Ci "aiuti" a crescere?
Ti ringrazio in anticipo per il tuo



Ultimi argomenti
» PINO DONAGGIO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Gio Set 14, 2017 11:33 pm Da mauro piffero

» ADRIANO PAPPALARDO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Gio Set 14, 2017 11:12 pm Da admin_italiacanora

» ALBANO CARRISI - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Gio Set 14, 2017 5:23 pm Da admin_italiacanora

» JOHN FOSTER - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Dom Set 10, 2017 11:57 pm Da mauro piffero

» RINO LODDO - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Sab Set 09, 2017 6:34 pm Da admin_italiacanora

»  ANTONIO BASURTO - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Ven Set 08, 2017 5:33 pm Da admin_italiacanora

» TONY RENIS - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Sab Set 02, 2017 9:28 pm Da mauro piffero

» LISA - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Ago 22, 2017 5:44 pm Da admin_italiacanora

» QUARTETTO 2 + 2 ---> I 4 + 4 DI NORA ORLANDI - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Ago 22, 2017 5:27 pm Da admin_italiacanora

» STELLA DIZZY - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Ago 22, 2017 5:13 pm Da admin_italiacanora

» ELIO MAURO - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Ago 22, 2017 11:47 am Da admin_italiacanora

» PAOLO BACILIERI - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Ago 22, 2017 11:21 am Da admin_italiacanora

» MARISA BRANDO - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Mar Ago 22, 2017 11:09 am Da admin_italiacanora

» TEDDY RENO - DISCOGRAFIA (Cover - Video - Testi)
Lun Ago 21, 2017 7:38 pm Da admin_italiacanora

» PETER VAN WOOD - Biografia, Discografia, Canzoni, Video, Testi
Dom Ago 20, 2017 6:04 pm Da admin_italiacanora







________________________________________



AFFILIAZIONI - SITI - BLOG
e FORUM

LaFavolaBlu


Progetto Musico Sognante Italiano
La fiaba del mare della Musica Italiana
ed Internazionale

____________________________


Nonsolosuoni




Un sogno
fatto di musica!

______________________


_____________________


Estatica è l'enciclopedia di musica italiana, internazionale e cultura.

Discografie, recensioni, interviste, monografie, live report, video, ebooks


_____________________



________________________


_____________________



________________________

Chi è in linea
In totale ci sono 22 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 21 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

admin_italiacanora

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 118 il Ven Lug 14, 2017 9:34 pm





__________________________________

Ti piace il nostro Portale??
Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!

migliori siti


www.italiacanora.net


Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD
nella classifica di NET-PARADE


Uno dei più belli
In classificasito internet
In classifica
Sito d'argento
DISCLAIMER
Tutte le copertine, testi e video presenti su questo forum sono solo per uso informativo e di intrattenimento.
Puoi scaricare e stampare la copertina se possiedi l'originale e hai bisogno di rimpiazzarla.
Tutto cio' che puo' essere considerato legale, dipende dalle leggi sul copyright del tuo paese di residenza. Non è nostra intenzione infrangere Copyright per cui, se ciò dovesse accadere, prego gli interessati a scrivere agl'amministratori i quali provvederanno alla rimozione immediata o a citare la fonte, se richiesto.
Lo Staff di ItaliaCanora.net non è responsabile dell'utilizzo e di eventuali danni a cose o persone causati dal materiale presente in questo forum, inoltre si tiene a precisare che tutto ciò che è presente in questo forum vi è stato messo in assoluta buona fede e senza alcuno scopo di lucro.
Traduttore - Translater
METEO ITALIA OGGI

Partner

creare un forum



Motori ricerca

Segnala il tuo sito nella directory

http://www.wikio.it

Cerrrca.com la ricerca con tre rrr


LICENZA
Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

FESTIVAL DI SANREMO 1963: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

FESTIVAL DI SANREMO 1963: I CANTANTI - LE CANZONI - I TESTI

Messaggio  settenote il Sab Feb 02, 2013 3:31 pm

1963 (13a Edizione)

      

Immagini tratte da ARCHIVIO LUCE (istituto Luce) - La settimana INCOM


Il tredicesimo festival della canzone italiana si tenne a Sanremo dal 7 febbraio al 9 febbraio 1963.

Sede della manifestazione: Il salone delle feste del Casinò Municipale di Sanremo.
Direzione artistica (patron): Gianni Ravera
Presentarono la 13a edizione: Mike Bongiorno con Edy Campagnoli, Rossana Armani, Giuliana Copremi e Maria Giovannini.
Orchestre: Pino Calvi e la sua Orchestra; Gigi Cichellero e la sua Orchestra.
Trasmissione: La Radio per le due prime serate, mandò in onda sul Secondo Programma le registrazioni, solo i momenti relativi alla gara, anche la televisione, sul secondo programma, fa lo stesso, alle ore 22.25. Il titolo del programma "Servizio di attualità da Sanremo".
La seconda sera fu trasmessa alle ore 22.10. La terza serata finale, invece fu trasmessa dalla radio sul secondo programma, e dalla televisione sul Canale Nazionale, in diretta alle 21.15.
Canzoni in gara e cantanti: Le canzoni in gara 20 i Cantanti 21.
La formula: Per la tredicesima edizione del festival, cambiarono il sistema di votazione, tornarono alla vecchia formula. Le due passate edizioni col "Voto festival" e l'attesa di due settimane per conoscere il nome del vincitore, non ebbero un gran successo. I risultati finali, meglio subito alla conclusione della terza serata.
Tutti i brani, furono vagliati dalla commissione speciale d'ascolto, l'organizzazione però non invitò gli autori. Le canzoni scelte, furono 339, e solo 20 andarono a formare il gruppo per il festival.
Vittorio de Sica La commissione era presieduta da Vittorio De Sica e composta da nomi famosi del mondo dello spettacolo, da Giovanni Mosca, Cesare Zavattini, Enrico Viarisio, Remigio Paone, Franco Ferarra, Angelo Giacomazzi, Ferdinando Palermo, Carlo Toffoletti, Edgardo Trinelli, e Padre Gino Stefani.
Le canzoni andarono in finale, con la stessa formula adottata nelle passate edizioni, 10 vennero ascoltate la prima sera, altre 10 nel corso della seconda serata, dai due gruppi uscirono i 10 brani che si dettero battaglia per i primi tre posti per la finalissima.
Le giurie 20 esterne, decentrate in altrettante città Italiane, erano composte dal 15 persone ciascuna. Anche la giuria interna, fu formata da 112 spettatori, col biglietto d'ingresso del Casinò, ne furono sorteggiati quattro per ogni fila delle ventotto in platea.
I giurati furono in tutto 412, cambiarono ogni sera, e poterono esprimere un solo voto a testa.
1. RECENSIONE:

La tredicesima edizione del Festival di Sanremo è organizzata per il secondo anno consecutivo da Gianni Ravera in collaborazione con ATA (Associazione Turistico-Alberghiera). La RAI sembra intenzionata a trasmettere in TV soltanto la serata finale, poi, grazie anche all’interessamento del settimanale TV Sorrisi e Canzoni, decide di trasmettere una sintesi registrata della prima e della seconda serata. Le registrazioni vanno in onda dopo le 22 sul Secondo Programma, e propongono le 20 canzoni in gara (10 per serata) nella sola esecuzione dell’interprete più famoso tra i due artisti ai quali il pezzo è affidato. Presenta per la prima volta Mike Bongiorno con quattro collaboratrici che erano state sue assistenti in altri spettacoli TV, ovvero Edy Campagnoli, Maria Giovannini, Rossana Armani, Giuliana Copreni.
I cantanti dovrebbero essere accompagnati nelle loro interpretazioni da due noti musicisti e direttori d’orchestra, Gigi Cichellero e Lelio Luttazzi. In realtà, Luttazzi, insieme al musicista Franco Cerri, rimane coinvolto qualche giorno prima del Festival in un incidente stradale, per cui vedrà il Festival in TV da una stanza dell’ospedale di Tortona. Al suo posto, sale sul podio Pino Calvi.
La commissione selezionatrice delle canzoni in gara sembra non accorgersi dei nuovi gusti musicali. Tra i 20 motivi ammessi alla competizione, c’è aria di tradizione, pochi nomi nuovi, molte vecchie glorie, i soliti autori.
Da citare Ennio Sangiusto, escluso dalla finale, che propone “La ballata del pedone”, una canzone alla Giorgio Gaber dove si raccontano in chiave grottesca le disavventure di un pedone alle prese con il traffico caotico di Milano, tema che potrebbe essere di attualità ancora oggi.
Debuttano sul palcoscenico di Sanremo i due vincitori del Festival di Castrocaro 1962 Eugenia Foligatti e Gianni Lacommare. Nella seconda serata del Festival, il cantante Luciano Tajoli non si presenta sul palcoscenico a causa di una indisposizione, così la sua canzone viene fatta ascoltare su disco.
Il sistema di votazioni abbandona le cartoline dell’Enalotto e torna ad essere affidato esclusivamente alle giurie popolari. Al termine della serata finale, scoppia uno scandalo in quanto sembra che 12 voti dei giurati in sala siano andati smarriti, così il reuccio Claudio Villa ha buon gioco a polemizzare sulla regolarità dei risultati.
Ma alla fine tutto si aggiusta, e vengono premiate le tre canzoni meglio classificate. Al terzo posto, una canzone a tempo di twist, “Giovane giovane”, proposta da Pino Donaggio e Cocky Mazzetti, mentre in seconda posizione troviamo Claudio Villa in coppia con la giovane Eugenia Foligatti con la canzone “Amor, mon amour, my love”.
E come spesso succede nei Festival di canzoni, la vittoria arriva con un anno di ritardo per la coppia degli artisti campioni di vendite della precedente edizione, che si erano classificati soltanto quarti al termine della gara, ma primi nelle classifiche dei 45 giri, ovvero Tony Renis ed Emilio Pericoli con “Uno per tutte”.

Fonte: QUI e QUI


2. CURIOSITA':

La tredicesima edizione del festival, condotta per la prima vola da Mike Bongiorno, e alla vigilia della manifestazione, i giornali, scrivevano di un "duello" canoro, tra il "reuccio" Claudio Villa, e Milva la "pantera rossa", dicevano che la vittoria sarebbe andata ad uno di loro. Vinse Tony Renis, grazie ai voti delle giurie esterne. Il giurì presente in sala al Casinò, preferì la canzone "Giovane Giovane".

I giornali in merito alla manifestazione, parlavano di stanchezza da esaurimento...e che la musica non era mai stata così bassa di livello. C'era chi parlava di plagio, Tony Renis fu accusato di aver copiato una frase della canzone, da un articolo, apparso su una rivista. Ma non ci fu nessuna azione legale nei suoi confronti. Il festival del 1963 a detta di tutti non fu una grande annata.

Si racconta che ci fu anche un mistero durante gli scrutini, 12 dei 112 voti della giuria furono smarriti, e considerati persi. Mina non prese parte al festival del 1963, ed era stata soprannominata la "tigre di Cremona". Era disperata, perché non aveva sfondato, nelle edizioni precedenti, dissero che pianse, chiedendosi dove aveva sbagliato, il suo desiderio era quello di diventare la numero uno.

Mina Nel 1963 ci fu lo scandalo, di Mina, aspettava un figlio da un altro uomo, col quale non era sposata. Il suo modo di cantare nel giro di poco tempo aveva cancellato i modi d'interpretazione delle canzoni, anche se non partecipò alla 13a edizione della manifestazione canora, la gente la ricordava per il suo modo di muoversi, trasgressiva, di come si metteva le dita in bocca, e di come storceva i piedi. Si faceva cogliere in pose, poco ortodosse, "sconvenienti". Il suo modo di vestire era succinto. Si diceva che le cantanti per piacere dovevano usare anche il corpo oltre alla voce. Questo però non piaceva agli assennati. Il modo d'imporsi delle cantanti, cambiò col tempo, ma non fu il solo rinnovamento all'interno della manifestazione. E' giusto ricordare che erano anche gli anni, di chi non riusciva ad andare in finale, e che ugualmente vendeva molti dischi, più dei vincitori stessi.

Gianni Ravera da cantante era diventato il Patron della manifestazione, ed era un grande ricercatore di nuovi talenti, ed un gran affezionato del Festival. Luciano Tajoli la seconda serata non si esibì, e la sua canzone fu fatta ascoltare tramite un disco.

Fonte: QUI


3. LE CANZONI IN GARA:

Ecco la lista, ordinata alfabeticamente, dei brani partecipanti (con artisti, autori e compositori):

"Amor mon amour my love" cantata da: Eugenia Foligatti & Claudio Villa - Autori; Malgoni-Pinchi-Pallesi
"Com’è piccolo il cielo" interpreti: Tonina Torrielli & Gianni Lacommare - Autori; Garavaglia- Signori
"Fermate il mondo" interpreti: Johnny Dorelli & Joe Sentieri - Autori; Canfora - Verde
"Giovane giovane" cantata da: Cocky Mazzetti & Pino Donaggio - Autori; Donaggio - Testa
"La ballata del pedone" interpreti: Ennio Sangiusto & Quartetto Radar - Autori; Pierantoni
"Le voci" cantata da: Ennio Sangiusto & Luciano Tajoli - Autori; Medini - Fallabrino
"Non costa niente" interpreti: Wilma De Angelis & Johnny Dorelli - Autori; Sciorilli - Calcagno
"Non sapevo" ” cantata da: Milva & Gianni Lacommare - Autori; Calvi - Pallesi
"Occhi neri e cielo blu" interpreti: Aurelio Fierro & Claudio Villa - Autori: Panzeri -Pace
"Oggi non ho tempo" cantata da: Mario Abbate & Quartetto Radar - Autori: Nisa - Lojacono
"Perché perché" interpreti: Cocki Mazzetti & Tony Renis - Autore; Gigi Cichellero
"Perdonarsi in due" cantata da: Eugenia Foligatti & Tonina Torrielli - Autori; D’Anzi - Pinchi
"Quando ci si vuol bene (come noi)" interpreti: Arturo Testa & Joe Sentieri - Autori; Isola-Zambrini-Calabrese
"Ricorda" interpreti: Milva & Luciano Tajoli - Autori; Donida - Mogol
"Se passerai di qui" cantata da: Wilma De Angelis & Flo’ Sandon’s - Autori; Camis -Testoni
"Sull’acqua" interpreti: Sergio Bruni & Emilio Pericoli - Autori; Pagano- Maresca
"Tu venisti dal mare" cantata da: Aura D’Angelo & Arturo Testa - Autori; Rendine -Pugliese
"Un cappotto rivoltato" interpreti: Aurelio Fierro & Sergio Bruni - Autori; Leuzzi - Specchia
"Uno per tutte" cantata da: Tony Renis & Emilio Pericoli - Autori; Testa-Mogol-Renis
"Vorrei fermare il tempo" interpreti: Mario Abbate & Flo’ Sandon’s - Autori; Redi-Franchini

Classifica finale e relativi interpreti:
Al primo posto; Tony Renis con Emilio Pericoli, con la canzone "Uno per tutte" (voti 90)
Al secondo posto; Eugenia Foligatti, e Claudio Villa, col brano, "Amor mon amour my love" (voti 77)
Al terzo posto; Cocki Mazzetti, e Pino Donaggio con la canzone " Giovane giovane" ( voti 71 )


4. LA CANZONE VINCITRICE DELL'XIII° FESTIVAL DI SANREMO:

1. UNO PER TUTTE - Tony Renis con Emilio Pericoli

Interprete: TONY RENIS
Intervista e canzone. Tratto dal programma RAI-TV "Le mille bolle blu".

   Interprete: EMILIO PERICOLI
Canzone con la quale Emilio Pericoli vinse il Festival di Sanremo nel 1963, questo è il filmato della sua partecipazione all'Eurofestival.

   
 

- Testo: UNO PER TUTTE
Sei quasi fatta per me
dipinta per me
Claudia
però confesso che tu mi piaci di più
Nadia
Di tutte, tutto mi va
u-ulla-lalla
sempre
non so decidermi mai
mi trovo perciò nei guai
vi penso e vedo cieli senza nuvole
e mille mandolini mi accarezzano
poi apro gli occhi e allor mi accorgo che
non c'e non c'e nessuna accanto a me
Innamorato di te desidero te
Laura
non sono bello però che colpa ne ho
Giulia?
Ho sulla bocca per voi
u-ulla-lalla
baci
ed io li dedico a chi
per prima dirà di si

Fonte: QUI

  



Sembrava un festival senza emozioni.
Invece, sul traguardo finale, tutti i pronostici sono stati sconvolti: Villa e Milva, i favoriti della vigilia, hanno dovuto accontentarsi del secondo e del quinto posto.

Con un colpo di mano i "giovani colonnelli" della canzone s'impossessavano del Festival di Sanremo alla mezzanotte di sabato 9 febbraio.
Guidava la congiura Tony Renis che, insieme a Pericoli, aveva presentato la fresca e criticata 'Uno per tutti'.
Gli altri erano uno scatenato Donaggio che con la Mazzetti aveva lanciato il suo contagioso grido di gioventù, Dorelli e la De Angelis, interpreti della canzone più delicata del Festival, 'Non costa niente'.

Solo Villa teneva testa all'attacco massiccio delle nuove leve ( e di coloro che ad esse si erano associati), resistendo eroicamente al secondo posto.
Un secondo posto, che, date le circostanze, era più guadagnato di una vittoria.
Fonte:
 
QUI



"La Stampa", 7 febbraio 1963
«Sanremo, 6 febbraio. Sanremo non sa più di mare. Sa di cioccolata. Le sue vie sono letteralmente tappezzate di manifesti ognuno dei quali presenta il viso ingigantito e perennemente sorridente di un cantante o di una cantante del Festival. Ingrandimenti elefantiaci di quelle figurine che si trovano appunto in certe tavolette di cioccolata. I suoi negozi discografici e le sue edicole vendono le musiche e i testi di canzoni che in molti casi sembrano prese di peso dai cioccolatini. Nelle hall assiro-babilonesi dei grandi alberghi si sentono animate discussioni sul valore di Amore, mon amour, my love, di Occhi neri e cielo blu, Quando ci si vuol bene. Un ciclone vanigliato ma non per questo meno violento e turbinoso ha portato lo scompiglio nel regno ovattato dei ricchi, interrompendo i misurati bisbigli di vecchie dame britanniche, le sonore risate di matrone milanesi in pelliccia, le abitudini rituali di portieri gallonati, di autisti in livrea, di microscopiche cagnette di lusso.

Questo monsone zuccherato ha il suo epicentro in quella gigantesca torta nuziale che è il Casinò Municipale di Sanremo e più precisamente nel teatro dove domani sera avrà inizio il 13° Festival della canzone.

Poltrone di legno lucido, tendaggi rosa, un tetto di vetro a scacchi rosa e lilla, questo salone sembra davvero una gigantesca scatola di cioccolatini.

Su queste poltrone di legno che, nonostante la loro evidente durezza pare abbiano raggiunto quotazioni favolose, siederanno domani milletrentasei spettatori paganti, centododici dei quali, scelti per sorteggio, avranno diritto di voto. Gli altri trecento voti saranno espressi dalle venti giurie esterne, composte di quindici membri ciascuna, in rappresentanza di tutte le regioni italiane. Quest’anno il regolamento prevede una singolare variante: la scelta dei giurati esterni è affidata alla libera discrezione di un notaio il quale tuttavia dovrà seguire obbligatoriamente la seguente ricetta: uno studente e una studentessa di Università, uno studente e una studentessa di scuola media, un libero professionista, un commerciante, un impiegato, un artigiano, un barista, un barbiere, un operaio, una insegnante, una casalinga, una dattilografa, una commessa. Consessi a prevalenza maschile – nove uomini contro sei donne – che rendono un certo omaggio alla intellighentia (un professionista, una insegnante, due universitari), ma relegano in secondo piano il mondo operaio e trascurano del tutto quello contadino. Evidentemente si è voluto dare la precedenza ai piccoli ceti medi, con particolare riguardo a quelle categorie di persone – barbieri, commesse, baristi, commercianti – che hanno continui contatti e ininterrotti scambi di opinione con il grande pubblico. L’humus della musica leggera.
Se il Festival sa di cioccolata, non bisogna tuttavia ingannarsi sulla sua vera natura. Dolce, lucida è soltanto la crosta che non è poi neppur tanto spessa. Basta grattarla con l’unghia ed ecco affiorare un grumo intricato e duro di interessi, di contrasti, di ambizioni del tutto analogo a quello che si riscontra in qualsiasi altro campo della produzione umana.

Quest’anno uno degli aspetti più originali di queste lotte e di questi contrasti è dato dal fatto che molti divi della canzone, lungi dall’arrabattarsi per essere inclusi nella “rosa” del Festival, hanno lottato con le unghie e con i denti per rimanerne esclusi. La presenza di Milva, Claudio Villa, Tony Renis, Aurelio Fierro, Fio Sandon’s, Wilma De Angelis, Joe Sentieri, Johnny Dorelli, Tonina Torrielli, Sergio Bruni, Emilio Pericoli, Luciano Tajoli è più che sufficiente ad assicurare il successo della manifestazione; ma nel cuore dei “tecnici” e dei tifosi non riesce a far dimenticare l’assenza di Modugno, Nilla Pizzi, Celentano, Fidenco, Gino Paoli, Gaber, Betty Curtis, Peppino di Capri, Tony Dallara. Senza parlare di Mina, intenta a studiare tenerissime ninnenanne.
Naturalmente la Direzione del Festival ha usato ogni sorta, di allettamenti per vincere questa nuovissima “paura di Sanremo”; ma spesso non è riuscita a superare le più o meno legittime riluttanze dei cantanti.

Il tiro alla fune fra organizzatori e divi è stato tuttavia una gara di gentilezza, un minuetto settecentesco in confronto alle lotte sorde ingaggiate dalle case discografiche per assicurarsi il successo o per lo meno il buon piazzamento delle proprie canzoni. Come ogni anno nei corridoi del Casinò si parla di acquisti in massa di biglietti, di combines a vantaggio di questa o quella canzone, di do ut des, proprio come avviene nelle corse ciclistiche tra le varie squadre in gara.

Infine le parole che dovrà pronunciare il presentatore sono state vagliate, soppesate, esaminate nel timore che possano avvantaggiare questo o quel concorrente. Mike Bongiorno era stato costretto ad imparare a memoria alcuni brevi sketches preparati a suo tempo da Dino Falconi; ma anche queste innocue battute sono state amputate, tagliate, svuotate in una disperata ricerca di equanimità. Falconi stamattina se ne lamentava: in sostanza quello che lui ha scritto e quello che Bongiorno ha imparato a memoria pare sia ridotto a poco più del tradizionale “ed ora, signore e signori, abbiamo l’onore di presentarvi... ”.

La giornata odierna è stata dedicata alle prove; e abbiamo voluto assistere a quelle delle due canzoni favorite: Amore, mon amour, my love cantata da Claudio Villa e Ricorda cantata da Milva eseguite entrambe con l’accompagnamento della grande orchestra di Gigi Cichellero. A parte la nostra assoluta incompetenza in materia, la prima non l’abbiamo potuta giudicare perché Villa – pullover celeste, pantaloni grigi, mani in tasca, occhi chiusi – cantava quasi sottovoce per non rivelare le sue carte e risparmiarsi per domani sera. Quanto alla seconda non siamo del pari riusciti a compilare alcun giudizio, attratti come eravamo dalla personalità di Milva. Magra, elegante, con la gracilità ed il pallore di una mannequin, esplodeva di tanto in tanto inaspettatamente in gesti di una forza travolgente, in toni da uragano. Una sintesi di Christian Dior, Elizabeth Arden, e il Mulino del Po. Di fronte ad un tale violento suggestivo contrasto come si fa, ditemi, a stare attenti alla musica?».
 
Fonte: QUI


TV SORRISI E CANZONI
Mike Bongiorno festeggerà a Sanremo il decimo anniversario del suo arrivo in Italia: il "principe dei telequiz" sbarcò infatti nel nostro paese esattamente nel febbraio del '53.

Bongiorno presenta per la prima volta la massima assise musicale d'Europa.

Insieme con Mike vedremo sul palcoscenico del Salone delle Feste quattro graziose ragazze, ognuna delle quali vanta un passato di "valletta" con Mike: Maria Giovannini (valletta nelle prime puntate di "Lascia o raddoppia".

Edy Campagnoli in Buffon (la moglie del prestigioso portiere dell'Inter fu valletta nelle puntate successive della stessa trasmissione).
Rossana Armani (ha affiancato Mike nella serie radiofonica "Telefono bianco") e Giuliana Copreni (segretaria di Mike in "Caccia al numero").
 
Tony Renis in un atteggiamento da "urlatore spinto".

Il cantante spera di conoscere a Sanremo lo stesso successo riscosso lo scorso anno con "Quando, quando, quando".

Questo brano, oltre ad aver vinto l'ultima edizione di "Canzonissima" è stato venduto in 16 nazioni tra gli altri, hanno inciso il disco Pat Boone, Eddie Calvert, Marcel Amont, Elmut Zacharias, Connie Francis e Caterina Valente).

Renis, che si chiama in realtà Elio Cesari ed è nato a Milano 25 anni fa, esordì nel '54, ma dovette attendere parecchi anni prima di affermarsi.

Dopo Sanremo, lo attende una lunga tournée nelle principali capitali europee.
 
Numerosi cantanti, durante il Festival della canzone, hanno fatto una capatina nelle sale da giuoco, affrontando le emozioni del tappeto verde.

Nella foto sono riconoscibili, da sinistra, Johnny Dorelli, Wilma De Angelis, Pino Donaggio, Aura D'Angelo. Alle spalle di quest'ultima, in maglione colorato, il giovanissimo urlatore Gianni Morandi, presente a Sanremo in qualità di ospite.

(I croupiers non gli hanno tuttavia permesso di effettuare alcuna puntata, poichè il regolamento vieta il giuoco ai minorenni).

Il Casinò di Sanremo incassa circa tre miliardi all'anno; l'ottanta per cento è versato al Comune e alllo Stato.
 
 
  
avatar
settenote

Messaggi : 198
Punti : 355
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 63
Località : Prato-Toscana

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FESTIVAL DI SANREMO 1963: I cantanti, le canzoni, i video, i testi - Le prime 10 canzoni classificate

Messaggio  settenote il Mar Feb 05, 2013 8:44 am


.


13° FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA

Classifica finale e relativi interpreti

01. Uno per tutte (Mogol, Alberto Testa e Tony Renis) Tony Renis - Emilio Pericoli
02. Amor mon amour my love (Walter Malgoni, Pinchi e Bruno Pallesi) Claudio Villa - Eugenia Foligatti
03. Giovane giovane (Pino Donaggio e Alberto Testa) Pino Donaggio - Cocky Mazzetti
04. Non costa niente (testo di Giorgio Calabrese e Diego Calcagno; musica di Eros Sciorilli) Wilma De Angelis - Johnny Dorelli
05. Ricorda (Carlo Donida-Mogol) Milva - Luciano Tajoli
06. Perdonarsi in due (D'Anzi-Pinchi) Tonina Torrielli - Eugenia Foligatti
07. Occhi neri e cielo blu (Mario Panzeri-Daniele Pace) Aurelio Fierro - Claudio Villa
08. Sull'acqua (Mario Pagano-Franco Maresca) Emilio Pericoli - Sergio Bruni
09. Tu venisti dal mare (Rendine-Pugliese) Aura D'Angelo - Arturo Testa
10. Non sapevo (Pino Calvi-Bruno Pallesi) Milva - Gianni Lacommare



CANZONI CLASSIFICATE:

2. AMOR MON AMOUR MY LOVE

Interprete: CLAUDIO VILLA

^^Interprete: EUGENIA FOLIGATTI


^^


- Testo: AMOR MON AMOUR MY LOVE
Amor, mon amour, my love
(Mon amour)
è il nome che ho dato a te
(O my love)
Il mondo che voglio sei tu perché
Io vivo solo di te

Amor, mon amour, my love
(Mon amour)
Rimani con me stasera
(O my love)
Per tutta la vita ti chiamerò
Amor, mon amour, my love

Amor, mon amour, my love
è il nome che ho dato a te
Il mondo che voglio sei tu perché
Io vivo solo di te

Amor, mon amour, my love
(Mon amour)
Rimani con me stasera
(O my love)
Per tutta la vita ti chiamerò
Amor, mon amour, my love
Amor, mon amour, my love.

Fonte: QUI



3. GIOVANE GIOVANE

Grande successo di Sergio Bruni al Festival di Sanremo del 1962 (3° Classificato in coppia con Ernesto Bonino) composto da Renato Carosone su versi di Nisa. Il brano, poi, è stato inciso anche da Tajoli. Bellissima e coinvolgente l'interpretazione di Sergio Bruni.


Interprete: PINO DONAGGIO

^^Interprete: COCKI MAZZETTI


^^


- Testo: GIOVANE GIOVANE
E' tanto breve
la primavera
nessuno la ferma con sè
ma tu la porti
nel tuo sorriso
sorriso che dedichi a me

giovane giovane giovane
hai tutta una vita
da vivere ancor
ridono ridono ridono
ti ridono gli occhi
pensando all'amor
svegliati svegliati svegliati
milioni di baci
aspettano te
spendili spendili spendili
tutti tutti con me

sono innamorato
sei innamorata
il sole splende per noi
splende sul mio viso
splende sul tuo viso
e tu sei più bella che mai

giovane giovane giovane
hai tutta una vita
da vivere ancor
fermala al volo
bella com'è
giorno per giorno
tutta per te
giovane giovane giovane
sei come me

coro giovane
amor
coro giovane
amor
coro giovane

sono innamorato
sei innamorata
il sole splende per noi
splende sul mio viso
splende sul tuo viso
e tu sei più bella che mai

giovane giovane giovane
hai tutta una vita
da vivere ancor
fermala al volo
bella com'è
giorno per giorno
tutta per te

giovane giovane giovane
sei come me.

coro giovane
amor
coro giovane
amor
coro giovane
amor
coro giovane
amor

giovane giovane giovane

Fonte: QUI




4. NON COSTA NIENTE

Interprete: WILMA DE ANGELIS

^^Interprete: JOHNNY DORELLI


^^

- Testo: NON COSTA NIENTE
Non badare se tardiamo
non c'è nulla d'importante che ti attende
è l'indifferenza sorridente
di chi non ha niente tranne il dono dell'età
con gli assegni rilasciati
dalla banca inesauribile dei sogni
tutto ciò che vedo attorno a me
posso comperare per offrirlo solo a te.
Non costa niente la libertà
d'improvvisare ciò che non si ha
e improvvisando regalo a te
le mille cose che desideri da me,
arabeschi luminosi
e girandole color arcobaleno
con una carezza raccoglierò
ed illuminare il tuo sorriso potrò.

Non badare se tardiamo
non c'è nulla d'importante che ci attende
mestre tu sorridi vicino a me
io ti do la mano e mi allontano con te.
La la la la la la la la la
la la la la la la la la la
la la la la la la la la la
la la la la la la la la la
la la la la la la la la la.....

Fonte: QUI


5. RICORDA

Interprete: MILVA

^^Interprete: LUCIANO TAJOLI


^^

- Testo: RICORDA
Ricorda amore mio, ricorda...
Se tu fra i sorrisi della gente
cercherai un sorriso per te solo
cercherai fra le mani un'altra mano
ricorda io ti amo.
E se più nessuno ti risponde
e ti sei perduto nel silenzio
griderò per il quanto sia lontano
ricorda io ti amo

E adesso va, io ti seguirò
con gli occhi, fino a quando
il mio pianto ti vestirà d'argento

Ma se quando scenderà la sera
sentirai le parole che volevi
ed avrai chi ti prende per la mano
dimantica amore mio
dimentica che ti amo

E adesso va, io ti seguirò
con gli occhi,fino a quando
il mio pianto ti vestirà d'argento

Ma se quando scenderà la sera
sentirai le parole che volevi
ed avrai chi ti prende per la mano
dimantica amore mio
dimentica che ti amo.

Fonte: QUI


6. PERDONARSI IN DUE

Interprete: TONINA TORRIELLI

^^Interprete: EUGENIA FOLIGATTI


^^

- Testo: PERDONARSI IN DUE
Tu mi guardi e sorridi;
io ti tendo le mani...
Ci sentiamo timidi
come la prima volta
che abbiamo parlato d'amor.

Perdonarsi in due
è come amarsi un'altra volta;
in fondo al cuor si ascolta
una musica dolce cantar...
Perdonarsi in due
è come dirsi ancora: " T'amo"
prendendoci per mano
nel sogno che sembra tornarr.
Nulla mi dirai,
nulla chiederò,
il silenzio vale
tutte le parole d'amor.
Perdonarsi in due
è come amarsi un'altra volta,
ma ancor più dolce sembra l'amor.
Dillo anche tu, è bello
perdonarsi in due.

Fonte: QUI


7. OCCHI NERI E CIELO BLU

Interprete: AURELIO FIERRO

^^Interprete: CLAUDIO VILLA


^^

- Testo: OCCHI NERI E CIELO BLU
Sotto la luce del cielo
mentre passeggi con me
come son belli i tuoi occhi
quando mi guardi così...
Occhi neri e cielo blu
mille stelle e un mandolino
cantando va
cantando va.
Questa notte se vuoi tu
può durare all'infinito
se mi dirai
un dolce sì.
Dopo un attimo così
non puoi chiedere di più
mandolino per favor
questa notte non tacere.
Occhi neri e cielo blu
per qualcuno che si ama
cantando vai
felicità.

Fonte: QUI


8. SULL'ACQUA

Interprete: EMILIO PERICOLI

^^Interprete: SERGIO BRUNI


^^

- Testo: SULL'ACQUA
Non importa che sia il mare
non importa che sia un fiume
ma sull'acqua con te
e sull'acqua scivolare piano piano
mentre il cuore s'addormenta
galleggiando come un fiore
sull'acqua, sull'acqua.
Guardo il cielo, quante stelle
e la luna poco a poco
qui sull'acqua con te
stupefatta si discoglie
e dilaga dolcemente sulle tue braccia,
le tue braccia, le tue braccia...
oh oh oh... oh oh oh...
le tue braccia che mi chiamano
le tue braccia che si chiudono
come l'acqua su di me
e mi portano nel fondo
di un azzurro senza fine,
senza fine, senza fine...
Non importa che sia il mare
non importa che sia un fiume
ma sull'acqua con te
e sull'acqua scivolare piano piano
mentre il cuore s'addormenta
galleggiando come un fiore
sull'acqua, sull'acqua, sull'acqua.

Qui sull'acqua con te
e la luna poco a poco
si dilaga dolcemente
sulle tue braccia, le tue braccia,
le tue braccia, oh oh oh, oh oh oh...
le tue braccia che mi chiamano
le tue braccia che si chiudono
come l'acqua su di me
e mi portano nel fondo
di un azzurro senza fine,
senza fine, senza fine...
Non importa che sia il mare
non importa che sia un fiume
ma sull'acqua con te
e sull'acqua scivolare piano piano
mentre il cuore s'addormenta
galleggiando come un fiore
sull'acqua, sull'acqua, sull'acqua.

Fonte: QUI


9. TU VENISTI DAL MARE

Interprete: AURA D'ANGELO

^^Interprete: ARTURO TESTA


^^

- Testo: TU VENISTI DAL MARE
Nel mese dei rimpianti e delle nebbie
il vento strappa con furor le foglie...
Un'aria grigia avvolge la banchina
e l'onda batte con fragor gli scogli..
Tu parti.. tu parti...
e senza te la vita è nulla... è nulla...

Tu venisti dal mare
e mi dicesti: amore... amore....
Tu venisti col vento
e mi giurasti eterno amore...
Ora il mare ti porta via,
il vento ti porta via
lontana, lontana da me...
Ora i baci che tu mi hai dato,
i sogni che tu m'hai dato
svaniscono insieme con te...
Tu venisti dal mare
e mi dicesti: amore .. amore...
Ora nel mare,
ora nel vento
scompare
il sogno mio per te......

Fonte: QUI


10. NON SAPEVO

Interprete: MILVA

^^Interprete: GIANNI LACOMMARE



^^

- Testo: NON SAPEVO
La la la la la la la la
la la la la la la la la.
Non sapevo
che la parola fine fosse tanto triste
non sapevo
che la parola sempre fosse tanto breve
non sapevo
che la parola mai fosse tanto lunga
m'illudevo che la vita fosse solo verità.
Non sapevo
che cosa fosse bene cosa fosse il male
io non sapevo nulla
oggi ho imparato tutto
oggi ho perduto te.

Io non sapevo nulla
oggi ho imparato tutto
oggi ho perduto te.
La la la la la la la la
la la la la la la la la
la la la la la la la la
la la la la la la la la.

Fonte: QUI





__
avatar
settenote

Messaggi : 198
Punti : 355
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 63
Località : Prato-Toscana

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum