte noi mondin.
Fonte: QUI
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2074
Punti : 4328
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

DAL CENTROSINISTRA ALL'AUTUNNO CALDO (1963-1969)

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Nov 17, 2012 4:20 pm

- BALLATA PER L'ARDIZZONE

Milano 27 ottobre 1962. - Giovanni Ardizzone nacque nel 1941 a Castano Primo, a nord di Milano; era figlio unico di una famiglia titolare di una farmacia.

Quando fu ucciso aveva 21 anni, era iscritto al secondo anno della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Milano, e frequentava il collegio universitario Fulvio Testi, alle porte della città operaia di Sesto San Giovanni, alla periferia nord di Milano. Nell'ambiente studentesco e proletario apprese a conoscere e condividere gli ideali del movimento operaio ed arrivò ad essere un attivo militante comunista. Come in tante altre città italiane, sabato 27 ottobre 1962, in piena “crisi dei missili”, la Camera del Lavoro di Milano organizzò una grande manifestazione pacifista e di protesta contro l'aggressione imperialista degli Stati Uniti a Cuba. Dopo il discorso del segretario della CGIL, si formò un corteo che sfilò nelle vie del centro storico milanese. I manifestanti alzavano cartelli e striscioni, scandivano parole d'ordine e canzoni politiche: "Indipendenza per Cuba", "Cuba sì, yankee no", "Pace, Pace", "Disarmo", "Fuori le basi nordamericane"...

Dopo l'arrivo del corteo in piazza del Duomo, il Comando della Polizia dette l'ordine di disperdere i manifestanti pacifisti. Il Terzo Battaglione della Celere, corpo speciale di intervento anti-manifestazioni, giunto appositamente da Padova, iniziò i caroselli con le jeep. Le camionette cariche di poliziotti si gettarono deliberatamente contro la testa del corteo, investendo lo studente Giovanni Ardizzone (davanti alla Antica Loggia dei Mercanti, di fronte al Duomo di Milano) e poco dopo altri due manifestanti: il muratore Nicola Giardino di 38 anni, e l’operaio Luigi Scalmana, di 57 anni. Giovanni Ardizzone morì nello stesso pomeriggio in ospedale; gli altri due feriti restarono in fin di vita per alcuni giorni, poi si salvarono. La popolazione milanese reagì all'aggressione poliziesca con lanci di pietre e bastoni, obbligando varie volte le jeep a ritirarsi.

Durante gli scontri e specialmente nella caccia all'uomo attuata dalla polizia nelle vie adiacenti, ci furono altri feriti e arrestati. Nella notte tra il sabato e la domenica, gruppi di manifestanti giunsero alla spicciolata nel luogo dove era stato ucciso Giovanni Ardizzone, e dettero vita a un sit-in-non-stop. Domenica 28 ottobre 1962 una moltitudine sempre più impressionante di persone si concentrò in Piazza Duomo e dintorni, depositando fiori e cartelli che denunciavano gli autori dell'assassinio.
Assurdamente, il ministero dell'interno e la stampa governativa e padronale cercarono di nascondere e mistificare l’assassinio, facendolo passare come “banale incidente stradale”.

Lunedì 29 ottobre 1962 gli operai delle fabbriche milanesi entrarono in sciopero e furono sospese le lezioni nelle università e nelle scuole superiori al fine di potere partecipare alla protesta collettiva contro l’assassinio di Giovanni Ardizzone.

Nella notte tra lunedì e martedì una immensa manifestazione collocò il ritratto del giovane caduto e molte corone di fiori nel vicino Sacrario dedicato ai Caduti della Resistenza, dove continuò il pellegrinaggio della popolazione milanese e lombarda. Una grande partecipazione vi fu pure al funerale di Giovanni Ardizzone, nel suo paese natale, Castano Primo, dove giunsero per l'estremo saluto oltre 5 mila persone.
Anche in molte altre città italiane, dove nei giorni precedenti furono realizzate manifestazioni contro l’aggressione imperialista Usa a Cuba, ci furono scioperi nelle scuole superiori e nei posti di lavoro, e il popolo italiano scese ancora per le strade protestando contro l'assassinio dello studente di medicina ucciso a soli 21 anni per la libertà di Cuba e della Rivoluzione Cubana…

A Cuba Giovanni Ardizzone è molto amato e ricordato: a lui da molto tempo è dedicata la Facoltà Universitaria di Medicina ospitata presso l’ospedale dell'Isola della Gioventù, e una sua foto è esposta nell’aula magna di Nueva Gerona.
Fonte: QUI

Nel 1963 il cantautore Ivan Della Mea dedicò una canzone a Giovanni Ardizzone: “Ballata per l’Ardizzone”

Testo dialettale:                                Traduzione letterale:                   
Spoiler:


M'han dit che incö la pulisia
a l'ha cupà un giuvin ne la via;
sarà stà, m'han dit, vers i sett ur
a un cumisi dei lauradur.

Giovanni Ardizzone l'era el so nom,
de mesté stüdent üniversitari,
comunista, amis dei proletari:
a l'han cupà visin al noster Domm.

E i giurnai de tüta la tera
diseven: Castro, Kennedy e Krusciòv;
e lü 'l vusava: «Si alla pace e no alla
[guerra!»
e cun la pace in buca a l'è mort.

In via Grossi i pulé cui manganell,
vegnü da Padova,
specialisà in dimustrasiun,
han tacà cunt i gipp un carusel
e cunt i röd han schiscià l'Ardissun.

A la gent gh'è andà inséma la vista,
per la mort del giuvin stüdent
e pien de rabia: «Pulé fascista -
vusaven - mascalsun e delinquent».

E i giurnai de l'ultima edisiun
a disen tücc: «Un giovane studente,
e incö una gran dimustrasiun,
è morto per fatale incidente,
è morto per fatale incidente,
è morto per fatale incidente».

Fonte: QUI
          
Spoiler:
M'hanno detto che oggi la polizia
ha ammazzato un giovane per la via;
sarà stato, m'han detto, verso le sette,
a un comizio di lavoratori.
Giovanni Ardizzone, era il suo nome,
di mestiere studente universitario,
comunista, amico dei proletari:
L'hanno ammazzato vicino al nostro Duomo.
E i giornali di tutta la terra
dicevano: Castro, Kennedy e Kruscev;
e lui gridava: Si alla pace e no alla guerra;
e con la pace in bocca è morto.
In via Grossi i poliziotti coi manganelli,
venuti da Padova specializzati in dimostrazioni,
hanno attaccato, con le jeep, un carosello
e con le ruote han schiacciato l'Ardizzone.
La gente ha cominciato a non vederci più
dalla rabbia per la morte del giovane studente
e, rabbiosa: Polizia Fascista - gridava,
mascalzoni, delinquenti!
I giornali dell'ultima edizione
dicono tutti: «Un giovane studente,
oggi, durante una grande manifestazione,
è morto per un fatale incidente,
è morto per un fatale incidente
è morto per un fatale incidente».

Fonte: QUI
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2074
Punti : 4328
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAL CENTROSINISTRA ALL'AUTUNNO CALDO (1963-1969)

Messaggio  admin_italiacanora il Lun Ago 12, 2013 12:24 pm

- CANZONE ALLA MIA CHITARRA


* Autore:  Fausto Amodei, Cantacronache

Cantacronache è il nome di un gruppo di musicisti, letterati e poeti, sorto a Torino nel 1957 con lo scopo di valorizzare il mondo della canzone attraverso l'impegno sociale. Tra i fondatori vi furono Fausto Amodei, Sergio Liberovici e Michele Straniero. Vengono considerati i precursori dell'esperienza dei cantautori italiani. Negli anni trionfali del Festival di Sanremo e della musica leggera, la proposta di Cantacronache fece fatica ad affermarsi al di là di ristretti ambienti fortemente politicizzati, e nel 1962 il gruppo si sciolse. Due dei suoi membri, Amodei e Straniero, proseguirono l'attività di riscoperta del canto sociale all'interno del Nuovo Canzoniere Italiano. Molte delle incisioni del gruppo, realizzate tra il 1957 e il 1963 su vari 45 giri EP o singoli (prima su etichetta Italia Canta e poi su DNG), furono ristampate in quattro LP pubblicati dalla Vedette nel 1971.


Ho trovato la vera amica mia
che quando mi si chiude l'uscio in faccia
Resta a lungo a farmi compagnia
e fa l'amore qui tra le mie braccia

E quando l'altra gente a me vicina
Non posso amarla più perchè m'inganna
Mi viene in braccio come una bambina
e si lascia cantar la ninna nanna

La mia chitarra canta
senza darsi importanza
se canta cose tristi
lascia un po' di speranza
se canta cose allegre
le rende un poco tristi
proprio come è la vita
di noi poveri cristi
proprio come per noi
poveri cristi

La mia chitarra lei non se l'ha a male
se il potente o il mercante di cannoni
non la paga a cantar nelle fanfare
le sue glorie con pifferi e tromboni

La mia chitarra canta
senza darsi importanza
se canta cose tristi
lascia un po' di speranza
se canta cose allegre
le rende un poco tristi
proprio come è la vita
di noi poveri cristi
proprio come per noi
poveri cristi
Fonte: QUI
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2074
Punti : 4328
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAL CENTROSINISTRA ALL'AUTUNNO CALDO (1963-1969)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum