Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti

________________________________________

DIVENTA COLLABORATORE!

Italia Canora è in continua crescita e sempre alla ricerca di collaboratori che desiderano partecipare a questo grandioso progetto.

Aiuta Italia Canora a cercare materiale come cover, videoclip testi e quant'altro occorre per inserire le discografie dei nostri grandi artisti italiani!

Se sei appassionato di musica potresti dedicarti ad inserire il tuo artista preferito con delle semplici linee guida.

Lasciami un messaggio (in chat oppure in alto su Messages), ti contatterò quanto prima!

________________________________________






________________________________________



Caricamento video...
AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale


____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!


______________________


_____________________




_____________________



Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________




________________________



________________________



________________________

Chi è online?
In totale ci sono 40 utenti in linea: 2 Registrati, 0 Nascosti e 38 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

admin_italiacanora, mauro piffero

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 321 il Dom Gen 14, 2018 6:53 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

SERGIO ENDRIGO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: SERGIO ENDRIGO

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1968 - MARIANNE/IL DOLCE PAESE (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 2:48 pm

1. TITOLO:
 
1968 - MARIANNE/IL DOLCE PAESE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1367 # Data pubblicazione: Anno 1967 # Matrici: MSC 6368/MSC 6367 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 2 Aprile-4 Aprile / Lato A: "Festival Europeo della Canzone 1968" / Grafica di Ferruccio Piludu - In copertina è riprodotto un dipinto di Carlos Sessamo
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
MARIANNE

 
      Lato B:
IL DOLCE PAESE

 
     

Autori: Giancarlo Bigazzi, Sergio Endrigo
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Marianne
Mi fai felice per un attimo
Poi non vivo più
Marianne

Che cos'è
Questa gran voglia che hai di correre
Non ti fermi mai
Marianne

Dove vai da dove vieni amore
Dove vai rimani ancora accanto a me
Se per sognare vendi i sogni tuoi
Forse è disperata la tua gioventù

Marianne
Tu ami i fiori e non ti accorgi che
Io amo te
Marianne
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo, Gianni Musy
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Io sono nato in un dolce Paese
Dove chi sbaglia non paga le spese
Dove chi grida più forte ha ragione
Tanto c’è il sole e c’è il mare blu

Noi siamo nati in un dolce Paese
Dove si canta e la gente è cortese
Dove si parla soltanto d’amore
Tanto nessuno ci crede più

Qui l’amore è soltanto un pretesto
Con rime scucite tra cuore e dolore
Per vivere in fretta e scordare al più presto
Gli affanni e i problemi di tutte le ore

In questo dolce e beato Paese
Vive la gente più antica del mondo
E con due soldi di pane e speranza
Beve un bicchiere e tira a campà
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Feb 08, 2018 7:47 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1968 - LA COLOMBA/ANCH'IO TI RICORDERO' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 3:11 pm

1. TITOLO:
 
1968 - LA COLOMBA/ANCH'IO TI RICORDERO'
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1383 # Data pubblicazione: Anno 1968 # Matrici: MSC 6560/MSC 6561 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 15 Ottobre / Il testo del Lato A è la traduzione della lirica "Se equivocò la paloma" di Raphael Alberti, messa in musica (1941) dal compositore argentino Carlos Guastavino / Copertina di Ferruccio Piludu e Tartagni
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
LA COLOMBA (Se equivocò la paloma)

 
      Lato B:
ANCH'IO TI RICORDERO'

 
     

Autori: Raphael Alberti, Sergio Endrigo, Carlos Guastavino
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Ma si sbagliò la colomba,
Ma si sbagliava
Cercava il nord, ma era il sud
Pensò che il grano era l'acqua
Ma si sbagliava
Pensò che il mare era il cielo
E la notte la mattina
Ma si sbagliava
Ma si sbagliava

Vedeva stelle era rugiada
Aveva caldo, c'era la neve
E si sbagliava
Perché credeva
La tua gonna, la tua blusa
Il tuo cuore, la sua casa
Ma si sbagliava
Ma si sbagliava

Pensò che il mare era il cielo
E la notte la mattina
Ma si sbagliava
Ma si sbagliava

Vedeva stelle era rugiada
Aveva caldo, c'era la neve
E si sbagliava
Perché credeva
La tua gonna, la tua blusa
Il tuo cuore, la sua casa
Ma si sbagliava
Ma si sbagliava
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Era mezzogiorno e prigioniero
Aspettavi che si fermasse il mondo
Fuori c’era il sole e caldi odori
E parole antiche di soldati
Forse vedevi la tua gente
Cuba viva sotto il sole
La sierra che ti ha visto vincitore
Addio addio
Chi mai ti scorderà
Addio addio
Anch’io ti ricorderò

Era mezzogiorno in piena notte
E gli uomini di buona volontà
Tutti si guardarono negli occhi
Poi ognuno andò per la sua strada
È troppo tardi per partire
Troppo tardi per morire
Siamo troppo grassi comandante
Addio addio
Chi mai ti scorderà
Addio addio
Anch’io ti ricorderò

Era mezzogiorno e tu non c’eri
Un bambino piangeva nel silenzio
Fuori c’era il sole e caldi odori
E parole antiche di soldati
Oggi ti ricorda la tua gente
Cuba viva sotto il sole
La sierra che ti ha visto vincitore
Addio addio
Chi mai ti scorderà
Addio addio
Anch’io ti ricorderò
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 4:41 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1968 - ENDRIGO 1968 (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 4:04 pm

1. TITOLO:
 
1968: ENDRIGO 1968
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: LPB 35033 # Data pubblicazione: Anno 1968 # Matrici: MLC 6568/MLC 6569 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 30 ottobre / "Back home someday (A man alone)" colonna sonora originale del film "Le colt cantarono la morte e fu... tempo di massacro" (Lucio Fulci, 1966) - "Canzone della libertà" colonna sonora originale del film "L'alibi" (Vittorio Gassman, Luciano Lucignani, Adolfo Celi, 1969) / Copertina di Piludu e Tartagni
 
 
2. RECENSIONE:
 
Endrigo è il quarto album del cantautore italiano Sergio Endrigo, pubblicato dalla Fonit Cetra nel 1968.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: ENDRIGO 1968
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: ENDRIGO 1968
 
 
 


 
Lato B: 5
CANZONE DELLA LIBERTA'

 
 

Autori: Luciano Lucignani, Ennio Morricone
Orchestra: Enno Morricone
 
Testo:
Quello che domandiamo è libertà
Quello che rifiutate è libertà
Quello che non sapete è che noi ad ogni costo ce la prenderemo
Libertà

Quello che domandiamo è libertà
Quello che rifiutate è libertà
Quello che non sapete è che siamo in tanti al mondo
Troppi a volere ancora libertà

Quello che volevamo è libertà
Quello che negavate è libertà
Ora però sapete: è arrivato quel momento
Subito la vogliamo: libertà

Quello che volevamo è libertà
Quello che negavate è libertà
Ora però sapete...
 
Fonte: QUI

 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Feb 08, 2018 8:40 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1968 - CAMMINANDO E CANTANDO/ANCH'IO TI RICORDERO' (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 5:57 pm

1. TITOLO:
 
1968 - CAMMINANDO E CANTANDO/ANCH'IO TI RICORDERO'
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1388 # Data pubblicazione: Anno 1968 # Matrici: MSC 6658/MSC 6561 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 18 Dicembre-15 Ottobre / Lato A: "Canzonissima 1968"
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
CAMMINANDO E CANTANDO (Pra não dize que não falei das flõre)

 
      Lato B:
ANCH'IO TI RICORDERO'

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo, Geraldo Vandrè
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
http://lyricstranslate.com/it/sergio-endrigo-camminando-e-cantando-lyrics.html#ixzz56G2UJruZ

Camminando e cantando la stessa canzone
Siamo tutti uguali chi é d'accordo e chi no
Nelle fabbriche, a scuola, nei campi in citta
Camminando e cantando la stessa canzone

Fa chi vuole fare e chi vuole andare va
Chi é stanco di aspettare una strada trovera
Fa chi vuole fare e chi vuol sapere sa
Che la speranza é un fiore ma frutti non ne da

Il soldato armato, amato o no
Con in mano il fucile non sa cosa fa
In caserma si insegna una antica lezione
Di morir per il re e non sapere perche

Fa chi vuole fare e chi vuole andare va
Chi e stanco di aspettare una strada trovera
Fa chi vuole fare e chi vuol sapere sa
Che la speranza é un fiore ma frutti non ne da

Nelle fabbriche, a scuola, nei campi in citta
Siamo tutti soldati armati o no
Camminando e cantando la stessa canzone
Siamo tutti uguali chi é d'accordo e chi no

Nella mente l'amore e negli occhi la gioia
La certezza nel cuore, nelle mani la storia
Camminando e cantando la stessa canzone
Imparando e insegnando una nuova lezione

Fa chi vuole fare e chi vuole andare va
Chi é stanco di aspettare una strada trovera
Fa chi vuole fare e chi vuol sapere sa
Che la speranza é un fiore ma frutti non ne da
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Era mezzogiorno e prigioniero
Aspettavi che si fermasse il mondo
Fuori c’era il sole e caldi odori
E parole antiche di soldati
Forse vedevi la tua gente
Cuba viva sotto il sole
La sierra che ti ha visto vincitore
Addio addio
Chi mai ti scorderà
Addio addio
Anch’io ti ricorderò

Era mezzogiorno in piena notte
E gli uomini di buona volontà
Tutti si guardarono negli occhi
Poi ognuno andò per la sua strada
È troppo tardi per partire
Troppo tardi per morire
Siamo troppo grassi comandante
Addio addio
Chi mai ti scorderà
Addio addio
Anch’io ti ricorderò

Era mezzogiorno e tu non c’eri
Un bambino piangeva nel silenzio
Fuori c’era il sole e caldi odori
E parole antiche di soldati
Oggi ti ricorda la tua gente
Cuba viva sotto il sole
La sierra che ti ha visto vincitore
Addio addio
Chi mai ti scorderà
Addio addio
Anch’io ti ricorderò
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1969 - LONTANO DAGLI OCCCHI/SAN FIRMINO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 7:09 pm

1. TITOLO:
 
1969 - LONTANO DAGLI OCCCHI/SAN FIRMINO
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1391 # Data pubblicazione: Anno 1969 # Matrici: MSC 6675/MSC 6676 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 15 Gennaio / Lato A: "Festival di Sanremo 1969" / Copertina di Ferruccio Piludu e Vanzetti
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
LONTANO DAGLI OCCHI

 
      Lato B:
SAN FIRMINO

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Che cos'è?
C'è nell'aria qualcosa di freddo
Che inverno non è
Che cos'è?
Questa sera i bambini per strada
Non giocano più

Non so perché
L'allegria degli amici di sempre
Non mi diverte più
Uno mi ha det.to che
Lontano dagli occhi
Lontano dal cuore
E tu sei lontana
Lontana da me

Per uno che torna
E ti porta una rosa
Mille si sono scordati di te

Lontano dagli occhi
Lontano dal cuore
E tu sei lontana
Lontana da me

Ora so
Che cos'è questo amaro sapore
Che resta di te
Quando tu
Sei lontana e non so dove sei
Cosa fai, dove vai

E so perché
Non so più immaginare il sorriso
Che c'è negli occhi tuoi
Quando non sei
Con me.

Lontano dagli occhi
Lontano dal cuore
E tu sei lontana
Lontana da me

Per uno che torna
E ti porta una rosa
Mille si sono scordati di te

Lontano dagli occhi
Lontano dal cuore
E tu sei lontana
Lontana da me

Per uno che torna
E ti porta una rosa
Mille si sono scordati di te

Lontano dagli occhi
Lontano dal cuore
E tu sei lontana
Lontana da me
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Giancarlo Chiaramello
 
Testo:
Quando infine torna maggio
E fioriscono le rose
E tutte le altre cose
Dal portone della chiesa
Esce il santo San Firmino
Traballante sulle spalle
Dei fedeli del paese

San Firmino San Firmino
Fai del bene a tutti
Ma ricordati di me
Sui balconi bella gente
Nella piazza i cittadini
Tutti chiedono la grazia
Che soltanto lui può fare
San Firmino triste e muto
Guarda il cielo e chiede aiuto
San Firmino San Firmino
Fai del bene a tutti
Ma ricordati di me
Dammi sole per la vigna
Dammi pioggia per i campi
Fammi fare un terno al lotto
E ti accendo una candela
Io se vinco le elezioni
Ti regalo tre milioni
San Firmino San Firmino
Fai del bene a tutti
Ma ricordati di me
Fammi dare finalmente
Un erede alla famiglia
Fa che almeno per quest’anno
Non mi nasca il terzo figlio
San Firmino triste e muto
Guarda il cielo e chiede aiuto

Alla fine della festa
Come è stato l’anno prima
Lo riportano in cantina
Nel portone della chiesa
Entra il santo San Firmino
Traballante sulle spalle
Dei fedeli del paese
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 8:28 am, modificato 4 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1969 - SOPHIA/1947 (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 9:56 pm

1. TITOLO:
 
1969 - SOPHIA/1947
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1403 # Data pubblicazione: Anno 1969 # Matrici: MSC 6874/MSC 6875 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 18 Giugno / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
SOPHIA

 
      Lato B:
1947

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Chi non ha mai sognato un po Sophia
Donne più belle al mondo non ce nè
La gente pensierosa si ferma per la via
Sorride al manifesto di Sophia
Ahi Sophia Sophia
Sei la nostra fantasia
Passa il tempo per tutti
Ed il tempo ti porta via
Ma oggi ti regalo una poesia
Per la tua fotografia
Chi non ha mai amato un po Sophia
Chi non è stato al cinema con lei
A vivere una storia damore e di follia
Così come la vita di Sophia
Ahi Sophia Sophia
Sei la nostra fantasia
Passa il tempo per tutti
Ed il tempo ti porta via
Ma oggi ti regalo una poesia
Per la tua fotografia
Dai monti fino al mare da soli o in compagnia
Nei sogni ecco Sophia e così sia
Ahi Sophia Sophia
Passa il tempo per tutti
Ed il tempo ti porta via
Ma oggi ti regalo una poesia
Per la tua fotografia
Ahi Sophia Sophia
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Da quella volta
non l’ho rivista più,
cosa sarà
della mia città.

Ho visto il mondo
e mi domando se
sarei lo stesso
se fossi ancora là.

Non so perché
stasera penso a te,
strada fiorita
della gioventù.

Come vorrei
essere un albero, che sa
dove nasce
e dove morirà.

È troppo tardi
per ritornare ormai,
nessuno più
mi riconoscerà.

La sera è un sogno
che non si avvera mai,
essere un altro
e, invece, sono io.

Da quella volta
non ti ho trovato più,
strada fiorita
della gioventù.

Come vorrei
essere un albero, che sa
dove nasce
e dove morirà.

Come vorrei
essere un albero, che sa
dove nasce
e dove morirà
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 11:02 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1969 - LA CASA/LA MARCIA DEI FIORI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Lun Feb 05, 2018 10:21 pm

1. TITOLO:
 
1969 - LA CASA/LA MARCIA DEI FIORI
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1417 # Data pubblicazione: Anno 1969 # Matrici: MSC 6995/MSC 6994 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 17 Novembre / Ristampato nel 1974 nella serie di dischi per l'infanzia della Cetra, con identica copertina ma con diverso numero di catalogo (SPB 13), diversa sigla alfabetica di matrice (MSCS 6995/MSCS 6994) e diversa etichetta / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
LA CASA

 
      Lato B:
LA MARCIA DEI FIORI (Rancho das flòres)

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Era una casa molto carina
Senza soffitto senza cucina
Non si poteva entrarcdi dentro
Perché non c'era il pavimento
Non si poteva andare a letto
Perché in quella casa non c'era il tetto
Non si poteva fare la pipì
Perché non c'era vasino lì

Ma era bella, bella davvero
In via dei matti numero zero
Ma era bella, bella davvero
In via dei matti numero zero

Era una casa molto carina
Senza soffitto senza cucina
Non si poteva entrarcdi dentro
Perché non c'era il pavimento
Non si poteva andare a letto
Perché in quella casa non c'era il tetto
Non si poteva fare la pipì
Perché non c'era vasino lì

Ma era bella, bella davvero
In via dei matti numero zero
Ma era bella, bella davvero
In via dei matti numero zero

Era una casa molto carina
Senza soffitto senza cucina
Non si poteva entrarcdi dentro
Perché non c'era il pavimento
Non si poteva andare a letto
Perché in quella casa non c'era il tetto
Non si poteva fare la pipì
Perché non c'era vasino lì

Ma era bella, bella davvero
In via dei matti numero zero
Ma era bella, bella davvero
In via dei matti numero zero
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Tra i miracoli della natura
che allietano il mondo da tanta sventura
la festa dei fiori è il regalo che vale di più.
E' una festa di mille profumi
più bella di tutte le grazie del cielo
e perfino del mare.
Ad esempio la rosa
è meravigliosa
e sembra una donna
che muore d'amore
in profumo ed in classe
val più delle dalie
del garofano e delle mimose
del bel tulipano e perfino
del puro e gentile lillà.

Ammirate il geranio modesto
che forse è il più onesto del grande giardino;
nel mondo dei fiori c'è chi soffre di vanità
e ammirate l'ortensia innocente
che placidamente si fa
una fama di verginità.
Sorridente e pulita c'è la margherita
che è la preferita di lui e di lei.
E scordare non posso il papavero rosso
che alle piccole api dà miele
e al mondo crudele dà gioia,
la gioia che c'è nel mio cuor.

Ed adesso parliamo del bel tulipano
e lo salutiamo in verso ed in prosa:
però cosa può in confronto alla rosa?
Ma una rosa non è solo un fiore,
una rosa è una rosa e una rosa
è una donna che muore d'amor.
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1969 - LA VITA AMICO E' L'ARTE DELL'INCONTRO (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 10:51 am

avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1969 - UNA BREVE STAGIONE/POEMA DEGLI OCCHI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 11:24 am

1. TITOLO:
 
1969 - UNA BREVE STAGIONE/POEMA DEGLI OCCHI
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1418 # Data pubblicazione: Novembre 1969 # Matrici: MSC 6973/MSC 6974 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 11-10 Novembre / Lato A: dal film "Una breve stagione" (Renato Castellani, 1969) / Pubblicato con due diverse copertine
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
UNA BREVE STAGIONE

 
      Lato B:
POEMA DEGLI OCCHI (Poema dos olhos da amada)

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo, Ennio Morricone
Orchestra: Ennio Morricone
Testo:
Mia, è la tua gioventù
Nel mare dei tuoi occhi chiari
Già so che mi perderò

Mia ,la tua felicità,
È come un vento che ci prende per mano e ci porta via

Dove andrai sarò
Nessuno al mondo può dividere due mani
Dividere noi due

Mia, per sempre mia, la tua stagione può finire
Ma ormai tu non morirai in me
Ma ormai tu non morirai in me
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Paulo Soledade
Orchestra: Ennio Morricone
 
Testo:
Amore mio
Che occhi i tuoi
Strade di notte
Piene di addio
Porti sereni
Luci lontane
Che vanno fino all'oscurità
Amore mio
Che occhi i tuoi
Quanto mistero
Negli occhi tuoi
Quanti velieri
E quante navi
Quanti naufragi negli occhi tuoi

Amore, amore
Che occhi senza Dio
Un giorno forse
Volesse Dio
Potr򠶥dere
L'umile sguardo
Della poesia degli occhi tuoi

Amore, amore
Che occhi i tuoi
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1970 - L'ARCA DI NOE'/DALL'AMERICA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 12:06 pm

1. TITOLO:
 
1970 - L'ARCA DI NOE'/DALL'AMERICA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1423 # Data pubblicazione: Anno 1970 # Matrici: MSC 7082/MSC 7083 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 13 Febbraio / Lato A: "Festival di Sanremo 1970" / Copertina di Ferruccio Piludu - Sul retro di copertina citazione di un passo della Genesi riguardante l'Arca di Noè
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
L'ARCA DI NOE'

 
      Lato B:
DALL'AMERICA

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Un volo di gabbiani telecomandati
e una spiaggia di conchiglie morte
nella notte una stella d'acciaio
confonde il marinaio
strisce bianche nel cielo azzurro
per incantare e far sognare i bambini
la luna è piena di bandieri senza vento
che fatica essere uomini
partirà
la nave partirà
dove arriverà
questo non si sa
sarà come l'Arca di Noè
il cane il gatto io e te
un toro è disteso sulla sabbia
e il suo cuore perde kerosene
e ogni curva un cavallo di latta
distrugge il cavaliere
terra e mare polvere bianca
una città si è perduta nel deserto
la casa è vuota non aspetta più nessuno
che fatica essere uomini

partirà
la nave partirà
dove arriverà
questo non si sa
sarà come l'Arca di Noè
il cane il gatto io e te

partirà
la nave partirà
dove arriverà
questo non si sa
sarà come l'Arca di Noè
il cane il gatto io e te

partirà
la nave partirà
dove arriverà
questo non si sa
sarà come l'Arca di Noè
il cane il gatto io e te

partirà
la nave partirà
dove arriverà
questo non si sa
sarà come l'Arca di Noè
il cane il gatto io e te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
(Alberta Beccaro)
Caro amico Bob e amica Joan
Dall’America voi cantate
La speranza e la paura
“We shall overcome” ha detto Joan
Ma in America chissà
Dove son finiti tutti i fiori
Tutti i fiori questa guerra li finì.

E pensare che poco tempo fa
Siamo andati tutti in America
Dimenticando il cielo
Attraversando il mare
Per cercare pane e libertà
La felicità.

Caro amico Bob e amica Joan
Dall’America voi cantate
La speranza e la paura
Di chi vuole una nuova libertà
Questa voce è una rosa che vivrà.
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 11:49 am, modificato 3 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1970 - ORIENTE/L'ORLANDO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 2:19 pm

1. TITOLO:
 
1970 - ORIENTE/L'ORLANDO
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1442 # Data pubblicazione: Anno 1970 # Matrici: MSC 7326/MSC 7327 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 2 Settembre / Lato A: "Mostra Internazionale Musica Leggera Venezia 1970" / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
Edizione Speciale, fuori commercio
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
ORIENTE

 
      Lato B:
L'ORLANDO

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Ero con te amore mio,
Leggevo un libro di avventure
Ma un sogno all'improvviso,
Un sogno forte più di me
Mi ha portato via da te

E son partito per l'Oriente
Elefanti in carovana verso il mare e l'avventura
Felice sono finalmente con la gloria e la fortuna
Andavo in giro per l'Oriente
Ma i pirati la in Malesia mi han portato via ridendo
Di me, mi han portato l'illusione, ho capito che sognavo
Erro solo e senza te

Mi son perduro nell'Oriente
Come un Vecchio marinaio inventavo le avventure
Di arrembaggi e baiadere, di naufragi e di sirene
E per le strade dell'Oriente
Io brindavo a un vecchio amore, un amore ormai perduto
Per me, io bevevo dolce amaro poco poco mi svegliavo,
Ero solo e senza te

Volevo te, amore mio,
Il sogno ormai era finito
Volve il tuo sorriso
E nel tuo abbraccio
Ritrovare l'avventure insieme a te

E son tornato dall'Oriente
Un veliero, vele al vento, senza carte e capitano
Felice, ricco senza niente ma nel cuore la speranza
Tornavo a casa dall'Oriente,
Come pioggia a primavera ritorna la stagione per me
Ricomincia l'avventura dell'amore mio per te,
Dell'amore mio por te

Come pioggia a primavera ritorna la stagione per me
Ricomincia l'avventura dell'amore mio per te,
Dell'amore mio por te
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
[Ascoltate brava gente cosa dicono i Cristiani dei feroci Musulmani:]
Ecco sono arrivati i Mori, avanza già la mezzaluna
E sulle mura di Palermo, di Granada e Barcellona
Non parlano latino (la pelle la hanno scura)
Han fatto a pezzi un frate (il Papa ne ha paura)
Non sanno il Paternoster, distruggono le vigne,
non mangiano il maiale, hanno mogli cento e mille

Guerra, guerra nel nome del Signore dalla Francia all’Inghilterra
Per la fede e per l’onore aspettano la spada nel terrore dell’Islam
L’Orlando

[Or diciamo senza offesa i fedeli di Maometto, dei Cristiani cosa han detto:]
Ecco sono partiti i matti con i pennacchi e i gonfaloni
C’è un vescovo a cavallo e dietro gli straccioni
Bestemmiano in latino (in sassone ed in franco)
Si schiacciano i pidocchi (sul mento rosso e bianco)
Si bevono le vigne, si rubano il maiale, han cento concubine ma la moglie è chiusa a chiave

Guerra, guerra nel nome del profeta
Dalla Mecca a Gibilterra tutti pronti a dar la vita
E la testa taglieremo al nemico dell’Islam
L’Orlando

Era un terremoto l’Orlando, il cavalier senza paura, con la spada durlindana, una forza di natura
Ha rotto mille teste (in mille guerre sante)
Salvò regine bionde (dal drago e dal gigante)
Ma da quando Carlo Magno l’ha fatto il paladino
Dimentica gli amici per le femmine ed il vino

Guerra guerra ma l’Orlando è innamorato
Solo Angelica la bella dritto al cuore l’ha ferito,
La forza ormai gli manca e più non guarirà
L’Orlando

Era innamorato L’Orlando e nel dolcissimo duello
Anche un grande capitano può rimetterci il cervello
L’han visto mezzo nudo (ormai è proprio matto)
Ormai il suo nemico (lo porta in mezzo al petto)
E i Mori a cento e a mille conservano la testa
Se in casa non c’è il gatto tutti i topi fanno festa

Guerra, guerra ma l’Orlando non ci viene
C’è chi dice che è un vigliacco, e chi dice che fa bene
Ma c’è un solo uomo al mondo che sa la verità
L’Orlando

Ma c’è un solo uomo al mondo che sa la verità
L’Orlando
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1970 - L'ARCA DI NOE' (Doppio L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 2:37 pm

1. TITOLO:
 
1970: L'ARCA DI NOE'
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: LPX 5/6 # Data pubblicazione: Anno 1970 # Matrici: MLCS 7155/MLCS 7156/MLCS 7157/MLCS 7158 # Genere: Pop # Supporto: Doppio vinile 33 giri # Tipo audio: Strereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 4
 
Note: Data matrici: 10 Aprile / Registrato dal vivo il 7 Marzo 1970 al Piccolo Teatro di Milano da Lazlo "Pippo" Rizza / Fotografia di Vanzetti - Grafica di Ferruccio Piludu
 
 
2. RECENSIONE:
 
L'arca di Noè è il primo album dal vivo del cantautore italiano Sergio Endrigo, pubblicato dalla Fonit Cetra nel 1970. È un album doppio, registrato dal vivo il 7 marzo 1970 al Piccolo Teatro di Milano.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: L'ARCA DI NOE'
 
  
 
      
 
 
4. TRACK LIST di: L'ARCA DI NOE' 1° Tempo
 
 
 


 
 
Lato B: 7
PLAISIR D'AMOUR

 

Autori: Tradizionale
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
 
 
5. TRACK LIST di: L'ARCA DI NOE' 2° Tempo
 
 
 



 
LATO A: 4
SE E' LONTANA, RAPHAEL

 
      Lato B: 4
DI QUESTE CASE...

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com
     
Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Ci dispiace ma il testo al momento non è disponibile in rete, puoi comunque vedere (e/o ascoltare) il video. Puoi contribuire inviando i testi mancanti saxismawe@gmail.com

 


Ultima modifica di mauro piffero il Ven Feb 16, 2018 11:08 am, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1971 - UNA STORIA/LETTERA DA CUBA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 6:27 pm

1. TITOLO:
 
1971 - UNA STORIA/LETTERA DA CUBA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1452 # Data pubblicazione: Anno 1971 # Matrici: MSC 7669/MSC 7670 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 17 Febbraio / Lato A: "Festival di Sanremo 1971" / Incisione in copertina di Edolo Masci - Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
UNA STORIA

 
      Lato B:
LETTERA DA CUBA

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Una storia che credevo senza fine
e oggi mi sento solo, in compagnia
torni a casa e sembra lunga la strada
dove ieri felice tu correvi, incontro a lei.
Felicità che non torna più, con la poesia
guardi il mare, vuoi andar via
nostalgia di libertà.

Come un uccello vola e va
al primo freddo se va
nessuno sa se un giorno tornerà
intanto vola, intanto va
intanto vola e se ne va
intanto vola, intanto va
intanto vola e se ne va.

Una storia che ritorna come prima
e oggi tu credi ancora, nella poesia
prati verdi e fiori gialli
nei sogni e nei pensieri
ti svegli e già dorridi, pensando a lei.
Con te ritorna la gioventù e l’allegria
per i tuoi occhi amica mia,
vedo ancora la libertà.

Come un uccello vola e va
lascia il suo nido e se va
nessuno sa se amore troverà
intanto vola, intanto va
intanto vola e se ne va
intanto vola, intanto va
intanto vola e se ne va
intanto vola, intanto va
intanto vola e se ne va
intanto vola e se ne va.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Se ti scrivo da Cuba
Non è perché mi annoio qui
Mi diverto e son contento
Palme verdi e mare blu
Qui la gente lavora duro
E sta sognando cose che forse tu non sai
Tu non sai
Ma oggi è domenica anche qui
Si fanno cose che tutto il mondo fa
La gente per un giorno pensa solo a se
E io penso a te
Penso solo a te
Io ti scrivo da Cuba
Ma non mi sento solo no
Qui la gente sta cantando
Quel che sa è che sta imparando
Partia o muerte o venseremo
E sta vivendo cose che
Dove stiamo noi
Che tu non sai
Ma oggi è domenica anche qui
E c’è chi mi sorride un po’ di più
Ma io vorrei sapere
Se era amaro anche il tuo caffè
Se hai pensato a me
Come penso a te
Se ti scrivo da Cuba
Non è perché mi sento giù
Questa sera voglio uscire
Occhi neri e cha cha cha
Cuba è sveglia e sta ballando
Finchè il sole sorgerà
Cuba è sveglia e sta ballando
Finchè il sole sorgerà
Cuba è sveglia e sta ballando
Finchè il sole sorgerà
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1971 - LA PRIMA COMPAGNIA/LE PAROLE DELL'ADDIO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 8:01 pm

1. TITOLO:
 
1971 - LA PRIMA COMPAGNIA/LE PAROLE DELL'ADDIO
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1464 # Data pubblicazione: Anno 1971 # Matrici: MSC 7957/MSC 7956 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 9 Novembre
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
LA PRIMA COMPAGNIA

 
      Lato B:
LE PAROLE DELL'ADDIO

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Se c’è chi ha tanto dato e poco ha avuto
Tu non sei certo amica mia
Io questa sera bevo alla salute
Della mia prima compagnia

Voglio parlare dell’amore
Proprio di quello che ho pagato
In questa vita tanto avara
Si paga tutto e ben pesato

Amore facile di un’ora
Dove non giochi la tua vita
C’è un po’ di gioia e mai dolore
Chiudi la porta ed è finita

Io sono un uomo e non un santo
A volte mentivo una carezza
Allora era gratuito e non mi vanto
Anch’io cercavo tenerezza

Poi si parlava in confidenza
Di vecchie storie di famiglia
Di cose tristi e di violenza
Di chi dà niente e tutto piglia

Non ho vergogna né rimpianti
Non ho domande né risposte
Ho perso i giorni e sono tanti
Ma li ricordo e tanto basta

La cosa valeva ben la spesa
E la paura e il pentimento
La sera gli altri chiusi in casa
E noi andando contro il vento

Ma quando le incontro per la strada
Mi fanno un poco di tristezza
E penso sempre a dove cade
Il fiore della giovinezza

Se c’è chi ha tanto dato e poco ha avuto
Tu non sei certo amica mia
Io questa sera canto e la saluto
Quella mia prima compagnia
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Le parole dell’addio
Sono false sono di Giuda
Sono false come il fumo
Che si perde nel vento
Sanno di vino amaro
Di frutti tante volte caduti
A marcire tra l’erba
Le parole dell’addio

Le parole dell’addio
Sono il sale sulla ferita
Invenzioni di paura
In notti solitarie
Sanno di voci perdute
Di strade tante volte percorse
Che ti portano indietro
Le parole dell’addio

Abbiamo detto parole d’amore
Scintillanti come stelle
Scintillanti nel cielo del sud
Fresche come l’acqua d’estate
Bevuta dopo tanto deserto
Lasciamole là ferme e sospese
Nel sonno di quella notte
Sospese come stelle nell’aria
Non parlare amore mio
Vedi ho già parlato io
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1971 - NUOVE CANZONI D'AMORE (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 9:07 pm

1. TITOLO:
 
1971: NUOVE CANZONI D'AMORE
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: LPB 35038 # Data pubblicazione: Novembre 1971 # Matrici: MLCS 7954/MLCS 7955 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 8 Novembre / Copertina apribile con all'interno i testi delle canzoni - Sul retro di copertina un componimento poetico ed una breve nota di presentazione del disco di Sergio Endrigo / "Ljubica" è cantata in francese - Il testo di "A mio favore" è la traduzione della lirica "A meu favor" di Alexandre O'Neill
 
 
2. RECENSIONE:
 
Nuove canzoni d'amore è un album del cantautore italiano Sergio Endrigo, pubblicato dall'etichetta discografica Cetra nel 1971.

Gli arrangiamenti sono curati da Luis Enríquez, che dirige l'orchestra.

Dal disco viene tratto il singolo La prima compagnia/Le parole dell'addio.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: NUOVE CANZONI D'AMORE
 
   
 
      
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: NUOVE CANZONI D'AMORE
 
Lato A Lato B

  • A01 LA PRIMA COMPAGNIA
  • A02 ERANO PER TE
  • A03 MA DICO ANCORA PAROLE D'AMORE
  • A04 LJUBICA
  • A05 QUANDO TU SUONAVI CHOPIN


  • B01 LE PAROLE DELL'ADDIO
  • B02 IO CHE VIVO CAMMINANDO
  • B03 A MIO FAVORE
  • B04 CHI SEI?
  • B05 QUANDO TI LASCIO (Will you miss me whan i'm gone)
 
 



 
 
Lato A: 2
ERANO PER TE

 
      Lato B: 2
IO CHE VIVO CAMMINANDO

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Erano per te
Le rose che piantavo
Le storie che inventavo
Le notti che sognavo
Le canzoni che cantavo
Erano per te
Il mare quando è buono
Il grano già maturo
Uccelli ad ali aperte
Erano per te
Io che ti cercavo
Io che già ti amavo
Che ti amavo

Erano per te
La rosa che moriva
La storia che finiva
La notte che ti odiava
La canzone più cattiva
Erano per te
Il mare quando è chiuso
Il cielo quando è scuro
Luccello prigioniero
Erano per te
Io che già partivo
Io che non ti amavo
Non ti amavo
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Io Che vivo camminando
Oggi resto qui per te
L'orizzonte è chiaro
Si calma il mare
La luna è gonfia di luce
Come il mio desiderio
Stasera
Vedo bambini tornare
Verso casa in allegria
Tornano nel vento
Freschi di mare
Le guerre sono finite
Finite per sempre
Stasera
Voglio cento mani
Per afferrarmi alla vita
Vioglio cento mani
Voglio nel tuo giardino
Trovare pace anch'io
Nel tuo giardino
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
MA DICO ANCORA PAROLE D'AMORE

 
      Lato B: 3
A MIO FAVORE

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Musy
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
So che domani come oggi non sarà
E che ogni cosa nasce per morire
Ma dico ancora parole d’amore

So che tu vivi alla giornata come me
E che alla fine non resta che il dolore
So che la vita è la mia sola eternità
Ma dico ancora parole d’amore

E non m’importa chi le ascolterà
E non m’importa se tu le capirai
So che al tuo gioco ancora perderò
Ma dico ancora parole d’amore
 
Fonte: QUI
     
Autori: Cesare Andrea Bixio
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
A mio favore
Ho il verde segreto dei tuoi occhi
Le parole di odio le parole d'amore
Il tappeto che partirà per l'infinito
Questa notte o la notte che verrà

A mio favore
Ho i muri che insultano sottovoce
Ho il rifugio sicuro sopra il mormorio
Ostinato della vita che ancora verrà
Ho la barca nascosta tra le foglie
Il giardino dove l'avventura ricomincerà
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
LJUBICA

 
      Lato B: 4
CHI SEI?

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Note: "LJUBICA" è cantata in francese... viene inserita esclusivamente per "doverosa" documentazione!
 
Testo:
Je m'premenais par les Balkans
e Sarajevo à Dieu sait où
Au millieu d'brumeux palais
Pleins de memoires
Les boulevards dèjà jaunis
L'hiver se glisse dans mou coeur
Et soudain sans y songer
J'ai recontrè la joie

Oh ljepa Ljubica Ljubica
Avec tes dixsept ans
Sur ta bouche et tes cheveux
Odeur de mer et du printemps
Ljubica Ljubica
Ton beau rire dans ta gorge
Est comme un fleuve qui vient à moi

Tu Dessines mon visage
Me touchant du bout du doigt
Tu dis q'ton coeur
Est trop petit pour moi
Dans le champre liberty
Les rideaux dèjà tirès
Ton parfum sur l'oreiller
Tu peux me croire, j'ètais content

Oh moja Ljubica Ljubica
J'oublie tout mon passè
Le present ca m'fait du mai
Si je pense au lendemain
Ljubica Ljubica
Tu me donnes à pleines mains
L'illusion d'avoir vingt ans

C'ètait pareil à la chanson
Que tue les reves au petit jour
Le soleil fait un p'tit tour
Et fit le soir
Le train noir qui t prenda
Dernier sourire dans la fumèe
Nou crion "on se verra"
Mais nul n'y croit, ni toi ni moi

Souviens toi Ljubica Ljubica
Et moi j'essais de rire
Puis je perds au premier bar
L'illusion d'avoir vingt ans,
Ljubica Ljubica
Sur ta bouche et dans ton crops
Odeur de mer et du printemps
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Sergio Endrigo, Toquinho
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov

 
Testo:
Tu chi sei? chi sei?
Per quale strada sei venuta fino a me?
È stato il vento, la fortuna
O il desiderio che ho di te?

Chi sei? chi sei?
Vuoi fare il nido proprio qui
O sei soltanto la farfalla
Che si posa sulla mano e se ne va?

Mi hai portato la gioia che cercavo
E non trovavo più
O l’ultimo dolore

Che non si scorda mai
Mi hai portato l’amore o l’avventura
Paura o nostalgia
Dovrò morire ancora
Di pena o allegria?

Chi sei? chi sei?
Fino a domani fino a sempre ti vorrei
Ma non vorrei morire prima
Di sapere finalmente chi sei
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
QUANDO TU SUONAVI CHOPIN

 
      Lato B: 5
QUANDO TI LASCIO (Will you miss me whan i'm gone)

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Quando tu suonavi Chopin
Io seguivo le tue bianche mani
Ti venivo vicino vicino
Respiravo nei tuoi capelli
E la sera quando per caso
Noi si restava un po' soli
Il mio desiderio il mio sangue
Si accendeva per te
Vorrei sapere se aspettavi un gesto mio
Se lo stupido ero solo io
Ma questo lo sa Dio
Ho scordato anche il tuo nome
Ma ricordo ancora il tuo odore
E il mio desiderio il mio sangue
E il tuo caro Chopin
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, tradizionale
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Stringi forte la mia mano e felice ti farò
Quando poi sarò lontano il corpo mio rimpiangerai
Quando ti lascio io ti lascio sempre un po' di me
Vivo e muoio solo in te
Se mi resterai vicino io con te dividerò
Il mio letto il pane e il vino fino a quando forza avrò
Se tu mi lasci tu mi lasci sempre un po' di te
Vivi e muori solo in me
E se un giorno il tempo avaro questo fuoco spegnerà
Sui miei occhi te lo giuro l'amore tuo rimpiangerò
 
Fonte: QUI
 

 


Ultima modifica di mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 4:58 pm, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1972 - ANGIOLINA/LA PRIMA COMPAGNIA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 9:26 pm

1. TITOLO:
 
1972 - ANGIOLINA/LA PRIMA COMPAGNIA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1471 # Data pubblicazione: Anno 1972 # Matrici: M 8081/M 7957 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 5 Aprile-29 Marzo / Lato A: "Un Disco per l'Estate 1972" / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
ANGIOLINA

 
      Lato B:
LA PRIMA COMPAGNIA

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:

Che nome antico ti han dato Angiolina
Sa di chiesa d’incenso e di santi
Processioni del sud
E invece odori di terra bagnata
Di erba verde appena tagliata
Alga di mare
Che arriva morirà
Alga di mare

Oh Angiolina,
Bella Angiolina
Se esiste il cielo
Stai sicura tu ci andrai
Ma Angiolina
È primavera
Apri la porta
Il tuo paradiso è qui
Oh Angiolina
Angiolina
Apri la porta
Il tuo paradiso è qui

Quante notti d’estate Angiolina
Hai pregato per spegnere il fuoco
Gelsomino del sud
Per te l’amore rimane un segreto
Non puoi sapere se hai vinto o hai perduto
Onda di mare
Che arriva finirà
Onda di mare

Oh Angiolina
Dolce Angiolina
Quanto hai vissuto
Conti e conti e non lo sai
Oh Angiolina
È tardi è sera
Chiudi la porta
più nessuno busserà
Oh Angiolina
Angiolina
Chiudi la porta
Più nessuno chiamerà

Oh Angiolina
Angiolina
Se esiste il cielo
Stai sicura tu ci andrai
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Se c’è chi ha tanto dato e poco ha avuto,
tu non sei certo amica mia.
Io questa sera bevo alla salute
della mia prima compagnia.

Voglio parlare dell’amore,
proprio di quello che ho pagato.
In questa vita tanto avara
si paga tutto e ben pesato.

Amore facile di un’ora,
dove non giochi la tua vita.
C’è un po’ di gioia e mai dolore,
chiudi la porta ed è finita.

Io sono un uomo e non un santo,
a volte mentivo una carezza.
Allora era gratuito e non mi vanto,
anch’io cercavo tenerezza.

Poi si parlava in confidenza
di vecchie storie di famiglia.
Di cose tristi e di violenza,
di chi dà niente e tutto piglia.

Non ho vergogna né rimpianti,
non ho domande né risposte.
Ho perso i giorni, e sono tanti,
ma li ricordo, e tanto basta.

La cosa valeva ben la spesa
e la paura e il pentimento.
La sera gli altri chiusi in casa
e noi andando contro il vento.

Ma quando le incontro per la strada
mi fanno un poco di tristezza.
E penso sempre a dove cade
il fiore della giovinezza.

Se c’è chi ha tanto dato e poco ha avuto,
tu non sei certo amica mia.
Io questa sera canto e la saluto
quella mia prima compagnia.
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1972 - IL PAPPAGALLO/SAN FRANCESCO (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 10:03 pm

1. TITOLO:
 
1972 - IL PAPPAGALLO/SAN FRANCESCO
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1484 # Data pubblicazione: Anno 1972 # Matrici: M 8179/M 8180 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 3 Luglio / Nota di presentazione di Vinicius de Moraes sul retro copertina / Pubblicato contemporaneamente con un interno estraibile dalla copertina, parzialmente leggibile dal balloon (perciò vuoto al suo interno) e recante su entrambi i fronti la parte iniziale della presentazione / Ristampato nel 1974 nella serie di dischi per l'infanzia della Cetra, con identica copertina ma con diverso numero di catalogo (SPB 14), diversa sigla alfabetica di matrice (MSCS 8179/MSCS 8180) e diversa etichetta (vedi link "Altre immagini") / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
      
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
IL PAPPAGALLO

 
      Lato B:
SAN FRANCESCO

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Ma che bello pappagallo
Tutto verde l’occhio giallo
Cosa fai che cosa vuoi
Parli parli parli parli
Parlo parlo parlo parlo
Ma che bello pappagallo
Tutto verde l’occhio giallo
Ma che bello pappagallo
Parlo parlo parlo sì
Tutto verde l’occhio giallo
Ma che è bello pappagallo

Ma che triste pappagallo
Tutto verde l’occhio giallo
Se sei triste cosa fai
Canti canti come un gallo
Canto canto canto canto
Sono un triste pappagallo
Sempre solo come un gallo
Sono un triste pappagallo
Canto canto canto sì
Sempre solo come un gallo
Sono un triste pappagallo

Pappagallo poverino
Tu sei vecchio e sei bambino
Chi lo sa quanti anni hai
Un bambino di cent’anni
Piango e rido piango e rido
Pappagallo poverino
Ho cent’anni e son bambino
Pappagallo poverino
Ho cent’anni e son bambino
Pappagallo poverino

Pappagallo brasiliano
Il Brasile ormai è lontano
Tu che libero sei nato
Te lo sei dimenticato
Tu che libero sei nato
Te lo sei dimenticato
Parli forte e pensi piano
Pappagallo brasiliano
Te lo sei dimenticato
Parli forte e pensi piano
Pappagallo brasiliano
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Paulo Soledade
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Guarda San Francesco
Sul suo cammino
A piedi nudi
Il poverino
Dorme la notte
Presso il mulino
Divide il pane
Col contadino
Guarda San Francesco
Che va bel bello
E non ha niente
Nel suo fardello
Saluta il vento
Buon giorno amico
E dice al fuoco
Sei mio fratello
Guarda San Francesco
Sul suo cammino
Che porta in braccio
Gesù Cristino
Inventa giochi per il Bambino
Racconta favole all’uccellino
Guarda San Francesco
Sul suo cammino

Guarda San Francesco
Guarda San Francesco Francesco
Guarda San Francesco
Guarda San Francesco
Sul suo cammino
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1972 - LA PULCE/LA PAPERA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mar Feb 06, 2018 10:45 pm

1. TITOLO:
 
1972 - LA PULCE/LA PAPERA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1504 # Data pubblicazione: Anno 1972 # Matrici: M 8507/M 8506 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 7 Marzo / Lato B: Interpreti: Vinicius de Moraes, Sergio Endrigo / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
LA PULCE

 
      Lato B:
LA PAPERA

 
     


Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Toquinho
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Un due tre
Quattro cinque e sei
Un saltino e sono sulla gamba di costei
Un due tre
Quattro cinque e sei
Mi permetta un morsettino
Scusi non ce l’ho con lei
Un due tre
Quattro cinque e sei
La pancina adesso è piena
Ciao goodbye aufwiedersen
 
Fonte: QUI
     
Interpreti: Vinicius de Moraes, Sergio Endrigo
Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Toquinho
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Guarda la papera che papere che fa
Guarda la papera che si impapererà
Guarda la papera che papere che fa
Guarda la papera che si impapererà
La papera sciocca fa sempre macelli
Vorrebbe volare come gli altri uccelli
Per cui è cascata in groppa al cavallo
Che l’ha scaricata su un paracarro
E poi si è pappata una patata
Ed è quasi morta morta strozzata
E tante ne ha fatte la mia paperella
Che poi è finita finita in padella
Ma tante ne ha fatte la mia paperella
Che poi è finita finita in padella
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1972 - L'ARCA (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 10:03 am

1. TITOLO:
 
1972: L'ARCA
 
# Etichetta: FONIT-CETRA # Catalogo: lpb 35044 # Data pubblicazione: Anno 1972 # Matrici: 8334/8335 # Genere:
Latin, Children's # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Registrato e distribuito Studi Fonit/Cetra Mialno-Torino / Ortophonic Roma / Sonic Roma.
Tipolitografia Silvestrelli & Cappelletto - Torino
 
 
2. RECENSIONE:
 
L'arca è un album interpretato da artisti vari, nato dalla collaborazione artistica di Sergio Endrigo e Vinicius De Moraes, e pubblicato dalla Fonit Cetra (per la serie di musica per bambini "LPB") nel 1973.

Nel disco vengono raccolte dodici canzoni per bambini dedicate agli animali. Fra queste, Il pappagallo è la più conosciuta. La title-track L'arca non va confusa con la quasi omonima L'arca di Noè, portata al Festival di Sanremo 1970 dallo stesso Endrigo in abbinamento con Iva Zanicchi. I testi e le musiche originali sono di Vinicius De Moraes, poeta e compositore brasiliano, mentre gli adattamenti in italiano sono stati effettuati da Endrigo con la collaborazione di Sergio Bardotti e Luis Bacalov (a quest'ultimo si devono anche gli arrangiamenti).

Oltre agli stessi Endrigo e De Moraes, ai brani partecipano vari cantanti e gruppi: The Plagues, Marisa Sannia, i Ricchi e Poveri, Vittorio De Scalzi dei New Trolls.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: L'ARCA
 
      
 
   
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: L'ARCA
 
Lato A Lato B

  • A01 L'ARCA
  • A02 LE API
  • A03 IL GATTO
  • A04 IL PAPPAGALLO
  • A05 LA PAPERA
  • A06 LA FOCA


  • B01 LA PULCE
  • B02 LA BELLA FAMIGLIA
  • B03 SAN FRANCESCO
  • B04 LOROLOGIO
  • B05 IL PINGUINO
  • B06 PICCININA
 
 


 
 
Lato A: 1
L'ARCA

 
      Lato B: 1
LA PULCE

 
     

Autori: Vinicius De Moraes, Toquinho, Sergio Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Ecco là l’arcobaleno
La colomba lo accompagna
Scorre limpido e contento
Il ruscello di montagna
Sotto il velo trasparente
Della pioggia inargentata
Brilla il sole allegramente
Dal torrente alla cascata

Si apre la porta dell’arca
Ne vien fuori lieta e franca
L’imponente barba bianca
Del prudente Patriarca
E Noè vedendo intorno
Tante morbide colline
Dice guarda che bel posto
Per piantare le mie vigne

Scendono tutti di corsa
Gli animali dal barcone
Litiga il topo con l’orsa
La formica col leone
Cercano tutti l’uscita
Con le zampe e con le ali
Per la rabbia e la paura
Gridan tutti gli animali

Non attaccarti alle ali
Dice l’aquila al canguro
E fatemi posto maiali
L’elefante contro il muro
Io sono un’ape regina
Quì di re non ce n’è più
Ora siamo tutti uguali
Io davanti e dopo tu
Prima le donne e i bambini
Fa la tigre col tigrotto
Non mi pestate cretini
Il serpente dal di sotto
Litiga il cane col gatto
Come sempre già si sa
E sarà la stessa storia
Fin che il mondo cambierà

Dileguò l’arcobaleno
E ricominciò la storia
E spuntò la luna piena
Sopra tutta la baldoria
E Noè fu ben contento
Dopo tanta e tanta guerra
Di sentire quella notte
Tanta pace sulla terra
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes, Toquinho
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Un due tre
Quattro cinque e sei
Un saltino e sono
Sulla gamba di costei

Un due tre
Quattro cinque e sei
Mi permetta un morsettino
Scusi non ce l’ho con lei

Un due tre
Quattro cinque e sei
La pancina adesso è piena
Ciao good bye auf wiedersehen

Un due tre
Quattro cinque e sei
Un saltino e sono
Sulla gamba di costei

Un due tre
Quattro cinque e sei
Mi permetta un morsettino
Scusi non ce l’ho con lei

Un due tre
Quattro cinque e sei
La pancina adesso è piena
Ciao good bye auf wiedersehen

Un due tre
Quattro cinque e sei
Un saltino e sono
Sulla gamba di costei

Un due tre
Quattro cinque e sei
Mi permetta un morsettino
Scusi non ce l’ho con lei

Un due tre
Quattro cinque e sei
La pancina adesso è piena
Ciao good bye auf wiedersehen
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
LE API

 
      Lato B: 2
LA BELLA FAMIGLIA

 
     

Autori: Vinicius De Moraes, Sergio Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Le api operaie
van via di mattina
per la bella pancia
dell’ape regina.

Ronza l’ape che ronza
dalla rosa al geranio,
ronza l’ape che ronza
dalla rosa al geranio;

dal geranio alla dalia,
dalla dalia alla viola.
Ronza l’ape che ronza
poi ritorna alla rosa.

Guarda guarda quanto miele
fan le api del cielo;
guarda guarda quanto miele
fan le api del cielo.

Guarda guarda quanto miele
fan le api del cielo;
guarda guarda quanto miele
fan le api del cielo.

E l’ape regina
Che è il presidente
Ingrassa la pancia
E non fa mai niente
 
Fonte:
     
Autori: Vinicius De Moraes, Toquinho, Sergio Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Erano proprio una bella famiglia
Popolarissimi in Radio e TV
Nonno trombone un po’ brontolone
Babbo fagotto in panciotto e bambù
Mamma trombetta figliola diletta
Di nonna tuba che russa laggiù
Quattro bambini sax e clarini
Disciplinati bene educati
Quando era festa
Dopo la Messa
Cantavano così:
Si si si la sol fa mi re
La musica è quì
Re re mi re si
Cantate con me
Mi mi fa sol re
Con mamma e papà
Mamma tuba papà

Babbo fagotto una sera in salotto
Nonno trombone ubriaco trovò
E in un pistone gli diede un cazzotto
Che nonna tuba con lui si arrabbiò
La confusione man mano aumentava
Mamma trombetta impazzita gridò
Ma più nessuno la rispettava
Mancava a tutti un venerdì
Anche i bambini sax e clarini
Gridavano così:
Si si si la sol fa mi re
La musica è quì
Re re mi re si
Cantate con me
Mi mi fa sol re
Con mamma e papà
 
Fonte: [url=https://wikitesti.com/la_bella_famiglia/]QUI
 
 
Lato A: 3 Canta MARISA SANNIA
IL GATTO

 
      Lato B: 4
L'OROLOGIO

 
     

Autori: Vinicius De Moraes, Bardotti, Luis Enriquez Bacalov
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Con un bel salto lesto e sicuro
il gatto passa dal suolo al muro
poi ci ripensa ed ecco al volo
passa di nuovo dal muro al suolo.

Con un bel salto lesto e sicuro
il gatto passa dal suolo al muro
poi ci ripensa ed ecco al volo
passa di nuovo dal muro al suolo.

Quindi con passo quatto quatto
fa l’agguato il gatto matto
fa l’agguato il gatto matto
all’uccellino:

si ferma a un tratto come abbagliato
poi come un razzo schizza di lato,
si ferma a un tratto come abbagliato
poi come un razzo schizza di lato,
dalla grondaia salta sul tetto
a caccia grossa di qualche insetto.

Con un bel salto lesto e sicuro
il gatto passa dal suolo al muro
poi ci ripensa ed ecco al volo
passa di nuovo dal muro al suolo.

Quindi con passo quatto quatto
fa l’agguato il gatto matto
fa l’agguato il gatto matto
all’uccellino:

si ferma a un tratto come abbagliato
poi come un razzo schizza di lato,
infine stanco di questa danza
si fa un bel bagno:

passa la lingua sopra la panza
passa la lingua sopra la panza
passa la lingua sopra la panza.
 
Fonte: QUI
     
Autori: De Moraes, Soledade, Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Passa il tempo tic e tac tic e tac e vola via
Giorno e notte tic e tac tic e tac e così sia
Passa il tempo passa in fretta con la noia e l’allegria
Sono molto molto stanco più non penso più non dormo
Faccio solo tic e tac tic e tac notte e giorno
Giorno e notte tic e tac tic e tac notte e giorno

Passa il tempo tic e tac tic e tac e vola via
Giorno e notte tic e tac tic e tac e così sia
Passa il tempo passa in fretta con la noia e l’allegria
Sono molto molto stanco più non penso più non dormo
Faccio solo tic e tac tic e tac notte e giorno
Giorno e notte tic e tac tic e tac notte e giorno

Passa il tempo tic e tac tic e tac e vola via
Giorno e notte tic e tac tic e tac e così sia
Passa il tempo passa in fretta con la noia e l’allegria
Sono molto molto stanco più non penso più non dormo
Faccio solo tic e tac tic e tac notte e giorno
Giorno e notte tic e tac tic e tac notte e giorno
Tic e tac tic e tac notte e giorno
Tic e tac tic e tac notte e giorno
Tic e tac tic e tac notte e giorno
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5 Canta SERGIO ENDRIGO
LA PAPERA

 
      Lato B: 5 Canta MARISA SANNIA
IL PINGUINO

 
     

Autori: Vinicius De Moraes, Toquinho, Sergio Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Guarda la papera che papere che fa
Guarda la papera che si impapererà
Guarda la papera che papere che fa
Guarda la papera che si impapererà

La papera sciocca fa sempre macelli
Vorrebbe volare come gli altri uccelli
Per cui è cascata in groppa al cavallo
Che l’ha scaricata su un paracarro

E poi si è pappata una patata
Ed è quasi morta morta strozzata
E tante ne ha fatte la mia paperella
Che poi è finita finita in padella

Ma tante ne ha fatte la mia paperella
Che poi è finita finita in padella
 
Fonte:
     
Autori: Vinicius De Moraes, Sergio, Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Pinguino pinguì
Vestito così
Hai l'aria importante
Il frack elegante
E nero fiammante
Col bianco gilet
Vestito così
Mi sembri un cantante
O un ambasciatore
E come cammini
Mi sembri il ritratto
Del mio professore
Pinguino pinguì
Non fare così
Non correre via
Non sono cattiva
E non devi avere
Paura di me
A me piacerebbe
Scattarti soltanto
Una fotografia
E darne una copia
A tutti i pinguini
Che incontro per via
Pinguino mio pinguino
Pinguino frettoloso
Pinguino sospettoso
Pinguino vanitoso
Ma dove vai?
 
Fonte: [url=https://www.justsomelyrics.com/1199964/sergio-endrigo-vinicius-de-moraes-il-pinguino-lyrics.html]QUI
 
 
Lato A: 6 Canta SERGIO ENDRIGO
LA FOCA (A foca)

 
      Lato B: 6 Canta VINICIUS DE MORAES
PICCININA

 
     

Autori: Toquinho, Vinicius De Moraes, Sergio Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
La foca ride
Ride felice
Col tuo pallone
Sulla narice
La foca batte
Le due manine
Se tu le butti
Cinque sardine
La foca grida
Grida di rabbia
Soffre il solletico
Alla pancia
Povera foca
Entra nel circo
Tiene un pallone
In equilibrio
Povera foca
Sale le scale
E giù ne scivola
Sembra ruotare
Povera foca
Come si affanna
Per la sardina quotidiana

Siori e Siori venite a vedere le foche del nostro circo
Ecco Marianna la foca francese che vi sta facendo vedere le gambe pardon le pinne
La foca ride
Ride felice
Col tuo pallone
Sulla narice
La foca batte
le due manine
Se tu le butti
Cinque sardine
La foca grida
Grida di rabbia
Soffre il solletico
Alla pancia

Ed ecco Sam la foca americana mezza bianca e mezza negra
Laureata in ingegneria biologia in allergia e mia zia
Gioca a pingpong e regala sigarette a Natascia la foca russa
Ed eccola quà Natascia la foca russa
Butta in aria una falce e il martello
Ohhh! Ecco che ricadono! Peccato!
La falce le ha tagliato il baffo sinistro
Ed il martello le ha fatto un bernoccolo sulla capoccia
Povera foca
Entra nel circo
Tiene un pallone
In equilibrio
Povera foca
Sale le scale
E giù ne scivola
Sembra ruotare
Povera foca
Come si affanna
Per la sardina quotidiana

E tu Pulcinella con tutte ’ste focacce straniere non capisci più niente eh!
Guardate come è triste la foca italiana.
Pulcinella non sei più tu!
Ma dai cantagli “O sole mio”.
Povera foca
Entra nel circo
Tiene un pallone
In equilibrio
Povera foca
Sale le scale
E giù ne scivola
Sembra ruotare
Povera foca
Come si affanna
Per la sardina quotidiana
 
Fonte: QUI
     
Autori: De Moraes, Toquinho, Bardotti
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:

Piccinina mi piaci così
Alta solo tre palmi
Per sempre così
Piccinina che se crescerai
Nella mia canzone
Così resterai
Donna in miniatura
Che a volte fa finta
Di avere paura
Del vecchio babau
Piccinina che amore che sei
Un cosino così
Che civetta con me
Io vorrei starti accanto di più
Questo mondo è cattivo
Cattivi anche tu
Troverai presto o tardi
Chi ti ingannerà
Perché il mondo è la casa
Di molti babau
Stai così stai così stai così
E ricordami quando anche tu soffrirai
E non dimenticarti di me
Quando anche tu saprai
Cos’è amare come amai
 
Fonte: QUI
 

 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1973 - ELISA/ANTIQUA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 4:05 pm

1. TITOLO:
 
1973 - ELISA /ANTIQUA
 
# Etichetta: CETRA # Catalogo: SP 1506 # Data pubblicazione: Anno 1973 # Matrici: M 8481/M 8482 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 3 Marzo-1 Marzo / Lato A: "Festival di Sanremo 1973" / Copertina di Ferruccio Piludu
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
ELISA ELISA

 
      Lato B:
ANTIQUA

 
     

Autori: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Ascolta elisa,
Ho voglia di parlare
E non di far l'amore.
Senza voglia e senza amore.
Stasera non mi va.

Elisa elisa,
Di tanto cielo attraversato,
Di tante notti ad occhi aperti
Sono rimaste poche stelle
E stan cadendo ad una ad una.

Il bimbo ha perso l'aquilone
Che gli piaceva tanto
E lo portava in alto
Insieme a te.

Elisa elisa, elisa rosa.
Elisa elisa, elisa casa.
Elisa amica in casa mia.
Elisa l'acqua, elisa il mare.
Elisa il vento che mi porta via.
Elisa dolce.
Elisa mia.

Elisa elisa, elisa rosa.
Elisa elisa, elisa casa.
Elisa amica in casa mia.
Elisa notte, elisa ancora.
Elisa la voglia della prima volta.
Elisa nuda.
Elisa sì.

Ascolta elisa,
Volevo essere il più forte,
Il più grande, il più sincero.
Avevo vinto tante volte,
Volevo vincere con te.

Ma muore il torto e la ragione
Quando ritorna il vento,
Quando mi porta in alto
Insieme a te.

Elisa elisa, elisa rosa.
Elisa elisa, elisa casa.
Elisa amica in casa mia.
Elisa un giorno, elisa sempre.
Elisa il tempo che mi porta via.
Elisa adesso, elisa ancora.
Elisa sì.

Elisa elisa, elisa rosa.
Elisa l'erba, elisa fiore.
Elisa l'albero del pane.
Elisa sete, elisa fame.
Elisa l'acqua, elisa il mare.
Elisa il gioco e l'avventura.
Elisa amara.
Elisa che non gioca più.

Elisa elisa, elisa rosa.
Elisa amica, elisa casa.
Elisa attesa e gelosia.
Elisa pace, elisa guerra.
Elisa marea che viene e va.
Elisa il tempo consumato.
Elisa sera, elisa sempre.
Elisa mai.

Elisa il corpo tanto amato,
Troppo amato.
Elisa marea che viene e va.
Elisa tregua, elisa pace.
Elisa adesso, elisa ancora.
Elisa sì.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Se io potessi dire
Quel che vorrei
Allora sì che parlerei
Parole calme troverei
Cantando sulla bocca tua
Le poserei

Se io potessi fare
Quel che vorrei
Allora sì che volerei
Come un colombo volerei
E il pane nelle mani tue
Io mangerei

Bocca che tace non fa del male
Ma se tu ascolti io canterò

Se ti potessi amare
Come vorrei
Il vino e il gioco lascerei
Nel corpo tuo mi perderei
E giorno e notte nel tuo letto
Abiterei

La porta è chiusa la notte è scura
Ma se tu ascolti io canterò

Se ti potessi amare
Come vorrei
Il vino e il gioco lascerei
Nel corpo tuo mi perderei
E giorno e notte nel tuo letto
Abiterei
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1973 - ELISA, ELISA e Altre Canzoni D'Amore (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 4:50 pm

1. TITOLO:
 
1973: ELISA, ELISA e Altre Canzoni D'Amore
 
# Etichetta: RCA Italiana # Catalogo: LPB 35048 # Data pubblicazione: Anno 1973 # Matrici: MLC 6868/MLC 6869 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 22 Marzo 1973
 
 
2. COVER di: ELISA, ELISA e Altre Canzoni D'Amore
 
   
 
      
 
 
3. TRACK LIST di: ELISA, ELISA e Altre Canzoni D'Amore
 
 
 



 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1974 - UNA CASA AL SOLE/PERCHE' LE RAGAZZE HANNO GLI OCCHI COSI' GRANDI (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 9:57 pm

1. TITOLO:
 
1974 - UNA CASA AL SOLE/PERCHE' LE RAGAZZE HANNO GLI OCCHI COSI' GRANDI
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SLR 10725 # Data pubblicazione: Anno 1974 # Matrici: SLNR 5929/SLNR 5926 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 29 Maggio-31 Maggio / Fotografie di Caesar Monti / Distribuito da Dischi Ricordi S.p.A. - Milano
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
UNA CASA AL SOLE

 
      Lato B:
PERCHE' LE RAGAZZE HANNO GLI OCCHI COSI' GRANDI

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
Testo:

Pensa pensa
Una casa al sole
Aperta al mare e al vento
Piena di nidi e di conchiglie
Di uccelli in libertà

Pensa pensa
Una casa colorata
Aperta alla luce e al futuro
Piena di amici e di chitarre
E di amore in libertà

Pensa pensa
Ragazzi e ragazze che tornano dal mare
A raccontare che è finita la paura
E partono domani per raccontare al mondo
La pura verità

Pensa pensa
Il mondo è tutto colorato
È pieno di suoni di luce
E il futuro è già qui con noi
Pensa senti
chitarre e uccelli in volo in libertà
Il mondo è pieno di pace
Il futuro è già qui con noi

Pensa pensa
Noi due dalle porte e per le strade a salutare
A salutare cantando la nostra vita
Che piano piano se ne va
Ma in piena libertà
Elisa sì.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
 
Testo:
[Perchè hai gli occhi così grandi?
Per spiarti meglio
Perchè hai le braccia così forti?
Per legarti meglio
Perchè hai la bocca così rossa?

Per mangiarti meglio
Perchè hai le mani così grandi?
Per trattenerti meglio
Perchè hai denti così bianchi?
Per divorarti meglio]

Perchè le ragazze hanno gli occhi così grandi
E i capelli così lunghi
E la pelle così dolce?
Come te

Felice chi ti avrà
Prima e dopo di me
Se ti parlo così
Forse ho un po' paura di te

Perchè non basta una vita intera
Per capirvi una ad una
La mia vita non è in vendita
È la mia sola proprietà

Immagina il futuro
Una guerra senza fine,
Una torre di Babele
E tu lo chiami amore? Beata te

Ma tu ragazza hai gli occhi tanto grandi,
E i capelli tanto lunghi,
La pelle tanto dolce
E oggi sei con me

Non credere a tutti i ciarlatani
Che ti parlano di amore
Quando tu li fai felici
Come fai con me

Felice chi saprà
Amare la vita con te
E insieme a lui
Tu non sarai schiava nè padrona

Perchè tu ragazza hai gli occhi così grandi,
E i capelli così lunghi
E la pelle così dolce?
La tua vita è tua
 
Fonte: QUI
 
 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Feb 08, 2018 9:56 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1974 - LA VOCE DELL'UOMO (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Mer Feb 07, 2018 11:04 pm

1. TITOLO:
 
1974:LA VOCE DELL'UOMO
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6140 # Data pubblicazione: Giugno 1974 # Matrici: S-6140-1/S-6140-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 3 Giugno / Busta interna con i testi delle canzoni (salvo "La voce dell'uomo" riprodotto sul retro copretina), foto dell'artista e crediti / Fotografie di Cesare "Caesar" Monti / Registrato presso gli Studi "Axon" di Roma (basi ritmiche) e "Ricordi" di Milano (voce e orchestra, da Mario Carulli) - Mixato presso gli Studi "Ricordi" da Carlo Martenet / Voce femminile in "Perché le ragazze hanno occhi così grandi" di Betti - Monologo su "Lei non si vende per denaro" recitato da Enzo Robutti / Distribuito da Dischi Ricordi S.p.A. - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
La voce dell'uomo è un album del cantautore italiano Sergio Endrigo, pubblicato dall'etichetta discografica Ricordi nel 1974.

Dal disco è tratto il singolo Una casa al sole/Perché le ragazze hanno gli occhi così grandi.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: LA VOCE DELL'UOMO
 
   
 
      
 
 
4. TRACK LIST di: LA VOCE DELL'UOMO
 
Lato A Lato B



  • B01 UNA CASA AL SOLE
  • B02 TU SOLA CON ME
  • B03 LEI NON SI VENDE PER DENARO
  • B04 GLI UOMINI SOLI
  • B05 IL NOSTRO WEST
 
 


 
 
Lato A: 1
DA QUANDO ERO BAMBINO

 
      Lato B: 2
TU SOLA CON ME

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
 
Testo:
Quando ero bambino
I cani del mio quartiere erano bastardi
Gli uomini tornavano a casa tardi
E le donne erano stanche di aspettarli
Il primo amore che cos'è?
Avrò una donna tutta per me
L'illusione e la voglia della proprietà
Il matrimonio che cos'è?

Nelle sere di Maggio
Si andava tutti in chiesa senza pregare
Per l'odore delle ragazze in fiore
Per un momento potersi accarezzare

La religione che cos'è?
Qualcosa che ti dice sempre no,
Paura di qualcosa che non c'è o forse c'è
La solitudine cos'è??

Ti passa la voglia
Di fare alle tue idee un momumento
Altri signori giocano con la tua vita
Quando me ne accordo è già trooppo tardi

Che cos'è la libertà
Se non si gode in gioventù
A volte tutta una vita, la gioventù
Che cos'è la libertà?

Avere il coraggio
Guardarsi allo specchio nudi senza arrossire
Tornare indoetro per un momento solo
E dirsi in faccia la verità

Che cos'è la verità
Da quando ero bambino
C'è sempre qualcuno che vuole impormi la sua volontà
Che cos'è la verità?
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
 
Testo:
Tu, sola con me
Tu, nei pensieri
Ma di più
I tuoi denti, la tua bocca, la tua pelle, i tuoi capelli
Finalmente qui


Tu, sola con me
Tu libera di andare se vuoi
Ma di più
La tua voglia di restare, finalmente libera d'amare
Tu, sola con me

Ma di più
Tu libera di ridere e cantare
E poi umida d'amore
A contare le stelle
Volare insieme a me
Quando sei con me io vorrei volare, dimenticare
La strada del ritorno
Quando sei con me
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 2
LA VOCE DELL'UOMO

 
      Lato B: 3
LEI NON SI VENDE PER DENARO

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
Testo:
Ho sentito la voce del mare
Di uccelli e sirene
Le voci del bosco e del fiume
Tamburi e chitarre di Spagna
Le orchestre profane
E lorgano in chiesa
Ho sentito la voce delluomo
Anche quando è bugiarda
E tradisce il fratello
La voce delluomo
Quando parla gli rispondo

Ho sentito lurlo di belve
In gabbia e in catena
E il passero in cerca di pane
Il silenzio della prigione
E il grido degli ospedali
Chi nasce e chi muore
Ho sentito la voce delluomo
Che canta per fame
Per rabbia ed amore
La voce delluomo
Quando canta io lascolto

Ho sentito fanfare di guerra
E passi in cadenza
Per le strade imbandierate
Le canzoni dei soldati
Di trionfo di dolore
Chi vince e chi perde
Ho sentito la voce delluomo
Anche quando è violenta
E uccide il fratello
La voce delluomo
Quando parlo mi risponde

È più forte della tortura
E dellingiustizia
Delle fabbriche e dei tribunali
Più forte del mare e del tuono
Più forte del terrore
Più forte del male
È più forte la voce delluomo
Più forte del vento
Della vita e del tempo
La voce delluomo
Quando chiama gli rispondo
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra:Gianni Mazza
 
Testo:
Lei non si vende per denaro
Non vuole regali di pietra
Non si dà facilmente
Non ha forti desideri
Nè bisogni improvvisi
Vive felice con se stessa
Come una bella bestiolina
Ma fa credere a tutti
Che vorrebbe amare, essere amata
Perdutamente s’intende
Dice, promette, giura
E s’annota gli orari
Degli appuntamenti mancati
Delle fiducie tradite
Insomma una vera puttana di cuori

Lei non si vende per denaro
Lei facilmente non si dà
Non ha bisogni o desideri
È contenta così
Vive felice con se stessa
Grandi problemi non ne ha
Come una bella bestiolina
Fa tutto da sè
Però fa credere a tutti
E giura a tutti
Che vorrebbe amare, essere amata
Perdutamente s’intende
E fa collezione di speranze tradite
Di appuntamenti annotati
E poi mancati
È una puttana ma di cuore
Non lo credevo ma è così
Promette tutto a tutto il mondo
E poi non ci sta

Dovevo aspettarmelo
Da una che va in giro senza orologio
Che passa col rosso
Quarantaquattro minuti di ritardo
E tredici secondi
Ma chi crede di essere
Più sono belle e più sono cretine
Sono un cretino io a trattarla come una signora
Una bella sberla al momento giusto
Il maschio brutale piace sempre
Anche se dicono di no
Se vuole la parità che paghi lei al ristorante
Sedici sacchi l’ultima volta
Ostriche e Champagne
Le ho ancora sullo stomaco
Se passa di qua un mio collega e mi vede, capisce tutto
Una figura di merda
Tra cinque minuti giusti giuro che me ne vado
E se non arrivasse per via del traffico?
Con questi cortei di esaltati, imbecilli…non si sa mai
non mi trova, telefona a casa, trova mia moglie
Perchè è anche impulsiva la cretina
E poi anche egoista
L’aspetto e le dò una sberla
Ma c’è troppa gente: se si mette a urlare?
non posso mica finere sui giornali, io
Padre di famiglia con due figli
Solo ai delinquenti va bene in questo paese
solo ai delinquenti va bene in questo paese
Ai delinquenti e basta
E basta
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
NELLE MIE NOTTI

 
      Lato B: 4
GLI UOMINI SOLI (Eng subs)

 
     

Autori: Sergio Endrigo, Paolo Margheri
Orchestra: Gianni Mazza
 
Testo:
Nelle mie notti
Più solitarie
Tu la mia mente
Fai prigioniera
Ma forse ardita
È la salita
Son tanti gli anni
Che ci dividono
Uno straniero
Nel tuo pensiero
Il grande uomo
Che io sono
Ma come il mare
Ascolta il vento
Nelle tue mani
Mi lascerei andare
E io già sogno
Di naufragare
Su dolci coste
Da scoprire
E fondi scuri
vivranno al sole
E senza età
Mi sentirò amore
E quante donne
Innamorate
A quante fonti
Ho già bevuto
Ma nei tuoi no
E nei tuoi sì
Io ho trovato lamore che
Strappa i capelli

Nelle tue mani
Mi lascerei andare
E io già sogno
Di naufragare
Su dolci coste
Da scoprire
E fondi scuri
vivranno al sole
E senza età
Mi sentirò amore
E quante donne
Innamorate
A quante fonti
Ho già bevuto
Ma nei tuoi sì
E nei tuoi no
Io ho trovato lamore che
Strappa i capelli
 
Fonte: QUI
     
Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
 
Testo:
Gli uomini soli
Salutano il giorno con la barba e un caffè
Riempiono carte piegano il ferro
E non sanno perché
Nascosti dietro al giornale

Per strada sui tram
Sognano storie di donne
Per uomini soli
E il giorno se ne va

Le donne sole
Dal parrucchiere a parlare di figli
A fare la spesa a comprare i giornali
Di regine e di re
Quest'anno è cambiata la moda
Chi può e chi non può
Sognano storie d'amore
Imparate a memoria
Ma l'amore dov'è?

I giovani soli
Le mani al lavoro i pensieri allo sport
Ragazze già vecchie chiuse in cucina
A inventare minestre
E i vecchi aspettando la morte
Senza parlare
Per tutti c'è un solo Dio
È solo anche Dio
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 5
NON SONO LE PIETRE COLORATE

 
      Lato B: 5
IL NOSTRO WEST

 
     

Autori: Sergio Endrigo
Orchestra: Gianni Mazza
 
Testo:
Stringi forte la mia mano e felice ti farò
Quando poi sarò lontano il corpo mio rimpiangerai
Quando ti lascio io ti lascio sempre un po' di me
Vivo e muoio solo in te
Se mi resterai vicino io con te dividerò
Il mio letto il pane e il vino fino a quando forza avrò
Se tu mi lasci tu mi lasci sempre un po' di te
Vivi e muori solo in me
E se un giorno il tempo avaro questo fuoco spegnerà
Sui miei occhi te lo giuro l'amore tuo rimpiangerò
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, tradizionale
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Lunghe strade di periferia
Un prato verde alla finestra
Il far west comincia là
Dove finisce casa mia


Il primo pugno preso e dato
Per giocare a comandare
Un sasso contro il vetro
E poi devi scappare

Primavera della vita mia
Il mondo ancora da inventare
Il Far West comincia là
Quando cerchi compagnia

Per un bacio preso e dato
Hai finito di giocare
Se ne va papà Natale
Devi andare a lavorare

Questo è il nostro West
Cavalli in corsa all'orizzonte
Come i nostri sogni irraggiungibili
Questo è il nostro West

Addio cieli e praterie
Un buco nero alla finestra
il Far West comincia là
Dove non c'è libertà

Se la vita è regalata
Non è giusto poi pagare
Ti hanno detto "sei un uomo"
Non ti resta che lottare

Questo è il nostro West
Gli spazi aperti all'orizzonte
I nostri sogni irraggiungibili
Questo è il nostro West

Questo è il nostro West
Le terre promesse all'orizzonte
I nostri sogni irraggiungibili
Questo è il nostro West
Questo è il nostro West
 
Fonte: QUI
 

 


Ultima modifica di mauro piffero il Gio Feb 08, 2018 11:34 am, modificato 1 volta
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1974 - CI VUOLE UN FIORE/MI HA FATTO LA MIA MAMMA (45 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Feb 08, 2018 10:28 am

1. TITOLO:
 
1974 - CI VUOLE UN FIORE/MI HA FATTO LA MIA MAMMA
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SRL 10737 # Data pubblicazione: Settembre 1974 # Matrici: SLNR 6023/SLNR 6027 # Genere: Pop # Supporto: Vinile 45 giri # Tipo audio: Stereo # Dimensioni: 17,5 cm. # Facciate: 2

Note: Data matrici: 16 Settembre / Distribuito da Dischi Ricordi S.p.A. - Milano
 
 
2. COVER:
 
   
 
   
 
3. TRACK LIST
 
LATO A:
CI VUOLE UN FIORE

 
      Lato B:
MI HA FATTO LA MIA MAMMA

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
Testo:
Le cose di ogni giorno raccontano segreti
a chi le sa guardare ed ascoltare.

Per fare un tavolo ci vuole il legno
per fare il legno ci vuole l’albero
per fare l’albero ci vuole il seme
per fare il seme ci vuole il frutto
per fare il frutto ci vuole un fiore
ci vuole un fiore, ci vuole un fiore,
per fare un tavolo ci vuole un fio-o-re.

Per fare un fiore ci vuole un ramo
per fare il ramo ci vuole l’albero
per fare l’albero ci vuole il bosco
per fare il bosco ci vuole il monte
per fare il monte ci vuol la terra
per far la terra vi Vuole un fiore
per fare tutto ci vuole un fio-r-e

Per fare un tavolo ci vuole il legno
per fare il legno ci vuole l’albero
per fare l’albero ci vuole il seme
per fare il seme ci vuole il frutto
per fare il frutto ci vuole il fiore
ci vuole il fiore, ci vuole il fiore,
per fare tutto ci vuole un fio-o-re.
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Persone male informate
O più bugiarde del diavolo
Dicono che tu sei nato
Sotto a una foglia di cavolo!

Persone male informate
O più bugiarde del diavolo
Dicono che sono nato
Sotto a una foglia di cavolo!

Altri maligni invece
Sostengono senza vergogna
Che sei venuto al mondo
A bordo di una cicogna!

Altri maligni invece
Sostengono senza vergogna
Che sono venuto al mondo
A bordo di una cicogna!

Se mamma ti ha comperato
Come taluni pretendono
Dimmi: dov’è il negozio
Dove i bambini si vendono?

Se mamma mi ha comperato
Come taluni pretendono
Diteci: dov’è il negozio
Dove i bambini si vendono?

Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Ti ha fatto la tua mamma
E devi essere contento!

Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Mi ha fatto la mia mamma
E sono molto contento!
Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Mi ha fatto la mia mamma
E sono molto contento!
E sono molto contento!
 
Fonte: QUI
 
 
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SERGIO ENDRIGO: 1974 - CI VUOLE UN FIORE (L.P. 33 Giri)

Messaggio  mauro piffero il Gio Feb 08, 2018 11:42 am

1. TITOLO:
 
1974: CI VUOLE UN FIORE
 
# Etichetta: RICORDI # Catalogo: SMRL 6145 # Data pubblicazione: Ottobre 1974 # Matrici: S-6145-1/S-6145-2 # Genere: Pop # Supporto: vinile 33 giri # Tipo audio: Mono # Dimensioni: 30 cm. # Facciate: 2
 
Note: Data matrici: 17 Ottobre / Copertina apribile con libretto di 12 pagine recanti i testi delle canzoni e una nota di presentazione al disco non firmata, con alcuni crediti - Le pagine con i testi dispongono di ampi spazi in bianco pensati per la creazione di disegni e/o testi ispirati alle canzoni stesse, da spedire quindi a un concorso per le scuole, indetto dal settimanale "Corriere dei Piccoli", con regolamento riportato sempre all'interno della copertina / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano
 
 
2. RECENSIONE:
 
Ci vuole un fiore è l'undicesimo album di Sergio Endrigo, pubblicato nell'ottobre 1974.

Il disco:
I brani sono scritti tutti da Gianni Rodari per il testo e da Sergio Endrigo e Luis Bacalov per la musica; Bacalov si occupa anche della direzione dell'orchestra.

L'immagine di copertina ritrae una composizione di oggetti comuni, disposti in modo da raffigurare un volto.

La copertina è apribile e contiene un libretto di dodici pagine recanti i testi delle canzoni e una nota di presentazione al disco non firmata, con alcuni crediti. Le pagine con i testi dispongono di ampi spazi in bianco pensati per la creazione di disegni e/o testi ispirati alle canzoni stesse, da spedire quindi a un concorso per le scuole, indetto dal settimanale Corriere dei Piccoli, con regolamento riportato sempre all'interno della copertina.
 
Fonte: QUI
 
 
3. COVER di: CI VUOLE UN FIORE
 
   
 
Edizioni: stereo 8 e musicassetta
 
   
 
   
 
 
4. TRACK LIST di: CI VUOLE UNO FIORE
 
Lato A Lato B



 
 


 
 
Lato A: 2
UN SIGNORE DI SCANDICCI

 
      Lato B: 2
HO VISTO UN PRATO

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enrique Bacalov
 
Testo:
Un signore di Scandicci
un signore di Scandicci
Buttava le castagne
buttava le castagne
E mangiava i ricci
Quel signore di Scandicci

Un suo amico di Lastra a Signa
un suo amico di Lastra a Signa
Buttava via i pinoli
buttava via i pinoli
E mangiava la pigna
Quel suo amico di Lastra a Signa

Tanta gente non lo sa,
non ci pensa e non si cruccia.
La vita la butta via
e mangia soltanto la buccia

Suo cugino in quel di Prato
suo cugino in quel di Prato
Buttava il cioccolato
buttava il cioccolato
E mangiava la carta
Suo cugino in quel di Prato

Un parente di Figline
un parente di Figline
Buttavia via le rose
buttava via le rose
E odorava le spine
Quel parente di Figline

Tanta gente non lo sa,
non ci pensa e non si cruccia.
La vita la butta via
e mangia soltanto la buccia

Un suo zio di Firenze
un suo zio di Firenze
Buttava in mare i pesci
buttava in mare i pesci
E mangiava le lenze
Quel suo zio di Firenze

Un compare di Barberino
un compare di Barberino
Mangiava il bicchiere
mangiava il bicchiere
E buttava il vino
Quel compare di Barberino

Tanta gente non lo sa,
non ci pensa e non si cruccia
La vita la butta via
e mangia soltanto la buccia!
La vita la butta via
e mangia soltanto la buccia!
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enrique Bacalov
 
Testo:
Ho visto un prato
Verde, verde, verde
Coperto d’erba
Verde, verde, verde
Nel prato c’era un albero
Verde, verde, verde
E sull’albero un nido
Verde, verde, verde
E nel nido un uccello
Verde, verde, verde
Che ha fatto un uovo
Bianco, bianco, bianco!

Ho visto un cielo
Azzurro, azzurro, azzurro
E sotto un mare
Azzurro, azzurro, azzurro
Sul mare c’è una barca
Azzurra, azzurra, azzurra
Sulla barca un berretto
Azzurro, azzurro, azzurro
In testa a un marinaio
Azzurro, azzurro, azzurro
Che alza una vela
Bianca, bianca, bianca!

Ho visto un paese
Bianco, bianco, bianco
Con tante case
Bianche, bianche, bianche
In cima a un monte bianco
Bianco, bianco, bianco
E su e giù per la strada
Bianca, bianca, bianca
Ci corre un bambino
Bianco, bianco, bianco
Con un aquilone
Rosso, rosso, rosso!
…con un aquilone
Rosso, rosso, rosso!
…con un aquilone
Rosso, rosso, rosso!
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 3
NAPOLEONE

 
      Lato B: 3
LE PAROLE

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enrique Bacalov
Testo:
Napoleone Bonaparte nacque ad Ajaccio il 15 agosto del 1769. Il 22 ottobre del 1784 lasciò la scuola militare di Briennes con il grado di cadetto. Nel settembre del 1785 fu promosso sottotenente. Nel 1793 fu promosso generale, nel 1799 promosso primo console, nel 1804 si promosse imperatore. Nel 1805 si promosse re d’Italia. E chi non ricorderà tutte queste date, sarà bocciato!

C’era una volta un imperatore,
si chiamava Napoleone.
E quando non aveva torto,
di sicuro aveva ragione…
Napoleone

Napoleone era fatto così
Se diceva di no, non diceva di sì
Quando andava di là, non veniva di qua
Se saliva lassù, non scendeva quaggiù
Se correva in landò, non faceva il caffè
Se mangiava un bigné, non contava per tre
Se diceva di no, non diceva di sì

Napoleone andava a cavallo
e la gente lo stava a vedere
E quando non andava a piedi,
era proprio un cavaliere…
Napoleone!

Napoleone era fatto così:
Se diceva di no, non diceva di sì
Quando andava di là, non veniva di qua
Se cascava di lì, non cascava di qui
Se faceva popò, non diceva però
Quando apriva l’oblò, non chiudeva il comò
Se diceva di sì, non diceva di no

Di tutti gli uomini della terra,
Napoleone era il più potente.
E quando aveva la bocca chiusa,
non diceva proprio niente…
Napoleone!

Napoleone era fatto così:
Se diceva di no, non diceva di sì
Quando andava di là, non veniva di qua
Se saliva lassù, non scendeva quaggiù
Se correva in landò, non faceva il caffè
Se mangiava un bigné, non contava per tre
Se faceva pipì, non faceva popò
Anche lui come te, anche lui come me:
Se diceva di no, non diceva di sì
 
Fonte: QUI
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enrique Bacalov
 
Testo:
(Compito: per domani scriverete dieci nomi comuni, dieci nomi propri,
dieci nomi collettivi, dieci nomi astratti, dieci nomi concreti,
dieci nomi primitivi, dieci nomi derivati, dieci diminutivi,
dieci accrescitivi, dieci dispregiativi, dieci nomi composti,
dieci nomi maschili, dieci nomi femminili, dieci dipendenti,
dieci promiscui, dieci nomi difettivi, dieci nomi indeclinabili,
dieci sovrabbondanti, dieci arcaismi, dieci neologismi, dieci barbarismi, dieci...)

Abbiamo parole per vendere,
Parole per comprare,
Parole per fare parole.

Andiamo a cercare insieme
Le parole per pensare.
Andiamo a cercare insieme
Le parole per pensare.

Abbiamo parole per fingere,
Parole per ferire,
Parole per fare il solletico.

Andiamo a cercare insieme,
Le parole per amare.
Andiamo a cercare insieme
Le parole per amare.

Abbiamo parole per piangere,
Parole per tacere,
Parole per fare rumore.

Andiamo a cercare insieme
Le parole per parlare.
Andiamo a cercare insieme
Le parole per parlare.
E basta
 
Fonte: QUI
 
 
Lato A: 4
ZUCCA PELATA

 
      Lato B: 4
IL BAMBINO DI GESSO

 
     

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enrique Bacalov
 
Testo:
Zucca pelata ha fatto i tortelli!
E non dà niente ai suoi fratelli!
I suoi fratelli fan la frittata
E non danno niente alla Zucca pelata!
I suoi fratelli fan la frittata
e non danno niente alla Zucca pelata!
I suoi fratelli fan la frittata
e non danno niente alla Zucca pelata!

Zucca pelata ha fatto i tortelli!
E non dà niente ai suoi fratelli!
I suoi fratelli fan la frittata
E non danno niente alla Zucca pelata!
I suoi fratelli fan la frittata
e non danno niente alla Zucca pelata!
I suoi fratelli fan la frittata
e non danno niente alla Zucca pelata!

E adesso, sulla musica de “La casa”

Zucca pelata ha fatto i crostini!
E non dà niente ai suoi cugini!
I suoi cugini fanno il torrone
A Zucca pelata neanche un boccone!
I suoi cugini fanno il torrone
a Zucca pelata neanche un boccone!
I suoi cugini fanno il torrone
a Zucca pelata neanche un boccone!

Non si potesse canta’, ‘n coppa a ‘na bella canzona napoletana?

Zucca pelata-ta ha fatto le frittelle-lle!
E non dà nient-te alle-lle sue sorelle-lle!
Le sue sorelle-lle fa-fanno-nno il budino-no
A Zu-Zucca pelata-ta nemmeno-no un pochino-no!
Le sue sorelle-lle fa-fanno-nno il budino
A Zu-Zucca pelata-ta nemmeno-no un pochino-no!
Le sue sorelle-lle fa-fanno-nno il budino
A Zu-Zucca pelata-ta nemmeno-no un pochino-no!

E per finire, “fra’ Martino Campanaro”

Zucca pelata fa la ricotta!
Non darà niente a nessuno stavolta?
La lezione l’ha imparata
quello zuccone di Zucca pelata? Di Zucca pelata?
Din-don-dan – din-don-dan
Questa lezione l’avrà imparata,
quello zuccone di Zucca pelata?
Questa lezione l’avrà imparata,
quello zuccone di Zucca pelata?]QUI[/url][/size]
     
Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enrique Bacalov
 
Testo:
Sta fermo! Sta zitto! Non metter i gomiti sulla tavola! Non essere distratto!
Guarda dove metti piedi! Sta attento a non rovesciare l’acqua!
E non lasciar cadere la penna! E non perdere i pastelli! Non giocare in cortile!
Non correre sulle scale! Non fischiare! Non sbattere le porte!
Non strusciare le scarpe! Non prendere a calci i sassi! Sta buono, perché la mamma ha il mal di testa, perché la maestra ha il mal di testa,
perché la zia ha il mal di testa, perché la portiera ha il mal di testa…

Non correva, non saltava
Pantaloni non strappava
Non diceva parolacce
Non faceva le boccacce

Non sporcava i pavimenti
Si lavava sempre i denti

Non strillava, non rideva
I bottoni non perdeva
Senza macchie sui guantini
Senza buchi nei calzini

Era proprio un bambino di gesso
Respirava se aveva il permesso
Stava dove l’avevano messo
Come un bravo bambino di gesso
Che non risponde e non dice mai di “no”

Ora grande è diventato
Ma non è molto cambiato:
Compitissimo, prudente
Ossequioso, diligente

Dice “grazie” al superiore
Dice sempre “Sì, signore”

Se gli danno sulla testa
Dice grazie e non protesta
Passa il giorno a fare inchini
Non ha buchi nei calzini

Ora è proprio un brav’uomo di gesso
Che respira se ottiene il permesso
E rimane dov’è stato messo
Come un bravo brav’uomo di gesso
Che non discute e non dice mai di “no”.
 
Fonte: QUI
 
 
Lato B: 5
NON PIANGERE

 

Autori: Luis Enriquez Bacalov, Sergio Endrigo, Gianni Rodari
Orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 
Testo:
Non piangere,
Non piangere...

Se piangi non vedi più niente
Vedi solo le tue lacrime
E se tu le bevi
Non sono dolci, ma
Ma salate come il mare

Non piangere
Non piangere

Se piangi non vedi più il sole
Vedi solo pioggia e nuvole
Non puoi più giocare a rimpiattino, ma
Ma soltanto a mosca cieca

Non vedi più il cielo
Sopra il grattacuielo
Gli uccelli volare
E le stelle brillare!
Non vedi i colori
Dell’arcobaleno
Vedi solo il tuo naso
Non vedi più in là

Non piangere
Non piangere
Non piangere mai più

Non vedi più il cielo
Sopra il grattacielo
Gli uccelli volare
E le stelle brillare
Non vedi i colori
Dell’arcobaleno,
Vedi solo il tuo naso
Non vedi più in là

Non piangere
Non piangere
Non piangere mai più
 
Fonte: QUI

 


Ultima modifica di mauro piffero il Sab Feb 10, 2018 2:57 pm, modificato 2 volte
avatar
mauro piffero

Messaggi : 1654
Punti : 1654
Data d'iscrizione : 11.11.12
Età : 74
Località : gattorna (genova)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: SERGIO ENDRIGO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

Italia Canora :: MUSICA LEGGERA :: 
CANTANTI/GRUPPI ANNI' 60
 :: SERGIO ENDRIGO

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum