Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 20 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 20 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 321 il Dom Gen 14, 2018 7:53 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

PATTY PRAVO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: PATTY PRAVO

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

PATTY PRAVO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  admin_italiacanora il Ven Dic 31, 2010 11:44 am


Di seguito viene riportata la discografia completa di PATTY PRAVO

INDICE



Questa voce tratta della discografia di Patty Pravo, cantante che ha cambiato un alto numero di case discografiche per la produzione e pubblicazione dei suoi album e singoli.

La carriera discografica si può suddividere nelle seguenti fasi:


  • Il periodo ARC nel 1966, caratterizzato dalla pubblicazione del primo 45 giri della cantante, Ragazzo triste, seguito da altri otto singoli e i primi due album Patty Pravo e Concerto per Patty, rispettivamente pubblicati negli anni 1968 e 1969.
  • Il periodo RCA che inizia con la pubblicazione del 45 giri Per te/Il mio fiore nero, seguito da altri quattro singoli e due album, uno di questi omonimo e poi soprannominato Cimiteria per il disegno di copertina.
  • Il terzo, uno fra i più intensi, è il soprannominato Periodo Philips che va dal 1971 al 1972 e che vede la pubblicazione di tre singoli e tre album di assoluto pregio, quali Di vero in fondo, Per aver visto un uomo piangere e soffrire Dio si trasformò in musica e poesia e Sì... Incoerenza.
  • Il quarto periodo riguarda il ritorno, nel 1973, alla casa discografica d'origine: la RCA Italiana. Gli anni che vanno dal 1973 al 1976 sono considerati gli Anni d'oro della carriera artistica della Pravo, grazie anche alla pubblicazione del suo secondo grandioso successo (dopo La bambola, nel 1968): Pazza idea.
  • Il quinto brevissimo e infelice (in fatto di vendite) periodo riguarda la fine del 1976, con la casa discografica milanese Ricordi, con cui verranno pubblicati due singoli e il terzo album omonimo che, per la particolarità dell'immagine di copertina, verrà contraddistinto dalla stessa Pravo, come dai fan, Biafra Record.
  • Il sesto periodo riguarda l'ennesimo ritorno alla RCA Italiana, nella fine del 1977 con l'immediata pubblicazione a inizio del 1978, del singolo di grande successo Pensiero stupendo e gli album Miss Italia e Munich Album, più altri due singoli.
  • Il settimo periodo riguarda la pubblicazione di un solo album prodotto e registrato in America con la casa discografica americana CBO, nel 1982: Cerchi.
  • L'ottavo periodo sancisce la collaborazione della Pravo con la casa discografica CGD di Caterina Caselli, che va dal 1984 fino al 1985, con la pubblicazione dell'album Occulte persuasioni più due singoli, fra cui Per una bambola/Viaggio pubblicato in occasione del ritorno di Patty Pravo nelle scene musicali, con la partecipazione al Festival di Sanremo 1984.
  • Il nono, brevissimo, riguarda la successiva partecipazione al Festival di Sanremo 1987 col brano Pigramente signora, dunque la pubblicazione del singolo con l'etichetta discografica Virgin Records, che l'artista abbandona subito dopo la partecipazione al concorso canoro, a causa dell'accusa di plagio.
  • Il decimo vede la collaborazione con la casa discografica Carrere, sempre nel 1987, e la pubblicazione di un solo singolo: Contatto/So Fine So Nice.
  • L'undicesimo, fortuito, invece è caratterizzato dalla collaborazione con la Five Record (di proprietà Mediaset), nel 1990, grazie alla vincita del programma Una rotonda sul mare, per la quale alla Pravo viene permesso di pubblicare un'antologia (che contiene una serie di successi riarrangiati) dal titolo Pazza idea eccetera eccetera....
  • Il dodicesimo, nel 1994, riguarda la pubblicazione dell'album Ideogrammi e il singolo I giorni dell'armonia/La vita/Sogni per l'etichetta discografica di David Zard (Zard Records).
  • Il tredicesimo, che va dal 1997 al 2004 vede la collaborazione con la casa discografica Sony Music (più particolarmente con varie etichette appartenenti a questa, quali Epic Records, Pravitia e Pensiero Stupendo) e la pubblicazione di sei album (Bye Bye Patty, Notti, guai e libertà, Una donna da sognare, Patty Live '99, Radio Station e Nic - Unic) e undici singoli.
  • Il quattordicesimo, brevissimo, è caratterizzato dalla collaborazione con la casa discografica francese Kyrone Gp Music con la pubblicazione dell'album Spero che ti piaccia...Pour toi dedicato all'interprete defunta Dalida.
  • Il periodo successivo riguarda la pubblicazione dell'album Live Arena di Verona - Sold Out, nel febbraio 2009, dopo la partecipazione al Festival di Sanremo col brano E io verrò un giorno là.
  • La sedicesima fase riguarda la pubblicazione del nuovo album di inediti, avvenuta immediatamente dopo la partecipazione al Festival di Sanremo 2011, intitolato Nella terra dei pinguini per cui la Pravo ha firmato un contratto discografico con la Carosello, anticipato dal singolo Unisono.
Qui sotto è riportato l'elenco degli album, viene inoltre indicato se in archivio è presente o no il relativo testo e il video contenente il brano cantato (n.d.r.= per video è inteso il brano cantato).

Il colore VERDE del titolo del brano, indica che è presente in un topic e quindi, cliccandoci, è possibile raggiungerlo direttamente.


45 giri

1966 - Ragazzo triste/The Pied Piper (ARC, AN 4097)
1967 - Sto con te/Qui e là (ARC, AN 4112)
1967 - Se perdo te/Lettera a Gianni (ARC, AN 4135)
1968 - La bambola/Se c'è l'amore (ARC, AN 4155)
1968 - Gli occhi dell'amore/Sentimento (ARC, AN 4165)
1968 - Tripoli 1969/Lasciatemi amare chi voglio (ARC, AN 4175)
1969 - Il paradiso/Scende la notte sale la luna (ARC, AN 4180)
1969 - Concerto per Patty (ARC, AN 4188)
1969 - Nel giardino dell'amore/Ballerina ballerina (ARC, AN 4191)
1970 - La spada nel cuore/Roma è una prigione (ARC, AN 4197)
1970 - Per te/Il mio fiore nero (Rca Italiana, PM 3528)
1970 - La solitudine/1941 (Rca Italiana, PM 3541)
1970 - Non andare via/Un poco di pioggia (Rca Italiana, PM 3558)
1971 - Tutt'al più/Chissà come finirò (Rca Italiana, PM 3571)
1971 - Love Story/Di vero in fondo (Philips, 6025 027)
1971 - Non ti bastavo più/Canzone degli amanti (Philips, 6025 041)
1972 - Io/Un po' di più (Philips, 6025 054)
1973 - Pazza idea/Morire tra le viole (Rca Italiana, PM 3709)
1974 - Come un Pierrot/La valigia blu (Rca Italiana, TPBO 1037)
1975 - Incontro/Mercato dei fiori (Rca Italiana, TPBO 1137)
1976 - Tanto/Io ti venderei (Rca Italiana, TPBO 1186)
1976 - Grand hotel/Innamorata io (Dischi Ricordi, SRL 10825)
1977 - Tutto il mondo è casa mia/Da soli noi (Dischi Ricordi, SRL 10847)
1978 - Pensiero stupendo/Bello (RCA Victor, PB 6138)
1979 - Sentirti/Notti bianche (Rca Italiana, PB 6294)
1979 - Autostop/New York (Rca Italiana, PB 6342)
1984 - Per una bambola/Viaggio (CGD, 10535)
1985 - Menù/Day by Day (CGD, 10623)
1987 - Pigramente signora (Virgin Records, VIN 45215)
1987 - Contatto/So Fine So Nice (Carrere Records, CAR 72018)


33 Giri

1968 - Patty Pravo (ARC, ALPS 11009)
1969 - Concerto per Patty (ARC, ALPS 11013)
1970 - Patty Pravo (Cimiteria) (RCA Italiana, PSL 10461)
1971 - Bravo Pravo (RCA Italiana, PSL 10491)
1971 - Di vero in fondo (Philips, 6323 004)
1971 - Per aver visto un uomo piangere e soffrire Dio si trasformò in musica e poesia (Philips, 6323 010)
1972 - Sì... incoerenza (Philips, 6323 014)
1973 - Pazza idea (RCA Italiana, DPSL 10591)
1974 - Mai una signora (RCA Italiana, TPL 1-1051)
1975 - Incontro (RCA Italiana, TPL 1-1148)
1976 - Tanto (RCA Italiana, TPL 1-1195)
1976 - Patty Pravo (Biafra) (Dischi Ricordi, SMRL 6193)
1978 - Miss Italia (RCA Italiana, PL 31392)
1979 - Munich Album (RCA Italiana, PL 31447)
1982 - Cerchi (CBO, CBLP 1005)
1984 - Occulte persuasioni (CGD, 20401)
1989 - Oltre l'Eden... (Fonit-Cetra, TPLX 226)
1990 - Pazza idea eccetera eccetera... (Five Record, FM 13663)


Cd singoli

1995 - I giorni dell’armonia (I GIORNI DELL’ARMONIA – LA VITA – SOGNI)
1995 - E dimmi che non vuoi morire - QUI E LA’ (live)
1997 - Pensiero stupendo ’97 - PENSIERO STUPENDO (V-Mix) - PENSIERO STUPENDO ’97 (live)
1998 - LES ETRANGERS - LES ETRANGERS (Strumentale)
1998 - STRADA PER UN’ALTRA CITTA’ - SWEET LOVE
1998 - EMMA BOVARY - BABY BLU
1998 - ANGELUS (remix) - ANGELUS (album version)
2000 - UNA DONNA DA SOGNARE - UNA DONNA DA SOGNARE (Strumentale)
2000 - UNA MATTINA D’ESTATE - COUNT DOWN
2000 - Se chiudi gli occhi – Parliamone
2002 - L’IMMENSO - L’IMMENSO (Strings version)
2002 - NOI DI LA’ (Lagoinha-album version) - NOI DI LA’ (Lagoinha R&B mix) - NOI DI LA’ (Lagoinha mx) Divertissement di Nicoletta Strambelli - NOI DI LA’ (Lagoinha Bahia rmx)
2004 - Che uomo sei - Tender Chiara
2012 - Com’è bello far l’amore
2012 - La Luna
2013 - Non Mi Interessa


Cd

1994 - Ideogrammi
1997 - Bye Bye Patty
1998 - Notti, guai e libertà
2000 - Una donna da sognare
2001 - Patty Live '99
2002 - Radio Station
2004 - Nic - Unic
2007 - Spero che ti piaccia...Pour toi
2009 - Live Arena di Verona - Sold Out
2009 - Circola un video su di me
2011 - Nella terra dei pinguini
2013 - Meravigliosamente Patty
2016 - Eccomi


Fonte: QUI


Ultima modifica di admin_italiacanora il Gio Apr 12, 2018 11:48 pm, modificato 4 volte
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2060
Punti : 4306
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1963 - RAGAZZO TRISTE/THE PIED PIPER (45 giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Mer Gen 12, 2011 12:02 am

1. TITOLO:

1963 - RAGAZZO TRISTE/THE PIED PIPER

* Etichetta: ARC Piper Club Series * Data di pubblicazione: Ottobre 1966 * Supporto:vinile 45 giri * Tipo audio: Mono * Dimensioni: 17,5 cm. * Facciate: 2

Note: "The Pied Piper" è cantata in inglese / Distribuito da RCA Italiana - Roma)


2. RECENSIONE:

Gli esordi: Ragazzo triste e il periodo ARC (1965-1967)

Nel 1966 incide per la ARC il suo primo singolo, Ragazzo triste (versione italiana di But you're mine di Sonny & Cher) col quale partecipa alla trasmissione televisiva Scala Reale (esibendosi il 12 novembre 1966) e che detiene un primato: è la prima canzone pop ad essere trasmessa da Radio Vaticana, mentre la Rai censura il verso:
« scoprire insieme il mondo che ci apparterrà »
che si trasforma in:
« scoprire insieme il mondo che ci ospiterà »

Per la "Ragazza del Piper" è solo il primo di una lunghissima serie di successi con canzoni celeberrime a metà tra il beat e il melodico: prime, nel 1967, Qui e là (cover dell'originale Holy Cow di Lee Dorsey) con cui si esibisce alla trasmissione televisiva Partitissima il 23 settembre 1967 e Se perdo te (cover del brano The Time Has Come, di P.P. Harnold, la cui versione italiana è molto più lenta dell'originale).

Nel 1967 registra la sua prima apparizione cinematografica in Passeggiando per Subiaco, un cotrometraggio in cui si esibisce col brano Qui e là girato e prodotto da Tullio Piacentini; tra gli altri è presente il giovane Lucio Dalla con la canzone Il cielo.

Lo stesso anno prende parte alla serie TuttoTotò nella puntata Toto ye ye, in veste eccezionale di presentatrice.
Alla fine della puntata si esibisce col brano Sto con te.
Partecipa anche ad alcuni musicarelli, tra i quali: Una ragazza tutta d'oro, dove interpreta Ragazzo triste e l'inedito Respect (Rispetto), L'immensità, I ragazzi di Bandiera Gialla, Il ragazzo che sapeva amare e La coppia più bella del mondo; nei quali si esibisce con Qui e là.

E' la testimonial per la pubblicità del gelato Paiper per cui realizza anche degli spot, nei quali si esibisce con Qui e là, Se c'è l'amore, Ci amiamo troppo, La bambola e l'inedito Vecchio mondo.
Fonte: QUI

Il disco
Il singolo entrò nella top 20 dei singoli più venduti in Italia, ma non riuscì ad andare oltre alla diciassettesima posizione nel gennaio 1967, ed alla sessantaseiesima dei singoli più venduti dell'anno.
In occasione dell'uscita del singolo, la ARC fece nascere la sottoetichetta Piper Records.
Gli arrangiamenti dei due brani sono curati da Carlo Pes, che suona anche le chitarre.
La canzone è una cover del brano But You're Mine, scritto da Sonny Bono e lanciato da Sonny e Cher, con un testo in italiano scritto da Gianni Boncompagni.
Ragazzo triste fu presentata nel corso della trasmissione televisiva Scala Reale, abbinata alla lotteria Italia, dove tuttavia non riesce ad arrivare alle semifinali.
Ciò nonostante, Patty Pravo ottiene un discreto successo personale, e viene contattata da Mike Bongiorno per la trasmissione a quiz Giochi in famiglia, consolidando l'affermazione professionale della cantante.
Fonte: QUI


3. COVER:

   

   

 
 
4. TRACK LIST:
 
Lato A:
RAGAZZO TRISTE (BUT YOU'RE MINE - Sonny & Cher) - Durata 2:54

 
      Lato B:
THE PIED PIPER (THE PIED PIPER - Changin' Times, Crispian St. Peters)

 
     

Autori: Gianni Boncompagni, Sonny Bono * Arrangiatori: Carlo Pes * Edizioni: Aberbach
 
Testo:
Ragazzo triste come me, ah ah
che sogni sempre come me, ah ah
non c'è nessuno che ti aspetta mai
perchè non sanno come sei.

Ragazzo triste sono uguale a te
a volte piango e non so perchè
tanti son soli come me e te
ma un giorno spero cambierà.

Nessuno può star solo
non deve stare solo
quando si è giovani così
dobbiamo stare insieme
parlare tra di noi
scoprire insieme il mondo che ci apparterrà.

Ragazzo triste come me,ah ah
che sogni sempre come me,ah ah
tanti son soli come noi, ah ah
ma un giorno spero cambierà vedrai

eh eh eh vedrai
eh eh eh vedrai
non dobbiamo star soli mai
non dobbiamo star soli mai
non dobbiamo star soli mai
non dobbiamo star soli mai.
 
     
Autori: Steve Duboff, Arthur Kornfeld
La canzone sul retro, The Pied Piper, scritta da Artie Kornfeld e Steve Duboff e lanciata da Crispian St. Peters, venne incisa nello stesso anno in italiano da Gianni Pettenati, con il titolo Bandiera gialla.
 
* Note: "The Pied Piper" è cantata in inglese / Distribuito da RCA Italiana - Roma)... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione![/spoiler]
 


Ultima modifica di admin_italiacanora il Sab Apr 21, 2018 3:59 pm, modificato 8 volte
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2060
Punti : 4306
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1967 - STO CON TE/QUI E LÀ (45 giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Mar Mag 07, 2013 2:41 pm

1. TITOLO:

1967 - STO CON TE/QUI E LÀ

# Etichetta: ARC Piper Club Series  # Catalogo: AN 4112 # Matrici: SKAW 23562/SKAW 23563 # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

* Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma # Edizioni: Messaggerie Musicali # Produzione: Alberigo Crocetta


2. RECENSIONE:

Il disco

Il singolo ebbe un successo appena sufficiente.
Non entrò in classifica top 100 annuale del singoli più venduti, perché non piacque il lato A, ma si qualificò in 46° massima posizione.
Sto con te è una cover del brano Tell it to the rain, scritto da Chubby Cifelli e Mike Petrillo e portata al successo dai The Four Seasons; il testo italiano è di Sergio Bardotti.
La produzione e l'arrangiamento sono di Ruggero Cini, ed alla registrazione hanno partecipato la sua orchestra e i Cantori Moderni di Alessandroni.
Con questo Patty Pravo partecipò alla puntata Toto ye ye della serie TuttoTotò, nel 1967.
Il brano non fu incluso in nessun album.
Fonte: QUI

Qui è la, la canzone sul lato B, è una cover di Holy cow (letteralmente Santa mucca), scritta da Allen Toussaint e portata al successo da Lee Dorsey, con un testo in italiano (totalmente diverso dall'originale) scritto da Aina Diversi.
La produzione e l'arrangiamento sono di Ruggero Cini, la sua orchestra e i Cantori Moderni di Alessandroni.
Anche se, sul disco, Qui e là è il lato B di Sto con te, viene scelta per il riuscito connubio tra testo e musica per la promozione, e partecipa al Cantagiro 1967 e a Partitissima, il 23 settembre dello stesso anno; inoltre la canzone è inserita nei musicarelli L'immensità, I ragazzi di Bandiera Gialla, Il ragazzo che sapeva amare e La coppia più bella del mondo
Il brano fu incluso nell'album di debutto omonimo: Patty Pravo.
Fonte: QUI


3. COVER:

   

   

   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
STO CON TE (TELL IT TO THE RAIN - Four Seasons) - Durata: 2:25

 
      Lato B:
QUI E LA' (HOLY COW - Lee Dorsey) - Durata: 2:16

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Angel Chubby Cifelli, De Simone, Mike Petrillo
Orchestra: Ruggero Cini con i cantori moderni di Alessandroni 
Testo:
Che me ne importa
se sei ricco oppure no
io voglio bene a ciò
che è dentro di te
più di quel che possiedi
è importante come sei

sto con te perchè
tu sei uguale a me
lontano da chi può
cancellare in noi la felicità

Il mondo è grande
e non si accorgerà di noi
che non vogliamo
avere niente da lui
e non m'importa sapere
se saremo ricchi o no

Sto con te perché
tu sei uguale a me
lontano da chi può
cancellare in noi la felicità

(che m'importa) che
(che m'importa) che

Sto con te perché
tu sei uguale a me
lontano da chi può
cancellare in noi la felicità

Sto con te perché
tu sei uguale a me
lontano da chi può
cancellare in noi la felicità

Sto con te perché
tu sei uguale a me
lontano da chi può
cancellare in noi la felicità
 
Fonte: QUI
     
Autori: Aina Diversi, Allen Toussaint Musicisti: Cantori Moderni di Alessandroni (cori)
Orchestra: Ruggero Cini
 
Testo:
Oggi qui'
domani la'
io vado e vivo cosi'
senza pene
vado e vivo cosi'
casa qui'
io non ho
ma 100 calze io ho
oggi qui'
domani dove saro'
qui' e la'
io amo la liberta'
e nessuno
me la togliera' mai
e per un po'
per un po'
tu l'hai capito e
ho deciso
di restare con te
ma ecco che tu
ecco che
mi hai preso
tutta per te
e fra un po' io non
respirero' piu'
qui' e la'
io amo la liberta'
e nessuno
me la togliera' mai
oggi qui'
domani la'
mi piace andare cosi'
senza freni
vado e vivo cosi'
qui' e la'
io amo la liberta'
e nessuno
me la togliera' mai
oggi qui'
domani la'
io amo la liberta'
e nessuno
me la togliera' mai
 
Fonte: QUI
 


Ultima modifica di admin_italiacanora il Sab Apr 21, 2018 4:03 pm, modificato 4 volte
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2060
Punti : 4306
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1967 - SE PERDO TE/LETTERA A GIANNI (45 giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Ven Giu 21, 2013 1:28 pm

1. TITOLO:

1967 - SE PERDO TE/LETTERA A GIANNI

# Etichetta:  ARC Piper Club Series  # Catalogo: AN 4135 # Data pubblicazione: 1967 # Matrici: SKAW 23862/SKAW 23863 # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma


2. RECENSIONE:

Se perdo te/Lettera a Gianni è il titolo del 3° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1967 dalla casa discografica ARC.

Il disco
Il singolo ebbe un successo appena sufficiente nell'anno di emissione (1967), infatti non entrò il top 50 né in top 100; ma nella terza settimana d'aprile dell'anno successivo si qualificò in 18° massima posizione e risultò il 98° singolo più venduto dello stesso anno.

Se perdo te
Se perdo te è una cover del brano The time has come, del 1967, scritto da Paul Korda e portata al successo da P.P. Arnold, tradotta in italiano da Sergio Bardotti; molto più lenta rispetto all'originale.
La produzione e l'arrangiamento sono di Ruggero Cini e la sua orchestra.
Il brano fu incluso nell'album di debutto Patty Pravo.
Nel 2011 la canzone è stata cantata in un episodio della serie televisiva Tutti pazzi per amore dagli attori Nicole Murgia, Claudia Alfonso, Gabriele Rossi e Mily Cultrera.
Del brano sono state incise diverse cover, le più famose quelle di Mango, del 2008 e, del 2009, di Francesco Renga

Lettera a Gianni
Lettera a Gianni, la canzone sul lato B, fu scritta da Sergio Bardotti e Shel Shapiro. La produzione e l'arrangiamento sono di Ruggero Cini e la sua orchestra.
Il brano non fu incluso in nessun album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:

   

   
 
Edizione speciale per Juke Box
 
   
 
 
4. TRACK LIST

Lato A:
SE PERDO TE
(The time has come - P. P. Arnold)

   Lato B:
LETTERA A GIANNI


   

Autori: Sergio Bardotti, Paul Korda
Orchestra: Ruggero Cini

Testo:
Se perdo te cosa farò
io non so più restare sola
ti cercherò e piangerò
come un bambino che ha paura

M'hai insegnato a volerti bene,
hai voluto la mia vita: ecco, ti appartiene
ma ora insegnami, se lo vuoi tu
a lasciarti, a non amarti più

Se perdo te, se perdo te
cosa farò di questo amore
ti resterà, e crescerà
anche se tu non ci sarai

Fonte: QUI
   Autori: Sergio Bardotti, Shel Shapiro
Orchestra: Ruggero Cini  

Testo:
Gianni! Senza di te cosa farei?
Cosa cercherei? Senza di te...
Ti sento sempre di più vivere in me,
sorridere in me, sempre di più...
Correndo, torno da te e spero che tu, tu m'aspetterai!
Torno da te, torno da te, torno...

Vorrei, vorrei chiamare tutti con il tuo nome
vorrei, vorrei mille cuori per un amore...

Vorrei, vorrei sapere tante parole nuove
vorrei, vorrei un bene nuovo da dare a te...

Gianni! Senza di te cosa farei?
Cosa cercherei? Senza di te...
Correndo, torno da te e spero che tu, tu m'aspetterai!
Torno da te, torno da te, torno...

Vorrei, vorrei chiamare tutti con il tuo nome
vorrei, vorrei mille cuori per un amore...

Vorrei, vorrei chiamare tutti con il tuo nome
vorrei, vorrei mille cuori per un amore..

Fonte: QUI
 


Ultima modifica di admin_italiacanora il Gio Apr 12, 2018 2:45 pm, modificato 1 volta
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 2060
Punti : 4306
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1968 - LA BAMBOLA/SE C'E' L'AMORE (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 12, 2018 10:12 am

1. TITOLO:
 
1968 - LA BAMBOLA/SE C'E' L'AMORE
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4155 # Data pubblicazione: Anno 1968 # Matrici: TKAW 24091/TKAW 24092 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Sul retro copertina è riprodotto il testo di "La bambola" / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
La bambola/Se c'è l'amore è il 4° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1968 dalla casa discografica ARC, scritto da Franco Migliacci, Bruno Zambrini e Ruggero Cini.

La bambola rimase per nove settimane al primo posto dei dischi più venduti in Italia, risultando il secondo 45 giri più venduto del 1968. Il brano inoltre permise alla Pravo di incidere il suo album di debutto Patty Pravo, pubblicato nello stesso anno, che contiene entrambe le canzoni del 45 giri.

Il disco

La bambola
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: La bambola (brano musicale).
La bambola racconta le lamentele di una donna che chiede rispetto al proprio uomo, che la tratta come se fosse "una bambola", usandola e sfruttandola a proprio piacimento, e poi "buttandola giù" quando non è più utile. La canzone ha un breve intro musicale realizzato soltanto con chitarra acustica 12 corde suonata da Maurizio De Angelis e tamburello.

Se c'è l'amore
Se c'è l'amore è la cover di Let The Heartaches Begin, scritta da Tony Macaulay e John Macleod e portata al successo da Long John Baldry.

Il testo italiano è stato scritto da Franco Migliacci.

All'incisione di questa canzone partecipano i "4+4" di Nora Orlandi
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
LA BAMBOLA

 
      Lato B:
SE C'E' L'AMORE (Let the heartaches begin)

 
     

Autori: Ruggero Cini, Franco Migliacci, Bruno Zambrini
Orchestra: Ruggero Cini
Cori: I 4+4 di Nora Orlandi
 
Testo:
Tu mi fai girar
Tu mi fai girar
Come fossi una bambola
Poi mi butti giù
Poi mi butti giù
Come fossi una bambola
Non ti accorgi quando piango
Quando sono triste e stanca tu
Pensi solo per te
No ragazzo no
No ragazzo no
Del mio amore non ridere
Non ci gioco più
Quando giochi tu
Sai far male da piangere
Da stasera la mia vita
Nelle mani di un ragazzo no
Non la metterò più
No ragazzo no
Tu non mi metterai
Tra le dieci bambole
Che non ti piacciono più
Oh no, oh no
Tu mi fai girar, tu mi fai girar come fossi una bambola
Poi mi butti giù, poi mi butti giù come fossi una bambola
Non ti accorgi quando piango
Quando sono triste e stanca tu
Pensi solo per te
No ragazzo no
Tu non mi metterai
Tra le dieci bambole
Che non ti piacciono più
Oh no, oh no
Tu mi fai girar, tu mi fai girar
Poi mi butti giù, poi mi butti giù
Tu mi fai girar, tu mi fai girar
Poi mi butti giù, poi mi butti giù
 
Fonte: QUI
     
Autori: Tony Macaulay, John Macleod, Franco Migliacci
Orchestra: Ruggero cini
Cori: I 4+4 di Nora Orlandi
 
Testo:
Anche il tempo inesorabile
rallenta il battito
quando l'amore mi fa piangere
e il vento di una sera tiepida
diventa gelido
quando l'amore mi fa piangere

Perché se c'è l'amore
c'è una lacrima di più
io non so vivere senza te... non so
ma quando c'è l'amore
c'è una mano che ti può
accarezzare e poi stringere
forte forte il cuor... questo cuor

Non credo a quelli che si lasciano
e che non piangono
vuol dire che non si amavano
se senza te non era vivere
potrei morire se
sapessi che c'è un'altra accanto a te

Perché se c'è l'amore
c'è una lacrima di più
io non so vivere senza te... non so
ma quando c'è l'amore
c'è una mano che ti può
accarezzare e poi stringere
forte forte il cuor... questo cuor
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 8:17 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1968 - GLI OCCHI DELL'AMORE/SENTIMENTO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 12, 2018 10:59 am

1. TITOLO:
 
1968 - GLI OCCHI DELL'AMORE/SENTIMENTO
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4165 # Data pubblicazione: Marzo 1968 # Matrici: TKAW 24298/TKAW 24299# Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: La seconda stampa del disco ha un retro copertina diverso (Vedo link "Altre immagini") / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Gli occhi dell'amore/Sentimento è il 5° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1968 dalla casa discografica ARC.

Il disco
Il singolo ebbe un discreto successo. Entrò nella top 50, arrivando 2º e risultò il dodicesimo più venduto dell'anno 1968.

Gli occhi dell'amore
Gli occhi dell'amore è una canzone scritta da Franco Migliacci, Bruno Zambrini e Ruggero Cini. La produzione e l'arrangiamento sono di Ruggero Cini.

Il brano non fu incluso in nessun album, di stampa Italiana. Fu incluso in un'emissione estera dello stesso album.

Sentimento
Sentimento, la canzone sul lato B, fu scritta da Franco Migliacci, Ruggero Cini e Bruno Zambrini. La produzione e l'arrangiamento sono di Ruggero Cini.

Con questo, Patty Pravo partecipò a Canzonissima 1968 il 30 novembre.

Il brano non fu incluso in nessun album, di stampa Italiana. Fu incluso in un'emissione estera dello stesso album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
 
"Altre immagini"
 
   
 
   
 
 
Edizione Speciale per "JUKE BOX"
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
GLI OCCHI DELL'AMORE

 
      Lato B:
SENTIMENTO

 
     

Autori: Ruggero Cini, Marcello Marrocchi, Franco Migliacci
Orchestra: Ruggero Cini
 
Testo:
Chi può dire se è bene o male
dare tutto di sé quando si ama
io dico di sì e non m'importa
se sbaglio da me, pago da me.

C'è chi se ne sta dietro la porta
e l'amore lascia per la via
non lo guarda in faccia, ma lo spia
io non potrei vivere così.

Io, guardo l'amore negli occhi
e i miei non li abbasso mai.
Io non rimpiango mai niente
di quello che ho dato a lui.
E se ritornasse darei,
anche qualche cosa di più.

Amore, l'amore non mi fa paura
mi basta capire che ti voglio bene
che male farei, amando di più.

Se c'è tra voi chi ha tanto amato
so che capirà quello che dico
io vi parlo dell'amore vero
quello che nascondere non so.

Io, guardo l'amore negli occhi
e i miei non li abbasso mai.
Io non rimpiango mai niente
di quello che ho dato a lui.
E se ritornasse darei,
anche qualche cosa di più.

Amore, l'amore non mi fa paura
mi basta capire che ti voglio bene
che male farei, amandoti di più.

Guardo l'amore negli occhi
e i miei non li abbasso mai.
Io non rimpiango mai niente
di quello che ho dato a lui.
E se ritornasse darei,
anche qualche cosa di più.
Amore, l'amore mi fa paura
 
Fonte: QUI
     
Autori: Ruggero Cini, Franco Migliacci, Bruno Zambrini
Orchestra: Ruggero cini
 
Testo:

Al di là delle stelle
chissà cosa c'e'
forse un mondo diverso per chi
non ha avuto
mai niente in questo mondo qui
al di là delle stelle lo avrà

Al di là del tuo sguardo
chissà cosa c'e'
forse c'e' un sentimento per me
come te
nessun altro mi ha guardato mai
come te nessun altro guardai

Un sentimento che non muore
perché e' l'ultima cosa che ho
quando un altro ti pensa
il sole e' più grande
e più caldo ti da'

E batte forte forte il cuore
e magari incomincia così
come un giorno di sole
fa dire a dicembre
l'estate e' già qui

Come te
nessun altro mi ha guardato mai
come te nessun altro guardai

Un sentimento che non muore
perché e' l'ultima cosa che ho
quando un altro ti pensa
il sole e' più grande
e più caldo ti da'

E batte forte forte il cuore
e magari incomincia così
come un giorno di sole
fa dire a dicembre
l'estate e' già qui
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 11:29 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1968 - PATTY PRAVO (L.P. 33½ Giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 12, 2018 12:40 pm

1. TITOLO:
 
1968 - PATTY PRAVO
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: ALP 11009 # Data pubblicazione: 1968 # Matrici: TKAP 24191/TKAP 24192 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Copertina apribile con all'interno una nota di presentazione di Renzo Arbore / Grafica e fotografie di Fernando Muscinelli / Registrato da Franco Patrignani e Giorgio Agazzi negli Studi RCA di Roma / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Patty Pravo è l'album di debutto dell'omonima cantante, pubblicato nel 1968 dalla ARC.

Il disco
Dopo la pubblicazione di 4 singoli di successo, arriva finalmente il primo 33 giri di Patty Pravo: il suo album omonimo di debutto.

Dell'album fanno parte:

il brano di debutto Ragazzo triste, cover di But You're Mine di Sonny Bono, portato al successo dal duo pop inglese Sonny e Cher; tradotto in italiano da Gianni Boncompagni, con cui la Pravo partecipò al programma televisivo Scala Reale il 12 novembre 1966
Qui e là (retro del secondo 45 giri Sto con te/Qui e là) con cui nel 1967 l'artista partecipò a Partitissima ed al Cantagiro e con cui si esibì in vari musicarelli.
Se perdo te (cover del brano The Time Has Come di P. P. Arnold del 1966) che la Pravo incise e pubblicò nel 1967; è infatti il Lato A del suo terzo 45 giri (Se perdo te/Lettera a Gianni), tradotta in italiano da Sergio Bardotti
il primo vero e proprio "successone" de La Ragazza del Piper: La bambola, brano con cui partecipò all'edizione del 1968 di Canzonissima del cui 45 giri vendette 10.000.000 di copie nell'immediato.
L'album è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 73
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: PATTY PRAVO
 
   
 

 

 

 

 
   
 
 
 
4. TRACK LIST di: PATTY PRAVO
 
Lato A Lato B



 


 
 
Lato A: 2
YESTERDAY

 
      Lato B: 2
CI AMIAMO TROPPO (River deep, mountain high)

 
     

Autori: John Lennon, Paul McCartney
Orchestra: Ruggiero Cini
 
Note: "YESTERDAY" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Yesterday, all my troubles seemed so far away
Now it looks as though theyre here to stay
Oh, I believe in yesterday.

Suddenly, Im not half the man I used to be,
Theres a shadow hanging over me.
Oh, yesterday came suddenly.

Why she had to go I dont know she woldnt say.
I said something wrong, now I long for yesterday.

Yesterday, love was such an easy game to play.
Now I need a place to hide away.
Oh, I believe in yesterday.

Mm mm mm mm mm

 
Fonte: QUI
     
Autori: Jeff Barry, Giuseppe Cassia, Ellie Greenwich, Phil Spector
Orchestra: Gian Piero Reverberi
Cori: I 4+4 di Nora Orlandi
 
Testo:
Ho voluto solo bene
a una bambola
e' stato tanto tempo fa
Ma nel cuore sento che
lo stesso bene
ora io voglio a te
Diventa forte
ogni giorno di piu'
Ed è piu' in alto
del cielo fa
Ed è piu' fondo
di un fiume ormai
Come è alto il cielo chiaro
come è fondo il fiume scurooo
Ma l'amore mio per te
va piu' in alto
va piu' in fondo
Una volta
non volevo innamorarmi
per paura di soffrire
Non sapevo che
esistesse tanta gioia
come quella che ho da te
Diventa forte
ogni giorno di piu'
Ed è piu' in alto
del cielo fa
Ed è piu' in fondo
di un fiume ormai
Come è alto il cielo chiaro
come è fondo il fiume scurooo
Ma l'amore mio per te
va piu' in alto
va piu' in fondo
Come è alto il cielo chiaro
come è fondo il fiume scurooo
Ma l'amore mio per te
va piu' in alto
va piu' in fondo
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
FIVE FOOT TWO, EYES OF BLUE

 
      Lato B: 4
IO PER LUI (To give)

 
     

Autori: Ray Henderson, Sam M. Lewis, Joe Young
Orchestra: Ruggero Cini
 
Note: "FIVE FOOT TWO, EYES OF BLUE" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Five foot two, eyes of blue
But oh, what those five foot could do
Has anybody seen my girl?
Turned up nose, turned down hose,
All dressed up in fancy clothes,
Has anybody seen my girl?
Now if you run into a five foot two
Covered in fur,
Diamond rings and all those things,
Bet-cha life it isn't her.
But could she love, could she woo?
Could she, could she, could she coo?
Has anybody seen my girl?

Five foot two, eyes of blue
But oh, what those five foot could do.
Has anybody seen my girl?
Turned up nose, turned down hose,
All dressed up in fancy clothes,
Has anybody seen my girl?
Now if you run into a five foot two
Covered in fur,
Diamond rings and all those things,
Bet-cha life it isn't her.
But could she love, could she woo?
Could she, could she, could she coo?
Has anybody seen my...
Has anybody seen my...
Has anybody seen my girl?
 
Fonte: QUI
     
Autori: Bob Crewe, Bob Gaudio, Daniele Pace
Orchestra: Piero Pintucci
Cori: Cantori Moderni di Alessandroni
 
Testo:
E' lui che mi sveglia al mattino
e alla notte mi dice
che per lui sono tutto sai perché
io per lui io per lui morirei
per quegli occhi vivrei
una vita di piu'
io per lui io per lui vincerei
anche il sole perché
questa vita che ho e per lui
Lui mi dice sei una donna che vale
non arrenderti mai lo sa sempre
io gli credo sai perché
io per lui io per lui morirei
per quegli occhi vivrei
una vita di piu'
io per lui io per lui vincerei
anche il sole perché
questa vita che ho e per lui
Lui mi dice sei una donna che vale
non arrenderti mai lo sa sempre
io gli credo sai perché
io per lui...
io per lui io per lui vincerei
anche il sole perché
questa vita che ho e per lui
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
SE MI VUOI BENE (I just don't know what to do wiyh myself)

 
      Lato B: 5
OL' MAN RIVER

 
     

Autori: Burt Bacharach, Giuseppe Cassia, Hal David
Orchestra: Ruggero Cini
Cori: Cantori Moderni di Alessandroni
 
Testo:
Se mi vuoi bene
allora perché
non mi sento sicura di te
Se il tuo amore
è quello che pretendi tu
forse è un amore
che io mai capirò!
Ma chi vuol bene
così come me
i suoi giorni più belli ti da'
E se c'è un sorriso
lo regala a te
mentre un dolore sai
lo tiene per se
Chi vuol bene così
L'amore sempre così
E non vive mai
di parole che
prima o poi scorderai
Se mi vuoi bene
allora perché
non mi sento
sicura di te
Cerco di capire
dove sbaglio ma
fino a quando t'amerò
io mai lo saprò
ma dove sbaglio non so.

Se il tuo amore
è quello che pretendi tu
forse è un amore
che io mai capirò!
Ma chi vuol bene
così come me
i suoi giorni più belli ti da'
E se c'è un sorriso
lo regala a te
mentre un dolore sai
lo tiene per se'
Chi ti vuole bene così
L'amore è sempre così
e non vive mai
di parole che...
prima o poi scorderai
Se mi vuoi bene
allora perché
non mi sento
sicura di te
Cerco di capire
dove sbaglio ma
fino a quando ti amerò
io mai lo saprò
ma dove sbaglio non so
ma dove sbaglio non so
 
Fonte: QUI
     
Autori: Oscar Hammerstein II, Jerome Kern
Orchestra: Ruggero Cini
Cori: Cantori Moderni di Alessandroni
 
Note: "OL' MAN RIVER" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Old man river, that old man river,
He don't say nothin', but he must know somethin'
That old man river, he just keeps rolling along.

He don't plant tater's,
And we all know he don't pick cotton.
But them that plant 'em, are soon forgotten, that
Old man river, he just keeps rolling along, oh yes he does.

You and me, we sweat and toil,
Our bodies all achin' and racked with pain, now listen!
Lift that bar, you'd better, tote that bail,
And if ya' get a little drunk,
You'll land in jail.

I'm so weary, and sick of tryin',
I'm tired of livin', but afraid of dyin'.
That, that god-darn' old river, he just keeps rolling along.
Keep on rollin' along.

Keep on rollin' along.
Old man river don't you stop your way.
Keep on runnin' from the north, the south, the east or west,
You gotta roll it ...

 
Fonte: QUI
 

 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Apr 18, 2018 10:01 am, modificato 6 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1969 - TRIPOLI 1969/LASCIATEMI AMARE CHI VOGLIO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 12, 2018 3:05 pm

1. TITOLO:
 
1969 - TRIPOLI 1969/LASCIATEMI AMARE CHI VOGLIO
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4175 # Data pubblicazione: Settembre 1969 # Matrici: TKAW 24591/TKAW 24592 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Tripoli 1969/Lasciatemi amare chi voglio è il 6° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel marzo del 1969 dalla ARC.

Il disco
Il singolo ebbe un buon successo, entrò in top 50 il e arrivò quarto in classifica, nel gennaio 1969.

Alla fine dell'anno, risultò essere il quarantanovesimo singolo più venduto in Italia.

Tripoli 1969
Tripoli 1969 è una canzone scritta da Michele Virano, Paolo Conte e Vito Pallavicini. Gli arrangiamenti furono affidati a Giancarlo Trombetti, la sua orchestra e i "4+4" di Nora Orlandi.

Con questa, Patty Pravo partecipò al programma Canzonissima 1968 esibendosi il 14 novembre, 28 dicembre e il 6 gennaio 1969.

Oggi, 2009-2010, la cantante continua a portare in concerto il brano, inserendolo nel medley.

Cover
Tripoli 1969 è stata reinterpretata da Platinette e inserita nel suo album Da viva pubblicato nel 1999.

Lasciatemi amare chi voglio
Lasciatemi amare chi voglio, la canzone sul lato B, fu scritta da Franco Migliacci, Ruggero Cini e Claudio Mattone; gli arrangiamenti e la direzione d'orchestra furono affidati a Ruggero Cini, la sua orchestra e i Cantori Moderni di Alessandroni.

Il brano non fu incluso in nessun album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
TRIPOLI 1969

 
      Lato B:
LASCIATEMI AMARE CHI VOGLIO

 
     

Autori: Michele Virano, Paolo Conte e Vito Pallavicini
Orchestra: Giancarlo Trombetti
Cori: I "4+4" di Nora Orlandi
 
Testo:
In casa io e lui
io non mi accorgo che
che fuori e' inverno ormai
la stanza e' tanto calda
non penso mai
che oltre la finestra
per lui ...

... in quella nebbia
c'e' un'altra estate
che porta il caldo
caldo caldo caldo
caldo caldo

Lo vedo ma non c'e'
e' andato via da me
sta raggiungendo
Tripoli

Ma Tripoli cos'e'
e' il primo nome che
mi viene in mente se
lo immagino lontano
dove non so
in cerca di battaglie
perché ...

... perché ogni uomo
senza battaglie
non può sentirsi un uomo
un uomo un uomo un uomo un uomo
e quando un uomo va
a vivere di più
le donne han solo lacrime

Ma se ritornerà
ferito lui lo sa
che qui' mi troverà
ed io son già felice
se penso che
in questa storia
anch'io ci sarò

Ma fuori e' inverno
la nebbia e' nebbia
in questa stanza
ritorna un caldo
un caldo un caldo
un caldo

In casa io e lui
e non si e' accorto che
ho pianto tanto
a Tripoli
 
Fonte: QUI
     
Autori: Ruggero Cini, Claudio Mattone, Franco Migliacci
Orchestra: Ruggero cini
Cori: I Cantori Moderni di Alessandroni
 
Testo:
Forse quello giusto lui non è
certo che son triste se non c'è
si fa presto a dire: lascia andare
grazie del consiglio, sbaglierò.

Lasciatemi amare chi voglio
chi mai può saperlo più di me
domani non conta, è questo il momento
poi sarà quel che sarà.

L'amore non devi fuggirlo
ti sfiora una volta e poi mai più
chi sa che sia questo
il modo più giusto
lui la pensa come me.

Se sapessi come finirà
che sapore avrebbe questo amore
vivi molto più se l'altro può
oggi dire sì, domani no.

Lasciatemi amare chi voglio
chi mai può saperlo più di me
domani non conta, è questo il momento
poi sarà quel che sarà.

A un dito dal cielo
a un passo dai sogni
io vivrò perché lui sta con me.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 1:34 pm, modificato 4 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1969 - IL PARADISO/SCENDE LA NOTTE SALE LA LUNA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 12, 2018 8:46 pm

1. TITOLO:
 
1969 - IL PARADISO/SCENDE LA NOTTE SALE LA LUNA
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4180 # Data pubblicazione: Anno 1969 # Matrici: UKAW 24656/UKAW 24657 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Il paradiso/Scende la notte, sale la luna è il settimo 45 giri di Patty Pravo,pubblicato nel marzo del 1969 dalla ARC.

Il disco
Il singolo ebbe un buon successo, e rimase uno dei brani più significativi della carriera della Pravo; entrò in top ten per sette settimane, pur non riuscendo ad andare oltre alla nona posizione.

Alla fine dell'anno, risultò essere il quarantatreesimo singolo più venduto in Italia.

Il paradiso
Il paradiso, canzone scritta dal duo Mogol-Battisti fu originariamente registrata da Ambra Borelli, con lo pseudonimo Ragazza 77, come parte di un progetto beat della casa discografica Dischi Ricordi, e pubblicato come singolo con il titolo Il paradiso della vita[2]. Tuttavia in quella fase il brano passò praticamente inosservato.

Quando però una cover in inglese della canzone intitolata If Paradise Is Half As Nice è cantata dal gruppo britannico Amen Corner[2], ebbe un ottimo riscontro di pubblico in Europa, la RCA rilanciò la canzone, affidandola questa volta a Patty Pravo, con un nuovo arrangiamento curato da Piero Pintucci.

Il brano è noto anche con i titoli “Il Paradiso (della vita)” e “Il paradiso della vita” (come indicato nello spartito delle Edizioni Musicali FAMA s.r.l.).

Cover
Alla fine degli anni '90, è stata scoperta una registrazione video in cui Lucio Battisti esegue il brano con la sola chitarra. Questa registrazione fu mandata in onda in un programma RAI notturno.

Nel 1992 Il paradiso viene rieseguita e riarrangiata dai Ricchi e Poveri che la inseriscono nel loro album di cover Allegro italiano.

Nel 2007 Il paradiso viene proposta dal duo Lombroso sia nel loro secondo album, sia come singolo estratto. L'arrangiamento del brano è in chiave rock, e per l'occasione il duo si avvale della collaborazione di Morgan.

Nel 2008 Il paradiso è stata reinterpretata con un nuovo testo dalla cantante Giusy Ferreri ed utilizzata come sigla della trasmissione radiofonica DeeJay chiama Italia su Radio Deejay. Nel 2009 viene eseguita da Noemi durante la settima puntata di X Factor 2; successivamente diventa un brano presente nella scaletta della cantante romana durante i suoi live.

Scende la notte, sale la luna
Scende la notte, sale la luna, la canzone sul lato B, fu scritta da Gianni Meccia per il testo e da Bruno Zambrini per la musica; gli arrangiamenti e la direzione d'orchestra furono affidati, in questo caso, a Ruggero Cini.

Il brano non fu incluso in nessun LP.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
      
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IL PARADISO

 
      Lato B:
SCENDE LA NOTTE SALE LA LUNA

 
     

Autori: Lucio Battisti, Mogol
Orchestra: OPiero Pintucci
 
Testo:
La La La La La La La La La La
La La La La La La La La La
La La La La La La La La
Il paradiso tu vivrai se tu scopri quel che hai
non ti accorgi che io amo già te
La vita è così tu quando non hai
vuoi avere di più e dopo che hai ti accorgi che tu
fermarti non puoi e vuoi quel che vuoi
La vita è così tu adesso mi vuoi
soltanto perché non cerco di te ma io che lo so
ne soffro però ti dico di no
Il paradiso tu vivrai se tu scopri quel che hai
non ti accorgi che io amo già te
La La La La La La La La La La
La La La La La La La La La
La La La La La La La La
Il paradiso tu vivrai se tu scopri quel che hai
non ti accorgi che io amo già te
Il paradiso tu vivrai se tu scopri quel che hai
non ti accorgi che io amo già te
La La La La La La La La La La
La La La La La La La La La
La La La La La La La La
 
Fonte: QUI
     
Autori: Gianni Meccia, Bruno Zambrini
Orchestra: Ruggero cini
 
Testo:
Scende la notte, sale la luna
amore amore amore
amore mio
Nel grande mare che ci divide
ma il bene che è più grande amore mio
sapessi quanto
improvvisamente sento che
nei miei pensieri per te
c’è una grande nostalgia
e una gran voglia di andar via
vorrei trovarmi dove vivi tu
Io non voglio chiedere di più
anche se ho dato tanto
la speranza non mi lascia mai
perché ti vorrei per sempre con me
Scende la notte, sale la luna
amore amore amore
amore mio
non puoi sapere per quante sere
ho atteso una parola
amore mio
sapessi quanto
improvvisamente sento che
nei miei pensieri per te
c’è una grande nostalgia
e una gran voglia di andar via
vorrei tovarmi dove vivi tu
io non voglio chiedere di più
anche se ho dato tanto
la speranza non mi lascia mai
perché ti vorrei per sempre con me
improvvisamente sento che
nei miei pensieri per te.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 12:20 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1969 - CONCERTO PER PATTY (E.P. 45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 12:00 am

1. TITOLO:
 
1969 - CONCERTO PER PATTY
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4188 # Data pubblicazione: Anno 1969 # Matrici: UKAW 24706/UKAW 24707 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Concerto per Patty è l'8º 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1969 dalla casa discografica ARC.

Il disco
Il produttore Lilli Greco decide di cucire addosso a Patty Pravo un progetto particolarmente ambizioso, un singolo su cui viene inciso un vero e proprio concerto di 9 minuti circa diviso in tre parti, intitolate rispettivamente Le ore del passato, L'aria di un paese e Il mio pensiero diventi tu, (le prime due inserite sul lato A e la terza inserita sul lato B) in cui la giovane cantante spazia da un'aria all'altra col supporto di un'orchestra di 90 elementi, che si rivela un vero e proprio esperimento.

Ciò nonostante non riesce ad entrare nel top 100 dei singoli più venduti del 1969, ma si qualifica in 18ª posizione massima.

Le ore del passato e L'aria di un paese
Del Lato A fanno parte Le ore del passato e L'aria di un paese scritte da Gianni Meccia e Bruno Zambrini. L'arrangiamento e la direzione d'orchestra sono di Franco Pisano e Piero Pintucci, e i cori de I Cantori Moderni di Alessandroni.

Il mio pensiero diventi tu
Del lato B fa parte Il mio pensiero diventi tu, scritta da Gianni Meccia e Bruno Zambrini. L'arrangiamento e la direzione d'orchestra sono di Piero Pintucci, e i cori de I Cantori Moderni di Alessandroni.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione Speciale, "YUKE BOX"
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A: LE ORE DEL PASSATO & L'ARIA DI UN PAESE
Lato B: IL MIO PENSIERO DIVENTI TU (in suite CONCERTO PER PATTY)


Autori: Gianni Meccia, Bruno Zambrini
Orchestra: Franco Pisano
Cori: Cantori Moderni di Alessandroni
Testo:
Cosa darei per ritrovare
le cose del passato
Lasciare l'aria di un paese
e dire questa volta
vado anche io

La vita dappertutto è vita
perché restare ancora qui?
Lasciare l'aria di un paese
per conquistare il mondo a tutti i costi
Volevo dalla vita tutto
e tutto non bastava mai
Addio, tutto va
Sono triste di più
Vivo una vita che è degli altri
Oggi ho tutto ma
sono triste di più
Gente che porta via una parte di me
E quando manca la poesia
e una campagna dietro casa
e poi quell'uomo che mi amava
di un bene che non trovo più
Oggi ho tutto ma
sono triste di più
Gente che porta via una parte di me
Avevo un uomo che mi amava
Cosa darei per ritrovarti
fra queste braccia vuote
Sento che arrivi
come una volta
nei miei pensieri
Sì, d'improvviso
il mio pensiero diventi tu
perché sei l'argomento
che mi nasce dal cuore
Si spegne ogni sorriso per me
Ho paura e non penso che a te
Sì, questa vita
a volte è buona
a volte no
E oggi ho qui fra le mani
il mio momento più amaro
e adesso
per non soffrire così
io darei tutto quello che ho
E ti penso
vorrei ritrovare
le cose che han fatto felici
i miei giorni
i miei giorni con te
Sai che ti penso come allora
forse di più
perché io
oramai non spero più
nel tuo amore
Sarei ben più felice se tu
non restassi
solo un'ombra per me
Io ti penso sai
ti penso
e per non soffrire così
io sarei tutto quello che ho
Avevo un uomo che mi amava
Dovevo dedicargli la mia vita
Poi tutto che ho cercato tanto
Capisco che era solo lui
Torna serenità
Caldo di casa mia
Torna serenità
di quei giorni
Torna serenità
Sento che chi va via
non ti ritrova più
Cosa darei per cancellare
le cose del passato
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1969 - CONCERTO PER PATTY (L.P. 33½ Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 12:38 pm

1. TITOLO:
 
1969 - CONCERTO PER PATTY
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: ALP 11013 # Data pubblicazione: Agosto 196) # Matrici: UKAY 24692/UKAY 24693 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: "With a little help from my friends" in versione strumentale / Fotografie di Fernando Muscinelli / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Concerto per Patty è il secondo album della cantante italiana Patty Pravo, pubblicato nel 1969 dall'etichetta discografica ARC, come il precedente. Dal disco successivo Patty inciderà per la RCA Italiana, che è, del resto, la casa madre della ARC.

L'edizione originale ha l'etichetta ARC di colore verde chiaro, una ristampa successiva si presenta con l'etichetta azzurra della RCA Italiana.

Il disco
Nel 1969 Patty Pravo aveva già raggiunto il successo: dal primo 45 giri, Ragazzo triste, nel 1966, a cui erano seguiti altri brani: Qui e là, Se perdo te, La bambola e Gli occhi dell'amore.

Aveva inoltre inciso il suo album di debutto, intitolato con il suo nome, che racchiudeva i suoi successi e l'interpretazione di alcune reinterpretazioni, fra cui Yesterday dei Beatles.

Per questi motivi Crocetta decise di alzare le ambizioni, e studiò un 33 giri in cui un lato fosse interamente occupato da un lungo brano orchestrale: fu così che nacque Concerto per Patty, scritto per il testo da Gianni Meccia e per la musica da Bruno Zambrini, con un grosso contributo del maestro Franco Pisano, che diresse l'orchestra eseguendo anche gli arrangiamenti degli archi e dei fiati.

In un articolo pubblicato dal settimanale Oggi il 13 agosto 1969 è riportata una testimonianza di un tecnico degli studi RCA (dove la canzone venne registrata):

« Poche settimane fa, mentre incideva Concerto per Patty, scoppiò a piangere. "Che hai Patty: che ti succede?" - le chiedemmo - "Non mi piace questa canzone" - disse - Ma se è bellissima. "Sì, è bellissima. Ma è troppo triste" »

Nello stesso articolo l'avvocato Crocetta espresse i suoi dubbi sul testo della canzone che, descrivendo una Patty Pravo che rimpiangeva la Nicoletta degli esordi, ragazza semplice, in realtà si allontanava da quella che era la personalità effettiva della cantante: fu questa comunque l'ultima volta in cui i due lavorarono insieme, dopodiché Patty, dubbiosa sull'immagine di lei su cui Crocetta puntava, ruppe i rapporti.

La canzone, comunque, musicalmente anticipa certi sviluppi del progressive: inizia con un arpeggio di arpa che fa da introduzione, mentre il resto dell'orchestra entra con la voce della cantante; verso il quinto minuto l'orchestra si ferma, ed un accordo di chitarra introduce un sottofondo di organo Hammond, sostituito presto da un pianoforte, su cui Patty canta la melodia; pian piano entrano gli altri strumenti e, intorno all'ottavo minuto, nuovamente l'orchestra completa.

La casa discografica decise anche di far uscire un 45 giri, con una versione di Concerto per Patty ridotta e frutto di una differente incisione discografica. La durata è di circa 8 minuti ed è suddivisa in tre "movimenti", intitolati Le ore del passato e L'aria di un paese sul lato A (durata 3:43) e Il mio pensiero diventi tu sul lato B (durata 5:48), quest'ultima ancora inedita su cd.

Per completare il disco, sul lato B vennero inserite alcune reinterpretazioni e le canzoni degli ultimi 45 giri di Patty, usciti sempre con grande successo alcuni mesi prima: Tripoli 1969 e Il paradiso (lasciando inediti i rispettivi retri, e cioè Lasciatemi amare chi voglio e Scende la notte sale la luna).

La canzone che apre il lato B, Il paradiso, ha una storia curiosa: scritta da Mogol e Lucio Battisti con il titolo Il paradiso della vita, fu incisa dalla Ragazza 77 (pseudonimo di Ambra Borelli) con nessun successo, verrà ripresa dal gruppo inglese degli Amen Corner, col titolo (If Paradise Is) Half as Nice, raggiungendo il primo posto delle classifiche di vendita britanniche; viene quindi nuovamente incisa in Italia, con un certo successo, da Patty in un 45 giri.

Segue Sola in capo al mondo, cover di End of the world degli Aphrodite's Child, gruppo greco di successo in quegli anni, in cui suonavano il celebre tastierista Vangelis Papathanassiou ed il cantante Demis Roussos, e Un giorno come un altro, cover di First of May dei Bee Gees.

With a Little Help from My Friends è eseguita in versione quasi strumentale (con alcuni cori in inglese), eseguita al pianoforte dalla stessa Patty Pravo, con l'accompagnamento e l'arrangiamento molto rock dei The Primitives: la chitarra elettrica è in evidenza all'inizio.

Tripoli 1969 è l'altra canzone uscita in precedenza su 45 giri: anche se il testo è firmato da Miki Del Prete e Vito Pallavicini, alcuni riferimenti "esotici" fanno pensare allo zampino, mai confermato ufficialmente, dell'autore della musica, Paolo Conte (insieme al suo concittadino Michele Virano).

Il brano conclusivo del lato e del disco è Un'ora fa, presentata pochi mesi prima al Festival di Sanremo da Fausto Leali e Tony Del Monaco, scritta, per quel che riguarda la musica, dal jazzista Gianfranco Intra; questa canzone viene incisa senza la parte iniziale introduttiva, ed è l'unica in cui sono accreditati in copertina i Cyan Three che però, essendo il gruppo ufficiale di Patty, è molto probabile che abbiano suonato nelle altre canzoni (tranne, come abbiamo visto, in With a Little Help from My Friends).

La foto della copertina del disco è opera di Fernando Muscinelli, ed era già stata pubblicata all'interno della copertina del primo disco: raffigura Patty con un abitino corto bianco e con in mano un narciso.

Gli arrangiamenti sono di Franco Pisano per la title track; di Piero Pintucci per Il paradiso, Sola in capo al mondo, e Un giorno come un altro; di Giancarlo Trombetti per Tripoli 1969; dei Cyan Three per Un'ora fa e dei The Primitives per With a Little Help from My Friends.
 
Fonte: QUI

 
 
3. COVER di: CONCERTO PER PATTY
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: CONCERTO PER PATTY
 
Lato A Lato B



  • B1 IL PARADISO
  • B2 SOLA IN CAPO AL MONDO (End of the world)
  • B3 UN GIORNO COME UN ALTRO (First of may)
  • B4 WITH A LITTLE HELP FROM MY FRIENDS
  • B5 TRIPOLI 1969
  • B6 UN'ORA FA
 


 
 
Lato B: 2
SOLA IN CAPO AL MONDO (End of the world)

 
      Lato B: 3
UN GIORNO COME UN ALTRO (First of may)

 
     

Autori: Luciano Beretta, Boris Bergman, Vangelis Papathanassiou
Orchestra: Piero Pintucci
 
Testo:
Se con me in capo al mondo tu verrai
ti giuro amore non ti pentirai
lascia i tuoi amici e parti insieme a me
mi piacerebbe tanto andar con te
Ma lo so, io, io sto
per andarmene da sola
in capo al mondo senza te

Ci son spiagge d’oro che ci aspettano
là dove il sole non tramonta mai
e i gabbiani dalle ali candide
ricamano di neve il cielo blu
Si lo so, io, io sto
per andarmene da sola
in capo al mondo senza te

Tutto ciò che in terra tu desideri
con me in capo al mondo tu l’avrai
su dimmi una parola è così semplice
ma tu mi guardi e non rispondi mai
Ma lo so, si io sto
per andarmene da sola
in capo al mondo senza te
 
Fonte:
     
Autori: Luciano Giacotto, Barry Gibb, Robin Gibb, Maurice Gibb
Orchestra: Piero Pintucci
 
Testo:
Non finirà, non devi dirlo mai
è stato bello e adesso non lo è più
Non finirà, puoi dirlo solo tu
son cose che io non ricordo più
Vorrei per te un mondo senza età
un mondo che non cambi mai
ma io e te, non ci lasciamo qui
mi pentirò, ma passerà

Il tempo sai, non passa più per me
perché tu ami e io non amo più
e se cambierà, io correrò da te
ma il mondo gira e non lo fermi tu
Adesso tu, tu te ne andrai da me
non vedi che bene per te
ma io e te, noi ci lasciamo qui
mi pentirò, ma passerà

E se vorrai tu poi mi scriverai
tu tu tu, tu tu, tu tu tu tu
e capirai che il tempo passa e va
qualcun’altra arriverà per te
 
Fonte: [url=https://wikitesti.com/un_giorno_come_un_altro_first_of_may/]QUI
 
 
Lato B: 4
WITH A LITTLE HELP FROM MY FRIENDS

 
      Lato B: 6
UN'ORA FA

 
     

Autori: John Lennon, Paul McCartney
Musicisti: Patty Pravo (pianoforte) , Primitives (tutti gli strumenti)
 
Note: "WITH A LITTLE HELP FROM MY FRIENDS" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
A little help from my friends
What would you think if I sang out of tune,
Would you stand up and walk out on me.
Lend me your ears and Ill sing you a song,
And Ill try not to sing out of key.
I get by with a little help from my friends,
I get high with a little help from my friends,
Going to try with a little help from my friends.
What do I do when my love is away.
(does it worry you to be alone)
How do I feel by the end of the day
(are you sad because youre on your own)
No I get by with a little help from my friends,
Do you need anybody,
I need somebody to love.
Could it be anybody
I want somebody to love.
Would you believe in a love at first sight,
Yes Im certain that it happens all the time.
What do you see when you turn out the light,
I cant tell you, but I know its mine.
Oh I get by with a little help from my friends,
Do you need anybody,
I just need someone to love,
Could it be anybody,
I want somebody to love.
I get by with a little help from my friends,
Yes I get by with a little help from my friends,
With a little help from my friends
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luciano Beretta, Gian Franco Intra, Ermanno Parazzini
Orchestra: Piero Pintucci

 
Testo:
Un'ora fa avevo lui
Che si specchiava
Dentro gli occhi miei
Un'ora fa, l'avevo qui
Vicino a me
E mi ha detto:
Domani non so, se io ci sarò

Che male al cuore
Se a colpirti
È davvero l'amore
Perché le ore
Non si sono fermate con lui?

Un'ora fa l'avevo qui
E tra le braccia
Ancora lo vorrei
Un'ora fa, l'avevo qui
Vicino a me
E mi ha detto:
Domani non so, se io ci sarò

Che male al cuore
Se a colpirti
È davvero l'amore
Perché le ore
Non si sono fermate con lui...
... un'ora fa
 
Fonte: QUI
 

 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 10:48 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1969 - NEL GIARDINO DELL'AMORE/BALLERINA BALLERINA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 3:15 pm

1. TITOLO:
 
1969 - NEL GIARDINO DELL'AMORE/BALLERINA BALLERINA
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4175 # Data pubblicazione: Novembre 1969 # Matrici: TKAW 24591/TKAW 24592 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Rompigli è lo pseudonimo di Gianni Sanjust / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Nel giardino dell'amore/Ballerina ballerina è il 9° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1969 dalla casa discografica ARC.

Il disco
Il singolo ebbe un discreto successo, tocco' la 12ª posizione nella hit parade italiana settimanale e risultò il 69° singolo più venduto dell'intero anno 1969.

Segnò oltretutto la fine del periodo beat e l'inizio di quello melodico. Fu l'ultimo singolo pubblicato dalla RCA attraverso l'etichetta ARC.

Nel giardino dell'amore
Nel giardino dell'amore è una cover del brano Rain di Josè Feliciano, tradotto da Paolo Dossena.

L'arrangiamento è di Luciano Michelini, la sua orchestra e i "4+4" di Nora Orlandi.

Il brano fu presentato da Patty Pravo a Canzonissima 1969 nelle puntate dell'11 ottobre e e del 15 novembre, guadagnandosi l'accesso alla seconda fase della gara.

Il brano non fu incluso in nessun album.

Ballerina ballerina
Ballerina ballerina è firmata da Franco Migliacci e dal produttore Giovanni Sanjust (nascosto dietro lo pseudonimo "Rompigli") per quanto riguarda il testo, e dallo stesso Sanjust in collaborazione con Ricky Gianco per la musica.

L'arrangiamento è di Ruggero Cini e la sua orchestra.

Patty Pravo presentò il brano un'unica volta a Canzonissima 1969, nella puntata del 29 novembre, dove fu eliminata.

Il brano non fu incluso in nessun album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
NEL GIARDINO DELL'AMORE (Rain)

 
      Lato B:
BALLERINA BALLERINA

 
     

Autori: Paolo Dossena, Hilda Feliciano, Josè Feliciano
Orchestra: Luciano Michelini
Cori: I "4+4" di Nora Orlandi
 
Testo:
Nel giardino dell'amore io ti guiderò
L'albero del male è là
E sorride a noi
Vedo già gli occhi tuoi
che nel buio cercano
Le strade senza nome
che portano all'amore

Il tuo corpo cerca il mio e si brucerà
Come una farfalla che verso il fuoco va
Ora non dici più
Voglio andare via di qui
La tua mano sta tremando
Mentre stringi la mia mano
Nel giardino dell'amore sei entrato tu

Nel giardino dell'amore
Oggi è nato un nuovo fiore
Nel giardino dell'amore

Il tuo corpo resta qui steso accanto al mio
La tua bocca sulla mi canta una poesia
Oramai non sai più chi sei tu né cosa vuoi
il cuscino sembra un prato dove il vento si è fermato
Nel giardino dell'amore ti sei perso tu...
Nel giardino dell'amore ti sei perso tu...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Ricky Gianco, Franco Migliacci, Rompigli
Orchestra: Rggero Cini

 
Testo:
Ballerina, ballerina
che volteggi più leggera di una piuma
nell'immenso palcoscenico
degli occhi suoi

Ballerina, oh ballerina
io ti sogno col mio viso e il mio sorriso
Ma negli occhi c'è una lacrima
che cade giù

Suona, musica suona! io sto ballando solo per lui
Finché scoppia il mio cuore
io posso fare tutto per lui!

Ballerina, ballerina
stai ballando dentro il palmo di una mano
la sua mano forte e tenera che tutto sa

Mille notti d'amore
e i sogni non si avverano mai
Mille notti d'amore
potevo fare tutto per lui

Ballerina, ballerina
mmmmh...
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1970 - LA SPADA NEL CUORE/ROMA E' UNA PRIGIONE (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 4:46 pm

1. TITOLO:
 
1970 - LA SPADA NEL CUORE/ROMA E' UNA PRIGIONE
 
# Etichetta: ARC Piper Club Series # Catalogo: AN 4197 # Data pubblicazione: Marzo 1970 # Matrici: ZKAW 25064/ZKAW 25065 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: "Festival di Sanremo 1970" / In copertina come etichetta viene citata ARC / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
La spada nel cuore/Roma è una prigione è il 10° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1970 dalla casa discografica RCA.

Il disco
Il singolo ebbe un discreto successo. Fu pubblicato in occasione del Festival di Sanremo 1970, al quale Patty Pravo partecipò con La spada nel cuore. Fu il primo singolo pubblicato per la casa discografica RCA Italiana.

Nel marzo 1970 raggiunse la 17° massima posizione e risulta l'89° singolo più venduto dello stesso anno.

La spada nel cuore
La spada nel cuore è stata scritta da Mogol e Donida, nonostante sembri oggi fuori da ogni dubbio che Lucio Battisti abbia contribuito in modo sostanziale - sebbene non accreditato ufficialmente - all'elaborazione della musica (tanto è vero che in numerose ristampe dal 1990 in poi tra i crediti vengono riportati come autori "Mogol-Donida-Battisti"). L'arrangiamento è di Ruggero Cini e la sua orchestra.

Col brano, Patty Pravo partecipò al Festival di Sanremo 1970, in coppia con Little Tony; si classificò quinta e vinse il premio della critica.

Il brano non fu incluso in nessun album. Nel 2005 è stata inclusa, nell'antologia Le avventure di Lucio Battisti e Mogol, una versione cantata da Lucio Battisti del 1969, che si rivelò essere la versione sottoposta alla commissione selezionatrice di Sanremo 1970.

Roma è una prigione
Roma è una prigione è stata scritta da Paolo Dossena, Alberto Lucarelli e Roberto Righini.

L'arrangiamento è di Giacomo Tosti, I Girasoli (il gruppo di Lucarelli e Righini) e Paolo Dossena.

Il brano non fu incluso in nessun album.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
LA SPADA NEL CUORE

 
      Lato B:
ROMA E' UNA PRIGIONE

 
     

Autori: Carlo Donida, Mogol
Orchestra: Ruggero Cini
 
Testo:
Era uno sguardo d'amore
la spada è nel cuore
e ci resterà
sei bella in questo momento
più bella adesso che il vento
ti allontana da me...

Notte di colpo la notte
il cuore che batte
è fermo oramai .
La pioggia ancora col sole
tu vedi chi nasce e chi muore per te.

Era uno sguardo d'amore
la spada è nel cuore
mi sento morire
morire per te.

Quando tu l'hai vista
sei cambiato
ti sei illuminato
è simpatia
non era vero, io sono tua
non era vero...

Era uno sguardo d'amore
la spada è nel cuore
e ci resterà
sei bella in questo momento
più bella adesso che il vento
ti allontana da me...

Notte di colpo la notte
il cuore che batte
è fermo oramai
La pioggia ancora col sole
tu vedi chi nasce e chi muore per te.

Era uno sguardo d'amore
la spada è nel cuore
mi sento morire
morire per te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Paolo Dossena, Alberto Lucarelli, Roberto Righini
Orchestra: Rggero Cini
 
Testo:
Lentamente un fuoco
sta bruciando la città
Rosso è il colore dell’estate
Roma è una prigione
adesso che tu non ci sei
Rosso è il colore dell’amore
ma nel mio campo
quel fiore non c’è più
e resta un angolo
di terra inutile
dove l’ortica nascerà.

Anche le fontane si domandano perchè
un amore grande può morire
è una storia antica
come questa città
Rosso è il colore dell’amore
ma nel mio campo
quel fiore non c’è più
e resta un angolo
di terra inutile
dove l’ortica nascerà.

Una luna bianca
col suo sguardo sveglerà
gli angeli di pietra nelle chiese
solamente un fiore
nella notte resterà
Rosso è il colore dell’amore
ma nel mio campo
quel fiore non c’è più
e resta un angolo
di terra inutile
forse domani pioverà.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 8:26 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1970 - PER TE/IL MIO FIORE NERO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 6:04 pm

1. TITOLO:
 
1970 - PER TE/IL MIO FIORE NERO
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: PM 3528 # Data pubblicazione: Maggio 1970 # Matrici: ZKAW 25208/ZKAW 25209 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Per te/Il mio fiore nero è l'11° 45 giri di Patty Pravo,pubblicato nel 1970 dalla casa discografica RCA.

Il singolo ebbe un discreto successo, raggiunse l'undicesima posizione delle hit parade il 25 giugno e risultò il 50° più venduto del 1970.

Per te
Per te è una canzone scritta da Mogol e Battisti e arrangiata da Paolo Ormi e la sua orchestra con i "4+4" di Nora Orlandi.

Col brano, Patty Pravo partecipò a Canzonissima 1970, esibendosi il 17 ottobre.

Il brano fu incluso nell'album Patty Pravo.

Il mio fiore nero
Il mio fiore nero è una cover del brano Girlie dei Peddlers del 1970, scritta da Roy Philips (tastierista dei Peddlers) e tradotta in italiano da Franco Migliacci.

Il brano fu incluso nell'album Patty Pravo.

Nello stesso anno venne inciso anche da Lucio Dalla nel suo album Terra di Gaibola.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
PER TE

 
      Lato B:
IL MIO FIORE NERO

 
     

Autori: Lucio Battisti, Mogol
Orchestra: Paolo Ormi
Cori: 4+4 di Nora Orlandi
 
Testo:
Stai dormendo ancora amore
io son sveglia e guardo te
con le dita mie leggere
ti sto dicendo quel che sei per me.
So che in tutti gli uomini che ho amato
io cercavo solo te.

Per te i miei occhi chiuderò
per un istante morirò
non avrò vissuto mai prima
per te stamattina nascerà
una donna che non ha
abbracciato mai, né baciato mai,
quella donna che tu vuoi.

Fuori il giorno nasce piano
piano mentre guardo te
vorrei stringerti la mano
ma forse adesso stai sognando me
so che in tutti gli uomini che ho amato
io cercavo solo te.

Per te i miei occhi chiuderò
per un istante morirò
non avrà vissuto mai prima
per te stamattina nascerà
una donna che non ha
abbracciato mai, nè baciato mai,
quella donna che tu vuoi

Per te i miei occhi chiuderò
per un istante moriràò
non avrà vissuto mai prima
per te stamattina nascerà
una donna che non ha
abbracciato mai

Per te i miei occhi chiuderò
per un istante morirò
non avrà vissuto mai prima...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Franco Migliacci, Roy Phillips
Orchestra: Mario Capuano

 
Testo:
Il mio fiore nero
e' il momento di parlare ti diro' la verita'
non si puo' piu' andare avanti
e' il momento e parlero'
io ti odio e ti detesto per la tua stupidita'
tutto il mondo che conosci
e' quel metro intorno a te
ogni donna che tu incontri
vuoi vederla ai piedi tuoi
e se fa l'indifferente
la disprezzi e te ne vai
ma t'amo t'amo
sei volgare ed arrogante
se sei solo insieme a me
ti fai piccolo e paziente
se c'e' gente intorno a te
sei maestro della vita
ma la vita tua cos'e'
e' una barca che non va
e' un timone che non c'e'
io per te non valgo niente
dico solo oscenita'
ma se dico di lasciarti
cadi giu' da far pieta' ma t'amo t'amo
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Apr 17, 2018 4:17 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1970 - LA SOLITUDINE/1941 (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 8:54 pm

1. TITOLO:
 
1970 - LA SOLITUDINE/1941
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: PM 3541 # Data pubblicazione: Settembre 1970 # Matrici: ZKAA 25406/ZKAA 25407 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Lato A: "Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia 1970" / Testo del lato A stampato sul retro di copertina / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
La solitudine/1941 è il 12° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1970 dalla casa discografica RCA.

Il disco
Il singolo non ebbe successo, quasi per nulla. Passò quasi in ombra, poiché la Pravo si esibì una volta sola nel brano La solitudine e nemmeno una volta in 1941. Nonostante questo, risulta qualificatosi 27º[1] ma non risulta in classifica top 100 annuale 1970.

La solitudine

Patty Pravo con Robert Charlebois, autore di La solitudine, al Palasport di Torino (ottobre 1970)
La solitudine è stata scritta dal cantautore canadese Robert Charlebois, basandosi su una poesia di Arthur Rimbaud per il testo; la traduzione è curata da Sergio Bardotti.

Robert Charlebois si esibì in duetto con Patty Pravo alla Mostra Internazionale di Musica Leggera a Venezia, nell'autunno del 1970.

L'arrangiamento è del maestro Paolo Ormi, e la sua orchestra suona nella canzone.

Il brano non fu incluso in nessun album.

È stato stampato in LP e CD nella raccolta Linea 3 RCA "I successi di Patty Pravo" del 1977.

Il brano non va confuso con la canzone omonima, scritta da Leo Ferre', inclusa nell'album Sì...incoerenza

1941
1941 è stata scritta da Harry Nilsson e tradotta in italiano da Mogol.

L'arrangiamento è di Paolo Ormi e la sua orchestra.

Il brano è incluso nell'album Patty Pravo

Nello stesso anno venne anche incisa da Edoardo Bennato.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Edizioni Speciali, fuori commercio
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A: con "Robert Charlebois"
LA SOLITUDINE (Sensation)

 
      Lato B:
1941

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Robert Charlebois, Arthur Rimbaud
Orchestra: Paolo Ormi
 
Testo:
Là sul mare, l’onda viene,
l’onda va,
onde di mare,
non si incontreranno mai…
Di solitudine
puoi morire e non lo sai.

Strade di notte,
tutte uguali davanti a te
una ti porta a casa,
nelle altre ti perderai
in solitudine
parti sempre, non torni mai.

Guarda quei rami,
è la stessa pianta che
li ha fatti crescere,
uno è in fiore e l’altro mai.
La solitudine
fa appassire quel che non dai.

Io dico amore,
e tu amore rispondi a me.
Vorrei cambiare la tua vita con la mia.
La solitudine
fa pensare che è bugia.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Mogol, Harry Nilsson
Orchestra: Paolo Ormi
 
Testo:
Fu nell'anno '41 che qualcuno fu papà
venne poi il '44 e quell'uomo se ne va
'945 madre e figlio senza lui
come vissero da allora in poi
nessuno seppe mai
gli anni passano veloci
per quel bimbo invece no
così chiuse gli occhi e disse
tra vent'anni li aprirò
aprì gli occhi che era un uomo
vide un clown passar di lì
e gli disse "vuoi venir con noi?"
e lui rispose si

Con il circo vide strade
e paesi, città
ebbe gioie e dolori
e ragazze in quantità
"giro il mondo fino in fondo
non mi fermerò mai più"
fino a quando i sogni rosa
si dipinsero di più
poi incontrò una ragazza
quella che voleva lui
e tra un bacio e una carezza
disse "mia moglie tu sarai"
costruirono una casa
"non ti lascerò mai più"
e la gente un giorno vide
sulla porta un nastro blu

fu nell'anno '61 che
qualcuno fu papà
venne poi il '64
e quell'uomo se ne andrà
'965 madre e figlio senza lui
quando un giorno arriva un circo
"ehi bambino, cosa fai?"
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 3:34 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1970 - PATTY PRAVO (L.P. 33½ Giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 10:44 pm

1. TITOLO:
 
1970 - PATTY PRAVO
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: psl 10461 # Data pubblicazione: 1970 # Matrici: TKAP 25250/TKAP 25251 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Patty Pravo è il terzo album dell'omonima cantante, pubblicato il 12 aprile 1970, successivamente soprannominato Cimiteria.

Il disco
Nella primavera del 1970 Patty Pravo registra i brani indirizzati al secondo album omonimo, che la RCA immetterà sul mercato a fine maggio.

Da questo momento la Pravo è indirizzata verso un repertorio prevalentemente da interprete, perdendo per strada volontariamente, la definizione "Ragazza del Piper".

Spazia così fra la canzone francese di Edith Piaf, i Beatles, le ballate tradizionali, l'easy music, il rock-country.

Per rendere meglio l'idea dell'abbandono totale del periodo beat e di quello del Piper, si può analizzare la foto che appare sul retrocopertina dell'album: sono presenti Patty Pravo e i Cyan Three "invecchiati" che posano sullo sfondo del decadente locale romano.

Gordon Faggetter, il leader e batterista dei Cyan Three, firma il disegno di copertina in stile gotico e crepuscolare; e per tanto, l'album verrà soprannominato dai fan Cimiteria.

L'edizione su cassetta e stereo8 utilizza tutt'altra grafica di copertina. Venne scelta una delle foto che compaiono all'interno dell'LP.

Realizzato su cartoncino leggero assai delicato e difficile da trovare in perfetto stato, col disco che si estrae dalla parte interna. La ristampa del 1990 mantiene la stessa grafica originale, però l'LP si estrae dalla parte esterna e il cartoncino utilizzato è assai più pesante e solido.

Un curioso errore nei crediti non è stato mai corretto: Perché sei il mio uomo è una cover di The Love of a Woman (a firma dei fratelli Gibb) interpretata da Samantha Sang e uscita su singolo nel 1969 (Polydor 59343) e non del brano omonimo, firmato da James Cordell (al quale è accreditata la cover sull'LP della Pravo), e incluso nell'LP Cellophane Symphony di Tommy James and the Shondells del 1969 (Roulette SR 42030). Una prima versione in italiano, del pezzo dei Bee Gees era stata incisa, nel 1968, da Anna Marchetti col titolo di Amore di donna (Anzoino-Gibb), edito dalla Meazzi (EDM - E.D.1350)

Di Una conchiglia esistono alcune versioni uscite a ridosso della versione della Pravo. Ricordiamo quella strumentale Concerto per voce piano e sogni accreditata all'orchestra Capuano, utilizzata per la sigla di testa del Sanremo 1970, con i vocalizzi di Ron e le versioni in inglese dei Middle of the Road, To Remind Me, e dei Flea on the Honey, Don't You Ever Feel Glad.

All'inferno insieme a te è cover di Detachez-moi les bras di Claude Puterflam, Il mio fiore nero è Girlie dei Peddlers, 1941 è il pezzo omonimo di Hanry Nilsson
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: PATTY PRAVO
 
   
 
   
 
   
 
 
 
4. TRACK LIST di: PATTY PRAVO
 
Lato A Lato B

  • A1 THE DAY THAT MY LOVE WENT AWAY
  • A2 IL MIO FIORE NERO
  • A3 MOTHERLESS CHILD
  • A4 ALL'INFERNO INSIEME A TE
  • A5 LA TUA VOCE
  • A6 PER TE


  • B1 1941
  • B2 NON, JE NE REGRETTE RIEN
  • B3 GOCCE DI PIOGGIA SU DI ME
  • B4 SOMETHING
  • B5 UNA CONCHIGLIA
  • B6 PERCHE' SEI IL MIO UOMO (The Love of a woman)
 


 
 
Lato A: 1
THE DAY THAT MY LOVE WENT AWAY

 
      Lato B: 2
NON, JE NE REGRETTE RIEN

 
     

Autori: Cyan Three
Orchestra: Paolo Ormi
 
Note: "THE DAY THAT MY LOVE WENT AWAY" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Oh oh mmm
Well I wonder could it be
When I was dreaming 'bout you baby, you were dreaming of me


Call me crazy, call me blind
To still be suffering is stupid after all of this time
Did I lose my love to someone better
And does she love you like I do, I do
You know I really really do
Well hey, so much I need to say

Been lonely since the day
The day you went away

So sad but true for me there's only you

Been crying since the day
The day you went away
Oh wow yeah he he oh oh oh
I remember date and time
September twenty second Sunday twenty five after nine

In the doorway with your case

No longer shouting at each other there were tears on our faces and we were letting go of something special

Something we'll never have again, I know I guess I really really know

Well hey, so much I need to say
Been lonely since the day
The day you went away
So sad but true for me there's only you
Been crying since the day
The day you went away
The day you went away
The day you went away
Oh wow yeah he he oh oh oh oh did I lose my love to someone better
And does she love you like I do, I do
You know I really really do
Well hey, so much I need to say
Been lonely since the day
The day you went away
So sad but true for me there's only you
Been crying since the day
The day you went away
Why do we never know what we've got 'til it's gone?
How could I carry on?
The day you went away
'Cause I've been missing you so much I have to say
Been crying since the day
The day you went away
The day you went away
The day you went away... he he yeah he
Oh woah yeah he he oh oh oh oh
 
Fonte: QUI
     
Autori: M. Vaucarie, Ch. Dumont
Orchestra: Paolo Ormi
 
Note: "NON, JE NE REGRETTE RIEN" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Non! Rien de rien ...
Non! Je ne regrette rien
Ni le bien qu'on m'a fait
Ni le mal tout ça m'est bien égal!
Non! Rien de rien ...
Non! Je ne regrette rien...
C'est payé, balayé, oublié
Je me fous du passé!
Avec mes souvenirs
J'ai allumé le feu
Mes chagrins, mes plaisirs
Je n'ai plus besoin d'eux!

Balayés les amours
Et tous leurs trémolos
Balayés pour toujours
Je repars à zéro ...

Non! Rien de rien ...
Non! Je ne regrette nen ...
Ni le bien, qu'on m'a fait
Ni le mal, tout ça m'est bien égal!

Non! Rien de rien ...
Non! Je ne regrette rien ...
Car ma vie, car mes joies
Aujourd'hui, ça commence avec toi!
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
IL MIO FIORE NERO

 
      Lato B: 3
GOCCE DI PIOGGIA SU DI ME

 
     

Autori: Franco Migliacci, Roy Philips
Orchestra: Capuano
 
Testo:
Il mio fiore nero
e' il momento di parlare ti diro' la verita'
non si puo' piu' andare avanti
e' il momento e parlero'
io ti odio e ti detesto per la tua stupidita'
tutto il mondo che conosci
e' quel metro intorno a te
ogni donna che tu incontri
vuoi vederla ai piedi tuoi
e se fa l'indifferente
la disprezzi e te ne vai
ma t'amo t'amo
sei volgare ed arrogante
se sei solo insieme a me
ti fai piccolo e paziente
se c'e' gente intorno a te
sei maestro della vita
ma la vita tua cos'e'
e' una barca che non va
e' un timone che non c'e'
io per te non valgo niente
dico solo oscenita'
ma se dico di lasciarti
cadi giu' da far pieta' ma t'amo t'amo
 
Fonte: QUI
     
Autori: C. Minellono, B. Bacharach, H. David
Orchestra: Paolo Ormi
 
Testo:
Gocce di pioggia su di me mentre cammino sono triste senza te oggi
che faro' e...
Gocce di pioggia su di me
Sul mio viso e dico al sole che proprio non mi va il modo con cui
stai lavorando oggi ma non mi sentira' e gocce di pioggia su di me
Sul mio viso e penso a te
Che sei a casa dietro ai vetri e non pensi
Che sono qui da solo
Triste e piango mentre...
Gocce di pioggia su di me
E il vento d'autunno
Soffia sopra la citta'
Dove se ne andra'? E...
Gocce di pioggia su di me
Sul mio viso e penso a te...
La la la la la la
Il sole no non vuole proprio darmi retta gocce di pioggia su di
me e mentre cammino
Sono triste senza te oggi che faro'e...
Gocce di pioggia su di me
Sul mio viso e penso a te
Penso sempre a te...

 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
MOTHERLESS CHILD

 
      Lato B: 4
SOMETHING

 
     

Autori: Tradizionale
Orchestra: Ruggero Cini
 
Note: "MOTHERLESS CHILD" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Sometimes I feel like a motherless child
Sometimes I feel like a motherless child
Sometimes I feel like a motherless child
A long way from home
A long way from home


True believer
A long way from home
A long way from home
 
Fonte: QUI
     
Autori: George Harrison
Orchestra: Piero Ormi
 
Note: "SOMETHING" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Something in the way she moves
Attracts me like no other lover
Something in the way she woos me

I don't want to leave her now
You know I believe her now

Somewhere in her smile she knows
That I don't need no other lover
Something in her style that shows me

Don't want to leave her now
You know I believe her now

You're asking me will my love grow
I don't know, I don't know
You stick around now it may show
I don't know, I don't know

Something in the way she knows
And all I have to do is think of her
Something in the things she shows me

Don't want to leave her now
You know I believe her now
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
ALL'INFERNO INSIEME A TE

 
      Lato B: 5
UNA CONCHIGLIA

 
     

Autori: Paolo Dossena, Franca Evangelisti, C. Puterflam
Orchestra: Ruggero Cini
 
Testo:
Quanta pioggia scende giù
la sento su di me,
cerco la tua bocca ma non c'è
Quante volte ho chiuso gli occhi per vederti qui,
per sentirti ancora dir di si.
All'inferno insieme a te
pur di averti accanto a me.
Le tue mani sul mio corpo non ci sono più e chi grida dentro non sei tu.
La tua voce nel silenzio suona in me,
sveglia il desiderio che ho di te.
All'inferno insieme a te
pur di averti accanto a me.
Come un fuoco sulla pelle
sei passato tu,
lasci un segno che non muore più.
All'inferno insieme a te
pur di averti accanto a me.
All'inferno insieme a te
pur di averti accanto a me.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Paolo Dossena, Giosy Capuano
Orchestra: Capuano
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 
Lato A: 5
LA TUA VOCE (And i love her)

 
      Lato B: 6
PERCHE' SEI IL MIO UOMO (The Love of a woman)

 
     

Autori: Don Backy, Mogol, John Lennon, Paul McCartney
Orchestra: Paolo Ormi
 
Testo:
Ti penso sempre sai
mi sento sola
io sono insieme a lui
ma parlo a te
non ci sei

ti sto aspettando sai
tu sei lontano
ma la tua voce mai
è chiusa in me
nel mio cuore

il sole in noi
ritornerà
se un giorno tu
tornerai

e non scordarti mai
quanto ti amo
ti prego aspettami
t'aspetterò amore

e non scordarti mai
quanto ti amo
ti prego aspettami
t'aspetterò amore
 
Fonte: QUI
     
Autori: Paolo Dossena, Franca Evangelisti, Barry Gibbs, Robin Gibbs
Orchestra: Ruggero Cini
 
Testo:
For the love of a woman
A man will do most anything
For a love of a woman
A man will do most anything
Make him steal from his mother
Just to buy her a diamond ring

Well I love you, baby
Like a schoolboy love his pie
Well I love you, baby
Like a schoolboy love his pie


Well I love you so much, darlin'
You make me wanna cheat an' lie

I've been lovin' you, baby
Ever since I don't know when
I've been lovin' you, baby
Ever since I don't know when
Oh, I love ya so much, darlin', yeah
That I'm comin' right back again
Come on!
 
Fonte: QUI
 

 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 3:53 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1970 - NON ANDARE VIA/UN POCO DI PIOGGIA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 11:50 pm

1. TITOLO:
 
1970 - NON ANDARE VIA/UN POCO DI PIOGGIA
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: PM 3558 # Data pubblicazione: Novembre 1970 # Matrici: ZKAS 25540/ZKAS 25541 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Non andare via/Un poco di pioggia è il 13° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1970 dalla casa discografica RCA.

Il disco
Il singolo ebbe un discreto successo grazie alla partecipazione della Pravo al programma Canzonissima 1970. Il 23 dicembre 1970, infatti, entrò in classifica e raggiunse la 13° massima posizione[1] ma non risulta fra i 100 singoli più venduti dello stesso anno.[2]

Non andare via
Non andare via è una cover del brano Ne me quitte pas di Jacques Brel riadattata in italiano da Gino Paoli. L'arrangiamento è di Ruggeri Cini e la sua orchestra con I Cantori Moderni di Alessandroni.

Col brano Patty Pravo partecipò a Canzonissima 1970, esibendosi il 21 novembre.

Il brano fu incluso nell'album Bravo Pravo.

Un poco di pioggia
Un poco di pioggia è stata scritta da Shel Shapiro e l'arrangiamento è di Paolo Ormi e la sua orchestra, con i 4+4 di Nora Orlandi.

Il brano fu incluso nell'album Bravo Pravo.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A: con "Robert Charlebois"
NON ANDARE VIA (Ne me quitte pas)

 
      Lato B:
UN POCO DI PIOGGIA

 
     

Autori: Jacques Brel, Gino Paoli
Orchestra: Ruggero Cini
Cori: Cantori Moderni di Alessandroni
 
Testo:
Non andare via,quel che stato è stato
E non conta più,va dimenticato
Dimenticherai tutti i malintesi
ed i giorni spesi a spiegar perchè
Dimenticherai queste lunghe ore
Che hanno ucciso amore e felicità
Ma non andare via,non andare via,non andare via
Per te raccoglierò diamanti di pioggia
Là dove la pioggia non cade mai
Ruberò alla terra ogni suo gioiello
Per vedermi bella lì negli occhi tuoi e farò di più
Fonderò un paese dove amare è legge dove sarai re
Ma non andare via non andare via non andare via.
Non andare via per te inventerò parole senza senso
Che tu capirai e ti parlerò di due amanti che son bruciati insieme per due volte già
Ti racconterò la storia di un re che morì perchè non trovò più lei
Ma non andare via,non andare via.non andare via
Quante volte al mondo è tornato il fuoco nel vulcano spento che credevan morto
E non sembra vero,ma un campo bruciato
Può dare più grano del più dolce aprile
E di quelle sere che si incendia il cielo tra il rosso e il nero confine non c'è
Ma non andare via,non andare via,non andare via.
Non andare via io non piango più io non parlo più
Mi nascondo là e ti guarderò ballare e giocare
E ti ascolterò cantare e giocare
Ma lascia che io sia come la tua ombra l'ombra della tua mano l'ombra del tuo cane
Ma non andare via non andare via non andare via.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Shel Shapiro
Orchestra: Paolo Ormi
Cori: 4+4 di Nora Orlandi
 
Testo:
Se mi dovessi un giorno lasciare
ricorda i tempi belli
i giorni, giorni di sole con solamente
un poco di pioggia
e se dovessi guardare indietro
guarda, guarda i tempi belli
i giorni lunghi e chiari con solamente
un poco di nebbia

Se mi dovessi lasciare ricorda se vuoi
le nostre mani aggrappate al cuscino del letto
e più tardi all'alba ancora tremando
ancora urlando per la voglia di amare

Se mi dovessi un giorno odiare
ricorda tutte queste cose
i giorni,
giorni vissuti con solamente
un poco di pioggia

Se mi dovessi lasciare ricorda se vuoi
le nostre mani aggrappate al cuscino del letto
e più tardi all'alba ancora tremando
ancora urlando per la voglia
di amare.
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1970 - TUTT'AL PIU'/CHISSA' COME FINIRO' (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 14, 2018 1:23 pm

1. TITOLO:
 
1970 - TUTT'AL PIU'/CHISSA' COME FINIRO'
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: PM 3571 # Data pubblicazione: Dicembre 1970 # Matrici: ZKAS 25642/ZKAS 25643 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Tutt'al più/Chissà come finirò è il 14° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1970 dalla casa discografica RCA. Venne pubblicato nella fine del 1970 ed entrò in top ten il 4 gennaio 1971, raggiungendo la 4° massima posizione e risultando il 36° singolo più venduto dello stesso anno.

Il disco
Il singolo ebbe un grande successo, grazie alla partecipazione al programma Canzonissima 1970 e alla bellezza del brano Tutt'al più, grazie al quale la Pravo consolidò il proprio successo oltralpe.

Tutt'al più
Tutt'al più è un brano scritto da Franco Migliacci e Piero Pintucci. L'arrangiamento è di Ruggero Cini e la sua orchestra.

Col brano Patty Pravo partecipò a Canzonissima 1970, esibendosi il 12 dicembre.

Il brano fu incluso nell'album Bravo Pravo.

Cover
Nel 1970 la cantante Dalida ne realizzò una cover, in lingua francese dal titolo Tout au plus.

Chissà come finirò
Chissà come finirò è stata scritta da Shel Shapiro e l'arrangiamento è di Paolo Ormi e la sua orchestra.

Il brano fu incluso nell'album Bravo Pravo
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
TUTT'AL PIU'

 
      Lato B:
CHISSA' COME FINIRO'

 
     

Autori: Franco Migliacci, Piero Pintucci
Orchestra: Ruggero Cini
 
Testo:
Qualche volta
penso di tornare da te
e se non l'ho ancora fatto
non è perché l'amore sia finito
io ti amo ancora
non l'ho fatto solo perché
perché ho paura
di trovarti cambiato
ma stasera
ho deciso di tornare.
tutt'al piu'
mi accoglierai
con la freddezza che
non hai avuto mai
e forse fingerai
di non sapere il nome mio
magari parlerai
dandomi del lei.
oppure tutt'al piu'
mi chiederai
quanti ragazzi ho avuto
dimenticando te
eppure tu sai bene
che una ragazza come me
non scherza con l'amore
non ha scherzato mai.
tutt'al piu'
mi offenderai e
poi mi caccerai
dicendomi che oramai, no
non ti interessa piu'
una ragazza che
serviva solamente
per divertirsi un po'.
e allora me ne andro'
e mi rincorrerai
per chiedermi perdono
e mi accarezzerai
ricorderai il mio nome
e quello che c'e' stato
magari fosse vero
e magari fosse vero.
tutt'al piu'
ti trovero'
insieme a quella che
ha preso il posto mio.
E allora
e allora
(Strumentale)
e allora me ne andro'
e mi rincorrerai
per chiedermi perdono
e mi accarezzerai
ricorderai il mio nome
e quello che c'e' stato
magari fosse vero
e magari fosse vero.
tutt'al piu'
ti trovero'
insieme a quella che
ha preso il posto mio.
E allora
e allora
amore
 
Fonte: QUI
     
Autori: Shel Shapiro
Orchestra: Paolo Ormi
 
Testo:
Ieri mi son chiesta:
«Tu domani che farai?
Ventidue anni
ed ancora non lo sai…»
Ma non vedo chiaramente
dove devo andare
né cosa mi guiderà.

Sento nel silenzio
la risposta ma non c'è.
Vedo nei miei occhi
la sfiducia ma non lo è.
È soltanto l'incompreso
sguardo di una che
non sa dove finirà.

Chissà
come finirò,
dove finirò,
cosa io farò…
Chissà
come finirò,
dove riuscirò…

Tocco il mio uomo
ed un po' di pace c'è,
guardo i suoi occhi
e una scappatoia c'è.
Sarebbe tanto facile
vivere solo di lui,
ma in realtà non è così.

Andrò avanti a cercarmi,
dove sei?
Cercherò quell'isola
che ho promesso un giorno a lui.
Mi guiderà una stella
ma non ricordo più qual è,
ma un giorno ci arriverò.

Chissà
quando arriverò,
dove arriverò,
cosa io farò…
Chissà
come finirò,
quando riuscirò…

Chissà,
ah, chissà come finirò,
ma lo so –
io, io riuscirò.
Chissà,
chissà come finirò
ma io, io ci arriverò…
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 14, 2018 10:55 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1971 - BRAVO PRAVO (L.P. 33½ Giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 14, 2018 4:10 pm

1. TITOLO:
 
1971 - BRAVO PRAVO
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: psl 10491 # Data pubblicazione: 1970 # Matrici: ZKAY 25662/ZKAY 25663 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Copertina apribile a libretto con inserto di due pagine e fotografie dell'artista / Foto di Ezio Vitale / Distribuito da RCA Italiana - Roma
 
 
2. RECENSIONE:
 
Bravo Pravo è il quarto album di Patty Pravo, registrato nella fine del 1970 e pubblicato nel 1971 dalla casa discografica Rca Italiana.

Il disco
Il 31 dicembre 1970 Patty Pravo realizza in Francia uno special per capodanno intitolato Bravo Pravo, durante il quale vennero proposti pezzi già editi e del materiale nuovo.

La RCA Italiana, utilizzò parte di questo materiale per realizzare un lp, stampato alla fine del contratto che legava l'artista all'etichetta romana.

L'intenzione della RCA Italiana è anche di sfruttare l'onda lunga del successo dei due ultimi singoli: Tutt'al più e Non andare via che aprono le due facciate dell'lp.

La grafica di copertina, realizzata apribile in due parti e stampata su cartoncino leggero, utilizza foto di scena dallo spettacolo francese, mentre la scaletta dei pezzi ricalca solo parzialmente quelli presentati nel video. Nella ristampa in cd solo alcune di queste foto sono state riprodotte.

Lo strumentale Metti una sera a cena, nell'arrangiamento di Paolo Ormi, vocalizzato da Nora Orlandi venne utilizzato, nel corso dello spettacolo tv, come sottofondo ad un balletto della Pravo che non prese parte minimamente all'incisione del pezzo. Sul vinile originale i crediti segnalano questa situazione che però non è stata riportata nella ristampa in digitale dell'album. Il pezzo non venne incluso nell'edizione francese dell'lp.

Le cover Parlez-moi, dall'omonimo pezzo di Robert Charlebois, Chi ti darà, cover di I'm gonna cry till my tears run dry di Irma Thompson e Torna insieme a lei , cover di Once there was love di Josè Feliciano non facevano parte dello special di capodanno e sono delle incisioni del 1970 recuperate per questo disco.

Dell'lp esistono più ristampe, identificabili tramite la data apposta vicino al nome della tipografia. L'ultima è dell'aprile 1971. Tutte mantengono la veste grafica originale.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: BRAVO PRAVO
 
   
 
   
 
      
 
   
 

 
 
Versione musicasstetta
 
   
 

 
 
Versione stereo 8
 
   
 
 
 
4. TRACK LIST di: BRAVO PRAVO
 
Lato A Lato B



  • B1 NON ANDARE VIA
  • B2 METTI UNA SERA A CENA
  • B3 YOU MAKE ME LOVE YOU
  • B4 CHI TI DARA' (I'm gonna cry 'til my tears run dry)
  • B5 THE LONG AND WINDING ROAD
  • B6 PARLEZ-MOI
 


 
 
Lato A: 2
TORNA INSIEME A LEI (Once there was a love)

 
      Lato B: 2
METTI UNA SERA A CENA

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Josè Feliciano, Jarrad
Orchestra: Paolo Ormi

 
Testo:
Torna insieme a lei
perchè sei il bambino
dopo che hai giocato
un gioco proibito
alla sua età.
Hai paura pensi a lei
che aspetta io non parlo più
anche se ho diritto di volere te.
Ma non sarà mai
la donna in più
che prenderai quando ti va
anche se voglio te.
Torna insieme a lei
lei ti accetta come sei.
Non far finta no
di pensare a me
torna insieme a lei.
No non sarà mai
la donna in più
che prenderai quando ti va
anche se voglio te.
Torna insieme a lei
lei ti accetta come sei.
Non far finta no
di pensare a me.
Torna insieme a lei.
 
Fonte:
     
Autori: Ennio Morricone
Orchestra: Paolo Ormi
Voce: Nora Orlandi
 
Testo:
La canzone ha solo vocalizzi
 
 
Lato A: 3
CRY ME A RIVER

 
      Lato B: 3
YOU MAKE ME LOVE YOU

 
     

Autori: Hamilton
Orchestra: Paolo Ormi
 
Note: "CRY ME A RIVER" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Now you say you're lonely
You cried the long night through
Well, you can cry me a river
Cry me a river
I've cried a river over you
Now you say you're sorry
For being so untrue
Well, you can cry me a river
Cry me a river
I've cried a river over you
You drove me, nearly drove me out of my head
While you never shed a tear
Remember? I remember all that you said
Told me love was to plebeian
Told me you were through with me and
Now you say you love me
Well, just to prove you do
Well, you can cry me a river
Cry me a river
I've cried a river over you
 
Fonte: [url=http://www.rockol.it/testi/80916698/]QUI
     
Autori: McCarthy, Jimmy Monaco
Orchestra: Paolo Ormi
 
Note: "YOU MAKE ME LOVE YOU" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Alright, you make me love you, it's alright, you make me love you
I said alright, you make me love you, it's alright, you make me love you

When the winter wind is a-blowin', well you never know where it's goin'
For the land is cold and the night is closing in
You can feel your heart is getting older,
you can feel the world is getting colder
And it feels so good with you standing next to me

Oh baby alright, I think I love you,
It's alright, you make me love you
Oh I said alright, I think I love you,'
It's alright, you make me love you

Now the days are all getting shorter, they seem to slip away like water
For the land is cold and the night is closing in
But you're always there when I need you,'
when it feels the world is against you
Oh it feels so close with you standing next to me

Oh baby alright, I think I love you,'
it's alright, I think I need you
Oh babe it's alright I think I want you, I think I need you
Oh babe it's alright, oh babe it's alright, now that you're here

Oh it's an icy wind that's a-blowin' and you never know where it's goin'
But it feels so good when you're curled up close to me

Oh baby alright I think I love you, it's alright you make me love you
I said it's alright, I think I need you, it's alright you make me love you...'

 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 4
CHI TI DARA' (I'm gonna cry 'til my tears run dry)

 
      Lato B: 5
THE LONG AND WINDING ROAD

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Fagin, Doc Pomus, Mort Shuman
Orchestra: Polo ormi

 
[spoiler=Testo] Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com

     
Autori: John Lennon, Paul McCartney
Orchestra: Piero Ormi
 
Note: "THE LONG AND WINDING ROAD" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
The long and winding road
that leads to your door
will never disappear
I've seen that road before
It always leads me her
Lead me to you door

The wild and windy night
that the rain washed away
Has left a pool of tears
crying for the day
Why leave me standing here
let me know the way

Many times I've been alone
and many times I've cried
Any way you'll never know
the many ways I've tried

But still they lead me back
to the long winding road
You left me standing here
a long long time ago
Don't leave me waiting here
lead me to your door

But still they lead me back
to the long winding road
You left me standing here
a long long time ago
Don't leave me waiting here
lead me to your door
Yeah, yeah, yeah, yeah.

 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 6
IL POETA

 
      Lato B: 6
PARLEZ-MOI

 
     

Autori: Bruno Lauzi, Jean Schmitt
Orchestra: Paolo Ormi
 
Testo:
Poesia poesia
sembra che non ci sia
poi ritorni per caso
a quand'eri bambina
e tu
tu correvi cantando
sorridevi per niente
e potevi volare
e tutto questo era
poesia.

Poesia poesia
sembra che non ci sia
poi ti prende la mano
e ti porta lontano
con lui
e non sei più bambina
non sorridi per niente
scopri di essere donna
e tutto questo è
poesia.

Poesia poesia
sembra che non ci sia
poi ti svegli una notte
e vorresti parlare
con lui.
Ti dovresti spiegare
e non sai cosa dire
che è finito l'amore
ma in fondo anche questo
è poesia.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Robert Charlebois
Orchestra: Paolo Ormi
 
Note: "PARLEZ-MOI" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com

 

 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1971 - LOVE STORY/DI VERO IN FONDO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Sab Apr 14, 2018 10:50 pm

1. TITOLO:
 
1971 - LOVE STORY/DI VERO IN FONDO
 
# Etichetta: PHILIPS # Catalogo: 6025.027 # Data pubblicazione: Marzo 1971 # Matrici: 6025 027.1/6025 027.2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 16 Marzo-15 Marzo / Copertina di Mario Convertino / Distribuito da Phonogram - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Love Story/Di vero in fondo è il 15° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1971 dall'etichetta discografica Philips.

È il 56° singolo più venduto del 1971 e nello stesso anno raggiunse la 10° massima posizione.

Il disco
Il singolo ebbe un discreto successo. Segnò il momentaneo allontanamento dalla musica pop, nonché l'avvicinamento alla canzone d'autore, soprattutto francese.

Love Story
Love Story è un brano scritto da Sergio Bardotti e Francis Lai. L'arrangiamento è di Luis Enriquez e la sua orchestra.

Il brano è ispirato all'omonimo romanzo di Erich Segal.

Il brano fu incluso nell'album Di vero in fondo.

Di vero in fondo
Di vero in fondo è stata scritta da Gino Paoli e Carmelo Carucci (che dagli anni ottanta si è occupato di sigle di cartoni animati (e telefilm) per Cristina D'Avena, Enzo Draghi, Marco Destro). L'arrangiamento è di Luis Enriquez e la sua orchestra.

Il brano fu incluso nell'album Di vero in fondo
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
LOVE STORY

 
      Lato B:
DI VERO IN FONDO

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Francis Lai
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Grazie, amore mio,
di aver sfidato
tutto il mondo insieme a me,
di aver cercato
un'altra vita accanto a me,
di aver sbagliato
e poi pagato anche di più,
insieme a me.

Grazie perché so
che questo amore
non potrà finire mai.
Anche se il mondo
sta crollando intorno a noi,
non piangerò,
in qualche modo riuscirò
a dirti addio.

Ma dirti addio non è possibile,
pensare a te e non sorridere,
non esser lì negli occhi tuoi.
Ma no, non dico addio
perché tu vivi in me,
noi siamo ormai
la terra e l'albero,
nasce il sole, di più non so,
di più non so.

Grazie, amore mio,
da questa sera
a casa solo tornerò,
dal tuo bicchiere
come al solito berrò,
sul tuo cuscino
la mia mano correrà...
...e sarai là.

Sul tuo cuscino
la mia mano correrà...
...e sarai là!
 
Fonte: QUI
     
Autori: Ninni Carucci, Gino Paoli
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Io... che non ero niente
Tu... tu che sapevi tutto
Io che cercavo in me
Una verità che poi... eri tu

Io... mi son preso tutta
Quella verità
E poi uno dopo l'altra
Mi son preso tante altre
Ma di vero... di vero

Di vero in fondo al cuore
Resta soltanto
Il mio rimpianto
Per un noi
Quando c'eri tu

Tu che sapevi... tutto
Io... io non capivo niente
Tu che cercavi me
La ragione che avevi già in te.

E son passati gli anni
Tu non sei più tu
E ogni giorno muore un uomo
E ogni giorno nasce un altro
Ma di vero... di vero

Di vero in fondo al cuore
Resta soltanto
Il mio rimpianto
Per un noi
Quando c'eri tu

Libero in fondo al cuore
Mi resta il pianto
Che sento dentro
Ancora oggi
Quando vedo... te
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 12:09 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1971 - DI VERO IN FONDO (L.P. 33½ Giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Apr 15, 2018 6:24 pm

1. TITOLO:
 
1971 - DI VERO IN FONDO
 
# Etichetta: Philips # Catalogo: 6323.004 # Data pubblicazione: 1971 # Matrici: 6323 004.1/6323 004.2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da Phonogram - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Di vero in fondo è un album di Patty Pravo, il primo della trilogia Philips, pubblicato dall'etichetta discografica Philips nel 1971.

Il disco
Quest'album vuole determinare il nuovo corso dell'artista, per il quale si affida a canzoni di vario stile, legati da un unico denominatore comune: "canzoni di qualità che si prestano a interpretazioni raffinate e di spessore". Sul fronte copertina, dell'edizione originale, è riportato solo il titolo del disco.

Si affida a grandi autori, quali Gino Paoli, Francesco Guccini, Jacques Brel, Vinícius de Moraes e Lucio Battisti.

...e tornò la primavera ebbe una prima pubblicazione nel dicembre 1969, nella versione dell'autrice Deborah Kooperman (45 giri EMI Parlophone 3C006-17276).

Di vero in fondo, nella versione dell'autore, venne presentata e scartata dalla commissione selezionatrice dei brani per il XXI Festival di Sanremo. Gino Paoli la pubblicò all'interno del suo lp Le due facce dell'amore, del 1971.

Del disco venne prevista un'edizione, destinata al mercato argentino, con quasi tutti brani in spagnolo, mai pubblicata e nota solo tra i collezionisti.

Le tracce tradotte sono le seguenti: Las hojas muertas, Volvio la primavera, Cancion de los viejos amantes, De verdadero en fondo, Emociones, Historia de amor.

L'edizione brasiliana presenta la copertina a busta chiusa, anziché apribile. Le copie promozionali, di stampa italiana, contengono un poster che riprende la grafica dell'album.

Una prima ristampa uscì per la linea economica Fontana Special, controllata dalla Phonogram. Con copertina del tutto differente e il titolo di Patty Pravo 1 - Canzone degli amanti (FONTANA 6492 003). Successivamente venne realizzata una ristampa "ufficiale", nel 1990, che riproduce la grafica originaria, con la sola aggiunta del nome dell'interprete e di una piuma stilizzata, accanto al titolo sul fronte copertina. Questa edizione venne anche realizzata in cd.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: DI VERO IN FONDO
 
   
 

 
   
 

 
 
Versione musicassetta
 

 
 
 
 
4. TRACK LIST di: DI VERO IN FONDO
 
Lato A Lato B

  • A1 FOGLIE MORTE
  • A2 ...E TORNO' LA PRIMAVERA
  • A3 SAMBA-PRELUDIO
  • A4 CANZONE DEGLI AMANTI
  • A5 DI VERO IN FONDO


  • B1 SOOLAIMON
  • B2 EMOZIONI
  • B3 LOVE STORY
  • B4 WILD WORLD
  • B5 IL BUIO VIENE CON TE
 


 
 
Lato A: 1
FOGLIE MORTE

 
      Lato B: 1
SOOLAIMON

 
     

Autori: A. Cavaliere, J. Prevért, J. Kosma
Orchestra: Giampiero Rverberi

 
Testo:
Come vorrei che tu ti ricordassi
i giorni belli che eravamo amici
In quei tempi là,
la vita era più bella,
Il sole più caldo di oggi.
Le foglie morte si raccolgono insieme...
Lo vedi: non dimentico più
Le foglie morte si raccolgono insieme
come i ricordi, come i dispiaceri

E il vento del nord le porta
nel freddo paese

Lo vedi: non dimentico più
la canzone che cantavi tu.

È una canzone che ci appartiene
Amavo te
amavi me.
E vivevamo, noi due, insieme
Amavo te
amavi me.
Ma ci ha separati questa vita
io non so perché
nemmeno tu
ed il mare poi cancella
i passi di due che non amano più.

Amavo te
amavi me.
Ma ci ha separati questa vita
io non so perché
nemmeno tu
ed il mare poi cancella
i passi di due che non amano più.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Neil Diamond
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Note: "SOOLAIMON" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Come she come say
Ride on the night
Sun become day
Day shall provide

Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon
Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon
Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon
Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon

God of my want, want, want
Lord of my need, need, need
Leading me on, on, on
On to the woman, she dance for the sun
God of my day, day, day
Lord of my night, night, night
Seek for the way, way, way
Taking me home

She callin’
Bring me home my name
On the wings of a flea
Wind in the plains
Dance once for me

Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon
Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon
Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon
Soo, soolaimon
Soolai, soolai, soolaimon

God of my want, want, want
Lord of my need, need, need
Leading me on, on, on
On to the woman, she dance for the sun
God of my day
Lord of my night
Seek for the way
Take me home

God of my want, want, want
Lord of my need, need, need
Leading me on, on, on
On to the woman, she dance for the sun
God of my day, day, day
Lord of my night, night, night
Seek for the way, way, way
Taking me home, and she callin’ my name

God of my want, want, want
Lord of my need, need, need
Leading me on, on, on
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
...E TORNO' LA PRIMAVERA

 
      Lato B: 2
EMOZIONI

 
     

Autori: Francesco Guccini, Deborah Kooperman
Orchestra: Gianfranco Lombardi
 
Testo:
Il vento dolce ancora sospirò
e tornò la primavera
Ogni foglia ancora rifiorì
e il mio cuor fiorì di pena...

L'inverno venne e il tempo si fermò
tanto il cuor sembrò gelaro
Che credevo non potesse più
Primavera ritornare...

Mai un mattino al sole che tornò
mi svegliò la primavera
e la terra ancora rifiorì
e il mio cuor fiorì di pena...

Il vento dolce ancora sospirò
e tornò la primavera
Ogni foglia ancora rifiorì
e il mio cuor fiorì di pena...
 
Fonte: QUI
     
Autori: Lucio Battisti - Mogol
Orchestra: Gianfranco Lombardi
 
Testo:
Seguir con gli occhi un airone sopra il fiume e poi
ritrovarsi a volare
e sdraiarsi felice sopra l'erba ad ascoltare
un sottile dispiacere
E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire
dove il sole va a dormire
Domandarsi perche' quando cade la tristezza
in fondo al cuore
come la neve non fa rumore
e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte
per vedere
se poi e' tanto difficile morire
E stringere le mani per fermare
qualcosa che
e' dentro me
ma nella mente tua non c'e'
Capire tu non puoi
tu chiamale se vuoi
emozioni
tu chiamale se vuoi
emozioni
Uscir dalla brughiera di mattina
dove non si vede ad un passo
per ritrovar se stesso
Parlar del piu' e del meno con un pescatore
per ore ed ore
per non sentir che dentro qualcosa muore
E ricoprir di terra una piantina verde
sperando possa
nascere un giorno una rosa rossa
E prendere a pugni un uomo solo
perche' e' stato un po' scortese
sapendo che quel che brucia non son le offese
e chiudere gli occhi per fermare
qualcosa che
e' dentro me
ma nella mente tua non c'e'
Capire tu non puoi
tu chiamale se vuoi
emozioni
tu chiamale se vuoi
emozioni
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3 con VINICIUS DE MORAES
SAMBA-PRELUDIO

 
      Lato B: 4
WILD WORLD

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Vinícius de Moraes, B. Powell
Orchestra: Gianfranco Lombardi
 
Testo:
Io senza te
Ho perso anche me
Perché senza te
Mi manca un perché
Io sono una fiamma
E luce non dò
Io sono una barca
E mare non ho
Perché senza te
Rinnego l`amore
Uccido la vita
E canto il dolore
Tristezza che va
In cerca di me
Ho paura di vivere senza te

(donna)

Ah, che bei giorni
I ricordi mi fanno sentire meno sola
Ho tanta voglia
Tanta voglia di averti con me
Le mie mani han bisogno di te
Ma sono triste
Non ha niente da darmi la vita com`è
La vita esiste
Ma ho paura di vivere senza te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Cat Stevens
Bomplesso African People
 
Note: "WILD WORLD" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Now that I’ve lost everything to you
You say you wanna start something new
And it’s breakin’ my heart you’re leavin’
Baby, I’m grievin’
But if you wanna leave, take good care
I hope you have a lot of nice things to wear
But then a lot of nice things turn bad out there

[Chorus:]
Oh, baby, baby, it’s a wild world
It’s hard to get by just upon a smile
Oh, baby, baby, it’s a wild world
I’ll always remember you like a child, girl

You know I’ve seen a lot of what the world can do
And it’s breakin’ my heart in two
Because I never wanna see you a sad girl
Don’t be a bad girl
But if you wanna leave, take good care
I hope you make a lot of nice friends out there
But just remember there’s a lot of bad and beware

[Chorus]

Baby, I love you
But if you wanna leave, take good care
I hope you make a lot of nice friends out there
But just remember there’s a lot of bad and beware
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
CANZONE DEGLI AMANTI

 
      Lato B: 5
IL BUIO VIENE CON TE

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Duilio Del Prete, Jacques Brel, G. Jouannest
Orchestra: Giampiero Reverberi
 
Testo:
“Ci sono stati giorni grigi
tanti anni insieme e la pazzia
hai fatto già mille valigie
ed io ti ho scritto mille addii
e in questa stanza senza culla
ogni mobile può dire
le battaglie e le tempeste
ma nulla più somiglia a nulla
non ho più voglia di partire
non hai più voglia di conquiste


Amore mio, mio dolce
grande immenso amore mio
dall’alba fino a che il tramonto
io, io ti amo ancora sai, ti amo

Conosco tutti i tuoi problemi
di me conosci le magie
ti leggo in viso se hai segreti
e quando hai voglia di andar via
ma si hai preso qualche amante
bisogna pur passare il tempo
bisogna pur che il corpo esulti
ma posso dirti finalmente
che ci è voluto del talento
ad esser vecchi e non adulti.

Amore mio, mio dolce
grande immenso amore mio
dall’alba fino a che il tramonto
io, io ti amo ancora sai, ti amo

E più la vita ci sta dietro
e più tormento ci darà
ma per due amanti è ancora peggio
la pace la serenità
ma sì, io piango un po’ di meno
ti accendi forse un po’ più tardi
ormai viviamo sulla terra
al caso più non ci affidiamo
ma ti avrò sempre davanti
in questa nostra dolce guerra

Amore mio, mio dolce
grande immenso amore mio
dall’alba fino al mio tramonto
io, io ti amo ancora sai, io ti amo…

Mon amour, mon doux, mon tendre
mon merveilleux amour
de l’aube claire jusqu’à la fin du jour
je t’aime encore, tu sais, je t’ame”.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Timallo, Maurice Gibb
Orchestra: Fredy Mancini
 
Testo:
La luce del mattino
ti porta via da me
nell’aria chiara te ne vai…
Arrivi nella notte
il buio vien con te
un sole sorge, senza un perché…

Ma chi sei, non saprai
quello che sento in fondo al cuore
Ma chi sei, dove vai
quando nell’alba tu scompari
Ma chi sei, senza te
tutto rimane come sempre

Il buio della notte
ti ha riportato a me
son sempre sola, senza te…
E’ come una magia
trovarti qui con me
è solo un sogno… ma perché…

Ma chi sei, non saprai
quello che sento in fondo al cuore
Ma chi sei, dove vai
quando nell’alba tu scompari
Ma chi sei, senza te
tutto rimane come sempre

La luce del mattino
ti porta via da me
nell’aria chiara te ne vai…
Arrivi nella notte
il buio vien con te
un sole sorge… ma perché…

 
Fonte: QUI
 

 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Apr 17, 2018 3:39 pm, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1971 - NON TI BASTAVO PIU'/CANZONE DEGLI AMANTI (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Dom Apr 15, 2018 10:42 pm

1. TITOLO:
 
1971 - NON TI BASTAVO PIU'/CANZONE DEGLI AMANTI
 
# Etichetta: PHILIPS # Catalogo: 6025.041 # Data pubblicazione: Settembre 1971 # Matrici: 6025 041.1/6025 041.2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 14 Settembre-15 Settembre / Distribuito da Phonogram - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Non ti bastavo più/Canzone degli amanti è il 16° 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1971 dall'etichetta discografica Philips.
Il disco
Il singolo ebbe un discreto successo. Uscì in prossimità della partecipazione di Patty Pravo al programma Canzonissima 1971. Raggiunse la 9° massima posizione il 6 novembre 1971[1] e si qualificò 41° nella top 50 dei singoli più venduti dello stesso anno.

Non ti bastavo più
Non ti bastavo più è un brano scritto da Vito Pallavicini e Shel Shapiro. L'arrangiamento e la direzione d'orchestra sono di Bill Conti.

Col brano Patty Pravo partecipò a Canzonissima 1971, esibendosi il 16 ottobre. Con questa, diede prova della sua grande capacità d'interpretazione.

Il brano non fu incluso in nessun album.

Canzone degli amanti
Canzone degli amanti è stata scritta da Sergio Bardotti e D. Del Prete, Jacques Brel e J. Jouannest. L'arrangiamento e la direzione d'orchestra sono di Gian Piero Reverberi.

Il brano fu incluso nell'album Di vero in fondo.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
NON TI BASTAVO PIU'

 
      Lato B:
CANZONE DEGLI AMANTI (La chanson des vieux amants)

 
     

Autori: Vito Pallavicini, Shel Shapiro
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Non ti bastavo più

quegli occhi tuoi, quei sogni tuoi
io li dovrei dimenticare ormai
e ci proverò
chi lo sa se ci riuscirò

tu giri ormai le spalle a me
un passo e poi un altro
e sei già, già lontano e vai
mentre io non dico niente e vai

giorni e notti come tanti anni
giorni e notti ricercando un perché
un perché

non ti bastavo più
non c'eravamo più
non cantavamo più
non ti servivo più
cosa è mancato a me
che non hai dato a me
volevo essere
proprio come volevi tu
cosa ho sbagliato mai
cosa è cambiato mai
qualunque donna può
anche anche sbagliare sai
ma più che piangere
più che esistere
sempre vivendoti
ma che cosa ti ho fatto mai

non ti bastavo più
non cantavamo più
e non ridevamo più
io, io non ti servivo più

dimmi, dimmi

cosa non pagherei
cosa non cederei
per un tuo attimo
mi basterebbe un attimo
ma più che piangere
più che esistere
sempre vivendoti
ma che cosa ti ho fatto mai
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Jacques Brel, Duilio Del Prete, Gérard Jouannest
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:
“Ci sono stati giorni grigi
tanti anni insieme e la pazzia
hai fatto già mille valigie
ed io ti ho scritto mille addii
e in questa stanza senza culla
ogni mobile può dire
le battaglie e le tempeste
ma nulla più somiglia a nulla
non ho più voglia di partire
non hai più voglia di conquiste


Amore mio, mio dolce
grande immenso amore mio
dall’alba fino a che il tramonto
io, io ti amo ancora sai, ti amo

Conosco tutti i tuoi problemi
di me conosci le magie
ti leggo in viso se hai segreti
e quando hai voglia di andar via
ma si hai preso qualche amante
bisogna pur passare il tempo
bisogna pur che il corpo esulti
ma posso dirti finalmente
che ci è voluto del talento
ad esser vecchi e non adulti.

Amore mio, mio dolce
grande immenso amore mio
dall’alba fino a che il tramonto
io, io ti amo ancora sai, ti amo

E più la vita ci sta dietro
e più tormento ci darà
ma per due amanti è ancora peggio
la pace la serenità
ma sì, io piango un po’ di meno
ti accendi forse un po’ più tardi
ormai viviamo sulla terra
al caso più non ci affidiamo
ma ti avrò sempre davanti
in questa nostra dolce guerra

Amore mio, mio dolce
grande immenso amore mio
dall’alba fino al mio tramonto
io, io ti amo ancora sai, io ti amo…

Mon amour, mon doux, mon tendre
mon merveilleux amour
de l’aube claire jusqu’à la fin du jour
je t’aime encore, tu sais, je t’ame”.
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1971 - PER AVER VISTO UN UOMO PIANGERE E SOFFRIRE DIO SI TRASFORMÒ IN MUSICA E POESIA (L.P. 33½ Giri+ MC)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 12:06 am

1. TITOLO:
 
1971 - PER AVER VISTO UN UOMO PIANGERE E SOFFRIRE DIO SI TRASFORMÒ IN MUSICA E POESIA
 
# Etichetta: Philips # Catalogo: 6323.010 # Data pubblicazione: 1971 # Matrici: 6323 010.1/6323 010.2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Distribuito da Phonogram - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Per aver visto un uomo piangere e soffrire Dio si trasformò in musica e poesia è un album di Patty Pravo, il secondo della trilogia Philips, pubblicato dall'etichetta discografica Philips nel 1971.

Il disco
A pochi mesi dall'emissione del disco precedente Di vero in fondo esce l'album dal titolo più lungo fra quelli pubblicati da Patty Pravo: Per aver visto un uomo piangere e soffrire Dio si trasformò in musica e poesia; prodotto dalla stessa Patty Pravo.

Curiosa la scelta di non apportare, sul fronte copertina, nessuna informazione che riguardi il nome dell'interprete o il titolo dell'album; ma di far apparire solo il viso dell'interprete, contorniato da un velo scuro. Titolo e nome dell'interprete appariranno nella ristampa del disco. Uno scatto alternativo della stessa serie venne adoperato per il 45 giri spagnolo Una locura/Nosotros

Per la realizzazione di quest'album, con canzoni di qualità ed eccellenti e sofisticati arrangiamenti, viene chiamato Bill Conti, al quale si affianca Luis Enriquez Bacalov. Bill Conti invece dirige l'orchestra per gli unici due brani composti da David Shel Shapiro.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: PER AVER VISTO UN UOMO PIANGERE E SOFFRIRE DIO SI TRASFORMÒ IN MUSICA E POESIA
 
   
 

 

 
   
 

 
 
Versione musicassetta
 

 
 
 
 
 
4. TRACK LIST di: PER AVER VISTO UN UOMO PIANGERE E SOFFRIRE DIO SI TRASFORMÒ IN MUSICA E POESIA
 
Lato A Lato B

  • A1 MORIRE... DORMIRE... FORSE SOGNARE
  • A2 LANTERNE ANTICHE (Antique Annie's Magic Lantern Show)
  • A3 POEMA DEGLI OCHI (Poema Dos Olhos Da Amada)
  • A4 STORIA DI UNA DONNA CHE HA AMATO DUE VOLTE UN UOMO CHE NON SAPEVA AMARE (The Same Old Chair)


  • B1 PREGHIERA (Bright Tomorrow)
  • B2 UN UOMO UNA DONNA UNA BAMBINA (Do Yourself)
  • B3 UN VOLTO BIANCO SULLA NEVE
  • B4 T. L. & R. (Thunder Lightning And Rain)
  • B5 FOLLOW THE LAMB
 
 
Lato A: 1
MORIRE... DORMIRE... FORSE SOGNARE

 
      Lato B: 1
PREGHIERA (Bright Tomorrow)

 
     

Autori: L. Enriquez Bacalov, S. Bardotti
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:
Getto il mondo su una nuvola
mi ricade nell’anima
io incendio le mie lacrime
se amare è inutile.

Morire, dormire, forse sognare
guardare, fuggire
per non capire
o forse sognare
cosa?

Morire, dormire, forse sognare
guardare, fuggire
per non capire
o forse sognare
ma cosa?
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Trim, A. Vitalis
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:
Piango, ma perchè?
Rido, ma perchè?
Sbaglio, ma poi guardo in su
e là in alto ci sei tu.

Dove, non lo so
quando, io non lo so
anche, se io non prego più
sorridi tu.

Cerco te
voglio te
amo te
in ogni uomo.

Perdo te
piango te
prego te
in ogni uomo
che tu mi dai.

Ma, dimmi
dove sei?
Dimmi
quale sei?
Anche
se io sto guardando in giù
io so che in alto
sorridi tu.

Io cerco te
voglio te
amo te
in ogni uomo.

Perdo te
piango te
prego te
in ogni cosa che non ho più.

Ma lassù in alto, tu….

Piango, ma perchè?
Rido, ma perchè?
Sbaglio, ma poi guardo in su
e là in alto ci sei tu.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
LANTERNE ANTICHE (Antique Annie's Magic Lantern Show)

 
      Lato B: 2
UN UOMO UNA DONNA UNA BAMBINA (Do Yourself)

 
     

Autori: Vito Pallavicini, Stewart, Ashdown
Orchestra: Gian Piero Reverberi
Testo:
Le montagne sono grandi
una donna che le guarda è piccola
la notte è tanto scura
che la strada fine mai non ha
lanterne magiche non ho
non vedo più là
quanto freddo fa.

Io mi siedo qui
e una luce arancio va
come fossi qui,qui con me
lanterne antiche.

I pensieri sono grandi
e tra le mani non li chiuderò
e la vita è tanto scura
che da sola io mi perderò
ma il pastore so che cercherà
la pecora che si è smarrita, già.

E io so cos’è
questa luce arancio che
sta parlando insieme a me
e mi spiega cose antiche.

La la la …..

E da sola io mi perderò
ma la luce arancio mi farà
vedere più in là
e quanto caldo dà.

Io camminerò
nella strada chiara ormai
come avessi qui
qui con me
lanterne antiche.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Vito Pallavicini, Sergio Bardotti, Haubrich, A. Vitalis
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:
Apro la finestra
entra il giorno e tu
tu mi baci gli occhi.
Io non ti vedo più
ridi, questa notte
sono stretta a te
bevono alla luna, i pensieri…

Va, questa vita va
non ruba mai quello che mi dà
e nasce dentro me
un altro fiore per te.

Voci di bambini
sulla strada e tu
d’improvviso ho freddo
non mi abbracci più
non l’avevi detto
che paura hai
contro una bambina
non si vince mai.

Va, questa vita va
non lascia mai quello che ti dà
e muore dentro me
anche il mio sogno con te.

Apro la finestra
il tuo mondo è là
e non è una stanza
che lo chiuderà
non guardarmi in faccia
quando te ne andrai
tanto per amore
non ho pianto mai.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
POEMA DEGLI OCHI (Poema Dos Olhos Da Amada)

 
      Lato B: 3
UN VOLTO BIANCO SULLA NEVE (I Do Love You)

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Vinícius de Moraes, P. Soledade
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:
Amore mio
che occhi i tuoi
strade di notte
piene di addio
porti sereni
luci lontane
che vanno fino all’oscurità.

Amore mio
che occhi i tuoi
quanto mistero
negli occhi tuoi
quanti velieri
e quanti navi
quanti naufragi negli occhi tuoi.

Amore, amore
che occhi senza Dio
un giorno forse
volesse Dio
potrò vedere
l’umile sguardo
della poesia negli occhi tuoi.

Amore, amore
che occhi i tuoi.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Vito Pallavicini, Croisille, Frank, A. Vitalis
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:
C’è un sole verde
sopra ad un prato
c’è, c’è un punto bianco
sulla neve, davanti a me.

Un, un orologio
gira, gira all’indietro
quante, quante ore antiche
che non voglio avere più.

C’è un volto bianco
sulla neve, davanti a me.

Non voglio, non voglio
non ti voglio, non ti voglio.

Io no, io non ti voglio
io non ti cerco
e, mi fanno ridere
gli amanti che piangono.
Ma, da Londra
terra della mia anima
mi lasci entrare vita
un minuscolo cuore.

Ti amo, ti amo
ti amo, io ti amo.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
STORIA DI UNA DONNA CHE HA AMATO DUE VOLTE UN UOMO CHE NON SAPEVA AMARE (The Same Old Chair)

 
      Lato B: 4
T. L. & R. (Thunder Lightning And Rain)

 
     

Autori: Vito Pallavicini, David Shel Shapiro
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Testo:

 
Fonte: [url=]QUI[/url]
     
Autori: David Shel Shapiro
Orchestra: Gian Piero Reverbero
 
Note: "T. L. & R. (Thunder Lightning And Rain)" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Heart the rain come pouring down
walking everyone in town
and it makes me so, so sad
tink about the times we had
and i wonder who you’ve found,
It’s getting hard to make it alone
It’s getting hard to find my way home
the rain is mixing with my tears.
All the thunder’s crashing in my ears.
Somebody help me weather the strom.
I keep on walking calling your name
I keep on searching, calling your name
the rain is blinding in my eyes
All the thunder’s crashing in the sky.
Somebody help me, hep me weather the strom.
Here’s the rain and the thunder crash
lighting linght in the windows flash
like the mirror reflecting pain
thunder, lighting and rain.
I keep on walking calling your name
I keep on searching, calling your name
the rain is blinding in my eyes
All the thunder’s crashing in the sky.
Somebody help me weather the strom
Here’s the rain and the thunder crash
lighting linght in the windows flash
like the mirror reflecting pain
thunder, lighting and rain.
Say again now!
Like a mirror reflecting pain
thunder lighting and rain. Ha…!
Hear the rain against the tiles
hear the thunder crash for miles
see the lighting in the sky
see the hell stones live and die.
And then just tell me why.
Hear the rain and you hear my Tears
Hear the thunder and feel my fears
see the lighting and say again
thunder lighting and rain!
Say again now!
Hear the rain and you hear my Tears
Hear the thunder and feel my fears
see the lighting and say again
thunder lighting and rain!

 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 5
FOLLOW THE LAMB



Autori: J. Styne - S. Cahan
Orchestra: Gian Piero Reverberi
 
Note: "FOLLOW THE LAMB" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com

 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Apr 17, 2018 10:21 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1972 - SÌ...INCOERENZA (L.P. 33½ Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 3:07 pm

1. TITOLO:
 
1972 - SÌ...INCOERENZA
 
# Etichetta: Philips # Catalogo: 6323.014 # Data pubblicazione: 1972 # Matrici: 6323 014.1/6323 014.2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 7 Giugno / Fotografia di Paolo Gianbarberis / Registrato presso gli Studi Fonorama di Milano / Distribuito da Phonogram - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Sì... Incoerenza è un album di Patty Pravo, il terzo ed ultimo della trilogia Philips, pubblicato dall'etichetta discografica Philips nel 1972.

Il disco
Patty Pravo collabora con Leo Ferré, del quale incide Piccino (Petite) e Col tempo (Avec le temps), offrendo due interpretazioni di grande spessore, mentre La solitudine (La solitude) viene realizzata in una versione solo orchestrale che apre e chiude il disco

Andrea Lo Vecchio e Alberto Testa costruiscono sulla personalità della cantante l'adattamento italiani della celeberrima My Way (A modo mio) di Frank Sinatra, un'altra delle sue migliori prove d'interprete.

Con la pubblicazione dell'album si chiude definitivamente anche la collaborazione di Patty Pravo con l'etichetta discografica Philips.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: SÌ...INCOERENZA
 
   
 

 
   
 

 
 
Versione Musicassetta
 

 

 
 
 
4. TRACK LIST di: SÌ...INCOERENZA
 
Lato A Lato B

  • A1 LA SOLITUDINE (strumentale)
  • A2 A MODO MIO (My way)
  • A3 LOVER MAN
  • A4 VALSINHA
  • A5 NON SO PERCHÉ MI STO INNAMORANDO (The way of love)
  • A6 COL TEMPO (Avec le temps)


  • B1 SOLO UN UOMO
  • B2 PER ME AMICO MIO (A cowboy's work is never done)
  • B3 IO
  • B4 UN PO' DI PIU'
  • B5 PICCINO (Petite)
  • B6 LA SOLITUDINE (strumentale)
 
 
Lato A: 1
LA SOLITUDINE (strumentale)

 
      Lato B: 1
SOLO UN UOMO

 
     

Autori: Léo Ferré
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
"LA SOLITUDINE" è il brano d'apertura eseguito strumentalmente
     
Autori: Luigi Capello, Mario Cenci
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Sui gradini della Chiesa
ho visto un vecchio col suo cane
domandare un po' di pane
a te… ah… ah…

Una bimba sulla strada
ho visto che ti dava un fiore
chiedeva solo poche lire
a te… ah… ah…

Anch'io… anch'io…
ti tendo le mie mani come fosti un Dio
ma tu sei Solo Un Uomo e non lo sai…

Non sei un angelo
neanche un Re…
eppure io davanti a te
orgoglio non ne ho con umiltà…
ti chiedo questa carità…

Ma vai al diavolo…
adesso no!
Tu vuoi l'amore per un po'
e, a dire "grazie"
poi, vuoi che sia io
sei solo un uomo non un Dio!

Quante volte già l'ho detto…
non è questo il posto mio!
E' il momento dell'addio
a te… ah… ah…

Oggi busso a questa porta
la pena è tutta da scontare
andare via e ritornare
da te… ah… ah…

Anch'io… anch'io…
ti tendo le mie mani come fosti un Dio
ma tu sei Solo Un Uomo e non lo sai…

Non sei un angelo
neanche un Re…
eppure io davanti a te
orgoglio non ne ho con umiltà…
ti chiedo questa carità…

Ma vai al diavolo…
adesso no!
Tu vuoi l'amore per un po'
e, a dire "grazie"
poi, vuoi che sia io
sei solo un uomo non un Dio!

Un uomo
che io amo…
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
A MODO MIO (My way)

 
      Lato B: 2
PER ME AMICO MIO (A cowboy's work is never done)

 
     

Autori: Claude François, Andrea Lo Vecchio, Jacques Revaux, Gillis Thibout
Orchestra: Bill Conti
Testo:
ma si' io sono qui
a dirvi cose per me importanti
e voi non lo sapete
se son parole o sentimenti
pero' non ha importanza
se c'e' chi parla di incoerenza
perché io sono io a modo mio
ho fatto quel che ho voluto
sola con me guardando avanti
rimpianti ne ho troppo pochi
non è il caso che li racconti
ho avuto non ho avuto
tutto perfetto tutto sbagliato
pero' io sono io a modo mio
e anche se ho pianto un po'
quell'esperienza mi ha fatto bene
ho avuto si' bocconi amari
ma li ho saputi sputare fuori
ma io sono io e a modo mio
non cambio mai
ma si' io sono qui
a dirvi cose scritte da un altro
pero' per darle a voi
io le traduco le porto dentro
cosi' non per vantarmi
nessuno puo' rimproverarmi
perché io sono io a modo mio
davanti a me c'e' una platea
piena o deserta io non lo so
dentro di me la vita mia
deserta o piena dissi di no
ma io sono io e a modo mio
non cambio mai
se la platea mi dice si'
ringrazio dio di essere io
a modo mio
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sonny Bono, Alberto Testa
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Io
con questa terra giro anch’io
ma è una giostra amico mio
io gioco e so che perderò
carte vincenti non ne ho.

Io
volevo aprirti il cuore mio
ma ridi tu e rido anch’io
non è un bicchiere preso in più
io sono sola come sei tu.

Corri qui corri là non val la pena
fin tanto che un bimbo c’è sull’altalena
quando mai quando mai capirai
che occhi hai se tu non puoi vedere mai.

Ma per me
il sole è l’arancia che c’è
nel tuo mercato no non c’è
sulla panchina appesa sta
poi quando ho sonno se ne va…
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
LOVER MAN

 
      Lato B: 3
IO

 
     

Autori: Jeff Davis, R. Ramirez, J. Sherman
Orchestra: Bill Conti
 
Note: "LOVER MAN" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
I don't know why but I'm feeling so sad
I long to try something I've never had
Never had no kissin', oh, what I've been missin'
Lover man, oh, where can you be?

The night is cold and I'm so all alone
I'd give my soul just to call you my own
Got a moon above me but no one to love me
And lover man, oh, where can you be?

I've heard it said that the thrill of romance
Can be like a heavenly dream
I go to bed with a prayer that you'll make love to me
Strange as it seems

Someday we'll meet and you'll dry all my tears
Then whisper sweet little things in my ear
Hugging and a-kissing, oh, what we've been missing
Lover man, oh, where can you be?

I've heard it said that the thrill of romance
Can be like a heavenly dream
I go to bed with a prayer that you'll make love to me
Strange as it seems

Someday we'll meet and you'll dry all my tears
Then whisper sweet little things in my ear
A-hugging and a-kissing, oh, what we've been missing
Lover man, oh, where can you be?


 
Fonte:
     
Autori: Giancarlo Bigazzi, Claudio Cavallaro
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
La tua testa sul seno mio
ascolto il tuo veleno, io
non piangere per lei
che accanto a te sto io.

Non parlare
non stare lì a spiegare
conosco la tua storia, io
ti accetto come sei
e un po' di te è mio.

Amore, chi sei
un'anima, che ha tanto bisogno di me.

Ogni volta che soffrivi
tra le mie braccia sei tornato
amore all'infinito mi hai chiesto ed io
io ti ho dato.

Amore, chi sei
un'anima, che ha tanto bisogno di me.

Si di me, non di lei
quel che ho dato lo ridarei
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.
Ma di me, non di lei
quando piangi ti ricorderai
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.

Io lo so, chi eri
un'anima che ha tanto bisogno di me.

Io so amare e rispettare
saprei anche morire io
non piangere per lei
che accanto a te sto io.

Amore, chi sei
un'anima, che ha tanto bisogno di me.

Si di me, non di lei
quel che ho dato lo ridarei
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.
Ma di me, non di lei
quando piangi ti ricorderai
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.

Io lo so, chi eri
un'anima che ha tanto bisogno di me.

Io lo so, chi eri
un'anima che ha tanto bisogno di me.
 
Fonte: [url=http://www.rockol.it/testi/19112512/patty-pravo-io]QUI
 
 
Lato A: 4
VALSINHA

 
      Lato B: 4
UN PO' DI PIU'

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Chico Buarque De Hollanda, Vinicius de Moraes
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Quel giorno a casa lui tornò più presto
come non faceva quasi più
e la guardò in modo ben doverso
come non faceva quasi più
e non parlò più dell'aumento
unico argomento dei discorsi suoi
con una strana tenerezza
e con una carezza disse:
"Andiamo fuori... Vuoi?"
e lei si ricordò del tempo
del lontano tempo in cui si innamorò
cercò nel fondo di un cassetto
quella camicetta che le regalò
e poi si presero per mano
come ti teneva tanti anni fa
e scesero fino alla piazza
e come due ragazzi cominciarono a ballare...
E al suono della loro danza
molta gente che dormiva si affacciò
e scese nella piazza scura
e molta gente giura che s'illuminò
e furono baci rubati e gridi soffocati
che nessuno soffocò...
Che il mondo fece suoi,
e in pace l'alba poi spuntò.

 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Shel Shapiro
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Pensa a due ragazzi
diciamo due amanti
senza un soldo per tirare avanti
e pensa quanto costa rinunciare a tutto
quando tutto vorresti regalare a lei
e pensa a un uomo davanti a una montagna
che non gli da speranza di superarla mai
e pensa a un uomo davanti alla sua donna
sicuro già da ora che la perderà.

Ed era tutto lì
credere in noi un pò di più
entrare in noi un pò di più
vivere inseieme un pò di più
amare forse un pò di più
saper soffrire solo un pò di più
voler capire solo un pò di più.

E non vedevi che
non era il corpo che chiedevo a te
non è la mano che tendevo a te
ma tutta quanta, tutta quanta me.

Ed era tutto lì
bastava dire qualche volta si
e la montagna che era su di noi
ora l’avresti sotto i piedi tuoi.

Bastava anare solo un pò di più
bastava dare solo un pò di più
e dare…
bastava…
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
NON SO PERCHÉ MI STO INNAMORANDO (The way of love)

 
      Lato B: 5
PICCINO (Petite)

 
     

Autori: Jacques Dieval, Al Stillman, Alberto Testa
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Io non so perchè
mi sto innamorando

resterò con te
ma non so fin quando
forse per un giorno
per una stagione
finchè sarò presa
da questa emozione
e se quel morire
di cui si parla tanto
e volere bene
e spezzarsi dentro
tu consumerai
abbracciandomi
ogni briciola
di questo corpo mio

resterà con te
ma non so fin quando
io non so perchè
mi sto innamorando
forse ho solo voglia
delle notti tue
forse invece
è amore
forse tutte e due
non decidere
ti amerò domani
no non so dirtelo
non parlarne più
ma ma se vuoi saperlo
devo dirti che
devo esser pazza
di amare ancora te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Léo Ferré, Enrico Medail
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Hai gli occhi da bimbo malato
ed io ho occhi da mascalzone
un dolce sguardo m’hai lanciato
finita l’ultima lezione
ed hai guardato chissà dove
ed hai guardato chissà dove…

Ah piccino,ah piccino
t’insegnerò il verbo amare
che si declina dolcemente
senza catene né tormenti
come il giorno che se ne va
come il giorno che se ne va…

Ho il collo di un cigno bambino
ed io ho mani di velluto
quando dal fondo del cortile
m’hai fatto un cenno di saluto
sembravi avere già vent’anni
sembravi avere già vent’anni…

Ah piccino,ah piccino
t’insegnerò come si può
allontanarsi dolcemente
dalle catene e dai tormenti
come il sole che tramonta
come il sole che tramonta…

Ah piccino,ah piccino
ai passatempi da bambino
ritorna pure dolcemente
via da me,dai miei tormenti
un giorno tu mi rivedrai
un giorno tu mi rivedrai…

Il giorno finalmente in cui
sotto le vesti non avrai più
il codice penale…
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 6
COL TEMPO (Avec le temps)

 
      Lato B: 6
LA SOLITUDINE (strumentale)

 
     

Autori: Léo Ferré
Orchestra: Bill Conti
 
Testo:
Col tempo sai,
col tempo, tutto se ne va
non ricordi piu’ il viso
non ricordi la voce
quando il cuore ormai tace
a che serve cercare
ti lasci andare,
e forse e’ meglio cosi’.
Col tempo sai,
col tempo, tutto se ne va
L’altro che adoravi,
che cercavi nel buio
L’altro che indovinavi
in un battito di ciglia
E tra le frasi e le righe
E il fondo tinta
di promesse agghindate
per uscire a ballare
Col tempo sai,
Tutto scompare

Col tempo sai,
col tempo, tutto se ne va
ogni cosa appassisce
io mi scopro a frugare
in vetrine di morte
quando il sabato sera
la tenerezza rimane
senza compagnia

Col tempo sai,
col tempo, tutto se ne va
L’altro a cui tu credevi
anche a un colpo di tosse
L’altro che ricoprivi,
di gioielli e di vento
per cui avresti impegnato
anche l’anima al monte
a cui ti trascinavi
alla pari di un cane
Col tempo sai, tutto va bene
Col tempo sai,
col tempo, tutto se ne va
non ricordi piu’ il fuoco
non ricordi le voci
della gente da poco
e il loro sussurrare
Non ritardare,
copriti col freddo che fa
Col tempo sai,
col tempo, tutto se ne va
E ti senti il biancore
di un cavallo sfiancato
in un letto straniero,
ti senti gelato
solitario ma in fondo
in pace col mondo
e ti senti ingannato
degli anni perduti
Allora tu
col tempo sai
non ami piu’.
 
Fonte: QUI
     
Autori: David Shel Shapiro
Orchestra: Bill Conti
 
Note: "T. L. & R. (Thunder Lightning And Rain)" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
"LA SOLITUDINE" è il brano di chiusura eseguito strumentalmente
 

 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PATTY PRAVO: 1972 - IO/UN PO' DI PIU' (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 4:17 pm

1. TITOLO:
 
1972 - IO/UN PO' DI PIU'
 
# Etichetta: PHILIPS # Catalogo: 6025.054 # Data pubblicazione: Aprile 1972 # Matrici: 6025 054.1/6025 054.2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)# Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 11 Aprile / Lato A:"Un Disco per l'Estate 1972" / Distribuito da Phonogram - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Io/Un po' di più è il 17º 45 giri di Patty Pravo, pubblicato nel 1972 dall'etichetta discografica Philips.

Il disco
Il singolo non ebbe successo. Fu l'ultimo, pubblicato dall'etichetta discografica Philips. Successivamente, la cantante tornò al pop e alla leggendaria casa discografica RCA.

Io
Io è un brano scritto da Giancarlo Bigazzi e Claudio Cavallaro.

Con questo brano, Patty Pravo, partecipò al concorso radiofonico Un disco per l'estate.

Il brano fu incluso nell'album Sì... Incoerenza.

Un po' di più
Un po' di più è stata scritta da Sergio Bardotti e Shel Shapiro.

Il brano fu incluso nell'album Sì... Incoerenza.

Cover
Le cantanti Mina, Anna Vissi e Mersia negli anni a venire, ne hanno inciso delle reinterpretazioni, con titolo uguale. Mina inserì la reinterpretazione nel suo album Attila riproponendola con un nuovo arrangiamento; Mersia la incise in italiano e Anna Vissi in greco.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
 
4. TRACK LIST
 
Lato A:
IO

 
      Lato B:
UN PO' DI PIU'

 
     

Autori: Giancarlo Bigazzi, Claudio Cavallaro

 
Testo:
La tua testa sul seno mio
ascolto il tuo veleno, io
non piangere per lei
che accanto a te sto io.

Non parlare
non stare lì a spiegare
conosco la tua storia, io
ti accetto come sei
e un po' di te è mio.

Amore, chi sei
un'anima, che ha tanto bisogno di me.

Ogni volta che soffrivi
tra le mie braccia sei tornato
amore all'infinito mi hai chiesto ed io
io ti ho dato.

Amore, chi sei
un'anima, che ha tanto bisogno di me.

Si di me, non di lei
quel che ho dato lo ridarei
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.
Ma di me, non di lei
quando piangi ti ricorderai
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.

Io lo so, chi eri
un'anima che ha tanto bisogno di me.

Io so amare e rispettare
saprei anche morire io
non piangere per lei
che accanto a te sto io.

Amore, chi sei
un'anima, che ha tanto bisogno di me.

Si di me, non di lei
quel che ho dato lo ridarei
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.
Ma di me, non di lei
quando piangi ti ricorderai
io lo so, si io lo so
mille volte ti riperdonerò.

Io lo so, chi eri
un'anima che ha tanto bisogno di me.

Io lo so, chi eri
un'anima che ha tanto bisogno di me.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Shel Shapiro

 
Testo:
Pensa a due ragazzi
diciamo due amanti
senza un soldo per tirare avanti
e pensa quanto costa rinunciare a tutto
quando tutto vorresti regalare a lei
e pensa a un uomo davanti a una montagna
che non gli da speranza di superarla mai
e pensa a un uomo davanti alla sua donna
sicuro già da ora che la perderà.

Ed era tutto lì
credere in noi un pò di più
entrare in noi un pò di più
vivere inseieme un pò di più
amare forse un pò di più
saper soffrire solo un pò di più
voler capire solo un pò di più.

E non vedevi che
non era il corpo che chiedevo a te
non è la mano che tendevo a te
ma tutta quanta, tutta quanta me.

Ed era tutto lì
bastava dire qualche volta si
e la montagna che era su di noi
ora l’avresti sotto i piedi tuoi.

Bastava anare solo un pò di più
bastava dare solo un pò di più
e dare…
bastava…
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Apr 17, 2018 4:21 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1652
Punti : 1652
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PATTY PRAVO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: PATTY PRAVO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum