Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 33 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 32 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

mauro piffero

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 422 il Gio Giu 14, 2018 9:48 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Andare in basso

ACHILLE MILLO e FAUSTO CIGLIANO: 1960 - NOTTE LUMINOSA (33½ GIRI LP)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 11, 2018 10:54 am

1. TITOLO:
 
1960 - NOTTE LUMINOSA
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: LP 11002 # Data pubblicazione: Anno 1960 # Matrici: EP 1048/EP 1049 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 16 Novembre / Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi / Distribuito CETRA – Torino
 
 
2. COVER di: NOTTE LUMINOSA
 
   
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST di: NOTTE LUMINOSA
 
Lato A Lato B

  • A1 E BUON NATALE A TE
  • A2 NATALE (Guido Gozzano)
  • A3 PETIT PAPA' NOEL
  • A4 Natale (Rocco Galdieri)
  • A5 NATALE (Giuseppe Ungaretti)
  • A6 NOEL EN MER


  • B1 I BUOI
  • B2 LE CIARAMELLE
  • B3 A NUVENA
  • B4 SULLA NASCITA DI GESU'
  • B5 WHITE CHRISTMAS
 
Lato A: 1 BUON NATALE A TE
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
      Lato B: 1 I BUOI
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
     

Autori: Cigliano, Mattozzi, 1959
Accompagna: Mario Gangi e la sua chitarra
 
Testo:
Notte di favola, cantano gli angeli
e buon Natale a te!
Stelle che brillano, bimbi che pregano
e buon Natale a te!
Sento già nell’aria un dolce coro di campane...
Mentre tutti si amano
bello è ripetere il Buon Natale a te!
     
Autore: Thomas Hardy, 1900
Note: "I BUOI" è recitata da Achille Millo.
 
Testo:
Vigilia di Natale, è mezzanotte:
Ora essi sono tutti inginocchiati,
Disse un anziano a noi seduti in gruppo
Ben crogiolati presso il focolare.

Ci fingemmo le miti creature
Entro il loro ricovero di paglia,
Né ad alcuno a noi venne il pensiero
Che non fossero appunto genuflessi.

Tanta leggiadra fantasia, chi mai
Tesserebbe in questi anni? Pure io sento
Che se in quell'ora un tale mi dicesse:
Vieni a vedere i buoi inginocchiati

Nella solinga fattoria a valle,
Che nell'infanzia avemmo familiare,
Lo seguirei tra le ombre della notte,
Sperando in cuore fosse proprio vero.
 
Lato A: 2 NATALE
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
      Lato B: 2 LE CIARAMELLE
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
     

Autore: Guido Gozzano, 1914
Note: "NATALE" è recitata da Achille Millo.
 
Testo:
La pecorina di gesso,
sulla collina in cartone,
chiede umilmente permesso
ai Magi in adorazione.

Splende come acquamarina
il lago, freddo e un po' tetro,
chiuso fra la borraccina,
verde illusione di vetro.

Lungi nel tempo, e vicino
nel sogno (pianto e mistero)
c'è accanto a Gesù Bambino,
un bue giallo, un ciuco nero.
     
Autore: Giovanni Pascoli, 1903
Note: "LE CIARAMELLE" è recitata da Achille Millo.
 
Testo:
Udii tra il sonno le ciaramelle,
ho udito un suono di ninne nanne.
Ci sono in cielo tutte le stelle,
ci sono i lumi nelle capanne.

Sono venute dai monti oscuri
le ciaramelle senza dir niente;
hanno destata ne' suoi tuguri
tutta la buona povera gente.

Ognuno è sorto dal suo giaciglio;
accende il lume sotto la trave;
sanno quei lumi d'ombra e sbadiglio,
di cauti passi, di voce grave.
(solo le prime 3 strofe)

 
Lato A: 3 PETIT PAPA' NOEL
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
      Lato B: 3 A NUVENA
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
     

Autori: Raymond Vinci, Henri Martinet, 1946

Note: "PETIT PAPA' NOEL" e cantata da Fausto Cigliano in lingua originale... segue tradizione in italiano
 
Testo:
C'est la belle nuit de Noël
La neige étend son manteau blanc
Et les yeux levés vers le ciel, à genoux
Les petits enfants
Avant de fermer les paupières
Font une dernière prière.

Refrain:
Petit Papa Noël,
quand tu descendras du ciel,
avec des jouets par milliers,
n’oublie pas mon petit soulier.

Mais, avant de partir
Il faudra bien te couvrir
Dehors, tu vas avoir si froid
C'est un peu à cause de moi
Il me tarde tant que le jour se lève
Pour voir si tu m'as apporté
Tous les beaux joujoux que je vois en rêve
Et que je t'ai commandés.

Refrain: ...

Piccolo Babbo Natale (italiano)

E' la vigilia di Natale
La neve stende il suo manto bianco
E gli occhi levati al cielo
In ginocchio, i piccoli bambini
Prima di chiudere le palpebre
Fanno un'ultima preghiera.

Ritornello:
Piccolo Babbo Natale,
quando tu scenderai dal cielo,
con dei giochi per migliaia,
non dimenticare il mio piccolo desiderio.

Ma, prima di partire,
bisognerà che ti copri bene
Fuori, devi avere molto freddo
È un po’ a causa mia
Non vedo l'ora che sia giorno
Per vedere se tu mi hai portato
Tutti i giochi che vedo in sogno
E che ti ho chiesto.

     
Autori: Nuttata ‘e Natale, di S. Di Giacomo, 1898; ‘A Nuvena, di S. Di Giacomo, E. De Leva, 1887, e Pastorale, di Sant' Alfonso Maria de' Liguori, 1758.
Alternandosi, recita Achille Millo e canta Fausto Cigliano con accompagnamento Complesso strumentale e chitarra Mario Gangi
Note: "A NUVENA" è interpretata da Achille Millo e Fausto Cigliano .
 
Testo:
Millo: Nuttata ‘e Natale, (prima parte) di Salvatore Di Giacomo, 1898

Dint’a ‘na grotta scura
dormeno ‘e zampugnare:
dormeno, appese a ‘e mura,
e runfeno, ‘e zzampogne
quase abbuffate ancora
‘a ll’ úrdema nuvena;
e, ghianca, accumparesce e saglie ncielo,
dint’ â chiara nuttata, ‘a luna chiena.

Dormeno: ‘a mezanotte
cchíù de n’ ora ce manca;
e se sparano botte,
s’ appícceno bengala,
e se canta e se sona
pe tutto ‘o vicenato...
Ma ‘o Bammeniello nun è nato ancora,
e nun s’ è apierto ancora ‘o Viscuvato.

Cigliano: ‘A Nuvena, (prima parte) di Salvatore Di Giacomo, Enrico De Leva, 1887

‘Nu zampugnaro ‘e ‘nu paese ‘e fora,
lassaje quase ‘nfiglianza la mugliera.
Se partette pe Napule ‘e bon’ ora
cantanno, allero allero: ullèro, ullèro.

E ullèro, ullèro.
Ma nun era overo:
‘o zampugnaro,
penzava â mugliera
e suspirava
e ‘a zampogna, ‘e suspire, s’abbuffava... Ah…

Millo: Nuttata ‘e Natale, (seconda parte) di Salvatore Di Giacomo, 1898

Fora, doppo magnato,
esce ‘nfucata ‘a gente:
ccà, d’ ‘o viento gelato,
p’ ‘e fierre d’ ‘a cancella,
trase ‘a furia ogne tanto...
E c’ ‘o viento, e c’ ‘o friddo,
ncopp’ ‘a paglia pugnente, a pare a pare,
dormeno, stracque e strutte, ‘e zampugnare…

Cigliano: ‘A Nuvena, (seconda parte) di Salvatore Di Giacomo, Enrico De Leva, 1887

Cuccato ‘ncopp’ â paglia, ‘o Bammeniello,
senza manco ‘a miseria ‘e ‘na cuperta,
durmeva, ‘mmiez’â vacca e ô ciucciariello,
cu ll’uocchie ‘nchiuse e cu ‘a vucchella aperta.

E ullèro, ullèro
che bella faccella,
che bella resélla,
faceva Giesù
quanno ‘a Madonna
cantava: "Core mio, fa’ nonna nonna"... Ah…

Millo: Pastorale, (solo una parte) di Sant’ Alfonso Maria de’ Liguori, 1758

Viene, Suonno, da lo cielo,
Viene e adduorme ‘sto Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo;
Viene, Suonno, e nun tardà.
Gioia bella de ‘sto core
Vorria suonno arreventare,
Doce doce pe te fare
St’uocchie belle addormentà.

Ma si tu, p’ essere amato,
Te sî fatto bammeniello,
Sulo ‘ammore e ’o sunnariello
Che dormire te po’ fà.

Millo: Notte di Natale (italiano, prima parte)

Dentro una grotta scura
dormono gli zampognari:
dormono, appese alle mura,
e ronfono, le zampogne
quasi gonfie ancora
dell’ultima novena;
e, bianca, compare e sale al cielo,
in una chiara notte, la luna piena.

Dormono: dalla mezzanotte
Manca ancora più di un’ora;
ed esplodono i fuochi d’artifici,
si accendono i bengala,
e si canta e si suona
per tutto il vicinato...
Ma il bambinello non è ancora nato,
e non si è aperta ancora la chiesa.

Cigliano: La nuvena (italiano, prima parte)

Uno zampognaro di un paese vicino,
lasciò la moglie quasi partoriente.
Partì per Napoli di buon’ ora
suonando, allegro allegro: ullèro, ullèro.

E ullèro, ullèro.
Ma non era vero:
lo zampognaro,
pensava alla moglie…
e sospirava…
e la zampogna, si gonfiava di sospiri... Ah...

Millo: Notte di Natale (italiano, seconda parte)

Fuori, dopo cena,
esce accalorata la gente:
qui, il vento gelato,
tra i ferri del cancello,
entra a folate ogni tanto...
E col vento, e col freddo,
sopra la paglia pungente, pari pari,
dormono, sfiniti e distrutti, gli zampognari...

Cigliano: La nuvena (italiano, seconda parte)

Sdraiato sulla paglia, il Bambinello,
senza neanche lo straccio di una coperta,
dormiva, tra il bue e l’asinello,
con gli occhi chiusi e con la bocca aperta.

E ullèro, ullèro…
che bel faccino,
che bel sorrisino,
faceva Gesù
quando la Madonna
cantava: "Cuore mio, fai la nanna"... Ah...

Millo: Pastorale, (italiano, solo una parte)

Vieni, Sonno, dal cielo,
Vieni e addormenta questo Bambinello;
Per pietà, che è piccolino;
Vieni, Sonno, e non ritardare.
Gioia bella di questo cuore,
Vorrei diventare sonno,
Dolce dolce per farti
Addormentare questi belli occhi.

Ma, se tu, per essere amato,
Ti sei fatto bambinello,
Solo l’ammore e il sonnellino
Dormire ti può fare.

 
Lato A: 4 NATALE
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
      Lato B: 4 SULLA NASCITA DI GESU'
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
     

Autore: Rocco Galdieri, cca. 1900
Note: "NATALE" è recitata da Achille Millo in napoletano...segue la traduzione in italiano.
 
Testo:
Piccerille, che ghiate a scola,
piccerille, che nun ce jate.
Si tenite chi ve cunzola
o site sule e abbandunate...

Si tenite tutte vicine,
o tenite tutte luntane...
si sperite ’nnanze ê vvetrine
o, redenno, sbattite ’e mmane...

Piccerille, pe ’stu Natale
nu’ sparate tracche nè botte...
Appicciate sulo ’e bengale
comme sona «la mezzanotte».

Nun sapite Giesù c’ha ditto
primm’ ‘e scennere ’a cielo ’nterra?
«Nu’ sparate! Stateve zitto...
ca già tanto se spara ’nguerra!»

Natale (italiano)

Bambini, che andate a scuola,
bambini, che non ci andate.
Se avete chi vi consola
o siete soli e abbandonati...

Se avete tutti vicini,
o avete tutti lontani...
se desiderate davvanti alle vetrine
o, ridendo, sbattete le mani...

Bambini, per questo Natale
non sparate fuochi d'artificio nè botte...
Accendete solo il bengale
quando suona «la mezzanotte».

Non sapete Gesù che ha detto
prima di scendere dal cielo sulla terra?
«Non sparate! State zitti...
che già tanto si spara in guerra!»
     
Autore: Autore: Andreas Gryphius, 1643
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SULLA NASCITA DI GESU'" è recitata di Achille Millo.
 
Testo:
Oh notte, più che luminosa!
Notte, più sfolgorante del giorno,
Notte più chiara del sole!
Oh notte, che può sfidare tutte le notti e i giorni!

Oh notte, colma di gioia o di dolori, lamenti
E tenebra e, ciò che ha cospirato contro il mondo,
Paura e angoscia d’inferno ed errore, furono sommersi!
Il cielo s’apre! Ma non è il tuono ormai che ne scende.

Colui che creò il tempo e le notti è giunto in questa notte!
E su di se ha assunto la legge del tempo e la carne!
E dall’eternità ha legato in un retaggio la nostra carne e il tempo.

La notte cupa dei crucci, la nera notte dei peccati,
L’oscurità della tomba, questa notte farrà scomparire.
Notte, più sfolgorante del giorno! Notte, più che luminosa!
 
Lato A: 5 NATALE
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
      Lato B: 5 WHITE CHRISTMAS
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano

 
     

Autore: Autore: Giuseppe Ungaretti, 1916
Note: "NATALE'" è recitata da Achille Millo.
 
Testo:
Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare
     
Autore: Autore: Irving Berlin, 1941
Note: "WHITE CHRISTMAS" è cantata da Fausto Cigliano in lingua originale...segue la traduzione in italiano.
 
Testo:
I'm dreaming of a white Christmas
Just like the ones I used to know
Where the tree tops glisten
And children listen
To hear sleigh bells in the snow
I'm dreaming of a white Christmas
With every Christmas card I write
May your days
Be merry and bright
And may all your Christmases be white!

Bianco Natale (italiano)

Sto sognando un Bianco Natale
proprio come quello che ricordo
con le cime degli alberi scintillanti
e i bambini che sono in attesa
di udire il suono dei campanelli della slitta che corre sulla neve

Sto sognando un Bianco Natale
in cui ogni cartolina natalizia che io scrivo
ti possa rendere le giornate felici e radiose
e possa far sì che tutti i tuoi Natale siano immacolati!
 
Lato A: 6 NOEL EN MER
Esecutori: Achille Millo e Fausto Cigliano


Autori: Autori: Armand Foucher, H. Ackermans, 1935

Note: "NOEL EN MER" è cantata da Fausto Cigliano in francese...segue la traduzione in italiano.
Testo:
C'est minuit, les gars !... Ce soir c'est Noël!
Là-bas, au pays, gars, la cloche tinte
Et nos gens s'en vont sous l'Etoile sainte,
Vers la crèche, où luit l'Enfant Eternel,...
Silence! Ecoutons le vent sur la hune,
Qui semble apporter un chant de la dune...

Refrain:
Noël du pays, Noël de la terre
Oh petit clocher, Si grand pour mon cœur!
J'aime ta douceur, j'aime ton mystère,
Noël de chez nous! Noël de bonheur!

La lande est un champ de coiffes d'argent...
L'office est fini. Vers la table mise,
En bande, on chemine et chaque payse
Pense au gars en mer, le cœur plus dolent!...
Le "vieux" s'est levé. Le cidre pétille!
A la santé de la Grande Famille!

Vite à la cambuse, Ohé ! Moussaillon!
Va quérir pour nous mon sac à ripaille!
Hé! Fieux de Malo! Gars de Cornouailles,
Fêtons tous aussi le gai Réveillon!
Et buvons un coup, devant que l'on crève!
Noël! C'est Noël! Vivons notre rêve!

Natale sul mare:

E' mezzanotte, ragazzi! ... Stasera è Natale!
Giù, a casa, ragazzi, il campanello tintinna
E la nostra gente va sotto la Santa Stella,
Al vivaio dove il Bambino Eterno splende...
Silenzio! Ascoltiamo il vento sul fumante,
Che sembra portare una canzone della duna...
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Apr 26, 2018 4:11 pm, modificato 7 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - LEI/MARE DI DICEMBRE (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Apr 11, 2018 11:56 am

1. TITOLO:
 
1961 - LEI/MARE DI DICEMBRE
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: SP 30897 # Data pubblicazione: Gennaio 1961 # Matrici: SP 02555/SP 02556 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data matrici: 21 Gennaio / Lato A: "Festival di Sanremo 1961" / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   ;
 
   ;
 
   ;
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
LEI

 
      Lato B:
MARE DI DICEMBRE

 
     

Autori: Riccardo Pazzaglia, Joe Sentieri
Orchestra: Franco Mojoli
 
Testo:
Sapete il dolore
di chi non può dire a nessuno
parole d’amore?
Sapete che cosda
è un anno , ed un altro, ed un altro,
di trepida attesa?
Sognando,
attendo
quel viso,
il passo,
il profumo:
lei!

Lei
giungerà
quando il destino vorrà…
lei darà a me
la tenerezza che ha in sè…
lei
mi amerà..
Ed il mio nome non sa…
Lei
nascerà
quando incontrato mi avrà…
Il mondo
così
attorno a noi dirà “Si”.
Io non potrò ..te lo dirà
il mio pianto, per me.
– Cercavo te,
cercavo te,
ed ora
tu,
tu sei qui,
io ti aspetto e sei qui..
si,
continua insieme a me
la tua strada…
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Luciano Beretta, Giulio Libano
Orchestra: Franco Mojoli
 
Testo:
Mare di dicembre, di Libano - Beretta
Nessuna vela bianca
accarezza il mare
il vento piange
l'estate ormai finita.
Mare di dicembre
tu sei solo mio
spiaggia senza sole
tutta mia sei tu.
Sole di dicembre
solo per me splendi
luna senza stella
triste sei per me.
La sabbia grigia bagnata
non da più calore
e un'onda gelata
gela il mio fuoco d'amor.
Mare di dicembre
tu sei solo mio
cielo senza luce
tutto mio sei tu.
Mese di dicembre
triste amico mio
mare, spiaggia e sole
datemi del tu, del tu
in vostra compagnia mi portate
chi m'ha baciato tanto questa estate
e gli occhi di dicembre piangono
con gli occhi del mio cuor.
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 14, 2018 11:23 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - TIEMPO D'AMMORE/OGNI VOLTA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Ven Apr 13, 2018 9:22 pm

1. TITOLO:
 
1961 - TIEMPO D'AMMORE/OGNI VOLTA
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: SP 30916 # Data pubblicazione: Marzo 1961 # Matrici: SP 02642/SP 02641 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Data matrici: 28 Marzo / Lato A: dalla trasmissione TV "Tempo d'amore" / Distribuito da CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   ;
 
   
 
   ;
 
   ;
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
TIEMPO D'AMMORE

 
      Lato B:
OGNI VOLTA

 
     

Autori: Fausto Cigliano
Orchestra d'archi di Ennio Morricone e coro
 
Testo:
Quanno ‘o sole s’appiccia
‘e ciento culure
è tiempo d’ammore.
Quanno ‘o cielo s’abbruna
e ‘a luna cumpare
è tiempo d’ammore,
è tiempo d’ammore.
Forse dimane pò cagnà,
forse dimane fernarrà,
forse dimane pò venì
n’ammore pe tte, pe tte, pe me.
Quanno luce ‘na stella,
quanno tremma ‘nu core
è tiempo d’ammore,
è tiempo d’ammore.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Enzo Guarino
Orchestra d'archi di A. Roelens e coro
 
Testo:
Ogni volta...
Ogni volta che ti guardo
il sole scende nel mio cuore.
Amore, amore!
Dimmi che sempre mi amerai!
Ogni volta che ti bacio
ho tanta musica nel cuore.
Amore, amore!
Dimmi che mai mi lascerai!
Sei il profumo d’un fresco giardino,
sei l’azzurro di un alba d’aprile.
Sei la luce d’un cielo turchino,
sei un bel sogno che no, non può svanire.
Ogni volta che ti abbraccio
io stringo il mondo sul mio cuore.
Amore, amore!
Ti voglio bene e tu lo sai.
 
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - NUTTATA 'E MANDULINE/'NNAMURATELLA (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 10:44 pm

1. TITOLO:
 
1961 - NUTTATA 'E MANDULINE/'NNAMURATELLA
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: SP 30958 # Data pubblicazione: Aprile 1961 # Matrici: SP 30958/A-SP 30958/B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Canzoni presentate a "Giugno della Canzone Napoletana" 1961 / Distribuito da FONIT-CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   ;
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
NUTTATA 'E MANDULINE

 
      Lato B:
'NNAMURATELLA

 
     

Autori: Tommaso De Filippis, Ferdinando Albano
Orchestra: Armando Roelens
Note: "NUTTATA 'E MANDULINE" è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
 
Testo:
Pe ‘na notte, ‘e manduline
se so’ dato appuntamento,
stanno a cca pe t’abbraccià.
Se ne jeteno luntano,
dint’ ‘e mmane d’ ‘o destino,
pe sapette lusingà.
Stanotte, oj, Napule,
sti braccia stieneno!
Nuttata ‘e manduline, pe te pe te...

So’ turnate ‘e manduline,
so’ turnate ‘e manduline,
tutte ‘nzieme saje pecché:
pe te dicere sultanto
ca nun fuje ‘nu tradimento
ca i’ m’annaje luntano ‘a te.

Pe ‘e paese ‘e tutto ‘o munno
t’hanno dato onore e vanto.
Pe ‘na notte sulamente
so’ venute a te vedé,
tutti chisti manduline
so’ turnate ‘mbraccio a te.

Nottata delle mandoline (italiano)

Per una notte, le mandoline
si sono dato appuntamento,
stanno qui per abbracciarti.
Se ne andarono lontano,
nelle mani del destino,
per saperti lusingare.
Stanotte, oh, Napoli,
questi braccia stendono!
Nottata delle mandoline, per te, per te...

Sono tornate le mandoline,
sono tornate le mandoline,
tutte insieme, sai pecché:
per dirti soltanto
che non fu un tradimento
quando io me ne andai lontano da te.

Nei paesi di tutto il mondo
ti hanno dato onore e vanto.
Per una notte solamente
sono venute a vederti,
tutte queste mandoline
sono tornate imbraccio a te.
 
Fonte: QUI
 
     
Autori: Enzo Di Gianni, Enrico Buonafede
Orchestra: Armando Roelens
Note: "'NNAMURATELLA" è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
 
Testo:
‘Nnammuratella,
cu ‘e stelle e ‘e rose,
maggio, che trase,
‘nu manto ‘e sposa porta pe te.

‘Nnammuratella,
‘ncop’ ‘a chillo albere
ci avimmo a scivere
‘o nome ‘e n’angelo
cu gli occhi ‘e mare
comme a te, comme a te.
‘Nnammuratella!
‘Nnammuratella!
‘Nnammuratella, la la la...

‘Nnammuratella (italiano)

Fidanzatina,
con le stelle e le rose,
maggio, che attiva,
un mantello di sposa porta per te.

Fidanzatina,
su quel albero
ci dobbiamo scivere
il nome di un angelo
con gli occhi di mare
come te, come te.
Fidanzatina!
Fidanzatina!
‘Fidanzatina, la la la...



 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 11:48 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - NON CERCO NESSUNA/BALLIAMO (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 11:07 pm

1. TITOLO:
 
1961 - NON CERCO NESSUNA/BALLIAMO
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: SP 30963 # Data pubblicazione: Maggio 1961 # Matrici: SP 30963/A-SP 30963/B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da FONIT-CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   ;
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
NON CERCO NESSUNA

 
      Lato B:
BALLIAMO

 
     

Autori: Fausto Cigliano
Orchestra: Armando Roelens
 
Testo:
Io non cerco nessuna,
veramente nessuna,
ma se trovo una donna che porti la gonna con tanti plissé,
ah, ah, la tengo per me.
Io non cerco nessuna,
lo confesso nessuna,
ma se trovo una donna sottile, slanciata, non troppo stilé,
la tengo per me.
Inteligente, esuberante ma, nello stesso tempo, misurata,
che sappia cucinare, che sappia rammendare,
che sappia conversare,
e condire l’insalata.
Io non cerco nessuna,
ve lo giuro nessuna,
ma se trovo una donna che ha tutte le cose che ho detto testé,
la tengo per me.

Lei non cerca nessuno,
veramente nessuno,
ma se trova un ragazzo che porta i capelli tagliati a lamé,
beh! Lo tengha per se!
Lei non cerca nessuno,
lo confessa nessuno,
ma se trova un signore che più di una volta le chiede:
“Che ora è?”...
Lo tenga per se!
Insofferente, petulante ma, nello stesso tempo, ricercato,
che sappia canticchiare, che sappia sonnecchiare,
che sappia recitare “Luna rossa” e “Core ‘ngrato”.
Lei non cerca nessuno,
me lo giura nessuno,
ma se deve, riflette: L’aspetto alle sette,
non faccia vedere che viene con me!...
Mi porti con se!

- Hei, tecnico! Ma chi è quella bella ragazza che le siede a fianco?
- È la donna cannone!
- Ma no! No! Quella, quella biondona, lì, alla sua sinistra!
- Ah, è Brigitte Bardot!
- Alora la faccia attendere un momento!
Aspetta, Brigitte, aspetta, aspetta che vengo subito!
Vengo subito! Aspetta! Non...
 
     
Autori: Enzo Guarino
Orchestra: Armando Roelens
 
Testo:

 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Apr 21, 2018 12:29 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - CHE STRANO GIORNO/LUCENTE (45 giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Apr 16, 2018 11:33 pm

1. TITOLO:
 
1961 - CHE STRANO GIORNO/LUCENTE
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: SP 30964 # Data pubblicazione: Maggio 1961 # Matrici: SP 30964/A-SP 30964/B # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 Giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2

Note: Distribuito da FONIT-CETRA - Torino.
 
 
2. COVER:
 
   ;
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
CHE STRANO GIORNO

 
      Lato B:
LUCENTE

 
     

Autori: Fausto Cigliano, Rodolfo Mattozzi
Orchestra: Armando Roelens

 
Testo:
Che strano giorno è oggi, sembra ieri,
ma tu non ci sei
e pure...

Dolcemente ti tengo per mano
e pian piano con te m’incammino
lungo un sentiero che sembra fatto per noi.
Dolcemente accarezzo il tuo viso
mentre i fiori che il vento a dischiuso
teneramente fanno profumo per noi.

Non vedo stelle, non vedo la luna,
vedo solo i tuoi occhi di mare blu.
Come bello tuffarsi in quel mare!
Vorrei immergermi sempre di più...
Ma ad un tratto il tuo viso scompare
ed i fiori non hanno più colore
lungo il sentiero che sembra fatto per noi...
Che strano giorno è oggi, sembra ieri,
ma tu non ci sei...
 
     
Autori: Franco Maresca; Mario Pagano
Orchestra: Armando Roelens
Note: "LUCENTE" è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
 
Testo:
Chi sa, qua’ marenare ha lassato lu suonno â riv’ ‘e mare...

Lucente, sî tutta lucente ‘nterra â rena.
No, nun è ‘a luna ca luce te fa, è l’ammore!
Te guardo, te guardo ‘ncantato:
peccato e innucenza sî tu, sî tu!
Lucente, sî tutta lucete ‘nterra â rena.
No, no, no no, nun è ‘a luna ca luce te fa, è l’ammore!

St’ ammore, ‘o ssaccio, st’ ammore è fuocco c’ abbrucia
e i’ m’ abbruccio, che fà? Che fà?
Lucente... è ‘sta notte d’estate...

Lucente, (italiano)

Chissà, quale marinaio ha lasciato il sogno in riva al mare...

Lucente, sei tutta lucente sulla sabbia.
No, non è la luna che luce ti fa, è l’amore!
Ti guardo, ti guardo incantato:
peccato e innocenza sei tu, sei tu!
Lucente, sei tutta lucete sulla sabbia.
No, no, no no, non è la luna che luce ti fa, è l’amore!

Questo amore, lo so, questo amore è fuocco che brucia
e io mi bruccio, che posso fare? Che posso fare?
Lucente... è questa notte d’estate...
 
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO TIEMPE D'AMMORE (33½ GIRI L.P.)

Messaggio  mauro piffero il Gio Apr 26, 2018 4:59 pm

1. TITOLO:
 
1961 - TIEMPE D'AMMORE (1 Lettere d'amore)
 
# Etichetta: FONIT # Catalogo: LP 11003 # Data pubblicazione: Anno 1961 # Matrici: EP 1118/EP 1119/B # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.) # Facciate: 2
 
Note: Data matrici 20 Maggio / Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi / Il tutto raccolto in un unico video / Distribuito CETRA – Torino
 
 
2. COVER di: TIEMPE D'AMMORE (1 Lettere d'amore)
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: TIEMPE D'AMMORE (1 lettere d'amore)

  • 01. Che bene voglio a te (Ernesto Murolo, 1933) 
  • 02. Quanta rose (Libero Bovio, Gaetano Lama, 1935) 
  • 03. Lettera amirosa (Salvatore Di Giacomo) 
  • 04. Tarantelluccia (Ernesto Murolo, Rodolfo Falvo, 1907) 
  • 05. Lettera d’amore (Ferdinando Russo) 
  • 06.‘E rimpetto (Salvatore Di Giacomo, 1898)<05/a> 
  • 07. Lariulà (Salvatore Di Giacomo, Mario Costa, 1888) 
  • 08. Suspiranno (Ernesto Murolo, Evemero Nardella, 1908) 
  • 09. ‘E fugliette (E. A. Mario) 
  • 10. Che bene voglio a te (Ernesto Murolo, Ernesto Tagliaferri, 1933)
  • 11. Ricorde d’ammore (Giovanni Capurro) 
  • 12. ‘E ppalummelle (Rocco Galdieri)
  • 13. ‘A primma nammurata (E. Murolo, Pasquale Ernesto Fonzo, 1917)
  • 14. Rose ‘e maggio (Edoardo Nicolardi)
  • 15. Chiove (Libero Bovio, Evemero Nardella)
  • 16. L’ultima lettera (Libero Bovio)
  • 17. Autunno (Libero Bovio, Ernesto De Curtis, 1913)
  • 18. Primavera (‘E rrose) (Libero Bovio)
  • 19. Quanta rose (Libero Bovio, Gaetano Lama, 1935)

 
ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO
LETTERE D'AMMORE

 

Autori: Vari
Musiche Originali di Ennio Morricone
Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
Testo:

1961 03 31 Fonit LP11003
Lettere d’ammore – testo originale del disco
Millo: da Che bene voglio a te, di Ernesto Murolo, 1933
Si ‘o cielo fosse nu fuglietto ‘e lettera,
e ‘o mare tutto gnostia pe te scrivere,
ne anche mm’abbastasse pe te dicere
che bene voglio a te.
Cigliano: da Quanta rose, di Bovio, Lama, 1935
So’ lettere, so’ lacreme,
ca io porto a te.
So’ palummelle e vòlano,
chisà, chisà pecché.
Millo: Lettera amirosa, di Salvatore Di Giacomo
Ve voglio fà na lettera a ll’ingrese,
chiena ‘e tèrmene scìvete e cianciuse,
e ll’aggi’ a cumbinà tanto azzeccosa
ca s’ha d’azzeccà mmano pe nu mese.
Dinto, ce voglio mettere tre cose,
nu suspiro, na lacrema e na rosa,
e attuorno attuorno a ll’ammillocca nchiusa
ce voglio dà na sissantina ‘e vase.
Tanto c’avita dì: “Che bella cosa!
Stu nnammurato mio quanto è priciso!”
Mentr’io mme firmo cu gnostia odirosa:
Il vosto schiavotiello: Andonio Riso.
Cigliano: da Tarantelluccia, di Ernesto Murolo, Rodolfo Falvo, 1907
Cu ‘ammore, é facile
tutt’ ‘o ddifficile.
Si ha da succedere,
succedarrà.
Millo: Lettera d’amore, di Ferdinando Russo
Gentile Signorina,
dall’istande
che vi viddi al balcone dirimbetto,
il mio quore esuldande nel mio petto
velo confesso che mi rese amande.

Le vostre luce che sono brillande
anno fatto al mio quore un tale effetto
che passo e spasso per sotto al Distretto
per chi sa di uno sguardo ingoraggiande....

Io sto sopra a uno studio di Commercio
e percepiscio ottanda lire al mese
e porto pure i conti da del Guercio.

Questa sera alle sette passerò
sperando in voi cosi gendil cortese
mentre mi vergo:
Armando Filicò
Cigliano: da Tarantelluccia, di Ernesto Murolo, Rodolfo Falvo, 1907
Cu ‘ammore, é facile
tutt’ ‘o ddifficile.
Si ha da succedere,
succedarrà.

Millo: ‘E rimpetto, di Salvatore Di Giacomo, 1898
L’ato iuorno c’ ‘o sciato fecette
d’ ‘a fenesta na lastra appannà;
e c’ ‘a ponta d’ ‘o dito screvette:
“Ah, che bene ve voglio, ‘onn’ Amà!”

Doppo scritto, ‘onn’ Amà, v’assicuro,
mme sentette ‘int’ ‘e gamme chïà,
e appuiato restaie nfaccia ‘o muro,
senza manco curaggio ‘e parlà...

Quanno maie mm’era tanto azzardato?
Quanno maie mm’era ardito accussì?
Si cu vuie nu scurnuso c’è stato,
mo nce vo’, stu scurnuso songo i’.

Tutto nzieme nu zumpo facette...
Me parette, v’ ‘o giuro, ‘e murì!...
Tu... screvive!... E tremmanno, io liggette
ncopp’ ‘a lastra: “E pur’ io, donn’ Errì!...”
Cigliano: da Lariulà, di Salvatore Di Giacomo, Mario Costa, 1888
Ah, lariulì, lariulì, lariulà!
ll’ammore s’è scetato, s’è scetato lariulà!
Ah, lariulì, lariulì, lariulà!
ll’ammore s’è scetato,
guarda... e ride, oi lariulà!
Millo:
Si lu suspiro avesse la parola,
alla fenesta soja rummanaria.
Cigliano: da Suspiranno, di Ernesto Murolo, Evemero Nardella, 1908
Na fenestella ‘e foglie rampicante,
na puntigliosa cu nu musso astrinto.
E stu suspiro mio ch’ ‘a vasa ‘nfronte,
arape ‘a vocca e nce se ‘mpizza dinto.
Na fenestella ‘e foglie rampicante.
Suspiro mio,
vièneme a dì che fa,
penza ‘e fà pace
o penza ‘e mme lassà?
T’aspetto a fianco
ê rrose, addó saje tu,
addó diceva:
“Io nun te lasso cchiù”.
Millo:
Si lu suspiro avesse la parola,
albante iuorno se presentaria.
Cigliano: da Suspiranno
Na fenestella ‘e foglie rampicate,
na làcrema caduta ‘e pentimento.
E na vucchella e doje manelle pronte,
ca tornano a chiammà ll’antico amante.
Na fenestella ‘e foglie rampicante.
Torna ‘o suspiro
e dice: “Viene ‘a ccà,
ca vo’ fà pace
e nun te vo’ lassà.”
Chella ch’ha ditto
a fianco ê rrose thè:
“E’ overo, è overo,
i’ moro senza ‘e te.”
Millo: ‘E fugliette (prima parte), di E. A. Mario
Fugliette russe, lìlla, cennerine,
fugliette luonghe, gruosse, piccerille,
fugliette duppie e fine.
Essa ‘e gghieve cercanno add’ ‘e cartare,

pe scegliere ‘e cchiù belle e cchiù elegante,
pe scegliere ‘e cchiù rare.
Senza capì ca si ‘o mumente vene,
basta ‘nu poco ‘e carta e ‘na maloppa

pe dì: “te voglio bbene”…
E nun serve ‘o fugliettu, né ‘o culore,
né ‘a qualità, né ‘a forma,
ma ce serve sulo ‘nu poco ‘e core…!
Cigliano: da Che bene voglio a te, di Ernesto Murolo, Ernesto Tagliaferri, 1933
Si ‘o cielo fosse nu fuglietto ‘e lettera,
e ‘o mare tutto gnostia pe te scrivere,
manco nun mm’abbastasse pe te dicere
che bene voglio a te.
Millo: da Ricorde d’ammore, di Giovanni Capurro
Fugliette piccerille,
fugliette prufumate,
pecchè m’arricurdate
tanta buscie, pecchè?

Ancora trovo scritte
prumesse e giuramente,
parole ‘e ffuoco ardente
ca mo nun arde cchiù…
Millo: ‘E fugliette (ultima parte), di E. A. Mario
Tanto te voglio bbene e tanto tanto,
ca te mannasse ‘o core arravugliato
dint’a ‘stu foglio c’aggio ‘nfuso ‘e chianto,
ma tanto è ‘o bbene ca te voglio, tanto...!
Millo: ‘E ppalummelle, di Rocco Galdieri
Ll’aggio scritta na lettera
c’ ‘o core ‘mmano e nce ll’aggio mannata,
aspettanno ‘e rimpetto… Pe dispietto,
s’è affacciata ô balcone e ll’ha stracciata!
E ll’ha mannata abbascio… ‘E cartuscelle
se so’ spannute all’aria
comme fossero state palummelle…
E una, ‘o viento a mme me ll’ha purtata,
me ll’ha pusata mpietto…
Mpietto!... ncopp’ô gilè… Vicino ô core...
Ll’aggio pigliata e mme ll’aggio liggiuta.
Nce steva scritto: “Ammore”
Parola disprezzata! Parola scanusciuta!
e sî turnata, ‘a ddò sî asciuta!!
Cigliano: da ‘A primma ‘nnammurata, di Ernesto Murolo, Pasquale Ernesto Fonzo, 1917
E doppo n’esistenza ‘ntussecata,
c’ ‘a vita nosta nu rumanzo fuje,
essa pigliaje na strada, io n’ata strada,
ma cu na spina ô core tutt’e duje!
E ‘a tant’anne, d’ ‘e llacreme chiagnute,
n’è rummasa una e nun s’asciutta cchiù.

Ll’ammore è na ferita
ca ‘o tiempo pò saná,
ma te rummane ‘o segno tutt’ ‘a vita
pe t’ ‘a fá ricurdá.
Millo: da Rose ‘e maggio, di Edoardo Nicolardi
Primma, screvive sempe.
Ma, int’a st’ultimi tiempe,
scrive quanno vuò tu.

Sette otto cartuline,
cu ‘e vvedute ‘e ciardine…
“Saluti”... e niente cchiù.
........................................

Parola ‘e cummenienza,
senza bellezza, senza
culore, senza addore

comm’a ll’ulteme rrose,
piccerelle e spinose,
‘e ‘stu maggio ca more.
Millo: testo e autore sconosciuti
Cartuline stampate e quant’ato
quant’ato me ne può manna tu?
M’arriva na mattina l’ultima cartulina
po, nisciun’ata cchiù...
Cigliano: da Chiove, di Libero Bovio, Evemero Nardella
Chi sî? Tu sî ‘a canaria...
Chi sî? Tu sî ll’Ammore...
Tu sî ll’Ammore,
ca pure quanno more,
canta ‘a canzona nova...
Giesù, ma comme chiove!
Millo: L’ultima lettera, di Libero Bovio
L’ultima lettera è chesta,
forse è nu poco cchiù triste;
l’ultimi sciure so’ chiste,
mieze appassute, int’ ‘a testa...

Dopp’ ‘e gghiurnate serene,
che maletiempo è venuto!
Mo, ca stu bene è fenuto,
quanto te voglio cchiù bene!

Dimme: e nisciuno t’ha ditto
quanto so’ stato malato?
No, nun te n’hanno nfurmato,
sinò, m’avisse già scritto.

Tutta ‘a tristezza d’ ‘o munno,
tutta, me chiagne int’ ‘o core,
dint’ ‘a sti juorne, ca more,
sott’ ‘a primma acqua, l’Autunno.

Comme desidero ‘o sole
dint’ a sta casa ca è scura!
Scrivo e metto paura
quase d’ ‘e stessi pparole..

Pure si chiagne liggenno
st’ultima lettera ardente
no, nun venì... nun fa niente...!
Che tuorne a ffà? Sto murenno!!
Cigliano: da Autunno, di Libero Bovio, Ernesto De Curtis, 1913
Forse è ll’autunno
ca mme mantene ‘sta malincunia...
Chiove a zeffunno, Ninetta mia...
È uttombre cquase... vierno mme pare:
jurnate fredde, nuttate amare...
sempe aspettanno ca ‘na parola,
una, una sola,
mme venesse ‘a te!
Autunno, autunno, malinconia gentile ‘e tutto ‘o munno!
E tu che ffaje?
Staje allèra o malinconica ‘e ‘sti juorne?
Mme pienze maje? Tuorne o nun tuorne?
E sí, faje bbuono, statte luntana...
tanto, è passata n’annata sana
ca nun mm’hê scritto cchiú ‘na parola...
una, una sola!...
Giá, sî sempe tu...
Giá, sî sempe tu!
Intreccio di versi di Libero Bovio da Primavera (‘E rrose) e da Quanta rose musicata da Gaetano Lama
Millo:
Ah, che sciorte, che sciorte
ca teneno ‘sti rrose...
Cigliano:
So’ ròse ca se sfrónnano,
Millo:
ogge, accussì addurose...
Cigliano:
penziere ca se pèrdono.
Millo:
e dimane... so’ morte!...
Cigliano:
So’ lettere, so’ lacreme,
ca io porto a te.
So’ palummelle e vòlano,
chisà, chisà pecché.

1961 03 31 Fonit LP11003
Lettere d’ammore – le poesie
Che bene voglio a te, di Ernesto Murolo, 1933
Quanno ‘e bellizze conto ca tu tiene,
quanno t’avanto sti capille d’oro,
quanno mme siente ‘e dì’: "Te voglio bene",
quanno mme siente ‘e dì ca pe te moro…

So’ niente sti pparole ‘e sti ccanzone.
Che te vulesse dí, nun può sapé.

Si ‘o cielo fosse nu fuglietto ‘e lettera,
e ‘o mare tutto gnostia pe te scrivere,
manco nun mm’abbastasse pe te dicere
che bene voglio a te.

Quanno na smania mm’arde ánema e core,
quanno te vaso ‘ncopp’a st’uocchie nire,
quanno turmento sti mmanelle ‘e cera,
quanno ll’affanno siente ‘e sti suspire…

Chello ch’a fianco a te, matina e sera,
tengo ‘int’ ‘e vvéne, tu nun può sapé.

Si n’atu sole addeventasse Napule,
si ascesse tutt’ ‘a lava d’ ‘o Vesuvio,
maje fosse comm’ ‘o ffuoco ‘e desiderio,
ca tengo ‘mpietto, ‘e te.
Quanto bene ti voglio (italiano)
Quando conto le bellezze che hai,
quando ammiro questi capelli d’oro,
quando mi senti dire: "Ti voglio bene",
quando mi senti dire che per te muoio…

Sono niente queste parole di queste canzoni.
quello che ti vorrei dire non puoi sapere.

Se il cielo fosse un foglietto di una lettera,
e il mare tutto inchiostro per scriverti,
non mi basterebbe neanche per dirti
quanto bene ti voglio.

Quando un desiderio mi brucia anima e cuore,
quando ti bacio su questi occhi neri,
quando tormento queste manine di cera,
quando senti l’affanno di questi sospiri…

Quello che affianco a te, mattina e sera,
ho nelle vene, tu non puoi sapere.

Se Napoli diventasse un altro sole,
se uscisse tutta la lava dal Vesuvio,
mai sarebbe come il fuoco del desiderio,
che ho, in pietto, di te.

Lettera amirosa, di Salvatore Di Giacomo
Ve voglio fà na lettera a ll’ingrese,
chiena ‘e tèrmene scìvete e cianciuse,
e ll’aggia cumbinà tanto azzeccosa
ca s’ha d’azzeccà mmano pe nu mese.
Dinto, ce voglio mettere tre cose,
nu suspiro, na lacrema e na rosa,
e attuorno attuorno a ll’ammillocca nchiusa
ce voglio dà na sissantina ‘e vase.
Tanto c’avita dì: “Che bella cosa!
Stu nnammurato mio quanto è priciso!”
Mentr’io mme firmo cu gnostia odirosa:
Il vosto schiavotiello: Andonio Riso.
Lettera amorosa, (italiano)
Vi voglio fare una lettera all'inglese,
piena di termini scelti e vezzosi
e la devo combinare tanto appiccicosa
che deve rimanerle attaccata alle mani per un mese.
Dentro, ci voglio mettere tre cose,
un sospiro, una lacrima e una rosa,
e tutto intorno alla busta chiusa
voglio dare una sessantina di baci.
Tanto che dovete dire: "Che bella cosa!
questo innammorato mio quanto è preciso!"
Mentre io mi firmo con inchiostro profumato:
Il vostro devoto: Antonio Riso.

Lettera d’amore, di Ferdinando Russo
Gentile Signorina,
dall’istande
che vi viddi al balcone dirimbetto,
il mio quore esuldande nel mio petto
velo confesso che mi rese amande.

Le vostre luce che sono brillande
anno fatto al mio quore un talo effetto
che passo e spasso per sotto al Distretto
per un chi sa di uno sguardo ingoraggiande....

Io sto sopra a uno studio di Commercio
e percepiscio ottanda lire al mese
e porto pure i conti da del Guercio.

Questa sera alle sette passerò
sperando in voi cosi gendil cortese
mentre mi vergo:
Armando Filicò

‘E rimpetto, di Salvatore Di Giacomo, 1898
L’ato iuorno c’ ‘o sciato fecette
d’ ‘a fenesta na lastra appannà;
e c’ ‘a ponta d’ ‘o dito screvette:
“Ah, che bene ve voglio, ‘onn’ Amà!”

Doppo scritto, ‘onn’ Amà, v’assicuro,
mme sentette ‘int’ ‘e gamme chïà,
e appuiato restaie nfaccia ‘o muro,
senza manco curaggio ‘e parlà...

Quanno maie mm’era tanto azzardato?
Quanno maie mm’era ardito accussì?
Si cu vuie nu scurnuso c’è stato,
mo nce vo’, stu scurnuso songo i’.

Tutto nzieme nu zumpo facette...
Me parette, v’ ‘o giuro, ‘e murì!...
Tu... screvive!... E tremmanno, io liggette
ncopp’ â lastra: “E pur’ io, donn’ Errì!...”
Di fronte, (italiano)
L’altro giorno, col fiato, feci
appannare il vetro di una finesta;
e con la punta del dito scrissi:
“Ah, che bene vi voglio, signora Amalia!”

Doppo che ebbi scritto, signora Amalia, l’assicuro,
mi sentii di ghiaccio le gambe,
e rimasi appoggiato al muro,
senza nemmeno il coraggio di parlare...

Quando mai mi ero tanto azzardato?
Quando mai mi ero ardito così?
Se fra di noi c’è mai stata timidezza,
siate sicura che fu solo da parte mia.

Tutto ad un tratto, un salto feci...
Mi sembrò, ve lo giuro, di morire!...
Tu... scrivesti!... E tremando, io lessi
sul vetro: “Anch’ io, signor Enrico!...”

Titolo e autore sconosciuti
Si lu suspiro avesse la parola,alla fenesta soja rummanaria.
Si lu suspiro avesse la parola,albante iuorno se presentaria.
(italiano)
Se il sospiro avevsse la parola, alla finestra sua rimanerebbe.
Se il sospiro avesse la parola, all’alba si presenterebbe.

‘E fugliette, di E. A. Mario
Fugliette russe, lìlla, cennerine,
fugliette luonghe, gruosse, piccerille,
fugliette duppie e fine.
Essa ‘e gghieve cercanno add’ ‘e cartare,

pe scegliere ‘e cchiù belle e cchiù elegante,
pe scegliere ‘e cchiù rare.
Senza capì ca si ‘o mumente vene,
basta ‘nu poco ‘e carta e ‘na maloppa

pe dì: “te voglio bbene”…
E nun serve ‘o fugliettu , né ‘o culore,
né ‘a qualità, né ‘a forma,
ma ce serve sulo ‘nu poco ‘e core…!

Tanto te voglio bbene e tanto tanto,
ca te mannasse ‘o core arravugliato
dint’a ‘stu foglio c’aggio ‘nfuso ‘e chianto,
ma tanto è ‘o bbene ca te voglio, tanto...!
I foglietti, (italiano)
Foglietti rossi, lìlla, grigi,
foglietti lunghi, grandi, piccolini,
foglietti doppi e fini.
Lei li andava cercando dai cartolai,

per scegliere i più belli, i più eleganti,
per scegliere i più rari.
Senza comprendere che, se il momento arriva,
basta un poco di carta ed una busta

per dire: “ti voglio bene”…
E non serve il foglietto, né il colore,
né la qualità, né la forma,
ma serve solo un poco di cuore…!

Tanto ti voglio bene e così tanto,
che ti invierei il mio cuore avvolto
in questo foglio che ho bagnato col pianto,
ma tanto è il bene che ti voglio, tanto...!

Ricorde d’ammore, di Giovanni Capurro
Fora, ô balcone sujo
schioppano ancora sciure,
carufanielle scure,
ortenzie e rose thè.

E, dint’a stessa testa,
ancora cresce ‘aruta;
ma nuje, ll’îmmo fernuta,
nun ce guardammo cchiù...

Fugliette piccerille,
fugliette prufumate,
pecchè m’arricurdate
tanta buscie, pecchè?

Ancora trovo scritte
prumesse e giuramente,
parole ‘e ffuoco ardente
ca mo nun arde cchiù…

Ritratte addò se vede
na faccia appassiunata,
chi ce sta ritrattata
nun è cchiù chella llà.

Cierro ‘e capille, strinte
c’ ‘o filo ‘e seta vverde,
si ‘o tiempo tutto sperde,
tu cca, che rieste a ffà?!
Ricordi d’amore (italiano)
Fuori, al suo balcone
sbocciano ancora fiori,
garofani scuri,
ortensie e rose tea.

E, nello stesso vaso,
ancora cresce l‘aruta;
ma, la nostra storia è finita,
non ci guardiamo più...

Foglietti piccoli,
foglietti profumati,
perché mi ricordate
tante bugie, perché?

Ancora trovo scritto
promesse e giuramenti,
parole di fuoco ardente
che ora non arde più...

Ritratti dove si vede
un volto appassionato,
chi ci sta ritrattato
non è più quella là.

Ciocca di capelli, stretti
col filo di seta verde,
se il tempo tutto disperde,
tu, perché resti ancora qui?!

‘E ppalummelle, di Rocco Galdieri
Ll’aggio scritta na lettera
c’ ‘o core ‘mmano e nce ll’aggio mannata,
aspettanno ‘e rimpetto… Pe dispietto,
s’è affacciata ô balcone e ll’ha stracciata!
E ll’ha mannata abbascio… ‘E cartuscelle
se so’ spannute all’aria
comme fossero tanti palummelle…
E una, ‘o viento a mme me ll’ha purtata,
me ll’ha pusata mpietto…
Mpietto!... ncopp’ô gilè… Vicino ô core...
Ll’aggio pigliata e mme ll’aggio liggiuta.
Nce steva scritto: «Ammore»
Parola disprezzata! Parola scanusciuta!
ca sî turnata cca, ‘a ddò ire asciuta!!
Le farfalline (italiano)
Gli ho scritto una lettera
col cuore in mano e gliel’ho mandata,
aspettando di fronte… Per dispetto,
s’è affacciata al balcone e l’ha stracciata!
E l’ha mandata giù… I pezzi
si sono sparsi per aria
come fossero tante farfalline…
E una, il vento a me l’ha portata,
me l’ha posata sul petto…
Sul petto!... sopra il gilè… Vicino al cuore...
L’ho presa e l’ho letta.
Ci stava scritto: «Amore»
Parola disprezzata! Parola sconosciuta!
che sei tornata qua, da dove eri uscita!!

Rose ‘e maggio, di Edoardo Nicolardi.
Primma, screvive sempe.
Ma, int’a st’ultimi tiempe,
scrive quanno vuò tu.

Sette otto cartuline,
cu ‘e vvedute ‘e ciardine…
“Saluti”... e... niente cchiù.

Chesto aggio avuto. Chesto!
Comme te spicce priesto
sulo cu ‘sta parola!

Quanno ‘Ammore è turmiento,
nun abbastano ciento…
Mo... t’abbasta una sola!

Parola ‘e cummenienza,
senza bellezza, senza
culore, senza addore

comm’a ll’ulteme rrose,
piccerelle e spinose,
‘e ‘stu maggio ca more.

S’arapeno e s’affàceno ‘sti sciure,
pe mmiezo ‘e fierre d’ ‘o balcone... e pare
ca campano cuntente, lloro pure,
nzieme a chi tengo attuorno. E me so’ care.

Mar’a cchi ‘e ttocca, fore a ‘stu balcone!
Nisciuno ll’ha dda movere, nisciuno.
Chiste so’ rrobba mia, songo io ‘o patrone.
Ll’aggi’ ‘a cògliere i’ sulo: a uno a uno.

E sî venuta tu: Bella e sprezzante.
Bella e superba. Bella e ndifferente.
Pe t’affaccià, senza abbadà p’ ‘e ppiante,
m’he’ spezzate ‘e caruofene, int’a niente.

E i’ che vulevo fà: “Sangue di Bacco…!”
E i’ che dicevo: “Guè, mar’a cchi ‘e ttocca!”
Io… guarda… apposta ‘e te ne dì nu sacco,
senza parlà… t’aggio vasato mmocca!!
Rose di maggio, (italiano)
Prima, scrivevi sempre.
Ma, in questi ultimi tempi,
scrivi quando vuoi tu.

Sette otto cartoline,
con le vedute di giardine…
“Saluti”... e... niente più.

Questo ho avuto. Questo!
Come ti sbrighi presto
solo con questa parola!

Quando l’Amore è tormento,
non bastano cento…
Ora... ti basta una sola!

Parola di convenienza,
senza bellezza, senza
colore, senza profumo

come le ultime rose,
piccoline e spinose,
di questo maggio che muore.

Si aprono e s’affaciano questi fiori,
fra i ferri del balcone... e pare
che vivono contenti, almeno loro,
insieme a chi tengo attuorno. E mi sono care.

Guai a chi li tocca, fuori da questo balcone!
Nessuno li deve muovere, nessuno.
Questi sono roba mia, sono io il padrone.
Li devo raccogliere io solo: uno ad uno.

E sei venuta tu: Bella e sprezzante.
Bella e superba. Bella e indifferente.
Affacciarti, senza fare caso alle piante,
mi hai spezzato i garofani, come niente fosse.

E io, che volevo fare: “Sangue di Bacco…!”
E io, che dicevo: “Ohè, guai a chi li tocca!”
Io… guarda… invece di dirtene un sacco,
senza parlare… ti ho baciato sulla bocca!!

L’ultima lettera, di Libero Bovio
L’ultima lettera è chesta,
forse è nu poco cchiù triste;
l’ultimi sciure so’ chiste,
mieze appassute, int’ ‘a testa...

Dopp’ ‘e gghiurnate serene,
che maletiempo è venuto!
Mo, ca stu bene è fenuto,
quanto te voglio cchiù bene!

Dimme: e nisciuno t’ha ditto
quanto so’ stato malato?
No, nun te n’hanno nfurmato,
sinò, m’avisse già scritto.

Tutta ‘a tristezza d’ ‘o munno,
tutta, me chiagne int’ ‘o core,
dint’ ‘a sti juorne, ca more,
sott’ ‘a primma acqua, l’Autunno.

Comme desidero ‘o sole
dint’ a sta casa ca è scura!
Scrivo e metto paura
quase d’ ‘e stessi pparole..

Pure si chiagne liggenno
st’ultima lettera ardente
no, nun venì... nun fa niente...!
Che tuorne a ffà? Sto murenno!!
L’ultima lettera (italiano)
L’ultima lettera è questa,
forse è un poco più triste;
gli ultimi fiori sono questi,
mezzo appassiti, nel vaso.

Dopo le giornate serene,
che maltempo è venuto!
Ora, che questo amore è finito,
quanto ti voglio, sempre più bene!

Dimmi: e nessuno ti ha detto
quanto sono stato malato?
No, non ti hanno informato,
altrimenti, mi avresti già scritto.

Tutta la tristezza del mondo,
tutta, piange nel mio cuore,
in questi giorni, che muore,
sotto la prima pioggia, l’autunno.

Come desidero il sole,
in questa casa che è scura!
Scrivo, e ho quasi paura
delle stesse parole.

Anche se piangi leggendo
questa ultima lettera ardente
no, non venire... fa niente...!
Perché tornare? Sto morendo!

Primmavera ('E rrose), di Libero Bovio
“Ah, che sciorte, che sciorte
ca teneno ’sti rrose...
ogge, accussì addurose
e dimane... so’ morte!... ”

Mio caro amore,
ah, finalmente è riturnato Abbrile!...
E j’ pure torno a vuie cu tutt’ ’o core,
pecché ve saccio semplice e gentile...

Grazie d’ ’e rrose.
Comme so’ belle, nammurata mia:
so’ ancora accussì fresche e accussì ’nfose
ca fanno, quase, ’na malincunia...

Mio caro amore,
ma che sarriano ’e rrose senza spine?
ma che sarria ’na gioia senza dulore?
ma che sarria n’ammore senza fine?

E pure nuie,
a poco a poco pure nuie murimmo...
E ’a vita fuie. Vedite comme fuie
ca già so’ morte ’e rrose... Ma che ssimmo!...
Primavera (Le rrose) (italiano)
“Ah, che destino, che destino
che hanno queste rose...
oggi, così profumate
e domani... sono morte!...”

Mio caro amore,
ah, finalmente è ritornato aprile!...
E anche io torno a voi con tutto il cuore,
perché vi conosco semplice e gentile...

Grazie delle rose.
Come sono belle, fidanzatina mia:
sono ancora così fresche e così bagnate
che fanno, quasi, malinconia...

Mio caro amore,
ma che sarebbero le rose senza spine?
ma che sarebbe una gioia senza dolore?
ma che sarebbe un’amore senza fine?

E pure noi,
a poco a poco, pure noi moriamo...
E la vita fu. Vede come fu
che già sono morte le rose... Ma che siamo!...

Quanta rose!, di Bovio, 1935
Ma quanta e quanta rose aggio purtato
a chist’ammore ca mme costa ‘a vita.
Quanta penziere d’oro aggio sciupato
e quanta, quanta lacreme chiagnute.
Che suonno ch’è stato st’ammore,
ma ‘e suonne d’ammore che so’?

So’ ròse ca se sfrónnano,
penziere ca se pèrdono.
So’ lettere, so’ lacreme,
ca io porto a te.
So’ palummelle e vòlano,
chisà, chisà pecché.

Ma chi pò dì st’ammore comm’è nato
e chi nce pò spiegà pecchè è fernuto?
Tu te sî fatta meza, io sto malato
e nce dicimmo “addio” ll’ultima vota.
Speranze cantate e perdute,
canzone, speranze, che so’?

Quante rose! (italiano)
Ma quante e quante rose ho portato
a questo amore che mi costa la vita.
Quanti pensieri d’oro ho sciupato
e quante, quante lacrime piante.
Che sogno che è stato questo amore,
ma i sogni d’amore cosa sono?

Sono rose che appassiscono,
pensieri che si perdono.
Sono lettere, sono lacrime
che io porto a te.
Sono farfalle e volano,
chissà, chissà perchè.

Ma chi può dire questo amore com’è nato
e chi mi ci può spiegare perchè è finito?
Tu sei impazzita, io sono malato
e ci diciamo “addio” l’ultima volta.
Speranze cantate e perdute,
canzoni, speranze, cosa sono?
 
 
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO TIEMPE D'AMMORE (33½ GIRI L.P.)

Messaggio  mauro piffero il Dom Mag 27, 2018 11:25 pm

1. TITOLO:
 
1961 - TIEMPE D'AMMORE (2 Le serenate)
 
# Etichetta: FONIT  # Catalogo: LP 11004 # Data pubblicazione: Anno 1961 # Matrici: EP 1126/EP 1127 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)  # Facciate: 2
 
Note:  Data matrici 20 Maggio / Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi / Il tutto raccolto in un unico video / Distribuito CETRA  – Torino
 
 
2. COVER di: TIEMPE D'AMMORE (2 Le serenate)
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: TIEMPE D'AMMORE (2 Le serenate)

  • 01. Pustiggiatore (Edoardo Nicolardi, 1933) 
  • 02. Voglio cantà (Pasquale Termini, A. Cavuoto, 1929) 
  • 03. Stelle luntane (Edoardo Nicolardi) 
  • 04. Scetate (Ferdinando Russo, Mario P. Costa, 1887) 
  • 05. Maria, Marì (Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua, 1899) 
  • 06. Serenatella (Salvatore Di Di Giacomo)<05/a> 
  • 07. ‘A serenata ‘e Pulecenella (Libero Bovio, Enrico Cannio, 1916) 
  • 08. Chi è ‘nfama (Edoardo Nicolardi) 
  • 09. Sciuldezza bella (Edoardo Nicolardi, Alberto Montagna, 1905) 
  • 10. ‘A chitarra (Salvatore Di Giacomo)
  • 11. Sona chitarra (Libero Bovio, Ernesto De Curtis, 1913) 
  • 12. Vint’anne (Ernesto Murolo)
  • 13. Voce ‘e notte (Edoardo Nicolardi, Ernesto De Curtis, 1904)
  • 14. da “Mutive ‘e canzone” e “Tiempe d’ammore” (Salvatore Di Giacomo)

 
ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO
LETTERE D'AMMORE

 

Autori: Vari
Musiche Originali di Ennio Morricone
Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
Testo:
Le serenate (italiano)
Millo: da Posteggiatore, di Edoardo Nicolardi
Quando aveva vent’anni e la voce,
mannaggia la penna, che bella cosa!
Quella chitarra quant’era dolce
nella nottata!
Come accordava, chiara e armoniosa,
una voce ardente, fresca e intonata!

Sopra le corde passava, leggero,
un volo di uccelli, un fruscio di ali,
tremante e leggera, l’onda di un arpeggio
che accompagnava canzoni di tempo fa:
canzoni belle
che da tanto tempo non se ne fanno più.
...
Vent’anni e la voce! Tutto è celeste
come questo cielo!
Cigliano: da Voglio cantare, di Pasquale Termini, A. Cavuoto, 1929
Il cielo è una coperta ricamata,
la luna fra le stelle fa la spia;
io ti ho portato quà la serenata,
con questi strumento a corde ‘ncumpagnia,
sentendo questo canto, gli uccelli
si sono svegliati per cantare con me.
Apri, amore mio, questi occhi belli
e, alla finestra ora fatti vedere!
Millo: Stelle lontane, di Edoardo Nicolardi
Figliole belle che, da giovane,
vi ho insegnato cos’è l’amore;
che, da nulla, detto fatto,
vi avvolgevo nel mio cuore,

ora, che vi vedo, nuova fioritura,
mentre io sono vecchio, che punture di fuoco!
Che pugnalate prova questo cuore
se mi guardate in faccia un poco!

E mi sembrate stelle lontane…
stelle di un cielo rosa e lillà,
che  non si raggiunge stendendo le mani.
Che io non lo posso mai più toccare!!
Cigliano: da Svegliati! di Ferdinando Russo, M. P. Costa, 1887
Nel cielo si sono raggruppate cento stelle,
Tutte per ascoltare questa canzone…
Ho sentito parlare tre, le piu belle,
Dicevano: Ha passione…

E’ passione che non passa mai…
Passa il mondo, lei non passerá!
Tu, certo, a questo non ci penserai,
Ma tu nascesti per stregarmi.
Cigliano: da Maria, Marì, di Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua, 1899
Sembra che già si apre
Una fessura alla finestrella.
Maria con la manina
Un segno mi fa.

Suona, chitarra mia,
Maria si è svegliata!
Una bella serenata
Facciamole sentire!

Oh Maria, oh Maria,
Quanto sonno che perdo per te!
Fammi addormentare
Abbracciato un po’ con te!
Oh Maria, oh Maria,
Quanto sonno che perdo per te!
Fammi addormentare,
Oh Maria, oh Maria!
Millo: da Piccola serenata, di Salvatore Di Giacomo
Io non vi conosco, ma m’immagino,
chiudendo gli occhi, di vedervi...
Mi apparite dal buio,
siete dolcissima, siete, ragazzina!
...
Voi mi credete? Senza tranquilittà,
ora, non posso più stare quieto...
mi si è acceso il fuoco nel petto,
ci vuole un mare per spegnerlo!...
Cigliano: da La serenata di Pulcinella, di Libero Bovio, Enrico Cannio, 1916)
E sto aspettando con questo mandolino
L'ora che, dal cielo, entra la luna.
Mi sono nascosto dentro ad un giardino
Per non farlo sapere
Che sono sempre io che chiedo scusa a te.

Ti voglio tanto bene.
Ti voglio tanto bene.
Te lo dico pian piano,
Pian piano,
Perché, se grido, la gente
che non sa niente,
può sentire:
"Ti voglio bene".
Millo: Chi è infama, di Edoardo Nicolardi
Mi ha detto chi ti ha visto: S’è sciupata!
Come s’è fatta, povera ragazza!
Ho risposto: Non può stare male.
Chi è infama, ve lo dico io, sta sempre bene!
Cigliano: da Dolcezza bella, di Edoardo Nicolardi, Alberto Montagna, 1905
Bella figliola che hai ingannato tanti,
chissà se i tradimenti li hai contati.
Ma se ti affacci, li vedi tutti,
siamo quarantaquattro innamorati.

L’amore è dolce e il passatempo è bello,
la apri questa finestra o non la apri?
Questo è il momento per fare l’appello,
affacciati un po’ e conta le teste.

Che orchestrina di qualità,
ma è un’orchestra o una fanfara?
Giuseppe gratta il mandolino,
Salvatore pizzica la chitarra,
Giorgio suona la ciaramella,
Raffaeluccio la caccavella.
Piccola, dolcezza bella,
solo questo sai fare tu.

Bella figliola che sei chiusa dentro,
vorremmo sapere con chi sei rinchiusa.
Fallo affacciare, dobbiamo convincerlo
che tu un giorno lo pianti con una scusa.

Tu sei una scellerata e il tradimento
cresce con i baci che vi date nel buio.
Digli che imparasse uno strumento,
lo deve suonare con noi l’anno venturo.

Piccola, per tutto il vicolo,
vanno le note di questa canzone,
se vedessi don Federico
come suona l’organetto.
Giorgio suona la ciaramella.
Papiluccio la caccavella.
Piccola, dolcezza bella,
solo questo sai fare tu.
Millo: La chitarra, di Salvatore Di Giacomo.
Di questa vecchia chitarra francese
sotto mano mi tremano le corde,
come trema questo tenero cuore,
che ora batte, Rosina, per te!

Ti vorrei! ma dalle ginocchia
sento un tremito fitto:
da una parte ti mangio con gli occhi
e, da un’altra… non so che fare!

A questa spalla rotonda e tornita
bussa, pizzicando, la chitarra:
guarda queste foglie di rosa
che si affacciano dal corsetto.

Occhi dolci, lucenti, di velluto,
occhi più neri anche del carbone!
Foglie di rosa, che bel balcone
avete saputo… trovarvi!
Cigliano: da Suona, chitarra, di Libero Bovio, Ernesto De Curtis, 1913
Suona, chitarra, suona!
Ti è rimasta una corda:
Se anche essa si scorda,
Finisci di suonare.

Serenata sentimentale,
Con un po' di luna che vuole sentire,
Sveglia chi dorme, dimenticati il male,
Torna a far pace, che ho torto io!

Suona, chitarra, suona!
Ti è rimasta una corda:
Se anche essa si scorda,
Finisci di suonare.
Millo: da Vent’anni, di Ernesto Murolo
Se allegro e malinconico
diventa questo cuore ora ch’ è l’estate,
mi sento ritornare giovane,
come lo sono stato ma tanti anni fa!...

Passo là dove si svegliano
tanti ricordi più forti di me...
...
Vent’ anni! E come passano!
Ci scappa questa gioventù...
Te l’amareggiai, perdonami:
me l’amareggiasti tu!...
Cigliano: da Voce di notte, di Eduardo Nicolardi (C. O. Lardini), Ernesto De Curtis, 1904
Non andare vicino ai vetri per spiare!
...
Se questa voce che piange nella notte,
sveglia il tuo sposo, non aver paura,
Digli che è senza nome la serenata,
digli che dorma e che si rassicuri...
Digli così: "Chi canta in questa strada
o sarà pazzo o muore di gelosia.
Starà piangendo per qualche infamia.
Canta da solo... Ma perché canta?
Millo: da Motivi di canzoni, di Salvatore Di Giacomo
... Io vi sento,
parole, che ora, piano piano,
e da tanto lontano,
tornate a questo cuore scontento,
tornate a parlare...

Parole d’amore,
parole di dolore,
ch,e quasi incantato,
rimango a sentire...
Millo: da Tempo d’ amore, di Salvatore Di Giacomo
Tempo felice!
Tempo d’amore!
Diceva e dice
sempre questo cuore,

che, come il vento,
ve ne volate!...
Che non tornate
mai più, mai più?!...
Millo: da Posteggiatore, di Edoardo Nicolardi.
Quando aveva vent’anni e la voce,
mannaggia la penna, che bella cosa!

Millo: da Pustiggiatore, di Edoardo Nicolardi
Quanno teneva vint’anne e ‘a voce,
mannaggia ‘a penna, che bella cosa!
Chella chitarra quant’era doce
dint’ â nuttata!
Comm’ accurdava, chiara e armuniosa,
na voce ardente, fresca e ‘ntunata!

Pe copp’ ‘e ccorde passava, lieggio,
nu vuolo ‘aucielle, nu fruscio ‘e scelle,
trèmmola e leggia, ll’onna ‘e n’arpeggio
c’ accumpagnava canzone ‘e tanno:
canzone belle
ca ‘a tantu tiempo nun se ne fanno.
...
vint’anne e ‘a voce! Tutto è celeste,
com’ ‘a stu cielo!
Cigliano: da Voglio cantà, di Pasquale Termini, A. Cavuoto, 1929
‘O cielo è na cuperta arricamata,
‘a luna ‘mmiez’ ‘e stelle fa la spia;
i’ t’aggio cca purtato ‘a serenata,
cu li strumenti a corde ‘ncumpagnia,
sentenno chisto canto, ll’aucielle
se so’ scetate pe cantà cu me.
Arape, nennia mia, chist’uocchie belle
e, a sta fenesta, mo fatte vedè!
Millo: Stelle luntane, di Edoardo Nicolardi
Figliole belle ca, giuvinotto,
v’aggio ‘mparato ched’è ll’ammore;
ca, dint’ a niente, quatto e quatt’otto,
v’arravugliavo ‘ncopp’ a stu core,

mo, ca ve veco, schiuppata nova,
mentre io so’ viecchio, ca ponte ‘e fuoco!
Che pugneture ‘stu core prova
si me guardate ‘nfaccia nu poco!

E me parite stelle luntane…
stelle ‘e nu cielo rosa e lillà,
ca  nun s’arriva stennènno ‘e mmane.
Ca i’ nun ‘o pozzo maje cchiù tuccà!!
Cigliano: da Scetate! di Ferdinando Russo, M. P. Costa, 1887
‘Ncielo se so’ arrucchiate ciento stelle,
tutte pe stá a sentí chesta canzone...
Aggio ‘ntiso ‘e parlá li tre cchiù belle,
dicevano: Nce tène passione...

È passione ca nun passa maje...
passa lu munno, essa nun passarrá!...
Tu, certo, a chesto nun ce penzarraje...
ma tu nasciste pe mm’affatturà...
Cigliano: da Maria, Marì, di Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua, 1899
Pare ca giá s’arape
‘na sénga ‘e fenestella…
Maria cu na manella,
‘nu segno a me mme fa!

Sòna, chitarra mia!
Maria s’è scetata!…
‘Na bella serenata,
facímmole sentí:

Oje Marí, oje Marí,
quanta suonno aggio perso pe te!
Famme addurmí,
abbracciato nu poco cu te!
Oje Marí, oje Marí!
Quanta suonno ca perdo pe te!
Famme addurmí…
oje Marí, oje Marí!
Millo: da Serenatella, di Salvatore Di Giacomo
Io nun ve saccio, ma mme figuro,
‘nchiudenno ll’uocchie de ve vedè...
Mme cumparite dint’ a lu scuro,
site nu zucchero, site, nenné!
...
Vuje mme credite? Senz’ arricietto,
pure, cchiù cuieto nun pozzo stà...
mme s’è appicciato lu ffuoco mpietto,
nce vo’ lu mare pe lu stutà!...
Cigliano: da ‘A serenata ‘e Pulicenella, di Libero Bovio, Enrico Cannio, 1916)
E stò aspettanno cu ‘stu mandulino
Ll’ora che, ‘a cielo, se ne trase ‘a luna.
Mme so’ annascosto dint’a ‘nu ciardino,
Pe nun ‘o ffà sapè
Ca so’ semp’io ca cerco scusa a te.

Te voglio tantu bene.
Te voglio tantu bene.
T’ ‘o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, ‘a gente
ca nun sape niente,
po’ sentì:
"Te voglio bene".
Millo: Chi è ‘nfama, di Edoardo Nicolardi
M’ha ditto chi t’ha vista: S’è sciupata!
Comme s’è fatta, povera guagliona!
Aggiu risposto: Nun po’ stà malata.
Chi è ‘nfama, v’ ‘o dich’io, sta sempe bona!
Cigliano: da Sciuldezza bella, di Edoardo Nicolardi, Alberto Montagna, 1905
Bella figliola ch’hê ‘ngannato a tante,
chi sa si ‘e tradimente ll’hê cuntate.
Ma si t’affacce, ‘e vidè a tuttuquante,
simmo ‘a quarantaquatto ‘nnammurate.

‘Ammore è doce e ‘o spassatiempo è bello,
ll’arape ‘sta fenesta o nun ll’arape?
Chist’è ‘o mumento pe chiammà ll’appello,
affácciate nu poco e conta ‘e ccape.

Che finezza ‘e cuncertino,
ma è n’orchestra o na fanfarra?
Peppe gratta ‘o mandulino,
Tóre pìzzeca ‘a chitarra.
Giorgio sona ‘a ciaramella,
Papiluccio, ‘o putipù...
Picceré, sciuldezza bella,
sulo chesto saje fà tu.

Bella figliola ca staje ‘nchiusa ‘a dinto,
vulessemo sapé cu chi staje ‘nchiusa.
Fall’affaccià, ll’avimm’ ‘a fà cunvinto
ca tu nu juorne ‘o ‘nchiante cu na scusa.

Tu sî na scellerata e ‘o tradimento
cresce cu ‘e vase ca ve date ô scuro.
Dille ca se ‘mparasse nu strumento,
ll’ha da sunà cu nuje ll’anno venturo.

Picceré, pe tutt’ ‘o vico,
vanno ‘e nnote ‘e ‘sta canzona,
si vedisse ‘on Federico
ll’urganetto comm’ ‘o sona.
Giorgio sona ‘a ciaramella.
Papiluccio, ‘o putipù...
Picceré, sciuldezza bella,
sulo chesto saje fà tu.
Millo: ‘A chitarra, di Salvatore Di Giacomo.
‘E sta vecchia chitarra frangese
sotto ‘a mano mme tremmano ‘e ccorde,
comme tremma stu core mullese,
ca mo sbatte, oj Rusina, pe te!

Te vulesse! ma dint’ ê ddenocchie
io me sento nu triemmolo fitto:
‘a na parte te magno cu ll’uocchie
e da n’ata… nun saccio che fà!

A sta spalla rutonna e purposa
tuppetèa, pezzecanno, ‘a chitarra:
tene mente a sti ffronne de rosa
ca s’affacciano ‘a dint’ ô curzé.

Uocchie doce, lucente ‘e velluto,
uocchie nire cchiù assaje d’ ‘o ggravone!
Fronne ‘e rosa , che bellu barcone
che v’avite saputo… truvà!
Cigliano: da Sona, chitarra, di Libero Bovio, Ernesto De Curtis, 1913
Sona, chitarra, sona!
T’è rummasa una corda:
Si pur’essa se scorda,
Tu fernisce ‘e sunà.

Serenatella sentimentale,
C’ ‘o ppoco ‘e luna ca vo’ sentì,
Sceta a chi dorme, scordate ‘o mmale,
Torna a fà pace, ch’aggiu tuort’i’!

Sona, chitarra, sona!...
T’è rummasa una corda:
Si pur’ essa se scorda,
Tu fernisce ‘e sunà.
Millo: da Vint’anne, di Ernesto Murolo
Si allero e malinconico
se fa stu core mio mo ca è ll’Està,
me sento ‘e turnà giovene
cumm’ ero giovane  tant’ anne fa!...

Passo pe ddò se scetano
tanta ricorde cchiù forte ‘e me...
...
Vint’ anne!... E comme passano!
Ce sfuje ‘sta giuventù...
T’ ‘a ‘ntussecaje, perdoname:
m’ ‘a ‘ntussecaste Tu!...
Cigliano: da Voce ‘e notte, di Eduardo Nicolardi (C. O. Lardini), Ernesto De Curtis, 1904
Nun ghí vicino ê llastre pe fá ‘a spia!
...
Si ‘sta voce, che chiagne ‘int’ ‘a nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura...
Dille ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e ca se rassicura...
Dille accussí: "Chi canta ‘int’a ‘sta via
o sarrá pazzo o more ‘e gelusia!
Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá...
Canta isso sulo... Ma che canta a fá?!..."
Millo: da Mutive ‘e canzone, di Salvatore Di Giacomo
Mutive ‘e canzone ‘e tant’anne,
‘e tant’anne fa,
cchiù ddoce, cchiù llente
turnateme a mente....

Venite, venite...
Cigliano: da Voglio cantà, di Pasquale Termini, A. Cavuoto, 1929
...sentenno chisto canto, ll’aucielle
se so’ scetate pe cantà cu me.
Arape, nennia mia, chist’uocchie belle!
Millo: da Mutive ‘e canzone, di Salvatore Di Giacomo
...Io ve sento,
parole, ca mo, chianu chiano,
e, ‘a tanto luntano,
turnate a stu core scuntento,
turnate a parlà...

Parole d’ammore,
parole ‘e dulore,
ca, quase ‘ncantato,
rummango a sentì...
Millo: da Tiempe d’ ammore, di Salvatore Di Giacomo
Tiempe felice!
Tiempe d’ammore!
Diceva e dice
sempe stu core,

ca comm’ ‘o viento
ve ne vulate!...
Ca nun turnate
maje cchiù! Maje cchiù!...
Millo: da Pustiggiatore, di Edoardo Nicolardi.
Quanno teneva vint’anne e ‘a voce,
mannaggia ‘a penna, che bella cosa!


Pustiggiatore, di Edoardo Nicolardi
Quanno teneva vint’anne e ‘a voce,
mannaggia ‘a penna, che bella cosa!
Chella chitarra quant’era doce
dint’ â nuttata!
Comm’ accurdava, chiara e armuniosa,
na voce ardente, fresca e ‘ntunata!

Pe copp’ ‘e ccorde passava, lieggio,
nu vuolo ‘aucielle, nu fruscio ‘e scelle,
trèmmola e leggia, ll’onna ‘e n’arpeggio
c’ accumpagnava canzone ‘e tanno:
canzone belle
ca ‘a tantu tiempo nun se ne fanno.
E a rriva ‘e mare, quann’è ca ‘o mare
dint’ â nuttata, na notta sana,
luce ‘e brillante, spase a migliare
da ‘a luna chiena,
ll’eco d’ ‘a stesa napulitana
s’allarìava pe copp’ â rena.

Che serenate sott’ ê ffeneste!
A ‘o scoglio ‘e frisio che cuncertino!
Vint’anne e ‘a voce! Tutto è celeste
comme a stu cielo! Tutto ce pare
verde e turchino:
verde e turchino comm’ a stu mare!

Quanno ‘o vedette, doppo trent’anne,
già me pareva n’ato… che ssaccio...
senza cchiù voce, spruvvisto ‘e panne,
curreva ‘e vvie
cu sta chitarra sott’ a nu vraccio
jenno cantanno p’ ‘e tratturie.

Doppo ha cantato dint’ ê ccantine.
Po, ‘ncopp’ ô treno d’ ‘a Piedimonte.
Napoli... Aversa... Doppo, alla fine,
p’ogne puntone,
cu stu destino signato ‘nfronte.
Destino brutto, comm’ ê ccanzone.

E ajere, ajere, ll’aggiu truvato
ca arrutechiava pe sott’ â Grotta:
chisà mbriaco… chisà affamato.
Quanno ‘a chitarra tuzzava ô muro,
ntrunava ‘a botta
sott’ ô traforo sfullato e scuro.

E me parette ll’urdema voce
‘e sta chitarra rotta e sbattuta.
Ll’eco ‘e na voce luntana e doce
d’ ‘e nnotte chiare,
ca, sott’ â luna palleda e muta,
s’allarìava p’ ‘e vvie d’ ‘o mare!
=======
Posteggiatore (italiano)
Quando aveva vent’anni e la voce,
mannaggia la penna, che bella cosa!
Quella chitarra quant’era dolce
nella nottata!
Come accordava, chiara e armoniosa,
una voce ardente, fresca e intonata!

Sopra le corde passava, leggero,
un volo di uccelli, un fruscio di ali,
tremante e leggera, l’onda di un arpeggio
che accompagnava canzoni di tempo fa:
canzoni belle
che da tanto tempo non se ne fanno più.

E, sulla riva del mare, quando il mare,
nella nottata, durantenla notte intera,
luccica di brillanti, sparsi a migliaia,
dalla luna piena,
l’eco di una voce robusta napolitana
si spandeva in cielo sopra la sabbia.

Che serenate sotto le finestre!
Allo scoglio di Frisio, che concertino!
Vent’anni e la voce! Tutto è celeste
come questo cielo! Tutto ci pare
verde e turchino:
verde e turchino come questo mare!

Quando lo vidi, doppo trent’anni,
già mi sembrava un altro… che so..
senza più voce, senza vestiti,
correva per le strade
con questa chitarra sotto braccio,
andando cantando per le trattorie.

Doppo, ha cantato nelle cantine.
Poi, nel treno della Piedimonte...
Napoli... Aversa. Doppo, alla fine,
ad ogni pontone,
con questo destino segnato sulla fronte.
Destino brutto, come le canzoni.

E ieri, ieri, l’ho trovato
smarito sotto la Grotta:
chisà, forse ubriaco… chisà, forse affamato.
Quando la chitarra urtava il muro,
rinntronava la botta,
sotto il traforo deserto e buio.

E mi sembrò l’ultima voce
di questa chitarra rotta e sbattuta..
L’eco di una voce lontana e dolce
di notte chiare,
che, sotto la luna pallida e muta,
si alzava in cielo per le vie del mare!
===
Stelle luntane, di Edoardo Nicolardi.
Figliole belle ca, giuvinotto,
v’aggio ‘mparato ched’è ll’ammore;
ca, dint’ a niente, quatto e quatt’otto,
v’arravugliavo ‘ncopp’ a stu core,

mo, ca ve veco, schiuppata nova,
mentre io so’ viecchio, ca ponte ‘e fuoco!
Che pugneture ‘stu core prova
si me guardate ‘nfaccia nu poco!

E me parite stelle luntane…
stelle ‘e nu cielo rosa e lillà,
ca  nun s’arriva stennènno ‘e mmane..
Ca i’ nun ‘o pozzo maje cchiù tuccà!!
===
Stelle lontane (italiano)
Figliole belle che, da giovane,
vi ho insegnato cos’è l’amore;
che, da nulla, detto fatto,
vi avvolgevo nel mio cuore,

ora, che vi vedo, nuova fioritura,
mentre io sono vecchio, che punture di fuoco!
Che pugnalate prova questo cuore
se mi guardate in faccia un poco!

E mi sembrate stelle lontane…
stelle di un cielo rosa e lillà,
che  non si raggiunge stendendo le mani.
Che io non lo posso mai più toccare!!
===
Serenatella, di Salvatore Di Giacomo
Io nun ve saccio, ma mme figuro,
‘nchiudenno ll’uocchie de ve vedè...
Mme cumparite dint’ a lu scuro,
site nu zucchero, site, nenné!
La luna sta aspettanno,
pur essa vo’ sentì,
vede ca sto cantanno,
ma nun sape pe cchi!...
Vuie mme credite? Senz’ arricietto,
mo, cchiù cuieto nun pozzo stà...
mme s’è appicciato lu ffuoco ‘mpietto,
nce vo’ nu mare pe lu stutà!...
La luna sta aspettanno,
pur essa vo’ sentì,
vede ca sto cantanno,
e vo’ sapé pe cchi!...
===
Piccola serenata (italiano)
Io non vi conosco, ma m’immagino,
chiudendo gli occhi, di vedervi...
Mi apparite dal buio,
siete dolcissima, siete, ragazzina!
La luna sta aspettando,
anche lei vuole sentire,
vede che sto cantando,
ma non sa per chi!...
Voi mi credete? Senza tranquilittà,
ora, non posso più stare quieto...
mi si è acceso il fuoco nel petto,
ci vuole un mare per spegnerlo!...
La luna sta aspettando,
anche lei vuole sentire,
vede che sto cantando,
ma non sa per chi!...
===
Chi è ‘nfama, di Edoardo Nicolardi
M’ha ditto chi t’ha vista: S’è sciupata!
Comme s’è fatta, povera guagliona!
Aggiu risposto: Nun po’ stà malata.
Chi è ‘nfama, v’ ‘o dich’io, sta sempe bona!
===
Chi è infama, (italiano)
Mi ha detto chi ti ha visto: S’è sciupata!
Come s’è fatta, povera ragazza!
Ho risposto: Non può stare male.
Chi è infama, ve lo dico io, sta sempre bene!


‘A chitarra, di Salvatore Di Giacomo.
‘E sta vecchia chitarra frangese
sotto â mano mme tremmano ‘e ccorde,
comme tremma stu core mullese,
ca mo sbatte, Rusina, pe te!

Te vulesse! ma dint’ ê ddenocchie
io me sento nu triemmolo fitto:
‘a na parte te magno cu ll’uocchie
e da n’ata… nun saccio che fà!

A sta spalla rutonna e purposa
tuppetèa, pezzecanno, ‘a chitarra:
tene mente a sti ffronne de rosa
ca s’affacciano ‘a dint’ ô curzé.

Uocchie doce, lucente, ‘e velluto,
uocchie nire, cchiù assaje d’ ‘o ggravone!
Fronne ‘e rosa, che bellu barcone
che v’avite saputo… truvà!
===
La chitarra (italiano)
Di questa vecchia chitarra francese
sotto mano mi tremano le corde,
come trema questo tenero cuore,
che ora batte, Rosina, per te!

Ti vorrei! ma dalle ginocchia
sento un tremito fitto:
da una parte ti mangio con gli occhi
e, da un’altra… non so che fare!

A questa spalla rotonda e tornita
bussa, pizzicando, la chitarra:
guarda queste foglie di rosa
che si affacciano dal corsetto.

Occhi dolci, lucenti, di velluto,
occhi più neri anche del carbone!
Foglie di rosa, che bel balcone
avete saputo… trovarvi!
===
Vint’anne, di Ernesto Murolo
Si allero e malinconico
se fa stu core mio mo ca è ll’Està,
me sento ’e turnà giovene
cumme so’ stato ma tant’ anne fa!...

Passo pe ddò se scetano
tanta ricorde cchiù forte ‘e me:
for’ ‘o barcone soleto,
me pare ancora mo ‘e parlà cu te!...

Quanno vene ’a Dummèneca,
me vesto e pare ca aspiette a me;
pare ca, doppo ’a Chiesia,
p’ ‘o Corzo e 'o Vommero c’ îmm’ ‘a vedè...

(Stasera, attuorno ’a musica,
p’ ‘o vico ’nfesta, Riggina sî...
Sona ‘o pianino a ll’angulo...
Na voce a chiagnere ce fa venì...)

E allera e malinconica,
manco resistere putive cchiù...
Stanotte, addò ce amavamo...
st’ uocchie nun sbagliano, ce stive Tu...

P’ ‘o vico sulitario
spierte, guardavamo senza parlà;
ll’anne ca cchiù nun tornano,
resate e llacreme steveno lla!..

Vint’ anne!... E comme passano!
Ce sfuje d’ ‘e mmane ’sta giuventù...
T’ ‘a ntussecaje e... perdoname:
m’ ‘a ntussecaste, bella, pure Tu!...
===
Vent’anni (italiano, traduzione non poetica)
Se allegro e malinconico
diventa questo cuore ora ch’ è l’estate,
mi sento ritornare giovane,
come lo sono stato ma tanti anni fa!...

Passo là dove si svegliano
tanti ricordi più forti di me...
fuori al solito balcone,
mi sembra ancora adesso di parlare con te!...

Quando viene la domenica,
mi vesto e sembra che aspetti me;...
sembra che, doppo la Chiesa,
sul Corzo e al Vommero dobbiamo a vederci...

(Stasera, con la musica intorno,
nel vicolo in festa, sei Reggina...
Suona il pianino all’angolo...
Una voce ci fa venire da piangere.

E allegra e malinconica,
non potevi neanche resistere...
Stanotte, dove ci amavamo...
gli occhi non sbagliano, c’eri tu...

Nel vicolo solitario
persi, guardavamo senza parlare;
gli anni che non tornano più,
risate e lacrime stavano là!..

Vent’ anni! E come passano:
ci scappa dalle mani questa gioventù,
te l’amareggiai e... perdonami:
me l’amareggiasti, bella, anche tu!...
===
Mutive ‘e canzone, di Salvatore Di Giacomo
Mutive ‘e canzone ‘e tant’anne,
‘e tant’anne fa,
cchiù ddoce, cchiù llente
turnateme a mente....

Venite, venite... Io ve sento,
parole, ca mo, chianu chiano,
e, ‘a tanto luntano,
turnate a stu core scuntento,
turnate a parlà...

Parole d’ammore,
parole ‘e dulore,
ca, quase ‘ncantato,
rummango a sentì....

Ma tu, tu ca dint’ a sti vvoce,
(‘e tant’anne fa!)
te vaje ‘nzinuanno,
e mmurmulianno,

nun essere n’ombra ca passa,
ca stenne na mano ‘a luntano...
Ma... strigne sta mano
che ‘a toja tene stretta e nn’ ‘a lassa...
E tuorneme a dì

parole d’ammore,
parole ‘e dulore,
ca io, quase ‘ncantato,
starraggio a sentì...
===
Motivi di canzoni (italiano)
Motivi di canzoni di tanti anni,
di tanti anni fa,
più doci, più lenti
turnatemi nella mente....

Venite, venite... Io vi sento,
parole, che ora, piano piano,
e da tanto lontano,
tornate a questo cuore scontento,
tornate a parlare...

Parole d’amore,
parole di dolore,
ch,e quasi incantato,
rimango a sentire....

Ma tu, tu che dentro a questi voci,
(di tanti anni fa!)
ti vai insinuando,
e, mormorando,

non essere un’ombra che passa,
che stende una mano da lontano...
Stringimi questa mano,
che tiene la tua stretta, e non lasciarla...
E torna a dirmi

parole d’amore,
parole di dolore,
che io, quasi incantato,
starò a sentire...
===
Tiempe d’ ammore, di Salvatore Di Giacomo
Ricordete, Carmè, ll’anno passato,
quanno turnaje cu ll’anzia ‘e te vedè;
purtavo ancora ‘e panne d’ ‘o surdato,
e primm’ ‘e mamma jette ascianno a te!

Tiempe felice!, penzavo io p’ ‘a strata,
chi sa si nu’ starrate pe turnà!...
Chi sa si, ancora eguale e maje cagnata,
Carmela, bella mia, pozzo truvà!

Tiempe felice!
Tiempe d’ammore!
Pecchè tremmanno
mme dice ‘o core

ca, comm’ ô viento,
ve ne vulate?
Ca nun turnate
maje cchiù, maje cchiù?!...

E accussì, cammenanno, ‘int’ ê denocchie
me senteva nu triemmolo saglì:
e cchiù avanzavo ’o passo, e, nnanz’ a st’uocchie,
cchiù te vedevo quase accumparì...

Ccà sta! - dicette finalmente -. E chesta
è ‘a fenestella addò s’ affacciarrà!
Ma ‘nchiusa rummanette ‘sta fenesta,
e friddo friddo io rummanette llà...

Tiempo felice!
Tiempe d’ammore!
Pecché tremmanno
mme dice ’o core

ca, comm’ ô viento,
ve ne vulate?
Ca nun turnate
maje cchiù, maje cchiù?!

‘A gente mme dicette: “A cchi vulite?
Si vulite a Carmela, nun ce sta:
‘a ‘int’ ô quartiero, si nun ‘o ssapite,
Carmela è scumparuta, ‘a n’ anno fa!”

— Date nu surzo d’ acqua a ‘stu figliulo!
Facitelo nu poco risturà!
S’è fatto janco comm’ a nu lenzulo!...
Vedite chella a chi jette a ‘ngannà!...

Tiempe felice!
Tiempe d’ammore!
Diceva e dice
sempe ‘stu core,

ca, comm’ ô viento,
ve ne vulate!...
Ca nun turnate
maje cchiù! Maje cchiù!...
===
Tempo d’ amore (italiano)
Ricordati, Carmela, l’anno scorso,
quando turnai con l’ansia di vederti;
indossavo ancora la divisa da soldato,
e prima di mamma, venni a cercare te!

Tempo felice!, pensavo io per la strada,
chissà se non tornerete!...
Chissà se, ancora uguale e mai cambiata,
Carmela, bella mia, posso trovare!

Tempo felice!
Tempo d’amore!
Perché tremando
mi dice il cuore

che, come il vento,
ve ne volate?
Che non tornate
mai più, mai più?!...

E così, camminando, dalle ginocchia
sentivo un tremolo saglire:
e più camminavo, e, davanti agli occhi,
più ti vedevo quasi comparire...

È qui! - disi finalmente -. E questa
è la finestrina dove si affaccerà!
Ma rimase chiusa questa finestra,
e, col cuore congelato, io rimasi là...

Tempo felice!
Tempo d’amore!
Perché tremando
mi dice il cuore

che, come il vento,
ve ne volate?
Che non tornate
mai più, mai più?!...

La gente mi dise: “Chi cercate?
Se cercate Carmela, non c’è:
dal quartiere, se non lo sapete,
Carmela è scomparsa, già da un anno!”

— Date un sorso d’ acqua a questo figliolo!
Fattelo un poco ristorare!
È diventato bianco come un lenzuolo!...
Vedete quella chi andò ad ingannare!...

Tempo felice!
Tempo d’amore!
Diceva e dice
sempre questo cuore,

che, come il vento,
ve ne volate!...
Che non tornate
mai più, mai più?!...
 
 
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO TIEMPE D'AMMORE (33½ GIRI L.P.)

Messaggio  mauro piffero il Mar Giu 19, 2018 9:51 pm

1. TITOLO:
 
1961 - TIEMPE D'AMMORE (3 Il sole e la luna)
 
# Etichetta: FONIT  # Catalogo: LP 11005 # Data pubblicazione: Anno 1961 # Matrici: EP 1134/EP 1135 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)  # Facciate: 2
 
Note:  Data matrici 20 Maggio / Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi / Il tutto raccolto in un unico video / Distribuito CETRA  – Torino
 
 
2. COVER di: TIEMPE D'AMMORE (3 Il sole e la luna)
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: TIEMPE D'AMMORE (3 il sole e la luna)

  • 01. L'oro e 'o sole (Rocco Galdieri) 
  • 02. ‘O sole mio! (Giovanni Capurro, Edoardo Di Capua) 
  • 03.  ‘O raggio ‘e sole (Raffaele Viviani)
  • 04. Dint’o vascio ‘e Furturella (Giovanni Capurro)
  • 05. Furturella (Pasquale Cinquegrana, Salvatore Gambardella, 1894) 
  • 06. ‘O sole (Ferdinando Russo)
  • 07. I’ te vurria vasà (Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua) 
  • 08. ‘O Sole (Libero Bovio) 
  • 09. Quanno tramonta ‘o sole (Ferdinando Russo, Salvatore Gambardella, 1911)
  • 10. Està (Nun voglio fà niente) (Libero Bovio)
  • 11. Nuttata ‘e sentimento (Alessandro Cassese, Giuseppe Capolongo, 1908)
  • 12. Si tu te ricuorde (Luca Postiglione)
  • 13. Io, ‘na chitarra e ‘a luna (E. A. Mario)
  • 14. Serata ‘e luna (Luca Postiglione)
  • 15. ‘Ncopp’ a ll’onna (Libero Bovio, Vittorio Fassone, 1919)

 
ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO
LETTERE D'AMMORE

 

Autori: Vari
Musiche Originali di Ennio Morricone
Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
Testo:
Il sole e la luna – canzoni e poesie it (Traduzione letterale non poetica)
Millo: L’oro e il sole, di Rocco Galdieri
Il sole non è d’oro, figlia mia.
Nè d’ inverno, nè d’ estate.
Non credere a chi conta questa bugia,
non sentire chi canta questa canzone.
Risponde a chi ti dice queste parole:
“Il sole non è d’oro, il sole è il sole!
Il sole è il sole che ci scalda le case,
che fa maturare ogni frutto e indora le spighe.
È il sole che mi asciuga i panni stesi,
che mi secca la conserva e spacca le fiche.
E non è d’oro, perché l’oro è niente
e senza il sole non sarebbe lucente.”
Cigliano: da Il sole mio, di Giovanni Capurro, Eduardo Di Capua, 1898
Ma un altro sole,
più bello, oh, cara,
il sole mio
sta in fronte a te!
Millo : da Il raggio di sole, di Raffaele Viviani
La mattina,
quando apro il balcone,
entra l'estate
nella casa e respiro.
Un'aria fine,
un odore di limone:
mi affaccio al portone,
è ancora chiuso.
Che profumo si sente,
si respira a pieni polmoni.
Mi volto, mi giro,
innaffio le viole.
Lentamente
s'infiamma l'aurora
e la casa s’indora,
per i raggi del sole.
Millo: Nel basso di Furturella, di Giovanni Capurro
Nel basso di Furturella,
entra il sole ogni mattina,
io, che ho un'ottima vista,
mi sono messo a spiare…

Si presenta piano piano,
quando è l’ora di riposo,
e si stende sopra il letto,
proprio come un gran signore…

Perché ha la scusa e la possibilità,
che dà la luce e dà il calore,
si è immaginato di fare il signore,
il padrone lì, dentro…

Lui è il sole ed è normale,
entra dentro e indora tutto,
io, che guardo sempre da fuori,
m’indispongo soltanto e, che vuoi farci…?!

Se avessi la possibilità e la luce,
giustappunto di una carta argentata,
io indorerei Furturella,
proprio a regola d'arte…

E venendo il sole, allora
gli direi: “bello mio,
sopra al letto ci sono io,
fammi luce e indora me…!
Cigliano: da Furturella, di Pasquale Cinquegrana, Salvatore Gambardella, 1894
Hai la vita come la boccuccia,
Furturella.
Piccerenèlla, piccerenèlla,
Furturella...
Che dici, che fai?
che pensi, me la dai?
Furturella.
Io ora muoio, ora muoio, ora muoio, ora muoio,
ora muoio, ora muoio, ora muoio, ora muoio per te.
Eh – eh – eh – eh...
Uh, quanto è bello fare l'amore con te.
Ah – ah – ah – ah – ah.
Uh, quante volte ti voglio baciare!...
Millo: da Il sole, di Ferdinando Russo
Il sole, nel giardino,
giocava lippa con le rose…
Tu, sopra un letto di foglie profumate,
più bella del sole, parlavi con me.
...
Giocava lippa con le rose
il sole nel giardino...
Io, tutto incantato, ti stavo vicino
e tu mi baciavi, dicendomi: sì.
Cigliano: da I’ te vurria vasà!, di Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua, 1900
Il sole, a poco a poco,
in questo giardino spunta,
il vento passa e bacia
questo ricciolino sulla fronte.

Io vorrei baciarti,
ma il cuore non mi dà la forza
di svegliarti...
Io mi vorrei addormentare...
vicino al tuo respiro,
anch'io per un'ora...
Millo: Il sole, di Libero Bovio
Tremò un raggio di sole e gli occhi chiari,
con un sorriso, salutarono il sole,
una fascia di fuoco si stese sul mare,
l’aria sentì sospirare le viole...
Cantò un’uccello: com’è bello il sole!

Una nuvola passò, morì il sole,
una lacrima cadde dagli occhi chiari,
la terra sentì lamentarsi le viole
e il mare si fece cupo e nero…
Cantò l’uccello: è tramontato il sole!!

Quando tramonta il sole, di Ferdinando Russo, Salvatore Gambardella, 1911
Quando tramonta il sole e tutte le cose,
andando ad addormentarsi nella nottata,
prendono il colore di una viola bagnata,
allora ti penso, sorella, e innamorata.

Allora ti sento mia, tutta felice,
senza parlare, senza parlare,
con gli occhi negli occhi e poi mi dici:
"Quanta felicità, quanta felicità!"
Sentilo, oh bella, il suono di queste parole!
Vieni da me, quando tramonta il sole!
Millo: Estate (Non voglio far niente), di Libero Bovio
Che sole, che sole,
che sole cocente.
E chi vuole far niente?
E chi può far niente?

Che bella canzone
che suona il piano.
Ora chiudo il balcone
per non sentirla.

Che bella figliola
che passa per il vicolo.
Ora la chiamo e le dico:
"Volete salire?"

No, no, con questo sole,
questo sole cocente,
non voglio fare niente.

Ma, nel pomeriggio,
che caldo si sente.
E chi vuole fare niente?
E chi può fare niente?

Ora prendo, mi spoglio,
mi infilo nel letto,
mi leggo un giornale,
mi metto a fumare.

Ma la camera da letto
è troppo lontana.
Meglio il divano,
Un passo e sto là.

Ma, nel pomeriggio,
che caldo si sente.
Non voglio fare niente.

Che luna, che luna,
che luna lucente.
E chi vuole fare niente?
E chi può fare niente?

Ora arrivo alla Torretta,
poi torno per la villa.
Vabbè, non ci pensare
non ho voglia di vestirmi.

Che bella canzone
avevo tra le mani.
Ora vedo, domani,
se posso finirla.

Perchè con questa luna,
questa luna lucente,
non voglio fare nulla.
Nottata di sentimento, di Alessandro Cassese, Giuseppe Capolongo, 1908
Che notte, che notte!
Che luna, che mare!
Stasera mi sembra,
sveglio, di sognare.
Con quest'aria serena
che ruba dal cuore
sospiri d'more,
dormire non si può.

Chiara è la luna,
dolce è il vento,
calmo è il mare,
oh, Carolina!
Questa nottata di sentimento,
non è fatta per dormire.
Millo: Se tu ti ricordi, di Luca Postiglione, 1924
Si tu te ricuorde...
Se tu ti ricordi, veniva l’estate
e, fuori al balcone, dicesti:
“non vedi che luna ci sta?”
Restammo un poco, questo cielo lucente,
questa luna, a guardare…
Una stella cadde
e fece restare nel cielo una striscia,
poi, anche questa striscia sparì.
Tu allora dicesti: “chissà?!
Se tutto questo amore, che dura da sei mesi,
finisce, chissà?!”
E, sopra la ringhiera, ci demmo la mano,
restammo a guardare, pensando sotto il cielo
sereno e stellato…
Ora, è un anno e... chissà, se a un’altro tu chiedi:
“Non vedi, stasera, che luna ci sta…?!”
Io, una chitarra e la luna, di E. A. Mario, 1913
E se trovi qualcuno che dice: "E come,
tu solo? E quella?"
E se di quella ti dice anche il nome,
tu, scordatela.

E se questo qualcuno fosse l'Amore
cambiati nome e dici: "State sbagliando.
Canto per me,
canto per me,
non voglio più a nessuna,
io, una chitarra e la luna".
Millo: da Serata di luna
La luna spuntò in fretta l’altra sera
ed io, attraverso la finestra aperta,
incantato, l’ammirai…

Guardai tutto il cammino che fece lungo il cielo primaverile,
attraverso la campagna profumata:
...
Quanto tempo trascorse…!
Quando rientrai,
la mia ombra si abbassò sulla culla,
dove stava Angelica dormiente...
...
La volevo vedere.
Angelica, nel sonno, sorrideva,
ogni tanto, appena appena…

Allungai una mano per toccarla,
sentii il suo respiro,
sentii, sotto le dita,
quei capelli di seta fine…

Dormi, figlia mia bella, dormi…
Fai ninna nanna
sotto questa luna piena,
sotto il manto celeste della Madonna:
tu sei tutto per me, pace e fortuna...

Dormi,
fai ninna nanna nella tua culla…
tutta irradiata dalla luce della luna…
Cigliano: da Sull’ onda, di Libero Bovio, Vittorio Fassone
Ninna nanna,
sull’onda,
come è bello dormire nella barca.
Dolce è il sogno
che mi sogno.
Ah, potessi,
sognando, morire.

Il sole e la luna – le poesie, intere, perché nell’album sono, a volte, solo parti. (II parte)
Està (Nun voglio fá niente), di Libero Bovio, 1913
Che sole, che sole,
che sole cucente.

E chi vo’ fá niente?
E chi po’ fá niente?

Che bella canzone
ca sona ‘o pianino.
Mo ‘nzerr’ ‘o barcone
pe nun ‘a sentí.

Che bella figliola
ca passa p’ ‘o vico.
Mo ‘a chiammo e lle dico:
"Volete salí?"

No, no, cu ‘stu sole,
‘stu sole cucente,
nun voglio fá niente.

Ma, dint’ ‘a cuntrora,
che caldo se sente.

E chi vo’ fá niente?
E chi po’ fá niente?

Mo piglio, mme spoglio,
mme ‘nfilo ‘int’ ô lietto,
mme leggo nu foglio,
mme metto a fumá.

Ma ‘a cámmera ‘e lietto
sta troppo luntano.
Cchiù meglio ‘o divano,
nu passo e sto’ llá.

Ma, dint’ â cuntrora,
che caldo se sente.
Nun voglio fá niente.

Che luna, che luna,
che luna lucente.

E chi vo’ fá niente?
E chi po’ fá niente?

Mo arrivo â Turretta,
po torno p’ ‘a villa.
Va buo’, nun dá retta
mme scoccio ‘e vestí.

Che bella canzone
tenevo p’ ‘e mmane.
Mo veco, dimane,
si ‘a pòzzo ferní.

Pecché cu ‘sta luna,
‘sta luna lucente,
nun voglio fá niente.
===
Estate (Non voglio far niente) (italiano)
Che sole, che sole,
che sole cocente.

E chi vuole far niente?
E chi può far niente?

Che bella canzone
che suona il piano.
Ora chiudo il balcone
per non sentirla.

Che bella figliola
che passa per il vicolo.
Ora la chiamo e le dico:
"Volete salire?"

No, no, con questo sole,
questo sole cocente,
non voglio fare niente.
Non voglio fare niente.

Ma, nel pomeriggio,
che caldo si sente.

E chi vuole fare niente?
E chi può fare niente?

Ora prendo, mi spoglio,
mi infilo nel letto,
mi leggo un giornale,
mi metto a fumare.

Ma la camera da letto
è troppo lontana.
Meglio il divano,
Un passo e sto là.

Ma, nel pomeriggio,
che caldo si sente.
Non voglio fare niente.
Non voglio fare niente.

Che luna, che luna,
che luna lucente.

E chi vuole fare niente?
E chi può fare niente?

Ora arrivo alla Torretta,
poi torno per la villa.
Vabbè, non ci pensare
non ho voglia di vestirmi.

Che bella canzone
avevo tra le mani.
Ora vedo, domani,
se posso finirla.

Perchè con questa luna,
questa luna lucente,
non voglio fare nulla.
Non voglio fare nulla.

Il sole e la luna – le poesie, intere, perché nell’album sono, a volte, solo parti. (III parte)
Si tu te ricuorde, di Luca Postiglione, 1924
Si tu te ricuorde...
Si tu te ricuorde, veneva l’està
e, fora ô balcone, diciste:
“nun vide che luna ce sta?”
Restàimo ‘nu poco, ‘stu cielo lucente,
‘sta luna, a guardà…
‘Na stella cadette
e fece, p’ ‘o cielo, ‘na striscia restà,
po, pure ‘sta striscia sparette.
Tu allora diciste: “chi sa?!
Si tutto st’ ammore, ca dura ‘a sei mise,
fernesce, chi sa?!”
E, ‘a coppa â ringhiera, ce dettemo ‘a mano,
restàimo a guardà, pensanno p’ ‘o cielo
sereno e stellato…
Mo, è n’anno e... chisà, si a n’ ato addimanne:
“Nun vide, stasera, che luna ce sta…?!”
===
Se tu ti ricordi, (italiano)
Se tu ti ricordi...
Se tu ti ricordi, veniva l’estate
e, fuori al balcone, dicesti:
“non vedi che luna ci sta?”
Restammo un poco, questo cielo lucente,
questa luna, a guardare…
Una stella cadde
e fece restare nel cielo una striscia,
poi, anche questa striscia sparì.
Tu allora dicesti: “chissà?!
Se tutto questo amore, che dura da sei mesi,
finisce, chissà?!”
E, sopra la ringhiera, ci demmo la mano,
restammo a guardare, pensando sotto il cielo
sereno e stellato…
Ora, è un anno e... chissà, se a un’altro tu chiedi:
“Non vedi, stasera, che luna ci sta…?!”

Serata ‘e luna, di Luca Postiglione
‘A luna ascette ambressa ll’ata sera
e io, p’ ‘a fenesta aperta,
‘ncantato, m’ ‘a guardaje…

Guardaje tutt’ ‘o cammino che facette p’ ‘o cielo ‘e primmavera,
p’ ‘a campagna addurosa:
primma, tuccaje pe terra,
‘ncopp’ a ll’evera ‘nfosa,
ll’ombra ‘e ll’albere ‘e fiche
e st’ombra se muveva quacche vota, sott’ ô sciato d’ ‘o viento.

Po, venette addu me, ‘ncopp’ â fenesta,
e se mettette ‘nu poco ‘e sguince ‘ncopp’ â petturata.
A poco a poco, po, se ne sagliette dint’ a ‘na testa,
che addiventaje d’argiento,
pecchè tanno arracquata.

Quantu tiempo passaje…!
Quanno me ne trasette,
ll’ombra mia s’acalaje ‘ncoppa â connola,
addò steva Angelica addurmuta:
s’ ‘a vasaje primma ‘e me!

Allora, io m’accustaje,
camminaje chianu chianu, pe nun ‘a fà scetà…
‘A vulevo vedè,
Angelica redeva dint’ ô suonno,
ogni tanto, appena appena…

Io stennette ‘na mano p’ ‘a tuccà,
sentette ‘o ciato suojo,
sentette, sotto ê ddete,
chilli capille ‘e vammacella ‘e seta…

Duorme, figlia mia bella, duorme…
Fa nonna nonna
sott’ a ‘sta luna chiena,
sott’ ô manto celeste d’ ‘a Madonna:
tu sî tutto pe mme, pace e furtuna…

Duorme,
fa nonna nonna dint’ a ‘sta’cunnulella…
tutta ‘nzuppata ‘e luna...
===
Serata di luna (Traduzione letterale non poetica)
La luna spuntò in fretta l’altra sera
ed io, attraverso la finestra aperta,
incantato, l’ammirai…

Guardai tutto il cammino che fece lungo il cielo primaverile,
attraverso la campagna profumata:
prima, toccò per terra,
sull’erba bagnata,
l’ombra dell’albero di fichi
e quest’ombra si muoveva qualche volta, sotto i sospiri del vento.

Poi, mi venne incontro, sulla finestra,
mettendosi di fianco, sopra al davanzale.
A poco a poco, poi, si nascose dietro ad un vaso,
che sembrava d’argento,
perché da poco innaffiato.

Quanto tempo trascorse…!
Quando rientrai,
la mia ombra si abbassò sulla culla,
dove stava Angelica dormiente:
la baciò prima di me!

Allora, io mi accostai,
camminai piano piano, per non svegliarla...
La volevo vedere.
Angelica, nel sonno, sorrideva,
ogni tanto, appena appena…

Allungai una mano per toccarla,
sentii il suo respiro,
sentii, sotto le dita,
quei capelli di seta fine…

Dormi, figlia mia bella, dormi…
Fai ninna nannasotto questa luna piena,
sotto il manto celeste della Madonna:
tu sei tutto per me, pace e fortuna...

Dormi,
fai ninna nanna nella tua culla…
tutta irradiata dalla luce della luna…

Il sole e la luna – canzoni e poesie, testi originali dall’album
Millo: L’oro e ‘o sole, di Rocco Galdieri
‘O sole nun è d’oro, figlia mia.
Nè dinte vierno, nè dint’ â stagione.
Nun credere a chi conta ‘sta buscia,
nun sentere a chi canta ‘sta canzone.
Rispunne a chi te dice ‘sti parole:
" ‘O sole nun è d’oro, ‘o sole è ‘o sole!
‘O sole è ‘o sole ca nce scarfa ‘e case,
c’ammatura ogne frutto e ‘ndora ‘e spiche.
È ‘o sole ca m’asciutta ‘e panne spase,
ca me secca ‘a cunserva e spacca ‘e fiche.
E nun è d’oro, pecché l’oro è niente
e senz’ ‘o sole nun sarria lucente."
Cigliano: da ‘O sole mio, di Giovanni Capurro, Eduardo Di Capua, 1898
Ma n’atu sole,
cchiu’ bello, oi ne’,
‘o sole mio
sta ‘nfronte a te!
Millo: da ‘0 raggio ‘e sole, di Raffaele Viviani
‘A matina,
c’ arapo ‘o balcone,
me trase ‘a staggione
p’ ‘a casa e risciato.
N’ aria fina,
n’ addore ‘e limone:
m’ affaccio e ‘o purtone
sta ancora ‘nzerrato.
Che se sente,
s’ allarga ‘o rispiro.
M’ avoto, me giro,
m’ arracquo ‘e vviole.
Lentamente
se ‘nfìamma l’ aurora
e ‘a casa se ‘ndora
p’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Millo: Dint’ ô vascio ‘e Furturella, di Giovanni Capurro
Dint’ ô vascio ‘e Furturella
trase ‘o sole ogni matina,
io, ca tengo ‘a vista fina,
me so’ miso a spiunà…

Se presenta cuonciu cuoncio,
quanno è ll’ora ‘e ll’arricietto,
e se stenne ‘ncoppe ô lietto,
tale e quale a ‘nu Pascià…

Pecché tene ‘a scusa e ‘o mezzo,
che ddà luce e ddà calore,
s’ è sunnato ‘e fa ‘o signore,
‘o patrone dinte, lla…!

Isso è ‘o sole e se capisce,
trase dinto e tutto ‘ndora,
io che guardo, sempe ‘a fora,
frije sultanto e, che bbuò fa…?!

Si tenesse ‘o mezzo e ‘a luce,
mo nce vò, d’ ‘a cartuscella,
io ‘ndurasse a Furturella,
comme è regula ‘e ‘ndurà…

E venenno ‘o sole, allora
lle dicesse: “bellu mio,
‘ncoppe ô lietto ce stongo io,
famme luce e ‘ndora a mme…!
Cigliano: da Furturella, di Pasquale Cinquegrana, Salvatore Gambardella, 1894
Tien’ ‘a vetélla comm’ ‘a vucchella,
Furturè....
Piccerenèlla, piccerenèlla,
Furturè...
Che dice, che faje?
che pienze... mm’ ‘a daje?
Furturè...
Io mo moro, mo moro, mo moro, mo moro,
mo moro, mo moro, mo moro, mo moro... pe te...
Eh - eh - eh - eh...
Uh, quanto è bello a fá ‘ammore cu te!...
Ah - ah - ah - ah - ah...
Uh, quanta vote te voglio vasá!...
Millo: da ‘O sole, di Ferdinando Russo
‘O sole, pe dint’ ô ciardino,
jucava ‘a parmosa cu ‘e rrose…
Tu, ‘ncoppa a nu lietto de fronne addurose,
cchiù bella d’ ‘o sole, parlave cu mme.
...
Jucava ‘a parmosa cu ‘e rrose
‘o sole pe dint’ ô ciardino...
Io, tutto ‘cantato, te stevo vicino
e tu me vasave, dicenno ca sì.
Cigliano: da I’ te vurria vasà!, di Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua, 1900
‘O sole, a poco a poco,
pe ‘stu ciardino sponta...
e ‘o viento passa e vasa
‘stu ricciulillo ‘nfronte!

I’ te vurría vasá...
ma ‘o core nu’ mm’ ‘o ddice
‘e te scetá...
I’ me vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n’ora pur’ i’...
Millo: ‘O sole, di Libero Bovio
Tremmaje nu raggio ‘e sole e ll’uocchie chiare,
cu nu surriso, salutajeno ‘o sole,
na fascia ‘e fuoco se stennette a mare,
sentette ll’aria suspirà ‘e vviole...
Cantaje n’auciello: comm’è bello ‘o sole!

Na nuvola passaje, murette ‘o sole,
na lacrema cadette ‘a ll’uocchie chiare,
sentette ‘a terra allamentà ‘e vviole
e cupo e niro se facette ‘o mare…
Cantaje ll’auciello: è tramuntato ‘o sole!!

Cigliano: da Quanno tramonta ‘o sole, di Ferdinando Russo, Salvatore Gambardella, 1911
Quanno tramonta ‘o sole e tuttecosa,
jènne pe s’addurmì dint’ ‘a nuttata,
piglia ‘o culore ‘e na viola ‘nfosa,
tanno te penzo, sora, e ‘nnammurata.

Tanno te sento mia,
tutta felice, senza parlà, senza parlà,
cu ll’uocchie dint’ a ll’uocchie e po mme dice:
"Quanta felicità, quanta felicità".
Siéntelo, oje bella, ‘o suono ‘e ‘sti pparole!
Viene addu me, quanno tramonta ‘o sole!
Millo: Està (Nun voglio fá niente), di Libero Bovio, 1913
Che sole, che sole,
che sole cucente.
E chi vo’ fá niente?
E chi po’ fá niente?

Che bella canzone
ca sona ‘o pianino.
Mo ‘nzerr’ ‘o barcone
pe nun ‘a sentí.

Che bella figliola
ca passa p’ ‘o vico.
Mo ‘a chiammo e lle dico:
"Volete salí?"

No, no, cu ‘stu sole,
‘stu sole cucente,
nun voglio fá niente.

Ma, dint’ â cuntrora,
che caldo se sente.
E chi vo’ fá niente?
E chi po’ fá niente?

Mo piglio, mme spoglio,
mme ‘nfilo ‘int’ ô lietto,
mme leggo nu foglio,
mme metto a fumá.

Ma ‘a cámmera ‘e lietto
sta troppo luntano.
Cchiù meglio ‘o divano,
nu passo e sto’ llá.

Ma, dint’ â cuntrora,
che caldo se sente.
Nun voglio fá niente.

Che luna, che luna,
che luna lucente.
E chi vo’ fá niente?
E chi po’ fá niente?

Mo arrivo â Turretta,
po torno p’ ‘a villa.
Va buo’, nun dá retta
mme scoccio ‘e vestí.

Che bella canzone
tenevo p’ ‘e mmane.
Mo veco, dimane,
si ‘a pòzzo ferní.

Pecché cu ‘sta luna,
‘sta luna lucente,
nun voglio fá niente.
Cigliano: da Nuttata ‘e sentimento, di Alessandro Cassese, Giuseppe Capolongo, 1908
Che notte! Che notte!
Che luna! Che mare!...
Stasera mme pare,
scetáto, ‘e sunná...
Cu st’aria serena
ca scippa d’ ô core
suspire d’ ammore,
durmí nun se po’!

Chiara è ‘a luna,
doce è ‘o viento,
calmo è ‘o mare
oje, Carulí’!...
‘Sta nuttata ‘e sentimento,
nun è fatta pe durmí...
Millo: Si tu te ricuorde, di Luca Postiglione, 1924
Si tu te ricuorde...
Si tu te ricuorde, veneva l’està
e, fora ô balcone, diciste:
“nun vide che luna ce sta?”
Restàimo ‘nu poco, ‘stu cielo lucente,
‘sta luna, a guardà…
‘Na stella cadette
e fece, p’ ‘o cielo, ‘na striscia restà,
po, pure ‘sta striscia sparette.
Tu allora diciste: “chi sa?!
Si tutto st’ ammore, ca dura ‘a sei mise,
fernesce, chi sa?!”
E, ‘a coppa â ringhiera, ce dettemo ‘a mano,
restàimo a guardà, pensanno p’ ‘o cielo
sereno e stellato…
Mo, è n’anno e... chisà, si a n’ ato addimanne:
“Nun vide, stasera, che luna ce sta…?!”
Io, ‘na chitarra e ‘a luna, di E. A. Mario, 1913
E si truove a quaccuno e dice: "E comme,
tu sulo? E chélla?"
E si te dice ‘e chélla pure ‘o nomme,
tu, scordatélla.

E si chistu quaccuno fosse ‘Ammore
cágnate nomme e dì: "State in errore.
Canto pe me,
canto pe me,
nun voglio cchiù a nisciuna,
io, ‘na chitarra e ‘a luna".
Millo: da Serata ‘e luna, di Luca Postiglione
‘A luna ascette ambressa ll’ata sera
e io, p’ ‘a fenesta aperta,
‘ncantato, m’ ‘a guardaje…

Guardaje tutt’ ‘o cammino che facette p’ ‘o cielo ‘e primmavera,
p’ ‘a campagna addurosa...
...
Quantu tiempo passaje…!
Quanno me ne trasette,
ll’ombra mia s’acalaje ‘ncoppa â connola,
addò steva Angelica addurmuta...
...
‘A vulevo vedè,
Angelica redeva dint’ ô suonno,
ogni tanto, appena appena…

Io stennette ‘na mano p’ ‘a tuccà,
sentette ‘o ciato suojo,
sentette, sotto ê ddete,
chilli capille ‘e vammacella ‘e seta…

Duorme, figlia mia bella, duorme…
Fa nonna nonna
sott’ a ‘sta luna chiena,
sott’ ô manto celeste d’ ‘a Madonna:
tu sî tutto pe mme, pace e furtuna…

Duorme,
fa nonna nonna dint’ a ‘sta’cunnulella…
tutta ‘nzuppata ‘e luna...
Cigliano: da ‘Ncopp’ a ll’onna, di Libero Bovio, Vittorio Fassone
Nonna, nonna,
‘ncopp’ a ll’onna,
comm’ è bello ‘int’ â varca a durmí...
Doce è ‘o suonno
ca me sonno....
Ah, putesse, sunnanno, murí!...

Il sole e la luna – le poesie, intere, perché nell’album sono, a volte, solo parti.
(I parte)
L’oro e ‘o sole, di Rocco Galdieri
‘O sole nun è d’oro, figlia mia.
Nè dinte vierno, nè dint’ â stagione.
Nun credere a chi conta ‘sta buscia,
nun sentere a chi canta ‘sta canzone.
Rispunne a chi te dice ‘sti parole:
" ‘O sole nun è d’oro, ‘o sole è ‘o sole!
‘O sole è ‘o sole ca nce scarfa ‘e case,
c’ammatura ogne frutto e ‘ndora ‘e spiche.
È ‘o sole ca m’asciutta ‘e panne spase,
ca me secca ‘a cunserva e spacca ‘e fiche.
E nun è d’oro, pecché l’oro è niente
e senz’ ‘o sole nun sarria lucente."
===
L’oro e il sole (traduzione letterale, non poetica)
Il sole non è d’oro, figlia mia.
Nè d’ inverno, nè d’ estate.
Non credere a chi conta questa bugia,
non sentire chi canta questa canzone.
Risponde a chi ti dice queste parole:
“Il sole non è d’oro, il sole è il sole!
Il sole è il sole che ci scalda le case,
che fa maturare ogni frutto e indora le spighe.
È il sole che mi asciuga i panni stesi,
che mi secca la conserva e spacca le fiche.
E non è d’oro, perché l’oro è niente
e senza il sole non sarebbe lucente.”

‘0 raggio ‘e sole, di Raffaele Viviani
‘A matina,
c’ arapo ‘o balcone,
me trase ‘a staggione
p’ ‘a casa e risciato.
N’ aria fina,
n’ addore ‘e limone:
m’ affaccio e ‘o purtone
sta ancora ‘nzerrato.
Che se sente,
s’ allarga ‘o rispiro.
M’ avoto, me giro,
m’ arracquo ‘e vviole.
Lentamente
se ‘nfìamma l’ aurora
e ‘a casa se ‘ndora
p’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Che splendore
p’ ‘a stanza lucente,
che vuo’ tenè mente
spicchiere e cristalle?
P’ ‘o lustrore
riflesse e scentille
mo rosse, mo lìlle,
mo verde, mo gialle.
Prete fine:
migliare ‘e culure
p’ ‘e trave, p’ ‘e mmure,
pe terra ‘e rriggiole.
So’ turchine
zaffire e diamante,
ricame ‘e brillante
pe coppa ê llenzole.
Che ricchezza
‘stu sole ce manna;
ma appena s’ appanna
s’ ‘e torna a purtà.
‘A priezza
se fa nu squallore,
e ‘a luce d’ ‘o core
cchiù scura se fa.
E accussì,
tutte ‘e notte io te veco,
che suonno, che spreco
scetato ‘int’ ô scuro.
Appari
p’ ‘e parete d’ ‘a stanza
vicina, a distanza,
lucente ‘int’ ô muro.
‘A nu vano
sparisce e riappare,
rituorne e scumpare,
cchiù lustra ‘e na fata.
Chianu chiano
do’ ‘a luce e p’ ‘o lietto
nun trovo arricietto
pe tutta ‘a nuttata.
Si venisse
cu ll’uocchie lucente,
che vuo’ tenè mente
spicchiere e cristalle.
Vedarrisse
riflesse e scentille
mo rosse, mo lìlle,
mo verde, mo gialle.
Spannarrisse
migliare ‘e culure,
p’ ‘e trave, p’ ‘e mmure,
pe coppa ê rriggiole.
Purtarrisse
p’ ‘a casa ‘o chiarore
cu ‘o stesso bagliore
d’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Si trasisse,
chiudesse ‘o balcone:
trasesse ‘a staggione
cu tutta ‘a fragranza.
Si venisse,
che festa, che sole
pe coppa ê llenzole.
Che luce p’ ‘a stanza!
===
Il raggio di sole (traduzione letterale, non poetica)
La mattina,
quando apro il balcone,
entra l'estate
nella casa e respiro.
Un'aria fine,
un odore di limone:
mi affaccio al portone,
è ancora chiuso.
Che profumo si sente,
si respira a pieni polmoni.
Mi volto, mi giro,
innaffio le viole.
Lentamente
s'infiamma l'aurora
e la casa s’indora,
per i raggi del sole.
Che splendore
per la stanza lucente,
cosa fai, ti metti a guardare
specchi e cristalli?
Per la luminosità
riflessi e scintille,
ora rosse, ora lilla,
ora verde, ora gialle.
Pietre preziose:
migliaia di colori,
sulle travi, sui muri,
sulle mattonelle a terra.
Sono celestini
zaffiri e diamanti,
ricami di brillanti
sopra le lenzuola.
Che ricchezza
che ci invia questo sole;
ma appena si appanna,
se le torna a prendere.
La gioia
diventa desolazione
e la luce del cuore
più buia si fa.
E così,
tutte le notti io ti vedo,
che sonno, che spreco
sveglio nel buio.
Appari
sulle pareti della stanza
vicina, a distanza,
lucente nel muro.
Da un vano
Sparisci e riappari,
ritorni e scompari,
più luminosa di una fata.
Piano piano
accendo la luce e nel letto
non trovo pace
per tutta la notte.
Se tu venissi,
con gli occhi lucenti,
che vuoi guardare
specchi e cristalli!
Vedresti
riflessi e scintille,
ora rosse, ora lilla,
ora verdi, ora gialle.
Diffonderesti
migliaia di colori,
sulle travi, sui muri,
sopra le mattonelle.
Porteresti
la luce nella casa,
con lo stesso bagliore
dei raggi del sole.
Se tu entrassi,
chiuderei il balcone;
entrerebbe l'estate
con tutta la flagranza.
Se tu venissi,
che festa, che sole,
sopra le lenzuola.
Che luce per la stanza!

Dint’ ô vascio ‘e Furturella, di Giovanni Capurro
Dint' ô vascio ‘e Furturella
trase ‘o sole ogni matina,
io, ca tengo ‘a vista fina,
me so’ miso a spiunà…

Se presenta cuoncio cuoncio,
quanno è ll'ora ‘e ll'arricietto,
e se stenne ‘ncoppe ô lietto,
tale e quale a ‘nu Pascià…

Pecché tene ‘a scusa e ‘o mezzo,
che ddà luce e ddà calore,
s' è sunnato ‘e fa ‘o signore,
‘o patrone dinte, lla…!

Isso è ‘o sole e se capisce,
trase dinto e tutto ‘ndora,
io che guardo, sempe ‘a fora,
frije sultanto e, che bbuò fa…?!

Si tenesse ‘o mezzo e ‘a luce,
mo nce vò, d’ ‘a cartuscella,
io ‘ndurasse a Furturella,
comme è regula ‘e ‘ndurà…

E venenno ‘o sole, allora
lle dicesse: “bellu mio,
‘ncoppe ô lietto ce stongo io,
famme luce e ‘ndora a mme…!
===
Nel basso di Furturella (traduzione letterale, non poetica)
Nel basso di Furturella,
entra il sole ogni mattina,
io, che ho un'ottima vista,
mi sono messo a spiare…

Si presenta piano piano,
quando è l’ora di riposo,
e si stende sopra il letto,
proprio come un gran signore…

Perché ha la scusa e la possibilità,
che dà la luce e dà il calore,
si è immaginato di fare il signore,
il padrone lì, dentro…

Lui è il sole ed è normale,
entra dentro e indora tutto,
io, che guardo sempre da fuori,
m’indispongo soltanto e, che vuoi farci…?!

Se avessi la possibilità e la luce,
giustappunto di una carta argentata,
io indorerei Furturella,
proprio a regola d'arte…

E venendo il sole, allora
gli direi: “bello mio,
sopra al letto ci sono io,
fammi luce e indora me…!

‘O sole, di Ferdinando Russo
‘O sole, pe dint’ ô ciardino,
jucava ‘a parmosa cu ‘rrose…
Tu, ‘ncoppa a nu lietto de fronne addurose,
cchiù bella d’ ‘o sole, parlave cu mme.

Ricuorde che squase d’ ammore?
Ricuorde che vase ‘nfucate?
Ricuorde? ‘A catena d’ ‘e ricce ‘mbrugliate
m’ aveva attaccato ‘stu core pe tte.

«Carmela, cchiù doce d’ ‘o mmele,
cu st’ uocchie ‘e velluto, m’ accire…»
Ma tu me redive cu chill’ uocchie nire,
e ‘o sango da ‘e vvene facive sparì!

Jucava ‘a parmosa cu ‘rrose
‘o sole pe dint’ ô ciardino...
Io, tutto ‘cantato, te stevo vicino
e tu me vasave, dicenno ca sì.
===
Il sole, (italiano)
Il sole, nel giardino,
giocava lippa con le rose…
Tu, sopra un letto di foglie profumate,
più bella del sole, parlavi con me.

Ricordi che carezze d’ amore?
Ricordi che baci infocati?
Ricordi? la catena d’ ‘e ricce ‘mbrugliate
m’ aveva attaccato questo cuore per te.

«Carmela, più dolce del miele,
con questi occhi di velluto, mi uccidi…»
Ma tu mi redive con quei occhi neri,
e il sangue dalle vene facevi sparire!

Giocava lippa con le rose
il sole nel giardino...
Io, tutto incantato, ti stavo vicino
e tu mi baciavi, dicendomi sì.

‘O sole, di Libero Bovio.
Tremmaje nu raggio ‘e sole e ll’uocchie chiare,
cu nu surriso, salutajeno ‘o sole,
na fascia ‘e fuoco se stennette a mare,
sentette ll’aria, suspirà ‘e vviole...

Cantaje n’auciello: comm’è bello ‘o sole!

Na nuvola passaje, murette ‘o sole,
na lacrema cadette ‘a ll’uocchie chiare,
sentette ‘a terra, allamentà ‘e vviole
e cupo e niro se facette ‘o mare…

Cantaje ll’auciello: è tramuntato ‘o sole!!
===
Il sole (italiano)
Tremò un raggio di sole e gli occhi chiari,
con un sorriso, salutarono il sole,
una fascia di fuoco si stese sul mare,
sentii l’aria, sospirare le viole...

Cantò un’uccello: com’è bello il sole!

Una nuvola passò, morì il sole,
una lacrima cadde dagli occhi chiari,
sentii la terra, lamentarsi le viole
e il mare si fece cupo e nero…

Cantò l’uccello: è tramontato il sole!!
 
 
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Giu 19, 2018 10:24 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1961 - ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO TIEMPE D'AMMORE (33½ GIRI L.P.)

Messaggio  mauro piffero il Mar Giu 19, 2018 10:14 pm

1. TITOLO:
 
1961 - TIEMPE D'AMMORE (4 Schermaglie d'amore)
 
# Etichetta: FONIT  # Catalogo: LP 11006 # Data pubblicazione: Anno 1961 # Matrici: EP 1136/EP 1137 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33½ giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 7", 45 RPM (17,5 cm.)  # Facciate: 2
 
Note:  Data matrici 20 Maggio / Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi / Il tutto raccolto in un unico video / Distribuito CETRA  – Torino
 
 
2. COVER di: TIEMPE D'AMMORE (4 Schermaglie d'amore)
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: TIEMPE D'AMMORE (4 Schermaglie d'amore)

  • 01. Vurria sapè ‘na cosa sulamente (Pasquale Cinquegrana)
  • 02. ‘Ndringhete ndrà!... (Pasquale Cinquegrana, Giuseppe De Gregorio, 1895)
  • 03. ‘E llampadine (Giuseppe Capaldo)
  • 04. Pe Carmela (Salvatore Di Giacomo)
  • 05. ‘Mbraccio a me (Antonio Barbieri, Vincenzo Di Chiara
  • 06 Briggeta (Salvatore Di Giacomo)
  • 07. A tazza ‘e cafè (Giuseppe Capaldo, Vittorio Fassone) 
  • 08. Bongiorno, Rò! (Salvatore Di Giacomo)
  • 09. Tarantella d’’e vase (Raffaele Ferraro-Correra, Salvatore Gambardella)
  • 10. Cuntrora (Salvatore Di Giacomo)
  • 11. Oje Carulì (Salvatore Di Giacomo, Mario Costa)
  • 12. Marzo (Salvatore Di Giacomo, Mario Costa?)
  • 13. Catarì (Salvatore Di Giacomo, Mario Costa)
  • 14. ‘E ttrezze ‘e Carulina (Salvatore Di Giacomo)
  • 15. Da ‘o quarto piano (Salvatore Di Giacomo)
  • 16. Amice, si ve dice (Salvatore Di Giacomo)
  • 17. ‘E cuntrarie (Rocco Galdieri)
  • 18. Comme ‘o zuccaro (Raffaele Ferraro-Correra, Pasquale Ernesto Fonzo)

 
ACHILLE MILLO & FAUSTO CIGLIANO
LETTERE D'AMMORE

 

Autori: Vari
Musiche Originali di Ennio Morricone
Accompagnamenti alla chitarra di Mario Gangi
Testo:
Schermaglie d’amore – le poesie intere con la traduzione non poetica (II-a parte)
‘E ttrezze ‘e Carulina, di Salvatore Di Giacomo, 1895
Oj pètteno, che piéttene
‘e ttrezze ‘e Carulina,
damme nu sfizio, scippala,
scippala na matina.

E tu, specchio, addò lùceno
chill’ uocchie, addò, cantanno,
ride e se ‘mmira, appànnete
mentre se sta ‘mmiranno!

Lenzola, addò se stènneno
‘e ccarne soje gentile,
‘nfucàteve, pugnitela,
tutto ‘stu mese ‘Abbrile!

E vuje, teste d’anèpeta,
d’ aruta e resedà,
seccàte, ‘ncopp’ a ll’ àsteco,
faciteve truvà!

Ma, ‘o petteno, che pettena
‘e ttrezze ‘e Carulina,
è sempe ‘o stesso petteno
‘e tartaruga fina;

‘o specchio è de Venezia
e nun ha fatto mossa;
‘e llenzulelle smoveno
n’ addore ‘e spicaddossa;

e manco nun me senteno
ll’ aruta e ‘a resedà:
cchiù ampresso, ‘ncopp’ a ll’asteco,
Abbrile ‘e ffa schiuppà!...

E ‘sti scungiure, è inutile,
nn’ ‘a ponno cchiù arrevà:
cchiù ‘nfama e cchiù simpatica,
cchiù bella assaje se fa!
===
Le trecce di Carolina, di Salvatore Di Giacomo, 1895
Oh, pettine, che pettini
le trecce di Carolina,
dammi uno sfizio, graffiala,
graffiala una mattina!

E tu, specchio, dove brillano
quegli occhi, dove, cantando,
ride e si specchia, appànnati
quando si sta specchiando!

Lenzuola, su cui si stendono
le carni sue gentili,
infuocatevi, pungetela,
tutto questo mese d'aprile!

E voi, vasi di gigli,
di ruta e di resede,
seccati, sul davanzale,
fatevi trovare!

Ma, il pettine che pettina
le trecce di Carolina,
è sempre lo stesso pettine
di pregiata tartaruga;

lo specchio è di Venezia
e non ha fatto mossa,
le lenzuola emanano
un odore di lavanda;

e nemmeno mi sentono
la ruta e la reseda;
più presto, sul davanzale,
aprile le fa sbocciare.

E questi scongiuri, è inutile,
non la possono più raggiungere:
più crudele e più simpatica,
più bella assai diventa!

Da ‘o quarto piano, di Salvatore Di Giacomo
Giacché te cucche ampresso
pe te scetà matina,
e st’ aria fresca e fina
t’ affacce a risciatà;

giacché chi sa che suonne
te suonne ancora, e, spierte,
tu gire st’uocchie apierte
chi sa penzanno a che;

dimme, Adelà, mme vide,
a st’ aria fresca e fina,
passà quacche matina,
e ‘a parta toja guardà?

C’ ‘o càmmese celeste
ca te se sponta ‘mpietto
e, quase pe dispietto,
nun se vo’ maje ‘nzerrà:

c’ ‘o pède piccerillo
ca, ‘int’ â cazetta nera,
p’ ‘e fierre d’ ‘a ringhiera
mo dice sì, mo no;

ca tu staje quase ‘ncielo
‘ncopp’ a stu quarto piano,
che fà? Pure ‘a luntano
te veco, e dico: “ ‘A ‘ì lla!”

Ma mo, scuse, io so’ chiaro,
nu’ cchiù comm’ a na vota,
sbatte stu core e avota
sta capa mia pe te!

Passo, chi ‘o nnega? È overo;
ma si te tengo mente
so’ friddo e indifferente,
comme sî fredda tu.

Chest’è! ‘Nziemme a sti fronne
ca fa cadé ll’ autunno
quant’ ate cose a ‘o munno,
pe forza, hanna cadé!

Dunque? Giacché cchiù ampresso
te suse ogne matina,
e st’ aria fresca e fina
te miette a risciatà;

giacché tutto è fenuto,
giacché, si ce vedimmo,
nun ce sbullimmo e ardimmo
comm’ a na vota cchiù,

statte affacciata! E resta
cu st’ aria indifferente:
passeno tanta gente,
passo pur’ io. Che fà?
===
Dal quarto piano, di Salvatore Di Giacomo
Giacché ti corichi presto
per svegliarti di buon mattino,
e ti affacci a respirare
quest’ aria fresca e fina;

giacché, chissà quali sogni
tu sogni ancora, e, frastornata,
tu giri questi occhi aperti,
chissà, pensando a che;

dimmi, Adelaide, mi vedi,
a quest’ aria fresca e fina,
passare qualche mattina,
e guardare dalla tua parte?

Con il camice celeste
che ti si spunta sul petto
e, quasi per dispetto,
non si vuole mai chiudere:

col piede piccolino
che, nella calza nera,
fra i ferri della ringhiera,
ora dici sì, ora no;

che tu stai quasi in cielo
al quarto piano,
che fare? Pure da lontano
te vedo, e dico: “Eccola là!”

Ma ora, scusa, io sono chiaro,
questo mio cuore non batte più
come una volta, e non mi gira più
la testa per te!

Passo, sì, chi lo nega? È vero;
ma, se ti guardo,
sono freddo e indifferente,
come sei fredda tu.

È così! Insieme a queste foglie
che l’ autunno fa cadere
quant’ altre cose, al mondo,
per forza, devono cadere!

Dunque? Giacché più presto
ti alzi ogni mattina,
e quest’ aria fresca e fina
ti metti a respirare;

giacché tutto è finito,
giacché, se ci vediamo,
non sentiamo più un tuffo al cuore e
non ardiamo più come una volta,

stai pure affacciata! E resta
con quest’ aria indifferente:
passa tanta gente,
passo anche io. Che fare?

Amice, si ve dice..., di Salvatore Di Giacomo
Amice, si ve dice
ca è stata colpa mia,
ve dice ‘na buscia:
nun ‘a credite.

Si fa vedè ca chiagne,
ca strilla o se dispera,
‘sta ‘nziria nun è overa:
è finta, è finta!

So’ nierve? Embè, ‘sti nierve
ll’ hanna passà, mmalora!
‘E nierve ogne mez’ ora?!
Essì! Tu vide!...

Basta, si vo’ fà pace…
Che v’ aggia dì?… Va bene…
Spiàtele a c’ora vene,
i’ ccà ll’aspetto.
===
Amici, se vi dice..., di Salvatore Di Giacomo
Amici, se vi dice
che è stata colpa mia,
vi dice una bugia:
non crederla.

Se piange,
se grida o si dispera,
questa bizza non è vera:
è finta, è finta!

Sono nervi? Allora, questi nervi
gli devono passare, diavolessa!
I nervi ogni mezz’ ora?!
Eh, sì! Vedi?!...

Basta, se vuole fare pace…
Che vi devo dire?… Va bene…
Chiedetegli a che ora viene,
io la aspetto qua.

‘E cuntrarie, di Rocco Galdieri
Tu vuò durmì c’ ‘a lampa e i’ nun ce saccio
durmì; ma ‘a lampa – è inutele! – s’ appiccia.
A te te piace ‘a sfugliatella frolla;
a me me piace ‘a sfugliatella riccia.
Tu te ‘ntriche e te ‘mpicce; i’ nun me ‘mpaccio;
tu nun tiene ora e i’ songo tutto orario.
Tu vaie truvanno ‘e cammenà p’ ‘a folla,
addò ca i’ vaco ascianno ‘o ssulitario…
Comme ce simme aunite?! Va’ a capì!
Si i’ stesso nu’ mme spièco, ‘nfin’ a mo,
comme â matina… ch’ i’ dicette “sì”,
chella matina… nun diciste “no!”.
===
I contrari, di Rocco Galdieri
Tu vuoi dormire con il lume acceso ed io non so
dormirci; ma il lume - è inutile! - si accende.
A te piace la sfogliatella frolla,
a me piace la sfogliatella riccia.
Tu sei intrigante ed invadente; io mi faccio gli affari miei;
tu non hai orari, io invece, sono tutto orari.
A te piace camminare per le strade affollate,
laddove io invece, vado cercando i posti meno affollati.
Come ci siamo accoppiati? Va a capirci qualcosa!
Se io stesso non mi spiego, fino ad ora,
come mai quella mattina... che io dissi “sì”,
quella stessa mattina... tu non dicesti “no!”.

Schermaglie d’amore – le poesie
intere con la traduzione non poetica
Vurria sapè ‘na cosa sulamente, di Pasquale Cinquegrana
Vurria sapè ‘na cosa sulamente:
pecché facimmo ‘ammore tuttequante?
Sempe dicimmo: “ ’ammore è malamente!”
Sempe dicimmo: “ ‘ammore è ‘nu birbante!”
Ma po, ‘o chiammamo tutte lli mumente
e ll’ appicciammo lli cannele annante.
Vurria sapè ‘na cosa sulamente:
pecché facimmo ‘ammore tuttequante?
===
Vorrei sapere solamente una cosa, di Pasquale Cinquegrana
Vorrei sapere solamente una cosa:
perché tutti faciamo l’amore?
Sempre diciamo: “l’amore è cattivo!”
Sempe diciamo: “l’amore è un birbante!”
Ma poi, lo chiamiamo sempre
e gli accendiamo le candele davanti.
Vorrei sapere solamente una cosa:
perché tutti faciamo l’amore?

Pe Carmela, di Salvatore Di Giacomo
Pane amava Eco vicina,
Eco, Fauno saltellante...
Leopardi – Da Mosco
Pe Carmela, ’Aitáno more —
e Carmela a me vo’ bene:
ma cchiù in odio a me mme vene
quanto bene mme vo’ cchiù.

Che farria pe Carulina,
che farria! Ma penza a n’ ato.
E, chist’ ato, scellarato,
già — pe n’ata — ‘a vo’ lassà...
===
Per Carmela, di Salvatore Di Giacomo
Pane amava Eco vicina,
Eco, Fauno saltellante...
Leopardi – Da Mosco
Per Carmela, Gaetano muore —
e Carmela vuole bene a me:
ma più odio mi viene
quanto più bene lei mi vuole.

Che farei per Carolina,
che farei! Ma lei pensa ad un’altro.
E, quest’ altro, scellerato,
già — per un’altra — la vuole lassare...

Briggeta, di Salvatore Di Giacomo
Se chiamma Brìggeta,
na purpaiola
ca vene a vénnere
purpe, ll’ està.

P’ ‘o Muolo Piccolo,
bella e figliola,
n’ ha fatte chiagnere
figlie ‘e mammà!

E io pure, cuòveto
‘mpietto ‘a chill’ uocchie,
fece ‘o pussibbele
pe mme ‘mmuccà...

E mme tremmaveno
sotto ê denocchie,
vedenno Brìggeta
bella passà...

Brìggeta!... A cocere
tu mme mettiste,
pe nun me dicere
né sì, né no;

doppo ca vòllere
tu mme faciste,
diciste: “Mammema,
signò... nun vo’.”

Tiennero, tiennero,
nu purpetiello
fuje – c’ aggia dicere? –
pur’ io pe te...

E mo?... Mo, taglieme
cu ‘stu curtiello:
vinneme, cantame:
“Che purpo! Ohè!...”
===
Briggita, di Salvatore Di Giacomo
Si chiamma Briggita,
una venditrice di polpi
che viene a vendere
polpi, d’ estate.

Al Molo Piccolo,
bella ragazza,
ne ha fatto piagnere
tanti figli di famiglia!

E io pure, colpito
in pietto da quegli occhi,
feci l’ impossibile
per entrare nelle sue grazie...

E mi tremavano
le ginocchia,
vedendo Briggita
bella passare...

Briggita!... A cuocere
tu mi misi,
per non dirmi
né sì, né no;

doppo che mi feci volerti
tu mi dicesti:
“Mia mamma,
signre... non vuole.”

Tenero, tenero,
un polpo
fui – che dire? –
anche io per te...

E adesso?... Adesso, tagliami
con questo coltello:
vendimi, cantami:
“Che polpo! Ohè!...”

Bongiorno, Rò..., di Salvatore Di Giacomo
Rosa, si chiove ancora,
nun t’ ammalincunì,
ca, d’ ‘o bontiempo, ll’ ora
sta prossema a venì.

Nun vide? ‘E luce ‘e sole
luceno ‘e st’ acqua ‘e file;
è ‘a morte d’ ‘e vviole,
so’ ‘e llacreme d’Abbrile.

Ma mo, cchiù fresca e fina
ll’ aria se torna a fà...
Meh!... A st’ aria d’ ‘a matina,
Rosa, te può affaccià,

Arape ‘e llastre: arape
‘sta vocca piccerella
addò sulo ce cape
nu vaso o na resella,

canta; chist’ è ‘o mumento;
tu cante e io, chianu chiano,
mme faccio a barba e sento,
cu nu rasulo ‘mmano.

E penzo; “ ‘A ‘ì ccà; s’ affaccia...
Mm’ ha visto... Mme saluta...”
E, c’ ‘o sapone ‘nfaccia,
dico: — Bongiorno, Rò!...
===
Buongiorno, Rosa..., di Salvatore Di Giacomo
Rosa, se piove ancora,
non diventare malinconica,
perché l’ora del buon tempo,
prossimamente, sta per venire.

Non vedi? Le luci del sole
luccicano nei riflessi di quest’ acqua;
è la morte delle viole,
sono le lacreme di aprile.

Ma, adesso, più fresca e fine
si fa l’ aria...
Dai!... A quest’ aria della matina,
Rosa, ti puoi affacciare,

Apri le finestre: apri
questa bocca piccollina
dove entra solo
un bacio o una risata,

canta; questo è il momento;
tu canti ed io, piano piano,
mi faccio la barba e sento,
con un rasoio in mano.

E penso; “La vedi qui; si affaccia...
M’ ha visto... Mi saluta...”
E, col sapone in faccia,
dico: — Buongiorno, Rosa!...

Cuntrora, di Salvatore Di Giacomo
Sto’ menato ‘ncopp’ ô lietto,
sto’ guardanno ‘nnanze a me,
tengo ‘o sole de rimpetto,
dinto ô core tengo a te!

Sento ‘e vvoce d’ ‘a cuntrora,
sento ‘a gente cammenà,
nu rilorgio sona ll’ora,
nu guaglione chiamma: “Oi, ma’!...”

Tu che faje? Forze ‘e nucelle
spuzzulìe sott’ â perziana,
o fatiche, a tummarelle,
nu merletto a nu volà...

E accussì, mme miette ‘ncroce,
c’ ‘o merlette e cu ‘e nucelle,
e pazzie cu ‘e tummarelle
comme faje pure cu me...

Ah! putesse io, nu mumento,
farte chello ca mme faje,
darte ‘a smania ca mme sento,
farte chiagnere pe me!

E, menato ‘ncopp’ ô lietto,
guardo, guardo ‘nnanze a me...
Tengo ’o sole de rimpetto...
dint’ ô core, tengo a te!
===
Controra, di Salvatore Di Giacomo
Sto sdraiato nel letto,
sto guardando d’avanti a me,
ho il sole di fronte...
dentro il cuore, ho te!

Sento le voci della controra,
sento la gente camminare,
un orologio suona l’ora,
un ragazzo chiama: “O, mamma!...”

Tu che fai? Forse le nocciole
sgretoli sotto la persiana,
o fatichi, a tombolo,
un merletto ad un volant... (volant = merletto di rifinitura alta)

E così, mi metti in croce,
con i merletti e con le nocciole,
e ti diverti con il tombolo
come fai anche con me...

Ah! se potessi io, per un momento,
farti quello che mi fai tu,
darti la smania che sento io,
farti piangere per me!

E, sdraiato sul letto,
guardo, guardo d’avanti a me...
Ho il sole di fronte...
dentro il cuore, ho te!

Marzo, di Salvatore Di Giacomo
Marzo: ‘nu poco chiove
e n’ ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.
Mo, ‘nu cielo celeste,
mo, n’ aria cupa e nera:
mo, d’ ‘o vierno ‘e tempeste,
mo, n’ aria ‘e primmavera.

N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’ esce ‘o sole:
‘ncopp’ ô tturreno ‘nfuso
suspireno ‘e vviole.
Catarì!… Che buo’ cchiù?
‘Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaje, sî tu,
e st’ auciello song’ io.
===
Martie, di Salvatore Di Giacomo
Martie: un poco piove
e un’ altro poco desiste:
torna a piovere, spiove,
ride il sole con l’acqua.
Adesso, un cielo celeste,
adesso, un’ aria cupa e nera:
adesso, d’ inverno le tempeste,
adesso, un’ aria di primmavera.
Un uccello freddoloso
aspetta ch’ esca il sole:
sulla terra bagnata
sospirano le viole.
Catarì!… Che vuoi più?
Capiscimi, cuore mio!
Martie, tu lo sai, sei tu,
e questo uccello sono io.

Schermaglie d’amore – canzoni e poesie it (traduzione letterale non poetica)
Millo: Voleva sapere solamente una cosa, di Pasquale Cinquegrana
Vorrei sapere solamente una cosa:
perché tutti faciamo l’amore?
Sempre diciamo: “l’amore è cattivo!”
Sempe diciamo: “l’amore è un birbante!”
Ma poi, lo chiamiamo sempre
e gli accendiamo le candele davanti.
Vorrei sapere solamente una cosa:
perché tutti faciamo l’amore?
Cigliano: da ‘Ndringhete ‘ndrà, di Pasquale Cinquegrana, Giuseppe De Gregorio,1895
E perché? Perché ndrínghete ndrà,
in mezzo al mare uno scoglio ci sta,
tutti vengono a bere quà
perché ndrínghete, ndrínghete, ndrà.
Cigliano: da Le lampadine, di Giuseppe Capaldo, 1919
Abbiamo litigato mille volte
e mille volte abbiamo fatto pace.
Tu sei volubile. Ora sei tenace,
e un altro po’ mi stuzzichi.
E io faccio il tira e molla insieme a te.
Questi nostri cuori
sembrano due lampadine elettriche.
Si accendono, si spengono,
ritornano ad accendersi.
E l’amore, che spesso
fa l’elettricista,
spegne te,
accende me,
per farmi consumare di più.
E luce, luce, luce,
luce elettrica.
Millo: Per Carmela, di Salvatore Di Giacomo
Per Carmela, Gaetano muore —
e Carmela vuole bene a me:
ma più odio mi viene
quanto più bene lei mi vuole.
Che farei per Carolina,
che farei! Ma lei pensa ad un’altro.
E, quest’ altro, scellerato,
già - per un’altra - la vuole lassare...
Cigliano: da In braccia a me, di A. Barbieri, Vincenzo Di Chiara
Salvatore è partito
e sei rimasta sola.
Che ti illudi a fare?
E se n’è andato
con un’altra fidanzata.
Che ti illudi a fare?
Che birbante.
Avere tanto coraggio
a lasciare
questa bella rosa di maggio?
Non piangere Carmela,
il mondo così va.
Buttati tra le mie braccia
se ti vuoi consolare.
...
Per questi occhi belli
e questo faccino di cera.
Come ti voglio amare.
Con le mollichine
ti tratto giorno e sera.
Come ti voglio amare.
Che birbante...
Millo: Briggita, di Salvatore Di Giacomo
Si chiamma Briggita,
una venditrice di polpi
che viene a vendere
polpi, d’ estate.
Al Molo Piccolo,
bella ragazza,
ne ha fatto piagnere
tanti figli di famiglia!
E io pure, colpito
in pietto da quegli occhi,
feci l’ impossibile
per entrare nelle sue grazie...
E mi tremavano
le ginocchia,
vedendo Briggita
bella passare...
Briggita!... A cuocere
tu mi misi,
per non dirmi
né sì, né no;
doppo che mi feci volerti
tu mi dicesti:
“Mia mamma,
signre... non vuole.”
Tenero, tenero,
un polpo
fui – che dire? –
anche io per te...
E adesso?... Adesso, tagliami
con questo coltello:
vendimi, cantami:
“Che polpo! Ohè!...”
Cigliano: da La tazza di caffé, di Vittorio Fassone, Giuseppe Capaldo, 1918
Vorrei sapere perché se mi vedete,
fate sempre una faccia amareggiata.
Ma voi, quanto più brutta vi mostrate,
più bella, ai miei occhi, mi apparite.
Ora non so se ve ne accorgete.
Ma con questi modi, oh Brigitta,
sembrate una tazza di caffè:
sotto avete lo zucchero,
e sopra, siete amara.
Ma io tanto che devo rivoltare,
e tanto che devo girare,
che il dolce da sotto la tazza,
fino in bocca mi deve arrivare.
...
Millo: Buongiorno, Rosa..., di Salvatore Di Giacomo
Rosa, se piove ancora,
non diventare malinconica,
perché l’ora del buon tempo,
prossimamente, sta per venire.
Non vedi? Le luci del sole
luccicano nei riflessi di quest’ acqua;
è la morte delle viole,
sono le lacreme di aprile.
Ma, adesso, più fresca e fine
si fa l’ aria...
Dai!... A quest’ aria della matina,
Rosa, ti puoi affacciare,
Apri le finestre: apri
questa bocca piccollina
dove entra solo
un bacio o una risata,
canta; questo è il momento;
tu canti ed io, piano piano,
mi faccio la barba e sento,
con un rasoio in mano.
E penso; “La vedi qui; si affaccia...
M’ ha visto... Mi saluta...”
E, col sapone in faccia,
dico: — Buongiorno, Rosa!...
Cigliano: da Tarantella delle vase, di Raffaele Ferraro Correra, Salvatore Gambardella, 1905
...
I baci che si danno gli innamorati,
che sentimento, neh, oh Carolina.
E dimmi, quanti baci si sono dati
dal primo bacio, neh, oh Carolina?
Ma quella mi risponde con una risata.
Con la passione, neh, sera e mattina.
Sera e mattina?
E sì.
Sera e mattina?
E già.
Oh bimba, te lo voglio dare
questo cuore come lo vuoi.
Millo: Controra, di Salvatore Di Giacomo
Sto sdraiato nel letto,
sto guardando d’avanti a me,
ho il sole di fronte...
dentro il cuore, ho te!
Sento le voci della controra,
sento la gente camminare,
un orologio suona l’ora,
un ragazzo chiama: “O, mamma!...”
Tu che fai? Forse le nocciole
sgretoli sotto la persiana,
o fatichi, a tombolo,
un merletto ad un volant... (volant = merletto di rifinitura alta)
E così, mi metti in croce,
con i merletti e con le nocciole,
e ti diverti con il tombolo
come fai anche con me...
Ah! se potessi io, per un momento,
farti quello che mi fai tu,
darti la smania che sento io,
farti piangere per me!
E, sdraiato sul letto,
guardo, guardo d’avanti a me...
Ho il sole di fronte...
dentro il cuore, ho te!
Cigliano: da Carolina, con questi occhi neri neri, Salvatore Di Giacomo, Mario Pasquale Costa, 1885
...
E l’ amore è fatto
come una nocciola,
che, se non la rompi,
non la puoi mangiare.
Tu sei tosta, è vero,
ma sei troppa bella,
chi t’ ha conosciuto
non ti può dimenticare.
Oh Carolina!
Non farmi struggere così.
Oh Carolina!
Non farmi piangere così.
Millo: prima parte da Marzo, di Salvatore Di Giacomo
Martie: un poco piove
e un’ altro poco desiste:
torna a piovere, spiove,
ride il sole con l’acqua.
Adesso, un cielo celeste,
adesso, un’ aria cupa e nera:
adesso, d’ inverno le tempeste,
adesso, un’ aria di primmavera.
Cigliano: seconda parte da Catarì di Salvatore Di Giacomo, Mario Pasquale Costa, 1892
Un uccello freddoloso
aspetta ch’ esca il sole:
sulla terra bagnata
sospirano le viole.
Catarì!… Che vuoi più?
Capiscimi, cuore mio!
Martie, tu lo sai, sei tu,
e questo uccello sono io.
Millo: da Le trezze di Carolina, di Salvatore Di Giacomo, 1895
Oh, pettine, che pettini
le trecce di Carolina,
dammi uno sfizio, graffiala,
graffiala una mattina!
E tu, specchio, dove brillano
quegli occhi, dove, cantando,
ride e si specchia, appànnati
quando si sta specchiando!
Lenzuola, su cui si stendono
le carni sue gentili,
infuocatevi, pungetela,
tutto questo mese d'aprile!
E voi, vasi di gigli,
di ruta e di resede,
seccati, sul davanzale,
fatevi trovare!
Ma, il pettine che pettina
le trecce di Carolina,
è sempre lo stesso pettine
di pregiata tartaruga;
lo specchio è di Venezia
e non ha fatto mossa,
le lenzuola emanano
un odore di lavanda;
e nemmeno mi sentono
la ruta e la reseda;
più presto, sul davanzale,
aprile le fa sbocciare.
...
Millo: Dal quarto piano, di Salvatore Di Giacomo
Giacché ti corichi presto
per svegliarti di buon mattino,
e ti affacci a respirare
quest’ aria fresca e fina;
giacché, chissà quali sogni
tu sogni ancora, e, frastornata,
tu giri questi occhi aperti,
chissà, pensando a che;
dimmi, Adelaide, mi vedi,
a quest’ aria fresca e fina,
passare qualche mattina,
e guardare dalla tua parte?
Con il camice celeste
che ti si spunta sul petto
e, quasi per dispetto,
non si vuole mai chiudere:
col piede piccolino
che, nella calza nera,
fra i ferri della ringhiera,
ora dici sì, ora no;
che tu stai quasi in cielo
al quarto piano,
che fare? Pure da lontano
te vedo, e dico: “Eccola là!”
Ma ora, scusa, io sono chiaro,
questo mio cuore non batte più
come una volta, e non mi gira più
la testa per te!
Passo, sì, chi lo nega? È vero;
ma, se ti guardo,
sono freddo e indifferente,
come sei fredda tu.
È così! Insieme a queste foglie
che l’ autunno fa cadere
quant’ altre cose, al mondo,
per forza, devono cadere!
Dunque? Giacché più presto
ti alzi ogni mattina,
e quest’ aria fresca e fina
ti metti a respirare;
giacché tutto è finito,
giacché, se ci vediamo,
non sentiamo più un tuffo al cuore e
non ardiamo più come una volta,
stai pure affacciata! E resta
con quest’ aria indifferente:
passa tanta gente,
passo anche io. Che fare?
Millo: Amici, se vi dice..., di Salvatore Di Giacomo
Amici, se vi dice
che è stata colpa mia,
vi dice una bugia:
non crederla.
Se piange,
se grida o si dispera,
questa bizza non è vera:
è finta, è finta!
Sono nervi? Allora, questi nervi
gli devono passare, diavolessa!
I nervi ogni mezz’ ora?!
Eh, sì! Vedi?!...
Basta, se vuole fare pace…
Che vi devo dire?… Va bene…
Chiedetegli a che ora viene,
io la aspetto qua.
Millo: I contrari, di Rocco Galdieri
Tu vuoi dormire con il lume acceso ed io non so
dormirci; ma il lume - è inutile! - si accende.
A te piace la sfogliatella frolla,
a me piace la sfogliatella riccia.
Tu sei intrigante ed invadente; io mi faccio gli affari miei;
tu non hai orari, io invece, sono tutto orari.
A te piace camminare per le strade affollate,
laddove io invece, vado cercando i posti meno affollati.
Come ci siamo accoppiati? Va a capirci qualcosa!
Se io stesso non mi spiego, fino ad ora,
come mai quella mattina... che io dissi “sì”,
quella stessa mattina... tu non dicesti “no!”.
Cigliano: da Come lo zucchero, di Raffaele Ferraro-Correra, Pasquale Ernesto Fonzo, 1906
Chi dice che l'amore
è un veleno amaro
o è nato senza cuore
o non ha saputo amare.
Diglielo tu, Maria,
l'amore che cos'è
cosa mette in petto a te,
in petto a me,
diglielo tu, Maria.
L'amore è come lo zucchero,
l'amore è come il miele,
si deve saper usare
se ti vuoi consolare.
...
Un cuore e un altro cuore
che si sciolgono d'amore,
quanti capolavori
ti sanno combinare.
Diglielo tu, Maria,
questo cuore tuo che fa
quando, unito a me,
in petto a me
vuole entrare, Maria.
L'amore è come lo zucchero,...


Schermaglie d’amore – canzoni e poesie
Millo: Vurria sapé ‘na cosa sulamente, di Pasquale Cinquegrana
Vurria sapè ‘na cosa sulamente:
pecché facimmo ‘ammore tuttequante?
Sempe dicimmo: “ ‘ammore è malamente!”
Sempe dicimmo: “ ‘ammore è ‘nu birbante!”
Ma po, ‘o chiammamo tutte lli mumente
e ll’ appicciammo lli cannele annante.
Vurria sapè ‘na cosa sulamente:
pecché facimmo ‘ammore tuttequante?
Cigliano: da ‘Ndringhete ‘ndrà, di Pasquale Cinquegrana, Giuseppe De Gregorio,1895
E pecché? Pecché ndrínghete ndrà,
‘mmiez’ô mare nu scoglio nce sta,
tutte vènono a bevere ccà
pecché ndrínghete, ndrínghete, ndrà.
Cigliano: da ‘E llampadine, di Giuseppe Capaldo, 1919
Nce simmo appiccecate mille vote
e mille vote avimmo fatto pace.
Volubile sî tu. Mo sî tenace,
a n’ atu ppoco tu stuzziche a me.
E i’ faccio ‘o tira e molla appriesso a te.
‘Sti core nuoste
parono doje lampadine elettriche.
S’ appicciano, se stutano,
se tornan’ a appicciá.
E ‘ammore, ca pe spesso
ll’ elettricista fa,
stuta a te,
appiccia a me,
pe mme fá cchiù cunzumá.
E luce, luce, luce,
luce elettrica.
Millo: Pe Carmela, di Salvatore Di Giacomo
Pe Carmela, ’Aitáno more —
e Carmela a me vo’ bene:
ma cchiù in odio a me mme vene
quanto bene mme vo’ cchiù.
Che farria pe Carulina,
che farria! Ma penza a n’ ato.
E, chist’ ato, scellarato,
già - pe n’ata - ‘a vo’ lassà...
Cigliano: da ‘Mbraccia a me, di A. Barbieri, Vincenzo Di Chiara
Tóre è partuto
e sola sî restata.
Che te lusinghe a fá?
E se n'è ghiuto
cu n'ata 'nnammurata.
Che te lusinghe a fá?
Che birbante.
Avé tantu curaggio
'e lassá
'sta bella rosa 'e maggio?
Nun chiagnere Carmè,
'o munno accussí va.
Ménate 'mbracci' a me
si te vuó cunzulá.
...

Pe st' uocchie belle
e 'sta faccella 'e cera.
Comme te voglio amá.
Cu 'e mmullechèlle
te tratto juorno e sera.
Comme te voglio amá.
Che birbante...
Millo: Briggeta, di Salvatore Di Giacomo
Se chiamma Brìggeta,
na purpaiola
ca vene a vénnere
purpe, ll’ està.
P’ ‘o Muolo Piccolo,
bella e figliola,
n’ ha fatte chiagnere
figlie ‘e mammà!
E io pure, cuòveto
‘mpietto ‘a chill’ uocchie,
fece ‘o pussibbele
pe mme ‘mmuccà...
E mme tremmaveno
sotto ê denocchie,
vedenno Brìggeta
bella passà...
Brìggeta!... A cocere
tu mme mettiste,
pe nun me dicere
né sì, né no;
doppo ca vòllere
tu mme diciste: “Mammema,
signò... nun vo’.”
Tiennero, tiennero,
nu purpetiello
fuje – c’ aggia dicere? –
pur’ io pe te...
E mo?... Mo, taglieme
cu ‘stu curtiello:
vinneme, cantame:
“Che purpo! Ohè!...”
Cigliano: da ‘A tazza ‘e café, di Vittorio Fassone, Giuseppe Capaldo, 1918
Vurría sapé pecché si mme vedite,
facite sempe 'a faccia amariggiata.
Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,
cchiù bella, a ll' uocchie mieje, v' appresentate.
I' mo nun saccio si ve n' accurgite.
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza 'e café parite:
sotto tenite 'o zzuccaro,
e 'ncoppa, amara site.
Ma i' tanto ch'aggi' 'a vutá,
e tanto ch'aggi' 'a girá,
ca 'o ddoce 'e sott' â tazza,
fin' a 'mmocca mm'ha da arrivá.
...
Millo: Bongiorno, Rò..., di Salvatore Di Giacomo
Rosa, si chiove ancora,
nun t’ ammalincunì,
ca, d’ ‘o bontiempo, ll’ ora
sta prossema a venì.
Nun vide? ‘E luce ‘e sole
luceno ‘e st’ acqua ‘e file;
è ‘a morte d’ ‘e vviole,
so’ ‘e llacreme d’Abbrile.
Ma mo, cchiù fresca e fina
ll’ aria se torna a fà...
Meh!... A st’ aria d’ ‘a matina,
Rosa, te può affaccià,
Arape ‘e llastre: arape
‘sta vocca piccerella
addò sulo ce cape
nu vaso o na resella,
canta; chist’ è ‘o mumento;
tu cante e io, chianu chiano,
mme faccio a barba e sento,
cu nu rasulo ‘mmano.
E penzo; “ ‘A ‘ì ccà; s’ affaccia...
Mm’ ha visto... Mme saluta...”
E, c’ ‘o sapone ‘nfaccia,
dico: — Bongiorno, Rò!...
Cigliano: da Tarantella d’ ‘e vase, di Raffaele Ferraro Correra, Salvatore Gambardella, 1905
...
‘E vase ca se danno ‘e ‘nnammurate,
che sentimento, nèh, che cosa fina.
E dimme, quanta vase se so’ date
da ‘o primmo vaso, nèh, oje Carulina?
Ma chella mme risponne cu ‘a resata.
Cu ‘o sentimento, nèh, sera e matina.
Sera e matina?
E sì.
Sera e matìna?
E già.
Oje né t’ ‘o voglio dà
stu core comm’ ‘o vuó.
Millo: Cuntrora, di Salvatore Di Giacomo
Sto’ menato ‘ncopp’ ô lietto,
sto’ guardanno ‘nnanze a me,
tengo ‘o sole de rimpetto,
dinto ô core tengo a te!
Sento ‘e vvoce d’ ‘a cuntrora,
sento ‘a gente cammenà,
nu rilorgio sona ll’ora,
nu guaglione chiamma: “Oi, ma’!...”
Tu che faje? Forze ‘e nucelle
spuzzulìe sott’ â perziana,
o fatiche, a tummarelle,
nu merletto a nu volà...
E accussì, mme miette ‘ncroce,
c’ ‘o merlette e cu ‘e nucelle,
e pazzie cu ‘e tummarelle
comme faje pure cu me...
Ah! putesse io, nu mumento,
farte chello ca mme faje,
darte ‘a smania ca mme sento,
farte chiagnere pe me!
E, menato ‘ncopp’ ô lietto,
guardo, guardo ‘nnanze a me...
Tengo ’o sole de rimpetto...
dint’ ô core, tengo a te!
Cigliano: da Carulì, cu st’ uocchie nire nire, Salvatore Di Giacomo, Mario Pasquale Costa, 1885
...
E ll’ammore è fatto
comme a ‘na nucella,
ca si nun ‘a rumpe
nun t’ ‘a può magnare.
Tu sȋ tosta, è overo,
ma sȋ troppa bella,
chi t’ ha canusciuta
nun te po’ scurdàre.
Oje Carulì!
Nun me fà strujere accussì.
Oje Carulì!
Nun me fà chiagnere accussì!
Millo: prima parte da Marzo, di Salvatore Di Giacomo
Marzo: ‘nu poco chiove
e n’ ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.
Mo, ‘nu cielo celeste,
mo, n’ aria cupa e nera:
mo, d’ ‘o vierno ‘e tempeste,
mo, n’ aria ‘e primmavera.
Cigliano: seconda parte da Catarì, di Salvatore Di Giacomo, Mario Pasquale Costa, 1892
N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole:
ncopp’ ô tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.
Catarì!… Che vuo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaje, sî tu,
e st’ auciello song’ io.
Millo: da ‘E ttrezze ‘e Carulina, di Salvatore Di Giacomo, 1895
Oj pètteno, che piéttene
‘e ttrezze ‘e Carulina,
damme nu sfizio, scippala,
scippala na matina.
E tu, specchio, addò lùceno
chill’ uocchie, addò, cantanno,
ride e se ‘mmira, appànnete
mentre se sta ‘mmiranno!
Lenzola, addò se stènneno
‘e ccarne soje gentile,
‘nfucàteve, pugnitela,
tutto ‘stu mese ‘Abbrile!
E vuje, teste d’anèpeta,
d’ aruta e resedà,
seccàte, ‘ncopp’ a ll’ àsteco,
faciteve truvà!
Ma, ‘o petteno, che pettena
‘e ttrezze ‘e Carulina,
è sempe ‘o stesso petteno
‘e tartaruga fina;
‘o specchio è de Venezia
e nun ha fatto mossa;
‘e llenzulelle smoveno
n’ addore ‘e spicaddossa;
e manco nun me senteno
ll’ aruta e ‘a resedà:
cchiù ampresso, ‘ncopp’ a ll’asteco,
Abbrile ‘e ffa schiuppà!...
...
Millo: Da ‘o quarto piano, di Salvatore Di Giacomo
Giacché te cucche ampresso
pe te scetà matina,
e st’ aria fresca e fina
t’ affacce a risciatà;
giacché chi sa che suonne
te suonne ancora, e, spierte,
tu gire st’uocchie apierte
chi sa penzanno a che;
dimme, Adelà, mme vide,
a st’ aria fresca e fina,
passà quacche matina,
e ‘a parta toja guardà?
C’ ‘o càmmese celeste
ca te se sponta ‘mpietto
e, quase pe dispietto,
nun se vo’ maje ‘nzerrà:
c’ ‘o pède piccerillo
ca, ‘int’ â cazetta nera,
p’ ‘e fierre d’ ‘a ringhiera
mo dice sì, mo no;
ca tu staje quase ‘ncielo
‘ncopp’ a stu quarto piano,
che fà? Pure ‘a luntano
te veco, e dico: “ ‘A ‘ì lla!”
Ma mo, scuse, io so’ chiaro,
nu’ cchiù comm’ a na vota,
sbatte stu core e avota
sta capa mia pe te!
Passo, chi ‘o nnega? È overo;
ma si te tengo mente
so’ friddo e indifferente,
comme sî fredda tu.
Chest’è! ‘Nziemme a sti fronne
ca fa cadé ll’ autunno
quant’ ate cose a ‘o munno,
pe forza, hanna cadé!
Dunque? Giacché cchiù ampresso
te suse ogne matina,
e st’ aria fresca e fina
te miette a risciatà;
giacché tutto è fenuto,
giacché, si ce vedimmo,
nun ce sbullimmo e ardimmo
comm’ a na vota cchiù,
statte affacciata! E resta
cu st’ aria indifferente:
passeno tanta gente,
passo pur’ io. Che fà?
Millo: Amice, si ve dice..., di Salvatore Di Giacomo
Amice, si ve dice
ca è stata colpa mia,
ve dice ‘na buscia:
nun ‘a credite.
Si fa vedè ca chiagne,
ca strilla o se dispera,
‘sta ‘nziria nun è overa:
è finta, è finta!
So’ nierve? Embè, ‘sti nierve
ll’ hanna passà, mmalora!
‘E nierve ogne mez’ ora?!
Essì! Tu vide!...
Basta, si vo’ fà pace…
Che v’ aggia dì?… Va bene…
Spiàtele a c’ora vene,
i’ ccà ll’aspetto.
Millo: ‘E cuntrarie, di Rocco Galdieri
Tu vuò durmì c’ ‘a lampa e i’ nun ce saccio
durmì; ma ‘a lampa – è inutele! – s’ appiccia.
A te te piace ‘a sfugliatella frolla;
a me me piace ‘a sfugliatella riccia.
Tu te ‘ntriche e te ‘mpicce; i’ nun me ‘mpaccio;
tu nun tiene ora e i’ songo tutto orario.
Tu vaie truvanno ‘e cammenà p’ ‘a folla,
addò ca i’ vaco ascianno ‘o ssulitario…
Comme ce simme aunite?! Va’ a capì!
Si i’ stesso nu’ mme spièco, ‘nfin’ a mo,
comme â matina… ch’ i’ dicette “sì”,
chella matina… nun diciste “no!”.
Cigliano: da Comme ô zzuccaro, di Raffaele Ferraro-Correra, Pasquale Ernesto Fonzo, 1906
Chi dice ca ll’ ammore
è nu veleno amaro
o è nato senza core
o nn’ ha saputo amá...
Dincello tu, Marí,
ll’ ammore che cos’ è
che mette ‘mpietto a te,
‘mpietto a me,
dincello tu, Marí!...
Ll’ammore è comme ô zzuccaro,
ll’ammore è comme ô mmèle...
s’ ha da sapé ausá
si te vuò cunzulá!...
...
Nu core e n’atu core
ca squagliano d’ ammore,
quanta capolavore
te sanno cumbiná...
Dincello tu, Marí,
‘stu core tujo che fa
quanno, aunito a me,
‘mpietto a me
se vo’ ‘mpizzá, Marí...
Ll’ammore è comme ô zzuccaro...

 
 
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1933
Punti : 1933
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 75
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Torna in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE

 :: FAUSTO CIGLIANO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum