Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo






Luglio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario



AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale

____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________


_____________________


Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________



________________________


_____________________



________________________

Chi è in linea
In totale ci sono 17 utenti in linea: 2 Registrati, 0 Nascosti e 15 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

admin_italiacanora, mauro piffero

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 118 il Ven Lug 14, 2017 9:34 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr



CALABRIA - CANZONI POPOLARI/FOLK

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

CALABRIA - CANZONI POPOLARI/FOLK

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Ott 23, 2010 6:03 pm

CAMPANIA..
Suoni, voci, immagini di una regione, tutta da scoprire.
La diversità calabrese e dei calabresi muta da zona a zona, da luogo a luogo, muta in continuazione per composizione linguistica, etnica e quindi anche il folklore assume colori ed aspetti a secondo dei posti.

La prima isola etnica e folcloristica che si incontra visitando la Calabria venendo da Nord, è quella fondata dai Valdesi del Piemonte, che si rifugiarono in provincia di Cosenza attorno a Guardia e Montalto, per sfuggire alle persecuzioni del medioevo.

Sempre in provincia di Cosenza abbiamo radicate nel nostro territorio la comunità albanese insediatasi intorno a Castrovillari, Acquaformosa, San Basile, Spezzano, Firmo e Lungro. Qui si conservano ancora , la lingua, i costumi, gli usi e i riti della terra d'origine. La sopravvivenza degli albanesi di Calabria è dovuta alla gelosa custodia del patrimonio etnico, a San Cosmo Albanese, per esempio, la festa patronale ha delle caratteristiche albanesi, come il rito nuziale impostato sul ratto della sposa, sull' "iconastasi", la passeggiata in cerchio di tutto il corteo per tre volte intorno all'altare.

La parte Sud della Calabria custodisce il fascino e la bellezza del mondo greco con paesi come Gallicianò, Roghudi, Bova, Roccaforte del Greco, Palizzi ed altri che una lingua vicinissima al greco antico. Qui si rivivono antiche gesta con festival dedicati alla Magna Grecia, i casolari sono ancora abitati da gente legata saldamente alle proprie tradizioni, tradizioni salvaguardati anche da enti statali ed associazioni culturali, il tutto per un mondo che solo in Calabria è in grado di sopravvivere.

Queste isole sono una fonte inesauribile di spunti folcloristici che vanno dalla produzione artigianale, all'arte sacra, alle sagre, alle feste patronali con santi bizantini e riti di lontani popoli. A Stilo in provincia di Reggio Calabria, a conferma di un grande medioevo si rievoca il "Palio di Ribusa". A Bivongi, a metà agosto si svolge il "Mercato della Badia". Il folclore in Calabria assume il massimo del significato, ogni giorno dell'anno, segna una manifestazione o una festa.



INDICE

- A NASCITA DU BAMBINUZZU
- CALABRISELLE MIA
- COMUNIONE
- LA STRINA CALABRESE
- PASTORALE NATALIZIA
- RITURNELLA




Ultima modifica di admin_italiacanora il Ven Mag 17, 2013 11:20 am, modificato 1 volta
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1818
Punti : 3932
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: CALABRIA - CANZONI POPOLARI/FOLK

Messaggio  admin_italiacanora il Sab Ott 23, 2010 7:38 pm

CALABRISELLE MIA
(Canto folk tradizionale Calabrese)

Gruppo folk "CITTA' di CASTROVILLARI"

^^RITURNELLA
(canto popolare: allegoria tra l'emigrazione della rondine e l'emigrazione umana)

Versione interpretata da Eugenio Bennato



^^

Testo dialettale:
Spoiler:
Calabrisella mia

Mamma non mi mandari all’acqua sula
lu mulinare mi vuliva vasari
dicia c’a sugnu n’angiulu d’amuri
e ntantu mi vulia mbrusciuniari

Calabrisella mia, calabrisella mia
Calabrisella mia facimmu ammuri
Turillalleru lalleru lalla
Sta calabresella muriri mi fa

Quando ti vitti all’acqua chi lavavi
lu me cori si r’iinchiu d’amuri
e mentri a la sipala i robbi iampravi
ieu ti rubbai lu meghiu muccaturi

Calabrisella mia, calabrisella mia
Calabrisella mia facimmu ammuri
Turillalleru lalleru lalla
Sta calabrisella muriri mi fa

Calabrisella mia, calabrisella mia
tutta bagnata r’acqua venia
dammi nu pocu r’acqua i sa lancedda
acqua non sindi runa a mmenza a via

Calabrisella mia, calabrisella mia
Calabrisella mia facimmu ammuri
Turillalleru lalleru lalla
Sta calabrisella muriri mi fa

Prima ricisti si e mò non voi
dimmi i cu ti schianti o bedda mia
ca si ti schianti di li genti toi
mbrazzu ti pigghiu e non ti lassu mai.
Traduzione letterale:
Spoiler:
Mamma non farmi andare da sola a prendere l'acqua
poichè il mugnaio mi voleva baciare
dice che sono un angelo d'amore
e intanto vorrebbe rotolarsi nell'erba."

"Mia giovane ragazza di Calabria,
facciamo l'amore
Tirullaleru lalleru lallà
questa giovane calabrese mi fa morire."

Quando ti vidi all'acqua mentre lavavi
il mio cuore si riempì d'amore
e mentre alla siepe stendevi i panni
io ti rubai il più bel fazzoletto.

Mia giovane ragazza di Calabria
giungevi tutta bagnata d'acqua
"Dammi un pò d'acqua da quella brocca"
"Acqua non se ne può dare in mezzo alla via".

Prima mi hai detto di sì e adesso fai la ritrosa
dimmi di cosa hai paura o mia bella
perchè se hai paura della tua famiglia
ti prenderò in braccio e non ti lascerò mai.
^^
Testo dialettale:
Spoiler:
Tu rinnina che vai lu maru ma______ru

Ferma quanno te dico
Ferma quanno te dico
Dui paroli
Oi riturnella
Ferma quanno te dico dui paroli

Corri a jettari lu
Corri a jettari lu
Suspiro a mari
Oi riturnella
Corri a jettari lu suspiro a mari

E vididi se mi rispunna
E vididi se mi rispunna
Lu mio beni
Oi riturnella
E vididi se mi rispunna lu mio beni

Non mi rispunna - No
Non mi rispunna - No
È troppo lontano -
Oi riturnella
Non mi rispunna - No è troppo lontano

E sotto a na friscura
E sotto a na friscura
Che sta dormendo
Oi riturnella
E sotto a na friscura che sta dormendo

Poi si ripiglia cu
Poi si ripiglia cu
Nu chianto all'occhi
Oi riturnella
Poi si ripiglia cu nu chianto all'occhi

Se struja l'occhi e li
Se struja l'occhi e li
Passa lu chianto
Oi riturnella
Se struja l'occhi e li passa lu chianto

Piglia tu muccaturo
Piglia tu muccaturo
Lu vai a lavu
Oi riturnella
Piglia tu muccaturo lu vai a lavu

Poi ti lu spanno a lu
Poi ti lu spanno a lu
Pero de rosa
Oi riturnella
Poi ti lu spanno a lu pero de rosa

Poi ti lu manno a Na...
Poi ti lu manno a Na...
...poli a stirare
Oi riturnella
Poi ti lu manno a Napoli a stirare

Poi ti lu cogliu a la
Poi ti lu cogliu a la
Napulitana
Oi riturnella
Poi ti lu cogliu a la napulitana

Poi ti lu mannu cu
Poi ti lu mannu cu
Ventu a purtari
Oi riturnella
Poi ti lu mannu cu ventu a purtari

Ventu và portacello
Ventu và portacello
A lu mio beni
Oi riturnella
Ventu và portacello a lu mio beni

Mera che nun ti cada
Mera che nun ti cada
Pé supra mari
Oi riturnella
Mera che nun ti cada pé supra mari

Ca perdo li sigilli
Ca perdo li sigilli
De stu cori
Oi riturnella
Ca perdo li sigilli de stu cori
Traduzione letterale::
Spoiler:
tu,che passeggi in riva al mare
corro a gettare il sospiro a mare
per vedere se il mio amore mi risponde
non mi risponde, no, è troppo lontano
è all’ombra che sta dormendo
poi si risveglia con il pianto agli occhi
si asciuga gli occhi e gli passa il pianto
prendi il fazzoletto te lo vado a lavare
poi te lo stendo ai piedi della rosa
e te lo mando a Napoli a stirare

poi lo riprendo alla napoletana
te lo mando con il vento
vento và, e portalo al mio amore
bada che non ti cada in mare
perchè ha aperto i sigilli del mio cuore

La “Riturnella” è un antica canzone popolare calabrese. Tra le più conosciute e suonate. Molte sono le versioni, forse quella più famosa è quella di Eugenio Bennato.
Difficile non commuoversi ascoltandola lontano dalla propria terra.
Riecheggia lo stile dei cantastorie, che svolgono un’intera narrazione su di un supporto musicale semplice e ossessivamente ripetitivo.
E’ una storia d’amore semplice e struggente, parallelo tra la migrazione della rondine e della migrazione umana, si ritrovano le atmosfera del piccolo paese vicino al mare, con i suoi ritmi ed i suoi suoni.
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1818
Punti : 3932
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: CALABRIA - CANZONI POPOLARI/FOLK

Messaggio  admin_italiacanora il Mar Dic 25, 2012 12:55 am

PASTORALE NATALIZIA
canto tipico natalizio calabrese di Otello Profazzio

^^A NASCITA DU BAMBINUZZU
Canto tradizionale calabrese.
Tratto da "Mo' veni Natali", musicassetta sulle tradizioni natalizie in Calabria (1997).



^^

Testo dialettale:
Spoiler:
E la notte di Natali
è la festa principali
E scindiru li pasturi
p'adurari a Nostru Signuri...

E ninna,e ninna la vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...
E ninna,e ninna a vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...

Bambineddhu duci duci,
jeu ti portu li me' nuci...
Ti li scacci e ti li mangi,
accussì zittu e non chiangi...

E ninna,e ninna la vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...
E ninna,e ninna a vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...

Bambineddhu duci e amatu,
jeu ti portu lu nucuddhatu...
Ti lu mangi in cumpagnia
cu' Giuseppi e cu' Maria...

E ninna,e ninna la vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...
E ninna,e nivva a vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...

Bambineddhu duci assai,
'nu petrali ti potai...
ti lu manda la mamma mia,
ch'è cchiù ricca di Maria...

E ninna,e ninna la vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...
E ninna,e ninna a vo'...
Dormi, Gesu e fai la vo'...
Traduzione letterale:
Spoiler:
^^Testo dialettale:
Spoiler:
C’era appuntu nu vecchiarellu,
caminava pe’ la via
e tirava lu somarellu,
supra a lu bastu purtava a Maria.

Eranu stanchi, ma dopu truvaru
‘na gritticeddha: vardaru e trasiru,
‘nu letticeddhu di pagghia cunzaru,
s’arripusaru, prigaru e durmiru.

A menza notti ‘nu pasturellu
chiamava: “Genti, curriti pi’ cca!”
Svegliava tuttu lu paisellu,
vuliva dari la novità.

Vitti ‘nd’o celu ‘na cosa chi brilla,
si spaventava e diciva: “ Chi fu ”.
Supra la grutta calava ‘na stilla,
l’angiulu dissi: “È natu Gesù”.

Cu’ l’aiutu di l’asinellu
e cu’ l’aiutu di Maria
respirava lu boicellu,
si scaldava lu Messia.
Traduzione letterale:
Spoiler:

avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1818
Punti : 3932
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: CALABRIA - CANZONI POPOLARI/FOLK

Messaggio  admin_italiacanora il Ven Mag 17, 2013 11:12 am

COMUNIONE
Coro "Rajane Cante"
diretto dal M° Alessia De Amicis

___LA STRINA
Famosissimo ed antichissimo canto natalizio di Cosenza che si perpetua sin dai tempi dei nostri avi.

___

Testo dialettale
Spoiler:
‘Na manu sup’a ‘ll’atta e Tu,
quantu picciulu Ti fai.
Bontarusu mi stai ‘nto parmu da’ manu.
Misteru Divinu: Spirutu Santu,
DIU
Tu, Gesù Bambinu.

Versi di Mimmo STALTARI
Musica di Camillo BERARDI
Testo italiano
Spoiler:

Una mano sull’altra e Tu,
quanto piccolo Ti fai.
Bontà infinita, mi stai nel palmo della mano.
Mistero Divino: Spirito Santo,
DIO
Tu, Gesù Bambino.
___
Testo dialettale
Spoiler:


La strina


Senza esseri chiamati simu venuti,
ohi simu venuti,
cari signori siti i bontruvati
cari signori siti i bontruvati.

Su cantu bellu è a strina cusentina,
ohi cusentina,
era cantamu sina ara matina,
era cantamu sina ara matina.

Mò che è Natale e nascia lu Signure,
ohi lu Signure,
addiiamu nua adduranu li iuri,
addiiamu nua adduranu li iuri.

Ohi cà fattu a niva ara muntagna,
ohi ara muntagna,
chi Dio ti guarda sta bona cumpagna,
sta rosa russa cà tiani ara banna.

Ohi cà fattu a niva aru cannitu,
ohi aru cannitu,
chi Dio ti guarda stu buonu maritu,
chi Dio ti guarda stu buonu maritu.

Miunzu sa casa penna nà pernice,
ohi nà pernice,
ara patruna a via n'imperatrice,
ara patruna a via n'imperatrice.

Miunzi sta casa penna nù bastuni,
ohi nù bastuni,
aru patruni ù via nù gran baruni,
aru patruni ù via nù gran baruni.

Siantu lu strusciu di lu tavulatu,
ohi lu tavulatu,
chissa è a patruna cà piglia ra supprissata,
chissa è a patruna cà piglia ra supprissata.

Eru patruni spica nù prisuttu,
ohi nù prisuttu,
nù lu tagliari e dunanillu tuttu,
nù lu tagliari e dunanillu tuttu.

Eru patruni è proprio nù signore,
ohi nu signore,
naddi dunari vinu curu cori,
naddi dunari vinu curu cori.

Siantu lu strusciu di la cassarola,
ohi la cassarola,
chissa è à patruna cà fria sazizza ed ova,
chissa è à patruna cà fria sazizza ed ova.

Siantu lù strusciu di lù tavulinu,
di lù tavulinu,
chissa è u' patruni chi porta ancora vinu,
chissa è ù patruni chi porta ancora vinu.

E mentre fora chiova a' catinella,
ohi a' catinella,
vicinu u vinu cè puru a panzarella,
vicinu u vinu cè puru a panzarella.

Fazzu la strina a chi la sualu fari,
a chi la sualu fari,
su tiani nenti dunani dinari
su tiani nenti dunani dinari.

Dintra sa casa aviti tutti cori
ohi tutti cori,
chi Dio vi fa campari dintra l'amuri,
chi Dio vi fa campari dintra l'amuri.

Canta ru gallu e scuotula ri pinni,
scuotula ri pinni,
vi damu a bona sira e iamuninni,
vi damu a bona sira e iamuninni.

E di su friddu nua nunnni spagnamu,
nua nunnni spagnamu,
s'apriti a porta ni dunamu a mano,
s'apriti a porta ni dunamu a mano.

Ohi cusentinu cà tu si de core
cà tu si de core,
rapa sa porta e nùnni fa stari fora,
rapa sa porta e nùnni fa stari fora.

A porta mò s'e aperta e nua trasimu,
ohi nua trasimu,
speriamu cà ci stamu fina a matina,
speriamu cà ci stamu fina a matina.
Testo italiano
Spoiler:
Senza essere chiamati siamo venuti
.. (con i due punti si ripete l'ultima frase precedente)
cari signori siete i ben trovati
cari signori siete i ben trovati

Questo canto bello è la strina cosentina
..
e la cantiamo fino alla mattina
e la cantiamo fino alla mattina

Ora che è Natale e nasce il Signore
..
dove andiamo noi c'è odore di fiori
dove andiamo noi c'è odore di fiori

Di questo freddo non ci spaventiamo
..
se aprite la porta e ci diamo la mano
se aprite la porta e ci diamo la mano

La porta ora si è aperta e noi entriamo
..
speriamo che ci stiamo fino al mattino
speriamo che ci stiamo fino al mattino

QUesto padrone di casa è un signore
..
ci ha dato il vino proprio col cuore
ci ha dato il vino proprio col cuore

E ci ha invitato anche a sederci
..
perchè è contento e vuole che mangiamo
perchè è contento e vuole che mangiamo

E la signora vostra ha già preparato
..
per il cantante e per quelli che hanno bussato
per il cantante e per quelli che hanno bussato

Sento il rumore dal tavolato (soffitta sopra le travi in legno)
..
è la padrona che prende la sopressata
è la padrona che prende la sopressata

E mentre fuori piove a catinelle
..
insieme al vino c'è anche la pancetta
insieme al vino c'è anche la pancetta

Sento il rumore di una pentola
..
è la padrona che frigge salsiccia ed uova
è la padrona che frigge salsiccia ed uova

E il padrone prende un prosciutto
..
non lo tagliare daccelo tutto
non lo tagliare daccelo tutto

Sento il rumore di un tavolino
..
è la padrona che porta ancora vino
è la padrona che porta ancora vino

In questa casa avete tutti cuore
..
Che Dio vi faccia campare nell'amore
Che Dio vi faccia campare nell'amore

Che Dio vi mandi tanto miglio e grano
..
quanto ne fa Cosenza e Corigliano
quanto ne fa Cosenza e Corigliano

Il tempo sta passando e ora è mattina
..
tra poco finiscie anche la Strina
tra poco finiscie anche la Strina

QUesta canzone è antica e voi la sapete
..
speriamo che l'avete gradita
speriamo che l'avete gradita

Il gallo canta e si sente da lontano
..
statevi bene noi ce ne andiamo
statevi bene noi ce ne andiamo
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1818
Punti : 3932
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 66
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum