Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo








AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale

____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________


_____________________


Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________



________________________


_____________________



________________________

Chi è in linea
In totale ci sono 18 utenti in linea :: 1 Registrato, 0 Nascosti e 17 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

admin_italiacanora

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 63 il Mar Feb 02, 2016 6:12 am





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr



FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE :: FAUSTO CIGLIANO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  VIOLONE 1950 il Lun Nov 18, 2013 10:12 am


Di seguito viene riportata la discografia completa di FAUSTO CIGLIANO

78 giri

1955: Suarè/Lu passariello


45 giri

1957: Souvenir d'Italy/Guaglione
1958: Il poeta guappo/Tira a campà
1958: Nun scengo/Dduje paravise
1958: Hasta la vista Señora/Tres jolie
1959: Nun e’ peccato, beguine/Nun me parlate ‘e chella
1959: Ma baciami/Ne stelle ne mare
1959: Sempre con te/Conoscerti
1959: Mezzanotte malinconica/Sott''a luna e sott''e stelle
1959: Sarrà chi sà/Scurdammoce 'o cose d'o munno
1959: Scurdammoce 'e ccose d'o munno/Vurria tene' dduie core
1959: Cerasella/Vieneme 'nzuonno
1959: Che me diciste a 'ffa/Il più bel sorriso
1959: Tu, si' tu / L'ammore fa parla napulitano
1959: Buon Natale a te/Rose
1960: Splende il sole/A come amore
1960: Ich liebe dich (Ammore mio)/La donna che vale
1960: Be mine signorina/Goodbye Maria
1960: Due sigarette/Luna nuova (sul Fuji Yama)
1960: Les enfants qui s'aiment/Et la fête continue
1960: Les feuilles mortes/Toi qui cherches l’amour
1960: Be mine signorina/Ascoltando le stelle
1960: Chi si'?... chi so'?... /'O lampione
1960: Nun 'o giura'/Tira 'a rezza, che vene!
1961: Lei/Mare di dicembre
1961: Tiempo d'ammore/Ogni volta
1961: 'Nnammuratella/Nuttata 'e manduline
1961: Una notte a Viareggio/Distanze
1961: Duorme/Uh, che cielo!
1963: When we were in Italy/Anema e core
1963: Canzone basilisca (Fausto Cigliano)/Ora Incantata (Daisy Lumini)
1964: E se domani.../Il cuore a San Francisco
1964: L'ultima luna/Aperitivo a Margellina
1967: Suona, suona, suona/Quanto mi manchi stasera
1967: Gerusalemme, Gerusalemme/L'ultimo valzer
1968: L'ultimo addio/Il tuo nome
1969: Nuddu (Fausto Cigliano)/Nuddu (Ennio Morricone)
1969: Come un'asola e un bottone/Immagini
1969: Ave Maria di Gounod (versione in italiano)/Ave Maria di Gounod (versione in latino)
1973: Napule mia/Formato Napoli
1974: Nella mia città/Napule mia
1979: Strada 'nfosa/Scena muta
1981: Ventata nova/Krol
1986: Ma ch'aggia fa/Pucundria
1987: Dieghito tango/Ma ch'aggia fa (picture disc 12", Edizioni Selector)


33 giri

1957: 5º Festival della canzone napoletana
1964: Napoli anno zero
1967: Chitarra club
1968: Napoli concerto (con Mario Gangi)
1968: Napoli concerto - Napoli e l'amore (con Mario Gangi)
1969: Napoli concerto - Napoli romantica (con Mario Gangi)
1969: Napoli concerto - Napoli antica (con Mario Gangi)
1971(?): Napoli concerto - Le stagioni e i sentimenti
1986: Ventata nova


33 giri con altri artisti

1963: 6ª Sagra della Canzone Nova (con Carlo Savina (direttore orchestra), Armando Romeo, Gianni Lacommare, Luciano Savoretti, Aura D'Angelo, Tony Cucchiara, Quartetto Caravel, Nelly Fioramonti, Emilio Pericoli)
1977: Tiempe d'ammore (doppio lp, con Achille Millo)


EP

1957: Calypso in the rain/Adeli 'ndi 'ndi/Armstrongh/Che m'ha 'mparato a fa'
1958: Guaglione/Che m'e 'mparato a fa'/Giuvanne cu a chitarra/Souvenir d'Italie
1959: Ne stelle ne mare/Ma baciami/Sempre con te/Conoscerti
1960: Splende il sole/Rosemarie/Rose/Toi qui cherches l'amour
1960: Ammore/L'ammore fa parla' napulitano/Che me diciste a ffa/Tu, si' tu


CD

2004: L'oro di Napoli

Fonte: QUI
avatar
VIOLONE 1950
Admin

Messaggi : 544
Punti : 1590
Data d'iscrizione : 29.11.12
Età : 67
Località : PISTOIA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - SUARE'/LU PASSARIELLO (78giri)

Messaggio  admin_italiacanora il Gio Mar 16, 2017 12:07 pm

1. TITOLO:
 
1955 - SUARE'/LU PASSARIELLE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6425 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A 12139 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER:
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
Lato A:
SUARE'

 
      Lato B:
LU PASSARIELLO (IL PASSEROTTO)
(dal Festival di Sanremo 1953)

 
     

Autori: Vincenzo De Crescenzo, Furio Rendine
 
Testo dialettale:
Donna Rosa e mMaria Grazia
hanno dato la suarè
mamma e figlia, Rosa e gGrazia,
si son messe in decoltè,
le commari del palazzo
nel vedermi stanno a ddir:
poveretto, sembra pazzo
perchè su non può salir.

Quando comandavo la quadriglia
me piaceva sempe ‘e fà 'o contrè!
cu donna Rosa e ‘a figlia
facevo lo changè,
ora la comanda Peppe Quaglia
perchè fa le spese del buffet
e i’ nun pozzo abballà nun me fanno abballà
perchè non ho l'argent...
Suarè, suarè, vuje abballate senza 'e me
contrè! seh seh...
vuje abballate e i’ sto a vvedè
come rovinate la quadriglia
senza un po di charme e ddi stilè
e ‘stu passo però, Maria Grà, Donna Rò
'nguaiate la suarè.

Donna Rosa c'ha il pallore
nel veder che sto qua ggiù
io la guardo con ardore
nun nè pozzo proprio cchiù
uno sguardo lei mi scaglia
io capisco e sso il perchè:
certamente Peppe Qualglia
nun è bbuono a ffà ‘o changè...

Quando comandavo la quadriglia
...
contrè seh seh, vuje abballate e i’ sto a vvedè...
Mo m'a faccio i’ sulo a ‘sta quadriglia
alla faccia vostra e dd’ ‘a suarè...
Maria Grà, Donna Rò,
Donna Rò, Maria Grà, tenite mente a mme!
 
Testo letterale:
Serata
Donna Rosa e Maria Grazia
hanno dato una serata
mamma e figlia, Rosa e Grazia,
si sono messe in decolté.
Le donne del palazzo,
nel vedermi, stanno a dire:
poveretto, sembra pazzo
perché su non può salire.

Quando comandavo la quadriglia
mi piaceva sempe di fare lo contré!
Con donna Rosa e la figlia
facevo lo changé,
ora la comanda Peppe Quaglia
perché fa le spese del buffet
e io non posso ballare non mi fanno ballare
perché non ho i soldi...
Suaré, suaré, voi ballate senza di me
contré! seh seh...
Voi ballate e io sto a vedere
come rovinate la quadriglia
senza un po’ di charme e di stilé
e a questo passo però, Maria Grà, Donna Rò
inguaiate la serata.

Donna Rosa ha il pallore
nel vedere che sto qua giù.
Io la guardo con ardore
non ne posso proprio più!
Uno sguardo lei mi getta,
io capisco e so il perché:
certamente Peppe Qualglia
non è buono a fare lo changé...

Quando comandavo la quadriglia
...
Contré, seh seh, voi ballate e io sto a vedere...
Adesso, me la faccio io da solo questa quadriglia
alla faccia vostra e della serata...
Maria Grà, Donna Rò,
Donna Rò, Maria Grà, ricordatevi di me!
 
Fonte: QUI
     
Autori: Valentini, Eldo Di Lazzaro
 
Testo:
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci
Ogni anno a primavera,
coi mandorli di maggio
e coi ciliegi in fior,
dall'albero fiorito
tornava al vecchio nido
"lu passarielle" ancor.
Ricordo, ogni mattina
con il suo frullo d'ale,
veniva al primo sole
per farmi risvegliar...
E tutta la mia casa
di festa mi riempiva
e poi s'allontanava
al tramontar...

Dove sta "lu passarielle"?
Dov'è andato? Chi lo sa...
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci...
Il cuore mi risponde: "Chi mai lo sa!"
Forse in fondo a quella valle...
O tra i boschi a cinguettar
ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci...
come l’amore mio non tornerà!...

Ed ora è primavera!...
E' ritornato maggio
coi suoi ciliegi in fior..
Sull'albero fiorito,
però non è tornato
"lu passarielle" ancor!
Pure l'amore mio
dal giorno ch'è partito
un vuoto m'ha lasciato
per farmi sospirar...
Se guardo verso i monti
se guardo verso il mare
sento una stretta al cuore
nel ricordar...

Dove sta "lu passarielle"
Dov'è andato? Chi lo sa...
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci
Il cuore mi risponde: "Chi mai lo sa!"
Forse in fondo a quella valle...
O tra i boschi a cinguettar
ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci...
come l'amore mio non tornerà!...
Ci-ci-ci-ci-ci-ci-ci
 
Fonte: QUI
 


Ultima modifica di admin_italiacanora il Mar Apr 11, 2017 6:42 pm, modificato 2 volte
avatar
admin_italiacanora
Admin

Messaggi : 1799
Punti : 3905
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 65
Località : Toscana

Vedere il profilo dell'utente http://www.italiacanora.net

Tornare in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - I WANT (SOMEONE TO CARE FOR) / IF I MAY (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Mer Mar 22, 2017 7:22 pm

1. TITOLO:
 
1955 - I WANT (SOMEONE TO CARE FOR) / IF I MAY
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6426 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A12138/ B12143 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER di: FAUSTO CIGLIANO
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: I WANT (SOMEONE TO CARE FOR) / IF I MAY
 
Lato A:
I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)

 
      Lato B:
IF I MAY

 
     

Autori: Robert Mellin, 1953
Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "I WANT (SOMEONE TO CARE FOR)" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
I want someone to care for,
someone who care for me too,
someone who greet me each evening
and cheer me up when I feel blue.
Somebody’s lips I can cling to,
somebody to care full and truth,
I want someone to care for,
someone like you to care for me!
Yes I want someone to care for,
someone like you to care for me!
Traduzione italiano:
Voglio qualcuno di cui prendermi cura,
qualcuno che si prenda cura anche di me,
qualcuno che ogni sera mi saluti
e mi rallegri quando sono triste.
Le labbra di qualcuno a cui potermi aggrappare,
qualcuno da curare in ogni modo e con sincerità.
Voglio qualcuno di cui prendermi cura,,
qualcuno come te che si prenda cura di me.
Sì, voglio qualcuno di cui prendermi cura,
qualcuno come te che si prenda cura di me.
 
   
Autori: Charles Singleton, Rose Marie McCoy, 1955
Orchestra: Fausto Cigliano e la sua chitarra
 
Note: "IF I MAY" è cantata in inglese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
And now, I’ll sing for you, my beautiful lady.
If I may…
I’d like to love you everyday,
if I may.
And dream dreams of you every night,
if I might.
And if I may, I’d like to say
I wish that you were mine.
If I had you, all I would do
is adore you all the time.
I’d like to hold you in my arms everyday,
if I may.
I’d like to tell you of your charms, every night
if I might.
You’re the object of my affections
and if you have no objections,
I’d like to love you night and day,
if I may.
Traduzione italiano:
Ed ora, canterò per te, mia bella signora.
Se posso…
Mi piacerebbe amarti tutti i giorni,
se posso.
E sogniare sogni di te tutte le notti,
se posso.
E, se posso, mi piacerebbe dire:
“Vorrei che tu fossi mia”.
Se avessi te, tutto quello che farei
sarebbe di adorarti tutto il tempo.
Mi piacerebbe tenerti tra le mie braccia tutti i giorni,
se posso.
Mi piacerebbe parlarti del tuo fascino, ogni notte,
se posso.
Tu sei l'oggetto dei miei affetti
e, se tu non hai obiezioni,
mi piacerebbe amarti notte e giorno,
se posso.
 
 
 


Ultima modifica di Rodica Dorina Aretzu il Lun Apr 03, 2017 4:00 pm, modificato 1 volta

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Sab Apr 01, 2017 5:37 pm

1. TITOLO:
 
1955 - LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6427 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A12140 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
 
2. COVER di: FAUSTO CIGLIANO
 
   
 
 
3. TRACK LIST di: LA PETITE DILIGENCE/MES MAINS
 
Lato A:
LA PETITE DILIGENCE

 
   Lato B:
MES MAINS

 
   

Autori: Marc Fontenoy, 1950, Grand prix du disque français 1950, per André Claveau che l’ha lanciata.
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "LA PETITE DILIGENCE" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Mon arrière-grand-mère m’a conté
L’histoire de son mariage.
C’est un beau roman du temps passé
Qui débuta au cours d’un voyage.
En ce temps-là pour aller loin
On connaissait à peine le train
Et l’on trouvait déjà bien beau
La voiture et les chevaux.
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
s’en allait en cahotant,
voyageurs toujours contents...
Il y avait un vieux notaire,
Un curé et son bréviaire,
Une fille à marier,
Un monsieur très distingué.
Le notaire dormait,
Le curé priait,
La belle rougissait en silence.
Le monsieur parlait
Et lui récitait
Des rondeaux et des sonnets.
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
s’en allait en cahotant,
par la pluie et le beau temps.
Lorsque les chevaux, péniblement,
Avaient fait trente kilomètres,
À l’hostellerie du “Cheval Blanc”
On passait la nuit pour s’en remettre.
Pour aller de Paris à Tours
Il fallait bien au moins huit jours.
Évidemment ça donnait le temps
De se connaître amplement.
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
s’en allait en cahotant,
voyageurs toujours contents…
Lorsque la côte était dure
Ils descendaient du voiture
Et poussaient allègrement
Car c’était le règlement.
Le ciel était bleu
Et le beau monsieur
Faisait les doux yeux à la belle,
Tandis qu’ le curé
Se disait: “Oh! ça y est!
Ces deux-là, j’vais les marier!”
La petite diligence,
sur les beaux chemins de France,
arriva enfin à Tours
et c’est tout l’roman d’amour.
Traduzione italiano:
La piccola diligenza
La mia bisnonna mi ha raccontato
La storia del suo matrimonio.
Si tratta di un bel romanzo del passato
Che ha avuto inizio durante un viaggio.
In quei tempi, per andare lontano,
Si conosceva appena il treno
E si trovavano già bene
Con la carrozza e i cavalli.
La piccola diligenza
sulle belle strade di Francia,
andava sbalzando,
i viaggiatori sempre felici...
C'era un vecchio notaio,
Un sacerdote e il suo breviario,
Una figlia da sposarsi,
Un signore molto distinto.
Il notaio dormiva,
Il sacerdote pregava,
La bella arrossiva in silenzio,
Il signore parlava
E recitava
Dei rondò e dei sonetti.
La piccola diligenza,
sulle belle strade di Francia,
andava sbalzando,
con la pioggia e col sole.
Quando i cavalli, dolorosamente,
Avevano fatto trenta chilometri,
Alla locanda "Cavallo Bianco"
Passavano la notte per rimettersi.
Per andare da Parigi a Tours
Serviavano, almeno, otto giorni.
Ovviamente questo dava il tempo
Per conoscersi ampiamente.
La piccola diligenza,
sulle belle strade di Francia,
andava sbalzando,
i viaggiatori sempre felici...
Quando la salita era difficile
Loro scendevano dalla carrozza
E spingevano allegramente,
Perché era così il regolamento.
Il cielo era azzurro
E il gran signore
Faceva gli occhi dolci alla bella ragazza,
Mentre il sacerdote
Pensava: “Oh! è questo!
Quei due, li sposerò!”
La piccola diligenza,
sulle belle strade di Francia,
finalmente arriva a Tours
e questo è tutto il romanzo d’amore.
   
Autori: Pierre Delanoë, Gilbert Bécaud, 1953
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "MES MAINS" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione! Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Mes mains
dessinent dans le soir
la forme d’un espoir
qui ressemble à ton corps.
Mes mains,
quand elles tremblent de fièvre,
c’est de nos amours brèves
qu’elles se souviennent encore.
Mes mains
caressent dans leurs doigts
des riens venant de toi,
cherchant un peu de joie.
Mes mains
se tendent en prière
vers ton ombre légère
disparue dans la nuit…
Mes mains,
elles t’aiment à la folie,
d’un amour infini,
elles t’aiment pour la vie!
As-tu déjà effacé ce passé qui m’obsède?
As-tu déjà oublié que ces mains ont tout donné?
Mes mains,
qui voudraient caresser,
un jour seront lassées
d’attendre ton retour…
Mes mains,
elles iront te chercher
là, où tu t’es cachée
avec un autre amour.
Mes mains,
méprisant les prières,
trembleront de colère
et je n’y pourrai rien...
Mes mains,
pour toujours dans la nuit,
emporteront ta vie…
Mais, puisque tu le sais,
reviens!
Et, tout comme autrefois,
elles frémiront pour toi,
dans la joie retrouvée.
Reviens!
Ne les repousse pas
ces mains tendues vers toi
et donne-leur tes mains!
Traduzione italiano:
Le mie mani
Le mie mani
dissegnano nella sera
la forma di una speranza
che somiglia al tuo corpo.
Le mie mani,
quando tremano febbrile,
è del nostro breve amore
che si ricordano ancora.
Le mie mani
carezzano con le loro dita
le piccole cose che vengono da te,
cercando qualche gioia.
Le mie mani
si tendono in preghiera
verso alla tua ombra leggera
scomparsa nella notte...
Le mie mani
ti amano alla follia,
di un amore infinito,
ti amano per tutta la vita!
Hai già cancellato questo passato che mi ossessiona?
Hai già dimenticato che queste mani hanno dato tutto?
Le mie mani
che vorebbero accarezzare,
un giorno saranno stanche
di attendere il tuo ritorno ...
Le mie mani
verranno a cercarti
la, dove tu ti sei nascosta
con un altro amore.
Le mie mani,
disprezzando le preghiere,
tremeranno di rabbia
e io non potrò fare nulla ...
Le mie mani,
per sempre nella notte,
faranno prevalere la tua vita ...
Ma, adesso che tu lo sai,
torna!
E, proprio come prima,
loro rabbrividiranno per te,
per la gioia ritrovata.
Torna!
Non respingere
queste mani tese verso di te
e dai loro le tue mani!
 
 

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAJE! (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Lun Apr 03, 2017 11:28 pm

1. TITOLO:
 
1955 - AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAJE!
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6428 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: A12144/B12146 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
2. RECENSIONE:
 
"Te voglio bene assaje!" è una canzone in lingua napoletana composta nell'Ottocento e già cantata dalle massaie napoletane intorno al 1839 etc...
 
Fonte: QUI
 
3. COVER di: FAUSTO CIGLIANO
 
   
 
   
 
4. TRACK LIST di: AUMMO... AUMMO.../TE VOGLIO BENE ASSAJE!
 
Lato A:
AUMMO AUMMO

 
   Lato B:
TE VOGLIO BENE ASSAJE!

 
   

Autori: Luigi Cioffi, Giuseppe Cioffi, 1954
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "AUMMO... AUMMO..." è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Catarì,
tu nun ghiesce maje da casa
perché maje te fanno ascì.
Catarì,
sto murenno pe ‘st’ammore
nun me fido cchiù ‘e suffrì.
Catarì,
ce l’aje ‘a dì a ‘sti ggenitori,
mo l’avesseno ‘a capì!
Catarì,
nun te pozzo vasà,
io me sento ‘e murì.

R.
Quacche notte zittu zitto,
chianu chiano a ppede ‘e chiummo,
aumm’ aummo...
Saglio ‘ncoppa quatto quatto,
mazzecanno chewing gumm,
aumm’ aummo...
Nun m’appiccio ‘a sigaretta
ca si no se vede ‘o fummo,
aumm’ aummo...
Si ce ‘ncoccia quaccheduno
c’ammuina po’ venì.

Catarì,
e ssi trovo ‘a porta ‘nchiusa,
saje che faccio pe ttrasì?
Catarì,
tengo pronto tutto ‘o piano
pe ffà chello ca dich’ i’.
Catarì,
ce vo’ adduobbecco p’ ‘e cane,
ce vo’ ‘a scala pe ssaglì.
Catarì,
t’aggio a fforza vasà,
nun me fido ‘e suffrì.

R...
Catarì...
Traduzione italiano:
Catarì,
tu non esci mai di casa
perché mai ti fanno uscire.
Catarì,
sto morendo per questo amore,
non posso più soffrire.
Catarì,
lo devi dire a questi genitori,
adesso lo devono capire!
Catarì,
non ti posso baciare,
io mi sento morire.

Ritornello:
Qualche notte, senza fiatto,
piano piano, coi piedi di piombo,
di nascosto, di nascosto...
salgo rannicchiato rannicchiato,
masticando chewing gumm,
di nascosto, di nascosto...
Non mi accendo la sigaretta
perché sinnò si vede il fummo,
di nascosto, di nascosto...
Se mi sorprende qualcuno,
che chaos può capitare!.

Catarì,
e se trovo la porta chiusa,
sai che faccio per entrare?
Catarì,
ho tutto un piano pronto
per fare chuello che dico io.
Catarì,
ci serve m’anestesia per il cane,
ci serve la scala per salire.
Catarì,
ti devo per forza baciare,
non posso più soffrire!.

R...
Catarì...
 
   
Autori: Raffaele Sacco, Gaetano Donizetti, 1839
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "TE VOGLIO BENE ASSAJE!" è cantata in napoletano... Segue la traduzione in italiano.
Testo:
La notte tutte dormono,
e io che vuò' durmire?
Penzanno â nenna mia,
me sento ascemunì.
Li quarte d'ora sonano
a uno, a duje, a tre…

Ritornello:
Te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Ricordate lo juorno
ca stive a me vicino,
e te scorréano, ‘nzino,
‘e llacreme, accossì.
Deciste a me: "Nun chiagnere,
ca tu d’ ‘o mio sarraje".

Saccio ca nun vuò scennere
le grade quanno è scuro.
Vatténne muro muro,
appòjate ‘ncuoll’ a me.
Tu, n’ ommo comm’a chisto,
addo’ lo truvarraje?
Traduzione italiano:
La notte tutti dormono,
ma io, che vuoi che dorma?
Pensando alla mia donna,
mi sento impazzire.
I quarti d’ora suonano
a uno, a due, a tre.

Ritornello:
Ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Ricordati il giorno
che mi stavi vicino,
e ti scorrevano in grembo
le lacrime, così.
Mi dicesti: "Non piangere,
che tu sarai mio".

So che non vuoi abbassare
le grate quando è buio.
Vai radente il muro,
appoggiati addosso a me!
Tu, un uomo come questo,
dove lo troverai?
 
 

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1955 - SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Mar Apr 04, 2017 5:02 pm

1. TITOLO:
 
1955 - SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6429 # Data pubblicazione: 14 Novembre 1955 # Matrici: B12145 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
2. COVER di: FAUSTO CIGLIANO
 
   
 
3. TRACK LIST di: SUSPIRANNO “MON AMOUR”/GIUVANNE CU ‘A CHITARRA
 
Lato A:
SUSPIRANNO “MON AMOUR”

 
   Lato B:
GIUVANNE CU ‘A CHITARRA

 
   

Autori: Augusto Cesareo, Ettore Lombardi, 1955
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SUSPIRANNO “MON AMOUR”" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Bella, tu sî venuta a stu paese
da ‘a Francia, che è paese furastiero.
‘Ncopp’ a sti scene nun pareva overo,
napulitano, ‘e te sentì cantà.

Tu t’avvicine suspiranno: "Mon amour"
e se ‘ncatena ‘o core mio.
E po me dice chianu chiano: “Je vous aime”.
E po, tremmanno, te faje vasà.
E quanno parle tu, pecché me ‘ncante
cu stu francese, ammore mio?
Cu ‘e ‘mmane ‘mmano tu mme dice: “Je t’adore”.
No, nun è suonno ca so’ felice.
Ma chella vócca ca mme dice: “Mon cherie”,
si ‘e me se scorda, mme farrà murì.

Stu “toi et moi” s’è fatto ‘ntussecuso
e ce ‘nzurfammo da ‘a matina â sera.
Dice ca me vuo’ bene e sî sincera,
ma è p’ ‘o triato ca tu m’hê ‘a lassà.

Tu t’avvicine suspiranno: “Mon amour”...
e se ‘ncatena ‘o core mio.
E po me dice chianu chiano: “Je vous aime”.
E po, tremmanno, te faje vasà.
E quanno parle tu, pecché me ‘ncante
cu stu francese, ammore mio?
Cu ‘e ‘mmane ‘mmano tu dicive: “Je t’adore”.
Nun era suonno ca fui felice.
Ma chella vócca ca diceva: “Mon cherie”,
se n’ hê scurdato, pe mme fà murì.
Traduzione italiano:
Bella, tu sei arrivata in questo paese
dalla Francia, che è un paese straniero.
Su questi palchi non sembrava vero
di sentirti cantare in napoletano.

Tu ti avvicini sospirando: “Mon amour”
e s’ incatena il cuore mio.
E poi mi dici piano piano: “Je vous aime”.
E poi, tremando, ti fai baciare.
E quando parli tu, perchè mi incanti
con questo francese, amore mio?
Con le mani nelle mani mi dici: “Je t’adore”.
No, non è un sogno che sono felice.

Questo “toi et moi” è diventato antipatico
e litighiamo dalla mattina alla sera.
Dici che mi vuoi bene e sei sincera,
ma è per il teatro che mi devi lasciare.

Tu ti avvicini sospirando: “Mon amour”
e s’ incatena il cuore mio.
E poi mi dici piano piano: “Je vous aime”.
E poi, tremando, ti fai baciare.
E quando parli tu, perchè mi incanti
con questo francese, amore mio?
Con le mani nelle mani mi dicevi: “Je t’adore”.
Nun era sogno che ero felice.
Ma chella bocca che diceva: “Mon cherie”,
s’è dimenticato, per farmi murire.
 
   
Autori: Stefano Canzio, Nino Oliviero, 1955, brano lanciato da Amedeo Pariante, trasposizione napoletana della canzone Johnny Guitar, dall'omonimo film di Nicholas Ray.
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "GIUVANNE CU ‘A CHITARRA" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
Testo:
‘A sera, ‘ncopp’ ê vviche,
cu ‘a chitarra, scengo pe Tulèto...
Tengo ‘a cravatta gialla
e ‘na giacchetta cu ‘a spaccata arreto...
‘E scarpe a varchetella
e ‘nu cazone fatto a zompafuosso...
e chi s’avota ‘a ccá...
e chi s’avota ‘a llá...
guardánnome ‘e passá...

Me chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra...
pecché saccio cantá tutt’ ‘e ccanzone.
So’ stato ‘nnammurato ‘e ‘na figliola
ca m’à lassato miezo scumbinato...
E porto ‘e serenate a ‘e ‘nnammurate:
pe ciento lire canto “Anema e ccore”,
pe cincuciento fò ll’americano:
m’arrangio a ‘mpapucchiá “Johnny Guitar”...
Me chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra...
e songo ‘o pazzariello d’ ‘e ccanzone!

‘Na sera fuje chiammato,
pe ‘na festa, sott’ a ‘nu balcone
ô vico Scassacocchi...
primmo piano, ‘ncopp’ a ‘nu lampione:
‘a mana me tremmaje
‘sta serenata jéva a Margarita...
cu ‘sta chitarra ccá,
i’ mo che cante a fá?
pe chi se vo’ spassá?

Me chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra...
pecché saccio cantá tutt’ ‘e ccanzone.
‘A cumitiva allèra e ll’emozione
me fa cantá, chiagnenno, “Core ‘ngrato”...
Pe chistu pretendente ammartenato
mo cade ‘nu biglietto appassiunato...
e m’arricordo, quanno ero ‘o balcone,
cadevano cucozze e ‘nfamitá...
E mo pe cant’ e sonnà ‘sta chitarra
cu ‘a vocca amara e cu ‘na funa ‘nganna:
What if you go, what if you stay, I love you, Margareta!
Songo Giuvanne…
Traduzione italiano:
Di sera, nelle stradine,
con la chitarra, scendo per via Toledo...
ho una cravatta gialla
e na giacchetta con un’apertura dietro...
le scarpe a barchetta
e un pantalone corto...
e chi si gira di quà...
e chi si gira di là...
guardandome di passare...

Mi chiamano Giovanni con la chitarra...
Perché so cantare tutte le canzoni.
Sono stato fidanzato con una ragazza
che m’ha fatto impazzire...
E canto le serenate agli innamorati:
per cento lire canto “Anima e cuore”,
per cinquecento faccio l’americano:
m’arrangio da far confondere “Johnny Guitar”...
Mi chiamano Giovanni con la chitarra...
e sembro il menestrello!

Una sera fui chiamato,
per una festa, sotto ad un balcone
il vico Scassacocchi...
primo piano, su un lampione:
la mano mi tremò
questa serenata era per Margherita...
con questa chitarra,
io ora che canti a fare?
per chi si vuole divertire?

Mi chiamano Giovanni con la chitarra...
Perché so cantare tutte le canzoni.
La comitiva allegra e l’emozione
mi fa cantare, piangendo, “Cuore ingrato”...
Per questo pretendente innamorato
ora cade un biglietto appassionato...
e mi ricorda, quando ero io, dal balcone
cadevano zucchine e infamie...
E ora per cantare e suonare con questa chitarra
con la bocca amara e con la fune al collo:
Non m’importa se tu vai, non m’importa se rimani, ti amo, Margareta
Sono io, Giovanni…
 
 
 

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FAUSTO CIGLIANO: 1956 - SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE (78giri)

Messaggio  Rodica Dorina Aretzu il Sab Apr 15, 2017 10:17 pm

1. TITOLO:
 
1956 - SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: DC 6615 # Data pubblicazione: 19 Settembre 1956 # Matrici: A12874/B12875 # Genere: Pop # Tipo audio: Mono # Supporto: vinile 78 giri # Dimensioni: 10", 78 RPM (25,4 cm.) # Facciate: 2
 
2. RECENSIONE:
 
Scritta da Nicola Salerno (Nisa) e musicata da Giuseppe Fanciulli, la canzone fu presentata per la prima volta al Festival di Napoli del 1956. Originariamente assegnata a Claudio Villa, il brano fu ceduto dal reuccio ad Aurelio Fierro. Con le interpretazioni di Fierro e di Grazia Gresi, il brano si aggiudicò il primo posto al Festival, arrivando ad essere la canzone più gettonata e venduta di quella edizione. Il successo fu tale che per sei settimane di fila si posizionò al primo posto in Hit Parade, ed arrivò ad essere tradotta in varie lingue; tra le versioni straniere quella che spicca è quella francese di Bambino diventata un grande successo della cantante Dalida.
Nello stesso anno il brano ispirò il film Guaglione diretto da Giorgio Simonelli, con Terence Hill (allora Mario Girotti), Dorian Gray, Titina De Filippo; la pellicola fu un successo tale che l'anno successivo fu girato il sequel Non sono più guaglione diretto da Domenico Paolella, con Tina Pica, Sylva Koscina, Nunzio Gallo, Dante Maggio.
Nel 1958 Pérez Prado ne fa una versione strumentale in stile mambo. Mentre, alla fine degli anni settanta, gli Eros 2, ne pubblicano una versione disco infarcita di gemiti femminili, intitolata New Guaglione
 
Fonte: QUI
 
3. COVER di: FAUSTO CIGLIANO
 
   
   
 
4. TRACK LIST di: SUSPIRANNO ‘NA CANZONE/GUAGLIONE
 
Lato A:
SUSPIRANNO ‘NA CANZONE

 
   Lato B:
GUAGLIONE

 
   

Autori: E. De Mura, R. Ruocco, 1956
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "SUSPIRANNO ‘NA CANZONE" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Mo lùceno, ppe me, stelle a migliare,
‘e stelle cchiù lucente ‘e tutt’ ‘e ssere,
e porto nu mistero dint’ ‘o core
‘mpastato ‘e sciure, lacreme e suspire.
Mo lùceno, ppe me, stelle a migliare.

Ritornello:
Mme ne vogl’ í ppe viche e vecarielle,
suspiranno ‘na canzone cu ‘o mandulino.
S’ arápeno feneste e fenestelle
e s’ affaccia chi durmeva a suonno chino.

Chi allucca e chi mme dice:
"‘A vuó’ ferní!
Guaglió’, mannaggia,
ccá s’ ha da durmí!"

Mme perdunate, amice,
ma v’aggi’ ‘a fá sapé
ca i’ sóngo assaje felice
e ca nisciuno è cchiù felice ‘e me.

Amice, chiaro e tunno
i’ mo ve ll’aggi’ ‘a dí,
c’ ‘a femmena cchiù bella ‘e tutt’ ‘o munno,
mm’ ha ditte "sí".

Lle sóngo state attuorno ciento amante,
ll’ hanno fatto vedé, comm’ ‘int’ ‘e cunte,
palazze d’oro e perle ‘e ll’Oriente.
Ca mme vo’ bene, nun se so’ cunvinte.
Lle sóngo state attuorno ciente amante.

Ritornello:
..............
Traduzione italiano:
Ora brillano per me, stelle a migliaia,
le stelle più lucenti di tutte le sere,
e porto un mistero dentro al cuore
impastato di fiori, lacrime e sospiri.
Ora brillano per me, stelle a migliaia.

Ritornello:
Me ne voglio andare per vicoli e vicoletti,
sospirando una canzone con il mandolino.
Si aprono finestre e finestrelle
e si affaccia chi dormiva un sonno pesante.

Chi grida e chi mi dice:
"‘La vuoi finire!
Ragazzo, mannaggia,
quì si deve dormire!"

Perdonatemi, amici,
ma voglio che sappiate
che io sono tanto felice
e che nessuno è più felice di me.

Amici, chiaro e tondo
ora vi debbo dire,
che la donna più bella di tutto il mondo,
mi ha detto "sí".

Le sono stati attorno cento amanti,
le hanno fatto vedere, come nei racconti,
palazzi d’oro e perle d’Oriente.
Che mi vuol bene, non si sono convinti.
Le sono stati attorno cento amanti.

Ritornello:
.................................................
 
   
Autori: Nisa, G. Fanciulli, 1956
Fausto Cigliano e la sua chitarra
Note: "GUAGLIONE" è cantata in napoletano. Segue la traduzione in italiano.
Testo:
Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
mmiez’ a ‘sta via,
nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
che pecundría!
Gué piccerí, che vène a ddí
‘sta gelusia?
Tu vuó suffrí,
tu vuó murí,
chi t’ ‘o ffá fá...
R:
Curre ‘mbraccio addu mammá,
nun fá ‘o scemo piccerí...
dille tutt’ ‘a veritá
ca mammá te po’ capí...
E ppasse e spasse sott’a ‘stu barcone,
ma tu sî guaglione...
Tu nun canusce ‘e ffemmene,
sî ancora accussí giovane!
Tu sî guaglione!...
Che t’hê miso ‘ncapa?
va’ a ghiucá ‘o pallone...
Che vònno dí ‘sti llacreme?...
Vatté, nun mme fá ridere!
R:
Nun ‘e pittá, nun ‘allisciá
‘sti mustaccielle.
Nun cerca a tte, nun so’ ppe te
chill’ uocchie bbelle...
Nun ‘a penzá, va’ a pazziá
cu ‘e guagliunciélle...
Nun t’avvelí,
c’è tiempo, oje ni’,
ppe te ‘nguajá!

Chi desidere ‘e vasá,
scordatélla, piccerí,
ca si ‘o ddiceno a papá,
chisá comme va a ferní...
E passe e spasse sott’a stu barcone,
.........................................................
Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’a ‘sta via...
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù...
chi t’ ‘o ffá fá!...
Traduzione italiano:
Stai sempre qui, piazzato qui,
in questa strada,
non mangi più non dormi più,
che tristezza!
Ragazzo mio, che vuol dire
questa gelosia?
Tu vuoi soffireí,
tu vuoi morireí,
chi te lo fa fare...
R:
Corri tra le braccia di tua madre,
nun fare lo stupido, ragazzo mioí...
dille tutta la veritá
perché tua madre può capirti...

E passi sotto a questo balcone,
ma tu sei solo un ragazzo...
Tu non conosci le donne,
sei ancora troppo giovane!
Tu sei ragazzo!...
Che cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone...
Che significano queste lacrime?...
Ma vai via, non farmi ridere!

R:

Non sistemarti!
Lei non cerca te, quegli occhi belli
non sono per te...
Non pensarla, vai a giocare
con le ragazzine...
Non avvilirti,
ragazzo mio, ci sarà tempo,
per inguarti!

Chi vuoi baciare,
dimenticala, ragazzo mio,
che se lo dicono a tuo padre,
chissá come va a finire...

E passi sotto a questo balcone,
.........................................................
Stai sempre qui, piazzato qui,
in questa strada,
non mangi più, non dormi più...
ma chi te lo fa fare!...
 
 
 

Rodica Dorina Aretzu

Messaggi : 5
Punti : 5
Data d'iscrizione : 03.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
LE CANZONI DELLE NOSTRE BELLE CITTA'
 :: I CANTANTI E LE CANZONI NAPOLETANE :: FAUSTO CIGLIANO

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum